L’Ascesa dei Populisti Autoritari nel Mondo

Perchè c’è un’ascesa dei populisti autoritari nel mondo?
L’autoritarismo è in marcia. Non è solo la marcia in paesi relativamente poveri.
È in marcia anche nei paesi benestanti, compresi, in modo significativo, gli Stati Uniti, il paese che difese e promosse la democrazia liberale nel corso del XX secolo. Donald Trump è un classico esempio di un aspirante populista autoritario.
Le istituzioni statunitensi possono fermare la sua ascesa al potere sfrenato che cerca. Ma la minaccia che pone sembra chiara.

Come possiamo comprendere questa rinascita dell’autoritarismo? Che forma prende ora? Quale responsabilità portano le élite per il suo successo? Queste sono tra le domande più importanti che gli occidentali affrontano. Il modo in cui risponderemo modellerà il mondo. Se abbandoniamo la causa, per la quale è stato versato così tanto sangue, come possiamo aspettarci che gli altri ci credano? Daremo il mondo a Xi Jinping, a Vladimir Putin e ad altri che vedono il mondo come loro proprietà.

Erica Frantz della Michigan State University getta una luce brillante sui modi degli autoritari contemporanei in un breve libro intitolato Authoritarianism: What All Need Need to Know . Questo illumina due punti principali. In primo luogo, al giorno d’oggi, il modo più comune per far emergere i regimi autoritari è divorare la democrazia dall’interno, piuttosto come le larve di alcune vespe mangiano i ragni ospiti. Tali processi rappresentano quasi il 40 per cento di tutti i crolli contemporanei dei regimi democratici. Secondo, questi nuovi regimi spesso prendono ciò che l’autore chiama “la forma più pericolosa di dittatura”: la regola personale (o “personalistica”). Tra il 2000 e il 2010, il 75 per cento delle trasformazioni delle democrazie in dittature è finito così. Esempi sono la Russia sotto Putin, il Venezuela sotto Hugo Chávez e la Turchia sotto Recep Tayyip Erdogan.

 

LEGGGI ANCHE >>>> Sovranisti contro Progressisti , la nuova sfida politica del 3° Millennio

L'Ascesa dei Populisti Autoritari nel MondoL’Ascesa dei Populisti Autoritari nel Mondo

Una domanda cruciale è ciò che si intende per “autoritario”.

La risposta è: l’assenza di democrazia. La democrazia, a sua volta, significa un sistema in cui elezioni libere ed eque determinano chi detiene il potere. Quindi lo stato deve consentire la libera espressione di un’opinione, un libero supporto, un’esecuzione imparziale della legge elettorale, una franchigia universale per gli adulti e il diritto dei concorrenti politici di ottenere le risorse di cui hanno bisogno. Oggi le elezioni conferiscono legittimità. Per questo motivo, molti autoritari offrono “pseudo-democrazia”, ​​ma non è vera democrazia. Le elezioni in tali paesi sono una forma di teatro. Tutti sanno che il leader non si lascerà sconfiggere. Un regime del genere non è solo un po ‘diverso da una democrazia: è un animale completamente diverso.

Storicamente, il numero di regimi autoritari raggiunse il culmine nel 1980 e poi diminuì bruscamente, raggiungendo un minimo nel mezzo dell’ultimo decennio. Da allora, tuttavia, la democrazia è stata in lento ritiro. Inoltre, osserva il prof. Frantz, l’autocrazia non è più solo un fenomeno dei paesi in via di sviluppo, quindi “molte delle democrazie che al momento sembrano essere sul punto di passare alla dittatura si trovano in Europa”. C’è stato anche un marcato cambiamento nel tempo sotto forma di autoritarismo. Lo stato-partito cinese è una rarità. Il numero delle dittature militari è diminuito drasticamente. Ma il numero di dittature personali pseudo-democratiche è in aumento.

Le caratteristiche di queste dittature personali includono:

  • una ristretta cerchia ristretta di persone fidate;
  • installazione di lealisti in posizioni di potere;
  • promozione dei membri della famiglia;
  • creazione di un nuovo movimento politico;
  • uso dei referendum come mezzo per giustificare le decisioni;
  • creazione di nuovi servizi di sicurezza fedeli al leader.

Iniziano come semplici populisti, e di solito si presentano così:.

  • Questi ultimi sostengono che solo loro, una volta armati di poteri straordinari, possono risolvere i problemi del paese.
  • Asseriscono che l’élite tradizionale è corrotta e incompetente.
  • Insistono che esperti, giudici e media devono essere diffidati.
  • Gli elettori dovrebbero invece fidarsi dell’intuizione del leader, un’incarnazione vivente del popolo.
  • Tali argomenti giustificano anche la repressione dei “nemici del popolo”, rendendo impossibile un’autentica democrazia.

La buona notizia è che fino ad ora questi polipi non sono riusciti a condurre nessuna delle democrazie ad alto reddito stabilite nell’autocrazia

Rodrigo Duterte delle Filippine è sul percorso dal populismo alla dittatura, così come Viktor Orban dell’Ungheria. La sua “democrazia illiberale” è un eufemismo per l’autoritarismo. Sarei sorpreso se Jair Bolsonaro non seguisse questa strada in Brasile. Per quanto riguarda il signor Trump, anche lui è un populista di destra con tratti autoritari. Ma è circondato dalle istituzioni statunitensi. Eppure le istituzioni sono sempre valide solo come le persone che le gestiscono. Molti di questi sono abilitanti.

Le autocrazie che stiamo vedendo oggi hanno importanti differenze rispetto a quelle dei partiti fascisti in Italia o in Germania degli inizi e della metà del XX secolo. Richiedono acquiescenza più che partecipazione entusiastica. Sono manipolativi più che incontinentemente brutali. Come suggerisce Martin Gurri in La rivolta del pubblico e la crisi dell’autorità nel nuovo millennio , questo cambiamento è in parte collegato alla caduta dei vecchi mass media. I nuovi media ( cioè i Social Media come Facebook , YoutubeTwitter)  sono molto meno bravi a diffondere un messaggio di propaganda unico rispetto a quelli vecchi. Ma sono magnifici nel diffondere il dubbio . Distruggendo l’autorità di esperti, élite e “vecchi media”, i nuovi media aprono la strada agli imprenditori politici dotati di sfruttare i risentimenti e di minare la nozione di verità.

La buona notizia è che fino ad ora questi polipi non sono riusciti a condurre nessuna delle democrazie ad alto reddito nell’autocrazia. Il meccanismo della democrazia sopravvive, come le elezioni di medio termine negli Stati Uniti ha dimostrato. Tuttavia, in molti paesi, i populisti con tendenze autoritarie sono ai margini del potere. Per questo, i fallimenti delle élite governative e commerciali esistenti – la loro indifferenza verso il destino di ampie fasce della popolazione, la loro avidità e incompetenza, dimostrata così chiaramente dalle inaspettate crisi finanziarie negli Stati Uniti e in Europa – sono pesantemente da biasimare. Politici cinici, capaci di mentire con la stessa facilità con cui respirano, fanno progressi in popolazioni già ciniche nei confronti dei responsabili. I loro sostenitori possono o non possono credere che il nuovo leader abbia le risposte. Ma si sono convinti che i vecchi non ce l’hanno. Le difficoltà in cui Emmanuel Macron è caduto in Francia, suggeriscono che questa potente dinamica rimane pienamente a posto.

Eppure queste nuove autocrazie non offrono soluzioni: Putin ha portato la Russia al continuo declino economico. La promessa di Trump di “Rendere l’America grande di nuovo” è una frode. Minando le istituzioni indipendenti, tali leader alla fine renderanno i loro paesi più poveri e il loro popolo meno libero.

Chi ha la fortuna di vivere in democrazie governate dalla legge deve dedicarsi a farle funzionare meglio. Questo è ora un compito impegnativo. Ma è anche l’unico modo per garantire che questi sistemi politici siano trasmessi intatti – idealmente, più sani – alle generazioni che seguono. Persone di Davos, si prega di notare: questa è la tua chiara responsabilità.

Di: Martin Wolf

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *