Storia della Pubblicità: Riassunto, fino ad Oggi su Internet

Ecco una breve storia della pubblicità nella civiltà umana. Gli egiziani usavano il papiro per creare messaggi di vendita e manifesti pubblicitari. Messaggi commerciali e dimostrazioni di campagne politiche sono stati trovati nelle rovine di Pompei e nell’antica Arabia . La pubblicità persa e trovata su papiro era comune nell’antica Grecia e nell’antica Roma . La pittura murale o rock per la pubblicità commerciale è un’altra manifestazione di un’antica forma pubblicitaria, che è presente fino ad oggi in molte parti dell’Asia, Africa e Sud America. La tradizione della pittura murale può essere fatta risalire a pitture artistiche indiane che risalgono al 4000 aC.

Nell’antica Cina, la prima pubblicità conosciuta era orale, come registrato nel Classico della poesia (11 ° -7 ° secolo aC) di flauti di bambù giocato per vendere dolciumi. La pubblicità di solito prende la forma di insegne calligrafiche e documenti inchiostrati. Una lastra da stampa in rame risalente alla dinastia Song era usata per stampare manifesti sotto forma di un foglio quadrato con un logo di coniglio con ” Jinan Liu’s Fine Needle Shop” e “Acquistiamo barre d’acciaio di alta qualità e facciamo aghi di alta qualità , essere pronti per l’uso a casa in pochissimo tempo “scritto sopra e sotto è considerato il mezzo pubblicitario stampato più antico al mondo.

In Europa, quando le città e le città del Medioevo cominciarono a crescere, e la popolazione generale non fu in grado di leggere, invece di segni che leggevano “ciabattino”, “mugnaio”, “sarto” o “fabbro”, immagini associate con il loro commercio sarebbe stato usato come uno stivale, un vestito, un cappello, un orologio, un diamante, una scarpa da cavallo, una candela o persino un sacchetto di farina. Frutta e verdura sono state vendute nella piazza della città dal retro di carri e carri e i loro proprietari hanno usato i chiamanti delle strade ( banditori di città ) per annunciare dove si trovavano. La prima raccolta di tali annunci pubblicitari è stata raccolta in “Les Crieries de Paris”, un poema del XIII secolo di Guillaume de la Villeneuve.

Nel 18 ° secolo le pubblicità cominciarono ad apparire sui giornali settimanali in Inghilterra. Questi primi annunci pubblicitari erano usati principalmente per promuovere libri e giornali, che diventavano sempre più accessibili con i progressi della stampa; e medicine, che erano sempre più ricercate. Tuttavia, la pubblicità ingannevole e i cosiddetti annunci di ” ciarlatani ” divennero un problema che introdusse la regolamentazione dei contenuti pubblicitari.

Pubblicità nel XIX secolo

Volantino LEL del periodo Edo del 1806 per una medicina tradizionale chiamata Kinseitan .
Thomas J. Barratt di Londra è stato definito “il padre della pubblicità moderna”. Lavorando per la società Pears Soap , Barratt ha creato un’efficace campagna pubblicitaria per i prodotti dell’azienda, che prevedeva l’uso di slogan, immagini e frasi mirati. Uno dei suoi slogan: “Buongiorno, hai usato il sapone di Pears?” era famoso nel suo giorno e nel 20 ° secolo.

Barratt ha introdotto molte delle idee cruciali che stanno alla base della pubblicità di successo e queste sono state ampiamente diffuse ai suoi tempi. Ha costantemente sottolineato l’importanza di un’immagine di marchio forte ed esclusiva per le pere e di enfatizzare la disponibilità del prodotto attraverso campagne di saturazione. Capì anche l’importanza di rivalutare costantemente il mercato per cambiare gusti e costumi, affermando nel 1907 che “i gusti cambiano, le mode cambiano e l’inserzionista deve cambiare con loro. Un’idea che era efficace una generazione fa sarebbe caduta piatta, stantia, e inutile se presentato al pubblico oggi. Non che l’idea di oggi sia sempre migliore dell’idea più antica, ma è diversa – colpisce il gusto presente “.

Mentre l’economia si espandeva in tutto il mondo durante il 19 ° secolo, la pubblicità cresceva a fianco. Negli Stati Uniti, il successo di questo formato pubblicitario ha portato alla crescita della pubblicità per corrispondenza.

Nel giugno 1836, il quotidiano francese La Presse fu il primo ad includere la pubblicità a pagamento nelle sue pagine, permettendole di abbassare il prezzo, estendere i suoi lettori e aumentare la sua redditività e la formula fu presto copiata da tutti i titoli. Intorno al 1840, Volney B. Palmerha stabilito le radici della moderna agenzia pubblicitaria di Philadelphia. Nel 1842 Palmer acquistò grandi quantità di spazio su vari giornali ad un prezzo scontato, quindi rivendeva lo spazio a prezzi più alti agli inserzionisti. L’annuncio reale – la copia, il layout e la grafica – era ancora preparato dall’azienda che desiderava fare pubblicità; in effetti, Palmer era un mediatore spaziale. La situazione cambiò quando la prima agenzia pubblicitaria full service di NW Ayer & Son fu fondata nel 1869 a Philadelphia. Ayer & Son si è offerta di pianificare, creare ed eseguire campagne pubblicitarie complete per i propri clienti. Nel 1900 l’agenzia pubblicitaria era diventata il punto focale della pianificazione creativa e la pubblicità era saldamente stabilita come professione. Più o meno nello stesso periodo, in Francia, Charles-Louis Havasha esteso i servizi della sua agenzia di stampa, Havas , per includere l’intermediazione pubblicitaria, diventando così il primo gruppo francese ad organizzarsi. Inizialmente, le agenzie erano broker per lo spazio pubblicitario sui giornali.

Storia della Pubblicità dalle Prime ai Giorni Nostri

Pubblicità nel XX° secolo

La pubblicità è aumentata drammaticamente negli Stati Uniti mentre l’industrializzazione ha ampliato la fornitura di prodotti manifatturieri. Nel 1919 era il 2,5% del prodotto interno lordo (PIL) negli Stati Uniti, e in media il 2,2% del PIL tra allora e almeno il 2007, anche se potrebbe essere drasticamente diminuito dalla Grande Recessione .

L’industria non potrebbe beneficiare della sua maggiore produttività senza un aumento sostanziale della spesa dei consumatori. Ciò ha contribuito allo sviluppo del marketing di massa progettato per influenzare il comportamento economico della popolazione su una scala più ampia. Negli anni ’10 e ’20, gli inserzionisti negli Stati Uniti adottarono la dottrina secondo cui gli istinti umani potevano essere presi di mira e imbrigliati – ” sublimati ” nel desiderio di acquistare merci. Edward Bernays , nipote di Sigmund Freud , è stato associato al metodo ed è talvolta definito il fondatore della pubblicità moderna e delle pubbliche relazioni. Bernays affermò che:

“[Il] principio generale, secondo cui gli uomini sono in gran parte attivati ​​da motivi che nascondono da se stessi, è vero sia per la massa che per la psicologia individuale.E ‘evidente che il propagandista di successo deve capire i veri motivi e non accontentarsi di accettare il ragioni che gli uomini danno per quello che fanno “.

In altre parole, vendere prodotti attraendo le menti razionali dei clienti (il principale metodo utilizzato prima di Bernays) era molto meno efficace della vendita di prodotti basati sui desideri inconsci che Bernays sentiva fossero i veri motivatori dell’azione umana. “Il sesso vende” è diventato un argomento controverso, con tecniche per titillare e allargare il pubblico ponendo una sfida alla morale convenzionale.

Negli anni ’20, sotto il segretario al commercio Herbert Hoover , il governo americano promosse la pubblicità. Lo stesso Hoover consegnò un discorso ai Club Pubblicitari Associati del Mondo nel 1925, intitolato “La pubblicità è una forza vitale nella nostra vita nazionale”. Nell’ottobre del 1929, il capo dell’Ufficio degli affari esteri e nazionali degli Stati Uniti , Julius Klein, “La pubblicità è la chiave per la prosperità mondiale”. Questo faceva parte della “ineguagliabile” collaborazione tra imprese e governo negli anni Venti, secondo una rivista economica europea del 1933 .

Le aziende produttrici di tabacco divennero importanti inserzionisti per vendere sigarette confezionate. Le compagnie del tabacco hanno aperto la strada alle nuove tecniche pubblicitarie quando hanno assunto Bernays per creare associazioni positive con il tabagismo.

La pubblicità è stata anche utilizzata come veicolo per l’assimilazione culturale , incoraggiando i lavoratori a scambiare le loro abitudini tradizionali e la struttura della comunità in favore di uno stile di vita “moderno” condiviso. Uno strumento importante per influenzare i lavoratori immigrati fu l’ American Association of Foreign Language Newspapers (AAFLN). L’AAFLN era principalmente un’agenzia pubblicitaria, ma ha anche ottenuto un controllo fortemente centralizzato su gran parte della stampa immigrata.

 

All’inizio del XX secolo, la pubblicità era una delle poche scelte professionali per le donne. Dal momento che le donne erano responsabili della maggior parte degli acquisti delle famiglie, gli inserzionisti e le agenzie hanno riconosciuto il valore dell’intuizione delle donne durante il processo creativo. In effetti, la prima pubblicità americana ad utilizzare una vendita sessuale è stata creata da una donna – per un prodotto di sapone. Benché addomesticati dagli standard odierni, la pubblicità conteneva una coppia con il messaggio “Una pelle che ami toccare”.

Negli anni Venti gli psicologi Walter D. Scott e John B. Watson contribuirono alla teoria psicologica applicata nel campo della pubblicità. Scott ha detto: “L’uomo è stato chiamato l’animale da ragionamento, ma con maggiore verosimiglianza può essere chiamato la creatura della suggestione, è ragionevole, ma è in larga misura suggestionabile”. Lo dimostrò attraverso la sua tecnica pubblicitaria diretta al consumatore.

pubblicità la storia del marketing

Pubblicità per la radio degli anni ’20

Pubblicità per una trasmissione radio in diretta, sponsorizzata da una compagnia di latte, latte Adohr, e pubblicata sul Los Angeles Times il 6 maggio 1930
Agli inizi degli anni ’20, le prime stazioni radio furono create da produttori di apparecchiature radio, seguite da organizzazioni no profit come scuole, club e gruppi civici che istituirono anche proprie stazioni. I produttori di beni di consumo e dettaglianti hanno rapidamente riconosciuto il potenziale della radio di raggiungere i consumatori nella loro casa e hanno presto adottato tecniche pubblicitarie che avrebbero consentito ai loro messaggi di emergere; slogan , mascotte e jingle iniziarono ad apparire alla radio negli anni ’20 e nei primi anni della televisione negli anni ’30.

L’ascesa delle comunicazioni dei mass media ha permesso ai produttori di beni di marca di bypassare i rivenditori tramite la pubblicità diretta ai consumatori. Si è trattato di un importante cambio di paradigma che ha costretto i produttori a concentrarsi sul marchio e ha stimolato la necessità di approfondimenti superiori sui comportamenti di acquisto, consumo e utilizzo dei consumatori; i loro bisogni, desideri e aspirazioni. Le prime serie radiofoniche furono sponsorizzate da produttori di sapone e il genere divenne noto come soap opera . In breve tempo, i proprietari delle stazioni radio si resero conto che potevano aumentare le entrate pubblicitarie vendendo “air-time” in piccole allocazioni temporali che potevano essere vendute a più aziende. Negli anni ’30, questi spot pubblicitari,quando i pacchetti del tempo divennero noti, furono venduti dai rappresentanti geografici delle vendite della stazione, inaugurando un’epoca di pubblicità radiofonica nazionale.

Negli anni ’40, i produttori iniziarono a riconoscere il modo in cui i consumatori sviluppavano relazioni personali con i loro marchi in senso sociale / psicologico / antropologico. Gli inserzionisti iniziarono a utilizzare la ricerca motivazionale e la ricerca dei consumatori per raccogliere informazioni sugli acquisti dei consumatori. Campagne di marca forti per Chrysler ed Exxon / Esso, che utilizzavano metodi di ricerca ispirati dalla psicologia e dall’antropologia culturale, hanno portato ad alcune delle campagne più durature del XX secolo.

pubblicità subliminale, esempi
Un tipico esempio di pubblicità subliminale. Le lettere EX di FEDEX formano una freccia bianca, che qui vuole indicare la velocità con cui le merci vengono trasportate

Televisione commerciale negli anni ’50

Nei primi anni ’50, la rete televisiva di DuMont iniziò la pratica moderna di vendere il tempo di pubblicità a più sponsor. In precedenza, DuMont aveva difficoltà a trovare sponsor per molti dei loro programmi e compensato vendendo blocchi più piccoli di tempo pubblicitario a diverse aziende. Questo alla fine divenne lo standard per l’industria televisiva commerciale negli Stati Uniti. Tuttavia, era ancora una pratica comune avere spettacoli di sponsor singoli, come The United States Steel Hour . In alcuni casi gli sponsor hanno esercitato un grande controllo sul contenuto dello spettacolo – fino a includere la propria agenzia pubblicitaria in realtà scrivendo lo spettacolo. Il modello di sponsor singolo è molto meno diffuso ora, una notevole eccezione è l’ Hallmark Hall of Fame .

Televisione via cavo degli anni ’80

La fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 hanno visto l’introduzione della televisione via cavo e in particolare di MTV . Pionieristico del concetto di video musicale, MTV ha inaugurato un nuovo tipo di pubblicità: il consumatore si sintonizza per il messaggio pubblicitario, piuttosto che essere un sottoprodotto o un ripensamento. Con l’aumentare della diffusione della televisione via cavo e satellitare, sono emersi canali specializzati , compresi canali interamente dedicati alla pubblicità , come QVC , Home Shopping Network e ShopTV Canada .

Su Internet degli anni ’90

Con l’avvento dell’ad server , la pubblicità online è cresciuta, contribuendo al boom ” dot-com ” degli anni ’90. Intere società operavano esclusivamente sui ricavi pubblicitari, offrendo di tutto, dai coupon all’accesso gratuito a Internet. All’inizio del XXI secolo, alcuni siti Web, tra cui il motore di ricerca Google , hanno modificato la pubblicità online personalizzando gli annunci in base al comportamento di navigazione sul Web. Ciò ha portato ad altri sforzi simili e un aumento della pubblicità interattiva .

La quota della spesa pubblicitaria relativa al PIL è cambiata poco attraverso i grandi cambiamenti nei media dal 1925. Nel 1925, i principali mezzi pubblicitari in America erano giornali, riviste, cartelli stradali e manifesti esterni . La spesa pubblicitaria in percentuale del PIL era di circa il 2,9%. Nel 1998, la televisione e la radio erano diventate importanti mezzi pubblicitari; entro il 2017, l’equilibrio tra la trasmissione e la pubblicità online si era spostato, con la spesa online che superava la trasmissione. Tuttavia, la spesa pubblicitaria in percentuale del PIL era leggermente inferiore, circa il 2,4%.

Il guerrilla marketing coinvolge approcci insoliti come incontri organizzati in luoghi pubblici, omaggi di prodotti come le auto che sono coperti da messaggi di marca e pubblicità interattiva in cui lo spettatore può rispondere per diventare parte del messaggio pubblicitario. Questo tipo di pubblicità è imprevedibile e fa sì che i consumatori acquistino il prodotto o l’idea. Ciò riflette una tendenza crescente di annunci interattivi e “incorporati”, ad esempio tramite il posizionamento di prodotti , il voto dei consumatori tramite messaggi di testo e varie campagne che utilizzano servizi di social network come Facebook o Twitter .

Anche il modello di business pubblicitario è stato adattato negli ultimi anni. Nei media per equità , la pubblicità non è venduta, ma fornita alle start-up in cambio di capitale . Se l’azienda cresce e viene venduta, le società dei media ricevono denaro per le loro azioni.

I registranti del nome di dominio (solitamente quelli che registrano e rinnovano i domini come investimento) a volte “parcheggiano” i loro domini e consentono alle società pubblicitarie di inserire annunci sui loro siti in cambio di pagamenti per clic. Questi annunci sono in genere guidati da motori di ricerca pay per click come Google o Yahoo, ma a volte gli annunci possono essere inseriti direttamente su nomi di dominio designati attraverso un contratto di locazione di dominio o prendendo contatto con il registrante di un nome di dominio che descrive un prodotto. I registranti dei nomi di dominio sono generalmente facili da identificare attraverso i record WHOIS che sono pubblicamente disponibili sui siti web dei registrar.

Fonte

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *