Prezzo del Rame: Quanto Costa il Rame Oggi

Qual’è il prezzo del rame, quanto costaoggi, a quanto è arrivato il valore di questo minerale rosa in Italia?

Grazie al prezzo del rame, è facile guadagnare andandolo a cercare in giro e tante persone sbarcano il lunario proprio andando a rimediare rame in giro.

Magari abbiamo fatto dei lavori in casa, o facciamo un lavoro che ci permette di riciclare rame, ecco che allora il rame si può vendere, ha un suo mercato che possiamo paragonare a quello dell’oro, certo, costa molto meno dell’oro ma possiamo comunque venderlo a delle ditte che lo comprano e lo pagano anche bene. Con un pezzetto di tubatura di rame di pochi metri, possiamo farci ‘la giornata’, come si dice, ecco perchè il rame è un elemento molto apprezzato dai ladri, che a volte entrano nelle case abbandonate e distruggono pavimenti e muri solo per prendere i tubi dell’acqua che un tempo erano fatti di rame per poi rivenderli.

Rame: un metallo usato nei secoli

Il rame è stato uno dei primi metalli mai estratti e utilizzati dall’uomo e ha contribuito in modo vitale a sostenere e migliorare la società sin dagli albori della civiltà. Il rame fu usato per la prima volta in monete e ornamenti a partire dall’8000 aC circa, e intorno al 5500 aC, gli strumenti in rame aiutarono la civiltà a emergere dall’età della pietra. La scoperta che il rame in lega con lo stagno produce bronzo ha segnato l’inizio dell’età del bronzo intorno al 3000 aC
Negli Stati Uniti, un pezzo di quello che si crede essere un braccialetto di rame è stato trovato in una sepoltura di nativi americani nella pianura costiera della Georgia nel 2017. La sepoltura era una cremazione datata a circa 3500 anni fa. Il rame conteneva oligoelementi che lo collegavano ai depositi geologici nella regione dei Grandi Laghi . Queste scoperte suggeriscono una connessione commerciale a lunga distanza tra la Georgia e la regione dei Grandi Laghi, una distanza maggiore di quanto si fosse mai saputo prima.

Il rame è facilmente stirabile, modellato e modellato; è resistente alla corrosione; e conduce il calore e l’elettricità in modo efficiente. Di conseguenza, il rame era importante per i primi esseri umani e continua ad essere un materiale di scelta per una varietà di applicazioni domestiche, industriali e ad alta tecnologia oggi.

Come usiamo il rame oggi?

Attualmente, il rame viene utilizzato nella costruzione di edifici, nella generazione e trasmissione di energia, nella produzione di prodotti elettronici e nella produzione di macchinari industriali e veicoli di trasporto, in particolare nelle auto elettriche dove ne viene usato 5 volte tanto rispetto le auto a motore endotermico. Il cablaggio e l’impianto idraulico in rame sono parte integrante degli elettrodomestici, dei sistemi di riscaldamento e raffreddamento e dei collegamenti di telecomunicazione utilizzati ogni giorno nelle case e nelle aziende. Il rame è un componente essenziale nei motori, nei cablaggi, nei radiatori, nei connettori, nei freni e nei cuscinetti utilizzati nelle auto e nei camion. L’auto media contiene 1,5 chilometri (0,9 miglia) di filo di rame e la quantità totale di rame varia da 20 chilogrammi (44 libbre) in auto piccole a 45 chilogrammi (99 libbre) in veicoli di lusso e ibridi.

Quali proprietà rendono utile il rame?

Le eccellenti proprietà di lega del rame lo hanno reso inestimabile quando combinato con altri metalli , come lo zinco (per formare l’ottone), lo stagno (per formare il bronzo) o il nichel . Queste leghe hanno caratteristiche desiderabili e, a seconda della loro composizione, sono sviluppate per applicazioni altamente specializzate. Ad esempio, la lega di rame-nichel viene applicata agli scafi delle navi perché non si corrode nell’acqua di mare e riduce l’adesione della vita marina, come i cirripedi, riducendo così la resistenza e aumentando l’efficienza del carburante. L’ottone è più malleabile e ha migliori proprietà acustiche rispetto al rame puro o allo zinco; di conseguenza, viene utilizzato in una varietà di strumenti musicali, tra cui trombe, tromboni, campane e piatti.

Rubano il rame per rivenderlo

Negli ultimi anni si è parlato tantissimo del rame, conosciuto anche come oro rosso. Ha conquistato la ribalta della cronaca per i sempre più frequenti furti di rame. Come mai tanto interesse per il rame? Innanzitutto va detto che la sua origine è molto antica. I Popoli lo utilizzavano fin dal 9.000 A.C. per la possibilità di formare leghe. Il rame può essere combinato con altri metalli.

Le leghe risultanti possono essere più dure, più forti e più resistenti alla corrosione del rame puro. Ecco le caratteristiche principali: eccellente conduttore di elettricità; eccellente conduttore di calore; resistente alla corrosione; antibatterico; facile da giuntare; duttile; robusto; amagnetico; bello e ricco di colori; capace di formare molte leghe; riciclabile; amico del risparmio energetico. Tante professioni necessitano delle proprietà tecnologiche ed estetiche del rame e delle sue leghe.

Quanto costa il rame: il giro d’affari

L’industria europea del rame conta 500 compagnie per 45 miliardi di fatturato e 50 mila addetti. Molteplici i settori industriali che hanno fondato la loro attività sul valore aggiunto del rame: le utilities dell’energia, automotive, elettronica, edilizia.

La domanda di rame

Il rame è un materiale fondamentale per l’efficienza energica, l’edilizia sostenibile, il risparmio energetico, il sistema dei trasporti e la sanità. Negli ultimi anni è diventato importante sfruttare la riciclabilità del rame per rispondere alla domande che è raddoppiata nell’ultimo quarto di secolo. Nell’ultimo decennio il 41% della domanda di rame nella UE è stata soddisfatta dal riciclo interno industriale e dai prodotti giunti alla fine della loro vita utile. La produzione di rame in Europa è il 5,7% di quella mondiale.

PREZZO DEL RAME ( copper ) OGGI ( sempre aggiornato) ESPRESSO IN 1 LIBBRA = EURO 

Legenda: 1 libbra corrisponde a = 0,453592 chilogrammi, copper significa rame

Chi lo produce?

Il Cile è il primo produttore al mondo (32%), seguito da Cina (8%), Perù(8%), USA (7%) e Australia (6%). La Cina è il primo produttore mondiale di rame raffinato con il 27% del totale mondiale. Seguono: Cile (16%), Giappone (7%), USA e Russia (5%).

Prezzo del rame: quanto costa il rame oggi
Prezzo del rame negli ultimi 5 anni

I furti di rame

Dilagano i furti di rame. Colpite società operanti nel settore dei trasporti, dell’energia e delle telecomunicazioni e anche aziende elettrotecniche ed elettroniche. I furti, oltre a provocare l’interruzione di pubblici servizi essenziali, possono avere conseguenze per quanto riguarda la sicurezza e l’ordine pubblico. Si è reso necessario dare vita all’Osservatorio nazionale sui furti di rame presso il dipartimento della Pubblica sicurezza, direzione centrale della Polizia criminale.

Quanto costa il rame

Il costo del rame è elevato. Oscilla parecchio in base a diversi fattori. Differisce tra rame vergine o rame usato. Sono molte le persone che in Italia sono attive nel business del rame. Il costo del rame varia da una cifra che si aggira da 1 € al Kg per il materiale più scadente già utilizzato, fino ad un costo di 8 euro al Kg per il rame vergine ovvero mai utilizzato prima. Il costo varia nell’arco degli anni. Non è mai fisso. Oscilla in base a diversi fattori tra cui la domanda di rame.

Andamento dei prezzi

Negli ultimi anni il costo del rame è sceso del 10-15%. Visto l’alto costo spesso i luoghi pieni di rame, come per esempio le stazioni ferroviarie, sono state prese d’assalto da criminali comuni o bande organizzate che rubavano il rame per poi rivenderlo. Le quotazioni del rame variano di mese in mese in base a come si muove il mercato. Il rame rappresenta un materiale molto redditizio sul quale investire anche capitali ridotti a differenza dell’oro dove servono grossi quantitativi di denaro.

quanto costa il rame
Furti di rame

Quanto costa il rame al kg

Il costo del rame al kgvaria in base alla qualità del rame. Il rame usato può costare 1 euro al kg così come anche 50 centesimi se è in cattivo stato. Nei casi in cui il rame dovesse essere di ottima qualità e soprattutto vergine, può anche costare fino ad 8 euro al kg.

quanto costa il rame
Una miniera di rame.
Per estrarre rame dalla terra, bisogna ripulirlo da tonnellate di roccia che lo trattengono.

Comprare il rame

Il business del rame può rappresentare un valido investimento. Ma anche una scelta non redditizia. Dipende molto dalla competenza nel settore della compra-vendita. Se non si è esperti in materia è consigliabile non investire. Bisogna analizzare l’andamento del mercato per stabilire in anticipo le oscillazioni di prezzo. Alla base ci deve essere una grande conoscenza della domanda di rame e degli sviluppi sul fronte delle applicazioni. Non si può improvvisare. La fortuna in questo caso non può affatto aiutare. Solo una profonda conoscenza del settore del rame può portare ad investimenti redditizi.

Da dove viene in rame?

Tipi di depositi di rame

Il rame si presenta in molte forme, ma le circostanze che controllano come, quando e dove viene depositato sono molto variabili. Di conseguenza, il rame si trova in molti minerali diversi . La calcopirite è il minerale di rame più abbondante ed economicamente significativo.

I depositi di rame sono generalmente classificati sulla base di come si sono formati i depositi. I depositi di rame di porfido, che sono associati alle intrusioni ignee , producono circa i due terzi del rame mondiale e sono quindi il tipo di deposito di rame più importante al mondo. Grandi giacimenti di rame di questo tipo si trovano nelle regioni montuose del Nord America occidentale e nelle Ande del Sud America .

Un altro importante tipo di deposito di rame – il tipo contenuto nelle rocce sedimentarie – rappresenta circa un quarto delle risorse mondiali di rame identificate. Questi depositi si verificano in aree come la cintura di rame dell’Africa centrale e il bacino di Zechstein dell’Europa orientale .

I singoli depositi di rame possono contenere centinaia di milioni di tonnellate di roccia contenente rame e comunemente vengono sviluppati utilizzando metodi di estrazione a cielo aperto. Le operazioni minerarie, che di solito seguono la scoperta del minerale di molti anni, spesso durano decenni. Sebbene molte attività minerarie storiche non fossero tenute a condurre le loro attività minerarie in modo da ridurre il loro impatto sull’ambiente, le attuali normative federali e statali richiedono che le operazioni minerarie utilizzino pratiche rispettose dell’ambiente per ridurre al minimo gli effetti dello sviluppo dei minerali sulla salute umana e dell’ecosistema .

La ricerca ambientale mineraria dell’USGS aiuta a caratterizzare le interazioni naturali e umane tra i depositi di rame e gli ecosistemi acquatici e terrestri circostanti. La ricerca aiuta a definire le condizioni di base naturali prima dell’inizio dell’attività mineraria e dopo la chiusura della miniera. Gli scienziati dell’USGS stanno studiando le variabili climatiche, geologiche e idrologiche per comprendere meglio le interazioni tra risorse e ambiente.

Fornitura, domanda e riciclaggio del rame

La produzione (offerta) e il consumo (domanda) mondiale di rame sono aumentati drasticamente negli ultimi 25 anni. Poiché i grandi paesi in via di sviluppo sono entrati nel mercato globale, la domanda di materie prime minerali, incluso il rame, è aumentata. Negli ultimi 20 anni, la regione andina del Sud America è emersa come la regione del rame più produttiva al mondo. Nel 2007, circa il 45% del rame mondiale è stato prodotto dalle Ande; gli Stati Uniti hanno prodotto l’8 per cento. Praticamente tutto il rame prodotto negli Stati Uniti proviene, in ordine decrescente di produzione, da Arizona, Utah, New Mexico, Nevada o Montana.

Il rischio di interruzione della fornitura globale di rame è considerato basso perché la produzione di rame è dispersa a livello globale e non è limitata a un singolo paese o regione. A causa della sua importanza nella costruzione e nella trasmissione di energia, tuttavia, l’impatto di qualsiasi interruzione dell’approvvigionamento di rame sarebbe elevato.

Il rame è uno dei metalli più ampiamente riciclati; circa un terzo di tutto il rame consumato nel mondo viene riciclato. Il rame riciclato e le sue leghe possono essere rifusi e utilizzati direttamente o ulteriormente ritrattati per ottenere rame raffinato senza perdere nessuna delle proprietà chimiche o fisiche del metallo.

Come possiamo garantire forniture adeguate di rame per il futuro?
Per aiutare a prevedere dove potrebbero essere localizzate le future risorse di rame, gli scienziati dell’USGS studiano come e dove le risorse di rame conosciute sono concentrate nella crosta terrestre e usano tale conoscenza per valutare il potenziale di risorse di rame non scoperte. Le tecniche per valutare il potenziale delle risorse minerarie sono state sviluppate e perfezionate dall’USGS per supportare la gestione delle terre federali e per valutare meglio la disponibilità delle risorse minerarie in un contesto globale.

Valutazione globale delle risorse di rame

L’USGS ha valutato il rame non scoperto in due tipi di depositi che rappresentano circa l’80% della fornitura mondiale di rame. I depositi di rame di porfido rappresentano circa il 60 percento del rame mondiale. Nei depositi di rame porfido, i minerali di rame sono disseminati in intrusioni ignee. I depositi di rame stratificati ospitati da sedimenti, in cui il rame è concentrato in strati in rocce sedimentarie, rappresentano circa il 20% delle risorse mondiali di rame identificate. A livello globale, le miniere in questi due tipi di depositi producono circa 12 milioni di tonnellate di rame all’anno.

Questo studio ha considerato il potenziale per i depositi esposti e nascosti entro 1 chilometro dalla superficie per i depositi di porfido e fino a 2,5 chilometri dalla superficie per i depositi stratificati ospitati da sedimenti. Per i depositi di porfido sono stati delineati 175 tratti; 114 tratti contengono 1 o più depositi identificati. Cinquanta tratti sono stati delineati per depositi di rame stratificati ospitati da sedimenti; 27 contengono 1 o più depositi identificati.

I risultati della valutazione sono forniti per tipo di deposito per 11 regioni (vedi Mappa dei depositi di rame in questa pagina). La risorsa totale media non scoperta per i depositi di porfido è di 3.100 milioni di tonnellate e la risorsa totale non scoperta media per i depositi ospitati da sedimenti è di 400 milioni di tonnellate, per un totale globale di 3.500 milioni di tonnellate di rame. Gli intervalli delle stime delle risorse (tra il 90° e il 10° percentile) riflettono l’incertezza geologica nel processo di valutazione. Circa il 50 percento del totale globale si verifica in Sud America, Asia centro -meridionale e Indocina e Nord America messi insieme.
Il Sud America ha le maggiori risorse di rame identificate e non scoperte (circa il 20% della quantità totale da scoprire). In questa regione vengono estratti i più grandi giacimenti di porfido del mondo. Cile e Perù sono tra i primi paesi produttori di rame al mondo.

L’America centrale e i Caraibi ospitano due giganteschi giacimenti di porfido di rame non sviluppati (>2 milioni di tonnellate di rame) a Panama . La maggior parte delle risorse da scoprire si trova in una cintura che si estende da Panama al Messico sudoccidentale .

Il Nord America ospita tratti di rame porfido altamente mineralizzato che includono depositi di porfido supergiganti (> 25 milioni di tonnellate di rame) nel Messico settentrionale , negli Stati Uniti occidentali e in Alaska, nonché depositi giganti nel Canada occidentale . Le risorse di rame porfido da scoprire stimate sono approssimativamente uguali alle risorse identificate.

I principali stati produttori di rame negli Stati Uniti sono Arizona , Utah , New Mexico , Nevada e Montana . Negli Stati Uniti, giacimenti di rame ricoperti da sedimenti sconosciuti ospitati da strati in Michigan , Montana e Texassi stima che contengano circa tre volte più rame di quanto è stato identificato. Sono noti due giacimenti giganti, nel Michigan e nel Montana.

L’Asia nordorientale è relativamente poco esplorata, con modeste risorse di rame porfido identificate e un solo deposito di rame porfido gigante identificato. Tuttavia, si stima che le risorse non scoperte medie siano piuttosto grandi. Questa regione ha il più grande rapporto tra risorse non scoperte e identificate nello studio.

L’Asia centro-settentrionale ha 35 depositi di rame di porfido, tra cui un deposito supergigante in Mongolia e un deposito gigantesco in Kazakistan . Si stima che l’area del tratto contenga circa tre volte la quantità di risorsa di rame porfido identificata. Questa regione ospita anche tre giganteschi depositi di rame stratificati ospitati da sedimenti, in Kazakistan e in Russia . L’USGS stima che possa essere presente tanto rame stratificato ospitato da sedimenti quanto è già stato scoperto.

L’Asia centro-meridionale e l’Indocina sono esplorate meno a fondo di molte altre parti del mondo; tuttavia, nell’altopiano tibetano sono stati identificati fino ad oggi quattro giganteschi giacimenti di rame porfido. I depositi di rame porfido non scoperti possono contenere otto volte la quantità di rame identificata.

Gli arcipelaghi del sud-est asiatico ospitano giacimenti di rame porfido ricchi di oro di prim’ordine come un supergigante in Indonesia e circa 16 giacimenti giganti in Indonesia , Papua Nuova Guinea e Filippine . Sebbene parti della regione siano ben esplorate, è probabile che le risorse di porfido non scoperte superino le risorse identificate.

L’Australia orientale ha un gigantesco deposito di rame porfido e diversi piccoli depositi di porfido. Sono previste modeste risorse non scoperte sotto copertura. L’Australia è da decenni uno dei principali produttori di rame.

L’Europa orientale e l’Asia sudoccidentale sono state estratte per il rame fin dai tempi antichi e recentemente sono stati identificati giganteschi giacimenti di rame di porfido. Si prevede che il rame non scoperto sia circa il doppio delle risorse identificate, sia per i depositi di porfido lungo una cintura dalla Romania attraverso la Turchia e l’ Iran, sia per i depositi stratificati ospitati da sedimenti in Afghanistan .

L’Europa occidentale ha il più grande deposito di rame stratificato ospitato da sedimenti nel mondo, in Polonia . Si stima che le risorse di rame ricoperte da sedimenti non scoperte nella Polonia sudoccidentale superino le risorse identificate di circa il 30 percento.

L’Africa e il Medio Oriente hanno il più grande accumulo al mondo di depositi di rame stratificati ospitati da sedimenti, con 19 depositi giganti nella cintura di rame dell’Africa centrale nella Repubblica Democratica del Congo e nello Zambia . Restano da scoprire significative risorse di rame ancora da scoprire.

 Come trovare l’oro nei fiumi  Quotazioni Oro  Cose più costose
 Quotazioni Petrolio  Quanto costa la benzina  Quanto costa un tatuaggio
 Quanto costa un diamante  Il materiale più costoso del mondo

Azioni di materie prime

 Quanto costa un piercing

Fonte

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *