Crollo dei Mercati Azionari: i 6 Fattori Principali

Il mercato azionario ha avuto diversi crac nel corso della storia, tra cui il famigerato Crac del 1929, il Lunedì Nero nel 1987 e la crisi finanziaria del 2008 . Mentre la causa esatta di ciascuno di questi incidenti può diventare un po ‘complicata, gli arresti di borsa sono generalmente causati da una combinazione di speculazione, leva finanziaria e molti altri fattori chiave.

Ecco una carrellata di sei diversi catalizzatori di crac del mercato azionario che potrebbero contribuire alla prossima crisi finanziaria a livello globale .

Crollo dei Mercati Azionari: 6 Fattori Principali
Crollo, crac, crash, ci sono molti modi di dire come il mercato azionario possa perdere molti capitali in poco tempo

1. Speculazione

Molti arresti anomali del mercato possono essere attribuiti a speculazioni dilaganti . Lo schianto del 1929 fu una bolla speculativa delle scorte in generale. Il crollo delle scorte tecnologiche nei primi anni 2000 ha seguito un periodo di speculazioni irrazionali nelle società dot-com. E il crollo del 2008 può essere attribuito alla speculazione degli investitori nel settore immobiliare (e delle banche che consentono la pratica).

Il punto è che quando esiste un’euforia irrazionale su una determinata classe di attività o settore, non è raro che finisca molto male.

2. Leva eccessiva

Quando le cose vanno bene, l’ effetto leva (noto anche come “denaro preso in prestito”) può sembrare uno strumento eccellente. Ad esempio, se compro $ 5.000 di azioni e aumenta del 20%, guadagno $ 1.000. Se prendessi in prestito altri $ 5.000 e acquistassi $ 10.000 dello stesso titolo, guadagnerei $ 2.000, raddoppiando i miei profitti.

D’altra parte, quando le cose si muovono contro di te, l’effetto leva può essere decisamente pericoloso. Diciamo che il mio stesso investimento azionario di $ 5.000 è diminuito del 50%. Pungerebbe, ma avrei ancora $ 2.500. Se avessi preso in prestito altri $ 5.000, un calo del 50% mi avrebbe spazzato via completamente.

Un’eccessiva leva finanziaria può creare una spirale discendente delle azioni quando le cose si inaspriscono. Con la caduta dei prezzi, le aziende e gli investitori con molta leva finanziaria sono costretti a vendere, il che a sua volta fa scendere ulteriormente i prezzi. L’occasione più notevole fu lo schianto del 1929, in cui un eccessivo acquisto di titoli a margine ebbe un ruolo importante.

 

3. Tassi di interesse e inflazione

In generale, l’aumento dei tassi di interesse è un catalizzatore negativo per le azioni e l’economia in generale.

Ciò è particolarmente vero per le azioni incentrate sul reddito, come i fondi comuni di investimento immobiliare (REIT). Gli investitori acquistano questi titoli appositamente per i loro rendimenti da dividendi e l’aumento dei tassi di interesse sul mercato esercita una pressione al ribasso su questi titoli. A titolo di esempio semplificato, se una nota del Tesoro a 10 anni ha un rendimento del 3% e un determinato REIT ha un rendimento del 5%, può sembrare che valga la pena rischiare un ulteriore rischio per gli investitori in cerca di reddito di scegliere il REIT.

D’altra parte, se il rendimento del Tesoro decennale sale al 4%, il dividendo del REIT dovrà (approssimativamente) aumentare in modo proporzionale per attirare gli investitori. E i prezzi delle azioni più bassi si traducono in rendimenti da dividendi più elevati, su base percentuale.

Da un punto di vista economico, tassi di interesse più elevati significano costi di indebitamento più elevati, il che tende a rallentare l’attività di acquisto, che a sua volta può far precipitare le azioni. Quindi, se il tasso dei mutui a 30 anni dovesse salire, diciamo, al 6%, potrebbe rallentare drasticamente il mercato immobiliare e causare un colpo alle azioni dei costruttori di case.

4. Rischi politici

Mentre nessuno ha una sfera di cristallo in grado di prevedere il futuro, è una scommessa sicura che al mercato azionario non piacerebbe molto se gli Stati Uniti entrassero in guerra, diciamo, con la Corea del Nord.

Mercati come la stabilità, guerre e rischi politici rappresentano l’esatto contrario. Ad esempio, la Dow Jones Industrial Average è scesa di oltre il 7% durante la prima sessione di negoziazione dopo l’11 settembre 2001, attacchi terroristici, poiché l’incertezza che circonda gli attacchi e le mosse successive hanno spaventato gli investitori.

5. Modifiche fiscali

Il recente Tax Cuts and Jobs Act dovrebbe certamente avere l’effetto di maggiori guadagni aziendali ed è probabilmente un catalizzatore generalmente positivo per il mercato.

D’altro canto, gli aumenti delle tasse possono avere l’effetto opposto. Un potenziale modo per risolvere il problema di finanziamento della sicurezza sociale sarebbe quello di aumentare le tasse sui salari per dipendenti e datori di lavoro. Esistono diversi modi in cui ciò può accadere, ma ciò significherebbe una riduzione dei salari per i lavoratori e maggiori spese per i datori di lavoro e potrebbe certamente essere un catalizzatore negativo.

Lo stesso si potrebbe dire se le imposte sulle plusvalenze a breve termine o i dividendi perdono il loro trattamento favorevole, se in futuro l’imposta sul reddito delle società viene aumentata o se si verificano altri importanti aumenti fiscali. Non è probabile che ciò accada mentre il Partito Repubblicano è al potere, ma è certamente possibile in futuro.

6. Panico

È importante sottolineare che gli arresti anomali non sono generalmente causati da uno o più di questi fattori da soli. È in genere una combinazione di catalizzatore negativo e panico degli investitori che provoca un forte tuffo nel mercato azionario.

Ad esempio, il calo più marcato del mercato durante la crisi finanziaria si è verificato tra settembre e ottobre 2008. Sì, sono state le speculazioni immobiliari e l’eccessiva leva finanziaria a causare il problema, ma i timori che il sistema bancario americano potesse potenzialmente collassare ha portato gli investitori nel panico, che ha portato al vero incidente.

Una combinazione di questi fattori

Per essere chiari, questo non è un elenco esaustivo di cose che potrebbero potenzialmente causare un crollo del mercato azionario. Ed è probabile che più di uno di questi fattori possa combinarsi per causare un incidente. Il crollo del 2008, per esempio, è stato causato principalmente da un’eccessiva speculazione che ha causato una bolla dei prezzi degli immobili, insieme all’eccessiva leva esercitata sia dai consumatori che dalle istituzioni finanziarie, nonché dal panico degli investitori dopo che le banche hanno iniziato a fallire.

Che cos’è l’economia?  

Economia Politica 

Economia keynesiana

Adam Smith  

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *