Adam Smith, Padre dell’Economia. Teoria Economica, Pensiero e Liberismo

Adam Smith era un filosofo del XVIII secolo famoso come il padre dell’economia moderna e uno dei principali fautori delle politiche economiche del laissez-faire cioè che lo Stato non intervenga sull’economia  o liberismo economico nel quale si sostiene che la responsabilità del benessere del singolo cittadino, è individuale e sufficiente a mantenere una società prospera. Nel suo primo libro, “The Theory of Moral Sentiments“, Smith propose l’idea di una mano invisibile – la tendenza dei mercati liberi a regolarsi attraverso la concorrenza, l’offerta e la domanda, e l’interesse personale. Smith è anche noto per la sua teoria della compensazione dei differenziali salariali, il che significa che posti di lavoro pericolosi o indesiderabili tendono a pagare salari più alti per attirare i lavoratori verso queste posizioni. Ma è più famoso per il suo libro del 1776: “Un’inchiesta sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni”.

 

Biografia di Adam Smith

La storia documentata della vita di Smith inizia il 5 giugno 1723, al suo battesimo in Scozia; tuttavia, la sua data di nascita esatta è priva di documenti. Smith ha frequentato l’Università di Glasgow all’età di 14 anni, in seguito frequentando il prestigioso Balliol College della Oxford University. Dopo essere tornato dalla sua formazione a Oxford, Smith si è imbarcato in una serie di conferenze pubbliche a Edimburgo. Il successo delle lezioni ha rappresentato un trampolino di lancio per una cattedra presso la sua alma mater. Ha iniziato con la logica, ma in seguito ha insegnato filosofia morale all’università. Gli anni trascorsi all’insegnamento e al tutorato finirono con la pubblicazione di alcune delle conferenze di Smith nel suo libro del 1759, “The Theory of Moral Sentiments”.

 

Le basi per la tela del lavoro di Smith sono state poste durante quest’anno e sono il risultato delle sue interazioni con figure notevoli, associate a più campi. Ad esempio, era amico di James Watt, inventore del motore a vapore, nonché del filosofo David Hume. Smith si trasferì in Francia nel 1763 perché gli fu offerta una posizione più remunerativa come tutore personale del figliastro di Charles Townshend, economista dilettante e futuro cancelliere dell’erario. Fu durante il suo soggiorno in Francia che Smith scrisse “Un’inchiesta sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni”, che finirebbe per cementare il suo posto nella storia.

Adam Smith, il Padre dell'Economia Moderna: Teorie Economiche
Adam Smith, ritratto. da Wikimedia

 

Adam Smith pensiero

Smith è più famoso per il suo pezzo del 1776, “The Wealth of Nations”, ma il suo primo grande trattato, “The Theory of Moral Sentiments”, fu pubblicato nel 1759 e molte delle sue idee sono ancora praticate oggi.

Alcuni potrebbero essere sorpresi di apprendere che in questo libro Smith, che è anche conosciuto come il “Padre del capitalismo”, discute ampiamente della carità e dell’etica umana. Mentre gran parte della filosofia dietro il lavoro di Smith si basa sull’interesse personale e massimizzando il ritorno, “The Theory of Moral Sentiments”, era un trattato su come la comunicazione umana si basa sulla simpatia. Il libro ha esplorato ampiamente idee come la moralità e la simpatia umana. Nel libro, Smith ha sostenuto che le persone sono interessate a se stesse, ma naturalmente desiderano aiutare gli altri.

Ha introdotto il concetto di un “uomo interiore” e uno “spettatore imparziale” responsabile della guida dell’azione umana. Entrambi aiutano a riconciliare la passione con la ragione, che è una base per i sistemi economici e forniscono una base per la creazione di istituzioni all’interno della società umana. Il libro include anche elementi di psicologia sociale insieme al nostro istinto di autoconservazione. Il primo è espresso principalmente attraverso una morale condivisa e un senso di giustizia. Un eccesso di emozione può rivelarsi dannoso per entrambi; quindi,

 

Uno “spettatore imparziale” è nella nostra mente quando interagiamo con gli altri. Come esseri umani, abbiamo un’affinità simile naturale per la giustizia perché promuove la conservazione e la propagazione della società.

 

Sebbene ciò possa sembrare in contrasto con le sue concezioni economiche di individui che lavorano per migliorarsi senza alcun riguardo per il bene comune, l’idea di una mano invisibile che aiuta tutti attraverso il lavoro di individui egocentrici compensa questa apparente contraddizione.

Adam Smith teoria economica 

Il lavoro di Smith del 1776, “Un’inchiesta sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni”, abbreviato anche come ” La ricchezza delle nazioni “, apparve agli albori dello sviluppo industriale in Europa. Mentre i critici osservano che Smith non ha inventato molte delle idee che ha scritto, è stato il primo a compilarle e pubblicarle in un formato progettato per spiegarle al lettore medio del giorno. Di conseguenza, è responsabile della divulgazione di molte delle idee che sono alla base della scuola di pensiero che divenne nota come economia classica.

Altri economisti parteciparono alla costruzione del lavoro di Smith per consolidare la teoria economica classica, che sarebbe diventata la scuola dominante del pensiero economico attraverso la Grande Depressione.

In questo libro, Smith discusse le fasi dell’evoluzione della società, da una fase di caccia senza diritti di proprietà o residenze fisse all’agricoltura nomade con residenze mobili. Una società feudale è la fase successiva. In questa fase vengono stabilite le leggi e i diritti di proprietà per proteggere le classi privilegiate. Il laissez-faire o i mercati liberi caratterizzano la società moderna in cui sono stabilite nuove istituzioni per condurre transazioni di mercato.

Le filosofie del Laissez-faire, come minimizzare il ruolo dell’intervento governativo e la tassazione nei liberi mercati, e l’idea che una “mano invisibile” orienta l’offerta e la domanda sono tra le idee chiave che la scrittura di Smith è responsabile della promozione. Queste idee riflettono il concetto che ogni persona, guardando fuori di sé, inavvertitamente aiuta a creare il miglior risultato per tutti. “Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio, che possiamo aspettarci la nostra cena, ma dal loro interesse verso il proprio interesse“, scrisse Smith.

Vendendo prodotti che la gente vuole comprare, il macellaio, il birraio e il fornaio sperano di guadagnare. Se sono efficaci nel soddisfare le esigenze dei loro clienti, godranno dei vantaggi finanziari. Mentre si impegnano nelle loro imprese allo scopo di guadagnare denaro, stanno anche fornendo prodotti che la gente vuole. Un tale sistema, sosteneva Smith, crea ricchezza non solo per il macellaio, il birraio e il fornaio, ma per la nazione nel suo complesso quando questa nazione è popolata da cittadini che lavorano in modo produttivo per migliorare se stessi e soddisfare i loro bisogni finanziari. Allo stesso modo, Smith ha osservato che un uomo avrebbe investito la sua ricchezza nell’impresa con maggiori probabilità di aiutarlo a ottenere il massimo rendimento per un dato livello di rischio. Oggi,

“The Wealth of Nations” è un’opera imponente composta da due volumi divisi in cinque libri. Si differenzia da “The Theory of Moral Sentiments” in un aspetto importante. Insieme con l ‘”uomo interiore” che doveva controllare e regolare la passione umana, si basa su un quadro istituzionale per guidare gli uomini verso attività produttive vantaggiose per la società. Il sottotitolo a quella struttura è la competizione, che Smith ha definito come un “desiderio che viene con noi dal grembo materno, e non ci lascia mai, finché non andiamo nella tomba”. Il quadro è costituito da istituzioni come un sistema giudiziario progettato per proteggere e promuovere concorrenza libera e leale.

Le idee promosse dal libro hanno generato l’attenzione internazionale e hanno aiutato a spostare il passaggio dalla ricchezza terrestre alla ricchezza creata dai metodi di produzione della catena di montaggio guidati dalla divisione del lavoro.

Un esempio citato da Smith riguardava il lavoro richiesto per realizzare uno spillo.

Un uomo che intraprendeva i 18 passaggi richiesti per completare i compiti poteva fare solo una manciata di spilli ogni settimana, ma se i 18 compiti fossero stati completati da dieci uomini, la produzione sarebbe passata a migliaia di spilli alla settimana.

In breve, Smith sostiene che la divisione del lavoro e della specializzazione produce prosperità. “È la grande moltiplicazione delle produzioni di tutte le diverse arti, in conseguenza della divisione del lavoro, che rende, in una società ben governata, quell’opulenza universale che si estende ai ranghi più bassi del popolo”, afferma Smith in “The Wealth Of Nations”.

Adam Smith teoria: il concetto di PIL Prodotto Interno Lordo

In definitiva, nonostante le idee presentate in “The Wealth of Nations”, Smith cambiò il business dell’importazione / esportazione, creò il concetto di ciò che è ora noto come prodotto interno lordo ( PIL ) e sostenne il libero scambio.

Prima dell’uscita di “The Wealth of Nations”, i paesi dichiaravano la loro ricchezza in base al valore dei loro depositi in oro e argento. Tuttavia, il lavoro di Smith era molto critico nei confronti del mercantilismo; sosteneva che invece i paesi dovrebbero essere valutati in base ai loro livelli di produzione e commercio. Questo sentimento ha creato le basi per misurare la prosperità di una nazione sulla base di una metrica chiamata PIL

Prima del libro di Smith, i paesi esitavano a commerciare con altri paesi, a meno che non li beneficiassero. Tuttavia, Smith ha sostenuto che dovrebbe essere creato uno scambio libero, dal momento che entrambe le parti negoziano meglio. Ciò ha portato all’aumento delle importazioni e delle esportazioni e dei paesi a giudicare il loro valore di conseguenza. Smith ha anche sostenuto un governo limitato. Voleva vedere un governo e una legislazione a mani libere che promuovessero un mercato aperto e libero. Smith ha visto il governo responsabile per alcuni settori, tra cui istruzione e difesa.

Conclusioni

Le idee di Smith divennero il fondamento della scuola classica di economia e gli diedero un posto nella storia come padre dell’economia. Concetti Smith pioniere, come la mano invisibile e la divisione del lavoro, sono ormai teorie economiche per antonomasia. Smith morì il 19 luglio 1790, all’età di 67 anni, ma le idee da lui promosse vivono sotto forma di ricerche e istituti economici contemporanei come l’Adam Smith Institute. Nel 2007, la Banca d’Inghilterra ha messo la sua immagine sulla banconota da £ 20.

Esempio del pensiero di Adam Smith Oggi:

Politiche per la Gran Bretagna ( secondo la fondazione Adam Smith)

Le priorità politiche dell’istituto Adam Smith sono guidate dal desiderio di liberare il sistema di ricerca di rendite e di inefficienze che distruggono la ricchezza e di creare servizi pubblici che sono sia innovativi sia nelle mani delle persone che li usano, non le persone che gestiscono loro.

Questo elenco non è completo – ad esempio, anche noi favoriamo la legalizzazione delle droghe e la riforma della proprietà intellettuale – ma riflette il nostro modo di pensare sulle questioni che più ci interessano quando pensiamo a come creare un mondo più ricco, più libero e più felice.

 

RIFORMA DELL’IMPOSTA PRO-CRESCITA

Politiche chiave

  • Assumere completamente i lavoratori più poveri tassando l’indennità personale e la soglia dell’assicurazione nazionale al tasso minimo nazionale.
  • Unire le imposte sul reddito e i contributi delle assicurazioni nazionali dei dipendenti e dei datori di lavoro in un’unica tariffa di sistema per aumentare la trasparenza.
  • Abolire tutte le tasse sul capitale e sulle transazioni, come imposta sulle società, imposta sulle plusvalenze e imposta di bollo.
  • Ampliare la base IVA e considerare la possibilità di sostituire l’imposta sul reddito con un’imposta progressiva sul consumo, quindi i risparmi non sono tassati.
  • Riforma i tassi aziendali e le tasse comunali in una tassa sul valore fondiario puro su valori fondiari non migliorati, in modo che l’investimento di capitale non sia tassato.
  • Al di fuori di sistemi di tassazione forfettaria, improbabili o improbabili come le tasse basate sull’altezza, sulla capacità innata o semplicemente sull’esistenza, e su una piccola serie di imposte pigoviane sulle esternalità, non ci sono tasse che non causano perdite letali. Cioè, non ci sono tasse sul mondo reale che spostano semplicemente denaro, senza ridurre l’attività economica allo stesso tempo. Una volta che abbiamo raccolto le entrate di tasse di congestione ben congegnate, tasse sul carburante, tasse sugli alcolici e sul fumo e tasse sul carbonio, dovremo sempre ridurre il benessere economico quando tasseremo (anche se aumenteremo il benessere generale spendendo quel denaro bene). Ma ciò non significa che ogni modo in cui eleviamo i nostri 700 miliardi di sterline è equivalente.Alcune tasse sono più costose di altre. Considerare una tassa di consumo di qualche percentuale su ogni bene e servizio come base di riferimento. Ciò riduce il potere d’acquisto di tutti e distorce l’attività, poiché rende ogni bene più costoso ad eccezione del tempo libero, che ora è più economico (dal momento che ogni £ 1 di retribuzione, e quindi ogni ora di lavoro, può acquistare meno beni). Ma a parte questo, è neutrale tra diversi beni: ognuno spende il proprio bilancio nella stessa proporzione con cui lo farebbe nel mondo senza tasse. E tutti risparmiano la stessa frazione del loro budget come farebbero nel mondo senza tasse.Ora considera un mondo con una tassa sul reddito. In quel mondo paghi le tasse non solo per la frazione del tuo reddito che consumi, ma anche per quella frazione che salvi. Poiché ciò riduce sia il principio su cui si guadagna interesse, sia l’interesse stesso, direttamente, rende i consumi futuri più costosi e il risparmio (che fornisce i fondi per gli investimenti) meno attraente. In questo mondo, non solo le persone fanno meno ore e producono meno output perché il consumo è più costoso, il lavoro è meno remunerato e lo svago è meno costoso, ma le persone investono anche meno, riducendo gli standard di vita futuri . Secondo le stime dell’economista Nobel Robert Lucas , i guadagni di demolizione di tutte le tasse sul capitale potrebbero essere maggiori di quelli dell’eliminazione del ciclo economico.Generalmente, gli economisti hanno concluso che i sistemi fiscali sono i migliori quando fanno più affidamento sulle imposte sul consumo e fanno meno affidamento sulle imposte che gravano sul capitale o sulle transazioni. Grandi efficienze potrebbero essere ottenute all’interno del sistema del Regno Unito senza ridurre le entrate, tra cui:

Ampliare la base dell’IVA per eliminare tutte le esenzioni e ridurre le aliquote: porterebbe 30 miliardi di sterline, che potrebbero essere utilizzate per eliminare i prelievi meno efficienti, e compensare chi risarcirebbe (l’IVA è leggermente regressiva se considerata entro un anno, e moderatamente progressivo per tutto il ciclo di vita)
Rottamando l’imposta di bollo sia sull’abitazione che sulle azioni, la prima riduce enormemente l’efficienza del mercato immobiliare e rende la carenza di alloggi molto più costosa, poiché le persone sono molto più riluttanti e meno propense a muoversi (poiché costa molto di più); quest’ultimo aumenterebbe l’efficienza e il contenuto informativo dei prezzi dei mercati finanziari e renderebbe molto più economico reperire capitali (le increspature fiscali attraverso il sistema, anche se il tasso è piccolo in modo assoluto)
Unendo le NIC dei datori di lavoro, le NIC dei dipendenti e le imposte sul reddito, innalzate le soglie al livello delle imposte sul reddito – tutti questi, chi li consegna, ricadono sul lavoratore e alzando la soglia si otterranno guadagni di reddito incentivanti per coloro che ne hanno bisogno maggior parte; la chiarezza e la semplicità sono entrambi desiderabili anche in un sistema fiscale
Unisci le tasse del consiglio e le tariffe aziendali, addebitale allo stesso livello e addebitale su valori fondiari non migliorati, con tecniche econometriche moderne, questa è una domanda tecnicamente banale; economicamente, non vi è alcuna ragione per sovvenzionare un tipo di uso del suolo, soprattutto perché il sussidio sembra, in un lavoro empirico, andare dal proprietario terriero non dall’affittuario (per affari o per famiglia).

PIANIFICAZIONE PER LA LIBERTÀ

Politiche chiave

  • Abolire o riformare la cintura verde per consentire la costruzione di abitazioni su terreni agricoli intensivi e altri terreni danneggiati, proteggendo al contempo aree di straordinaria bellezza naturale e siti di particolare interesse scientifico.
  • Sostituire l’attuale sistema di pianificazione con un sistema basato su regole, sulla falsariga di quelli della maggior parte dei paesi dell’Europa continentale, con una presunzione a favore dello sviluppo.
  • Sperimenta i meccanismi per fornire una compensazione diretta per i locali danneggiati dai nuovi sviluppi.
  • Un recente articolo di Chang-Tai Hsieh ed Enrico Moretti, entrambi dell’Università di Chicago, ha rilevato che i vincoli di fornitura di alloggi negli Stati Uniti hanno limitato drasticamente la mobilità dei lavoratori e delle imprese. Secondo i loro calcoli, considerando le 220 aree metropolitane degli Stati Uniti dal PIL USA del 1964-2009, se le autorità fossero riuscite a ridurre i vincoli sull’offerta abitativa solo al livello della città mediana, il PIL potrebbe essere più alto del 9,5%. La produzione, i salari e gli standard di vita potrebbero fare un balzo di un decimo, cioè, se potessero portare solo le restrizioni della fornitura di alloggi a tutti nella città centrale. I guadagni sarebbero sostanzialmente più alti se ogni città permettesse di costruire come la città più liberale.Le restrizioni sull’offerta di alloggi nel Regno Unito sono sostanzialmente più rigide rispetto alla media USA, soprattutto nelle città in rapida crescita come Manchester, Oxford, Cambridge e Londra. Gli Stati Uniti, per esempio, non hanno nulla di simile a una politica restrittiva sulla crescita esterna come la cintura verde. La maggior parte delle città degli Stati Uniti (eccetto Washington DC) non ha restrizioni sull’altezza, ad eccezione di quelle che si trovano su determinate vedute a Londra. E le città degli Stati Uniti non richiedono che tutti i nuovi edifici aderiscano a norme così severe come la luce, l’autostrada e l’accesso . Inoltre, il Regno Unito è un paese altamente iniquo; la differenza tra le sue aree con la più alta e la più bassa produttività è maggiore persino di quella dell’Italia notoriamente divisa e della Germania post-riunificazione.Pertanto, sembra chiaro che la liberalizzazione dell’offerta nel Regno Unito potrebbe portare guadagni almeno pari a quelli disponibili negli Stati Uniti. Si accumulerebbero solo nel tempo e sarebbero una tantum: non aumenterebbero in modo permanente il tasso di crescita, ma aumenterebbero invece il livello del PIL (e del PIL pro capite) per tutto il tempo. Ma i guadagni sarebbero ancora incredibilmente grandi rispetto alla maggior parte delle opzioni strategiche e sarebbero molto tangibili e visibili a qualsiasi osservatore.Per un giornale, un turista o un londinese il cambiamento si manifesterebbe come un enorme boom edilizio edilizio e l’edificio commerciale inizia a livelli non visti dagli anni ’20. Ciò dovrebbe iniziare lentamente, poiché le imprese hanno accumulato capacità, ma accelerano rapidamente. La crescita degli affitti si fermerebbe, quindi gli affitti inizierebbero a scendere. La componente di investimento dei prezzi delle case diminuirebbe immediatamente, tenendo conto del forte aumento dell’offerta di alloggi. Popolazioni e densità cresceranno rapidamente in città economicamente dinamiche, rendendo il trasporto di massa più efficiente e percorribile in tutte le città, per non parlare di tutti gli altri tipi di attività: caffè, negozi, ristoranti, pub, club, bar e industrie di servizi. Ci sarebbero effetti sul reddito in tutto lo spettro.

    L’allentamento dell’offerta abitativa potrebbe essere fatto in tre modi principali: tipo, posizione e altezza.

Il codice di Londra e altre restrizioni normative sui progetti di costruzione potrebbero essere allentati per consentire forme più popolari di costruire densamente (come le terrazze di Islington, Pimlico, Kensington, Chelsea e parti di Brixton).
Alcune aree della cintura verde potrebbero essere aperte per la costruzione, forse il 3,7% della cintura verde di Londra, che si trova a 10 minuti a piedi dalle infrastrutture di trasporto esistenti. Questo potrebbe essere costruito densamente in un modo popolare, piuttosto che essere semplicemente costituito da case indipendenti.
E alcune aree di cluster londinesi, come l’ammasso pianificato attorno all’ambasciata americana a Nine Elms / Vauxhall, potrebbero consentire edifici più alti.
Inoltre, potrebbe esserci un sistema molto più semplice per ottenere il permesso di pianificazione per aumentare l’altezza degli edifici esistenti a due o tre piani a quattro, cinque o sei piani. Trilioni di valore della proprietà potrebbero essere create in cima ai 1.7 trilioni di sterline che esistono già a Londra.
La considerazione compensativa della congestione è seria e non dovrebbe essere ignorata. Ma i suoi costi possono essere mitigati semplicemente perché i guadagni sono così grandi. Altri servizi di autobus, tubi e treni possono essere gestiti a Londra; la tassa di congestione può essere aumentata per tener conto della maggiore scarsità delle strade. L’alternativa è essenzialmente un cappio attorno alle colli londinesi e in altre città in crescita, che reggono il loro successo.

Per ulteriori informazioni, vedere i nostri report The Green Noose e A Garden of One Own Own.

 

La teoria di Adam Smith per un mondo aperto

Politiche chiave

  • Abolire unilateralmente la politica agricola comune e la tariffa esterna comune in modo che la Gran Bretagna e altri paesi dell’UE possano commerciare liberamente con il resto del mondo e consentire ai produttori dei paesi in via di sviluppo di competere equamente con i produttori europei. Se lasciamo l’UE, aboliamo unilateralmente tutte le tariffe di importazione.
  • Promuovere il reciproco riconoscimento della regolamentazione tra i paesi nell’ambito degli accordi di libero scambio anziché l’armonizzazione normativa, per ridurre gli ostacoli non tariffari agli scambi rapidamente ed economicamente.
  • Abolire il limite di migrazione netta e ampliare notevolmente il numero di visti Tier 2 (generali) disponibili per i lavoratori qualificati che desiderano trasferirsi nel Regno Unito.
  • Mantenere la libertà di circolazione con altri Stati dell’UE, anche se lasciamo l’UE.
  • Istituire un programma per lavoratori ospiti basato sulla lotteria per lavoratori non qualificati dall’estero, sul modello del programma di lavoro stagionale riconosciuto dalla Nuova Zelanda e sul programma agricolo canadese per i lavoratori agricoli, che ha dimostrato di offrire enormi benefici ai migranti e alle loro famiglie.
  • Dare priorità alla deregolamentazione delle norme internazionali sul trasferimento di denaro, per ridurre i costi dall’invio delle rimesse ai paesi poveri.

Libero mercato e welfare secondo il pensiero di Adam Smith

Politiche chiave

  • Favorire i pagamenti in contanti semplici alle persone che dipendono dal reddito, non se qualcuno è al lavoro o meno e non dipende da dove vive.
  • Il welfare dovrebbe sovvenzionare il lavoro, non la disoccupazione. Proteggi i crediti fiscali di lavoro dai tagli e riformali per renderli parte automatica del sistema PAYE: sono la migliore forma di benessere che abbiamo attualmente.
  • Fase di una imposta sul reddito negativo o reddito di base per sostituire la maggior parte delle forme di benessere esistenti eccetto i sussidi di invalidità e integrarsi nel sistema fiscale.
  • Rottamare il salario nazionale e smettere di aumentare il salario minimo nazionale. La Low Pay Commission dovrebbe invece consigliare il livello ottimale di pagamenti con imposte sul reddito negative (o simili).

 

STABILITÀ FINANZIARIA per Adam Smith

 

Politiche chiave

  • Sostituire l’obiettivo di inflazione della Banca d’Inghilterra con un obiettivo del PIL nominale basato su un mercato a termine.
  • A breve termine, aumentare i requisiti patrimoniali minimi delle banche e porre fine al quadro delle attività ponderate per il rischio.
  • A lungo termine, passare al “free banking” – abolire l’assicurazione sui depositi e le riserve, bandire i salvataggi bancari e consentire alle banche insolventi di fallire.
  • Denazionalizzare il denaro, consentendo a qualsiasi banca privata di emettere la propria valuta.

    CONCORSO SANITARIO

Politiche chiave

  • Abolire la contrattazione nazionale delle retribuzioni nel servizio sanitario nazionale. Devolve i poteri di negoziazione e assunzione dei trust ai trust e rendono i risultati dei pazienti l’unico obiettivo. Aumentare la fornitura privata di assistenza, se del caso.
  • Consentire il riconoscimento reciproco di dispositivi e prodotti farmaceutici che sono stati approvati per l’uso in qualsiasi altro paese dell’OCSE, per aggirare il lungo processo di approvazione, previo consenso informato da parte del paziente.
  • Espandi il numero di medici per ridurre i costi e l’evidente carenza di personale sanitario del NHS attraverso l’aumento dei posti nelle scuole di medicina e l’approvazione rapida dei visti per i dottori stranieri che desiderano lavorare in Gran Bretagna.
  • Mirare a un sistema in stile singaporiano di prestazioni private complete di assistenza sanitaria pagate con una combinazione di conti di risparmio sanitari privati ​​e un’assicurazione sanitaria catastrofica, con il governo che copre i costi per coloro che non possono pagare per se stessi.

VERA SCELTA NELL’EDUCAZIONE per Adam Smith

Politiche chiave

  • Consentire alle scuole senza scopo di lucro di stimolare la creazione di catene scolastiche che competano in termini di qualità e standard.
  • Offrire ai genitori l’opzione di una borsa tipo voucher in modo che possano mandare i loro figli a una scuola indipendente, se lo desiderano.
  • Rottamare il curriculum nazionale e consenti alle scuole di sperimentare diverse materie e approcci all’insegnamento.

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *