Germania Comprerà Quote delle Più Importanti Aziende Tedesche

Potrebbe essere una svolta storica per tutta l’Europa: il Governo tedesco  è pronto a comprare  quote delle più importanti aziende della Germania.  Il governo tedesco potrebbe prendere in mano le principali compagnie nazionali per prevenire le acquisizioni straniere, ha detto oggi il suo ministro dell’Economia, presentando un netto cambiamento nella strategia industriale che secondo lui era necessaria per salvaguardare la prosperità del paese.

Il perno di una politica industriale più difensiva è guidato dalle preoccupazioni tedesche in merito alle società straniere – in particolare cinesi – che acquisiscono il proprio know-how ed erodono la base manifatturiera su cui viene costruita gran parte della sua ricchezza.

Peter Altmaier ha detto che la sopravvivenza delle società di selezione come Thyssenkrupp ( TKAG.DE ), Siemens ( SIEGn.DE ), Deutsche Bank ( DB ) e le case automobilistiche tedesche era di importanza nazionale, suggerendo la creazione di un fondo di investimento per sostenere le attività chiave.

Germania Comprerà Quote delle Più Importanti Aziende Tedesche per Salvare l'Industria
Il ministro dell’economia tedesco Peter Altmaier presenta la strategia nazionale del settore per il 2030 durante una conferenza stampa a Berlino, Germania, il 5 febbraio 2019. REUTERS / Fabrizio Bensch

Germania Comprerà Quote delle Più Importanti Aziende Tedesche per Salvare l’Industria Nazionale

“Può arrivare fino a quando lo stato prende quote temporanee nelle aziende, non per nazionalizzarle e gestirle a lungo termine, ma per impedire che le tecnologie chiave vengano vendute e lasciano il paese“, ha detto in una conferenza stampa.

La spinta a proteggere e promuovere la sua industria coincide con una pausa nell’economia tedesca, la più grande d’Europa, che sta perdendo slancio dopo un decennio di forte espansione.

Viene anche in un contesto di crescenti tendenze protezionistiche in tutto il mondo, con Washington e Pechino coinvolti in una disputa tariffaria dannosa, e l’incertezza che circonda le future relazioni commerciali tra la Gran Bretagna e la zona euro.

 

Altmaier ha identificato i settori industriali chiave della Germania come: acciaio e alluminio, prodotti chimici, ingegneria meccanica e impiantistica, ottica, apparecchiature medicali per autoveicoli, tecnologie verdi, difesa, aerospaziale e stampa 3D.

Presentando il suo rapporto, “National Industry Strategy 2030”, ha detto che preferiva che lo stato non intervenisse ma, su quello che ha definito un campo di gioco globale irregolare, potrebbe essere necessario.

Con il piano “Made in China 2025”, Pechino sta spingendo lo sviluppo interno di tecnologie, comprese le auto elettriche. Acquisisce anche know-how all’estero attraverso acquisizioni tra cui il produttore tedesco di robotica Kuka ( KU2G.DE ).

La trasformazione della Cina da cliente a concorrente, unita al rapido sviluppo di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale ha spinto la Germania a difendere il suo settore.

‘LA MISURA È IMPORTANTE’

Il rapporto di Altmaier ha detto che un’erosione della base industriale tedesca abbasserebbe l’istruzione, l’ambiente e il tenore di vita e, sostenendo che “le dimensioni contano”, ha sottolineato l’importanza dei campioni nazionali ed europei.

“Il fatto che in Germania quasi nessuna nuova impresa di questa portata sia emersa da anni è motivo di preoccupazione”, afferma il rapporto. La legislazione sulla concorrenza europea e tedesca dovrebbe essere rivista per consentire alle imprese di competere equamente a livello internazionale.

L’economia della Germania è cresciuta al suo tasso più debole in cinque anni nel 2018. La crescita dovrebbe scendere ulteriormente all’1 per cento quest’anno e il paese dovrà affrontare un deficit di bilancio di circa 25 miliardi di euro entro il 2023.

L’ indice azionario blue-chip DAX .GDAXI della Germania è pieno di aziende mature. Berlino aveva il diritto e il dovere di lavorare con l’industria per sviluppare, ad esempio, una piattaforma di trasporto Internet o imprese nel settore sanitario, ha detto Altmaier.

“Con questo possiamo ottenere un’inversione di tendenza, in modo che la Germania passi dall’essere un osservatore passivo di uno sviluppo che è già in pieno svolgimento negli Stati Uniti, in Giappone e in Cina per essere di nuovo attore e shaper”.

Chiedendo una riforma dei prezzi dell’energia, delle imposte sulle società e dei contributi previdenziali, Altmaier ha affermato che la sua strategia punta a costruire 70 anni di prosperità tedesca.

“Questa è una questione fondamentale … una questione che ha un grande significato per la coesione del Paese e la legittimità del sistema democratico”, ha affermato.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *