3 azioni da comprare e tenere per sempre: investimenti per neofiti

Cerchi investimenti di prim’ordine che puoi fare e poi dimenticare nel Tuo portafogli titoli? Questi titoli che pagano dividendi corrispondono a quello che cerchi.
L’idea di tenere degli investimenti in azioni per decenni, può intimidire. Prevedere il futuro è un lavoro notoriamente difficile ed è quasi certo che alcune delle tue previsioni saranno errate.
D’altra parte, avere un approccio a lungo termine ad alcuni titoli del tuo portafoglio ti spingerà a concentrarti su grandi aziende che sono in procinto di andare lontano.
Ed è un dato di fatto che gli investimenti buy-to-hold ( la strategia di investimento passiva che consiste nel comprare dei titoli e tenerli per un lunghissimo periodo) tendono a produrre i migliori risultati, specialmente se siete dei piccoli risparmiatori.
Warren Buffett, investitore di fama mondiale e CEO di Berkshire Hathaway , ha affermato che il periodo di detenzione preferito dalla sua società è “per sempre” e l’incredibile successo della sua società di investimenti, evidenzia i vantaggi di trovare grandi affari a prezzi ragionevoli e di accontentarsi a lungo termine . Se sei alla ricerca di titoli a basso rischio e di elevata qualità, queste tre società dovrebbero far parte del tuo portafoglio.

3 azioni da comprare e tenere per sempre

Ecco tre titoli azionari su cui investire e tenere per sempre

1. Waste Management

Come suggerisce il nome dell’azienda, Waste Management ( NYSE: WM ) gestisce un’attività che ruota attorno alla raccolta, allo stoccaggio e al riciclaggio dei rifiuti. Potrebbe non essere l’industria più alla moda, ma è assolutamente essenziale.

Le azioni di gestione dei rifiuti generano circa l’1,9% e la società ha un’attività a basso rischio e un percorso di crescita costante a lungo termine che completa il titolo e lo rende un investimento attraente per sempre. Ha anche un’impressionante serie di crescita dei pagamenti, con la società che ha aumentato il dividendo annualmente per 15 anni consecutivi, evidenziato da un tasso di crescita medio annuo di circa il 6% nei suoi pagamenti negli ultimi cinque anni.

La gestione dei rifiuti gode di un monopolio regionale nella maggior parte dei territori in cui opera, e gli alti costi di avviamento e le normative governative che regolano il settore significano che le sue attività affrontano poca concorrenza. Queste dinamiche lo mettono sulla buona strada per continuare a fornire una crescita lenta e costante a lungo termine, e l’acquisizione e l’integrazione di altre società nel suo campo offrono alle aziende modi per espandere il proprio territorio e trarre vantaggio da nuove efficienze operative.

Una recessione economica può portare a una riduzione della domanda di servizi di gestione dei rifiuti, ma anche una recessione temporanea non dovrebbe interrompere seriamente la sua attività. La traiettoria a lungo termine è che ci sarà una maggiore necessità di raccolta e stoccaggio dei rifiuti man mano che la popolazione aumenta e l’economia cresce e ciò rende la gestione dei rifiuti un grande magazzino da acquistare e detenere.

2. Walmart

Walmart ( NYSE: WMT ) è un’azienda che può prosperare nel bene e nel male. A dimostrazione di ciò, dai un’occhiata alla performance del rendimento totale aggiustata per i dividendi del titolo rispetto a quella dell’indice S&P 500 nel triennio a partire dall’inizio della Grande Recessione.

In un contesto economico sfidante, il modello di business one-stop-shopping focalizzato sul budget di Walmart gli ha permesso di registrare una crescita sostanziale delle vendite e degli utili e sovraperformare notevolmente il mercato più ampio.

Vale la pena notare che il mercato al dettaglio è cambiato molto nell’ultimo decennio. L’e-commerce rivendica una quota maggiore della spesa complessiva al dettaglio ogni anno che passa, e questa tendenza ha causato alcuni investitori preoccuparsi che Amazon.com finirà per schiacciare il gigante della vendita al dettaglio. Non sembra probabile.

Walmart ha anche fatto una grande spinta online, con le sue vendite di e-commerce che sono aumentate del 41% anno su anno nel terzo trimestre e che i rapporti sulla gestione hanno incoraggiato lo slancio per la sua attività di consegna di generi alimentari. Se la consegna di generi alimentari decolla, l’infrastruttura di magazzino senza pari di Walmart nella categoria e decenni di esperienza logistica lo rendono uno dei vincitori più probabili nello spazio. Walmart ha fatto investimenti intelligenti nell’e-commerce nel suo principale mercato interno e all’estero – costruendo la propria attività in Europa e acquisendo Flipkart, la piattaforma di e-commerce leader in India.

La società sta inoltre sperimentando servizi sanitari in negozio, offrendo cure dentistiche, esami della vista e dell’udito e consulenza. Ciò potrebbe creare un’altra strada di crescita, che aiuta a portare gli acquirenti nei suoi negozi anche se la vendita al dettaglio online continua a guadagnare terreno.

Il titolo Walmart ha un rendimento di circa l’1,8% e ha alle spalle una serie di 46 anni di crescita dei dividendi .

3. PepsiCo

PepsiCo ( NASDAQ: PEP ) rappresenta una delle più grandi aziende alimentari e delle bevande al mondo e i suoi marchi forti e i suoi potenti vantaggi nelle infrastrutture e nella distribuzione gli hanno permesso di offrire grandi rendimenti per gli azionisti a lungo termine. Al di fuori della sua omonima cola e altri prodotti a base di soda come Mountain Dew, PepsiCo possiede anche marchi di bevande tra cui Tropicana, Gatorade, Aquafina e Lipton e marchi di snack da miliardi di dollari tra cui Quaker, Doritos e Lay’s. Anche con un calo delle vendite di bibite nel mercato interno, la società rimane ben posizionata per continuare a registrare una crescita a lungo termine e aumentare il suo dividendo.

Le azioni hanno un rendimento del 2,8% e la società ha una serie di 47 anni di crescita annuale dei pagamenti. Ciò lo rende a soli tre anni dalla sequenza di 50 anni necessaria per raggiungere lo status di Dividend King e gli investitori possono sentirsi abbastanza sicuri che la società ce la farà e continuerà a percorrere il suo dividendo per i decenni a venire.

PepsiCo ha intrapreso azioni intelligenti per sviluppare snack e bevande che soddisfino meglio le preferenze dei consumatori verso opzioni più salutari nel mercato interno e l’azienda ha anche fatto alcune promettenti acquisizioni in categorie come acqua gassata e prodotti proteici. Le acquisizioni intelligenti dovrebbero espandere la linea di punta dell’azienda e spianare la strada a maggiori profitti poiché queste nuove attività traggono vantaggio dalla rete di distribuzione globale praticamente senza pari dell’azienda e da ottimi rapporti con i rivenditori.

La società dispone di un solido bilancio per finanziare acquisizioni e altre iniziative di crescita, generando al contempo generosi rendimenti in contanti per gli azionisti attraverso dividendi e riacquisti di azioni. Mentre la classe media globale continua a crescere e tendenze come l’automazione e la logistica basata sull’analisi continuano ad aprire nuove aziende simili, PepsiCo sembra pronta a continuare a premiare i suoi investitori.

Titoli azionari per iniziare ad investire

Banche più sicure

Investire in Immobili 

Migliori ETF

I 10 Comandamenti per il Migliore Investimento

Il primo investimento della vita 

Tassi di interresse negativi

Come investire  

Come Risparmiare  

Investimenti sicuri a basso rischio

Come diventare Ricchi da Zero

Come Comprare Azioni 

Come diventare ricchi con la Borsa

Fondi comuni di investimento

Consigli per comprare casa per investire 

Consulente finanziario

Come investire senza pagare le tasse 

Brexit

Le offerte dei Broker

Investire in oro, il prezzo dell’oro  

Comprare Oro

Dove comprare Bitcoin – Kraken

Investire in arte

Investire in Borsa, le regole di Buffet

Investire in Borsa, le regole di Graham

Investire in Borsa ed influenza dell’economia turca

Come comprare Bitcoin

Come guadagnare con i Bitcoin

Investire in opzioni binarie conviene?

Come investire 40000 euro

Comprare RAME conviene?

Perchè le borse valori sono in perdita?

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *