Libero Mercato: Cos’é. Definizione di Economia di Libero Mercato

Continuano i Nostri approfondimenti su cos’é l’economia; oggi vediamo cos’è il libero mercato

Il libero mercato è un sistema economico basato sulla domanda e sull’offerta con poco o nessun controllo da parte del governo. È una descrizione sommaria di tutti gli scambi volontari che hanno luogo in un dato ambiente economico. I mercati liberi sono caratterizzati da un ordine di accordi spontaneo e decentralizzato attraverso il quale gli individui prendono decisioni economiche. Sulla base delle sue regole politiche e legali, l’ economia di libero mercato di un paese può variare tra un mercato molto ampio o completamente nero.

Riassunto di libero mercato

  • Un mercato libero è quello in cui lo scambio volontario e le leggi della domanda e dell’offerta forniscono l’unica base per il sistema economico, senza l’intervento del governo.
  • Una caratteristica fondamentale dei mercati liberi è l’assenza di transazioni o condizioni obbligatorie (forzate) sulle transazioni.
  • Sebbene non esistano effettivamente economie di libero mercato e tutti i mercati siano in qualche modo vincolati, gli economisti che misurano il grado di libertà nei mercati hanno trovato una relazione generalmente positiva tra i mercati liberi e le misure del benessere economico.
Libero Mercato: Cos'é. Definizione di Economia di Libero Mercato
Sopra: Offerta (supply) , domanda e prezzo di equilibrio del mercato in un mercato libero o libero.

Capire il mercato libero

Il termine “libero mercato” è talvolta usato come sinonimo di capitalismo laissez-faire. Quando la maggior parte delle persone discute di “mercato libero”, intende un’economia con concorrenza libera e solo transazioni private tra acquirenti e venditori. Tuttavia, una definizione più inclusiva dovrebbe includere qualsiasi attività economica volontaria purché non sia controllata da autorità centrali coercitive.

Usando questa descrizione, il capitalismo laissez-faire e il socialismo volontario sono esempi di un libero mercato, anche se quest’ultimo include la proprietà comune dei mezzi di produzione. La caratteristica fondamentale è l’assenza di imposizioni o restrizioni coercitive riguardo all’attività economica.

 La  coercizione può aver luogo in un mercato libero solo previo accordo reciproco in un contratto volontario, come i rimedi contrattuali applicati dalla legge sulla responsabilità civile.

 

La connessione del libero mercato con il capitalismo e la libertà individuale

Nessun paese moderno opera con un sistema economico di libero mercato puro, cioè completamente libero. Detto questo, i mercati più liberi tendono a coincidere con i paesi che apprezzano la proprietà privata, il capitalismo e i diritti individuali. Ciò ha senso poiché i sistemi politici che rifuggono da regolamenti o sussidi per il comportamento individuale interferiscono necessariamente meno con le transazioni economiche volontarie . Inoltre, i liberi mercati hanno maggiori probabilità di crescere e prosperare in un sistema in cui i diritti di proprietà sono ben protetti e i capitalisti hanno un incentivo a perseguire profitti.

 

Mercati liberi e mercati finanziari

Nei mercati liberi, può svilupparsi un mercato finanziario per facilitare le esigenze di finanziamento di coloro che non possono o non vogliono autofinanziarsi. Ad esempio, alcuni individui o aziende sono specializzati nell’acquisizione di risparmi non consumando costantemente tutta la loro ricchezza attuale. Altri sono specializzati nell’impiego di risparmi nel perseguimento di attività imprenditoriali, come l’avvio o l’espansione di un’impresa. Questi attori possono trarre vantaggio dalla negoziazione di titoli finanziari come azioni e obbligazioni.

Ad esempio, i risparmiatori possono acquistare obbligazioni e scambiare i loro risparmi attuali con imprenditori con la promessa di risparmi futuri più remunerazione o interessi. Con le azioni, i risparmi vengono scambiati per una rivendicazione di proprietà sui guadagni futuri. Non ci sono esempi moderni di mercati finanziari puramente liberi.

 

Vincoli comuni al mercato libero

Tutti i vincoli del libero mercato utilizzano minacce implicite o esplicite della forza. Esempi comuni includono: divieto di scambi specifici, tassazione, regolamenti, mandati a termini specifici all’interno di uno scambio, requisiti di licenza, tassi di cambio fissi , concorrenza da servizi forniti pubblicamente, controlli sui prezzi e quote di produzione, acquisti di beni o pratiche di assunzione dei dipendenti . Le giustificazioni comuni per i vincoli imposti politicamente al libero mercato includono la sicurezza dei consumatori, l’equità tra i vari gruppi avvantaggiati o svantaggiati nella società e la fornitura di beni pubblici. Qualunque sia la giustificazione esteriore, le imprese commerciali e altri gruppi di interesse all’interno della società spesso fanno pressioni per plasmare questi vincoli a proprio favore in un fenomeno noto come ricerca di rendite . Quando il comportamento del libero mercato è regolamentato, l’ambito del libero mercato è ridotto ma di solito non eliminato del tutto, e gli scambi volontari possono ancora aver luogo nel quadro dei regolamenti governativi.

Alcuni scambi possono anche avvenire in violazione delle norme e dei regolamenti governativi sul cosiddetto ” mercato nero “, che può essere in qualche modo considerato una versione clandestina del libero mercato. Tuttavia, lo scambio di mercato è ancora pesantemente limitato perché, sul mercato nero, la concorrenza spesso assume la forma di un conflitto violento tra gruppi rivali di produttori o consumatori in contrapposizione alla concorrenza del libero mercato o alla concorrenza in cerca di rendita attraverso il sistema politico. Di conseguenza, in un mercato nero, il vantaggio competitivo tende a fluire verso coloro che hanno un vantaggio relativo nella violenza, quindi è probabile un comportamento monopolistico o oligopolistico e le barriere all’ingresso sono alti in quanto gli attori più deboli vengono cacciati dal mercato.

 

Misurare la libertà economica

Per studiare gli effetti del libero mercato sull’economia, gli economisti hanno ideato diversi noti indici di libertà economica . Questi includono l’indice della libertà economica pubblicato dalla Heritage Foundation e gli indici della libertà economica del mondo e della libertà economica del Nord America pubblicati dal Fraser Institute, che misurano. Questi indici includono elementi come la sicurezza dei diritti di proprietà, l’onere della regolamentazione e l’apertura dei mercati finanziari, tra molti altri elementi. L’analisi empirica che confronta questi indici con varie misure di crescita economica , sviluppo e tenore di vita mostra prove schiaccianti di una relazione tra mercati liberi e benessere materiale nei paesi.

Esiste veramente il Libero Mercato in Italia?

Dopo aver letto questa definizione, possiamo dire senza ombra di dubbio che il libero mercato in Italia non esiste.

L’economia italiana è super regolamentata, non si può nemmeno definire una economia socialista, anche se ha una fortissima presenza dello Stato.

Non si può neanche definire un’economia di libero mercato però, anche se la Costituzione italiana approva la libera impresa.

In Italia – come in gran parte dei paesi democratici occidentali, ma spiccatamente nel Nostro paese –  c’è un compromesso tra il  welfare, le tasse da pagare per mantenere questo enorme welfare e la libera impresa, che non stimola la Nostra economia crescere e non da ai capitalisti i giusti incentivi per fare profitti, cioè il motore stesso dello sviluppo economico e una delle ragioni per il sano funzionamento del libero mercato,

Approfondimenti su concetti di economia e finanza

Cigno Nero : significato

Anarco Capitalismo

Gold Standard

EBIT Definizione 

Too Big To Fail 

Tassi di interesse negativi

Miracolo economico in Italia 

Crollo dei Mercati finanziari 

SEPA 

Contactless 

Euribor 

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *