Too Big To Fail: Significato di Troppo Grande Per fallire

Cosa significa Too big to fail, cioè troppo grande per fallire?
“Too big to fail”  descrive un concetto in cui il governo interverrà in situazioni in cui un’azienda è diventata così profondamente radicata nella funzionalità di un’economia che il suo fallimento sarebbe disastroso per l’economia in generale. Se un’azienda del genere fallisse, avrebbe probabilmente un effetto a catena disastroso in tutta l’economia.

Il fallimento può causare problemi con le aziende che si affidano all’attività dell’azienda fallita come cliente, nonché problemi di disoccupazione quando i lavoratori perdono il lavoro. Concettualmente, in queste situazioni, il governo prenderà in considerazione i costi di un salvataggio rispetto ai costi di consentire il fallimento economico nella decisione di stanziare fondi per un aiuto.

Too big to fail

Istituzioni finanziarie troppo grandi per fallire

Il colloquialismo “troppo grande per fallire” ruota attorno all’idea che alcune imprese, come le maggiori banche, sono così vitali per un’economia che sarebbe disastroso se fallissero. Per evitare una crisi, il governo può fornire fondi di salvataggio che supportano le operazioni fallimentari, proteggendo le società dai loro creditori e proteggendo i creditori dalle perdite.

Quegli istituti finanziari che rientrano nella categoria “troppo grande” includono banche, assicurazioni e altre organizzazioni finanziarie. Portano l’identificatore di essere banche a rilevanza sistemica (SIB) e istituti finanziari a rilevanza sistemica (SIFI). Queste organizzazioni finanziarie hanno ricevuto una regolamentazione ai sensi del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act del 2010 .

Troppo grande per fallire è un colloquialismo applicato alla teoria secondo cui alcune imprese causerebbero danni diffusi all’economia se fallissero.
Secondo questo concetto, il governo interverrà in situazioni in cui il fallimento minaccia l’economia in generale.
Le normative chiave post-crisi includono la legge sulla stabilizzazione economica di emergenza del 2008.
L’Emergency Economic Stabilization Act includeva il Troubled Asset Relief Program (TARP) da $ 700 miliardi, il Dodd-Frank Act del 2010 e i nuovi standard globali di Basilea.

Too Big To Fail: Significato di Troppo Grande Per fallire
Contesto della riforma bancaria

In seguito ai fallimenti bancari della Grande Depressione, sono state create assicurazioni sui depositi e regolatori, come la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) , per intervenire e assicurare in modo efficiente i clienti partecipando al processo di liquidazione della banca, se necessario. Pertanto, i depositi assicurati da FDIC hanno aiutato gli americani ad avere fiducia nei loro depositi di denaro nel sistema bancario. Le riforme FDIC hanno inoltre promosso il risparmio per il futuro, coprendo i singoli conti nelle banche membri fino a $ 250.000 ciascuno.

Anche se questo regolamento del governo è stata efficace per i depositanti degli Stati Uniti, una mancanza di esteso di fail-cassette di sicurezza nel mondo delle imprese più ampio è diventato evidente in una nuova crisi finanziaria emersione vicino all’inizio del 21 ° secolo. Nel 2007 e nel 2008, le banche fortemente indebitate senza protezione FDIC hanno dovuto affrontare un fallimento. Queste istituzioni erano responsabili di pratiche collettive di allentamento e, in alcuni casi, persino fraudolente nel settore finanziario che hanno causato inadempienze diffuse.

Il crollo di Lehman Brothers ha segnato il picco della crisi finanziaria nel settembre 2008. Con la sua dichiarazione di fallimento, i regolatori del governo hanno scoperto che le più grandi società bancarie erano così interconnesse che solo grandi salvataggi avrebbero impedito il fallimento di una parte sostanziale del settore finanziario.

Di conseguenza, il governo ha promulgato l’ Emergency Economic Stabilization Act (EESA) del 2008, che è stato firmato nell’ottobre 2008. Centrale per l’Atto era un programma di soccorso patrimoniale (TARP) da 700 miliardi di dollari che doveva essere gestito dal Ministero del Tesoro USA allo scopo di aiutare le banche in difficoltà.

Too big to fail, è diventato una frase comune durante la crisi finanziaria del 2008, che ha portato a una diffusa riforma del settore finanziario negli Stati Uniti e nel mondo.

Dodd-Frank Act

Il Dodd-Frank Wall Street Reform e la Consumer Protection Act del 2010 sono seguiti al Emergency Economic Stabilization Act ed è stato creato per instillare nuovi regolamenti che aiuterebbero ad evitare futuri salvataggi. Ciò includeva nuovi requisiti per le partecipazioni in conto capitale e maggiori informazioni sul capitale per la revisione normativa. Le banche sono ora tenute ad avere livelli di capitale specifici e creare testamenti viventi che delineano come liquidare rapidamente le attività in caso di fallimento.

Dodd-Frank ha inoltre imposto requisiti più elevati per le banche etichettate collettivamente come istituti finanziari di rilevanza sistemica (SIFI).

Riforma bancaria globale

La crisi finanziaria del 2008 è stata una crisi globale che ha colpito le banche di tutto il mondo. I regolatori di tutto il mondo hanno inoltre avviato nuove riforme con la maggior parte delle nuove normative incentrate su banche troppo grandi per fallire. La regolamentazione bancaria globale è guidata principalmente dal Financial Standards Board in collaborazione con la Banca dei regolamenti internazionali e il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Esempi di alcune società internazionali considerate istituzioni finanziarie di rilevanza sistemica globale includono:

  • Mizuho
  • banca di Cina
  • Bnp Paribas
  • Deutsche bank
  • Credit Suisse

Esempio del mondo reale

Questi SIFI sono identificati come le banche americane troppo grandi per fallire dalle loro attività totali e hanno standard di rendicontazione più elevati per garantirne l’efficienza operativa. A partire dal 2019, queste aziende includono:

  • Bank of America Corporation
  • La Bank of New York Mellon Corporation
  • Barclays PLC
  • Citigroup Inc.
  • Credit Suisse Group AG
  • Deutsche Bank AG
  • The Goldman Sachs Group, Inc.
  • JP Morgan Chase & Co.
  • Morgan Stanley
  • State Street Corporation
  • UBS AG
  • Wells Fargo & Company

TOO BIG TO FAIL o TOO BIG TO SUPPORT?

Questa è una discussione in cui entrano i critici di questo sistema.

Molti infatti criticano il fatto che lo Stato protegga queste grandi aziende – di solito tutte banche – mettendo in evidenza che l’intera società non può prendersi carico degli sbagli dei CEO e Consigli di Amministrazione e che – spesso – non conviene allo Stato salvare questi giganti finanziari.

Una discussione che difficilmente troverà un punto di convergenza di vedute tra le due visioni.

Nozioni base di economia

Anarco Capitalismo

EBIT Definizione 

Miracolo economico in Italia 

Crollo dei Mercati finanziari

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *