Comprare Azioni Petrolifere Oggi Conviene Per Investire nel 2021?

Conviene acquistare azioni delle industrie petrolifere in questo momento per un piano di investimenti per il 2021? Cerchiamo di capire insieme la situazione oggi delle grandi aziende petrolifere e dei loro titoli azionari per capire se si tratta di buoni investimenti per il prossimo medio-lungo termine, oppure no.

La società ha bisogno di energia per vivere e se le aziende Petrolifere giocheranno bene le loro carte riprenderanno in mano la situazione

Il prezzo del petrolio é sceso, il valore delle azioni di aziende petrolifere è sceso con Lui, ma queste aziende si stanno rinnovando ed investono fiumi di euro e dollari in energie rinnovabili.

Se queste aziende riusciranno a giocare bene le loro carte, è molto probabile che non solo recupereranno il terreno perduto a causa del crollo del prezzo del petrolio ma addirittura si consolideranno.

Si perché é vero che se si venderà meno benzina raffinata a causa delle auto elettriche, è pur vero che le auto elettriche hanno bisogno di energia elettrica, quindi se non la si vuole estrarre dal petrolio bisognerà estrarla dall’eolico, dal solare, dal geotermico o dall’idroelettrico.

Quindi bisognerà costruire centrali eoliche, solari, ecc., ma sopratutto bisognerà mantenerle e sono questi i grandi investimenti che stanno facendo queste grandi aziende: investono in questo tipo di attività, ma se é vero che aziende come l’italiana ENI sono anni che stanno investendo in rinnovabili, le altre sono indietro.

 

Le major petrolifere stanno pagando il prezzo per investire nelle energie rinnovabili

Big Oil è stata spesso criticata per aver tentato di lucidare le sue credenziali verdi attraverso investimenti poco convinti nelle energie rinnovabili. Questo potrebbe essere stato vero per gran parte dell’ultimo decennio, ma sembra che stia cambiando quando le major del petrolio e del gas hanno iniziato a investire grandi somme in energia pulita. Ad esempio, le major petrolifere europee, inclusa BP Plc . (NYSE: BP), Royal Dutch Shell (NYSE: RDS.A), Eni SpA ( BIT: ENI ), Total SA (NYSE: TOT) e la compagnia petrolifera nazionale norvegese Equinor ASA (NYSE: EQNR) hanno già investito miliardi di dollari in energie rinnovabili e ha assunto grandi impegni per l’energia pulita.

Eppure, Big Oil sembra non riuscire a prendersi una pausa, con le azioni delle compagnie petrolifere e del gas che stanno investendo pesantemente nelle energie rinnovabili che vengono punite dai mercati.

Un buon esempio calzante è BP, una delle major petrolifere con alcuni dei maggiori impegni nel settore dell’energia pulita. BP ha annunciato piani per raggiungere lo stato zero netto entro il 2030 aumentando notevolmente la spesa per le energie rinnovabili. Il titolo BP, tuttavia, ha registrato un cratere del 48% dall’inizio dell’anno, notevolmente peggiore del benchmark europeo del petrolio e del gas STOXX Europe 600 Oil & Gas Index (SXEP), che è in calo del 32% nell’anno in corso o addirittura Energy Select Sector Fund (XLE) che ha perso il 41%.

Shell, la pari europea di BP, ha probabilmente fatto più di qualsiasi altra supermajor per quanto riguarda gli investimenti nelle energie rinnovabili. Recentemente, il CEO di Shell, Ben van Beurden, ha detto agli investitori che la società non si considera più una compagnia petrolifera e del gas, ma una società di transizione energetica . Shell si è espressa apertamente sul passaggio alle energie rinnovabili, rilasciando spesso il clamoroso invito all’industria a passare a fonti di energia più pulite. Nel 2016, Shell ha fissato un obiettivo ambizioso di investire da $ 4 miliardi a $ 6 miliardi in progetti di energia pulita entro il 2020. Le azioni Shell sono diminuite del 44% da inizio anno.

Nel frattempo, ENI ha l’impegno più ambizioso sul cambiamento climatico con piani per ridurre le sue emissioni di gas serra dell’80% entro il 2050. ENI afferma inoltre che il suo portafoglio di fonti rinnovabili raggiungerà una capacità installata di 3 GW già nel 2023 e 5 GW nel 2025. Le azioni ENI sono crollate del 38%.

Comprare Azioni Petrolifere Oggi Conviene Per Investire nel 2021?
Sopra: finestre intelligenti ad energia solare ENI

Transizione all’energia pulita

Quello che sta succedendo qui è chiaramente un caso di dannato se lo fai e dannato se non lo fai.

Il grosso problema qui deriva dal modo in cui opera il settore delle rinnovabili.

L’energia verde richiede ingenti investimenti iniziali con periodi di ammortamento più lunghi rispetto agli investimenti in combustibili fossili. In effetti, le infrastrutture verdi sono 1,5-3,0 volte più ad alta intensità di capitale e manodopera rispetto agli idrocarburi.

Le aziende petrolifere e del gas sono ancora alle prese con il modo migliore per utilizzare attualmente flussi di cassa in calo; in effetti, stanno ancora valutando se valga la pena reinventarsi almeno parzialmente come imprese delle energie rinnovabili, determinando anche quali mercati energetici a basse emissioni di carbonio offrono i rendimenti futuri più interessanti.

La maggior parte delle imprese rinnovabili, come i progetti solari ed eolici, tendono a sfornare flussi di cassa simili alle rendite per diversi decenni dopo la spesa in conto capitale iniziale iniziale con un rischio di prezzo generalmente basso rispetto ai loro modelli attuali con un recupero più rapido ma un alto rischio del prezzo del petrolio. Con la necessità di generare rapidi ritorni per gli azionisti, alcune società di combustibili fossili hanno effettivamente ridotto i loro investimenti in energia pulita.

 

Spin-off dell’energia pulita

Ovviamente, le società rinnovabili pure-play ottengono molto più margine di manovra dai mercati nonostante la maggioranza sia ancora non redditizia. Ad esempio, il settore solare vanta un P / E GAAP (FWD) mediano di 31,3 contro 10,9 per le compagnie petrolifere e del gas statunitensi grazie alle migliori prospettive di crescita dei primi e dei profitti. Al contrario, anche le prospettive petrolifere più rialziste richiedono solo una crescita anemica per la domanda di petrolio e gas nel prossimo decennio, il che significa piste di crescita piuttosto limitate per Big Oil. Inoltre, le energie rinnovabili rappresentano ancora una frazione minuscola dei loro ricavi per la maggior parte delle major petrolifere, il che significa che potrebbero essere necessari molti più anni di investimenti in energia pulita prima che possano riflettere sulle loro valutazioni.

Le aziende petrolifere dovrebbero tornare a crescere ed investire potrebbe rivelarsi molto vantaggioso

L’analista di Capital Markets, il sig. Borkhataria ha detto che le major petrolifere probabilmente inizieranno a scorporare le loro attività rinnovabili una volta raggiunte le dimensioni dovute. Le valutazioni autonome delle attività a basse emissioni di carbonio di Equinor, Energia e Total attualmente si attestano rispettivamente al 17%, 15% e 10% delle loro valutazioni aziendali. Considerando l’aggressività con cui queste aziende stanno investendo nelle energie rinnovabili, probabilmente non sarà una sorpresa se il valore dei loro portafogli di energia pulita raddoppierà nei prossimi 5 anni .

In questo periodo in cui il loro valore è caduto non solo per il prezzo del petrolio, ma sopratutto per la pandemia, ecco che investire in azioni petrolifere potrebbe rivelarsi molto conveniente.

Vivere solo con l’energia rinnovabile è possibile? 

Superbonus 100% efficentamento energetico

FCA PSA per l’elettrico

Incidente nucleare in Russia  

Aereo o auto? Quale mezzo di trasporto inquina di più? 

Auto elettriche ad energia solare 

Impianto fotovoltaico 

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *