BRICS e la De-Dollarizzare del Sistema Finanziario Mondiale

L’obiettivo dei Paesi BRICS ( Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) è quello di togliere il dollaro come principale sistema di pagamento finanziario, sconvolgendo le fondamenta della nostra finanza ed economia mondiale.

Ecco uno studio sugli obiettivi dei BRICS (Brasile-Russia-India-Cina-Sud Africa) come una coalizione di de-dollarizzazione del potere in aumento, nonostante il gruppo abbia sviluppato molteplici iniziative di de-dollarizzazione per ridurre il rischio valutario e aggirare le sanzioni statunitensi. Per colmare questa lacuna, questo studio sviluppa un quadro “Percorsi per la de-dollarizzazione” e lo applica per analizzare i meccanismi istituzionali e di mercato che i paesi BRICS hanno creato a livello BRICS, sub-BRICS e BRICS Plus. Questo quadro identifica i leader e i seguaci della coalizione di de-dollarizzazione BRICS, ne valuta la solidità e discerne come i BRICS mobilitano gli altri stakeholder. Gli autori utilizzano il tracciamento dei processi, l’analisi dei contenuti, le interviste semi-strutturate, la ricerca d’archivio, e analisi statistica di dati quantitativi di mercato per analizzare le attività BRICS nel periodo 2009-2021. Scoprono che le iniziative di de-dollarizzazione della coalizione dei BRICS hanno stabilito un’infrastruttura critica per un potenziale sistema finanziario globale alternativo non basato sul dollaro.
BRICS e Obiettivo di De-Dollarizzare il Sistema Finanziario Mondiale
Sopra: paesi BRICS e loro locazione: Russia, Cina, India, Sudafrica e Brasile.

1. Introduzione ai BRICS

La supremazia del dollaro USA e la leadership globale degli Stati Uniti sono state sempre più messe in discussione dalla crisi finanziaria globale del 2007-2008. Il fatto che questa crisi abbia avuto origine negli Stati Uniti ha sollevato preoccupazioni circa l’affidabilità della leadership statunitense e la razionalità di preservare la posizione egemonica del dollaro nel sistema finanziario globale. Questa crisi ha anche creato un’opportunità per le potenze emergenti di cercare uno status e una rappresentanza maggiori nella governance globale. Nel 2009, presidente russo ha ospitato il primo vertice BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) a Ekaterinburg per esplorare come “superare la crisi e stabilire un sistema internazionale più equo… e discutere i parametri per un nuovo sistema finanziario”. Da quando il Sudafrica è entrato a far parte dei BRIC nel 2010, trasformando i BRIC in BRICS, i cinque membri hanno raggiunto il coordinamento delle politiche in oltre settanta aree tematiche. I risultati più importanti dei BRICS sono stati nell’area della cooperazione finanziaria, come evidenziato dall’istituzione della New Development Bank (NDB), dal Contingent Reserve Arrangement (CRA) e da vari altri meccanismi di coordinamento finanziario.

Nonostante l’ampiezza della cooperazione finanziaria dei paesi BRICS e la loro crescente interconnessione, le attività dei BRICS nel regno monetario sono state sottovalutate. Eppure la posta in gioco delle iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS è particolarmente alta. Il dollaro USA è la valuta dominante nel sistema finanziario e monetario globale e influenza vari aspetti degli affari globali. In quanto tale, il potere e il prestigio del dollaro sono stati centrali per la leadership globale americana . L’impegno della NDB a utilizzare i finanziamenti in valuta locale piuttosto che affidarsi esclusivamente al dollaro USA è solo la punta dell’iceberg delle iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS. È anche una questione aperta se il processo di de-dollarizzazione accelerato in Russia e Cina, innescato dalle crescenti tensioni con gli Stati Uniti, sia solo un cambiamento temporaneo, o se formi un più ampio cambio di paradigma nella finanza globale. Per dare un contesto a questo, la quota del dollaro USA nell’accordo commerciale bilaterale Russia-Cina è scesa da quasi il 90% nel 2015 al 46% nel 2020. Inoltre, Russia e Cina hanno lanciato i propri meccanismi di pagamento transfrontalieri come alternative alla rete SWIFT (Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie) dominata dagli Stati Uniti. BRICS ha anche concettualizzato un sistema BRICS Pay comune per i pagamenti e le transazioni al dettaglio tra i paesi membri, che è stato reso possibile dai rapidi progressi nel settore della tecnologia finanziaria (fintech). Talele iniziative di de-dollarizzazione stanno avvenendo in gran parte sotto il radar della borsa di studio contemporanea. I leader di queste iniziative sono potenze emergenti orientate alle riforme, compresi gli avversari strategici degli Stati Uniti, che hanno espresso malcontento nei confronti dell’attuale sistema finanziario globale basato sul dollaro guidato dagli Stati Uniti. Questi casi empirici potrebbero fungere da “canarino nella miniera di carbone” e rappresentare un movimento di de-dollarizzazione più ampio?

Per esaminare sistematicamente la natura e l’impatto di queste attività, questa ricerca cerca di rispondere a una domanda fondamentale: i BRICS possono de-dollarizzare il sistema finanziario globale guidato dagli Stati Uniti ? L’assunto alla base di questo studio è che lo status di valuta dominante del dollaro USA potrebbe non essere permanente. Lo spostamento del dollaro USA della precedente valuta egemonica, vale a dire la sterlina britannica, attesta questa nozione. L’importanza di esaminare la sfida dei BRICS al predominio del dollaro USA risiede nel potere economico collettivo del gruppo. I BRICS rappresentano il 24% del PIL mondiale e oltre il 16% del commercio mondiale . Pertanto, le attività di de-dollarizzazione dei BRICS non solo avrebbero un impatto sulle relazioni finanziarie tra i BRICS, ma creerebbero anche un effetto a catena a livello globale. Un esame degli sforzi di de-dollarizzazione dei BRICS può aiutare a rispondere alla domanda più ampia se le potenze emergenti possano ottenere seguaci e guidare il cambiamento su scala globale. I sostenitori della de-dollarizzazione all’interno dei BRICS possono mobilitare i membri BRICS meno interessati attorno a questo programma? Possono espandere le loro iniziative di de-dollarizzazione oltre i BRICS e creare economie di scala su diverse piattaforme che escludono gli Stati Uniti e altre grandi potenze occidentali come la Shanghai Cooperation Organization (SCO)?

Analizzare i BRICS come una coalizione di de-dollarizzazione e come potrebbe mobilitare altri attori contribuirà a nuove e necessarie intuizioni alla borsa di studio sui poteri emergenti e sul loro impatto sulla leadership globale degli Stati Uniti. Questo studio esamina come la posizione dominante del dollaro USA nel sistema finanziario globale, il fondamento stesso della sua leadership globale, possa essere minata. Questo argomento ha importanti implicazioni sulla sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti fanno affidamento sullo status di valuta dominante del dollaro per esercitare in modo credibile una politica economica coercitiva e sanzionare i suoi avversari. Un mondo sempre più de-dollarizzato indebolirebbe la capacità degli Stati Uniti di alterare il comportamento dei suoi avversari e potrebbe di conseguenza amplificare le minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Per indagare se i BRICS possono de-dollarizzare il sistema finanziario globale guidato dagli Stati Uniti, sviluppiamo un quadro analitico chiamato “Percorsi per la de-dollarizzazione”. Questo quadro spiega come una coalizione di potere in ascesa può perseguire la de-dollarizzazione per sfidare l’egemonia del dollaro. Integra gli studi esistenti sul paradigma della valuta dominante, sull’arte monetaria, sulla politica finanziaria collettiva e sull’economia politica delle crescenti coalizioni di potere. Il nostro framework concettualizza due serie di strategie di mitigazione del rischio che potenze in ascesa possono perseguire contemporaneamente di ridurre la loro crescente esposizione al rischio al potere egemonico del dollaro: “fare da soli” e “riformare lo status quo”. Entrambi consentono a una coalizione di potere in crescita, come i BRICS, di perseguire la de-dollarizzazione come mezzo per ridurre l’esposizione al rischio del dollaro USA e delle sanzioni statunitensi. Più in generale, queste strategie di de-dollarizzazione possono aiutare la nascente coalizione di potere a raggiungere una maggiore autonomia finanziaria e geopolitica e/o aumentare la sua influenza globale. Le strategie di de-dollarizzazione “go-it-alone” si riferiscono a iniziative per stabilire e governare nuove istituzioni non basate sul dollaro e/o meccanismi di mercato. Tali misure consentono ai membri della coalizione di diversificare i rischi valutari e mantenere un accesso aperto al sistema finanziario globale di fronte alle sanzioni statunitensi. L’espansione di queste iniziative potrebbe portare alla formazione di un sistema alternativo o parallelo, indipendente dal dollaro USA e dalle regole dettate dalle principali potenze occidentali. Al contrario, le iniziative di “riforma dello status quo” si riferiscono agli sforzi della coalizione per rinegoziare le regole del sistema esistente. Tali iniziative implicano la contrattazione collettiva con i poteri in carica per diluire il predominio del dollaro USA. In caso di successo, queste iniziative orientate alla riforma diversificherebbero la rappresentazione delle valute nel sistema esistente. Seguendo queste due strategie, il nostro quadro analizza i meccanismi istituzionali e di mercato attraverso i quali una coalizione di potere in ascesa può tentare di de-dollarizzare il sistema finanziario globale esistente. Le iniziative di “riforma dello status quo” si riferiscono agli sforzi della coalizione per rinegoziare le regole del sistema esistente. Tali iniziative implicano la contrattazione collettiva con i poteri in carica per diluire il predominio del dollaro USA. In caso di successo, queste iniziative orientate alla riforma diversificherebbero la rappresentazione delle valute nel sistema esistente. Seguendo queste due strategie, il nostro quadro analizza i meccanismi istituzionali e di mercato attraverso i quali una coalizione di potere in ascesa può tentare di de-dollarizzare il sistema finanziario globale esistente. Le iniziative di “riforma dello status quo” si riferiscono agli sforzi della coalizione per rinegoziare le regole del sistema esistente. Tali iniziative implicano la contrattazione collettiva con i poteri in carica per diluire il predominio del dollaro USA. In caso di successo, queste iniziative orientate alla riforma diversificherebbero la rappresentazione delle valute nel sistema esistente. Seguendo queste due strategie, il nostro quadro analizza i meccanismi istituzionali e di mercato attraverso i quali una coalizione di potere in ascesa può tentare di de-dollarizzare il sistema finanziario globale esistente.

Questo quadro “Percorsi per la de-dollarizzazione” viene applicato per esaminare le attività di de-dollarizzazione dei BRICS. Così facendo, questo studio presenta la prima analisi sistematica delle iniziative di de-dollarizzazione da parte di una coalizione di potere in ascesa. Scopriamo che i membri BRICS hanno dimostrato un consenso inequivocabile e un forte impegno nel promuovere l’uso delle valute locali negli insediamenti internazionali e nella costruzione di un’infrastruttura finanziaria globale alternativa non basata sul dollaro. Hanno contemporaneamente perseguito sia le iniziative “go-it-alone” che “riforma-lo-status-quo”. Ad esempio, i BRICS hanno istituito l’NDB per de-dollarizzare i finanziamenti per lo sviluppo. Il gruppo ha anche pianificato il lancio di un framework di pagamento comune che può essere integrato con una valuta digitale BRICS per de-dollarizzare l’infrastruttura finanziaria globale. La maggior parte delle iniziative di de-dollarizzazione ha avuto luogo a livello sub-BRICS. Ad esempio, la Cina ha lanciato con successo il contratto future sul petrolio in yuan, un nuovo strumento finanziario per de-dollarizzare il commercio mondiale di petrolio. Sia la Cina che la Russia hanno sviluppato i propri sistemi di messaggistica transfrontaliera. I BRICS hanno anche perseguito collettivamente approcci riformisti, come la creazione della CRA basata sul dollaro, la promozione della riforma dei diritti speciali di prelievo dell’FMI e la formazione di un’alleanza delle borse BRICS all’interno del sistema esistente. Insieme, queste iniziative suggeriscono che BRICS non ha solo tentato di riformare il sistema esistente per incorporare meglio i suoi interessi Sia la Cina che la Russia hanno sviluppato i propri sistemi di messaggistica transfrontaliera. I BRICS hanno anche perseguito collettivamente approcci riformisti, come la creazione della CRA basata sul dollaro, la promozione della riforma dei diritti speciali di prelievo dell’FMI e la formazione di un’alleanza delle borse BRICS all’interno del sistema esistente. Insieme, queste iniziative suggeriscono che BRICS non ha solo tentato di riformare il sistema esistente per incorporare meglio i suoi interessi Sia la Cina che la Russia hanno sviluppato i propri sistemi di messaggistica transfrontaliera. I BRICS hanno anche perseguito collettivamente approcci riformisti, come la creazione della CRA basata sul dollaro, la promozione della riforma dei diritti speciali di prelievo dell’FMI e la formazione di un’alleanza delle borse BRICS all’interno del sistema esistente. Insieme, queste iniziative suggeriscono che BRICS non ha solo tentato di riformare il sistema esistente per incorporare meglio i suoi interessima ha anche creato una nascente infrastruttura di de-dollarizzazione che supporta la de-dollarizzazione globale a lungo termine. Gli sforzi collettivi dei BRICS per stabilire un sistema finanziario alternativo al dollaro hanno il potenziale per immunizzare completamente i partecipanti dai rischi di cambio e sanzione derivanti dal dominio del dollaro e dalla posizione egemonica degli Stati Uniti. A lungo termine, l’infrastruttura di de-dollarizzazione BRICS potrebbe anche servire come base per una più ampia coalizione di de-dollarizzazione che includa le organizzazioni regionali. Questa infrastruttura di de-dollarizzazione della coalizione potrebbe essere attraente per gli alleati degli Stati Uniti che cercano una maggiore autonomia monetaria e per continuare a commerciare con i paesi che sono soggetti alle sanzioni statunitensi. Per esempio, il governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney (2019) ha detto ai banchieri centrali al Jackson Hole Symposium che il predominio del dollaro è l'”asimmetria destabilizzante” che cresce “al centro del sistema monetario e finanziario internazionale”. Ha proposto una nuova valuta egemonica sintetica eventualmente fornita attraverso una rete di valute digitali della banca centrale . Allo stesso modo, i paesi BRICS stanno sviluppando una valuta digitale BRICS chiamata BRICS Coin, che pone le basi per la de-dollarizzazione digitale.

L’emergente infrastruttura di de-dollarizzazione dei BRICS non consente ancora ai membri dei BRICS di staccarsi completamente dall’esistente sistema finanziario basato sul dollaro USA. Le iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS stanno avvenendo prevalentemente a livello sub-BRICS e non hanno raggiunto le economie di scala necessarie per de-dollarizzare il sistema finanziario globale esistente. Ci sono due principali vincoli che impediscono ai BRICS di formare una coalizione unitaria di de-dollarizzazione. In primo luogo, alcuni membri BRICS hanno rapporti più stretti con gli Stati Uniti che con altri membri BRICS. Ciò è evidente nel caso dell’India e delle sue relazioni con gli Stati Uniti e con la Cina. Sebbene ciò impedisca ai membri BRICS di adottare una strategia di de-dollarizzazione formale e coesa a breve termine, possono comunque perseguire in modo informale iniziative di de-dollarizzazione. Secondo, alcuni membri BRICS, come Brasile e Sud Africa, sono meno vulnerabili alle sanzioni statunitensi e hanno economie più integrate nel sistema del dollaro rispetto ad altri. Pertanto, i membri BRICS non hanno né consenso a livello di gruppo sulla de-dollarizzazione né condividono lo stesso senso di urgenza di dare priorità alla de-dollarizzazione. Tutti sono interessati a ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA, ma non tutti vogliono essere separati dal sistema finanziario globale guidato dagli Stati Uniti. La maggior parte dei membri BRICS detiene ancora grandi quantità di attività in dollari USA nelle proprie riserve, quindi l’indebolimento del dollaro USA impone loro perdite. i membri BRICS non hanno né consenso a livello di gruppo sulla de-dollarizzazione né condividono lo stesso senso di urgenza di dare priorità alla de-dollarizzazione.

Le realtà finanziarie esistenti non possono essere modificate nel breve termine. Inoltre, i potenziali benefici della de-dollarizzazione hanno un costo. Staccarsi dal sistema globale esistente basato sul dollaro e la struttura del mercato è analogo all’isolamento autoimposto dal sistema esistente. I BRICS dovrebbero affrontare costi di separazione significativi, i più immediati sarebbero l’aumento dei costi delle transazioni transfrontaliere, la raccolta di capitali più costosa nei mercati globali basati sul dollaro e la ridotta competitività delle loro aziende sui mercati esteri a causa della carenza di finanziamenti in dollari. È discutibile se i governi BRICS possano imporre in modo credibile iniziative di de-dollarizzazione a livello di impresa, in particolare per le aziende che operano in territori stranieri in cui il dollaro USA è la valuta dominante e preferita. Inoltre, il dollaro è anche la valuta “porto sicuro” scelta dagli investitori globali durante le principali crisi economiche. Gli investitori si sono rivolti al dollaro USA durante la crisi finanziaria globale del 2007-2008 e le turbolenze economiche legate al COVID-19 del 2020, aspettandosi che il dollaro mantenga il suo valore. In entrambe le crisi, la Federal Reserve statunitense ha ampliato le linee di swap su valute con diverse altre banche centrali per fornire liquidità in dollari. Un sistema diverso dal dollaro aggraverebbe i problemi creati dalla mancanza di accesso alla liquidità in dollari in tempi di crisi. Tali costi di de-dollarizzazione dissuadono i paesi dal ribellarsi volontariamente contro l’egemonia del dollaro. Persino la Russia, un paese che ora sta attivamente accelerando il suo processo di de-dollarizzazione, non sta perseguendo volontariamente questa agenda. Come ha detto il presidente russo Putin, “la Russia non ha voluto rinunciare al dollaro come valuta di riserva o mezzo di pagamento, ma è stata costretta a farlo” ( In entrambe le crisi, la Federal Reserve statunitense ha ampliato le linee di swap su valute con diverse altre banche centrali per fornire liquidità in dollari. Un sistema diverso dal dollaro aggraverebbe i problemi creati dalla mancanza di accesso alla liquidità in dollari in tempi di crisi. Tali costi di de-dollarizzazione dissuadono i paesi dal ribellarsi volontariamente contro l’egemonia del dollaro. Persino la Russia, un paese che ora sta attivamente accelerando il suo processo di de-dollarizzazione, non sta perseguendo volontariamente questa agenda. Come ha detto il presidente russo Putin, “la Russia non ha voluto rinunciare al dollaro come valuta di riserva o mezzo di pagamento, ma è stata costretta a farlo” ( In entrambe le crisi, la Federal Reserve statunitense ha ampliato le linee di swap su valute con diverse altre banche centrali per fornire liquidità in dollari. Un sistema diverso dal dollaro aggraverebbe i problemi creati dalla mancanza di accesso alla liquidità in dollari in tempi di crisi. Tali costi di de-dollarizzazione dissuadono i paesi dal ribellarsi volontariamente contro l’egemonia del dollaro. Persino la Russia, un paese che ora sta attivamente accelerando il suo processo di de-dollarizzazione, non sta perseguendo volontariamente questa agenda. Come ha detto il presidente russo Putin, “la Russia non ha voluto rinunciare al dollaro come valuta di riserva o mezzo di pagamento, ma è stata costretta a farlo” ( Tali costi di de-dollarizzazione dissuadono i paesi dal ribellarsi volontariamente contro l’egemonia del dollaro. Persino la Russia, un paese che ora sta attivamente accelerando il suo processo di de-dollarizzazione, non sta perseguendo volontariamente questa agenda. Come ha detto il presidente russo Putin, “la Russia non ha voluto rinunciare al dollaro come valuta di riserva o mezzo di pagamento, ma è stata costretta a farlo” ( Tali costi di de-dollarizzazione dissuadono i paesi dal ribellarsi volontariamente contro l’egemonia del dollaro. Persino la Russia, un paese che ora sta attivamente accelerando il suo processo di de-dollarizzazione, non sta perseguendo volontariamente questa agenda. Come ha detto il presidente russo Putin, “la Russia non ha voluto rinunciare al dollaro come valuta di riserva o mezzo di pagamento, ma è stata costretta a farlo” .

Questo elemento è organizzato come segue: la sezione 2 sostiene che la borsa di studio esistente sul potere valutario, la politica economica e i BRICS come coalizione manca di una spiegazione sistematica per il comportamento della coalizione BRICS nello spazio di de-dollarizzazione. Introduce un nuovo quadro analitico per colmare questa lacuna. La sezione 3 traccia l’emergere della de-dollarizzazione nella cooperazione BRICS e valuta l’impegno collettivo dei BRICS per la de-dollarizzazione. La sezione 4 analizza le iniziative “go-it-alone” dei BRICS per de-dollarizzare creando nuove istituzioni e nuovi mercati. La sezione 5 esamina le iniziative di “riforma dello status quo” dei BRICS per sconvolgere dall’interno il sistema finanziario globale guidato dagli Stati Uniti. Sezione 6 presenta i risultati, discute le implicazioni della coalizione di de-dollarizzazione BRICS per la leadership globale degli Stati Uniti e conclude con suggerimenti per aree di ricerca futura.

2Una sfida di de-dollarizzazione della coalizione?

Questa sezione discute le tre categorie di borse di studio che sono più rilevanti per esaminare come le potenze emergenti potrebbero rappresentare una sfida di de-dollarizzazione della coalizione: (1) la letteratura sull’economia politica internazionale sul potere valutario, l’arte di governo economica e il sistema monetario internazionale; (2) illetteratura sulle relazioni internazionali sui poteri in ascesa e le alleanze di potere in ascesa; e (3) la letteratura degli studi BRICS. Sebbene questi tre campi di studio offrano spunti su alcuni aspetti della nostra domanda di ricerca, nessuno di essi affronta esplicitamente la questione delle coalizioni monetarie delle potenze emergenti, in particolare i BRICS come coalizione di de-dollarizzazione. Per colmare questa lacuna, introduciamo prima il puzzle empirico, quindi presentiamo il framework “Percorsi per la de-dollarizzazione” e infine discutiamo il nostro progetto di ricerca e le fonti di dati.

2.1Un problema sottovalutato: de-dollarizzazione tramite BRICS

Una delle principali aree di interesse per gli studi esistenti sulle relazioni monetarie internazionali, il potere valutario e l’arte di governo economica è stata l’affermazione del dollaro USA come valuta dominante mondiale (sia come valuta di riserva più comunemente detenuta sia come valuta più utilizzata per accordo) e le sue implicazioni per la leadership mondiale degli Stati Uniti. Gli studiosi hanno studiato a fondo il potere valutario del dollaro USA dal punto di vista dello status di valuta internazionale del dollaro. Dopo la crisi finanziaria globale, molti studiosi hanno rivalutato il ruolo del dollaro USA nell’economia globale e rispetto alla leadership mondiale degli Stati Uniti. Hanno spiegato come l’uso internazionale del dollaro USA abbia contribuito a costruire l’egemonia americana; come il primato del dollaro serva da fonte di prestigio degli Stati Uniti; e come gli Stati Uniti hanno usato il dollaro per affermare la propria influenza globale. Alcuni studiosi hanno sostenuto che la causa principale dello squilibrio economico globale e della crisi finanziaria globale del 2007-2008 era la mancanza di cooperazione valutaria istituzionalizzata. Pertanto, una soluzione post-crisi proposta per eccedenze di liquidità dovute a tassi di interesse ultrabassi era quella di creare un sistema di riserve globali multivaluta e ridurre la dipendenza dal dollaro USA .

Storicamente, l’istituzione di una valuta dominante e il passaggio da una valuta dominante all’altra non sono avvenute come risultato di sforzi unilaterali o collettivi compiuti dagli stati. Ad esempio, la morte del fiorino olandese come valuta dominante in Europa non è stata il prodotto dell’attivismo della Banca d’Inghilterra. Piuttosto, la perdita dello status di valuta di riserva del fiorino è stata principalmente dovuta a una perdita permanente di fiducia del mercato nella Banca di Amsterdam che ha sofferto di insolvenza politica, il che significa che il patrimonio netto era negativo rispetto ai suoi obiettivi politici . Allo stesso modo, la Conferenza di Bretton Woods ha formalmente riconosciuto lo status di valuta di riserva globale del dollaro USA, senza che il governo statunitense imponesse tale status su altri stati ( Storia dei mercati finanziari dal 1600 ad oggi ) . Il tentativo del governo giapponese di internazionalizzare lo yen attraverso molteplici meccanismi, come la creazione di un mercato offshore e l’aumento degli aiuti esteri del Giappone utilizzando lo yen, è fallito a causa della stagnazione economica del Giappone dagli anni ’90. Il predominio del dollaro USA è stato anche discusso rispetto ad altre valute internazionali in aumento. I potenziali sfidanti all’egemonia del dollaro sono le valute con un’influenza crescente negli affari monetari internazionali. Questi includono l’euro, seguito dal renminbi. Tuttavia, i difetti intrinseci dell’euro e del renminbi limitano la capacità di queste due valute di diventare la prossima valuta globale dominante. Nel caso dell’euro, nonostante sia la seconda valuta mondiale per importanza dopo il dollaro USA, il suo ruolo internazionale è sostanzialmente stagnante negli ultimi due decenni. Il mercato finanziario delle attività denominate in euro non ha le dimensioni e la profondità del mercato denominato in dollari, limitando la capacità dell’euro di sfidare l’egemonia del dollaro nei mercati finanziari globali. Allo stesso modo, il renminbi è in ritardo rispetto al dollaro in termini di dimensioni e profondità del mercato finanziario. Ha l’ulteriore problema della mancanza di flussi di capitali internazionali liberi. Data l’assenza di un precedente storico di una crescente coalizione di de-dollarizzazione del potere, la ricerca esistente deve ancora spiegare a sufficienza i meccanismi e le prospettive delle iniziative di de-dollarizzazione collettiva dei BRICS.

Ricerche precedenti hanno identificato un’ampia tendenza globale verso la de-dollarizzazione del settore finanziario, iniziata nei primi anni 2000 e continuata fino alla crisi finanziaria globale. Tuttavia, questa tendenza si è generalmente arrestata o addirittura invertita in molti paesi, con solo poche eccezioni, come il Perù. Una recente borsa di studio sulla politica economica ha esaminato le attività di de-dollarizzazione dei paesi soggetti alle sanzioni statunitensi e l’impatto di queste attività sulla politica estera statunitense e sul sistema monetario globale. Pur riconoscendo che i paesi soggetti alle sanzioni statunitensi hanno un incentivo condiviso a de-dollarizzare i loro accordi transfrontalieri, gli studiosi non sono d’accordo sull’impatto a lungo termine di queste iniziative di de-dollarizzazione individuali sul predominio del dollaro USA e sul sistema valutario globale . Nonostante i crescenti dibattiti teorici e politici sulla de-dollarizzazione, la borsa di studio esistente, non ha esaminato sistematicamente le iniziative di de-dollarizzazione della coalizione condotte da un gruppo motivato come i BRICS. Affrontare questa lacuna nella letteratura esistente non ha solo rilevanza teorica ma anche implicazioni politiche. L’incapacità di comprendere in modo completo le coalizioni di de-dollarizzazione emergenti potrebbe indurre i responsabili politici statunitensi a trascurare e sottovalutare le sfide della coalizione alla leadership finanziaria globale degli Stati Uniti.

La letteratura contemporanea sulle relazioni internazionali sulle crescenti coalizioni di potere si è sviluppata principalmente lungo la dicotomia tra le crescenti alleanze di potere e il potere in carica. In questo contesto, le potenze emergenti cercano di aumentare il loro status e la loro influenza come programmatori e normatori nella governance globale. Il concetto di alleanza è stato tradizionalmente definito dal punto di vista della hard security come “un’associazione formale di stati per l’uso (o il non uso) della forza militare, in circostanze specifiche, contro stati al di fuori della propria appartenenza” . Studi recenti hanno affermato che le potenze emergenti formano allineamenti versatili piuttosto che alleanze incentrate sulla sicurezza e che è improbabile che perseguano alleanze militari per sfidare la leadership degli Stati Uniti a causa della loro integrazione economica e finanziaria nel sistema esistente . In assenza di un forte bilanciamento e di minacce militari da parte delle potenze in ascesa, alcuni studiosi suggeriscono che le potenze in ascesa hanno utilizzato il bilanciamento morbido o “strumenti non militari per ritardare, frustrare e minare” la leadership globale degli Stati Uniti . Tali sfide dipendono in definitiva dalle ambizioni delle potenze emergenti e dal fatto che si tratti di riformatori, poteri dello status quo orientati alla riforma, rivoluzionari, controrivoluzionari o revisionisti razionali .

Gli studiosi esistenti hanno teorizzato le condizioni in cui una coalizione di potere in ascesa perseguirebbe varie strategie contro-egemoniche. La coalizione può sfidare la leadership in carica con un “go-it-alone” approccio: i suoi membri potrebbero escludere gli Stati Uniti e operare al di fuori del sistema esistente, limitando così le opzioni politiche degli Stati Uniti piuttosto che costringere o persuadere gli Stati Uniti a cambiare i loro modi. È probabile che le istituzioni globali esistenti vengano messe in discussione in aree in cui le preferenze dell’incumbent e delle potenze emergenti divergono: queste sono le aree in cui gli stati saranno motivati ​​a creare nuove istituzioni . Per esercitare l’arte finanziaria collettiva, una coalizione di potere in ascesa può fare riforme all’interno del sistema stabilito o stabilire strutture nuove e in competizione, e può utilizzare istituzioni e mercati come due sedi di azione . Sebbene gli studiosi non abbiano specificato comeuna coalizione di potere in ascesa può sfidare l’egemonia del dollaro, hanno discusso della scelta fondamentale di lavorare all’interno rispetto all’esterno del sistema.

Lo studio precedente ha analizzato le sfide anti egemoniche della coalizione delle potenze emergenti nel contesto delle loro scelte istituzionali, inclusa la creazione di nuove istituzioni e il tentativo di riformare le principali istituzioni esistenti. Ad esempio, l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) guidata dalla Cina è un esempio dell’istituzionalismo anti egemonico delle potenze emergenti, poiché incarna il malcontento delle potenze emergenti nei confronti delle istituzioni multilaterali guidate dagli Stati Uniti e le tensioni tra le potenze emergenti e gli Stati Uniti Stati nella governance economica globale . Tuttavia, le “scelte di mercato” delle potenze emergenti e la rilevanza dello status quo degli strumenti di mercato per la mobilitazione delle coalizioni sono state meno discusse. La letteratura esistente ha illuminato il potenziale utilizzo di contratti autoeseguibili basati su blockchain per ottenere la de-dollarizzazione commerciale tra piccoli gruppi di paesi, come BRICS . Gli swap di valuta e le criptovalute potrebbero essere utilizzati anche per de-dollarizzare il commercio globale di petrolio . Ma queste proposte non hanno valutato sistematicamente i meccanismi attraverso i quali una coalizione collettiva di de-dollarizzazione potrebbe essere mobilitata e come una tale coalizione potrebbe realizzare economie di scala. Di conseguenza, la letteratura esistente ha trascurato la sfida delle alleanze monetarie delle potenze emergenti. Pertanto, rischia di sottovalutare la portata e la credibilità della coalizione di un’alleanza di poteri in ascesa, soprattutto se i membri di tale alleanza hanno condiviso le frustrazioni con il dollaro e hanno le risorse finanziarie per creare i propri mercati e istituzioni.

La questione se i BRICS possano frenare il “privilegio esorbitante” del dollaro ha ricevuto attenzione nella prima letteratura sulla politica finanziaria collettiva dei BRICS  ha esaminato le dinamiche associative dei BRICS nel regno valutario e hanno scoperto che i BRICS hanno generato narrazioni condivise per ridurre il privilegio del dollaro, ma i divergenti interessi e disaccordi dei suoi membri sulle possibili soluzioni hanno minato gli sforzi della coalizione. Successivamente, gli studiosi hanno valutato le prestazioni dei BRICS sia come coalizione finanziaria che come entità di mobilitazione collettiva. Soprattutto, BRICS ha guidato i mercati emergenti nel cambiare l’ordine finanziario globale sviluppando fonti alternative di assistenza di emergenza e finanziamento dello sviluppo per creare un sistema che serva meglio i suoi interessi e le sue idee .

Tuttavia, pur riconoscendo che la cooperazione finanziaria BRICS si sta approfondendo, gli studiosi non sono d’accordo sulle prospettive e credibilità delle iniziative dei BRICS per trasformare il sistema globale esistente. Alcuni hanno dubbi sul potenziale dei BRICS di agire come un trasformatore di sistema, mentre altri ritengono che il formato dei BRICS come istituzione informale potrebbe consentirgli di acquisire un potere considerevole ha riconciliato queste differenze accademiche fornendo prove per dimostrare che è possibile per i BRICS “trarre vantaggio da un panorama frammentato e disparato di governance economica globale per sfruttare i vantaggi” in circostanze uniche.

Un prerequisito affinché i BRICS si presentino come una credibile coalizione di de-dollarizzazione è la sua capacità di creare una solida coalizione. Sebbene la letteratura esistente non abbia discusso in modo esplicito della solidità delle iniziative di de-dollarizzazione collettiva dei BRICS, ha dimostrato che i BRICS hanno esercitato una “strategia finanziaria collettiva” per sfidare l’ordine internazionale liberale esistente. In particolare, istituzioni come NDB e CRA sono esempi della mobilitazione collettiva dei BRICS per riformare la governance finanziaria globale. I BRICS non solo hanno trasformato le tradizionali strutture di potere all’interno del sistema esistente, come l’Organizzazione mondiale del commercio, ma sono anche servite come base per più ampie coalizioni dei paesi in via di sviluppo per sfidare l’egemonia statunitense .

Altri studiosi sono più critici nei confronti della mobilitazione collettiva dei BRICS. Alcuni sostengono che è improbabile che i BRICS diventino una plausibile alleanza anti-occidentale in grado di minare in modo credibile la leadership degli Stati Uniti e trasformare l’ordine internazionale esistente .

La capacità dei BRICS di cambiare il sistema esistente è probabilmente minata dall’eterogeneità politica, economica e ideologica del gruppo ; l’asimmetria di potere all’interno dei BRICS ; e la sua mancanza di una visione collettiva dell’ordine mondiale commerciabile per la più ampia comunità internazionale . Anche nella finanza dello sviluppo, che è spesso citata come prova che i BRICS siano un gruppo controegemonico, gli studiosi sostengono che i diversi modelli di assistenza allo sviluppo tra i singoli membri potrebbero indebolire un modello BRICS coerente . Il tentativo fallito dei BRICS di creare una propria agenzia di rating del credito è una dimostrazione della limitata capacità del gruppo di trasformare l’ordine finanziario globale attraverso l’innovazione istituzionale collettiva .

Infine, tra gli studi precedenti che hanno esaminato la cooperazione finanziaria BRICS attraverso i casi dell’NDB e del CRA, alcuni hanno valutato le prospettive di de-dollarizzazione attraverso queste istituzioni finanziarie multilaterali governate dai BRICS . Tuttavia, la ricerca esistente non ha studiato a fondo l’ampia gamma di iniziative di de-dollarizzazione che i membri BRICS hanno sperimentato. Né ha esplorato sistematicamente la natura della “de-dollarizzazione della coalizione” dei BRICS. Questa ricerca esistente manca anche di un’analisi completa di come i BRICS si siano impegnati con altri attori non BRICS per ottenere economie di scala per le loro iniziative di de-dollarizzazione.

2.2Il puzzle: i BRICS sono una coalizione di de-dollarizzazione?

È sconcertante il motivo per cui i BRICS rimangono poco studiati come coalizione di de-dollarizzazione per due motivi. In primo luogo, data la dimensione aggregata delle economie e dei mercati BRICS, nonché il rischio di sanzioni, i paesi BRICS dovrebbero teoricamente avere la motivazione collettiva per de-dollarizzare i loro accordi internazionali per ridurre i rischi valutari e sanzionatori. Storicamente, tutti e cinque i membri hanno subito sanzioni statunitensi, con Russia e Cina ancora sotto vari livelli di sanzioni statunitensi. Le frustrazioni condivise dei cinque membri dovrebbero fornire loro forti incentivi a mobilitarsi verso la de-dollarizzazione. In secondo luogo, quando il gruppo si è riunito per la prima volta nel 2009, la riduzione della dipendenza dal dollaro USA e la diversificazione della valuta globale e del sistema finanziario erano una priorità dichiarata pubblicamente per BRIC. Quando il Sudafrica si è unito nel 2010, BRICS ha ribadito il suo comune interesse per questo tema. Poiché BRICS è la prima coalizione di potere in ascesa con un forte impegno nella riforma della governance finanziaria globale, l’esame delle sue iniziative di de-dollarizzazione presenta un’opportunità unica per far avanzare la ricerca accademica sull’economia politica della de-dollarizzazione coalizionale.

Anche i paesi BRICS devono affrontare un dilemma: mentre preferirebbero avere alternative al dollaro USA come valuta dominante, il deprezzamento del dollaro diminuirebbe il valore delle loro grandi partecipazioni di attività denominate in dollari. Pertanto, devono trovare un equilibrio tra il loro desiderio di una maggiore influenza internazionale e autonomia finanziaria ei costi materiali dell’indebolimento della posizione valutaria dominante del dollaro USA. Questo bilanciamento non è solo una questione critica per i BRICS, ma ha anche implicazioni politiche dirette per altri paesi e organizzazioni regionali. Dato il significato politico ed economico dei BRICS, le sue iniziative di de-dollarizzazione della coalizione avranno un impatto diretto sul dominio del dollaro USA nel sistema finanziario globale esistente e nella leadership globale degli Stati Uniti.

Mentre si delinea questo puzzle di ricerca, è anche importante chiarire che la de-dollarizzazione in questo studio non deve essere confusa con la sostituzione del dollaro USA con un’altra valuta egemonica globale. Le iniziative di de-dollarizzazione BRICS non riguardano il sostegno collettivo del gruppo all’internazionalizzazione del renminbi o l’internazionalizzazione di qualsiasi altra valuta nazionale. Questa ricerca si concentra sui percorsi di de-dollarizzazione della coalizione e cerca di catturare importantimeccanismi che i cinque membri hanno perseguito per ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA. Inoltre, questa ricerca si concentra sulla de-dollarizzazione nel contesto degli accordi internazionali piuttosto che sulla de-dollarizzazione monetaria interna.

2.3Il quadro analitico: percorsi verso la de-dollarizzazione

Il nostro quadro analitico si basa sul presupposto che, dati i costi tangibili dell’essere completamente isolati dal sistema basato sul dollaro, i membri di una coalizione di potere in ascesa non avviino volontariamente una rivoluzione globale contro il sistema. Al contrario, è probabile che le loro iniziative di de-dollarizzazione siano reattive al predominio del dollaro, cercando di correggere “l’asimmetria destabilizzante” del potere egemonico del dollaro nel sistema economico e finanziario globale. Pertanto, mirano a mitigare il rischio di essere soggetti al potere egemonico del dollaro USA in modo da ottenere una maggiore autonomia e cercare un’influenza più ampia nel sistema globale.

È probabile che emerga una coalizione di de-dollarizzazione quando i membri del sistema basato sul dollaro sono insoddisfatti dello status quo internazionale, compreso il privilegio esorbitante del dollaro, la leadership globale degli Stati Uniti e le regole e le norme esistenti. Le potenze emergenti rinegoziano continuamente lo status quo internazionale mentre cercano di aumentare la loro influenza e il loro status, aspirando a diventare decisori e programmatori della finanza globale . Tuttavia, la loro insoddisfazione per il sistema è particolarmente pronunciata e dà origine a una coalizione controegemonica quando affrontano minacce dirette alla loro autonomia finanziaria e geopolitica. Tali minacce includono l’essere presi di mira da politiche ostili e coercitive o il fatto che il sistema esistente subisca una grave crisi o uno shock. Il primo si verifica quando, ad esempio, l’infrastruttura finanziaria internazionale (ad es. SWIFT) viene utilizzata per costringere un attore mirato a modificare il proprio comportamento . Questo porta l’attore a rivoltarsi contro l’egemone e costruire coalizioni per resistere alla pressione esterna. In quest’ultimo caso, la frustrazione condivisa per la crisi e il percepito declino del sistema esistente basato sul dollaro hanno consentito la nascita di iniziative di de-dollarizzazione della coalizione. Le coalizioni possono aiutare i loro membri a sopravvivere alla crisi e guidare il sistema verso i loro risultati preferiti. Affinché la coalizione di de-dollarizzazione si concretizzi, i membri della coalizione devono avere la capacità politica ed economica di influenzare il sistema del dollaro .

Il nostro quadro “Percorsi per la de-dollarizzazione” proposto concettualizza vari canali attraverso i quali una coalizione di potere in ascesa ei suoi membri possono mitigare il rischio di operare nel sistema basato sul dollaro. Poteri crescenti possono mitigare questo rischio utilizzando due approcci principali . Un approccio è quello di coprire il rischio sviluppando un’alternativa al sistema non basato sul dollaro che consente alle potenze emergenti di mantenere connessioni economiche e finanziarie dirette con altri paesi del mondo senza ricorrere al sistema basato sul dollaro. Questa è la strategia “go-it-alone”, che si riferisce alle opzioni politiche di de-dollarizzazione al di fuori del sistema esistente basato sul dollaro e alla costruzione di nuove strutture non legate al dollaro. L’altro approccio consiste nel perseguire l’assicurazione del rischio e la diversificazione del rischio utilizzando la “voce” per avviare cambiamenti e migliorare il sistema esistente basato sul dollaro. Questa è la strategia della “riforma dello status quo”, che si riferisce al perseguimento di riforme all’interno del sistema esistente per diluire lo status di valuta dominante del dollaro.

Questi due approcci non si escludono a vicenda. In primo luogo, la strategia “go-it-alone” può creare un'”uscita” dal sistema esistente. Tuttavia, questa strategia non può essere completamente separata dal sistema esistente perché dipende ancora da esso per mobilitare le risorse necessarie per sfidare il sistema. In secondo luogo, i poteri in ascesa possono utilizzare la potenziale “uscita” come fonte di leva per la riforma del sistema esistente, quindi le minacce di uscita e le istituzioni parallele servono come mezzo per aumentare la voce nelle istituzioni esistenti . Infine, nella loro ricerca dell’autonomia e dell’influenza, i poteri emergenti possono impegnarsi sia con i meccanismi istituzionali che con i meccanismi di mercato per attuare entrambe le strategie. La tabella 1 visualizza il framework Pathways to De-dollarizzazione offrendo un elenco illustrativo di percorsi comuni.

Tabella 1Percorsi di de-dollarizzazione: meccanismi istituzionali e di mercato (un elenco illustrativo)

Meccanismi di mitigazione del rischio Strategia di mitigazione del rischio
“Vai da solo” “Riformare lo status quo”
Istituzioni Creare nuove istituzioni finanziarie multilaterali per il finanziamento non in dollari al di fuori delle istituzioni esistenti Rafforzare l’autodifesa delle banche centrali contro l’egemonia del dollaro e migliorare l’accesso di emergenza alla liquidità in dollari
Promuovere e rendere popolari le istituzioni non legate al dollaro attraverso un coinvolgimento più ampio Riformare e diversificare la struttura della valuta di riserva globale esistente
Mercati Crea nuovi strumenti finanziari e asset alternativi al dollaro sul mercato Diffondere il predominio del dollaro come valuta veicolo e promuovere l’uso della valuta locale nelle transazioni transfrontaliere
Creare e promuovere infrastrutture finanziarie alternative diverse dal dollaro per il mercato Riorganizzare la struttura del mercato azionario globale e creare un’alleanza di mercati azionari non in dollari

Sulla base di questa analisi, proponiamo quanto segue:

Proposizione 1: quando le potenze emergenti cercano una maggiore autonomia finanziaria e geopolitica in risposta a una minaccia percepita di sanzioni e rischio valutario, è probabile che si concentrino sullo sviluppo e sull’accelerazione di strategie “go-it-alone” che enfatizzino la creazione di nuove strategie non basate sul dollaro meccanismi istituzionali e di mercato. Sebbene lo sviluppo di istituzioni e mercati alternativi sia un progetto a lungo termine e richieda risorse significative, le potenze crescenti perseguirebbero strategie di “riforma dello status quo” a basso costo e a breve termine per aumentare l’accesso al sistema commerciale esistente e al capitale globale mediante utilizzando valute diverse dal dollaro e diffondendo il predominio del dollaro. Una coalizione di potere in aumento può promuovere l’uso della valuta locale nel sistema commerciale globale esistente per indebolire lo status di valuta veicolo dominante del dollaro USA. I suoi membri possono ridurre le proprie riserve di dollari USA o attività denominate in dollari per difendersi dai rischi legati alla valuta e alle sanzioni. La coalizione può anche cercare di diversificare la composizione valutaria globale esistente promuovendo valute alternative, come altre valute nazionali, valute sovranazionali o persino valute digitali. Infine, i membri della coalizione possono anche creare ed espandere mercati azionari non basati sul dollaro nel sistema finanziario globale esistente per distogliere il capitale dai mercati basati sul dollaro. o anche valute digitali. Infine, i membri della coalizione possono anche creare ed espandere mercati azionari non basati sul dollaro nel sistema finanziario globale esistente per distogliere il capitale dai mercati basati sul dollaro. o anche valute digitali. Infine, i membri della coalizione possono anche creare ed espandere mercati azionari non basati sul dollaro nel sistema finanziario globale esistente per distogliere il capitale dai mercati basati sul dollaro.

Applicato al contesto BRICS, ipotizziamo che la Russia, in quanto paese continuamente soggetto alle sanzioni occidentali, così come altre economie che sono influenzate negativamente dalla volatilità del dollaro, guiderebbe la strategia di de-dollarizzazione “go-it-alone” dei BRICS, mobilitare altri paesi BRICS attorno a iniziative di de-dollarizzazione e utilizzare un’ampia gamma di percorsi di de-dollarizzazione. I membri minacciati della coalizione di potere in aumento non solo cercherebbero di mobilitare altri paesi BRICS attorno a un’agenda di de-dollarizzazione, ma è probabile che promuovano anche meccanismi non basati sul dollaro per attirare più partecipanti: potenze non in carica e organizzazioni non occidentali come la Shanghai Cooperation Organization (SCO ) per creare le economie di scala.

Proposta 2: quando le potenze emergenti non sono sotto una minaccia immediata di sanzioni, è probabile che rimangano fedeli al sistema del dollaro USA e diano la priorità alle strategie di “riforma dello status quo” nel breve termine. La letteratura sul paradigma della valuta dominante suggerisce che l’ampio uso del dollaro USA nelle transazioni internazionali attira altri paesi nel sistema basato sul dollaro . Tuttavia, mentre una certa dipendenza dal percorso può essere ipotizzata a breve termine, le potenze nascenti ambiziose che cercano di diversificare il sistema utilizzeranno sia strategie di “riforma dello status quo” che strategie di de-dollarizzazione “da solo” per aumentare la loro influenza finanziaria e geopolitica . La figura 1 mostra le aree chiave dell’egemonia del dollaro USA che una più ampia mobilitazione per la de-dollarizzazione deve considerare.

 

paesi brics cosa sono e cosa vogliono
Figura 1 Una visualizzazione del predominio del dollaro USA

Figura 1classifica le varie espressioni dello status di valuta dominante del dollaro USA in tre aree principali: economia reale, finanziamento e investibilità. Queste tre categorie generali coprono le aree specifiche che costituiscono il vincolo strutturale che qualsiasi iniziativa di de-dollarizzazione reattiva deve considerare. In particolare, il dollaro USA è la valuta di riserva globale dominante e gode del peso più elevato nel paniere dei diritti speciali di prelievo (DSP). È anche la valuta di fatturazione dominante nel commercio internazionale; la valuta principale nell’infrastruttura finanziaria globale; e ha il potere di determinazione dei prezzi dominante nelle principali materie prime globali. Il dollaro domina anche lo spazio del finanziamento dello sviluppo, dei depositi bancari e dell’indebitamento aziendale globale. Infine,Applicato al contesto BRICS, poiché tutti e cinque i paesi BRICS cercano una maggiore influenza finanziaria e geopolitica, ipotizziamo che sfideranno il predominio del dollaro USA implementando percorsi di de-dollarizzazione che affrontino queste aree strategiche e misuriamo il livello di la sfida su uno spettro da basso ad alto.

Infine, la sfida più completa ed efficace all’egemonia del dollaro è se una coalizione di potere in ascesa intraprende una sistematica campagna di de-dollarizzazione della coalizione e utilizza una combinazione di approcci sia “da solo” che “riforma lo status quo” che sfidano tutte le aree specificate in cui il dollaro gode del predominio. Una coalizione che può ottenere più efficacemente la de-dollarizzazione è quella che crea un bene di club non in dollari (ad esempio, una nuova istituzione o meccanismo di mercato) che può governare e utilizzare come leva. Una tale coalizione può promuovere il bene attraverso un coinvolgimento più ampio e persino renderlo popolare come bene pubblico per stabilire un sistema globale alternativo al dollaro. La strategia “go-it-alone” è più probabile dell’approccio “riforma lo status quo” per generare tali nuovi beni per club non in dollari. Iniziative di de-dollarizzazione riuscite non solo possono aiutare le potenze emergenti a bypassare le azioni coercitive, ma possono anche essere utilizzate come armi per scopi coercitivi e ai rivali potrebbe essere negato l’accesso. In quanto iniziatori di tali meccanismi di de-dollarizzazione, le potenze emergenti sarebbero i regolatori dominanti in un sistema de-dollarizzato, probabilmente limitando lo spazio politico degli Stati Uniti e godendo di uno status più elevato rispetto ai loro seguaci.

2.4Progetto di ricerca

Per esaminare i percorsi di de-dollarizzazione dei BRICS e se i BRICS possono de-dollarizzare il sistema finanziario globale guidato dagli Stati Uniti, applichiamo il framework introdotto e analizziamo un’ampia gamma di dati relativi ai BRICS utilizzando metodi qualitativi, tra cui tracciamento dei processi, interviste, analisi dei contenuti e ricerca d’archivio e analisi quantitativa di dati finanziari rilevanti per i BRICS.

In primo luogo, combiniamo il tracciamento dei processi e l’analisi dei contenuti per identificare le pietre miliari chiave nella cooperazione finanziaria e nelle iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS tra il 2009 e il 2021. Indaghiamo sull’esistenza di un’agenda di de-dollarizzazione dei BRICS e identifichiamo gli attori di spicco nella de-dollarizzazione spazio. Triangiamo gli eventi chiave attraverso diverse fonti che vanno da fonti locali credibili nei paesi BRICS ai media internazionali. In secondo luogo, per valutare la coerenza dell’impegno dei BRICS nei confronti della de-dollarizzazione nel tempo, analizziamo una varietà di fonti d’archivio, inclusi discorsi e saggi di decisori politici BRICS, dichiarazioni BRICS, rapporti di think tank BRICS, comunicati stampa e operazioni di finanziamento NDB e BRICSRapporti del Consiglio d’affari. Terzo, per avere un quadro più accurato delle preferenze politiche BRICS, ci affidiamo a interviste semi-strutturate con esperti, funzionari (attuali ed ex), banchieri centrali e professionisti finanziari nei paesi BRICS che hanno partecipato alla definizione delle politiche BRICS o pubblicato sul questione della cooperazione finanziaria BRICS. Abbiamo identificato esperti sulla base della nostra analisi di documenti BRICS, notizie credibili, membri dei gruppi di riflessione BRICS e pubblicazioni accademiche su riviste di primo piano.

Applichiamo il quadro analitico esaminando un’ampia gamma di iniziative di de-dollarizzazione BRICS che comprendono l’uso di meccanismi sia istituzionali che di mercato per mitigare l’esposizione al rischio dei membri BRICS al potere egemonico del dollaro. Queste iniziative includono l’NDB e la de-dollarizzazione del finanziamento dello sviluppo; de-dollarizzazione del commercio mondiale di petrolio; de-dollarizzazione dell’infrastruttura finanziaria globale attraverso alternative BRICS a SWIFT; Promozione BRICS di iniziative di de-dollarizzazione coinvolgendo membri non BRICS; misure di autodifesa nelle istituzioni a guida statunitense contro il predominio del dollaro; riforme della struttura della valuta di riserva globale; gli sforzi per diffondere il predominio del dollaro come valuta veicolo nel commercio; e le attività dei BRICS nei mercati azionari globali. Il nostro framework Pathways ci consente di identificare e valutare ciò che i membri hanno raggiunto, e il benchmark delle aree strategiche di de-dollarizzazione illustra cosa dovrebbero fare i BRICS per de-dollarizzare. La combinazione dei due approcci ci consente di ingrandire ed esaminare le strategie specifiche perseguite da ciascun membro BRICS, oltre a distinguere i paesi BRICS che guidano gli sforzi di de-dollarizzazione dai membri meno attivi. L’analisi che ne risulta ci consente di valutare il livello complessivo della sfida di de-dollarizzazione dei BRICS.

Per comprendere l’entità della mobilitazione collettiva lungo i percorsi proposti nel nostro quadro, introduciamo una matrice bidimensionale che misura l’efficacia delle iniziative di de-dollarizzazione e il livello di forza della coalizione. Il parametro di riferimento per un elevato livello di efficacia è la creazione di istituzioni non in dollari e/o strumenti di mercato o infrastrutture di mercato. Seguendo la nostra concettualizzazione, la strategia “go-it-alone” porta a un livello più elevato di efficacia della de-dollarizzazione, poiché mira alla creazione di nuovi meccanismi non-dollari. Al contrario, la strategia “reform-status-quo” produce una minore efficacia a causa della mancanza di innovazioni di meccanismo. Misuriamo la forza della coalizione in base al numero di partecipanti a un’iniziativa di de-dollarizzazione. Questo perché gli accordi transfrontalieri nel commercio e nella finanza internazionale richiedono controparti e la formazione di un sistema finanziario globale non in dollari richiede un’ampia partecipazione di attori statali e attori non statali. Significa un numero maggiore di partecipantiche un’iniziativa di de-dollarizzazione è più solida. Le iniziative unilaterali possono essere potenzialmente ridimensionate a livello di coalizione, ma rappresentano un basso livello di forza della coalizione. La forza della coalizione aumenta man mano che più membri della crescente coalizione di potere partecipano insieme a iniziative di de-dollarizzazione. Una volta che la coalizione crea il pieno consenso, dimostra una maggiore forza della coalizione. Quando la coalizione di potere in ascesa espande le sue iniziative di de-dollarizzazione oltre i membri del gruppo e mobilita una coalizione più ampia, la forza della coalizione è massima. Come la figura 1illustra, la combinazione di alta efficacia e alta forza di coalizione si trova nella cella in alto a destra, che presenta la formazione di un sistema finanziario globale alternativo non basato sul dollaro che è governato da potenze emergenti e non dagli Stati Uniti ( Figura 2 ).

paesi brics cosa sono
figura 2: Misurare le iniziative di de-dollarizzazione della coalizione

Nota : n = numero di partecipanti a un’iniziativa di de-dollarizzazione (attori statali e non statali N = numero di membri formali nella coalizione di potere in ascesa (nel caso dei BRICS, N = 5, inclusi Brasile, Russia, India, Cina , e Sud Africa).

Aumentiamo la nostra analisi qualitativa con i dati quantitativi dai rapporti annuali dell’NDB, dal suo database di progetto, dai rapporti e dalle statistiche SWIFT, dalle statistiche bancarie internazionali della Bank for International Settlements, dai dati sulle partecipazioni del tesoro di Bloomberg, dal Treasury International Capital System, dai dati sui futures sulle materie prime di Shanghai Futures Exchange, BRICS riserve di dati e dati di trading da People’s Bank of China, Bank of Russia, South African Reserve Bank, Reserve Bank of India, Central Bank of Brazil, ICE Benchmark Administration e World Gold Council, e BRICS dati sui diritti di voto e Quota DSP dalla Banca Mondiale e dal FMI.

3BRICS come una coalizione per la de-dollarizzazione

Questa sezione indaga se i BRICS possono essere considerati una coalizione per la de-dollarizzazione. Combinando il tracciamento dei processi con l’analisi dei contenuti, analizza innanzitutto come i BRICS, in quanto coalizione finanziaria, hanno affrontato la questione della diversificazione del sistema finanziario e valutario globale basato sul dollaro USA sin dalla costituzione del gruppo nel 2009. Successivamente, questa sezione valuta lo stato delle valute BRICS in mercati valutari globali al fine di esaminare la dinamica delle valute BRICS rispetto alla posizione dominante del dollaro. Infine, indaga le prospettive dei singoli paesi BRICS sulla de-dollarizzazione per valutare la convergenza dei loro interessi; chi sostiene la de-dollarizzazione e come; e come avviene la mobilitazione intorno alla de-dollarizzazione.

3.1Pietre miliari chiave nell’evoluzione dei BRICS come coalizione finanziaria

Il primo vertice BRIC del 2009 si è concluso con una chiara dichiarazione dei suoi leader: “[s]iamo impegnati a portare avanti la riforma del istituzioni finanziarie, in modo da riflettere i cambiamenti nell’economia globale… Riteniamo inoltre che vi sia una forte necessità di un sistema monetario internazionale stabile, prevedibile e più diversificato” ( BRIC, 2009 ). Da allora la cooperazione finanziaria è stata un tema coerente durante ogni vertice annuale dei BRICS ed è stata trattata in dichiarazioni congiunte del vertice. Diverse pietre miliari chiave hanno stimolato l’impegno dei BRICS nella diversificazione del sistema esistente. Ad esempio, tra il 2012 e il 2017, i BRICS hanno istituito l’NDB, hanno promosso collettivamente l’uso della valuta locale nel finanziamento dello sviluppo e lanciato il CRA. Nel 2020, BRICS ha identificato l’emancipazione delle valute locali come punto dell’agenda a lungo termine, consolidando così la sua importanza per il gruppo in futuro.

La prima pietra miliare è l’istituzione dell’NDB e del CRA, inizialmente proposti rispettivamente nel 2012 e nel 2013, sebbene entrambi si siano concretizzati nel 2014. Queste due istituzioni sono il risultato della frustrazione dei membri BRICS per i loro limitati progressi nella riforma delle istituzioni di Bretton Woods. I BRICS hanno creato l’NDB e il CRA per rispecchiare le funzioni rispettivamente della Banca Mondiale e del FMI, ma operano sotto la proprietà e il controllo dei BRICS. L’NDB e il CRA sono stati entrambi progettati per aiutare i BRICS a ridurre la loro dipendenza dal finanziamento in dollari USA e dal FMI. Ad esempio, nell’Accordo sulla Nuova Banca di Sviluppo , BRICS afferma che l’NDB “può fornire finanziamenti nella valuta locale del paese in cui si svolge l’operazione”. Questa dichiarazione ha posizionato l’NDB come un intermediario finanziario per lo sviluppo che utilizza valute locali per mobilitare capitali sui mercati internazionali e fornisce finanziamenti ai suoi membri (vedi Sezione 4 ). Questa funzione di finanziamento in valuta locale fa sì che la NDB assomigli alla “mini-Banca mondiale” dei BRICS. Tuttavia, l’NDB offre vantaggi maggiori rispetto alla Banca mondiale per i membri BRICS: i prestiti NDB hanno meno vincoli e i prestiti in valuta locale consentono ai mutuatari di non aumentare il debito estero in dollari USA. Il CRA è stato salutato dal presidente Putin come “il FMI dei BRICS” perché “crea le basi per un’efficace protezione delle (nostre) economie nazionali da una crisi dei mercati finanziari” ( RT, 2014). Rende disponibili riserve di dollari aggregate di 100 miliardi di dollari per fornire supporto di liquidità ai membri in tempi di crisi della bilancia dei pagamenti (BRIC ) di modesta entità. Tuttavia, il CRA non è un prestatore di ultima istanza; piuttosto, fornisce ai membri la prima linea di difesa prima che debbano chiedere aiuto condizionato al FMI (vedi Sezione 5 ).

Il traguardo della de-dollarizzazione più recente è stato raggiunto durante la pandemia di COVID-19 al Summit BRICS 2020 , quando i BRICS hanno deciso di rafforzare e far avanzare gli attuali processi di de-dollarizzazione. Sotto la presidenza della Russia nel 2020, il gruppo ha emesso congiuntamente ilStrategia per il partenariato economico BRICS 2025. Questa strategia ha ribadito l’impegno di lunga data dei membri nella riforma delle istituzioni di Bretton Woods. Ancora più importante, ha identificato diverse “aree prioritarie di partnership” direttamente correlate alla de-dollarizzazione, tra cui: promuovere l’uso delle valute locali nei pagamenti reciproci, rafforzare la cooperazione BRICS sui sistemi di pagamento, collaborare allo sviluppo di nuove tecnologie finanziarie, per far avanzare il meccanismo CRA, per continuare la cooperazione sulla creazione del BRICS Local Currency Bond Fund e per continuare a facilitare l’NDB nel finanziamento dello sviluppo, espandendo al contempo l’uso delle valute locali .

Negli ultimi due decenni, i BRICS hanno mostrato un impegno costante nella riforma del sistema finanziario globale e nella diversificazione della struttura valutaria globale. Catalizzato dalla crisi finanziaria globale e dalla pandemia di COVID-19, il gruppo ha implementato politiche mirate e ampliato le aree di cooperazione per aiutare i membri a ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA. Il recente conflitto militare tra India e Cina non ha impedito ai membri della coalizione di approfondire la loro partnership economica. Ciò suggerisce che esiste una volontà politica di perseguire l’agenda economica e che la de-dollarizzazione rimarrà una questione importante per i BRICS nonostante la loro divergenza in altre aree.

3.2L’ascesa graduale delle valute BRICS

Poiché i BRICS hanno implementato in modo incrementale politiche specifiche per la de-dollarizzazione, le valute nazionali BRICS hanno progressivamente guadagnato una quota di mercato maggiore nel sistema valutario globale basato sul dollaro, pur rimanendo a livelli relativamente bassi rispetto al dollaro USA. Il modo più diretto per i BRICS di ridurre la propria dipendenza dal dollaro USA è aumentare l’uso delle proprie valute nazionali nelle transazioni transfrontaliere. Secondo l’ultima indagine triennale della Banca dei regolamenti internazionali (2019), il renminbi cinese è stata l’ottava valuta più attivamente scambiata, classificandosi subito dopo il franco svizzero. Si tratta di un aumento significativo rispetto alla sua posizione al 35° posto nel 2001. Inoltre, il renminbi è ora la valuta dei mercati emergenti più attivamente scambiata. Ha raggiunto il 4,3% del fatturato globale totale nel 2019, un aumento significativo rispetto allo 0,1% nel 2004. La rupia indiana è stata la seconda valuta BRICS più scambiata, in 16a posizione a livello mondiale e rappresentando l’1,7% del commercio globale. Il rublo russo, il real brasiliano e il rand sudafricano si trovano rispettivamente al 17°, 20° e 33° posto ( Tabella 2 ).

Tavolo 2Turnover di cambio over-the-counter per valute (base netta, quote percentuali del fatturato medio giornaliero)

Moneta 2004 2007 2010 2013 2016 2019
Con R C R C R C R C R C R
Le principali valute mondiali Dollaro statunitense 88.0 1 85.6 1 84.9 1 87.0 1 87.6 1 88.3 1
euro 37.4 2 37.0 2 39.0 2 33.4 2 31.4 2 32.3 2
Yen giapponese 20.8 3 17.2 3 19.0 3 23.0 3 21.6 3 16.8 3
Sterlina inglese 16.5 4 14.9 4 12.9 4 11.8 4 12.8 4 12.8 4
valute BRICS CNY 1 0.1 29 0,5 20 0.9 17 2.2 9 4.0 8 4.3 8
INR 1 0.3 20 0.7 19 0.9 15 1.0 20 1.1 18 1.7 16
RUBRICA 1 0.6 17 0.7 18 0.9 16 1.6 12 1.1 17 1.1 17
BRL 1 0.3 21 0.4 21 0.7 21 1.1 19 1.0 19 1.1 20
SAR 2 0.0 33 0.1 33 0.1 33 0.1 34 0.3 26 0.2 33
Altre valute 36 42.9 40.7 38.8 39.1 41.4
Totale 3 200 200 200 200 200 200

1.Il fatturato degli anni precedenti al 2013 potrebbe essere sottostimato a causa della segnalazione incompleta del commercio offshore nelle indagini precedenti. Le modifiche metodologiche dell’indagine 2013 hanno assicurato una copertura più completa dell’attività in EME e altre valute.

2.Il fatturato può essere sottovalutato a causa della rendicontazione incompleta del trading offshore.

3.Poiché in ciascuna transazione sono coinvolte due valute, la somma delle quote percentuali delle singole valute ammonta al 200 percento anziché al 100 percento.

Fonti : dati compilati dall’autore da Bank for International Settlements (BRI) “Triennial Central Bank Survey of Foreign Exchange and Over-the-Counter (OTC) Derivatives Markets”, dicembre 2019.

Confrontando le variazioni di posizione nella classifica valutaria dal 2004 al 2019, l’aumento del fatturato di trading attivo del renminbi è stato il maggiore. La crescita del fatturato commerciale per altre valute BRICS non è stata così rapida, ma comunque costante. Al contrario, le azioni delle principali valute mondiali, in particolare l’euro, lo yen giapponese e la sterlina britannica, sono generalmente diminuite, sebbene fossero ancora tre delle prime quattro valute più attivamente negoziate. Gli scambi in dollari USA sono diminuiti per le due indagini del 2007 e del 2010, in gran parte a causa della crisi finanziaria globale e della crisi di liquidità in dollari USA, ma si sono rapidamente ripresi negli anni successivi ( Tabella 2 e Figura 3 ).

de dollarizzazione paesi brics
Figura 3: Distribuzione valutaria del fatturato in valuta estera over-the-counter (OTC).

Fonte: Dati compilati dall’autore da Bank for International Settlements (BIS) “Indagine triennale della banca centrale sui mercati dei derivati ​​​​di cambio e over-the-counter (OTC)”, dicembre 2019

Questo confronto dell’attività di trading valutario rivela che il dollaro USA mantiene ancora il suo dominio assoluto nel mercato valutario. Tuttavia, la quota di mercato collettiva delle valute BRICS, in particolare il renminbi, è lentamente aumentata, ma è ancora molto inferiore alla quota di mercato del dollaro USA. Tuttavia, il piccolo aumento della quota di mercato delle valute BRICS non ha causato una diminuzione della quota di mercato del dollaro USA, poiché la quota del dollaro USA è rimasta stabile. Man mano che i paesi BRICS implementano le loro politiche di internazionalizzazione delle valute, le attività di trading delle valute BRICS aumenteranno lentamente. Questo aumento potrebbe non avvenire necessariamente a spese del dollaro USA; piuttosto, potrebbe erodere la quota di mercato di altre principali valute, come dimostrano i dati dal 2004 al 2019.

Il leggero guadagno delle valute BRICS nel mercato dei cambi OTC non può sfidare in modo credibile il predominio del dollaro negli insediamenti internazionali in modo significativo. La quota di valuta insignificante dei BRICS nei mercati globali al momento è sproporzionata rispetto al loro peso combinato di circa il 16% del commercio globale . Questa discrepanza illustra sia il predominio del dollaro che la difficoltà di raggiungere la de-dollarizzazione.

3.3Prospettive dei membri BRICS sulla de-dollarizzazione

Riconoscendo l’eterogeneità all’interno dei BRICS, l’analisi si rivolge ora a indagare se i membri BRICS abbiano dimostrato un interesse comune alla de-dollarizzazione esaminando i rispettivi discorsi ufficiali.

La difesa della Cina per la riforma del sistema finanziario globale basato sul dollaro può essere fatta risalire alla crisi finanziaria asiatica del 1997. All’indomani di questa crisi, Dai Xianglong, allora governatore della Banca popolare cinese (PBoC), dichiarò:

“L’attuale sistema monetario e finanziario internazionale non è più in grado di soddisfare le esigenze di sviluppo economico e finanziario internazionale e, pertanto, il sistema ha bisogno di essere riformato…. Il ruolo della valuta di riserva internazionale svolto dalla valuta nazionale di alcuni paesi è stato una delle principali fonti di instabilità nel sistema monetario internazionale … L’attuale sistema finanziario internazionale non può risolvere lo squilibrio della bilancia dei pagamenti, che è stato più volte causa di crisi finanziarie internazionali ”.

Dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2008, il successore di Dai, Zhou Xiaochuan ha discusso apertamente la necessità di riformare il sistema monetario internazionale e ha chiesto la creazione di “una valuta di riserva internazionale che è scollegata dalle singole nazioni” perché le carenze del sistema prevalente erano “causate dall’uso di valute nazionali basate sul credito”. Si ritiene che il punto di vista di Zhou rappresenti i pensieri di importanti funzionari cinesi che vedono che l’era di un mondo dominato dal dollaro USA sta volgendo al termine. Nel 2011, il presidente Hu Jintao ha commentato che “l’attuale sistema monetario internazionale è il prodotto del passato” .

Sebbene non vi siano indicazioni che i politici cinesi di alto livello abbiano discusso esplicitamente di detronizzare il dollaro USA come principale valuta di riserva, scopriamo che accademici e osservatori cinesi hanno spesso criticato l’egemonia del dollaro e proposto vari mezzi per sfidarla. Tali proposte sono recentemente proliferate a causa del deterioramento delle relazioni USA-Cina e delle crescenti minacce di sanzioni statunitensi contro la Cina in aree strategiche come la tecnologia avanzata. La rivalità strategica con gli Stati Uniti fornisce incentivi alla Cina per autoassicurarsi contro i rischi nel sistema globale guidato dagli Stati Uniti, non solo per ragioni economiche ma anche per ragioni geopolitiche e strategiche. Rispetto ad altri membri BRICS, la Cina ha più risorse ed è in una posizione migliore per promuovere la de-dollarizzazione su diverse piattaforme, incluso ma non limitato a BRICS.Iniziativa Stradale. Le banche commerciali statali cinesi sono anche più potenti e globalizzate rispetto alle istituzioni bancarie di altri membri BRICS. Le banche politiche cinesi, in particolare la China Development Bank e la Exim Bank of China, forniscono ora lo stesso finanziamento dello sviluppo della Banca mondiale .

La Russia ha promosso attivamente l’idea della de-dollarizzazione attraverso i BRICS e la sua motivazione principale per farlo è la sua rivalità geopolitica con gli Stati Uniti. Nel 2012, Sergei Ryabkov, all’epoca viceministro degli Esteri russo, espresse pubblicamente le preoccupazioni della Russia sul ruolo del dollaro USA come unità di regolamento del commercio internazionale e delle transazioni bancarie e affermò che “è necessario diventare meno dipendenti dal dollaro”. Il Presidente Putin (2017) ha espresso in un articolo che i membri BRICS “sono pronti a collaborare con i nostri partner per promuovere le riforme della regolamentazione finanziaria internazionale e per superare l’eccessivo dominio del numero limitato di valute di riserva”. Subito dopo la pubblicazione del suo articolo, Ryabkov ha rivelato che è una “necessità vitale” per la Russia “intensificare il lavoro relativo alla sostituzione delle importazioni, alla riduzione della dipendenza dai sistemi di pagamento statunitensi, al dollaro come valuta di regolamento” .

Il presidente Putin ha iniziato il suo quarto mandato presidenziale nel maggio 2018 con un forte impegno a de-dollarizzare ulteriormente l’economia russa e difendere la sovranità economica russa dalle sanzioni statunitensi. Nel suo discorso al parlamento russo Putin ha chiesto di “liberarsi dal peso del dollaro” nel commercio mondiale di petrolio e nell’economia russa perché il monopolio del dollaro USA era “inaffidabile” e “pericoloso” per il commercio mondiale e le economie di molti paesi nel mondo . Nell’agosto 2018, le discussioni sulla necessità di de-dollarizzare l’economia russa si sono intensificate nel governo russo dopo che il Congresso degli Stati Uniti ha presentato un nuovo disegno di legge che prendeva di mira le istituzioni finanziarie russe. Nell’ottobre 2018, l’amministrazione Putin ha sostenuto un piano provvisorio di de-dollarizzazione progettato per limitare l’esposizione della Russia alle future sanzioni statunitensi riducendo l’uso del dollaro USA negli accordi internazionali e conducendo affari internazionali utilizzando valute alternative.

Il Brasile inizialmente condivideva l’entusiasmo della Russia nel fare dei BRICS una coalizione di de-dollarizzazione. L’ex presidente brasiliano Lula da Silva ha affermato che “BRICS non è stato creato per essere uno strumento di difesa, ma per essere uno strumento di attacco. Così potremmo creare la nostra valuta per diventare indipendenti dal dollaro USA nelle nostre relazioni commerciali… Gli Stati Uniti erano molto spaventati quando ho discusso di una nuova valuta e Obama mi ha chiamato dicendomi: ‘Stai cercando di creare una nuova valuta? un nuovo euro?’ Ho detto: ‘No, sto solo cercando di sbarazzarmi del dollaro USA. Sto solo cercando di non esserne dipendente’”. Non è irrazionale che il presidente Lula abbia proposto di de-dollarizzare il commercio brasiliano. Il dollaro USA ha dominato la fatturazione delle esportazioni brasiliane, fino al 94%, sebbene le esportazioni verso gli Stati Uniti costituissero solo il 17% delle esportazioni totali del Brasile . Le nostre interviste suggeriscono che ci sono tre ragioni principali che hanno incentivato il Brasile a seguire le iniziative di de-dollarizzazione di Russia e Cina, ma non a prendere l’iniziativa. In primo luogo, la grave crisi economica del Brasile dal 2014 dopo la fine del boom delle materie prime ha frammentato la politica del paese e portato all’ascesa dell’amministrazione Bolsonaro di destra. Sotto il presidente Bolsonaro, il governo brasiliano ha inviato segnali contrastanti riguardo alla sua politica BRICS e si è avvicinato alle potenze occidentali. In secondo luogo, il Brasile è diventato più dipendente dalle esportazioni di materie prime, rendendo il paese più esposto alle volatilità dei mercati globali e ai rischi valutari . Secondo UNCTADstat, le esportazioni di materie prime del Brasile hanno rappresentato il 56,5% delle esportazioni totali nel 2008-2009. Questo numero è aumentato al 66,6 per cento negli ultimi dieci anni. Terzo, la Cina è stata il partner commerciale più importante del Brasile e i legami economici e finanziari tra i due paesi sono diventati sempre più stretti. L’uso delle valute locali negli accordi bilaterali è vantaggioso per entrambe le parti. Gli stretti legami economici e finanziari del Brasile con la Cina ei reali rischi per l’economia brasiliana dovuti alla sua dipendenza dal dollaro USA suggeriscono che è improbabile che il Brasile sostenga apertamente le iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS. Tuttavia, è aperto a giocare insieme e seguirli.

L’ India era riluttante ad aderire a una coalizione di de-dollarizzazione dei BRICS sin dall’inizio, nonostante il suo sostegno ad altre questioni chiave nell’agenda dei BRICS, come la riforma del FMI e della Banca Mondiale . Quando Russia e Cina hanno proposto di creare una nuova valuta di riserva super sovrana globale per sostituire il dollaro USA nel 2009 , l’India ha preso le distanze da tale sfida alla supremazia del dollaro USA, ma ha invece preferito un approccio più modesto per aumentare i DSP del FMI. Il governo indiano considerava questa proposta sino-russa più ideologica che sostanziale e non voleva sfidare il dollaro USA e sconvolgere gli Stati Uniti, soprattutto in un momento in cui gli Stati Uniti stavano facendo pressioni sul Pakistan sull’antiterrorismo . Mentre gli Stati Uniti trattano Russia e Cina come concorrenti strategici, considerano l’India un importante alleato nella regione indo-pacifica e un importante partner strategico. La rivalità dell’India con la Cina e il recente stallo militare tra i due paesi hanno ulteriormente impedito all’India di sostenere il tentativo cinese di sostituire il dollaro USA. Nel contesto diBRICS, questo significa che l’India non sosterrà un’esplicita mobilitazione BRICS per detronizzare il dollaro USA.

Ciò non suggerisce affatto che l’India sia soddisfatta del predominio del dollaro USA e non cercherà di ridurre la sua dipendenza dal dollaro USA. Al contrario, l’India non solo ha un forte interesse a promuovere l’uso della valuta locale nel commercio, ma ha anche preso iniziative per esplorare come raggiungere questo obiettivo. Nel 2012, il Ministero del Commercio e dell’Industria indiano ha convocato una task force per esaminare l’uso della rupia nel commercio bilaterale indiano. Il rapporto della Task Force ha favorito l’idea di estendere il commercio della rupia ad alcuni paesi esportatori di petrolio . Il governo indiano ha formato una task force multi-agenzia con rappresentanti delle agenzie di politica economica dell’India per stilare un elenco di paesi con cui l’India potrebbe commerciare in rupie. L’India ha anche assunto un ruolo guida nella promozione della cooperazione finanziaria BRICS e nella creazione di istituzioni finanziarie BRICS. Ad esempio, è stato per volere del ministro delle finanze indiano che i BRICS nel 2012 hanno incaricato un gruppo di lavoro congiunto di studiare la fattibilità della creazione di una BRICS Development Bank, che ha portato alla creazione della NDB che promuove l’uso delle valute locali nel finanziamento dello sviluppo. L’India ha anche promosso un maggiore utilizzo della rupia nelle transazioni internazionali alla luce dei passi aggressivi della Cina per internazionalizzare il renminbi e le sanzioni statunitensi nei confronti di Russia e Iran nel 2018, che hanno interrotto i pagamenti petroliferi dell’India in dollari statunitensi. L’aumento delle volatilità dei cambi valutari, in particolare la crescente volatilità del dollaro USA, fornisce un altro incentivo per l’India a de-dollarizzare i suoi accordi commerciali,. Per dare un po’ di contesto, l’86% delle importazioni indiane si basava sulla fatturazione in dollari USA, nonostante solo il 5% delle importazioni indiane provenisse dagli Stati Uniti. Allo stesso modo, l’86% delle esportazioni dell’India è stato fatturato in dollari USA, mentre solo il 15% delle esportazioni dell’India è stato verso gli Stati Uniti . Pertanto, sebbene sia improbabile che l’India svolga un ruolo esplicito in una coalizione BRICS che mira a detronizzare il dollaro USA, contribuirà implicitamente a ridurre la dipendenza dal dollaro sostenendo iniziative che promuovono l’uso delle valute locali nel commercio e nel finanziamento dello sviluppo.

Il Sudafrica ha visto le sanzioni statunitensi imposte nei suoi confronti nel 1986 per lo più revocate nel 1991 e, con lo smantellamento dell’apartheid, il rapporto tra i due paesi è migliorato . La forza di questa relazione spiega in parte la mancanza di una forte agenda di de-dollarizzazione da parte del Sud Africa. NelNel corso della nostra ricerca, non abbiamo trovato alcun record pubblico di leader sudafricani che promuovono l’idea dei BRICS come coalizione di de-dollarizzazione. Tuttavia, il Sudafrica segue gli sforzi di de-dollarizzazione di Russia e Cina. Le nostre interviste con studiosi in Sud Africa rivelano che i responsabili politici sudafricani sono profondamente consapevoli dei rischi associati al privilegio del dollaro USA. Sia il rischio economico reale che il rischio di transazione dovuto al predominio del dollaro USA incentivano il Sud Africa a seguire le iniziative dei BRICS per promuovere l’uso delle valute locali nel commercio. I leader sudafricani hanno espresso pubblicamente gli interessi del Sudafrica su questo tema. Dopo il vertice BRICS del 2011, il ministro sudafricano del Commercio e dell’Industria Rob Davies ha affermato che i membri BRICS potrebbero proteggersi dalle volatilità dei cambi e trarre notevoli vantaggi dal commercio direttamente nelle proprie valute ed eliminando le valute instabili convertibili a livello internazionale, in particolare il dollaro USA . Durante il vertice BRICS del 2013, Davies ha ribadito l’interesse del Sud Africa nell’elaborare un meccanismo all’interno dei BRICS per regolare il commercio in valute locali e ha sottolineato che la volatilità del mercato valutario nei paesi in via di sviluppo “si verifica non proprio a causa di eventuali dinamiche nel nostro paese, ma a causa delle dinamiche nell’economia mondiale” . Ciò riflette le difficili condizioni macroeconomiche che i paesi in via di sviluppo devono affrontare sui mercati globali in quanto acquirenti di prezzi il cui rischio valutario può essere innescato da fattori al di fuori del loro controllo. I commenti di Davies hanno espresso non solo la frustrazione del Sud Africa per la sua mancanza di autonomia nel raggiungere la sicurezza economica nei mercati globali, ma anche una frustrazione condivisa tra i paesi in via di sviluppo all’interno e al di fuori del gruppo BRICS. Non c’è stato alcun rapporto formale su una spinta unilaterale sudafricana alla de-dollarizzazione, ma il paese ha sostenuto l’accordo generale dei BRICS sulla promozione dell’uso delle valute locali nel commercio e nella finanza internazionale. Il Sudafrica ha anche accettato un uso più ampio del renminbi cinese e ha incluso il renminbi nelle sue riserve valutarie per diversificare il rischio valutario. I dati SWIFT mostrano che tra il 2013 e il 2015,.

Per riassumere, BRICS ha dimostrato un impegno coerente nella riforma del sistema finanziario globale basato sul dollaro USA, come evidenziato dall’approfondimento della cooperazione del gruppo sulla de-dollarizzazione. Sebbene non tutti i membri BRICS vogliano sfidare esplicitamente il dollaro USA, c’è un interesse comune nel ridurre la loro dipendenza da esso. Tutti i membri BRICS hanno preso concretezzapassi verso la de-dollarizzazione con l’obiettivo di raggiungere una maggiore autonomia. BRICS ha anche implementato politiche mirate per aiutare i membri a ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA attraverso la promozione delle valute locali nel commercio e negli investimenti, sia a livello BRICS che a livello sub-BRICS.

La nostra analisi mostra che ci sono stati leader chiari all’interno dei BRICS che hanno tentato di guidare il gruppo verso una coalizione di de-dollarizzazione, vale a dire la Russia e, in misura minore, la Cina. La loro motivazione principale per la de-dollarizzazione include le crescenti rivalità geopolitiche con gli Stati Uniti e il crescente rischio di sanzioni statunitensi. La nostra analisi rivela che Russia e Cina hanno adottato approcci diversi alla de-dollarizzazione. In linea con la nostra prima proposta, la Russia è stata molto più aggressiva nei suoi tentativi di proteggere la sua economia dalle sanzioni statunitensi ed è stata la più entusiasta sostenitrice della de-dollarizzazione all’interno dei BRICS. I politici russi parlano pubblicamente dell’argomento, esponendo il caso della de-dollarizzazione e della sua importanza. Al contrario, la Cina ha fatto meno rumore ma è stata più capace di apportare cambiamenti sostanziali. La Cina non ha parlato apertamente di de-dollarizzazione, ma ha sottolineato la sua volontà di “diversificare” il sistema. La diversificazione del sistema è un quadro positivo che si concentra sulla priorità da parte della Cina della stabilità e dell’uguaglianza del sistema piuttosto che sulla natura potenzialmente controegemonica di tali azioni. BRICS è una delle numerose piattaforme che può utilizzare per perseguire la de-dollarizzazione.

La nostra analisi mostra anche che i seguaci della coalizione di de-dollarizzazione BRICS non sono né passivi né silenziosi. Brasile, India e Sud Africa hanno tutti sostenuto le dichiarazioni congiunte BRICS sulla riforma dell’attuale sistema finanziario globale incentrato sul dollaro negli ultimi due decenni. Inoltre, ciascuno di essi ha anche cercato opportunità per promuovere l’uso delle valute locali nel commercio internazionale e nel finanziamento dello sviluppo. Il loro consenso e le pratiche relative alla de-dollarizzazione suggeriscono che la de-dollarizzazione non ha luogo solo in paesi che sono in competizione geopolitica con gli Stati Uniti o soggetti alle sanzioni statunitensi. Piuttosto, la de-dollarizzazione è importante per i paesi in via di sviluppo che prendono i prezzi nei mercati globali e non hanno autonomia nel controllare la propria sicurezza economica. Perciò, è una vera priorità per questi paesi diversificare e ridurre la loro esposizione al rischio agli shock esogeni e alle volatilità dei cambi dovute al predominio del dollaro USA. Questo crea una base di interessi condivisi tra tutti i paesi soggetti al privilegio del dollaro USA, siano essi alleati o avversari degli USA.

4Strategia “Go-It-Alone”: creazione di nuove istituzioni e meccanismi di mercato

Questa sezione esamina la strategia “go-it-alone” di BRICS sia attraverso la creazione di istituzioni che la creazione di mercati che creano componenti critiche per un’alternativasistema finanziario globale non dollaro. In qualità di coalizione di potere in ascesa, i BRICS hanno creato un club di de-dollarizzazione a livello di gruppo con un livello di efficacia relativamente alto, istituendo e utilizzando l’NDB per de-dollarizzare i finanziamenti per lo sviluppo. BRICS ha anche mostrato un impegno nello sviluppo di altri nuovi beni per club di de-dollarizzazione come un sistema di pagamento BRICS comune per facilitare il regolamento utilizzando valute locali e una valuta digitale BRICS. A livello sub-BRICS, i membri hanno lanciato sistemi di pagamento nazionali diversi dal dollaro che potrebbero costituire la base per un’alternativa BRICS allo SWIFT dominato dal dollaro USA. Hanno anche esplorato le opzioni per le valute digitali della banca centrale e la Cina ha già lanciato il suo renminbi digitale. La Cina ha lanciato con successo un nuovo strumento di mercato non basato sul dollaro, i futures sul petrolio in yuan, per de-dollarizzare il commercio mondiale di petrolio.

4.1La Nuova Banca di Sviluppo e la De-Dollarizzazione dei Finanziamenti per lo Sviluppo

L’NDB ha già raccolto fondi in valute locali come parte del suo obiettivo di “rompere con la tirannia delle valute forti”, come ha affermato il presidente dell’NDB, Mr. Kamath . Ha implementato un programma di prestito in valuta locale che non solo aiuta i paesi membri a mitigare il rischio di cambio dei mutuatari, ma sostiene anche lo sviluppo dei mercati dei capitali locali. L’NDB dà anche priorità all'”uso della legislazione, dei regolamenti e delle procedure di sorveglianza del paese mutuatario” ove possibile, poiché vede “l’utilizzo del sistema nazionale come il modo migliore per rafforzare le capacità proprie di un paese e ottenere migliori risultati di sviluppo a lungo termine” . Attraverso questi programmi, l’NDB aiuta i paesi BRICS a migliorare la loro autonomia finanziaria riducendo la loro dipendenza dal finanziamento in dollari.

L’istituzione dell’NDB consente innanzitutto ai paesi BRICS di prendere in prestito dai mercati internazionali dei capitali un tasso molto più basso perché l’NDB è stato in grado di ottenere un rating creditizio più elevato rispetto alla maggior parte dei membri BRICS. Da quando l’NDB è stato istituito nel 2014, Brasile, Russia e Sud Africa hanno subito diversi cicli di declassamento del credito in territorio “spazzatura”. I loro rating creditizi deteriorati hanno poi aumentato i loro oneri finanziarinei mercati internazionali dei capitali. Sebbene l’India non abbia subito un downgrade durante questo periodo, il suo rating investment grade più basso non era nemmeno l’ideale. Pertanto, tutti e cinque i membri si sono impegnati a ottenere un rating di credito più elevato per l’NDB, e ci sono riusciti: l’NDB ha ricevuto un rating di credito di AA+ da S&P e Fitch, che è superiore a qualsiasi singolo membro BRICS, Cina inclusa. Questo rating consente a diversi membri BRICS di prendere in prestito dai mercati dei capitali globali a tassi molto più convenienti attraverso l’NDB con rating più alto di quanto potrebbero da soli. L’elevato rating creditizio dell’NDB gli consente di raccogliere capitali relativamente a buon mercato dai mercati obbligazionari e di concedere prestiti a tassi di interesse inferiori a quelli che potrebbero essere ottenuti da alcuni mutuatari sovrani BRICS stessi. Il vicepresidente della NDB ha evidenziato la capacità dell’NBD di prendere in prestito a un costo inferiore come “un vantaggio significativo”, poiché consente all’NDB di trasferire tale vantaggio sotto forma di tassi di interesse competitivi quando concede prestiti ai suoi membri.

L’NDB aiuta anche i membri BRICS a ridurre la loro dipendenza dal finanziamento in dollari estendendo prestiti in valuta locale e dando priorità alle normative e procedure locali ove appropriato. Sig. Kamath ha riferito che un quarto dell’assistenza finanziaria totale approvata dalla NDB (circa 15 miliardi di dollari) è stata fornita in valute locali entro la fine del 2019. Sebbene Kamath abbia affermato che i BRICS non avevano intenzione di destabilizzare il dollaro USA, ha proposto che ” Il 50 per cento (dei progetti) dovrebbe essere finanziato in valuta locale”. Ha riconosciuto che l’NDB raccoglierà sia dollari che euro, ma “allo stesso tempo ci sarà una significativa dipendenza dalle valute locali”, che “permetterebbero alla banca di allontanarsi dai prestiti denominati in dollari”  . La strategia generale 2017-2021 della NDB considerava il finanziamento in valuta locale come “una componente chiave della proposta di valore di NDB, poiché attenua i rischi affrontati dai mutuatari e sostiene l’approfondimento dei mercati dei capitali dei paesi membri” . Farà affidamento sui prestiti in valuta locale nella misura del possibile per evitare rischi di cambio per i mutuatari” e cercherà attivamente opportunità per offrire prestiti in valuta locale “sia per ridurre i rischi per i mutuatari sia per promuovere i mercati dei capitali locali” . Oltre a promuovere i prestiti in valuta locale, nel 2019 la NDB ha anche approvato prestiti in altre valute come l’euro e il franco svizzero per diversificare la sua fonte di finanziamento dal dollaro USA .

Per ridurre l’onere dei prestiti denominati in dollari, l’NDB deve attingere ai mercati dei capitali non in dollari per fonti di finanziamento alternative. È inoltre fondamentale che l’NDB ottenga un rating di credito di alta qualità nei mercati diversi dal dollaro per ridurre il suo costo di finanziamento. L’NDB si sta muovendo nella giusta direzione. Ha ottenuto un rating AAA nei mercati dei capitali non solo all’interno dei BRICS come Cina e Russia, ma anche oltre i BRICS come in Giappone. Inoltre, Fitch ha assegnato all’”Euro Medium-Term Notes Program” dell’NDB un rating AA+ . L’ottenimento di un rating creditizio più ampio in diverse aree valutarie apre la strada alla NDB per attingere ai mercati dei capitali in queste diverse aree valutarie, consentendo la diversificazione della sua fonte di finanziamento. Leslie Maasdorp ha confermato questo punto, sostenendo che “l’intenzione dell’NDB non è solo quella di costruire una curva del dollaro, ma anche di ampliare i nostri finanziamenti ad altre valute, come la sterlina e l’euro” .

Il rating di credito AAA dell’NDB in Cina le ha consentito di attingere rapidamente al mercato dei capitali cinese ed emettere un’obbligazione in renminbi. Da allora, l’NDB è diventato l’emittente ufficiale del settore più attivo di Panda bond, obbligazioni denominate in renminbi vendute in Cina da emittenti esteri. La NDB aveva emesso sei obbligazioni Panda per un valore di 18 miliardi di RMB a marzo 2021 , con l’ultima emissione di obbligazioni Panda avvenuta nel marzo 2021 quando ha venduto obbligazioni Panda da 5 miliardi di RMB (767 milioni di dollari USA). Questa è stata la prima emissione da parte dell’NDB dell’obbligazione Sustainable Development Goals. I proventi dell’obbligazione dovevano essere utilizzati per finanziare il prestito cinese del programma di emergenza da 7 miliardi di RMB per contribuire a mitigare l’impatto del COVID-19 sull’economia cinese .

Tabella 3Emissione di obbligazioni denominate in renminbi NDB (gennaio 2016-marzo 2021)

Data di prezzo Dimensione Tenore Buono
18/07/2016 3 miliardi di RMB 5 anni 3,07%
25/02/2019 RMB2 miliardi 3 anni 3%
1 miliardo di RMB 5 anni 3,32%
04/02/2020 5 miliardi di RMB 3 anni 2,43%
07/07/2020 2 miliardi di RMB 5 anni 3%
24/03/2021 5 miliardi di RMB 3 anni 3,22%
Fonte : l’autore ha compilato i dati dal sito Web di NDB, dal database Bloomberg Financial e dal database Global Capital China Panda Bond.

L’NDB ha anche pianificato di raccogliere fondi di capitale locale dai mercati dei capitali di altri membri BRICS e ha registrato programmi obbligazionari al suo interno. Ha registrato il suo programma obbligazionario di debutto in Sud Africa nell’aprile 2019. La dimensione massima registrata del programma obbligazionario era di 10 miliardi di rand ed è regolata dalla legge sudafricana. Nel novembre 2019, l’NDB ha anche registrato il suo programma di obbligazioni in rubli di debutto in Russia con una dimensione massima di 100 miliardi di RUB. Il programma è stato quotato alla borsa di Mosca ed è coperto dalle leggi della Federazione Russa . Inoltre, l’NDB prevedeva di attingere all’indianomercato obbligazionario masala (di emissione estera) denominato in rupie nella seconda metà del 2017, ma questo è stato posticipato a causa di un calo significativo della liquidità del mercato e della domanda di obbligazioni masala. Tuttavia, la NDB è rimasta interessata al mercato offshore della rupia indiana nell’ambito della sua raccolta di capitali .

Infine, l’NDB aiuta i suoi membri con prestiti in valuta locale. Entro la fine del 2019, i prestiti in valuta locale approvati cumulativi rappresentavano il 27% del portafoglio totale dell’NDB ( Figura 4 e Tabella 4). Questo numero è notevole perché è superiore alle percentuali di prestito in valuta locale di altre grandi banche multilaterali di sviluppo. Questa percentuale più elevata è probabilmente dovuta al fatto che la NDB ha offerto prestiti in renminbi sin dall’inizio delle sue operazioni. L’NDB ha anche approvato i suoi primi prestiti denominati in rand per un importo di 1,2 miliardi di dollari equivalenti nel 2019. Entro la fine del 2019, circa due terzi delle approvazioni cumulative dell’NDB per progetti situati in Cina erano denominati in renminbi e circa la metà delle sue il prestito a mutuatari sudafricani è stato effettuato in rand. Ciò dimostra che l’NDB ha mantenuto la sua promessa di concedere prestiti in valute locali.

obiettivi dei paesi brics

Fonte: dati compilati dall’autore dal sito Web ufficiale dell’NDB e dal rapporto annuale dell’NDB ( 2019 , 2020)

Tabella 4Approvazioni prestiti cumulative NDB per valuta (2018–2019)

Moneta Al 31 dicembre 2019 Al 31 dicembre 2018
Numero $ equivalente Numero $ equivalente
RMB 9 2.768 5 1.558
ZAR 4 1.235
CHF 1 516
euro 1 500
Dollaro statunitense 36 9.914 25 6.270
Totale 51 14.933 30 7.828
Fonte : dati compilati dall’autore dal rapporto annuale NDB ( 2019 ).

4.2Lo Yuan Oil Futures e la de-dollarizzazione del commercio mondiale di petrolio

Sebbene l’NDB rappresenti una sfida coalitiva dei BRICS al predominio del dollaro USA istituendo una nuova istituzione multilaterale governata dai suoi membri, ci sono anche importanti tendenze di de-dollarizzazione nel mercato petrolifero globale che possono essere aumentate espandendo la cooperazione energetica BRICS.  Il dollaro USAla posizione egemonica nel sistema finanziario globale è stata criticamente fondata sulla sua posizione esclusiva di veicolo di finanziamento e valuta di prezzo del commercio petrolifero globale. I principali benchmark di prezzo del petrolio greggio al mondo, vale a dire il West Texas Intermediate (WTI) e il Brent, hanno un prezzo in dollari USA. Gli studiosi hanno affermato che “il principale fronte su cui verrà deciso il futuro del dollaro è il mercato globale delle materie prime, in particolare il mercato petrolifero da 1,7 trilioni di dollari” . L’uso di valute diverse dal dollaro nei mercati petroliferi globali “è una seria sfida per il sistema dei petrodollari” . I BRICS come gruppo sono sicuramente abbastanza forti per raccogliere quella sfida: in termini di consumipotere e forma un blocco importatore di petrolio più grande dell’intera Unione Europea. La Cina, il più grande importatore di energia del mondo, e la Russia, il più grande esportatore di energia del mondo, si stanno mobilitando all’interno dei BRICS per promuovere i “future petrolifere in yuan”, sfidando così la posizione egemonica del dollaro USA nel mercato petrolifero globale.

Dopo il vertice BRICS del 2018, la Cina ha lanciato i futures sul petrolio in yuan, un contratto futures sul petrolio denominato in renminbi, sulla borsa internazionale dell’energia di Shanghai. I nuovi futures petroliferi cinesi sono quotati in renminbi e il renminbi è anche convertibile in oro alla borsa dell’oro di Shanghai e alla borsa dell’oro di Hong Kong.  Questo processo ha portato la Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio, a disporre di un’infrastruttura interamente nazionale per il commercio di petrolio utilizzando l’oro, e che i fornitori cinesi di petrolio possono ricevere pagamenti in renminbi e convertirli immediatamente in oro. Questo cambiamento segna l’inizio di uno strumento finanziario non in dollari e un meccanismo di scoperta del prezzo non in dollari per una delle principali materie prime globali. I futures sul petrolio dello yuan scambiati a Shanghai sono ancora in ritardo rispetto a rivali come i futures sul petrolio Brent scambiati a Londra e i futures sul petrolio WTI scambiati a New York in termini di volume, ma hanno già superato di un importo significativo le offerte comparabili scambiate a Tokyo e Dubai ( Figura 5 ). La crescita accelerata dei futures sul petrolio in renminbi ha ricevuto l’attenzione delle principali centralibanchieri nelle economie avanzate. Ad esempio, il governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney (2019) ha osservato che “il renminbi è ora più comune della sterlina nei benchmark futuri del petrolio, nonostante non avesse quote di mercato prima del 2018”.

paesi brics spiegazione
Figura 5: Le principali borse globali di futures per contratto di petrolio greggio open interest.

Nota : la serie Shanghai International Energy Exchange è iniziata il 30 marzo 2018. L’open interest è il numero totale di contratti futures in essere.

Fonte : dati compilati dall’autore da Bloomberg Financial

Con la recente escalation della guerra commerciale USA-Cina, la Cina ha accelerato la promozione di un possibile commercio di petrolio denominato petroyuan e renminbi. Nel 2021, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi è andato in tournée di una settimana in Arabia Saudita, Turchia, Iran, Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Oman. Questo viaggio è stato visto come un segnale dell’intenzione della Cina di assicurarsi accordi energetici a lungo termine con i principali produttori di energia del Golfo per dettare i termini dei prezzi del petrolio e alimentare l’ascesa del petroyuan . Con la spinta della Cina per l’uso del renminbi nel prezzo e nel commercio del petrolio e la forte domanda globale di un meccanismo di scambio di petrolio non denominato in dollari, “è probabile che il commercio di petrolio denominato in renminbi diventi più significativo, soppiantando parzialmente il commercio di petrolio in dollari USA in un mercato dopo altro” . La prospettiva di un petroyuan consentirebbe ai paesi soggetti alle sanzioni statunitensi, in particolare ai principali esportatori di petrolio come Iran e Russia, di accedere ai mercati globali tramite una valuta alternativa e sistemi di pagamento non in dollari, indebolendo così l’efficacia del potere sanzionatorio statunitense.

La motivazione principale della Cina per promuovere i suoi futures sul petrolio in yuan è incoraggiare l’uso del renminbi nel commercio di petrolio e nella copertura del rischio, in particolare nel regolamento delle consegne fisiche di petrolio per ridurre i rischi di cambio. Il governo cinese non può lanciare da solo i futures sul petrolio in yuan e garantire la rapida crescita del volume degli scambi perché il commercio di materie prime richiede acquirenti e venditori. Il fatto che i futures sul petrolio in yuan siano stati lanciati con successo e che il volume degli scambi si sia ampliato indica che c’è un grande interesse nel mercato per de-dollarizzare il commercio mondiale di petrolio.

La Russia ha anche un forte interesse a de-dollarizzare il commercio mondiale di petrolio perché le principali compagnie energetiche russe sono state sotto le sanzioni statunitensi dalla crisi ucraina nel 2014. Essendo il più grande esportatore mondiale di petrolio e gas naturale, la sicurezza economica della Russia ruota attorno a petrolio e gas vitali entrate. Petrolio e gas hanno rappresentato il 60% dei ricavi delle esportazioni russe e quasi il 40% dei ricavi del governo nel 2017 ( Russia , 2018). I BRICS hanno sostenuto la Russia dopo che gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alle società russe. Nel giugno 2017, i ministri degli Esteri BRICS hanno condannato “l’intervento militare unilaterale o le sanzioni economiche in violazione del diritto internazionale e delle norme universalmente riconosciute delle relazioni internazionali” (China MOFA, 2017). Il lancio da parte della Cina dei futures sul petrolio in yuan fornisce una piattaforma di scambio alternativa cruciale per le compagnie petrolifere russe e i consumatori russi di petrolio.

Il potenziale dei futures sul petrolio in yuan per far avanzare la de-dollarizzazione del commercio petrolifero globale va ancora oltre se si considera il legame con l’oro. Cinaha addolcito i futures sul petrolio in yuan fornendo infrastrutture commerciali per facilitare lo scambio di petrolio in oro, con il renminbi che funge da passaggio di finanziamento intermedio. Se i BRICS avessero il proprio benchmark di prezzo per l’oro, piuttosto che essere soggetti ai prezzi di Londra o New York, questa infrastruttura potrebbe potenzialmente completare l’obiettivo di de-dollarizzare il commercio globale di petrolio, rendendo possibile il commercio di petrolio utilizzando l’oro con un’esposizione minima al cambio rischio. Sergey Shvetsov, il primo vicepresidente della banca centrale russa, ha confermato nel 2017 che i paesi BRICS stavano discutendo la possibilità di istituire un sistema unico di commercio dell’oro, sia all’interno dei BRICS che a livello di contratti bilaterali ( TASS , 2017). Shvetsov ha già sollevato questo tema a livello bilaterale durante la sua visita in Cina nel 2016 ( TASS , 2016). Tali sviluppi segnalano una potenziale alleanza BRICS nel mercato globale dell’oro fisico, in cui i paesi BRICS hanno interessi importanti: Cina, Russia, Sud Africa e Brasile sono i principali produttori di oro e Cina e India sono anche i due maggiori consumatori di oro al mondo. Un sistema di trading unico dell’oro BRICS faciliterebbe la creazione di un nuovo benchmark per il prezzo dell’oro basato sul trading fisico globale dell’oro piuttosto che sui derivati ​​dell’oro. In combinazione con il trading garantito dall’oro di futures sul petrolio in yuan, i produttori di petrolio potrebbero scambiare il petrolio con l’oro piuttosto che con i titoli del Tesoro USA, de-dollarizzando ulteriormente il mercato petrolifero globale. Oltre alla de-dollarizzazione, un sistema unico di commercio dell’oro BRICS aiuterebbe anche a rafforzare la stabilità della valuta nazionale perché libererebbe i membri BRICS dall’essere soggetti ai prezzi esteri.

4.3BRICS Alternative a SWIFT e de-dollarizzazione dell’infrastruttura finanziaria globale

In un altro sforzo per ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA, i membri BRICS hanno costruito le proprie infrastrutture di pagamento globali per le transazioni internazionali che sono indipendenti dal dollaro USA e possono fungere da alternative a SWIFT, la principale rete di messaggistica per le transazioni finanziarie in tutto il mondo. Ciò consente ai membri BRICS, in particolare a coloro che sono spesso soggetti alle sanzioni statunitensi, di creare le proprie regole per le operazioni bancarie e di regolamento internazionali. Inoltre, estendendo l’infrastruttura finanziaria alternativa ad altri paesi e regioni, i BRICS possono creare un maggiore consenso per il proprio sistema e aumentare la propria influenza finanziaria e politica attraverso questo sistema alternativo.

Alcuni membri BRICS hanno sviluppato in modo indipendente i propri meccanismi di pagamento transfrontalieri negli ultimi anni. Sia la Russia che la Cina hanno lanciato le loro alternative nazionali alla rete bancaria globale SWIFT e hanno introdotto i loro sistemi in mercati globali più ampi. Lo sviluppo da parte della Cina del sistema di pagamento transfrontaliero in renminbi è avvenuto nel contesto della costruzione delL’infrastruttura finanziaria della BRI e l’internazionalizzazione del renminbi. Il vantaggio aggiuntivo della promozione di un uso più ampio del renminbi è stato quello di ridurre il rischio di cambio e le sanzioni statunitensi sia per la Cina che per i suoi partner commerciali che potrebbero essere soggetti alle sanzioni statunitensi, come l’Iran o la Russia. Per la Russia, l’istituzione di un sistema internazionale di pagamento in rubli è stata la risposta diretta del governo all’accresciuta minaccia di sanzioni occidentali dalla crisi ucraina del 2014. Cina e Russia hanno recentemente istituito tra loro un sistema di regolamento dei pagamenti diretti, con l’intenzione di combinarlo con il pagamento sistemi in altri membri BRICS e paesi BRI in Eurasia. Funzionari russi hanno anche rivelato che gli altri membri BRICS sosterrebbero la creazione di un sistema di pagamento comune a livello BRICS.

I paesi BRICS, ad eccezione del Sud Africa, hanno sviluppato i propri sistemi di pagamento nazionali indipendenti, reti di pagamento all’ingrosso abbinate a una rete di carte bancarie al dettaglio. La Cina e la Russia hanno guidato lo sviluppo di sistemi di pagamento nazionali indipendenti, che vengono analizzati più dettagliatamente di seguito in quanto potrebbero fungere da elementi costitutivi per un sistema di pagamento più ampio a livello BRICS o addirittura uno al di là dei BRICS in futuro. Una rete di carte bancarie al dettaglio indipendente è un insieme di binari di pagamento che stabiliscono protocolli e procedure per l’esecuzione dei pagamenti al dettaglio e lo scambio delle informazioni correlate tra le banche per il regolamento finale sulle reti di pagamento all’ingrosso. Un ovvio vantaggio di avere una rete di carte bancarie al dettaglio indipendente, piuttosto che fare affidamento sui principali fornitori di reti di carte americane come Visa o Mastercard, è evitare le commissioni addebitate da questi fornitori di servizi. Tuttavia, cosa più importante, se un paese non ha le proprie linee di pagamento e fa affidamento su quelle di Visa o Mastercard – come facevano la Russia prima del 2014 e prima del 2002, e come fa attualmente il Sud Africa – allora tali linee di pagamento potrebbero essere ritirate unilateralmente come parte di Sanzioni statunitensi. Questo ritiro lascia i consumatori domestici senza la possibilità di effettuare transazioni al dettaglio di base utilizzando carte bancarie. Il collegamento di questi binari di pagamento nazionali a un sistema di pagamento transfrontaliero alternativo consentirebbe di eseguire l’intero ciclo di vita dei pagamenti aggirando completamente il sistema globale denominato in dollari USA.

4.3.1Cina

Negli ultimi dieci anni, la Cina ha ampliato la copertura internazionale dell’infrastruttura finanziaria basata sul renminbi con il sistema di pagamento transfrontaliero cinese e la rete di carte bancarie UnionPay. La Cina ha lanciato il sistema di pagamento interbancario transfrontaliero (CIPS) per la liquidazione del renminbi onshore eservizi di regolamento nel 2015. L’obiettivo è promuovere un maggiore utilizzo del renminbi e sostenere l’internazionalizzazione del renminbi. In due anni, i partecipanti diretti del CIPS in termini di pagamento di importo elevato hanno raggiunto 28 e i suoi partecipanti indiretti hanno raggiunto 574, coprendo 85 paesi e regioni . Entro la fine del 2020, il numero di partecipanti diretti al CIPS ha raggiunto un totale di 43 e il numero di partecipanti indiretti ha raggiunto 1159, 867 dei quali in Asia – di cui 522 partecipanti indiretti della Cina continentale – 147 in Europa, 26 in Nord America , 20 in Oceania, 17 in Sud America e 39 in Africa . Più di 3.000 banche e altre istituzioni finanziarie hanno condotto attività effettive tramite CIPS . Entro la fine del 2020, CIPS elaborava giornalmente 135,7 miliardi di RMB (19,4 miliardi di dollari) . Il volume d’affari annuale ha raggiunto i 45,3 trilioni di RMB nel 2020 , nonostante il rallentamento economico globale causato dalla pandemia di COVID-19.

Il CIPS consente alle banche globali di compensare le transazioni transfrontaliere in renminbi direttamente a terra anziché tramite banche di compensazione in renminbi offshore. Ciò consente a CIPS di fungere da sistema di messaggistica alternativo a SWIFT e quindi di ridurre il rischio di esporre le informazioni sulle transazioni agli Stati Uniti, mitigando così l’effetto delle sanzioni statunitensi. Tuttavia, il CIPS non si è ancora discostato da SWIFT. Attualmente utilizza SWIFT e i suoi standard per la messaggistica finanziaria transfrontaliera per connettersi con il sistema globale. CIPS ha inoltre adottato lo standard internazionale di messaggistica dei pagamenti ISO 2022 per renderlo interoperabile con altri sistemi di pagamento e con le banche corrispondenti in tutto il mondo..

Tuttavia, gli attuali stretti collegamenti tra CIPS e SWIFT non negano il potenziale della nuova infrastruttura di staccarsi dall’esistente sistema di pagamento transfrontaliero dominato dagli Stati Uniti perché l’adozione dello standard di messaggistica esistente accelera l’adozione di CIPS da parte istituzioni finanziarie. Maggiore è il numero di partecipanti globali al CIPS, maggiore è la sua comunicazione diretta con le istituzioni finanziarie estere e, di conseguenza, maggiore è il suo potenziale di operare in modo indipendente. Inoltre, la più ampia adozione del CIPS accelererà anche l’uso più ampio del renminbi nel sistema finanziario internazionale.

Sebbene il renminbi non sia ancora diventato una valuta internazionale, UnionPay, la rete di carte bancarie indipendenti approvate dalla banca centrale cinese lanciata nel 2002, ha raggiunto una significativa presenza globale. È cresciuto fino a diventare il più grande fornitore di carte di pagamento bancarie, con oltre 7,5 miliardi di carte emessein tutto il mondo, più di Visa e Mastercard messe insieme . UnionPay ha iniziato ad espandersi all’estero nel 2004 e ha rapidamente stabilito una rete di pagamento globale . Entro marzo 2021, la rete di accettazione di UnionPay si è estesa a 180 paesi e regioni, oltre la metà dei quali accetta anche pagamenti mobili UnionPay e oltre 150 milioni di carte UnionPay sono state emesse in 67 paesi e regioni al di fuori della Cina continentale. La globalizzazione di UnionPay promuove l’uso del renminbi negli insediamenti transfrontalieri tramite il consumo turistico cinese in uscita e le transazioni internazionali di merci.

UnionPay è ampiamente accettato in tutti i paesi BRICS. In Brasile, le carte UnionPay sono state accettate per la prima volta presso gli sportelli automatici brasiliani nel 2006. A marzo 2021, il tasso di accettazione delle carte bancarie UnionPay ha raggiunto il 70 percento ( Belt and Road Initiative, 2021 ). In Russia, UnionPay ha collaborato con il Russian National Payments Card System nel 2016, consentendo a entrambe le reti di pagamento di accettare carte UnionPay e carte bancarie russe. Questo accordo ha ampliato l’uso internazionale delle carte bancarie russe . Il tasso di accettazione di UnionPay in Russia ha raggiunto oltre il 90% nel 2019 . UnionPay ha anche promosso la sua funzione di pagamento mobile in Russia. Nel 2018, UnionPay e Huawei hanno lanciato congiuntamente il loro servizio Huawei Pay in Russia, che è stato il loro primo lancio congiunto sul mercato internazionale. Nel 2020, UnionPay ha collaborato con la banca russa Solidarnost e Huawei per accelerare i pagamenti contactless in Russia e consentire ai titolari di carta di utilizzare Huawei Pay sui propri smartphone Huawei o Honor . Per quanto riguarda l’India, nel 2018 la Reserve Bank of India ha approvato la cooperazione tra UnionPay e la National Payments Corporation of India, che gestisce la rete di carte bancarie “RuPay” del paese. Questa approvazione ha consentito ai titolari di carte UnionPay di utilizzare tutti gli sportelli automatici e i terminali dei punti vendita in India per prelevare contanti o effettuare transazioni utilizzando la rupia indiana . A dicembre 2018, le carte UnionPay sono state accettate in oltre il 90% degli sportelli automatici in India . L’attività del Sud Africa con UnionPay è iniziata nel 2008. Nel giro di un decennio, le carte bancarie UnionPay sono state ampiamente accettate per il servizio di prelievo dalla maggior parte degli sportelli automatici delle quattro principali banche sudafricane. Nel 2019, la Standard Bank of South Africa ha lanciato le sue carte UnionPay sia in forma virtuale che fisica ai titolari di conti locali per facilitare i loro pagamenti in Cina . Oltre a collaborare con le banche locali, UnionPay ha collaborato anche con rivenditori di tutte le dimensioni in Sud Africa per abilitare i loro terminali POS presso le casse in tutto il paese . Nel complesso, la crescita di UnionPay nelle transazioni quotidiane combinata con l’infrastruttura CIPSoffre alla Cina e ad altri membri BRICS la possibilità di de-dollarizzare i pagamenti bilaterali utilizzando il renminbi come alternativa.

4.3.2Russia

Le iniziative di de-dollarizzazione della Russia sono iniziate nel 2014 sulla scia delle sanzioni statunitensi. Dopo l’annessione della Crimea alla Russia, il presidente Barack Obama ha firmato l’ordine esecutivo n. 13661, che prendeva di mira le carte bancarie emesse da sette banche russe. Sia Visa che Mastercard hanno interrotto l’elaborazione delle transazioni per i loro clienti russi e circa 500.000 carte di credito e di debito emesse da queste sette banche russe hanno trovato la loro funzione di pagamento bloccata . Ciò ha gravemente colpito gli scambi economici nazionali e internazionali della Russia. Inoltre, anche gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno minacciato di escludere la Russia da SWIFT. In questo contesto, la Russia ha iniziato a costruire due infrastrutture finanziarie che sono fondamentali per ridurre la sua esposizione alle sanzioni statunitensi, vale a dire (1) un sistema di pagamento nazionale indipendente che fungerà da alternativa della Russia a Visa o Mastercard e (2) un sistema di messaggistica finanziaria proprietario come l’equivalente russo di SWIFT.

La de-dollarizzazione delle infrastrutture finanziarie da parte della Russia è iniziata quando la Duma di Stato russa ha approvato la legge sul sistema nazionale di carte di pagamento (NSPK) nel 2014. Questa legge ha istituito la società per azioni del sistema nazionale di carte di pagamento come principale centro operativo e di regolamento della NSPK, che era di proprietà della banca centrale russa. Nel luglio 2015, tramite gara pubblica in Russia, la carta è stata denominata “MIR”, che in russo significa sia “mondo” che “pace”. Ad agosto 2017, in Russia erano state emesse oltre 13,9 milioni di carte MIR (che rappresentano il 10% della popolazione russa). Entro la prima metà del 2019, 312 banche in Russia avevano aderito al sistema. Praticamente tutti i punti commerciali e di servizio, inclusi bar, negozi, ristoranti e distributori di benzina, ora accettano pagamenti con carte MIR. Le carte MIR sono benvenute anche in Crimea, colpita dalle sanzioni, dove alle banche occidentali è stato vietato di operare. La performance di MIR mostra ad altri governi come sfidare i giganti dei pagamenti affermati con sede negli Stati Uniti, come Visa e Mastercard.

Dal 2014, la Russia ha anche sviluppato il proprio sistema di messaggistica finanziaria proprietario chiamato “Sistema per il trasferimento di messaggi finanziari” (SPFS) come analogo russo di SWIFT. Può essere collegato sia a banche estere che a persone giuridiche estere. Secondo il direttore del sistema di pagamento nazionale della Banca di Russia Alla Bakina, 8 banche estere e 34 persone giuridiche hanno firmato accordi per aderire all’SPFS entro il 2019 . Il traffico attraverso il sistema è cresciuto e ha rappresentato circa il 15% di tutto il traffico interno nel 2019, dal 10% all’11% nel 2018. Inoltre, la Russia ha cercato attivamente di espandere la presenza internazionale di SPFS. L’apertura di SPFS alle banche estere faceva parte dell’agenda del presidente Putin per indebolire ulteriormente il dollaro USA dopo la sua vittoria elettorale nel 2018. Nel 2019, Russia e Iran hanno collegato i loro sistemi di messaggistica finanziaria, collegando le banche di entrambi i paesi tramite SPFS e SEPAM (l’alternativa iraniana a SWIFT) . La Russia ha anche introdotto SPFS nelle banche nella regione dell’Unione economica eurasiatica (EEU) . Lo stesso anno, il ministro delle finanze russo Anton Siluanov ha firmato un accordo con la Turchia per iniziare a utilizzare il rublo e la lira nei pagamenti e nei regolamenti transfrontalieri, aumentando notevolmente la possibilità di collegare banche e società turche a SPFS e utilizzare le carte MIR russe in Turchia . Oltre alla regione EEU e alla Turchia, la Russia ha anche espresso interesse a collegare SPFS con altri paesi del Medio Oriente e della regione europea

4.3.3Una potenziale coalizione “Cina-Russia Plus” per creare un’alternativa SWIFT

La Russia ha cercato di mobilitare i suoi partner BRICS, in particolare la Cina, per ottenere una più ampia accettazione del suo sistema di carte MIR e una maggiore copertura internazionale della sua infrastruttura SPFS. Nel novembre 2016, il primo ministro Medvedev ha affermato che la Russia desiderava un sistema di pagamenti reciprocamente compatibile con la Cina che armonizzi i sistemi di pagamento nazionali dei due paesi per affrontare preventivamente il rischio di essere tagliata fuori da SWIFT . Ha anche affermato che Russia e Cina hanno discusso del lancio di un nuovo sistema di pagamento transfrontaliero per il regolamento delle fatture commerciali dirette in renminbi e rublo. Medvedev ha chiarito che questa iniziativa era un tentativo di allontanarsi dall’attuale sistema finanziario dominato dal dollaro e aggirare le sanzioni occidentali . Nel giugno 2019, Russia e Cina hanno deciso di approfondire la cooperazione nei sistemi nazionali di carte di pagamento e nei pagamenti transfrontalieri nelle valute nazionali . Nel marzo 2021, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha nuovamente invitato la Cina a collaborare con la Russia per ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA e dai sistemi di pagamento occidentali e respingere l'”agenda ideologica” occidentale.

Da parte cinese, la PBoC ha migliorato l’efficienza delle transazioni tra le due valute nazionali. Nell’ottobre 2017, la PBoC ha approvato il China Foreign Exchange Trading System (CFETS) per istituire un sistema di pagamento contro pagamento (PVP) per facilitare le transazioni finanziarie tra renminbi e rublo. Questo sistema PVP può ridurre il ritardo di consegna tra i duevalute da almeno un giorno a pochi secondi, il che rappresenta un notevole miglioramento dell’efficienza delle transazioni e ridurrà notevolmente il rischio di transazione in valuta estera . Questo sistema PVP è stato il primo del suo genere. Il suo lancio ha segnato l’istituzione ufficiale di un meccanismo PVP per le transazioni tra renminbi e valute estere nel mercato valutario cinese.

È stato riferito che l’India ha espresso interesse a esplorare congiuntamente un’alternativa a SWIFT con Russia e Cina per condurre scambi commerciali con paesi soggetti alle sanzioni statunitensi. Sebbene l’India attualmente non disponga di un proprio sistema di messaggistica finanziaria nazionale, ha in programma di collegare un servizio attualmente in fase di sviluppo con l’SPFS russo, che potrebbe essere collegato al CIPS cinese. Una volta che questo si è materializzato, questo sistema collegato coprirebbe la maggior parte del mondo.

4.3.4Un sistema di pagamento BRICS comune e una valuta digitale BRICS

Un passo collettivo e forse più ambizioso verso la de-dollarizzazione è il sistema “BRICS Pay” attualmente in fase di sviluppo. È un unico sistema di pagamento contactless che collega i sistemi di pagamento nazionali BRICS con una piattaforma cloud integrata per il pagamento. BRICS Pay non duplicherà i sistemi di pagamento nazionali già in essere nei paesi membri; piuttosto, il sistema sfrutta le ultime innovazioni fintech nei paesi BRICS per integrare i sistemi di pagamento individuali dei membri BRICS. BRICS Pay collegherà le carte di credito o debito dei cittadini BRICS ai portafogli online, che saranno accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per il pagamento tramite un’applicazione mobile installata sui loro smartphone. Il sistema BRICS Pay fa parte dello sforzo collettivo di BRICS per stabilire un sistema comune per i pagamenti al dettaglio e le transazioni tra i suoi membri. Tuttavia, BRICS è disposto ad ampliare il proprio ambito e anche i paesi non BRICS potranno utilizzare la piattaforma. Il progetto pilota è iniziato in Sud Africa all’inizio di aprile 2019. Nel 2020, la presidenza BRICS russa ha proposto l’idea di un “BRICS Pay” commerciale per i paesi “BRICS Plus” all’esame del BRICS Business Council .

Il più grande vantaggio di BRICS Pay è che questo sistema di pagamento integrato proposto renderebbe possibile l’uso delle valute nazionali dei membri BRICS come base diretta per lo scambio di pagamenti esterni. Attualmente, gli accordi esterni tra i membri BRICS richiedono ancora una conversione in dollari USA, che richiede il coinvolgimento delle banche statunitensi. Ad esempio, un regolamento non in contanti per rublo yuan utilizzando UnionPay non può avvenire direttamente; deve essere prima convertito in dollari USA. Attraverso BRICS Pay, la conversione in dollari USA e banche americane non sarebbe più necessaria perché i pagamenti sarebbero regolati utilizzando ilvalute nazionali dei membri BRICS. Il sistema BRICS Pay consentirà inoltre ai membri di ridurre la loro dipendenza da organizzazioni di pagamento internazionali come SWIFT, Visa e Mastercard. Potrebbe potenzialmente fornire ai membri BRICS un vantaggio competitivo condiviso per competere con le banche tradizionali nel mercato globale dei servizi finanziari, attualmente dominato dalle banche statunitensi, nonché con le regole e le norme statunitensi. Il sistema BRICS Pay integrato che collega i sistemi di pagamento nazionali dei membri BRICS consentendo anche la partecipazione di paesi non BRICS potrebbe potenzialmente interrompere il dominio finanziario delle centrali finanziarie globali occidentali in carica. La Russia ha affermato che la fondazione di un nuovo sistema di pagamento internazionale è una priorità per i BRICS in quanto gruppo guidato da “l’aumento dei rischi non di mercato dell’infrastruttura di pagamento globale” .

Costruire un quadro comune per BRICS Pay è il tentativo dei BRICS di de-dollarizzare attraverso il percorso convenzionale di promozione di valute fiat locali negli accordi transfrontalieri. Nel frattempo, BRICS ha anche esplorato un percorso non convenzionale verso questo scopo: l’uso della tecnologia blockchain per costruire una valuta digitale BRICS. Durante il BRICS Xiamen Summit nel 2017, il Comitato finanziario BRICS ha discusso la possibilità di sostituire il dollaro USA con una criptovaluta BRICS negli accordi tra i membri . Al vertice BRICS del 2018, le banche di sviluppo dei paesi BRICS hanno firmato un accordo per cooperare sulla ricerca blockchain e lo sviluppo dell’economia digitale, lavorando insieme sugli sviluppi tecnologici di frontiera . Hanno deciso di formare un gruppo di lavoro di ricerca congiunto, definire un programma di ricerca e svolgere ricerche per identificare potenziali applicazioni della tecnologia blockchain nel settore finanziario, in particolare nel finanziamento delle infrastrutture . Il vertice BRICS del 2019 ha ulteriormente dato priorità alla cooperazione del blocco nella blockchain e nell’economia digitale . Il BRICS Business Council ha sostenuto l’idea di creare un unico sistema di pagamento per gli insediamenti tra i membri BRICS durante questo vertice. Come ha sottolineato il capo del Fondo di investimento diretto russo Kirill Dmitriev, un sistema di pagamento BRICS efficiente può facilitare i regolamenti nelle valute nazionali e garantire la stabilità degli insediamenti e degli investimenti tra i BRICS, che costituiscono oltre il 20% dell’afflusso globale di pagamenti diretti esteri. investimento . Una criptovaluta BRICS potrebbe essere integrata nel framework di pagamento BRICS comune e assumerebbe la forma di un flusso di documenti senza carta per facilitare le transazioni. Dato che i membri BRICS hanno concordato una cooperazione di ricerca e sviluppo blockchain, è possibile per loro sviluppare questo sistema utilizzando la tecnologia blockchain.

Oltre a discutere la prospettiva di una criptovaluta BRICS condivisa, i membri BRICS hanno sviluppato la propria valuta digitale della banca centrale (CBDC) che potrebbe potenzialmente rivoluzionare il sistema valutario globale. La Cina ha avviato il suo progetto CBDC nel 2014 e ha rivelato la sua agenda strategica nel 2016 . Dal 2020, la Cina ha lanciato il programma “Pagamento elettronico in valuta digitale” in diverse città cinesi, tra cui Shenzhen. Nel 2021 sono stati condotti test transfrontalieri del renminbi digitale a Hong Kong con l’Autorità monetaria di Hong Kong. Da allora, ci sono state discussioni sull’ampliamento e l’approfondimento dell’uso del renminbi digitale. Il lancio dell’infrastruttura di pagamento digitale in renminbi a Hong Kong potrebbe aumentare la velocità dei processi di pagamento e compensazione transfrontalieri, riducendo al contempo i costi. Alcuni esperti statunitensi hanno espresso preoccupazioni sul fatto che il renminbi digitale offra l’opportunità di aggirare il sistema bancario globale e consentire alla Cina di effettuare pagamenti diretti ad altri paesi, diminuendo l’impatto delle sanzioni statunitensi . Alla luce di tali preoccupazioni, il vice governatore della PBoC Li Bo ha risposto che il renminbi digitale cinese è destinato all’uso domestico piuttosto che alla sostituzione del dollaro USA .

Anche altri membri BRICS hanno esplorato le loro opzioni per CBDC. Secondo Roberto Campos Neto, presidente della banca centrale brasiliana, il Brasile potrebbe essere pronto per una CBDC già nel 2022 . La Banca centrale del Brasile ha già fatto alcune basi e ha posato infrastrutture critiche per l’emissione di una CBDC. Nel 2020 ha lanciato la propria piattaforma blockchain chiamata PIER (Platform for Information Integration of Regulatory Entities), che consente lo scambio di dati tra le autorità di regolamentazione finanziaria . Ha inoltre lanciato un sistema di pagamento istantaneo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 chiamato “PIX” per migliorare l’efficienza e la competitività del mercato dei pagamenti al dettaglio in Brasile . È stato riferito che “PIX” supporta transazioni peer-to-peer e business-to-business in 10 secondi o meno tramite telefono cellulare, internet banking e bancomat selezionati .

La Russia ha anche accelerato lo sviluppo della valuta digitale nazionale. Elvira Nabiullina, governatore della banca centrale russa, ha definito la valuta digitale “il futuro del nostro sistema finanziario perché correlata allo sviluppo dell’economia digitale” . Nel 2020, la banca centrale russa ha delineato il piano russo per un rublo digitale, con l’obiettivo di avviare un programma pilota alla fine del 2021 . A partire da ottobre 2020, almeno cinqueLe banche russe avevano espresso interesse a partecipare a futuri test non pubblici del rublo digitale .

Il Sudafrica è stato interessato alla prospettiva della propria CBDC. La South African Reserve Bank conduce ricerche sulla CBDC dalla fine del 2016. Ha completato con successo una prova di prova di 14 settimane per il “Progetto Khokha” (Khokha significa “paga” nella lingua zulù sudafricana), testando l’idea di un sistema di pagamento commerciale per il regolamento interbancario utilizzando un rand sudafricano tokenizzato su blockchain basato su Ethereum Quorum . I risultati del test hanno mostrato che “il volume giornaliero tipico del sistema di pagamenti sudafricano potrebbe essere elaborato in meno di due ore con la massima riservatezza delle transazioni e delle finalità di regolamento” . La banca centrale ha lanciato il “Progetto Khokha 2” nel febbraio 2021 per esplorare l’uso sia di un CBDC all’ingrosso che di un token di regolamento all’ingrosso emesso da privati ​​per il regolamento interbancario .

Dopo il lancio del renminbi digitale da parte della Cina, il governo indiano ha proposto di vietare tutte le criptovalute private e di creare un quadro per una valuta digitale ufficiale nel febbraio 2021. Nel 2018, la  ha annunciato di aver costituito un team per studiare l’opportunità e la fattibilità di un CBDC. Secondo il governatore Shaktikanta Das, la Reserve Bank of India si sta preparando a lanciare la propria valuta digitale

Allo stato attuale, nessuno dei sistemi di pagamento alternativi discussi sopra ha raggiunto uno status veramente globale, ad eccezione della rete cinese UnionPay. Tuttavia, la proliferazione di questi sostituti mostra che i membri BRICS sono ansiosi di adottare misure difensive e costruire le proprie versioni di infrastrutture finanziarie per rendere a prova di sanzioni le loro transazioni internazionali.

4.4BRICS Plus: Mobilitazione della de-dollarizzazione oltre i BRICS

I paesi BRICS hanno sfruttato le loro appartenenze sovrapposte ad altre istituzioni multilaterali non occidentali per costruire coalizioni più ampie attorno alle loro iniziative di de-dollarizzazione “go-it-alone”. I vertici annuali dei BRICS sono stati una piattaforma conveniente per tale mobilitazione. Ad esempio, i membri e gli osservatori dell’EEU e della SCO sono stati invitati al vertice BRICS del 2015 per ottenere il loro sostegno agli sforzi di de-dollarizzazione. Durante questo incontro, il presidente cinese Xiha sottolineato che i BRICS, la SCO e l’EEU sono tutti influenti meccanismi di cooperazione e che l’incontro dei leader statali ha inviato un segnale positivo di unità e cooperazione ai mercati emergenti e ad altri paesi in via di sviluppo . Nel 2017, i leader BRICS, insieme ai leader di Egitto, Guinea, Tagikistan, Messico e Thailandia, hanno tenuto il “Dialogo dei mercati emergenti e dei paesi in via di sviluppo” a margine del vertice BRICS di Xiamen . Questo dialogo ha segnato il lancio del “BRICS Plus” avviato dalla Cina. BRICS Plus espande la piattaforma BRICS per portare in altri paesi e istituzioni di integrazione regionale, come il Mercosur, la SCO, l’EEU, l’Unione doganale sudafricana, l’Associazione dell’Asia meridionale per la cooperazione regionale e l’ASEAN + Cina. BRICS Plus riunisce trentacinque paesi per formare una piattaforma ampliata in grado di coordinare le politiche con i partner regionali di BRICS nei quattro continenti. In quanto tale, fornisce un luogo conveniente per il coordinamento delle politiche di de-dollarizzazione e la costruzione di infrastrutture finanziarie senza dollari.

Un notevole esempio di mobilitazione più ampia attraverso l’istituzione informale BRICS Plus è un sottogruppo di BRICS Plus, ovvero la SCO. Diversi membri BRICS sono membri della SCO: sia la Cina che la Russia sono membri fondatori e l’India si è unita come membro a pieno titolo nel 2017. Poiché tre dei cinque membri BRICS sono anche membri della SCO, è probabile che queste due istituzioni non occidentali lo faranno condurre la condivisione delle politiche e il coordinamento delle politiche attraverso entrambe le piattaforme, comprese le politiche progettate per ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA. La SCO è stata inizialmente istituita per la cooperazione in materia di sicurezza, ma ha gradualmente assunto anche dimensioni economiche. Prima del vertice di Shanghai del 2006, i membri della SCO hanno lanciato il “Meccanismo SCO di cooperazione interbancaria”. Durante il vertice di Shanghai. BRICS ha avviato sforzi simili, lanciando il BRICS Interbank Cooperation Mechanism nel 2010 e il BRICS Business Council nel 2013. Nel 2020, la SCO ha annunciato piani per rafforzare ulteriormente la cooperazione finanziaria ed ha espresso la volontà di continuare le discussioni sull’istituzione della SCO Development Bank e della Fondo di sviluppo SCO. I membri della SCO hanno sottolineato l’importanza di approcci congiunti all’uso delle valute nazionali negli accordi reciproci tra gli Stati membri della SCO interessati . Lo sviluppo di iniziative di cooperazione finanziaria SCO suggerisce che Cina, India e Russia possono potenzialmente introdurre politiche di de-dollarizzazione nella SCO e ottenere sinergie con iniziative simili nelle piattaforme politiche BRICS.

La considerazione della SCO di lanciare una propria banca di sviluppo suggerisce un percorso simile ai BRICS: costruire istituzioni formali in grado di promuovere l’uso di risorse localivalute nel finanziamento dello sviluppo dei BRICS e ridurre i rischi associati al finanziamento in dollari USA. La convergenza negli accordi istituzionali e nei mandati tra la SCO e i BRICS ha posto le basi per una più stretta cooperazione in materia di politica economica e finanziaria tra di loro. Tali somiglianze possono fornire canali formali per un ulteriore coordinamento politico tra queste due coalizioni di paesi in via di sviluppo su questioni quali: ampliare la portata e la portata degli swap bilaterali in valuta, promuovere l’uso delle valute locali nel commercio e negli investimenti transfrontalieri e infine ridurre il dipendenza dei paesi dal dollaro USA. In effetti, è già in atto un più stretto allineamento tra BRICS e SCO verso la de-dollarizzazione. Il segretario generale della SCO Vladimir Norov ha recentemente confermato che i membri della SCO stanno lavorando a una transizione graduale verso accordi reciproci nelle valute nazionali, con i rappresentanti dello SCO Interbank Consortium già impegnati in questa attività. Ha anche sollevato la necessità che la SCO stabilisca partnership con AIIB, NDB e Silk Road Fund per sbloccare completamente il potenziale di investimento della SCO (TASS , 2021). Nel 2020, i ministri delle finanze della SCO hanno deciso di inviare raccomandazioni per finalizzare una tabella di marcia per promuovere il commercio bilaterale e gli investimenti ed emettere obbligazioni utilizzando valute locali.

Per riassumere i risultati di questa sezione, abbiamo dimostrato che BRICS ei suoi membri hanno perseguito la de-dollarizzazione attraverso la strategia “go-it-alone” utilizzando meccanismi sia istituzionali che di mercato per ottenere una maggiore autonomia e influenza. Gli esempi specifici dell’NDB e della de-dollarizzazione del finanziamento dello sviluppo, gli impegni BRICS per sviluppare un’alternativa BRICS a SWIFT e la visione comune dei membri per una valuta digitale BRICS suggeriscono che BRICS ha dimostrato un alto livello di forza coalitiva nell’esecuzione di alta efficacia iniziative di de-dollarizzazione. Questi sono beni del club che potrebbero fungere da elementi critici per lo sviluppo di un sistema finanziario globale alternativo al dollaro e aiutare a proteggere i membri dalla volatilità del dollaro e dal rischio di sanzioni statunitensi. Inoltre, ci sono anche potenti dinamiche sub-coalizionali in gioco. Le iniziative di de-dollarizzazione a livello sub-BRICS sono state le più attive, con Russia e Cina che sono stati i due stati cardine che guidano queste iniziative “go-it-alone”. Sta emergendo una mini-coalizione di de-dollarizzazione Russia-Cina, con il potenziale per una partecipazione più ampia da parte di altri paesi sotto le sanzioni statunitensi, come l’Iran. Il deterioramento delle relazioni USA-Cina molto probabilmente spingerà la Cina ad avvicinarsi alla Russia e a raddoppiare la de-dollarizzazione in futuro. Inoltre, BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato a con Russia e Cina che sono i due stati cardine che guidano queste iniziative “go-it-alone”. Sta emergendo una mini-coalizione di de-dollarizzazione Russia-Cina, con il potenziale per una partecipazione più ampia da parte di altri paesi sotto le sanzioni statunitensi, come l’Iran. Il deterioramento delle relazioni USA-Cina molto probabilmente spingerà la Cina ad avvicinarsi alla Russia e a raddoppiare la de-dollarizzazione in futuro. Inoltre, BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato a con Russia e Cina che sono i due stati cardine che guidano queste iniziative “go-it-alone”. Sta emergendo una mini-coalizione di de-dollarizzazione Russia-Cina, con il potenziale per una partecipazione più ampia da parte di altri paesi sotto le sanzioni statunitensi, come l’Iran. Il deterioramento delle relazioni USA-Cina molto probabilmente spingerà la Cina ad avvicinarsi alla Russia e a raddoppiare la de-dollarizzazione in futuro. Inoltre, BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato a con il potenziale per una partecipazione più ampia da parte di altri paesi soggetti alle sanzioni statunitensi, come l’Iran. Il deterioramento delle relazioni USA-Cina molto probabilmente spingerà la Cina ad avvicinarsi alla Russia e a raddoppiare la de-dollarizzazione in futuro. Inoltre, BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato a con il potenziale per una partecipazione più ampia da parte di altri paesi soggetti alle sanzioni statunitensi, come l’Iran. Il deterioramento delle relazioni USA-Cina molto probabilmente spingerà la Cina ad avvicinarsi alla Russia e a raddoppiare la de-dollarizzazione in futuro. Inoltre, BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato a BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato a BRICS ha anche tentato di creare coalizioni più ampie sfruttando le appartenenze sovrapposte dei membri ad altre organizzazioni non occidentali, come l’uso di BRICS Plus e il suo impegno con SCO ed EEU. Anche se una mobilitazione così ampia non ha ancora prodotto risultati tangibili significativi e non ha portato aqualsiasi più ampia de-dollarizzazione dei beni pubblici, BRICS ha certamente dimostrato la sua leadership come decisore di regole e programmatore per promuovere l’uso delle valute locali nel commercio e nella finanza internazionale, compatibile con l’obiettivo di ottenere una maggiore influenza internazionale.

Attualmente, è improbabile che le iniziative di de-dollarizzazione “go-it-alone” di Russia e Cina riescano a liberare i membri BRICS dal sistema finanziario globale basato sul dollaro in tempi brevi a causa di tre principali vincoli. In primo luogo, la capacità limitata dell’NDB significa che i BRICS non possono ottenere la piena de-dollarizzazione dei prestiti internazionali per il finanziamento dello sviluppo. Tutti i membri BRICS sono stati fortemente favorevoli alla promozione del finanziamento dello sviluppo in valuta locale attraverso l’NDB, ma la capacità dell’NDB è molto più limitata rispetto ai tradizionali finanziatori dello sviluppo come la Banca mondiale o la Banca asiatica di sviluppo. Sebbene l’NDB abbia preso in considerazione una potenziale espansione, le sue dimensioni e la sua portata limitano il potenziale di de-dollarizzazione collettiva dei BRICS. Secondo, non tutti i membri BRICS hanno le risorse o la capacità per sponsorizzare le proprie infrastrutture o strumenti di mercato. Ora solo Cina e Russia hanno incentivi politici e la capacità di sviluppare le proprie alternative a SWIFT e cercare di collegarle. Inoltre, solo la dimensione del mercato cinese è sufficientemente ampia e influente da lanciare un contratto future sul petrolio alternativo, come i future sul petrolio in yuan, sul mercato del dollaro USA. Pertanto, è attualmente improbabile che i membri BRICS abbandonino completamente l’infrastruttura finanziaria basata sul dollaro USA. In terzo luogo, le dinamiche geopolitiche interne all’interno dei BRICS e le relazioni dei suoi membri con gli Stati Uniti potrebbero impedire ai BRICS di trasformare formalmente il gruppo in una coalizione di difesa della de-dollarizzazione, che sarebbe il modo più veloce per implementare la strategia “go-it-alone” e guadagnare seguaci. Ora solo Cina e Russia hanno incentivi politici e la capacità di sviluppare le proprie alternative a SWIFT e cercare di collegarle. Inoltre, solo la dimensione del mercato cinese è sufficientemente ampia e influente da lanciare un contratto future sul petrolio alternativo, come i future sul petrolio in yuan, sul mercato del dollaro USA. Pertanto, è attualmente improbabile che i membri BRICS abbandonino completamente l’infrastruttura finanziaria basata sul dollaro USA. In terzo luogo, le dinamiche geopolitiche interne all’interno dei BRICS e le relazioni dei suoi membri con gli Stati Uniti potrebbero impedire ai BRICS di trasformare formalmente il gruppo in una coalizione di difesa della de-dollarizzazione, che sarebbe il modo più veloce per implementare la strategia “go-it-alone” e guadagnare seguaci. Ora solo Cina e Russia hanno incentivi politici e la capacità di sviluppare le proprie alternative a SWIFT e cercare di collegarle. Inoltre, solo la dimensione del mercato cinese è sufficientemente ampia e influente da lanciare un contratto future sul petrolio alternativo, come i future sul petrolio in yuan, sul mercato del dollaro USA. Pertanto, è attualmente improbabile che i membri BRICS abbandonino completamente l’infrastruttura finanziaria basata sul dollaro USA. In terzo luogo, le dinamiche geopolitiche interne all’interno dei BRICS e le relazioni dei suoi membri con gli Stati Uniti potrebbero impedire ai BRICS di trasformare formalmente il gruppo in una coalizione di difesa della de-dollarizzazione, che sarebbe il modo più veloce per implementare la strategia “go-it-alone” e guadagnare seguaci. solo la dimensione del mercato cinese è sufficientemente ampia e influente da lanciare un contratto future sul petrolio alternativo, come i future sul petrolio in yuan, sul mercato del dollaro USA. Pertanto, è attualmente improbabile che i membri BRICS abbandonino completamente l’infrastruttura finanziaria basata sul dollaro USA. In terzo luogo, le dinamiche geopolitiche interne all’interno dei BRICS e le relazioni dei suoi membri con gli Stati Uniti potrebbero impedire ai BRICS di trasformare formalmente il gruppo in una coalizione di difesa della de-dollarizzazione, che sarebbe il modo più veloce per implementare la strategia “go-it-alone” e guadagnare seguaci. solo la dimensione del mercato cinese è sufficientemente ampia e influente da lanciare un contratto future sul petrolio alternativo, come i future sul petrolio in yuan, sul mercato del dollaro USA. Pertanto, è attualmente improbabile che i membri BRICS abbandonino completamente l’infrastruttura finanziaria basata sul dollaro USA. In terzo luogo, le dinamiche geopolitiche interne all’interno dei BRICS e le relazioni dei suoi membri con gli Stati Uniti potrebbero impedire ai BRICS di trasformare formalmente il gruppo in una coalizione di difesa della de-dollarizzazione, che sarebbe il modo più veloce per implementare la strategia “go-it-alone” e guadagnare seguaci.

5Strategia “Reform-the-Status-Quo”: rifacimento di istituzioni e mercati esistenti

Oltre alle iniziative “go-it-alone”, i paesi BRICS hanno anche perseguito la de-dollarizzazione attraverso una strategia di “riforma dello status quo” per diluire il predominio del dollaro USA nel sistema finanziario globale esistente . A tal fine, i membri BRICS hanno diversificato le loro attività di riserva a livello di singolo stato e hanno anche costruito collettivamente uno strato interno di sostegno attraverso il CRA basato sul dollaro per modificare la loro dipendenza dal FMI. I BRICS hanno anche negoziato congiuntamente la riforma dell’FMI DSP. Le borse dei BRICS hanno anche formato un’alleanza che ha rimodellato i mercati azionari globali. Tali iniziative a livello di BRICS dimostrano la forza dei BRICS come coalizione di de-dollarizzazione che opera all’interno del sistema esistente basato sul dollaro per migliorare i BRICSautonomia e influenza. A livello sub-BRICS, i membri hanno promosso l’uso delle valute locali nel commercio bilaterale e rafforzato la cooperazione valutaria interna utilizzando swap bilaterali di valuta per diffondere il predominio del dollaro USA come valuta veicolo. Queste iniziative sub-BRICS non migliorano direttamente l’influenza globale dei membri, ma aiutano a raggiungere l’obiettivo di una maggiore autonomia riducendo il rischio di cambio nel commercio bilaterale e riducendo il rischio di sanzioni statunitensi.

5.1Rafforzare l’autodifesa contro il dominio del dollaro

Un aspetto importante della supremazia del dollaro USA è la tradizione consolidata di utilizzare i titoli del Tesoro USA come proxy di attività prive di rischio nei mercati finanziari globali. Molte banche centrali e investitori istituzionali sovrani detengono le proprie riserve e altre attività finanziarie in titoli del Tesoro USA a causa della loro natura quasi priva di rischi e della loro liquidità credibile. Le banche centrali BRICS e gli investitori sovrani non fanno eccezione. Avere un portafoglio concentrato di titoli del Tesoro USA non solo ha aumentato i costi di opportunità per i membri BRICS in tempi di indebolimento del dollaro USA, ma ha anche aumentato la loro vulnerabilità geopolitica alle sanzioni statunitensi. Per rafforzare la propria autodifesa contro l’egemonia del dollaro USA, le principali banche centrali BRICS, in particolare la Banca di Russia, hanno diversificato le proprie attività di riserva riducendo le proprie partecipazioni in titoli del Tesoro USA. Inoltre, i BRICS hanno anche istituito la CRA come riserva aggregata in dollari USA e una prima linea di difesa interna per aiutare i membri durante le carenze della bilancia dei pagamenti su piccola scala. Tutte queste misure consentono ai membri BRICS di rafforzare la propria autodifesa contro le volatilità del dollaro USA e di migliorare il proprio supporto interno alla liquidità in tempi di carenza di dollari.

La Russia è stata la più aggressiva tra i BRICS nel sostituire le riserve in dollari USA con attività di riserva alternative. Dal 2013 la Banca di Russia ha cercato di ridurre il numero di transazioni effettuate in dollari USA e ha aumentato l’uso di euro, renminbi e rubli negli insediamenti. Nell’aprile 2018, a seguito di un nuovo round di severe sanzioni statunitensi alla Russia, la Banca ha modificato la struttura delle sue attività di riserva, riducendo la quota del dollaro a favore dello yuan e dell’euro. Ha anche accelerato il ritiro delle sue riserve dai buoni del Tesoro statunitensi. I dati della US Treasury International Capital (TIC) hanno mostrato che le partecipazioni russe in titoli del Tesoro sono diminuite dell’84% tra marzo e maggio 2018, passando da 96,1 miliardi di dollari a 14,9 miliardi di dollari in soli due mesi Figura 6. All’inizio del 2019, la Banca di Russia ha rivelato di aver ridotto le disponibilità in dollari USA di 101 miliardi di dollari, oltre la metà delle sue attività esistenti in dollari USA. Per fare un confronto, nel febbraio 2013, prima dell’annessione della Crimea alla Russia, gli investimenti russi in buoni del Tesoro statunitensi ammontavano a 164,3 miliardi di dollari. Dopo il Bidenl’amministrazione ha imposto nuove sanzioni alla Russia per attacchi informatici e interferenze elettorali nell’aprile 2021, la Russia ha accelerato il ritmo di de-dollarizzazione dei suoi asset di riserva. La Russia ha deciso di rimuovere completamente le attività in dollari dal suo National Wealth Fund (NWF), il cui portafoglio fa parte delle riserve auree e valutarie russe e aveva un valore di 186 miliardi di dollari entro la fine di maggio 2021

i segreti dei brics
Figura 6. Detenzioni russe di titoli del tesoro statunitensi (2006-2021, miliardi di dollari)

Figura 6Detenzioni russe di titoli del tesoro statunitensi (2006-2021, miliardi di dollari)

Nota : include obbligazioni del Tesoro USA sia a breve che a lungo termine.

Fonti: l’autore ha compilato i dati dei dati del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti (2021) sui principali detentori esteri di titoli del Tesoro.

Il renminbi è stato uno dei maggiori beneficiari della de-dollarizzazione delle riserve russe. All’inizio del 2019, la banca centrale russa ha investito 44 miliardi di dollari in renminbi, aumentando la sua quota nelle riserve valutarie russe dal 5% al ​​15% . Gli averi in renminbi della Russia sono circa dieci volte la media globale delle banche centrali, rappresentando circa un quarto delle riserve globali di renminbi . Con la continua de-dollarizzazione della NWF, è probabile che questo numero aumenti. Nel 2021, il Cremlino ha consentito al fondo sovrano russo di investire in renminbi e titoli di stato cinesi. Le politiche aggressive di de-dollarizzazione della Russia favoriscono il rafforzamento di una potenziale partnership Russia-Cina per la de-dollarizzazione. Esperti russi hanno suggerito che la spinta della Russia ad accumulare renminbi non riguarda solo la diversificazione delle riserve, ma anche l’incoraggiare la Cina a diventare più assertiva nello sfidare la leadership economica globale degli Stati Uniti .

Oltre a sostituire le riserve in dollari USA con altre valute, la Banca di Russia ha anche implementato una strategia per l’oro per allontanarsi dalle attività statunitensi. È stato il più grande acquirente di oro negli ultimi anni, quadruplicando le riserve auree russe nell’ultimo decennio: tra il 2018 e il 2019, il valore dell’oro russole riserve sono aumentate del 42%, a 109,5 miliardi di dollari. Di conseguenza, l’oro ha assorbito la quota maggiore delle riserve totali della Russia dal 2000. Entro giugno 2020, l’oro costituiva il 23% delle riserve della banca centrale russa, mentre la quota delle attività in dollari USA è scesa al 22%. La strategia dell’oro della Russia l’ha resa il leader tra i membri BRICS misurata dalla percentuale di oro nelle riserve totali ( Figure 7 – 9 ).

oro acquisito dalla russia
Figura 7: Le riserve auree in aumento della Russia.

Fonti: Banca Centrale della Federazione Russa, Riserve Internazionali della Federazione Russa
Riserve auree della Russia rispetto alle riserve in dollari a giugno 2020.
Figura 8: Riserve auree della Russia rispetto alle riserve in dollari
Fonti: Bank of Russia (2021), Riserve internazionali della Federazione Russa

Figura 9Riserve delle banche centrali BRICS (percentuale di oro come riserve totali, 1° trimestre 2008–1° trimestre 2021).

Fonti: banche centrali, ICE Benchmark Administration, Fondo monetario internazionale, World Gold Council

Il BRICS CRA aiuta a rafforzare ulteriormente la difesa collettiva BRICS contro le crisi della bilancia dei pagamenti dovute alla carenza di dollari USA. I membri BRICS possono attingere dal pool collettivo della CRA di riserve di 100 miliardi di USD tramite swap utilizzando le proprie valute nei momenti di bisogno . Alcuni studiosi vedono il CRA come un’istituzione che sfida il FMI, soprattutto alla luce dell’insoddisfazione dei BRICS per le condizionalità dei prestiti del FMI e del dominio delle potenze occidentali nel FMI . Eppure il CRA rimane dipendente dal FMI e non può fungere da sostituto del FMI. Solo il 30% dei fondi CRA accessibili sono disponibili per i membri BRICS su richiesta, mentre l’accesso al restante 70% richiede accordi con l’FMI.

Questa dipendenza provvisoria dall’FMI preserva la sostenibilità delle riserve in dollari statunitensi aggregate della CRA. Se l’importo massimo è insufficiente, i membri BRICS ricorrerebbero al FMI. Ciò stabilisce una prima linea di difesa interna per i membri BRICS fino all’importo autorizzato. Pertanto, il CRA modifica la dipendenza dei BRICS dai meccanismi di salvataggio del FMI aggiungendo un ulteriore livello di difesa e agisce all’interno e subordinato al sistema esistente basato sul dollaro, rafforzando nel contempo l’autodifesa dei BRICS contro una carenza di dollari USA.

5.2Riforma della struttura valutaria di riserva globale

I membri BRICS hanno tentato collettivamente di distruggere la posizione dominante del dollaro USA nell’attuale struttura della valuta di riserva globale promuovendo la riforma dei DSP del FMI e sostenendo l’inclusione del renminbi nel paniere dei DSP. Queste iniziative fanno parte degli sforzi più ampi dei BRICS per riformare le istituzioni finanziarie internazionali multilaterali esistenti.

I funzionari cinesi avevano espresso l’interesse della Cina a ristrutturare la struttura valutaria delle riserve globali e si erano espressi a favore dell’attribuzione di un ruolo maggiore ai DSP diversi mesi prima del primo vertice BRIC. Nel marzo 2009, la PBoCIl governatore, Zhou Xiaochuan, ha chiesto di trasformare i DSP in una “valuta di riserva super sovrana” . Successivamente, le Nazioni Unite (ONU) hanno fatto eco all’idea di Zhou e hanno proposto di istituire un nuovo sistema di riserva globale basato sull’SDR del FMI. La proposta delle Nazioni Unite affermava:

[gli] squilibri globali che hanno svolto un ruolo importante in questa crisi possono essere affrontati solo se esiste un modo migliore per affrontare i rischi economici internazionali che i paesi devono affrontare rispetto all’attuale sistema di accumulazione di riserve internazionali. … Per risolvere questo problema un nuovo Global Reserve System, quello che può essere visto come un DSP notevolmente ampliato, conemissioni calibrate all’entità degli accumuli di riserve, potrebbero contribuire alla stabilità globale, alla forza economica e all’equità globale.

La Russia ha mostrato il suo sostegno a questa proposta entro una settimana e ha affermato che Russia e Cina “hanno posizioni simili” sulla riforma del sistema finanziario internazionale. Nel giugno 2009, pochi giorni prima del vertice BRIC, il presidente Dmitry Medvedev ha espresso l’insoddisfazione della Russia per la struttura della valuta di riserva esistente e ha invitato il FMI ad espandere il paniere dei DSP per includere il renminbi, le valute delle materie prime come il rublo e l’oro per creare un sistema sovranazionale valuta di riserva per i regolamenti internazionali . La Russia ha sollevato nuovamente la questione durante il primo vertice BRIC  e ha rivelato il suo piano per ridurre la quota dei buoni del Tesoro USA nelle sue riserve di 400 miliardi di dollari. Questo sentimento ha risuonato con la decisione di Cina e Brasile di investire rispettivamente 40 miliardi di dollari e 10 miliardi di dollari in obbligazioni del FMI, con altri 10 miliardi di dollari dall’India . In questo contesto, la questione della riforma della struttura della valuta di riserva globale è diventata una questione importante per i BRICS ei membri hanno dimostrato il loro impegno collettivo a diversificare le proprie riserve evitando di essere eccessivamente concentrate nelle attività in dollari USA.

Il vertice BRICS del 2011 ha messo in evidenza gli interessi condivisi dei membri BRICS nel riformare la struttura della valuta di riserva esistente. I leader BRICS hanno dichiarato di “sostenere la riforma e il miglioramento del sistema monetario internazionale,con un ampio sistema internazionale di valuta di riserva che fornisce stabilità e certezza … e accolgono con favore l’attuale discussione sul ruolo dei DSP nel sistema monetario internazionale esistente, inclusa la composizione del paniere di valute DSP”. Durante il vertice BRICS del 2013, i membri BRICS hanno ribadito il loro impegno a riformare e diversificare la struttura monetaria globale, utilizzando quasi lo stesso linguaggio utilizzato nel 2011 . I membri BRICS hanno anche espresso congiuntamente il loro sostegno all’inclusione del renminbi nel paniere dei DSP nell’ottobre 2016 nella loro Dichiarazione di Goa .

Gli sforzi dei BRICS per riformare il sistema esistente hanno finora portato a un successo limitato. I diritti di voto combinati dei BRICS presso la Banca Mondiale e il FMI e la quota totale dei DSP dei BRICS sono tutti inferiori al 15% del totale. Questi numeri sono ancora disallineati con il potere economico collettivo dei BRICS, che rappresenta quasi un quarto del PIL globale. Questo successo limitato indica la crescente difficoltà che i membri BRICS devono affrontare per far avanzare ulteriormente la loro voce e la loro rappresentazione nel sistema globale esistente. Se la riforma del sistema dall’interno diventa improbabile, i BRICS potrebbero ricorrere a strategie “da solo”.

Tabella 5Rappresentanza BRICS nelle principali istituzioni multilaterali mondiali

Paese Banca Mondiale IDA MIGA FMI Quota DSP
N. di voti % del totale N. di voti % del totale N. di voti % del totale N. di voti % del totale Milioni % del totale
Brasile 54.264 2.11 477.996 1.66 2.830 1.3 111.878 2.22 11.042,00 2.32
Russia 67.260 2.62 90.647 0.31 5.752 2.64 130.495 2.59 12.903,70 2.71
India 76.777 2.99 835.156 2.89 1.218 0,56 132.602 2.63 13.114,40 2.76
Cina 131.426 5.11 660.966 2.29 5.754 2.64 306.287 6.08 30.482,90 6.41
Sud Africa 18.698 0,73 74.369 0,26 1.886 0,86 31.970 0,63 3.051,20 0,64
Totale 348.425 13.56 2.139.134 7.41 17.440 8 713.232 14.15 70.594,20 14.84

IDAL, Associazione Internazionale per lo Sviluppo; MIGA, Agenzia Multilaterale di Garanzia degli Investimenti

Fonte : l’autore ha compilato i dati di Banca Mondiale, IDA, MIGA e FMI.

5.3Diffondere il predominio del dollaro come valuta veicolo nel commercio

I membri BRICS sono desiderosi di promuovere l’uso delle loro valute nazionali negli accordi commerciali e hanno discusso di questo problema ai vertici BRICS per quasi due decenni. Accordi ad alto livello sulla de-dollarizzazione commerciale, come espresso nelle dichiarazioni congiunte BRICS, si sono concretizzati attraverso accordi bilaterali tra i membri. Ad esempio, nel giugno 2009, Cina e Russia hanno raggiunto un accordo per procedere verso la regolazione del commercio bilaterale in valute locali . Pochi giorni dopo, anche Cina e Brasile hanno annunciato una “intesa iniziale” per eliminare gradualmente il dollaro USA nel loro commercio bilaterale, che all’epoca era stimato a 40 miliardi di dollari . Durante il vertice BRICS del 2013, il ministro indiano del Commercio e dell’Industria, Anand Sharma, ha discusso la sua proposta di regolare i pagamenti bilaterali in valute locali con il suo omologo sudafricano Rob Davies . Nel 2015, la banca Investec del Sud Africa e la China Export-Import Bank hanno agito in base a questa proposta e hanno firmato un accordo di cooperazione strategica, che includeva l’uso del renminbi come valuta di regolamento nel commercio. Nel giugno 2016, la PBoC ha aggiunto il rand sudafricano, consentendo il trading diretto sul mercato interbancario cinese .

Per promuovere ulteriormente l’uso delle valute locali nel commercio bilaterale, i membri BRICS hanno rafforzato i loro accordi attraverso una serie di scambi valutari bilaterali, in particolare tra la Cina e altri membri BRICS. Nel 2013 il nuovo L’accordo di scambio bilaterale Cina-Brasile ha consentito loro di scambiare in valute locali per un equivalente di 30 miliardi di dollari l’anno, che rappresentavano la metà degli scambi bilaterali tra i due paesi nel 2012 . Nel 2014, Russia e Cina hanno firmato un accordo di swap valutario triennale del valore di 150 miliardi di RMB (24,5 miliardi di dollari) . Questa è stata prorogata per altri tre anni nel 2017 . Nel 2015, Sud Africa e Cina hanno firmato un accordo di swap bilaterale triennale del valore di 57 miliardi di rand (4,75 miliardi di dollari) . A parte questo accordo del 2015, gli swap valutari bilaterali dei BRICS sono stati per lo più in renminbi. Ciò non sorprende dato che il renminbi è la più internazionalizzata di tutte le valute nazionali dei BRICS.

Gli sforzi dei BRICS verso la de-dollarizzazione nel commercio internazionale sono progrediti, specialmente nel commercio bilaterale. Tra il 2013 e il 2019, l’uso della valuta locale nel commercio bilaterale India-Russia è aumentato dal 6% al 30% . Secondo Andrey Denisov, l’ambasciatore russo in Cina, nel 2020 circa il 25% del commercio bilaterale tra Russia e Cina è stato regolato utilizzando valute locali, una crescita di circa nove volte in meno di sette anni. In confronto, l’uso delle valute locali nel loro commercio bilaterale è stato di circa il 2-3% nel 2013 e nel 2014 L’uso del renminbi nel commercio in Sud Africa è cresciuto del 65% nel 2016 . Gli swap valutari bilaterali si sono rivelati utili anche per aggirare le sanzioni statunitensi. Sotto severe sanzioni nel 2014, lo scambio di valuta bilaterale tra le banche centrali russa e cinese ha consentito alla Russia di aggirare l’isolamento occidentale e ha favorito una dinamica di de-dollarizzazione tra Cina e Russia. Tra ottobre 2015 e marzo 2016, la Russia ha utilizzato queste linee di scambio più volte per sostenere il commercio bilaterale e gli investimenti diretti tra Russia e Cina.

A livello di paese BRICS, la Russia ha ottenuto la più grande riduzione nell’uso del dollaro USA nel suo commercio dal 2013. La de-dollarizzazione commerciale della Russia ha raggiunto una pietra miliare nel quarto trimestre del 2020, quando la quota delle sue esportazioni vendute in dollari USA è diminuita sotto il 50 per cento per la prima volta. Tuttavia, il calo del dollaro USA non è stato sostituito dal rublo, ma piuttosto ripreso dall’euro. La quota di euro utilizzata nelle transazioni di esportazione della Russia è aumentata al 36,1%, in contrasto con un mero 8,7% nel primo trimestre del 2013 ( Figura 10 ).

La de-dollarizzazione del commercio bilaterale all’interno dei BRICS è progredita più rapidamente nel commercio tra Russia e Cina. Ciò è stato catalizzato dal crescente utilizzo delle valute locali nelle esportazioni russe in Cina, soprattutto dopo che le principali società energetiche russe hanno smesso di utilizzare il dollaro USA nelle loro esportazioni di energia. Ad esempio, nel 2015, Gazprom Neft ha annunciato di aver saldato tutte le sue esportazioni di petrolio verso la Cina in renminbi . Anche l’aumento dell’euro nel commercio Russia-Cina è accelerato nel 2019, quando il principale produttore russo di petrolio greggio, Rosneft,ha cambiato tutti i contratti di esportazione in euro da dollari statunitensi per proteggersi dall’intensificarsi delle sanzioni statunitensi . Entro la fine del 2020, oltre l’83% delle esportazioni russe verso la Cina erano regolate in euro . L’euro ha ora sostituito il dollaro USA ed è diventato la principale valuta veicolo nel commercio Russia-Cina.

 

Poiché le loro relazioni con gli Stati Uniti sono peggiorate negli ultimi anni, Russia e Cina si sono avvicinate per de-dollarizzare congiuntamente il commercio bilaterale e promuovere l’uso delle valute locali negli accordi commerciali. Nel 2018, il presidente Putin ha annunciato che “le parti russa e cinese hanno confermato il loro interesse a utilizzare le valute nazionali in modo più attivo nei pagamenti reciproci” . Nel 2019, dopo il suo incontro con il presidente Xi, Putin ha confermato che Russia e Cina “intendono sviluppare la pratica degli accordi in valute nazionali” . Nel frattempo, Russia e Cina hanno firmato una dichiarazione congiunta che annuncia l’elevazione delle loro relazioni bilaterali al livello di “partenariato strategico globale di coordinamento per una nuova era” . Questo miglioramento delle loro relazioni consente a Cina e Russia di intensificare i loro sforzi collettivi per ridurre la dipendenza dal dollaro USA. In concomitanza con questo aggiornamento nelle relazioni bilaterali, il ministro delle finanze russo Anton Siluanov e il governatore della PBoC Yi Gang hanno firmato un trattato che accettava di utilizzare le valute nazionali nel commercio bilaterale e aumentare gli accordi tra valute fino al 50 percento. Questegli sviluppi suggeriscono che Russia e Cina si stanno avvicinando alla formazione di un hub di de-dollarizzazione poiché entrambe le loro relazioni con gli Stati Uniti si sono deteriorate.

5.455.4. Interrompere il dominio del dollaro nei mercati azionari globali

L’alleanza delle borse BRICS è un caso interessante di una coalizione BRICS avviata dal mercato e mobilitata attraverso il mercato all’interno del sistema finanziario globale esistente. Questa idea di alleanza è stata suggerita per la prima volta da Hong Kong Exchanges and Clearing Limited (HKEx) nel giugno 2010, poco dopo che il Sud Africa si è unito al gruppo BRIC . Nell’ottobre 2011, le borse valori dei paesi BRICS hanno annunciato un’iniziativa per la quotazione incrociata di derivati ​​su indici azionari benchmark . Questa iniziativa ha riunito la BM&F BOVESPA brasiliana, il Moscow Interbank Currency Exchange russo, HKEx come primo rappresentante della Cina e la borsa di Johannesburg del Sud Africa. La National Stock Exchange of India (NSE) e la BSE Limited (precedentemente nota come Bombay Stock Exchange) hanno firmato lettere di sostegno e si uniranno all’alleanza dopo aver finalizzato i requisiti in sospeso.

I leader BRICS hanno approvato la formazione di questa alleanza del mercato azionario al Summit BRICS del 2012 e l’alleanza delle borse valori BRICS ha anche avviato la quotazione incrociata di derivati ​​su indici di riferimento azionario che potevano essere acquistati in localivalute durante questo vertice. I membri dell’alleanza delle borse BRICS hanno pianificato tre fasi di attuazione dell’iniziativa. La prima fase è la quotazione incrociata di derivati ​​su indici azionari benchmark, che ha lo scopo di facilitare la crescita della liquidità nei mercati BRICS e rafforzare la posizione internazionale dell’alleanza BRICS nell’economia globale.
Le borse partecipanti offrono derivati ​​su indici azionari benchmark denominati in valuta locale. Nella seconda fase, i membri dell’alleanza pianificano di sviluppare congiuntamente nuovi prodotti per la quotazione incrociata nelle loro borse. La terza fase includerà un’ulteriore cooperazione nello sviluppo di prodotti comuni e nuovi servizi.

Sebbene l’alleanza delle borse BRICS non sia stata avviata con l’obiettivo della de-dollarizzazione, il risultato è un passo verso la riduzione del predominio del dollaro USA nel mercato azionario globale. Al momento del suo annuncio, le sette borse partecipanti rappresentavano una capitalizzazione di mercato quotata combinata di 9,02 trilioni di dollari e un valore di negoziazione del mercato azionario al mese di 422 miliardi di dollari e 9.481 società quotate. Rappresentavano anche oltre il 18% di tutti i contratti derivati ​​quotati in borsa scambiati in volume in tutto il mondo in quel momento. Questi scambi rappresentano collettivamente mercati azionari considerevoli e in rapida crescita che non sono negoziati con il dollaro USA. Una cooperazione più approfondita attraverso la quotazione incrociata e lo sviluppo congiunto di prodotti faciliterebbe un uso più ampio delle valute locali BRICS in questi mercati azionari.

Un’alleanza di scambio BRICS è attraente per gli investitori nei paesi BRICS così come quelli all’estero. L’alleanza consente agli investitori domestici all’interno dei BRICS che desiderano andare offshore di negoziare future su indici e opzioni per ciascuna borsa sul mercato interno di utilizzare la propria valuta, che è esente da controlli sui capitali o rischi valutari. Per gli investitori al di fuori dei paesi BRICS, l’alleanza offre un facile accesso ai principali derivati ​​su indici azionari dei mercati BRICS, offrendo loro un’opportunità per la diversificazione del portafoglio e per ottenere esposizione ai mercati azionari BRICS. Una più ampia partecipazione nazionale e internazionale ai prodotti finanziari quotati incrociati non solo aumenterà il profilo delle borse, ma aumenterà anche l’uso delle valute BRICS nei mercati azionari globali e distoglierà il traffico di capitali dalle attività finanziarie denominate in dollari. Inoltre, per gli investitori che hanno già un’esposizione ai BRICSeconomie, i futures sono essenziali per la copertura e la gestione del rischio, che è una necessità per lo sviluppo di un solido ecosistema finanziario nei paesi BRICS.

Per riassumere i risultati di questa sezione, le iniziative di “riforma dello status quo” hanno consentito ai membri BRICS di ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA senza creare nuove istituzioni non legate al dollaro o meccanismi di mercato. Queste iniziative sono meno efficaci delle misure “go-it-alone” a causa della mancanza di alternative non in dollari. È probabile che abbiano meno successo nel de-dollarizzare il sistema finanziario globale esistente o nel consentire alle potenze emergenti di raggiungere una maggiore autonomia e influenza nel sistema globale. Tuttavia, le iniziative a livello di gruppo BRICS, come il lancio del CRA come prima linea di difesa prima di passare all’FMI e la contrattazione collettiva per la riforma dei DSP, hanno dimostrato un alto livello di forza della coalizione, poiché i BRICS presentano un fronte unito alle istituzioni finanziarie multilaterali dominate dall’Occidente. Le iniziative di de-dollarizzazione a livello sub-BRICS, come la riduzione unilaterale della quota di attività in dollari nelle riserve valutarie e l’alleanza delle borse valori BRICS, migliorano direttamente l’autonomia dei membri. Queste misure, tuttavia, hanno una portata molto più ridotta.

La riduzione aggressiva della Russia nelle sue disponibilità di attività in dollari USA suggerisce che per qualsiasi paese soggetto alle sanzioni statunitensi, la sua banca centrale e il suo fondo sovrano possono de-dollarizzare unilateralmente le sue attività di riserva come misura per tentare di indebolire l’efficacia delle sanzioni statunitensi. Tuttavia, nel contesto dei BRICS, è molto improbabile che tutte le banche centrali BRICS accettino di rimuovere il dollaro dalle loro riserve. Dopotutto, il dollaro USA è ancora la valuta più ampiamente accettata negli accordi internazionali e il titolo del Tesoro statunitense è ancora il miglior proxy per attività prive di rischio. Le ingenti disponibilità di asset in dollari di alcuni membri BRICS impediscono loro di scaricare il dollaro USA oi titoli del Tesoro USA su larga scala, poiché una diminuzione del valore patrimoniale in dollari USA comporterebbe inevitabilmente perdite importanti per questi membri BRICS. Inoltre, la CRA ha una capacità limitata di soddisfare le esigenze di liquidità e vi è anche un limite ai prelievi. Ciò significa che il CRA può fungere solo da “prima linea di difesa” ma non da “prestatore di ultima istanza” per i membri BRICS. Infine, il cross-listing tra le borse BRICS non riscrive le regole o gli standard dei mercati dei capitali globali. Se queste borse vogliono essere attraenti per gli investitori internazionali, devono stabilire certezza normativa, con convertibilità al mercato del dollaro USA. Inoltre, rispetto al mercato azionario basato sul dollaro, le loro dimensioni e profondità di mercato sono molto inferiori. Pertanto, allo stato attuale, le borse BRICS hanno poca capacità di creare un grande impatto sui mercati finanziari globali. Ciò significa che il CRA può fungere solo da “prima linea di difesa” ma non da “prestatore di ultima istanza” per i membri BRICS. Infine, il cross-listing tra le borse BRICS non riscrive le regole o gli standard dei mercati dei capitali globali. Se queste borse vogliono essere attraenti per gli investitori internazionali, devono stabilire certezza normativa, con convertibilità al mercato del dollaro USA. Inoltre, rispetto al mercato azionario basato sul dollaro, le loro dimensioni e profondità di mercato sono molto inferiori. Pertanto, allo stato attuale, le borse BRICS hanno poca capacità di creare un grande impatto sui mercati finanziari globali. Ciò significa che il CRA può fungere solo da “prima linea di difesa” ma non da “prestatore di ultima istanza” per i membri BRICS. Infine, il cross-listing tra le borse BRICS non riscrive le regole o gli standard dei mercati dei capitali globali. Se queste borse vogliono essere attraenti per gli investitori internazionali, devono stabilire certezza normativa, con convertibilità al mercato del dollaro USA. Inoltre, rispetto al mercato azionario basato sul dollaro, le loro dimensioni e profondità di mercato sono molto inferiori. Pertanto, allo stato attuale, le borse BRICS hanno poca capacità di creare un grande impatto sui mercati finanziari globali. devono stabilire certezza normativa, con convertibilità al mercato del dollaro USA. Inoltre, rispetto al mercato azionario basato sul dollaro, le loro dimensioni e profondità di mercato sono molto inferiori. Pertanto, allo stato attuale, le borse BRICS hanno poca capacità di creare un grande impatto sui mercati finanziari globali. devono stabilire certezza normativa, con convertibilità al mercato del dollaro USA. Inoltre, rispetto al mercato azionario basato sul dollaro, le loro dimensioni e profondità di mercato sono molto inferiori. Pertanto, allo stato attuale, le borse BRICS hanno poca capacità di creare un grande impatto sui mercati finanziari globali.

Infine, molte di queste misure di riforma richiedono negoziati con l’incumbent, come la riforma dei DSP. Azioni collettive che coinvolgono solo un piccolonumero di partecipanti è molto più facile da mobilitare rispetto a una negoziazione multipartitica, soprattutto quando i poteri incumbent hanno un controllo significativo sul sistema esistente. Anche se ci fosse l’opportunità di promuovere una valuta BRICS e di condividere la posizione di potere valutario dominante con il dollaro USA, non esiste valuta BRICS che potrebbe assumersi questa responsabilità, incluso il renminbi. Finché il renminbi arriva con le stringhe di controlli sui capitali collegati, non può salire alla posizione valutaria dominante né nel commercio né nella finanza internazionale.

6Conclusione e implicazioni per la ricerca futura

Questo studio ha concettualizzato la de-dollarizzazione della coalizione e ha fornito la prima analisi sistematica dell’evoluzione dei BRICS come coalizione di de-dollarizzazione. Utilizzando un obiettivo di gestione del rischio, ha sviluppato il quadro “Percorsi per la de-dollarizzazione” per spiegare come una coalizione di potere in ascesa può tentare di de-dollarizzare il sistema finanziario globale guidato dagli Stati Uniti e mitigare il rischio di egemonia del dollaro utilizzando entrambi strategie -alone” e “riforma-lo-status-quo” e vari meccanismi istituzionali e di mercato.

Il nostro quadro contribuisce alla borsa di studio esistente sulla politica valutaria e sulla governance finanziaria globale, sull’economia politica dei poteri emergenti e sugli studi BRICS. La nostra concettualizzazione della de-dollarizzazione della coalizione ha tre implicazioni teoriche primarie. In primo luogo, la de-dollarizzazione della coalizione è diversa dalla de-dollarizzazione monetaria nazionale o unilaterale. La borsa di studio precedente ha dimostrato che la de-dollarizzazione monetaria nazionale riguarda il processo di attuazione delle politiche e dei regolamenti interni per istituire una valuta nazionale in patria. Al contrario, la de-dollarizzazione della coalizione ruota attorno a processi di negoziazione internazionale che richiedono guadagni reciproci per rendere possibile la creazione di istituzioni multilaterali non legate al dollaro e un’infrastruttura alternativa non basata sul dollaro. Mentre inizialmente ipotizzavamo che la Russia e i paesi più colpiti dalla volatilità del dollaro avrebbero enfatizzato le strategie “go-it-alone”, abbiamo riscontrato un crescente sostegno alla de-dollarizzazione e sforzi per innovare nello spazio di de-dollarizzazione tra tutti i membri della coalizione. Abbiamo scoperto che i membri BRICS non devono dare priorità alla de-dollarizzazione per ragioni strategiche (ad esempio, evitare sanzioni) per utilizzare più percorsi di de-dollarizzazione. Invece, i loro interessi eterogenei nello spazio della de-dollarizzazione consentono loro di creare insieme valore e “commerciare” tra le questioni. Abbiamo scoperto che i membri BRICS non devono dare priorità alla de-dollarizzazione per ragioni strategiche (ad esempio, evitare sanzioni) per utilizzare più percorsi di de-dollarizzazione. Invece, i loro interessi eterogenei nello spazio della de-dollarizzazione consentono loro di creare insieme valore e “commerciare” tra le questioni. Abbiamo scoperto che i membri BRICS non devono dare priorità alla de-dollarizzazione per ragioni strategiche (ad esempio, evitare sanzioni) per utilizzare più percorsi di de-dollarizzazione. Invece, i loro interessi eterogenei nello spazio della de-dollarizzazione consentono loro di creare insieme valore e “commerciare” tra le questioni.

In secondo luogo, il nostro esame sistematico delle iniziative di de-dollarizzazione della coalizione dei BRICS parla della crescente convergenza tra i BRICS e dell’approfondimento della cooperazione economica dei BRICS nonostante il recente conflitto militare tra India e Cina. La dinamica all’interno dei BRICS dimostra quella de-dollarizzazioneè sostenuto da stati cardine: la Russia esplicitamente antiegemonica e la Cina focalizzata sulla diversificazione che tentano di mobilitare seguaci al fine di creare una sfera di influenza più ampia non basata sul dollaro. La sfida al dollaro USA non viene solo da avversari o concorrenti strategici statunitensi, ma anche da alleati e partner statunitensi tra i BRICS che hanno incentivi economici per ridurre il predominio del dollaro e proteggersi dal rischio di cambio. Bypassare le sanzioni e le ragioni geopolitiche spinge gli stati cardine a guidare iniziative di de-dollarizzazione, ma sono gli incentivi economici condivisi per ridurre il rischio valutario che sostengono la coalizione di de-dollarizzazione a lungo termine.

In terzo luogo, la nostra valutazione delle iniziative di de-dollarizzazione avviene a diversi livelli e dimostra che iniziative di de-dollarizzazione unilaterale potrebbero aprire la strada a un’iniziativa di coalizione più ampia. Il collegamento di infrastrutture finanziarie nazionali non in dollari tra BRICS può portare alla creazione di un sistema finanziario alternativo non in dollari. Allo stesso modo, il collegamento di iniziative a livello BRICS con iniziative di organizzazioni non occidentali può generare vantaggi attraverso interazioni istituzionali.

Empiricamente, questo studio utilizza i nuovi dati di cooperazione BRICS e la de-dollarizzazione BRICS come caso di studio, ma può essere applicato anche ad altre aspiranti coalizioni di de-dollarizzazione. I risultati sono riassunti nella Figura 12. Iniziative di de-dollarizzazione “go-it-alone” BRICS hanno avuto luogo a tutti i livelli di forza della coalizione. Tuttavia, le sue iniziative di “riforma dello status quo” sono state finora principalmente a livello di gruppo, sottogruppo e unilaterale e non hanno ancora ottenuto risultati concreti al di là del livello di gruppo. BRICS ha dimostrato un grado relativamente alto di forza della coalizione nel perseguimento di iniziative “go-it-alone”, come evidenziato nell’uso dell’NDB per la de-dollarizzazione del finanziamento dello sviluppo; l’impegno dei membri per una potenziale alternativa BRICS a SWIFT; la sua pianificazione congiunta per una valuta digitale BRICS; e i più ampi sforzi di sensibilizzazione di BRICS Plus. Sebbene queste iniziative rimangano su piccola scala, creano nuovi meccanismi non legati al dollaro e aiutano i membri BRICS a raggiungere una maggiore autonomia. Inoltre, espandono anche l’influenza dei BRICS aiutando con la creazione di una sfera di influenza di de-dollarizzazione dei BRICS. Pertanto, forniscono componenti critici per lo sviluppo di un sistema finanziario alternativo non in dollari governato dai BRICS.

Figura 12Valutare i BRICS come una coalizione di de-dollarizzazione

Nota : n = numero di partecipanti a un’iniziativa di de-dollarizzazione (attori statali e attori non statali). N = numero di membri formali nella coalizione di potere in ascesa (nel caso dei BRICS, N = 5, inclusi Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa).

La figura 13 mostra le iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS analizzate rispetto alle aree chiave del dominio del dollaro. La nostra analisi rileva che, sebbene la Russia sia stata la più schietta e la più attiva nel perseguire la de-dollarizzazione, la Cina ha la maggiore capacità e rappresenta la sfida più credibile all’egemonia del dollaro tra i membri BRICS. Altri membri sono stati meno entusiasti della de-dollarizzazione, ma hanno comunque partecipato. Detto questo, il nostro presupposto originale che le iniziative di de-dollarizzazione dei BRICS lo siano non puntare a un’eliminazione all’ingrosso del dollaro, ma piuttosto a una reazione contro l’egemonia del dollaro. Abbiamo illustrato l’infrastruttura finanziaria alternativa che consente ai membri BRICS come la Russia di segnalare l’immunità alle sanzioni statunitensi e di accedere ai mercati globali tramite un sistema finanziario diverso dal dollaro. Sebbene la Russia possa essere un avversario strategico unico, il suo comportamento ricorda l’avvertimento dell’ex segretario al Tesoro americano Jack Lew nel 2016 che “più condizioniremo l’uso del dollaro e del nostro sistema finanziario all’adesione alla politica estera statunitense, maggiore sarà il rischio di nel medio termine cresce la migrazione verso altre valute e altri sistemi finanziari”  Dimostriamo che il rischio che la finanza globale migri verso un sistema finanziario alternativo è reale. Mentre la conseguenza immediata di questo cambiamento è il declino della capacità degli Stati Uniti di usare le sanzioni contro i suoi avversari strategici come la Russia, le sfide a lungo termine sono immense, poiché il potere sanzionatorio è uno strumento fondamentale che rafforza la leadership degli Stati Uniti senza l’uso della forza militare . Inoltre, solleva interrogativi sulla capacità degli Stati Uniti di far avanzare i propri valori politici ed economici nel sistema globale e preservare un vantaggio di soft power.

A dire il vero, il dollaro USA è ancora la valuta dominante in quasi ogni aspetto dell’attuale sistema finanziario globale ed è improbabile che un’altra valutasostituirà il dollaro in qualunque momento presto. Tuttavia, la storia ci ricorda che lo status dominante del dollaro USA non dovrebbe durare per sempre. La de-dollarizzazione è una tendenza secolare che comporta l’accumulo di molte iniziative politiche incrementali mirate a incoraggiare gli accordi diversi dal dollaro. È improbabile che il processo di de-dollarizzazione sia punteggiato da politiche radicali come parte di una grande strategia di de-dollarizzazione che segna un punto di svolta riconoscibile nella caduta dell’egemonia del dollaro USA.

La nostra analisi suggerisce che l’uso di nuove tecnologie finanziarie (ad es. blockchain, valute digitali e infrastrutture finanziarie basate su cloud) può promuovere la formazione di una coalizione revisionista di de-dollarizzazione e rafforzare la credibilità della mobilitazione collettiva. Una tale coalizione potrebbe portare alla creazione di nuovi strumenti di mercato e infrastrutture che escludano il potere incumbent, fungano da beni pubblici globali con un più ampio buy-in e distolgano il traffico finanziario globale dal sistema incumbent. Una futura retrospettiva sul processo di de-dollarizzazione a lungo termine potrebbe dimostrare che la coalizione BRICS ha svolto un ruolo significativo nella creazione di un sistema alternativo al dollaro che ha accelerato una più ampia de-dollarizzazione globale.

La nostra analisi suggerisce tre aree promettenti per la ricerca futura. In primo luogo, proponiamo di esaminare i contendenti non-BRICS individuali o di coalizione all’egemonia del dollaro USA e il modo in cui interagiscono o integrano i BRICS. Abbiamo affrontato la mobilitazione dei “BRICS Plus”, ma occorre prestare maggiore attenzione alla dinamica delle relazioni leader-follower, in particolare alla partnership Russia-Cina in questo spazio e alla diffusione delle loro politiche. In secondo luogo, la ricerca futura dovrebbe esplorare come gli alleati degli Stati Uniti (ad es. l’UE) cooperano con gli avversari degli Stati Uniti (ad es. Russia e Iran) sulle iniziative di de-dollarizzazione e sui relativi impatti sugli Stati Uniti. L’UE ha sviluppato alternative al sistema di pagamento basato sul dollaro e all’infrastruttura finanziaria. Quando l’amministrazione Trump ha reimposto le sanzioni all’Iran nel 2019, l’UE non solo ha sviluppato il proprio meccanismo per consentire i pagamenti per il petrolio iraniano, ma ha anche collaborato con la Russia sull’infrastruttura di pagamento transfrontaliera. La rimozione del dollaro USA da parte della Russia negli ultimi anni ha portato anche all’accumulo di riserve in euro. In terzo luogo, è fondamentale studiare una più ampia mobilitazione lontano dal dollaro USA che avviene nello spazio digitale, considerando il ruolo degli attori sia statali che non statali. Abbiamo discusso di BRICS Pay – una valuta digitale BRICS condivisa, alternative BRICS a SWIFT – e dello sviluppo della valuta digitale delle singole banche centrali BRICS. Tuttavia, il settore fintech si sta evolvendo rapidamente ed è collegato a molte altre aree problematiche, come i pagamenti transfrontalieri, il commercio elettronico e la sicurezza finanziaria nel cyberspazio. Così, esaminare il potenziale ruolo delle criptovalute sponsorizzate da attori privati ​​nella de-dollarizzazione è fondamentale. Alcuni membri BRICS, come la Cina, sono in testain questo spazio e cercare di diventare i nuovi programmatori globali e normatori. Sebbene questo elemento abbia iniziato a esplorare questa sfida, ulteriori indagini per stabilire se gli Stati Uniti possono stabilire standard globali di finanza digitale e mantenere la loro leadership globale nell’era digitale è una direzione importante per la ricerca futura.

Ringraziamenti

Gli autori desiderano ringraziare l’editore e i revisori per il loro feedback costruttivo. Ringraziamo Kelly Sims Gallagher, Frank O’Donnell, Zhen Han, Emily Kennelly, Cameron Thies, Zihao Liu, Daniel Stemp, Ravi Shankar Chaturvedi, Rosemary Spracklin, Oleksandra Poliakova, Christopher Shim, Eleanor Hume e Jeremy Holt per il prezioso contributo bozze e l’agenzia di sovvenzione per rendere possibile questo lavoro. Questo lavoro si riferisce all’Iniziativa Minerva dell’Ufficio del Segretario alla Difesa attraverso il premio del Dipartimento della Marina [N000141812744] rilasciato dall’Office of Naval Research. Il governo degli Stati Uniti ha una licenza esente da royalty in tutto il mondo per tutti i materiali protetti da copyright contenuti nel presente documento. Eventuali opinioni, risultati,

  • Bruno S. Sergi

  • Università di Harvard

  • L’editore Bruno S. Sergi è un istruttore presso l’Università di Harvard, un associato del Davis Center for Russian and Eurasian Studies dell’Università di Harvard e dell’Harvard Ukraine Research Institute. È editore di serie accademiche di Cambridge  Elements in the Economics of Emerging Markets  (Cambridge University Press), co-editore della  serie di libri Lab for Entrepreneurship and Development  e redattore associato di  The American Economist. Contemporaneamente insegna Economia Internazionale all’Università di Messina, Direttore Scientifico del Lab for Entrepreneurship and Development (LEAD), e co-fondatore e Direttore Scientifico dell’International Center for Emerging Markets Research presso l’Università RUDN di Mosca. Ha pubblicato oltre 150 articoli su riviste specializzate e 21 libri come autore, co-autore, editore e co-editore.

  • Fonte: Università di Cambridge

Che cos’é l’economia: nozioni di economia per tutti:

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *