Come investire: 10 Comandamenti per il Miglior Investimento

Investire in realtà piuttosto semplice; in pratica stai mettendo i tuoi soldi a frutto in modo da non dover svolgere un secondo lavoro, o lavorare ore straordinarie per aumentare il tuo potenziale di guadagno.
Investire può anche essere usato come un modo per risparmiare per la pensione, l’acquisto di una casa o anche per finanziare l’educazione di un figlio.
Ci sono molti modi per fare un investimento, come azioni, obbligazioni, fondi comuni o immobili, e non sempre richiedono una grande somma di denaro per iniziare. Di seguito, troverai que3lli che abbiamo chiamato non senza enfasi “I 10 Comandamenti dell’Investitore“, cioè le regole basilari che dovrebbe conoscere ogni persona che si cimenta nel campo della finanza da investimento.

Fai ordine nelle tue finanze

1- Andare subito ad investire, senza prima esaminare le tue finanze, è come saltare nella parte più profonda della piscina senza sapere come nuotare. Oltre al costo della vita, i pagamenti su saldi in sospeso con carta di credito e prestiti possono consumare la quantità di denaro da investire. Fortunatamente, investire non richiede una somma significativa per iniziare. Ottieni maggiori informazioni leggendo Investimenti con con piccole somme .

Impara le basi

2- Non è necessario essere un esperto finanziario per investire, ma è necessario conoscere alcune terminologie di base in modo da essere più idonei a prendere decisioni informate. Investire può essere dannoso e causare la perdita di denaro o risparmi se fatto incautamente. Scopri le differenze tra azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento, ETF e certificati di deposito (CD). Dovresti anche imparare teorie finanziarie come l’ottimizzazione del portafoglio, la diversificazione e l’efficienza del mercato. Leggere libri scritti da investitori di successo come Warren Buffett o leggere i tutorial di base su Economia Italia, sono ottimi punti di partenza.

Come investire: 10 Comandamenti per il Miglior Investimento

Fissa obiettivi alla Tua portata

3- Una volta stabilito il budget investito e aver imparato le basi, è il momento di fissare il tuo obiettivo di investimento. Anche se tutti gli investitori stanno cercando di fare soldi, ognuno proviene da un background diverso e ha esigenze diverse. La formazione di un obiettivo aiuta a determinare il miglior veicolo di investimento per soddisfare quel particolare obiettivo. Ad esempio, quando si salva per la pensione, dovrebbe essere probabilmente utilizzato un assicurazione sulla vita. La sicurezza del capitale, il reddito e l’apprezzamento del capitale sono alcuni fattori da considerare; ciò che è meglio per te, dipenderà dalla tua età, posizione nella vita e circostanze personali. Un dirigente di 35 anni e una vedova di 75 anni avranno esigenze molto diverse. Non strafare non buttarti in investimenti troppo a rischio: se poi perdi tutto, rimarrai senza niente, allo stesso tempo non ti fossilizzare in investimenti che in realtà sono più forme di risparmio, come i Buoni Postali o i Conti Deposito o i Libretti di Risparmio postale, che sono sì ottimi strumenti per risparmiare soldi, ma non certo buoni strumenti di investimento.

Determina la tua Tolleranza al Rischio

4 – Una piccola caduta del valore dell’investimento complessivo ti indebolirebbe le ginocchia? Prima di decidere quali investimenti sono corretti per te, devi sapere quanti rischi sei disposto ad assumere. Ami le macchine veloci e il brivido di un rischio, o preferisci leggere nella tua amaca mentre ti godi della sicurezza del tuo giardino? Gli investimenti che comportano maggiori rischi offrono un maggiore potenziale di rendimento. Viceversa, gli investimenti a basso rischio generalmente offrono un tasso di rendimento inferiore. Nello scenario perfetto, un portafoglio di investimenti che ha un rendimento elevato con pochi rischi è l’obiettivo di ogni investitore. La tua tolleranza al rischio varierà in base all’età, alle esigenze di reddito e agli obiettivi finanziari. Per ulteriori informazioni leggere Criptovalute: rischiose e redditizie.

Trova il tuo stile di investimento

5- Ora che conosci la tua tolleranza al rischio e i tuoi obiettivi, qual è il tuo stile di investimento? Molti investitori per la prima volta scopriranno che i loro obiettivi e la loro propensione al rischio spesso non coincidono. Ad esempio, se ami le macchine veloci ma cerchi la sicurezza del capitale, è meglio adottare un approccio più conservativo agli investimenti. Gli investitori conservatori investiranno generalmente il 70-75% del loro denaro in titoli a reddito fisso a basso rischio come i buoni del tesoro, con il 15-20% dedicato alle azioni blue chip. D’altra parte, gli investitori molto aggressivi investiranno generalmente l’80-100% del loro denaro in titoli azionari. Trova la tua misura per ottenere un’asset allocation ottimale.

Conoscere i costi

6 – È altrettanto importante conoscere i costi di investimento, poiché alcuni costi possono ridurre i rendimenti dell’investimento. Nel complesso, le strategie di investimento passive tendono ad avere commissioni inferiori rispetto alle strategie di investimento attivo, come il trading di azioni. Gli agenti di borsa in genere applicano commissioni. Per gli investitori che iniziano con un investimento più piccolo, un broker di sconti è probabilmente una scelta migliore perché fanno pagare una commissione ridotta. D’altra parte, se si acquistano fondi comuni di investimento, tenere presente che i fondi addebitano varie commissioni di gestione – che è il costo di gestione del fondo – e alcuni fondi addebitano commissioni di caricamento.

Trova un broker o un consulente

7 – Il tipo di consulente finanziario giusto per te, dipende dalla quantità di tempo che sei disposto a spendere per i tuoi investimenti e dalla tua propensione al rischio. La scelta di un consulente finanziario è una grande decisione. I fattori da considerare includono la loro reputazione e le prestazioni, quanto addebitano, quanto hanno in programma di comunicare con voi e quali servizi aggiuntivi possono offrire. Chi si sente a disagio con i conti di investimento fai-da-te può comunque rivolgersi a una società di intermediazione a servizio completo. Queste aziende possono fornire più servizi o esperienza, ma hanno un costo maggiore e possono avere un requisito minimo di livello di attività per aprire un account. Per ulteriori suggerimenti, leggi I migliori Broker online operanti in Italia.

Scegli gli investimenti

8 – Ora arriva la parte divertente: scegliere gli investimenti che diventeranno parte del tuo portafoglio titoli. Se hai uno stile di investimento conservativo, il tuo portafoglio dovrebbe consistere principalmente in titoli a basso rischio e generatori di reddito, come buoni del tesoro e fondi del mercato monetario. Per coloro che non vogliono scegliere singoli titoli o obbligazioni, si può guardare ai fondi comuni di investimento o agli exchange traded funds (ETF). I concetti chiave da sottolineare qui sono l’allocazione degli asset e la diversificazione. Nell’asset allocation, si bilancia il rischio e il rendimento dividendo il denaro tra le tre classi di attività: azioni, reddito fisso e denaro. Con la diversificazione tra diverse classi di attività, si evitano i problemi associati a “mettere tutte le uova in un paniere”. Ad esempio, investire in un solo titolo è molto rischioso per un investitore. Tuttavia, l’investimento in 10 titoli riduce il rischio su 10 diverse società. Investire solo nelle case farmaceutiche è più rischioso che investire in tutto il mercato azionario. Investire solo in azioni è più rischioso di un investimento equilibrato in azioni, obbligazioni e denaro. Maggiori informazioni in Guida all’investimento del 2018.

Mantieni le emozioni sotto controllo

9 – Di solito, Economia Italia, non da grandi consigli per il lato emotivo dell’investitore, questro perchè diamo per scontato che bisogna essere freddi e calcolatori, non c’è spazio alle emozioni quando si fa di conto, lo stesso vale per una persona che si mette ad investire: in quel momento deve diventare privo di sentimenti che lo possano influenzare in un modo o nell’altro. Non lasciare che la paura o l’avidità limitino i tuoi guadagni o aumentino le tue perdite. Aspettatevi fluttuazioni a breve termine nel valore complessivo del vostro portafoglio. In quanto investitore a lungo termine, questi movimenti a breve termine non dovrebbero causare panico. L’avidità può indurre un investitore a mantenere una posizione troppo a lungo nella speranza di un prezzo ancora più alto, anche se cade. La paura può indurre un investitore a vendere un investimento troppo presto o impedire a un investitore di vendere un perdente. Gli investitori di successo rimangono disciplinati e non sono influenzati dalle fluttuazioni quotidiane o da fattori esterni. L’obiettivo finale di qualsiasi investimento è comprare basso e vendere alto. Tuttavia, la maggior parte degli investitori infruttuosi commercia con emozione, acquistando inconsapevolmente alti e vendendo bassi. Se il tuo portafoglio ti tiene sveglio la notte, potrebbe essere meglio riconsiderare la tua tolleranza al rischio e adottare un approccio più conservativo.

Rivedi il tuo portafoglio: ricompra e/o rivendi in caso di necessità

Il passaggio finale nel tuo viaggio nell’ investimento finanziario, è la revisione del tuo portafoglio. Una volta stabilita una strategia di asset allocation, è possibile che le ponderazioni delle attività siano cambiate nel corso dell’anno. Perché? Il valore di mercato dei vari titoli all’interno del tuo portafoglio è cambiato. Questo può essere modificato facilmente attraverso il riequilibrio. Gli investimenti individuali all’interno di un portafoglio possono crescere a diversi ritmi. Se la porzione di titoli funziona molto bene, potrebbe essere una buona idea riallocare la crescita in obbligazioni. Altrimenti, potrebbe aumentare il rischio complessivo del portafoglio. Riesaminare e riequilibrare continuamente il proprio portafoglio è la chiave per investire con successo.

Come investire: 10 Comandamenti per il Miglior Investimento – Conclusioni

Come dicevamo all’inizio, investire di per sè è una cosa facilissima, spesso non servono nemmeno specifiche competenze, servono se una persona vuole investire gran parte del proprio capitale o se vuol fare di questa attività, un lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *