Perchè l’Italia Potrebbe Essere l’Epicentro della Prossima Crisi Finanziaria

Perché l’Italia potrebbe essere l’epicentro della prossima crisi finanziaria? Il bilancio di previsione dell’Italia – una proposta che è stata mandata a Bruxelles lunedì – ha visto gli investitori obbligazionari preoccupati per il potenziale di un’altra crisi del debito.
La storia suggerisce che il mondo sia pronto per un’altra crisi finanziaria; il ciclo economico espansivo dovrebbe essere già finito. Uno dei posti che potrebbe iniziare, secondo un numero crescente di indicatori, è l’Italia.

Molti degli ingredienti ci sono. Un mucchio di debito discutibile. Banche deboli. Un governo a cui non piace seguire regole scritte e non. E una grande economia che può influenzare le economie degli stati limitrofi.

Gli investitori obbligazionari, sempre a favore di una valutazione a freddo della solvibilità di un paese, hanno lanciato l’allarme. I piani di spesa populisti del governo di Roma, ampiamente considerati nei circoli finanziari come spericolati, hanno causato picchi dei tassi di interesse sul debito italiano, minacciando di creare un cosiddetto doom loop ( un calo di valore delle banche quotate in borsa, che hanno finanziario il debito pubblico, in questo caso le banche italiane che detengono la maggior parte delle Obbligazioni di Stato italiane ) che si sarebbe propagato attraverso l’economia in difficoltà.

Il bilancio proposto ha messo in luce le cuciture della coalizione di governo italiana, in cui una delle parti favorisce tagli alle imposte favorevoli alle piccole imprese e gli altri programmi di welfare estremamente costosi. Più in generale, ha diviso il governo populista, che ha promesso di portare avanti un bilancio che considera un imperativo politico, e l’establishment finanziario italiano, che teme ciò che la spesa farà per l’economia del paese e la sua credibilità e relazioni con l’Europa .

 

Non devi essere necessariamente italiano per essere preoccupato delle ripercussioni.

Le crisi finanziarie tendono ad arrivare ogni decennio circa, e l’Italia è vicina alla cima di una lista di punti intermedi che potrebbero toccare il prossimo, a fianco della turbolenza economica e politica turca, della guerra commerciale del Presidente Trump, dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e ampio rallentamento della crescita globale.

Ma in contrasto con la crisi finanziaria iniziata nel 2008, le banche centrali potrebbero non essere in grado di venire in soccorso questa volta, ha detto Richard Portes, professore di economia alla London Business School. Hanno consumato gran parte dei loro strumenti per combattere la crisi affrontando l’ultimo crollo.

“Sarebbe molto difficile per Mario Draghi pensare a un altro modo per uscire dal caos”, ha detto Portes riferendosi al presidente della Banca centrale europea.

Ecco perché gli investitori sono così preoccupati per l’Italia. L’eurozona si sta ancora riprendendo da una crisi del debito iniziata in Grecia nel 2010. L’Italia, la terza economia più grande del blocco valutario, rappresenta l’11% del prodotto interno lordo dell’Unione europea – 10 volte la Grecia – e ha il potenziale per crea molto più danni.

 

Perchè l'Italia Potrebbe Essere l'Epicentro della Prossima Crisi Finanziaria
I nemici dell’Europa sono quelli barricati nel bunker di Bruxelles“, ha detto questa settimana Matteo Salvini, leader della Lega anti-immigrati e uomo politico più potente d’Italia. 
Molti dei problemi del paese sono da lungo tempo, come il numero insolitamente alto di prestiti problematici sui bilanci delle proprie banche e una crescita cronicamente lenta. L’economia italiana non ha ancora recuperato il terreno perso dopo la crisi finanziaria del 2008. Il nuovo elemento è il governo populista italiano, che per l’orrore dei funzionari dell’Unione europea e dei mercati obbligazionari sta promettendo denaro che non deve soddisfare le promesse della campagna elettorale.

 

A differenza dei precedenti governi italiani che si sono irrobustiti, ma alla fine rispettati, le richieste dall’Unione Europea, i populisti italiani hanno fatto le loro carriere correndo contro Bruxelles.

Stanno perseguendo un corso sfacciatamente conflittuale con la Commissione europea, non importa la reazione del mercato o le conseguenze per i risparmiatori italiani, che sono tra i maggiori detentori di titoli di stato.

“I nemici dell’Europa sono quelli barricati nel bunker di Bruxelles”, ha detto questa settimana in una conferenza stampa Matteo Salvini, leader della Lega anti-immigrati e il politico più potente del Paese. Ha più volte chiamato Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, e Pierre Moscovici, suo commissario all’economia, i malvagi che “hanno rovinato l’Europa e il nostro paese” attraverso misure di austerità.

Secondo le regole dell’Eurozona, l’Italia deve presentare il proprio bilancio per l’esame della Commissione europea entro lunedì. Il piano di spesa proposto prevede un deficit pari al 2,4 per cento del prodotto interno lordo, una cifra considerata troppo alta per un paese il cui debito pubblico totale è pari al 131 per cento del PIL, più del doppio del limite della zona euro.

Il precedente governo di centrosinistra aveva proposto un bilancio con un disavanzo dello 0,8 per cento, che avrebbe consentito all’Italia di continuare a tagliare il debito totale.

Una parte significativa del nuovo bilancio andrebbe verso un vasto programma di benessere, una promessa chiave del movimento anti-establishment Movimento 5 Stelle alla sua base: giovane, disoccupata e frustrata, di cui molti sono nel sud del paese.

 

 

“In maniera decisiva, con questa misura, con questo bilancio, avremo abolito la povertà”, ha detto Luigi Di Maio, leader politico del Movimento a cinque stelle e ministro dello sviluppo economico italiano, in un’intervista televisiva il mese scorso.

Una relazione negativa sul budget proposto da Fitch Ratings mercoledì ha iniettato ulteriore ansia nei negoziati sul budget. Nel suo rapporto, Fitch ha citato “l’accumulo disordinato” nella presentazione del budget e il disaccordo tra Five Star e League sulle priorità di bilancio, la mancanza di dettagli sulle proposte fiscali e il divario tra “l’alto costo dell’attuazione degli impegni strategici fondamentali e l’obiettivo ridurre il debito pubblico “.

 

Luigi Di Maio, il leader politico del Movimento a cinque stelle e ministro dello sviluppo economico italiano. “In maniera decisiva, con questa misura, con questo bilancio, avremo abolito la povertà”, ha affermato recentemente. Credito Gianni Cipriano per The New York Times
Inoltre, il tono ostile che gli italiani hanno assunto con l’Unione Europea, la stessa cosa che ha contribuito a metterli al potere, “indica che il governo vede opportunità politiche nell’attaccare le regole fiscali dell’UE, specialmente nella corsa al Parlamento Europeo elezioni il prossimo maggio “, dice il rapporto.

Fitch ha segnalato che potrebbe ridimensionare il rating del debito dell’Italia, un passo che se combinato con altre agenzie di rating aumenterebbe ulteriormente il costo del governo per prendere a prestito.

Il governo ha tagliato alcune spese, ma in categorie che provocano ulteriormente Bruxelles. Ad esempio, Roma ha sospeso i piani per l’acquisizione di un nuovo sistema di difesa missilistica in un momento in cui l’Europa sta cercando di placare il signor Trump spendendo di più sulla NATO.

Il piano di spesa è stato “una deviazione significativa dal percorso fiscale” raccomandato dai leader europei e “è quindi una fonte di seria preoccupazione”, il signor Moscovici e Valdis Dombrovskis , vicepresidente della Commissione europea, hanno scritto al governo italiano la scorsa settimana .

 

I funzionari a Bruxelles affrontano tuttavia un dilemma. Perderanno credibilità se non riescono a disciplinare un membro errante. Ma se prendono una linea troppo dura, faranno semplicemente di Bruxelles un comodo capro espiatorio per i politici italiani.

Per questo motivo, è probabile che i leader europei avviino un processo che potrebbe portare a sanzioni, come il taglio dei fondi dell’Unione europea, ma perseguirlo con cautela. “Dovranno fare qualcosa, ma si prenderanno il loro tempo”, ha detto Grégory Claeys , ricercatore presso Bruegel, un centro di ricerca a Bruxelles.

Il governo italiano, almeno per ora, appare popolare e immune al dolore elettorale. Quando il Parlamento italiano ha approvato la proposta di bilancio a fine settembre, Di Maio ei suoi alleati del Movimento a cinque stelle hanno preso il balcone di Palazzo Chigi, la sede del governo italiano, e hanno mostrato segni di vittoria come una folla di parlamentari e i sostenitori sotto di loro cantavano, “Luigi! Luigi!”

Ma il sostegno pubblico potrebbe cominciare a vacillare se gli investitori continuano a perdere fiducia nel debito italiano, il che avrebbe gravi conseguenze per l’economia.

L’Italia è ancora lontana dai giorni più bui della crisi del debito dell’eurozona nel 2011, quando gli investitori propongono il tasso di mercato, o rendimento, sui titoli di stato a oltre il 7%. Ma il rendimento è aumentato in modo significativo da quando il governo populista ha vinto le elezioni quest’anno, superando il 3,7% questa settimana, rispetto all’1,7% di maggio.

Se si verifica una nuova crisi del debito, un esperto ha detto che le banche centrali potrebbero non essere in grado di venire in soccorso questa volta.
Le banche italiane come UniCredit detengono grandi partecipazioni del debito del loro paese d’origine. Quando i rendimenti aumentano, il valore delle loro posizioni obbligazionarie diminuisce, erodendo il loro capitale e sollevando domande sulla loro salute. Le azioni di UniCredit sono crollate a circa 12 euro recentemente da 18 euro ad aprile.

Nel tentativo di preservare il capitale, le banche diventano più caute riguardo al prestito. I consumatori e le imprese devono pagare tassi di interesse più elevati per prendere a prestito, o potrebbero non essere in grado di ottenere alcun credito, strangolando l’economia.

L’effetto Doom Loop su banche italiane ed economia reale

Se la crescita economica rallenta e la disoccupazione aumenta, meno persone pagano le tasse e la situazione finanziaria del governo si deteriora ulteriormente. Gli investitori insistono quindi su un premio di rischio più elevato per le obbligazioni italiane – un rendimento più elevato – e il ciclo si ripete. Ecco perché si chiama loop doom.

Il debito è il grande moltiplicatore delle turbolenze per l’Italia”, ha detto oggi Luigi Federico Signorini, vice direttore generale della Banca d’Italia, in un’audizione parlamentare. “Le oscillazioni nel suo valore hanno anche effetti sugli individui, le famiglie, le società e le istituzioni finanziarie italiane che la detengono”.

I sondaggi mostrano che gli italiani non vogliono rinunciare all’euro, un fatto che può frenare il governo. Ha dimostrato in passato di reagire alle pressioni, nominando un moderato, Giovanni Tria, come ministro delle Finanze dopo aver sollevato obiezioni alla scelta iniziale, Paolo Savona, un economista che aveva teorizzato di uscire dall’euro.

Ma il signor Tria è stato logorato dai lunghi negoziati sul bilancio e sottoposto a umilianti attacchi da parte dei leader della Lega e del Movimento a cinque stelle. In una registrazione audio trapelata ai media italiani, un alto funzionario del governo che è anche un membro importante del Movimento a cinque stelle ha minacciato di licenziare i burocrati sotto il signor Tria se non fossero riusciti a trovare i soldi per ottenere la misura di benessere in il budget.

Martedì, Claudio Borghi, presidente della commissione bilancio della Camera dei Deputati, membro della Lega eurokeptic, ha tagliato il microfono del signor Tria durante le udienze della commissione.

Il signor Tria ha insistito che non sta pensando di dimettersi.

Provocare Bruxelles è stata una strategia politica vincente per il raccolto attuale di leader italiani, e non mostrano segni di rinuncia.

“Ci preoccupiamo dei mercati”, ha detto Di Maio in un’intervista televisiva della scorsa settimana. Ma di fronte alla scelta tra i rendimenti obbligazionari e il popolo italiano, ha aggiunto: “Scelgo il popolo italiano”.

Articolo liberamente tradotto dal New York Times. QUI l’originale.

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *