Brexit Conseguenze per l’Italia News

Che cos’è la Brexit?

Brexit è l’abbreviazione di “uscita britannica”, in riferimento alla decisione del Regno Unito in un referendum del 23 giugno 2016 di lasciare l’ Unione europea (UE). Il risultato del voto ha sfidato le aspettative e ha irritato i mercati globali, facendo scendere la sterlina britannica al suo livello più basso rispetto al dollaro in 30 anni. L’ex primo ministro David Cameron, che ha convocato il referendum e fatto una campagna per la Gran Bretagna per rimanere nell’UE, ha annunciato le sue dimissioni il giorno seguente.

 

Theresa May, che ha sostituito Cameron come leader del partito conservatore e primo ministro, si è dimessa volontariamente come leader del partito il 7 giugno 2019, dopo aver subito forti pressioni per dimettersi. Il 23 luglio 2019, Boris Johnson, leader del Partito conservatore, ex sindaco di Londra, ministro degli Esteri britannico ed editore del quotidiano The Spectator, è stato eletto Primo Ministro. Johnson ha fatto una campagna su una piattaforma per lasciare l’UE entro la scadenza del 31 ottobre 2019 “do or die”. La Gran Bretagna deve ratificare un accordo di recesso con l’UE prima di andarsene se vuole evitare un’uscita caotica “no-deal”. L’accordo di maggio negoziato con l’UE è stato respinto dalla House of Commons tre volte e ha accantonato i piani per metterlo in votazione una quarta volta dopo i cambiamenti e i compromessi che era disposta a far arrabbiare molti membri anziani del suo partito.

CORRELATI : Italexit FrexitPerchè gli Inglesi vogliono uscire dall’Unione Europea

Brexit Conseguenze per l'Italia News

Cosa succede dopo

La Gran Bretagna è riuscita a evitare di schiantarsi fuori dall’UE senza un accordo prolungando il periodo di negoziazione due volte. Ciò significava che era stato costretto a partecipare alle elezioni del Parlamento europeo tenutesi il 23 maggio. La Gran Bretagna può lasciare l’UE prima del 31 ottobre se lo desidera, con un accordo o senza.

Johnson, un sostenitore della Brexit, è pronto a lasciare l’UE senza un accordo. Se la Gran Bretagna lascia l’UE senza la ratifica di un accordo in quello che è noto come “Brexit duro” , non vi sarà alcun periodo di transizione di due anni. Il Regno Unito e l’UE intendono negoziare un nuovo accordo commerciale a lungo termine durante il periodo di transizione. In assenza di un accordo, entreranno in vigore le regole dell’OMC.

 

Johnson può scegliere di tenere colloqui con il partito di opposizione per raggiungere un compromesso e ottenere l’approvazione per l’accordo di maggio, ma la sua retorica sulla campagna indica che non prenderà quella strada. Potrebbe anche proporre un altro giro di voti sulle alternative alla Brexit. I parlamentari hanno votato due volte su diverse opzioni, ma nessuno è stato in grado di ricevere il sostegno della maggioranza.

 

Il referendum

“Leave” ha vinto il referendum di giugno 2016 con il 51,9% delle votazioni, ovvero 17,4 milioni di voti; “Remain” ha ricevuto il 48,1%, ovvero 16,1 milioni. Il fatturato è stato del 72,2%. I risultati sono stati calcolati su base britannica, ma i dati complessivi nascondono forti differenze regionali: il 53,4% degli elettori inglesi ha sostenuto la Brexit, rispetto al solo 38,0% degli elettori scozzesi. Poiché l’Inghilterra rappresenta la stragrande maggioranza della popolazione del Regno Unito, il sostegno ha influenzato il risultato a favore della Brexit. Se il voto fosse stato condotto solo in Galles (dove ha vinto anche “Leave”), Scozia e Irlanda del Nord, la Brexit avrebbe ricevuto meno del 45% dei voti.

 

Articolo 50 Periodo di negoziazione

Il processo di uscita dall’UE è iniziato formalmente il 29 marzo 2017, quando maggio ha innescato l’ articolo 50 del trattato di Lisbona. Il Regno Unito inizialmente aveva due anni da quella data per negoziare una nuova relazione con l’UE. Dopo le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017, May è rimasta il leader del Paese. Tuttavia, i conservatori hanno perso la maggioranza assoluta in Parlamento e hanno concordato un accordo con l’Eurkeptic Democratic Unionist Party (DUP). Ciò ha causato a maggio qualche difficoltà a far approvare il suo accordo di recesso in Parlamento.

I colloqui sono iniziati il ​​19 giugno 2017. Le domande hanno ruotato attorno al processo, in parte perché la costituzione della Gran Bretagna non è scritta e in parte perché nessun paese ha lasciato l’UE usando l’articolo 50 prima (l’Algeria ha lasciato il predecessore dell’UE attraverso la sua indipendenza dalla Francia nel 1962, e la Groenlandia – un territorio danese autonomo – lasciato attraverso un trattato speciale nel 1985).

Il 25 novembre 2018, la Gran Bretagna e l’UE hanno concordato un accordo di recesso di 585 pagine, un accordo sulla Brexit, toccando questioni come i diritti dei cittadini, la legge sul divorzio e il confine irlandese.

Il Parlamento ha votato per la prima volta su questo accordo martedì 15 gennaio 2019. I membri del Parlamento hanno votato 432-202 per respingere l’accordo, la più grande sconfitta per un governo alla Camera dei Comuni nella storia recente.

Theresa May è sopravvissuta a un voto di sfiducia tenuto il 16 gennaio e ha svelato il suo Piano B il 21 gennaio. Il piano è stato criticato per essere molto simile all’accordo originale che ha presentato.

Il 29 gennaio, i parlamentari hanno votato a maggio per tornare a Bruxelles per rimuovere la controversa parte irlandese del suo piano di sostituzione e sostituirlo con accordi alternativi, ma l’UE ha affermato che l’accordo non è aperto alla rinegoziazione. Il backstop è un piano per evitare un duro confine irlandese se il Regno Unito e l’UE non firmano un accordo di libero scambio durante il periodo di transizione post-Brexit.

May era alla ricerca di modifiche alla controversa disposizione di sostegno irlandese per ottenere l’appoggio del Parlamento. Il sostegno è destinato a essere temporaneo, ma i parlamentari euroscettici temono che durerà indefinitamente e comprometterà l’autonomia della Gran Bretagna. È stata anche accusata dal Partito Laburista di “sconsiderare il cronometro” per costringere i parlamentari a scegliere tra il suo accordo e un risultato senza accordo.

I parlamentari hanno votato contro il suo accordo con 391-242 voti il ​​12 marzo, nonostante la richiesta di maggio di modifiche “legalmente vincolanti” all’accordo, ponendo la Gran Bretagna sulla strada di una Brexit senza accordi. Il Parlamento è intervenuto per ritardarlo e l’UE ha dato il suo permesso.

Il 27 marzo nessuna delle otto alternative alla Brexit votate dai membri del Parlamento ha ricevuto la maggioranza. L’accordo di maggio è stato nuovamente respinto il 29 marzo con un margine di 58 voti, nonostante il suo voto di dimettersi prima della prossima fase dei negoziati se fosse stato approvato.

Il Partito Laburista affronta la propria crisi dopo che quasi una dozzina di legislatori hanno deciso di lasciare e formare il gruppo indipendente alla Camera dei Comuni. Hanno incolpato il fallimento di Corbyn nell’affrontare l’antisemitismo nel partito e la sua povera politica sulla Brexit. Anche tre parlamentari appartenenti al partito conservatore di maggio hanno rinunciato a far parte del gruppo indipendente. Si sono lamentati del fatto che le politiche e le priorità dei Tories sono state definite dai rigidi euroscettici del partito.

Negoziati sulla Brexit

Il principale negoziatore britannico nei colloqui con Bruxelles è stato David Davis, un parlamentare dello Yorkshire, fino al 9 luglio 2018, quando si è dimesso. È stato sostituito dal ministro degli alloggi Dominic Raab come segretario alla Brexit. Raab si è dimesso in segno di protesta per l’accordo di maggio del 15 novembre 2018. Il giorno seguente è stato sostituito dal ministro della sanità e dell’assistenza sociale Stephen Barclay.

Il principale negoziatore dell’UE è Michel Barnier, un politico francese.

I colloqui preparatori sui colloqui hanno rivelato divisioni negli approcci delle due parti al processo. Il Regno Unito voleva negoziare i termini del suo ritiro insieme ai termini delle sue relazioni post-Brexit con l’Europa, mentre Bruxelles voleva fare progressi sufficienti in termini di divorzio entro ottobre 2017, per poi passare a un accordo commerciale. In una concessione che sia i commentatori pro che quelli anti-Brexit hanno preso come segno di debolezza, i negoziatori britannici hanno accettato l’approccio sequenziato dell’UE.

Diritti dei cittadini

Una delle questioni politicamente più spinose per i negoziatori della Brexit è stata i diritti dei cittadini dell’UE che vivono nel Regno Unito e dei cittadini del Regno Unito che vivono nell’UE.

L’accordo di recesso consente la libera circolazione dei cittadini dell’UE e del Regno Unito fino alla fine del periodo di transizione. Dopo il periodo di transizione, manterrebbero i loro diritti di residenza se continuano a lavorare, dispongono di risorse sufficienti o sono collegati a qualcuno che lo fa. Per migliorare il loro stato di residenza a permanente, dovrebbero rivolgersi alla nazione ospitante. I diritti di questi cittadini possono essere bruscamente portati via se la Gran Bretagna crolla senza ratificare un accordo.

I cittadini dell’UE hanno sempre più abbandonato il Regno Unito dal referendum. “La migrazione netta dell’UE, pur continuando ad aumentare la popolazione nel suo insieme, è scesa ad un livello visto l’ultima volta nel 2009. Ora stiamo vedendo anche più cittadini EU8 – quelli provenienti dai paesi dell’Europa centrale e orientale, ad esempio la Polonia – che lasciano il Regno Unito che arrivare ”, ha dichiarato Jay Lindop, direttore del Center for International Migration, in un rapporto trimestrale del governo pubblicato nel febbraio 2019.

 

Il parlamento britannico ha combattuto sul diritto dei cittadini dell’UE di rimanere nel Regno Unito dopo la Brexit, diffondendo pubblicamente le divisioni interne sulla migrazione. In seguito al referendum e alle dimissioni di Cameron, il governo di May ha concluso di avere il diritto, sotto la “prerogativa reale”, di attivare l’articolo 50 e avviare da solo il processo formale di ritiro. La Corte suprema britannica è intervenuta, dichiarando che il Parlamento ha dovuto autorizzare la misura e la Camera dei Lord ha modificato il disegno di legge risultante per garantire i diritti dei residenti nati nell’UE. La Camera dei Comuni, che all’epoca aveva la maggioranza Tory, ha annullato l’emendamento e il disegno di legge non modificato è diventato legge il 16 marzo 2017.

 

Gli oppositori conservatori dell’emendamento hanno sostenuto che le garanzie unilaterali hanno eroso la posizione negoziale della Gran Bretagna, mentre quelli a suo favore hanno affermato che i cittadini dell’UE non dovrebbero essere usati come “fiche di contrattazione”. Argomenti economici anche in primo piano: mentre un terzo degli espatriati britannici in Europa sono pensionati, i migranti dell’UE hanno maggiori probabilità di lavorare rispetto agli inglesi nativi. Questo fatto suggerisce che i migranti dell’UE contribuiscono maggiormente all’economia rispetto ai loro omologhi britannici; poi di nuovo, i sostenitori di “Lasciare” leggono questi dati indicando la concorrenza straniera per lavori scarsi in Gran Bretagna.

Transazione finanziaria Brexit

Il “disegno di legge Brexit” è l’insediamento finanziario che il Regno Unito deve a Bruxelles dopo il suo ritiro.

L’accordo di recesso non menziona una cifra specifica, ma si stima che raggiungerà i 39 miliardi di sterline, secondo Downing Street. La somma totale comprende il contributo finanziario che il Regno Unito fornirà durante il periodo di transizione poiché agirà come uno stato membro dell’UE e il suo contributo agli impegni di bilancio in sospeso dell’UE per il 2020.

Il Regno Unito riceverà anche finanziamenti dai programmi dell’UE durante il periodo di transizione e una quota delle sue attività alla fine di esso, che comprende il capitale versato alla Banca europea per gli investimenti (BEI).

Un accordo del dicembre 2017 ha risolto questo punto critico di vecchia data che ha minacciato di far deragliare completamente i negoziati. La squadra di Barnier ha lanciato il primo tiro al volo a maggio 2017 con il rilascio di un documento che elenca le 70 entità dispari che prenderebbe in considerazione al momento di presentare la proposta di legge. Il Financial Times ha stimato che l’importo lordo richiesto sarebbe di € 100 miliardi; al netto di alcune attività del Regno Unito, il conto finale sarebbe “nella regione compresa tra 55 e 75 miliardi di euro”.

La squadra di Davis, nel frattempo, ha rifiutato le richieste dell’UE di presentare la metodologia preferita dal Regno Unito per la contabilità del conto. Ad agosto, ha detto alla BBC che non si sarebbe impegnato a una cifra entro ottobre, la scadenza per valutare “progressi sufficienti” su questioni come il disegno di legge. Il mese seguente disse alla House of Commons che i negoziati sulla legge Brexit potevano continuare “per l’intera durata della negoziazione”.

Davis presentò questo rifiuto alla House of Lords come una tattica negoziale, ma la politica interna probabilmente spiega la sua reticenza. Il segretario agli esteri Boris Johnson, che ha fatto una campagna per la Brexit, ha definito le stime dell’UE “esorbitanti” l’11 luglio 2017 e ha concordato con un deputato Tory che Bruxelles potrebbe “fischiare” se volesse “un soldo”.

Nel suo discorso di settembre 2017 a Firenze, tuttavia, il portavoce di May ha dichiarato che il Regno Unito “onorerà gli impegni che abbiamo preso durante il periodo della nostra adesione”.

Il confine con l’Irlanda del Nord

L’accordo di recesso include una disposizione di backstop irlandese, che garantisce che non vi sarà alcuna “frontiera rigida” tra l’Irlanda del Nord e l’Irlanda se un accordo sulla Brexit non verrà approvato sia nel Regno Unito che nei parlamenti dell’UE entro la fine del periodo di transizione. È una polizza assicurativa che mantiene la Gran Bretagna nell’unione doganale dell’UE con l’Irlanda del Nord in base alle regole del mercato unico dell’UE. Il backstop, che è temporaneo e sarà sostituito da un accordo successivo, può essere rimosso solo se sia la Gran Bretagna che l’UE danno il loro consenso.

Il backstop è emerso come il motivo principale dell’impasse sulla Brexit. May non è stata in grado di ottenere abbastanza supporto per il suo accordo a causa di esso. I deputati euroscettici volevano che aggiungesse cambiamenti legalmente vincolanti poiché temevano che ciò avrebbe compromesso l’autonomia del paese e sarebbe durata indefinitamente. Finora i leader dell’UE hanno rifiutato di rimuoverlo e hanno anche escluso un limite di tempo o concesso alla Gran Bretagna il potere di rimuoverlo. L’11 marzo 2019, le due parti hanno firmato un patto a Strasburgo che non ha modificato l’accordo di recesso ma ha aggiunto “garanzie legali significative”. Non era abbastanza per convincere i Brexiteers duri.

Per decenni nella seconda metà del XX secolo, la violenza tra protestanti e cattolici ha guastato l’Irlanda del Nord e il confine tra la campagna britannica e la Repubblica d’Irlanda a sud è stato militarizzato. L’accordo del Venerdì Santo del 1998 ha reso il confine quasi invisibile, ad eccezione dei segnali di limite di velocità, che passano da miglia all’ora a nord a chilometri all’ora a sud.

Sia i negoziatori britannici che quelli dell’UE si preoccupano delle conseguenze del ripristino dei controlli alle frontiere, come potrebbe essere necessario fare la Gran Bretagna per porre fine alla libera circolazione dall’UE. Tuttavia, lasciare l’unione doganale senza imporre controlli doganali al confine dell’Irlanda del Nord o tra l’Irlanda del Nord e il resto della Gran Bretagna lascia aperta la porta al contrabbando. Questa sfida unica e significativa è una delle ragioni per cui la “Brexit leggera” sostiene la maggior parte a favore della permanenza nell’unione doganale dell’UE e forse del suo mercato unico. In altre parole, l’enigma dell’Irlanda del Nord potrebbe aver creato una backdoor per una Brexit morbida.

La questione è ulteriormente complicata dalla scelta dei Tories del Partito Democratico Unionista dell’Irlanda del Nord come partner di coalizione: il DUP si oppose all’Accordo del Venerdì Santo e – a differenza del leader dei Conservatori all’epoca – fece una campagna per la Brexit. Ai sensi dell’accordo del Venerdì Santo, il governo britannico è tenuto a sorvegliare l’Irlanda del Nord con “rigorosa imparzialità”; ciò può rivelarsi difficile per un governo che dipende dalla cooperazione di un partito con una base di supporto schiacciante in modo schiacciante e connessioni storiche con i gruppi paramilitari protestanti. Secondo quanto riferito, si stanno preparando sfide legali all’accordo di coalizione Tory-DUP.

Argomenti a favore e contro la Brexit

Gli elettori “lasciano” hanno basato il loro sostegno alla Brexit su una varietà di fattori, tra cui la crisi del debito europeo , l’immigrazione, il terrorismo e la percezione della resistenza della burocrazia di Bruxelles sull’economia britannica. La Gran Bretagna è stata a lungo diffidente nei confronti dei progetti dell’Unione europea, che Leavers ritiene minaccia la sovranità del Regno Unito: il paese non ha mai aderito all’unione monetaria dell’Unione europea, il che significa che utilizza la sterlina anziché l’ euro . Inoltre è rimasto fuori dallo spazio Schengen, nel senso che non condivide frontiere aperte con un certo numero di altre nazioni europee.

 

Gli oppositori della Brexit citano anche una serie di motivazioni per la loro posizione. Uno è il rischio connesso all’uscita dal processo decisionale dell’UE, dato che è di gran lunga la principale destinazione delle esportazioni britanniche. Un altro è i vantaggi economici e sociali delle “quattro libertà” dell’UE: la libera circolazione di merci, servizi, capitali e persone attraverso le frontiere. Un filo conduttore in entrambi gli argomenti è che lasciare l’UE destabilizzerebbe l’economia britannica a breve termine e renderebbe il paese più povero a lungo termine. Nel luglio del 2018, il gabinetto di May ha subito un altro scossone quando Boris Johnson ha rassegnato le dimissioni da ministro degli Esteri del Regno Unito e David Davis ha rassegnato le dimissioni da ministro della Brexit per i piani di maggio di mantenere stretti legami con l’UE. Johnson è stato sostituito da Jeremy Hunt, che preferisce una Brexit morbida.

 

Alcune istituzioni statali hanno sostenuto le argomentazioni economiche dei rimanenti: il governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney ha definito la Brexit ” il più grande rischio domestico per la stabilità finanziaria ” nel marzo 2016 e il mese successivo il Tesoro ha proiettato danni permanenti all’economia in uno dei tre possibili post-Brexit scenari: appartenenza allo Spazio economico europeo (SEE) come la Norvegia; un accordo commerciale negoziato come quello firmato tra l’UE e il Canada nell’ottobre 2016; e l’ adesione all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

BREXIT
Adattato dall’analisi HM Treasury: l’impatto economico a lungo termine dell’adesione all’UE e delle alternative, aprile 2016; * espresso in termini di PIL 2015 a prezzi 2015, arrotondato ai £ 100 più vicini.

I sostenitori del LEAVE, tendevano a scontare tali proiezioni economiche sotto l’etichetta “Project Fear”. Un gruppo pro-Brexit associato al Partito dell’Indipendenza del Regno Unito (UKIP), che è stato fondato per opporsi all’adesione all’UE, ha risposto affermando che lo “scenario peggiore del Tesoro di £ 4.300 per famiglia è un prezzo d’occasione per il ripristino dell’indipendenza nazionale e confini sicuri e protetti “.

Sebbene i leavers abbiano teso a sottolineare le questioni di orgoglio, sicurezza e sovranità nazionali, raccolgono anche argomenti economici. Ad esempio, Boris Johnson, che è stato sindaco di Londra fino a maggio 2016 e diventato segretario agli esteri quando maggio è entrato in carica, ha dichiarato alla vigilia del voto: “I politici dell’UE sbatterebbero la porta per un accordo commerciale” il giorno dopo il voto , alla luce dei loro “interessi commerciali”. Labor Leave, il gruppo laburista pro-Brexit, è stato coautore di un rapporto con un gruppo di economisti a settembre 2017 che prevedeva un aumento del 7% del PIL annuale, con i maggiori guadagni che andavano ai più bassi.

Vote Leave, la campagna pro-Brexit ufficiale, ha superato la pagina “Why Vote Leave” sul suo sito Web con l’affermazione che il Regno Unito potrebbe risparmiare £ 350 milioni a settimana: “possiamo spendere i nostri soldi per le nostre priorità come il SSN [National Health Servizio], scuole e abitazioni “. Nel maggio 2016, la UK Statistics Authority, un ente pubblico indipendente, ha affermato che la cifra è lorda piuttosto che netta, “è fuorviante e mina la fiducia nelle statistiche ufficiali”. Un sondaggio di metà giugno di Ipsos MORI, tuttavia, ha rilevato che il 47% del paese riteneva la richiesta. Il giorno dopo il referendum, Nigel Farage, che ha co-fondato l’UKIP e l’ha guidato fino a quel novembre, ha rinnegato la cifra e ha affermato che non era strettamente associato al congedo di voto. May ha anche rifiutato di confermare le promesse del NHS di Vote Leave da quando è entrato in carica.

 

La risposta economica alla Brexit annunciata

Fino alla conclusione di un accordo di uscita o alla scadenza del termine per i negoziati di cui all’articolo 50, la Gran Bretagna rimane nell’UE, sia beneficiando dei suoi legami commerciali sia soggetta alle sue leggi e normative.

Tuttavia, la decisione di lasciare l’UE ha avuto un effetto sull’economia britannica.

La crescita del PIL del paese è rallentata all’1,5% nel 2018 dall’1,8% nel 2017 e all’1,9% nel 2016 con il crollo degli investimenti delle imprese. L’FMI ​​prevede che l’economia del paese crescerà dell’1,5% nel 2019 e nel 2020. La Banca d’Inghilterra ha ridotto le sue previsioni di crescita per il 2019 all’1,2%, il più basso dalla crisi finanziaria.

Il tasso di disoccupazione nel Regno Unito ha toccato un minimo di 44 anni al 3,9% nei tre mesi a gennaio 2019. Gli esperti lo attribuiscono ai datori di lavoro che preferiscono trattenere i lavoratori anziché investire in nuovi grandi progetti.

Nel 2018, la sterlina è riuscita a recuperare le perdite subite dopo il voto sulla Brexit, ma ha reagito negativamente all’aumentare della probabilità di una Brexit senza affare. La valuta potrebbe rialzarsi se viene superato un accordo “soft Brexit” o se la Brexit viene ritardata.

Mentre il calo del valore della sterlina ha aiutato gli esportatori, il prezzo più elevato delle importazioni è passato ai consumatori e ha avuto un impatto significativo sul tasso di inflazione annuale. L’inflazione CPI ha toccato il 3,1% nei 12 mesi precedenti a novembre 2017, un massimo di quasi sei anni che ha ben superato l’obiettivo del 2% della Banca d’Inghilterra. L’inflazione alla fine ha iniziato a diminuire nel 2018 con il calo dei prezzi del petrolio e del gas e si è attestata all’1,8% a gennaio 2019.

 

Un rapporto della Camera dei Lord del luglio 2017 citava prove del fatto che le imprese britanniche avrebbero dovuto aumentare i salari per attirare i lavoratori nati in seguito alla Brexit, che “probabilmente porterà a prezzi più alti per i consumatori”.

Il commercio internazionale dovrebbe diminuire a causa della Brexit, anche se la Gran Bretagna negozia una serie di accordi di libero scambio. La dott.ssa Monique Ebell, ex direttore associato della ricerca presso l’Istituto Nazionale di Ricerca Economica e Sociale, prevede una riduzione del -22% nel commercio totale di beni e servizi britannici se l’adesione all’UE verrà sostituita da un accordo di libero scambio. Altri accordi di libero scambio probabilmente non potrebbero colmare il problema: Ebell vede un patto con i BRIICS (Brasile, Russia, India, Indonesia, Cina e Sudafrica) che promuovono il commercio totale del 2,2%; un patto con Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda farebbe leggermente meglio, al 2,6%.

“Il mercato unico è un accordo commerciale molto profondo e globale volto a ridurre le barriere non tariffarie”, ha scritto Ebell nel gennaio 2017, “mentre la maggior parte degli accordi di libero scambio non UE sembrano essere abbastanza inefficaci nel ridurre le barriere non tariffarie che sono importanti per il commercio dei servizi “.

 

Elezioni del giugno 2017

Il 18 aprile, May ha chiesto l’elezione anticipata dell’8 giugno, nonostante le precedenti promesse di non tenerne una fino al 2020. Il sondaggio all’epoca ha suggerito che May si espanderà sulla sua scarsa maggioranza parlamentare di 330 seggi (ci sono 650 seggi nel Commons). Il lavoro ha guadagnato rapidamente nei sondaggi, tuttavia, aiutato da un imbarazzante infradito di Tory su una proposta di proprietà per finanziare l’assistenza di fine vita.

I conservatori hanno perso la maggioranza, vincendo 318 seggi contro i 262 laburisti. Il partito nazionale scozzese ha vinto 35, mentre altri ne hanno 35. Il Parlamento appeso risultante ha messo in dubbio il mandato di maggio di negoziare la Brexit e ha portato i leader del lavoro e dei liberaldemocratici a chiamare a maggio per dimettersi.

 

Parlando di fronte alla residenza del Primo Ministro a 10 Downing Street, May si è sbarazzata per chiederle di lasciare il suo incarico, dicendo: “È chiaro che solo il Partito conservatore e sindacalista” – il nome ufficiale dei Tories – “ha la legittimità e capacità di fornire tale certezza comandando la maggioranza alla Camera dei Comuni “. I conservatori hanno stretto un accordo con il Partito Democratico Unionista dell’Irlanda del Nord, che ha ottenuto 10 seggi, per formare una coalizione. La festa è poco conosciuta al di fuori dell’Irlanda del Nord, a giudicare da un’ondata di curiose ricerche su Google che hanno causato il crash del sito del DUP.

Maggio ha presentato le elezioni come una possibilità per i conservatori di consolidare il loro mandato e rafforzare la loro posizione negoziale con Bruxelles. Ma questo è fallito.

“Le elezioni sono servite a diffondere, non a concentrare il potere politico, soprattutto per quanto riguarda la Brexit”, ha scritto il corrispondente politico di Sky News Lewis Goodall . ” Sin dalla notte delle elezioni, Bruxelles non ha solo avuto a che fare con il numero 10 ma, in effetti, anche con la Camera dei Comuni.”

Sulla scia delle elezioni, molti si aspettavano che la posizione della Brexit del governo si ammorbidisse, e avevano ragione. Maggio ha pubblicato un white paper sulla Brexit a luglio 2018 che menzionava un “accordo di associazione” e una zona di libero scambio per le merci con l’UE. David Davis si è dimesso da segretario alla Brexit e Boris Johnson si è dimesso da segretario agli Esteri per protesta.

Ma le elezioni hanno anche aumentato la possibilità di una Brexit senza accordi. Come previsto dal Financial Times , il risultato ha reso May più vulnerabile alle pressioni di Euroskeptics e dei suoi partner della coalizione. Stiamo vedendo questo giocare con la rissa irlandese di backstop.

Con la sua posizione indebolita, May ha lottato per unire il suo partito dietro il suo accordo e mantenere il controllo della Brexit.

Referendum per l’indipendenza della Scozia

I politici scozzesi hanno spinto per un secondo referendum sull’indipendenza sulla scia del voto sulla Brexit, ma i risultati delle elezioni dell’8 giugno 2017 hanno rallentato i loro sforzi. Il Partito nazionale scozzese (SNP) ha perso 21 seggi nel parlamento di Westminster e il 27 giugno 2017 il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha dichiarato che il suo governo a Holyrood avrebbe “ripristinato” il suo calendario sull’indipendenza per concentrarsi sulla consegna di una “Brexit leggera”.

Nessuna area locale scozzese ha votato per lasciare l’UE, secondo la Commissione elettorale del Regno Unito, sebbene Moray si sia avvicinata al 49,9%. Il paese nel suo insieme ha respinto il referendum dal 62,0% al 38,0%. Poiché la Scozia contiene solo l’8,4% della popolazione del Regno Unito, tuttavia, il suo voto a Remain – insieme a quello dell’Irlanda del Nord, che rappresenta solo il 2,9% della popolazione del Regno Unito – è stato ampiamente compensato dal sostegno alla Brexit in Inghilterra e Galles.

La Scozia si unì all’Inghilterra e al Galles per formare la Gran Bretagna nel 1707, e il rapporto è stato tumultuoso a volte. Il SNP, che fu fondato negli anni ’30, aveva solo sei dei 650 seggi a Westminster nel 2010. L’anno seguente, tuttavia, formò un governo di maggioranza nel devoto parlamento scozzese a Holyrood, in parte grazie alla sua promessa di tenere un referendum sull’indipendenza scozzese.

Referendum per l’indipendenza scozzese 2014

Tale referendum, tenutosi nel 2014, ha visto perdere la parte a favore dell’indipendenza con il 44,7% dei voti; l’affluenza è stata dell’84,6%. Lungi dal porre fine alla questione dell’indipendenza, tuttavia, il voto ha alimentato il sostegno ai nazionalisti. L’SNP ha vinto 56 dei 59 seggi scozzesi a Westminster l’anno successivo, superando i Lib Dems per diventare il terzo più grande partito nel Regno Unito in generale. La mappa elettorale britannica mostrò improvvisamente una divisione evidente tra Inghilterra e Galles – dominata dal blu Tory con l’occasionale macchia rossa laburista – e dalla Scozia tutta gialla.

Quando la Gran Bretagna ha votato per lasciare l’UE, la Scozia ha raggiunto il culmine. Una combinazione di nazionalismo emergente e forte sostegno all’Europa ha portato quasi immediatamente a chiedere un nuovo referendum sull’indipendenza. Quando la Corte Suprema ha deciso il 3 novembre 2017 che le assemblee nazionali devolute come il parlamento scozzese non possono porre il veto alla Brexit, le richieste sono diventate più forti. Il 13 marzo di quell’anno, Sturgeon ha richiesto un secondo referendum, che si terrà nell’autunno del 2018 o nella primavera del 2019. Holyrood l’ha sostenuta con un voto di 69-59 il 28 marzo, il giorno prima che il governo di maggio innescasse l’articolo 50.

La tempistica preferita di Sturgeon è significativa poiché il conto alla rovescia di due anni avviato dall’articolo 50 si concluderà nella primavera del 2019, quando la politica sulla Brexit potrebbe essere particolarmente instabile.

Che aspetto avrebbe l’indipendenza?

La situazione economica della Scozia solleva anche domande sul suo ipotetico futuro come paese indipendente. Il crollo del prezzo del petrolio ha inferto un duro colpo alle finanze del governo. Nel maggio 2014 ha previsto entrate fiscali per il 2015-2016 dalla perforazione del Mare del Nord di £ 3,4 miliardi a £ 9 miliardi, ma ha raccolto £ 60 milioni, meno dell’1,0% del punto medio delle previsioni. In realtà, queste cifre sono ipotetiche, dal momento che le finanze della Scozia non sono interamente devolute, ma le stime si basano sulla quota geografica del paese di perforazione del Mare del Nord, quindi illustrano cosa potrebbe aspettarsi come nazione indipendente.

Il dibattito su quale valuta avrebbe usato una Scozia indipendente è stato ripreso. L’ex leader del SNP Alex Salmond, che è stato il primo ministro della Scozia fino a novembre 2014, ha dichiarato al Financial Times che il paese potrebbe abbandonare la sterlina e introdurre la propria valuta, consentendole di fluttuare liberamente o agganciandola alla sterlina. Ha escluso l’adesione all’euro, ma altri sostengono che sarebbe necessario che la Scozia aderisse all’UE. Un’altra possibilità sarebbe quella di utilizzare la sterlina, il che significherebbe perdere il controllo sulla politica monetaria .

Chi ci perde e chi ci guadagna

D’altro canto, una valuta debole che fluttua sui mercati globali può essere un vantaggio per i produttori del Regno Unito che esportano merci. Le industrie che dipendono fortemente dalle esportazioni potrebbero effettivamente vedere alcuni vantaggi. Nel 2015, le prime 10 esportazioni dal Regno Unito sono state (in USD):

  1. Macchine, motori, pompe: 63,9 miliardi di dollari (13,9% delle esportazioni totali)
  2. Gemme, metalli preziosi: $ 53 miliardi (11,5%)
  3. Veicoli: $ 50,7 miliardi (11%)
  4. Prodotti farmaceutici: $ 36 miliardi (7,8%)
  5. Petrolio: $ 33,2 miliardi (7,2%)
  6. Apparecchiature elettroniche: $ 29 miliardi (6,3%)
  7. Aerei, veicoli spaziali: $ 18,9 miliardi (4,1%)
  8. Attrezzature mediche e tecniche: $ 18,4 miliardi (4%)
  9. Prodotti chimici organici: $ 14 miliardi (3%)
  10. Materie plastiche: $ 11,8 miliardi (2,6%)

Alcuni settori sono pronti a beneficiare di un’uscita. È probabile che le multinazionali quotate sul FTSE 100 vedano aumentare i guadagni a causa di una sterlina leggera. Una valuta debole può anche giovare al turismo, all’energia e al settore dei servizi.

Nel maggio 2016, la State Bank of India ( SBIN.NS ), la più grande banca commerciale dell’India, ha suggerito che la Brexit andrà a beneficio economico dell’India. Mentre lasciare la zona euro significherà che il Regno Unito non avrà più libero accesso al mercato unico europeo, consentirà una maggiore attenzione agli scambi con l’India. L’India avrà anche più spazio di manovra se il Regno Unito non rispetta più le norme e i regolamenti commerciali europei.

Commercio tra Regno Unito e UE dopo Brexit

May ha sostenuto una Brexit “dura”, nel senso che la Gran Bretagna lascerebbe il mercato unico e l’unione doganale dell’UE, per poi negoziare un accordo commerciale per governare le loro relazioni future. Tali negoziati sarebbero stati condotti durante un periodo di transizione che inizierà quando verrà ratificato un accordo di divorzio. La scarsa presentazione dei conservatori nelle elezioni anticipate del giugno 2017 ha messo in discussione il sostegno popolare a una dura Brexit, e molti sulla stampa hanno ipotizzato che il governo potesse prendere una linea più morbida. Il Libro bianco sulla Brexit pubblicato a luglio 2018 ha rivelato i piani per una Brexit più morbida. Era troppo morbido per molti parlamentari appartenenti al suo partito e troppo audace per l’UE.

Il Libro bianco afferma che il governo prevede di abbandonare il mercato unico dell’UE e l’unione doganale. Tuttavia, propone la creazione di una zona di libero scambio per le merci che “eviterebbero la necessità di controlli doganali e regolamentari alla frontiera e significherebbe che le imprese non dovrebbero completare costose dichiarazioni doganali. E consentirebbe ai prodotti di sottoporsi a un solo set di approvazioni e autorizzazioni in entrambi i mercati, prima di essere venduto in entrambi. ” Ciò significa che il Regno Unito seguirà le regole del mercato unico dell’UE per quanto riguarda le merci.

Il Libro bianco ha riconosciuto che un accordo doganale senza confini con l’UE – uno che ha consentito al Regno Unito di negoziare accordi di libero scambio con paesi terzi – ha “una portata più ampia di qualsiasi altro esistente tra l’UE e un paese terzo”.

Il governo ha ragione sul fatto che non esiste un esempio di questo tipo di relazioni in Europa oggi. I quattro ampi precedenti che esistono sono le relazioni dell’UE con la Norvegia, la Svizzera, il Canada e i membri dell’Organizzazione mondiale del commercio.

Scenari economici più probabili: 

Il modello norvegese: unisci all’AEA

La prima opzione sarebbe che il Regno Unito si unisse alla Norvegia, all’Islanda e al Lichtenstein nello Spazio economico europeo (SEE), che fornisce l’accesso al mercato unico dell’UE per la maggior parte dei beni e servizi (esclusi agricoltura e pesca). Allo stesso tempo, l’AEA è al di fuori dell’unione doganale, quindi la Gran Bretagna potrebbe concludere accordi commerciali con paesi terzi. L’accordo non è affatto vantaggioso, tuttavia: il Regno Unito sarebbe vincolato da alcune leggi dell’UE perdendo la sua capacità di influenzare tali leggi attraverso i diritti di voto del Consiglio europeo e del Parlamento europeo. Nel settembre 2017, May ha definito questo accordo una inaccettabile “perdita di controllo democratico”.

David Davis ha espresso interesse per il modello norvegese in risposta a una domanda che ha ricevuto alla Camera di commercio degli Stati Uniti a Washington. “È qualcosa a cui abbiamo pensato ma non è in cima alla nostra lista.” Si riferiva in particolare all’Associazione europea di libero scambio (EFTA), che come l’AEA offre accesso al mercato unico, ma non all’unione doganale. Una volta l’EFTA era una grande organizzazione, ma la maggior parte dei suoi membri ha lasciato l’UE. Oggi comprende Norvegia, Islanda, Lichtenstein e Svizzera; tutti tranne la Svizzera sono anche membri del SEE.

Il modello svizzero

La relazione della Svizzera con l’UE, che è regolata da circa 20 importanti patti bilaterali con il blocco, è sostanzialmente simile all’accordo SEE. Insieme a questi tre, la Svizzera è membro dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA). La Svizzera ha contribuito alla creazione del SEE, ma i suoi cittadini hanno respinto l’adesione a un referendum del 1992.

Il paese consente la libera circolazione delle persone ed è membro dell’Area Schengen senza passaporto. È soggetto a molte regole del mercato unico, senza avere molto da dire nel rispettarle. È al di fuori dell’unione doganale, consentendole di negoziare accordi di libero scambio con paesi terzi; di solito, ma non sempre, ha negoziato a fianco dei paesi SEE. La Svizzera ha accesso al mercato unico dei beni (ad eccezione dell’agricoltura), ma non ai servizi (ad eccezione dell’assicurazione). Paga un modesto importo nel bilancio dell’UE.

È improbabile che i sostenitori della Brexit che vogliono “riprendere il controllo” adottino le concessioni che la Svizzera ha fatto in materia di immigrazione, pagamenti di bilancio e regole del mercato unico. L’UE probabilmente non vorrebbe nemmeno una relazione modellata sull’esempio svizzero: l’adesione della Svizzera all’EFTA ma non al SEE, Schengen ma non all’UE, è un prodotto disordinato della complessa storia dell’integrazione europea e – cos’altro – un referendum.

Il modello canadese: un accordo di libero scambio

Una terza opzione è quella di negoziare un accordo di libero scambio con l’UE in linea con l’accordo economico e commerciale globale (CETA), un patto che l’UE ha concluso con il Canada ma non ratificato. Il problema più ovvio con questo approccio è che il Regno Unito ha solo due anni dall’avvio dell’articolo 50 per negoziare un simile accordo. L’UE ha rifiutato di discutere le future relazioni commerciali al più presto fino a dicembre.

Per dare un’idea di quanto stretto sia questo calendario, i negoziati CETA sono iniziati nel 2009 e si sono conclusi nel 2014. Tre anni dopo, una piccola minoranza dei 28 parlamenti nazionali dell’UE ha ratificato l’accordo. Persuadere il resto potrebbe richiedere anni. Anche le legislature subnazionali possono ostacolare un accordo: il parlamento regionale vallone, che rappresenta meno di 4 milioni di belgi principalmente di lingua francese, ha bloccato da solo il CETA per alcuni giorni nel 2016. Al fine di prolungare la scadenza di due anni per lasciare l’UE, la Gran Bretagna avrebbe bisogno dell’approvazione unanime dell’UE 27. Diversi politici britannici, tra cui il cancelliere dello scacchiere Philip Hammond, hanno sottolineato la necessità di un accordo transitorio di alcuni anni in modo che – tra le altre ragioni – la Gran Bretagna possa negoziare l’UE e accordi commerciali con paesi terzi;

In qualche modo, confrontare la situazione della Gran Bretagna con quella del Canada è fuorviante. Il Canada gode già di libero scambio con gli Stati Uniti attraverso il NAFTA , il che significa che un accordo commerciale con l’UE non è cruciale come lo è per il Regno Unito Le economie del Canada e della Gran Bretagna sono anche molto diverse: il CETA non include i servizi finanziari, uno dei più grandi della Gran Bretagna esportazioni verso l’UE.

Parlando a Firenze a settembre 2017, May ha affermato che il Regno Unito e l’UE “possono fare molto meglio” di un accordo commerciale in stile CETA, dal momento che stanno iniziando dalla “posizione senza precedenti” di condividere un corpus di regole e regolamenti. Non ha elaborato come sarebbe “molto meglio”, oltre a chiedere a entrambe le parti di essere “creative oltre che pratiche”.

Monique Ebell, ex Istituto Nazionale di Ricerca Economica e Sociale, sottolinea che anche con un accordo in essere, le barriere non tariffarie potrebbero essere un freno significativo per il commercio della Gran Bretagna con l’UE: si aspetta un totale commercio estero britannico – non solo flussi verso e dall’UE – ai sensi di un patto commerciale UE-Regno Unito. Lei sostiene che gli accordi di libero scambio in genere non gestiscono bene il commercio di servizi. I servizi sono una componente importante del commercio internazionale britannico; il paese gode di un surplus commerciale in quel segmento, il che non è il caso dei beni. Anche gli accordi di libero scambio faticano a frenare le barriere non tariffarie. Certo, la Gran Bretagna e l’UE stanno partendo da un sistema di regolamentazione unificato, ma le divergenze si moltiplicheranno solo dopo la Brexit.

 

OMC: vai da solo

Vuoi uscire? Sei fuori. Se la Gran Bretagna e l’UE non riescono a raggiungere un accordo su relazioni future, torneranno ai termini dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Anche questo valore predefinito non sarebbe del tutto semplice, tuttavia. Dal momento che la Gran Bretagna è attualmente membro dell’OMC attraverso l’UE, dovrà dividere i programmi tariffari con il blocco e dividere le passività derivanti dalle controversie commerciali in corso. Questo lavoro è già iniziato.

Il commercio con l’UE alle condizioni dell’OMC è lo scenario “no-deal” che il governo conservatore ha presentato come un fallback accettabile, sebbene la maggior parte degli osservatori lo consideri una tattica negoziale. Nel luglio 2017, il segretario di stato britannico per il commercio internazionale, Liam Fox, ha dichiarato: “La gente parla dell’OMC come se fosse la fine del mondo. Ma dimenticano che è così che attualmente commerciano con gli Stati Uniti, la Cina e il Giappone , con l’India, con il Golfo e le nostre relazioni commerciali sono forti e salutari “.

Per alcune industrie, tuttavia, la tariffa esterna dell’UE colpirebbe duramente: la Gran Bretagna esporta il 77% delle automobili che produce e il 58% di queste va in Europa. L’UE riscuote tariffe del 10% sulle auto importate. Monique Ebell del NIESR ha stimato che abbandonare il mercato unico dell’UE ridurrebbe del 22-30% il commercio globale di beni e servizi britannici, e non solo quello con l’UE.

Né il Regno Unito rinuncerà ai suoi accordi commerciali con l’UE: in uno qualsiasi degli scenari di cui sopra, probabilmente perderà gli accordi commerciali che il blocco ha raggiunto 63 paesi terzi, nonché i progressi nella negoziazione di altri accordi. Sostituire questi e aggiungerne di nuovi è una prospettiva incerta. In un’intervista di settembre 2017 con Politico , il segretario al commercio Liam Fox ha dichiarato che il suo ufficio – formato a luglio 2016 – ha allontanato alcuni paesi terzi cercando di negoziare accordi di libero scambio perché non ha la capacità di negoziare.

Fox vuole inserire i termini degli accordi commerciali esistenti nell’UE in nuovi accordi, ma alcuni paesi potrebbero non essere disposti a dare alla Gran Bretagna (66 milioni di persone, $ 2,6 trilioni di PIL) gli stessi termini dell’UE (esclusa la Gran Bretagna, circa 440 milioni di persone, $ 13,9 trilioni di PIL).

 

I negoziati con i paesi terzi non sono tecnicamente consentiti mentre la Gran Bretagna rimane un membro dell’UE, ma anche così sono iniziati colloqui informali, in particolare con gli Stati Uniti

Impatto sugli Stati Uniti

Aziende negli Stati Uniti in una vasta gamma di settori hanno fatto grandi investimenti nel Regno Unito per molti anni. Le società americane hanno ricavato il 9% del profitto globale delle consociate estere dal Regno Unito dal 2000. Nel solo 2014, le società statunitensi hanno investito un totale di $ 588 miliardi in Gran Bretagna. Anche gli Stati Uniti assumono molti inglesi. In effetti, le società statunitensi sono uno dei maggiori mercati del lavoro del Regno Unito. Nel 2013 la produzione delle consociate statunitensi nel Regno Unito è stata di $ 153 miliardi. Il Regno Unito svolge un ruolo vitale nell’infrastruttura globale delle società americane dagli asset gestiti, vendite internazionali e avanzamenti di ricerca e sviluppo (R&S). Le compagnie americane hanno visto la Gran Bretagna come una porta strategica verso altri paesi dell’Unione Europea. Brexit metterà a repentaglio gli utili delle affiliate e i prezzi delle azioni di molte società strategicamente allineate con il Regno Unito, il che potrebbe vederle riconsiderare le loro operazioni con i membri britannici e dell’Unione Europea.

Le società e gli investitori americani che hanno un’esposizione a banche e mercati del credito europei possono essere influenzati dal rischio di credito. Le banche europee potrebbero dover sostituire $ 123 miliardi in titoli a seconda di come si svolge l’uscita. Inoltre, il debito del Regno Unito potrebbe non essere incluso nelle riserve di liquidità di emergenza delle banche europee , creando problemi di liquidità. I titoli garantiti da attività europee sono in declino dal 2007. È probabile che questo calo si intensifichi ora che la Gran Bretagna ha scelto di andarsene.

Chi è il prossimo a lasciare l’UE?

La lotta politica sull’Europa non si limita alla Gran Bretagna. La maggior parte dei membri dell’UE ha forti movimenti euroscettici che, mentre finora hanno lottato per conquistare il potere a livello nazionale, influenzano pesantemente il tenore della politica nazionale. In alcuni paesi esiste la possibilità che tali movimenti possano garantire referendum sull’adesione all’UE.

Nel maggio 2016, la società di ricerca globale IPSOS ha pubblicato un rapporto che mostra che la maggior parte degli intervistati in Italia e Francia ritiene che il proprio paese debba tenere un referendum sull’adesione all’UE.

 

Italia

Il fragile settore bancario italiano ha guidato un cuneo tra l’UE e il governo italiano, che ha fornito fondi di salvataggio al fine di salvare i detentori di obbligazioni mamma-e-pop dall’essere “salvati”, come previsto dalle norme dell’UE. Il governo ha dovuto abbandonare il suo bilancio 2019 quando l’UE lo ha minacciato di sanzioni. Ha ridotto il disavanzo di bilancio previsto dal 2,4% del PIL al 2,04%.

Matteo Salvini, capo di estrema destra della Lega Nord italiana e viceministro del Paese, ha chiesto un referendum sull’adesione all’UE poche ore dopo il voto sulla Brexit, dicendo: “Questo voto è stato uno schiaffo in faccia a tutti coloro che affermano che l’Europa sono affari loro e gli italiani non devono immischiarsi in quello “. La Lega Nord ha un alleato nel populista Five Star Movement (M5S), il cui fondatore, l’ex comico Beppe Grillo, ha chiesto un referendum sull’adesione dell’Italia all’euro, sebbene non sull’UE. I due partiti hanno formato un governo di coalizione nel 2018 e nominato primo ministro Giuseppe Conte. Conte ha escluso la possibilità di “Italexit”.

Francia

Marine Le Pen, leader del fronte nazionale euroscettico francese (FN), ha salutato il voto sulla Brexit come una vittoria per il nazionalismo e la sovranità in tutta Europa: “Come molti francesi, sono molto felice che il popolo britannico abbia tenuto duro e fatto la scelta giusta. Ciò che pensavamo fosse impossibile ieri ora è diventato possibile “. Ha perso le elezioni presidenziali francesi contro Emmanuel Macron nel maggio 2017, guadagnando solo il 33,9% dei voti.

Macron ha avvertito che la domanda di “Frexit” crescerà se l’UE non vede riforme. Secondo un sondaggio IFOP del febbraio 2019, il 40% dei cittadini francesi desidera che il Paese lasci l’UE. Frexit è anche una delle richieste dei manifestanti giubbotto giallo.

LEGGI ANCHE : Guerra Commerciale Usa – Cina chi vincerà?

Che cos’è l’economia?  

Economia Politica

5G 

Adam Smith  

Economia Keynesiana

Belt & Road initiative – accodo Italia – Cina 

Computer Quantistico

Smartphone pieghevole Samsung Galaxy Fold

Aziende italiane più grandi

Germania compra quota aziende tedesche

Chi è Greta Thunberg la ragazzina contro il Riscaldamento Globale

Siamo in recessione 

Populisti nel Mondo 

Cambiamenti Climatici: i ghiacci al Polo si stanno sciogliendo 

Il Suicidio della sinistra italiana  

Decreto Salva Banche Carige 

Sovranisti contro Globalisti, il futuro della politica 

Guerra commerciali Stati Uniti Cina 

La crisi economica mondiale partirà dall’Italia? 

Più auto elettriche che a benzina in Norvegia 

Cattedrale di Notre Dame 

Coca Cola il brand più famoso del mondo 

Storia della pubblicità 

Dove la cannabis è legale negli Stati Uniti

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *