Recessione Economica 2022: cos’é e quando arriverà?

Le recessioni dalla seconda guerra mondiale sono durate in media poco più di 10 mesi ciascuna. L’ultimo, iniziato nel 2020, è durato appena due mesi.

Mercati azionari caotici, tassi di interesse alle stelle e il dolore dell’inflazione hanno lasciato una domanda in cima alla mente degli americani: siamo in recessione?

Probabilmente non ancora, ma stanno emergendo segnali di debolezza economica . Quando questo si trasformerà in una crisi prolungata, e quanto tempo potrebbe durare quella recessione, sono questioni importanti che preoccupano le persone dentro e fuori Wall Street.

Le principali banche hanno aggiornato le proprie previsioni per riflettere la crescente possibilità di una recessione economica. Gli analisti di Goldman Sachs stimano la probabilità di una recessione nel prossimo anno al 30 percento, rispetto al 15 percento. Gli economisti della Bank of America hanno previsto una probabilità del 40% di una recessione nel 2023.

Leggi anche: Previsioni mercati finanziari 2022.

recessione economica, quando ci sarà la recessione economica
recessione economica, quando ci sarà la recessione economica

Ecco una breve guida a ciò che dovresti sapere sulle recessioni e sul perché alcune persone stanno parlando della prossima ora.

Che cos’è una recessione?

In poche parole, una recessione è quando l’economia smette di crescere e inizia a ridursi.

Alcuni dicono che ciò accade quando il valore dei beni e dei servizi prodotti in un paese, noto come prodotto interno lordo, diminuisce per due trimestri consecutivi, o sei mesi.

Negli Stati Uniti, invece, il National Bureau of Economic Research, un’organizzazione no-profit secolare ampiamente considerata l’arbitro di recessioni ed espansioni, ha una visione più ampia.

Secondo il Bureau, una recessione è “un calo significativo dell’attività economica” che è diffuso e dura diversi mesi. In genere, ciò significa non solo una contrazione del PIL, ma anche una diminuzione dei redditi, dell’occupazione, della produzione industriale e delle vendite al dettaglio.

Mentre il Business Cycle Dating Committee dell’ufficio dichiara quando siamo in una recessione , ciò spesso accade ben dopo che la crisi è già iniziata. Le recessioni sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Alcuni sono lunghi, altri sono corti. Alcuni creano danni permanenti, mentre altri vengono rapidamente dimenticati.

Una recessione finisce quando torna la crescita economica.

Perché alcune persone pensano che stia arrivando una recessione?

La risposta breve: la Federal Reserve.

La banca centrale sta cercando di rallentare l’economia, al fine di frenare l’inflazione, che ora sta aumentando al ritmo più veloce dal 1981. La scorsa settimana, la Fed ha annunciato il suo più grande aumento dei tassi di interesse dal 1994 e altri grandi balzi nei costi di finanziamento sono probabilmente quest’anno.

La Fed sta cercando di “strappare il cerotto”, ha affermato Beth Ann Bovino, capo economista statunitense di S&P Global, aumentando rapidamente i tassi di interesse.

Lo stato del mercato azionario

Il calo del mercato azionario quest’anno è stato doloroso. E resta difficile prevedere cosa ci riserverà il futuro.
Bear Market: l’S&P 500 è entrato nel suo secondo mercato ribassista della pandemia . Tali ripide flessioni sono relativamente rare , ma la loro durata può influire sul loro danno .

Consigli per gli investitori: i mercati ribassisti e le recessioni sono molto più comuni di quanto molte persone pensino. Essere preparati può ridurre al minimo le difficoltà e persino offrire opportunità di investimento , afferma il nostro editorialista.

Rischi di recessione: poiché gli investitori si concentrano sulla minaccia rappresentata dall’inflazione e dai tassi di interesse più elevati per l’economia, scommettono che la volatilità è qui per rimanere .

Crypto Meltdown: in un terribile periodo per le valute digitali , le società di criptovalute stanno licenziando il personale e congelando i prelievi , sollevando domande sulla salute dell’ecosistema .

“La Fed sta dicendo che dobbiamo muoverci ora”, ha detto la signora Bovino. “Dobbiamo muoverci al massimo e dobbiamo anticipare molti rialzi dei tassi prima che la situazione sfugga ancora di più al controllo”.

Gli investitori in azioni temono che la banca centrale finirà per rallentare troppo la crescita, innescando una recessione. E l’S&P 500 è già in un mercato ribassista, il termine per quando le azioni scendono di oltre il 20% dai picchi recenti .

Nel mercato immobiliare, dove i tassi ipotecari sono balzati al livello più alto dal 2008, società immobiliari come Redfin e Compass stanno licenziando dipendenti in previsione di una flessione.

Anche i consumatori, il motore economico degli Stati Uniti, sono sempre più preoccupati per l’economia, e questo è uno sviluppo negativo. A maggio, il sentimento dei consumatori ha raggiunto il punto più basso in quasi 11 anni .

Se le persone sono depresse, sono preoccupate per le loro finanze o il loro potere d’acquisto, iniziano a chiudere i loro portafogli“, ha detto la signora Bovino. “Il modo in cui le famiglie si preparano alla recessione è risparmiare. Il rovescio della medaglia è che se tutti risparmiano, l’economia non cresce“.

Niente di tutto ciò significa che una recessione inizierà di sicuro. È importante tenere a mente che il mercato del lavoro è ancora forte e questo è un pilastro importante dell’economia. A maggio sono stati creati circa 390.000 nuovi posti di lavoro , il 17° aumento mensile consecutivo, e il tasso di disoccupazione è vicino al minimo di mezzo secolo, al 3,6%.

Quanto spesso si verificano le recessioni e quanto durano?

Mentre si parla di “cicli economici”, periodi di crescita seguiti da flessioni, c’è poca regolarità nel modo in cui si verificano le recessioni.

Alcuni possono succedere uno dopo l’altro, come la recessione iniziata e finita nel 1980 e la successiva, iniziata l’anno successivo, secondo il Bureau. Altri si sono verificati a un decennio di distanza, come nel caso della recessione terminata nel marzo 1991 e in quella successiva, iniziata nel marzo 2001, in seguito al crollo delle dot-com del 2000.

In media, secondo il NBER , le recessioni dalla seconda guerra mondiale sono durate poco più di 10 mesi ciascuna , ma ovviamente ce ne sono alcune che spiccano.

grande depressione economica americana
Immagine sopra: la grande depressione economica americana degli anni ’30 del secolo scorso

La Grande Depressione, che è impressa nella memoria degli americani più anziani, iniziò nel 1929 e terminò quattro anni dopo, sebbene molti economisti e storici la definiscano in modo più ampio , dicendo che non si concluse fino al 1941, quando l’economia si mobilitò per l’ingresso della nazione nella seconda guerra mondiale.

Le ultime due recessioni evidenziano quanto possano essere diverse: la Grande Recessione è durata 18 mesi dopo essere iniziata alla fine del 2007 con lo scoppio della bolla immobiliare e la conseguente crisi finanziaria. La recessione al culmine della pandemia di coronavirus nel 2020 è andata avanti per soli due mesi, rendendola la più breve in assoluto, anche se la recessione è stata un’esperienza brutale per molte persone.

“In termini di semplice contrazione dell’attività reale e di questa rapidità, la contrazione di Covid è stata la più spettacolare”, ha affermato Robert Hall, presidente del Business Cycle Dating Committee del National Bureau of Economic Research, che tiene traccia delle recessioni.
“Una frazione molto significativa della forza lavoro non lavorava nell’aprile del 2020”.

Si possono prevenire le recessioni?

Non proprio. Per quanto ci provino, politici e funzionari governativi possono fare ben poco per scongiurare completamente le recessioni.

Anche se i responsabili politici fossero in grado di creare un’economia perfettamente oliata, dovrebbero esercitare un’influenza anche sul modo in cui gli americani pensano all’economia. Questo è uno dei motivi per cui cercano di dare il meglio di sé a indicatori come rapporti di lavoro, indici del mercato azionario e vendite al dettaglio durante le festività.

I funzionari possono fare alcune cose per ridurre la gravità di una recessione attraverso l’uso della politica monetaria da parte della Fed, ad esempio, e con la politica fiscale, stabilita dai legislatori.

Con la politica fiscale, i legislatori possono cercare di attenuare gli effetti delle recessioni. Una risposta potrebbe includere tagli fiscali mirati o aumenti della spesa per programmi di reti di sicurezza come l’assicurazione contro la disoccupazione che si attivano automaticamente per stabilizzare l’economia quando ha prestazioni inferiori.

Un approccio più attivo potrebbe implicare l’approvazione da parte del Congresso di nuove spese per, ad esempio, progetti infrastrutturali al fine di stimolare l’economia aggiungendo posti di lavoro, aumentando la produzione economica e aumentando la produttività, anche se potrebbe essere una proposta difficile in questo momento perché quel tipo di spesa potrebbe peggiorare il problema di inflazione.

  • NYT

Leggi anche:

Approfondisci altre nozioni di economia:

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *