Cattedrale di Notre Dame, 800 anni di Storia tra Distruzioni e Incendi

Uno dei monumenti più importanti di Parigi (e di tutta Europa) è la Cattedrale di Notre Dame. Questo tesoro cattolico ha più di 800 anni. Si trova su una piccola isola chiamata Ile de la Cité nel mezzo della Senna. L’edificio della cattedrale fu completato nel corso di 200 anni; fu iniziato nel 1163 durante il regno di re Luigi VII e fu completato nel 1345 . Prima della notizia dell’incendio del 2019 che ha quasi completamente distrutto il tetto,  la Cattedrale fu più volte danneggiata, quasi distrutta e usata come magazzino a causa di rivoluzioni, rivolte, cambio di Re. Leggiamo insieme l’incredibile storia della Cattedrale di Notre Dame, che è anche la storia della Francia e dell’Europa.

Come nel caso dei monumenti storici più importanti, la Cattedrale di Notre Dame a Parigi ha la sua parte di gloriosi e tragici momenti storici che rimarranno per sempre indelebili nella mente delle persone di tutto il mondo. Tra questi vi è l’incoronazione di Enrico VI d’Inghilterra proprio all’interno della cattedrale nel 1431. La Cattedrale fu contemporaneamente in uno stadio di totale rovina e vicino al punto di essere demolita, ma fu in seguito salvata da Napoleone che fu incoronato imperatore in 1804 all’interno della Cattedrale.

 

Dopo aver ripristinato la Cattedrale alla sua bellezza formale e nel mezzo della Seconda Guerra Mondiale, si vociferava che i soldati tedeschi avrebbero potuto distruggere il vetro colorato appena installato. È stato quindi rimosso e reinstallato di nuovo dopo la fine della guerra. I passi sono stati fatti a causa di una particolare finestra di vetro archeologico chiamata la finestra delle Rose che dovrebbe essere la più grande finestra di vetro del mondo prodotta nel 13 ° secolo.

Discutere la storia della cattedrale di Notre Dame Parigi non sarebbe completa senza discutere la storia più famosa della ragazza contadina, Giovanna d’Arco, che è ben documentata nei libri di storia della Francia. Era molto coraggiosa e affermava di avere visioni di Dio. Questa povera ragazza aveva una grande ricchezza spirituale e di carattere anche se non aveva beni materiali. Attraverso le sue visioni e il suo coraggio, aiutò la Francia nelle battaglie contro le truppe inglesi. Mentre utilizzava la sapiente tattica militare di Giovanna d’Arco, la famosa eroina, la Francia vinse molte lotte contro l’Inghilterra. Fu anche una grande sostenitrice della monarchia; lei è indirettamente la ragione per cui Carlo VII fu incoronato. Tuttavia, Giovanna d’Arco fu catturata dai Burundiani, accusata di eresia e tragicamente, fu bruciata sul rogo. Ma questa non era la fine della ragazza coraggiosa. Il 7 luglio 1456, Giovanna d’Arco fu dichiarata innocente e martire. Nel 1909 fu beatificata nella famosa cattedrale di Notre Dame a Parigi da Papa Pio X.

La cattedrale di Notre Dame, che può anche essere chiamata “la nostra signora”, è ancora oggi utilizzata dalla Chiesa cattolica romana per la messa domenicale ed è la sede dell’arcivescovo di Parigi. Un artefatto storico notevole e distinto che è molto popolare oggi è la famosa campana che è stata ridisegnata per suonare automaticamente. Qualsiasi visitatore del campanile dovrebbe essere pronto a salire la scalinata di 140 gradini, se si desidera vedere la campana storica o dare un’occhiata alla città di Parigi.

Anche all’interno della Cattedrale di Notre Dame, tra tanti reperti storici, è il notevole organo del XVII secolo con tutte le sue parti ancora funzionanti. Ci sono anche disegni, piani e incisioni che mostrano i vecchi e nascosti misteri di molti degli sviluppi della chiesa e di come la città di Parigi è nata.
La Cattedrale di Notre Dame Storia di Parigi inclusa Giovanna d’Arco

Essendo una delle cattedrali più antiche e imponenti di Francia, la cattedrale di Notre Dame , la costruzione di Parigi iniziò nel 12 ° secolo e fu finalmente completata 300 anni dopo. Avendo principalmente un’architettura gotica francese, ma anche influenzato dai tempi durante la costruzione (Rinascimento, Naturalismo); ha una bellezza unica e affascinante attraverso la sua architettura, pittura e forza, considerando che è sopravvissuto per così tanti anni.

LA VERA STORIA DELLA CATTEDRALE DI NOTRE DAME DE PARIS
NOTRE DAME PRIMA DELL’INCENDIO DEL 2019

LA VERA STORIA DELLA CATTEDRALE DI NOTRE DAME DE PARIS

Si ritiene che prima del periodo di cristianesimo in Francia , un tempio gallo-romano dedicato a Giove sorgesse sul sito di Notre-Dame. La prova di questo è il pilastro dei barcaioli , scoperto nel 1711. Questo edificio è stato sostituito con un paleocristiana basilica . Non è noto se questa chiesa, dedicata a Santo Stefano , è stato costruito alla fine del 4 ° secolo e rimaneggiata in seguito, o se è stato costruito nel 7 ° secolo da una chiesa più antica, forse la cattedrale di Childeberto I . La basilica, in seguito cattedrale, di Saint-Étienne [era situato a circa 40 metri (130 piedi) ad ovest della posizione di Notre-Dame ed era più largo e più basso e circa metà delle sue dimensioni. Per il momento, era molto grande – 70 metri (230 piedi) di lunghezza – e separato in navata e quattro navate con colonne di marmo, poi decorato con mosaici .

Un battistero , la chiesa di Giovanni Battista , costruita prima del 452, era situata sul lato nord della chiesa di Saint-Étienne fino all’opera di Jacques-Germain Soufflot nel XVIII secolo. Quattro chiese succedettero al tempio romano prima di Notre-Dame. La prima fu la basilica del 4 ° secolo di Saint-Etienne, poi la ristrutturazione merovingia di quella chiesa che fu a sua volta rimodellata nell’857 sotto i Carolingi in una cattedrale. L’ultima chiesa davanti alla cattedrale di Notre-Dame era un romanico rimodellamento delle strutture precedenti che, sebbene ingrandite e rimodellate, sono risultate inadatte alla crescente popolazione di Parigi.

Nel 1160, il vescovo di Parigi , Maurice de Sully , decise di costruire una chiesa nuova e molto più grande. Ha sommariamente demolito la cattedrale romanica e ha scelto di riciclare i suoi materiali. Sully decise che la nuova chiesa doveva essere costruita secondo il nuovo stile gotico, poiché in quel momento molte delle grandi cattedrali gotiche erano già state erette altrove in Francia.

Costruzione iniziale

Il cronista Jean de Saint-Victor registrò nel Memoriale Historiarum che la costruzione di Notre-Dame iniziò tra il 24 marzo e il 25 aprile 1163 con la posa della prima pietra alla presenza del re Luigi VII e del papa Alessandro III . Quattro fasi di costruzione hanno avuto luogo sotto i vescovi Maurice de Sully e Eudes de Sully (non imparentato con Maurice), secondo i maestri i cui nomi sono stati persi o non sono stati registrati.

La prima fase è iniziata con la costruzione del coro e dei suoi due ambulatori . Secondo Roberto di Torigni , il coro fu completato nel 1177 e l’ altare maggiore fu consacrato il 19 maggio 1182 dal cardinale Henri de Château-Marçay, il legato pontificio a Parigi, e da Maurice de Sully. La seconda fase, dal 1182 al 1190, riguardava la costruzione delle quattro sezioni della navata dietro il coro e le sue navate laterali all’altezza dei clerestories . Cominciò dopo il completamento del coro, ma terminò prima che fosse terminata la sezione finale della navata. A partire dal 1190, furono poste le basi della facciata e furono completati i primi traversi. [8]

Fu presa la decisione di aggiungere un transetto al coro, dove si trovava l’altare, per portare più luce nel centro della chiesa. L’uso di volte a costoloni più semplici a quattro parti anziché a sei parti significava che i tetti erano più resistenti e potevano essere più alti. Dopo la morte del vescovo Maurice de Sully nel 1196, il suo successore, Eudes de Sully (estraneo al precedente Vescovo) sovrintese al completamento dei transetti , e continuò i lavori sulla navata , che era in via di completamento al momento della sua morte nel 1208. A questo punto, la facciata occidentale era già in gran parte costruita, anche se non fu completata fino a circa la metà degli anni 1240. Tra il 1225 e il 1250 fu costruita la galleria superiore della navata, insieme alle due torri sulla facciata ovest.

Un altro cambiamento significativo arrivò alla metà del 13 ° secolo, quando i transetti furono ristrutturati con l’ultimo stile Rayonnant ; alla fine degli anni ’40 Jean de Chelles aggiunse un portale a timpano al transetto nord completato da uno spettacolare rosone. Poco dopo (dal 1258) Pierre de Montreuil realizzò uno schema simile sul transetto meridionale. Entrambi questi portali dei transetti erano riccamente abbelliti con la scultura; il portale sud presenta scene delle vite di Santo Stefano e di vari santi locali, mentre il portale nord mostra l’infanzia di Cristo e la storia di Teofilo nel timpano, con una statua molto influente della Vergine col Bambino nel trumeau .

Un’importante innovazione nel XIII secolo fu l’introduzione del contrafforte volante . Prima dei contrafforti, tutto il peso del tetto si estendeva verso l’esterno e verso il basso fino alle pareti, e gli abutment li sostenevano. Con il contrafforte volante, il peso veniva trasportato dalle nervature della volta interamente fuori dalla struttura a una serie di controsupporti, che erano sormontati da pinnacoli di pietra che davano loro maggior peso. I contrafforti significavano che i muri potevano essere più alti e più sottili e potevano avere finestre molto più grandi. La data dei primi contrafforti non è nota con precisione; sono stati installati un po ‘di tempo nel 13 ° secolo. I primi contrafforti furono sostituiti da quelli più grandi e più forti nel XIV secolo; questi avevano una portata di quindici metri tra le pareti e i controsupporti.

John of Jandun ha riconosciuto la cattedrale come uno dei tre edifici più importanti di Parigi nel suo Trattato sulle lodi di Parigi del 1323 :

“ Quella più gloriosa chiesa della più gloriosa Vergine Maria, madre di Dio, splende meritatamente, come il sole tra le stelle. E anche se alcuni oratori, per il loro libero giudizio, perché [sono] in grado di vedere solo poche cose facilmente, possono dire che un altro è più bello, credo tuttavia, rispettosamente, che, se si frequentano più diligentemente per l’intero e le parti, ritratteranno rapidamente questa opinione. Dove, infatti, chiedo, troveranno due torri di tale magnificenza e perfezione, così alte, così grandi, così forti, rivestite di una tale varietà di ornamenti? Dove, chiedo, troveranno una disposizione così multipartita di così tante volte laterali, sopra e sotto? Dove, chiedo, troveranno servizi così luminosi come le numerose cappelle circostanti? Inoltre, lascia che mi dica in quale chiesa potrei vedere una croce così grande, di cui un braccio separa il coro dalla navata. Infine, imparerei volentieri dove [ci sono] due di questi cerchi, situati l’uno di fronte all’altro in linea retta, che a causa del loro aspetto hanno il nome della quarta vocale [O]; tra cui sfere più piccole e cerchietti, con un mirabile artificio, in modo che alcuni disposti circolarmente, altri angolarmente, circondano finestre rubiconde di colori preziosi e belle con le figure più sottili delle immagini. In effetti, credo che questa chiesa offra l’ammirevole motivo di ammirazione per cui la sua ispezione non riesce a saziare l’anima. a causa del loro aspetto viene dato il nome della quarta vocale [O]; tra cui sfere più piccole e cerchietti, con un mirabile artificio, in modo che alcuni disposti circolarmente, altri angolarmente, circondano finestre rubiconde di colori preziosi e belle con le figure più sottili delle immagini. In effetti, credo che questa chiesa offra l’ammirevole motivo di ammirazione per cui la sua ispezione non riesce a saziare l’anima. a causa del loro aspetto viene dato il nome della quarta vocale [O]; tra cui sfere più piccole e cerchietti, con un mirabile artificio, in modo che alcuni disposti circolarmente, altri angolarmente, circondano finestre rubiconde di colori preziosi e belle con le figure più sottili delle immagini. In effetti, credo che questa chiesa offra l’ammirevole motivo di ammirazione per cui la sua ispezione non riesce a saziare l’anima.

Storia moderna

Nel 1548, la rivolta degli ugonotti danneggiò alcune statue di Notre-Dame, considerandole idolatriche . Durante i regni di Luigi XIV e Luigi XV , la cattedrale subì numerose modifiche per adeguarsi allo stile più classico del periodo. Il santuario fu riorganizzato; il coro è stato in gran parte ricostruito in marmo, e molte delle vetrate del 12 ° e 13 ° secolo sono state rimosse e sostituite con finestre di vetro bianco, per portare più luce nella chiesa. Una colossale statua di San Cristoforo, in piedi contro un pilastro vicino all’ingresso occidentale e risalente al 1413, fu distrutta nel 1786. La guglia, che era stata danneggiata dal vento, fu rimossa nella seconda parte del XVIII secolo.

 

Facciata est di Notre-Dame nel 1860.

Nel 1793, durante la Rivoluzione Francese , la cattedrale fu ridedicata al Culto della Ragione , e poi al Culto dell’Essere Supremo . Durante questo periodo, molti dei tesori della cattedrale furono distrutti o saccheggiati. Le ventotto statue dei re biblici situate sulla facciata ovest, scambiate per statue di re francesi, furono decapitate. Molte delle teste furono trovate durante uno scavo del 1977 nelle vicinanze, e sono esposte al Musée de Cluny . Per un certo periodo la Dea della Libertà sostituì la Vergine Maria su diversi altari. Le grandi campane della cattedrale sono sfuggite e furono sciolte per prenderne il bronzo. Tutte le altre grandi statue sulla facciata, ad eccezione della statua della Vergine Maria sul portale del chiostro, furono distrutte. La cattedrale venne adibita a magazzino per la conservazione di cibo e altri scopi non religiosi.

Nel luglio 1801, il nuovo sovrano, Napoleone Bonaparte , firmò un accordo per restaurare la cattedrale nella Chiesa. Fu formalmente trasferito il 18 aprile 1802. Fu la volta dell’incoronazione di Napoleone come imperatore il 2 dicembre 1804 e del suo matrimonio con Marie-Louise d’Austria nel 1810.

La cattedrale funzionava agli inizi del XIX secolo, ma era parzialmente rovinata e malconcia. Nel 1831, il romanzo Notre-Dame de Paris di Victor Hugo , pubblicato in inglese come Il gobbo di Notre-Dame, ebbe un enorme successo e portò alla cattedrale una nuova attenzione. Nel 1844 il re Luigi Filippo ordinò che la chiesa fosse restaurata. La commissione per il restauro è stata vinta da due architetti, Jean-Baptiste-Antoine Lassus e Eugène Viollet-le-Duc, che aveva allora solo 31 anni. Hanno supervisionato una grande squadra di scultori, vetrai e altri artigiani che hanno rifatto, lavorando su disegni o incisioni, la decorazione originale o, se non avevano una modella, aggiungendo nuovi elementi che sentivano nello spirito dello stile originale. Hanno realizzato una ricostruzione più alta e decorata della guglia originale (tra cui una statua di San Tommaso che assomiglia a Viollet-le-Duc), oltre ad aggiungere la scultura di creature mitiche sulla Galerie des Chimères . Il restauro è durato venticinque anni.

Durante la liberazione di Parigi nell’agosto del 1944, la cattedrale subì alcuni danni minori da proiettili vaganti. Alcuni vetri medievali furono danneggiati e sostituiti da vetri con disegni astratti moderni. Il 26 agosto si è tenuta una messa speciale nella cattedrale per celebrare la liberazione di Parigi dai tedeschi; hanno partecipato il generale Charles De Gaulle e il generale Philippe Leclerc .

Nel 1963, su iniziativa del ministro della cultura André Malraux e per celebrare l’800 ° anniversario della Cattedrale, la facciata fu ripulita dai secoli di fuliggine e sporcizia, riportandola al suo colore originale bianco sporco.

Le pietre danneggiate dall’inquinamento atmosferico sono state sostituite e un sistema discreto di cavi elettrici, non visibile dal basso, è stato installato sul tetto per scoraggiare i piccioni. Un altro importante programma di pulizia e restauro è stato avviato nel 1991.

Opere d’arte, reliquie e altri oggetti d’antiquariato conservati nella cattedrale includono la presunta corona di spine che Gesù indossava prima della sua crocifissione e un pezzo di croce su cui fu crocifisso, un organo del 13 ° secolo , vetrate colorate e statue di bronzo dei 12 apostoli . [29]

2019 Notre Dame va a fuoco

L’edificio in fiamme il 15 aprile 2019
Il 15 aprile 2019 alle 18:50 ora locale, la cattedrale ha preso fuoco , causando il crollo della guglia e del tetto.  L’entità del danno è inizialmente sconosciuta, così come la causa dell’incendio, sebbene fosse stato suggerito che fosse collegato a lavori di ristrutturazione in corso.  Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto che circa 500 pompieri hanno contribuito a combattere il fuoco.  La parte principale della cattedrale era stata salvata, nonostante il crollo della guglia e del tetto.

cattedrale di notre dame guglia
La guglia di Notre Dame crollata con l’incendio del 2019

TORRI E GUGLIE

Le due torri sono alte sessantanove metri e furono le strutture più alte di Parigi fino al completamento della Torre Eiffel nel 1889. Le torri furono l’ultimo elemento principale della Cattedrale da costruire. La torre sud fu costruita per la prima volta, tra il 1220 e il 1240, e la torre nord tra il 1235 e il 1250. La nuova torre nord è leggermente più grande, come si può vedere quando sono visti direttamente di fronte alla chiesa. Il contrefort o il contrafforte della torre nord è anche più grande.

La torre nord è accessibile ai visitatori da una scala, il cui ingresso è sul lato nord della torre. La scalinata ha 387 gradini, e ha una fermata nella sala gotica al livello del rosone, dove i visitatori possono guardare oltre il sagrato e vedere una collezione di dipinti e sculture dei precedenti periodi della storia della Cattedrale.

Le dieci campane del Duomo si trovano nella torre sud. (vedi Campane sotto)

Un serbatoio d’acqua, coperto da un tetto di piombo, si trova tra le due torri, dietro il colonnato e la galleria e di fronte alla navata e al pignone . Può essere usato per estinguere rapidamente un incendio.

La guglia o la guglia della cattedrale, che fu distrutta nell’incendio dell’aprile 2019, [35] era situata sopra il transetto e l’altare. La guglia originale fu costruita nel 13 ° secolo, probabilmente tra il 1220 e il 1230. Fu malconcia, indebolita e piegata dal vento per cinque secoli, e infine fu rimossa nel 1786. Durante il restauro del XIX secolo, Eugène Viollet-le-Duc decise per ricrearlo, creando una nuova versione di quercia ricoperta di piombo. L’intera guglia pesava 750 tonnellate.

Seguendo i piani di Viollet-le-Duc, la guglia era circondata da statue di rame dei dodici Apostoli , in quattro gruppi di tre, un gruppo in ogni punto della bussola. Ognuno dei quattro gruppi era preceduto da un animale che simboleggia uno dei quattro evangelisti: uno sterzo per San Luca, un leone per San Marco, un’aquila per San Giovanni e un angelo per San Matteo. Solo pochi giorni prima del crollo della guglia, tutte le statue sono state rimosse per il restauro. Mentre erano a posto, avevano affrontato a Parigi, tranne uno; la statua di San Tommaso, il santo patrono degli architetti, era di fronte alla guglia e aveva le fattezze di Viollet-le-Duc.

Il gallo al vertice della guglia conteneva tre reliquie: un minuscolo frammento della Corona di Spine , situato nel tesoro della Cattedrale; e reliquie di Denis e Saint Genevieve , patroni di Parigi. Furono messi lì nel 1935 dall’arcivescovo Jean Verdier , per proteggere la congregazione da fulmini o altri danni.
La cattedrale gotica era un pauper liber , un “libro dei poveri”, coperto di sculture che illustrano vividamente storie bibliche, per la stragrande maggioranza dei parrocchiani che erano analfabeti. Per aggiungere all’effetto, tutta la scultura sulle facciate era originariamente dipinta e dorata. Il timpano sopra il portale centrale sulla facciata ovest, di fronte alla piazza, illustra vividamente il Giudizio Universale , con figure di peccatori portati all’inferno e buoni cristiani portati in paradiso. La scultura del portale destro mostra l’incoronazione della Vergine Maria e il portale di sinistra mostra le vite dei santi che erano importanti per i parigini, in particolare Sant’Anna, la madre della Vergine Maria.

Gli esterni delle cattedrali e di altre chiese gotiche erano anche decorati con sculture di una varietà di grotteschi o mostri favolosi e spaventosi . Questi includevano il gargoyle , la chimera , una creatura ibrida mitica che di solito aveva il corpo di un leone e la testa di una capra, e lo Strix o stryge, una creatura simile a un gufo o pipistrello , che si diceva mangia carne umana. Lo strix apparve nella letteratura romana classica; fu descritto dal poeta romano Ovidio , che fu ampiamente letto nel Medioevo, come un uccello dalla testa grande con occhi trapassati, becco rapace e ali bianche grigiastre. Facevano parte del messaggio visivo per gli adoratori illetterati, simboli del male e pericolo che minacciavano coloro che non seguivano gli insegnamenti della chiesa.

I gargoyle , che furono aggiunti nel 1240 circa, avevano uno scopo più pratico. Erano le piogge della cattedrale, progettate per dividere il torrente d’acqua che si riversava dal tetto dopo la pioggia, e proiettarlo verso l’esterno il più lontano possibile dai contrafforti e dalle pareti e dalle finestre dove poteva erodere la malta che legava la pietra . Per produrre molti flussi sottili piuttosto che un torrente d’acqua, sono stati utilizzati un gran numero di doccioni, quindi sono stati progettati anche per essere un elemento decorativo dell’architettura. L’acqua piovana scorreva dal tetto in grondaie di piombo, poi giù canali sui contrafforti volanti, poi lungo un canale tagliato nella parte posteriore del gargoyle e fuori dalla bocca lontano dalla cattedrale.

Tra tutte le figure religiose, alcune delle decorazioni scultoree erano dedicate all’illustrazione della scienza e della filosofia medievale. Il portale centrale della facciata ovest è decorato con figure scolpite con placche circolari con simboli di trasformazione presi dall’alchimia. Il pilastro centrale della porta centrale di Notre-Dame presenta una statua di una donna su un trono con in mano uno scettro nella mano sinistra, e nella mano destra due libri, uno aperto (simbolo di conoscenza pubblica) e l’altro chiuso (conoscenza esoterica), insieme a una scala a sette gradini, che simboleggia i sette passi che gli alchimisti seguirono nella loro ricerca scientifica di cercare di trasformare i metalli ordinari in oro.

Molte delle statue, in particolare le grottesche, furono rimosse dalla facciata nel XVII e XVIII secolo, o furono distrutte durante la Rivoluzione Francese . Sono stati sostituiti con figure in stile gotico, progettato da Eugène Viollet-le-Duc , durante il restauro del 19 ° secolo.

cattedrale di notre dame rosone

VETRATE E ROSONI

Le vetrate di Notre-Dame, in particolare i tre rosoni , sono tra le caratteristiche più famose della cattedrale. Il rosone ovest, sopra i portali, era la prima e la più piccola delle rose a Notre-Dame. Ha un diametro di 9,6 metri e fu realizzato nel 1225 circa, con i pezzi di vetro incastonati in una spessa cornice circolare di pietra. Nessuno del vetro originale rimane in questa finestra; è stato ricreato nel 19 ° secolo.

Le due finestre del transetto sono più grandi e contengono una percentuale maggiore di vetro rispetto alla rosa sulla facciata ovest, perché il nuovo sistema di contrafforti ha reso le pareti della navata più sottili e più forti. La rosa del nord fu creata intorno al 1250 e la rosa del sud verso il 1260. La rosa del sud nel transetto è particolarmente degna di nota per le sue dimensioni e il suo talento artistico. Ha un diametro di 12,9 metri; con il claire-voie che lo circonda, per un totale di 19 metri. Fu donato alla cattedrale dal re Luigi IX di Francia , noto come Saint Louis.

La rosa del sud ha 94 medaglioni, disposti in quattro cerchi, raffiguranti scene della vita di Cristo e coloro che hanno assistito al suo tempo sulla terra. Il cerchio interno ha dodici medaglioni che mostrano i dodici apostoli. (Durante i successivi restauri, alcuni di questi medaglioni originali sono stati spostati in cerchi più lontani). I prossimi due cerchi raffigurano celebri martiri e vergini. Il quarto cerchio mostra venti angeli, oltre a santi importanti per Parigi, in particolare Saint Denis , Margaret la Vergine con un drago e Saint Eustace . Il terzo e il quarto cerchio hanno anche alcune raffigurazioni di soggetti dell’Antico Testamento . Il terzo cerchio ha alcuni medaglioni con scene del Nuovo TestamentoVangelo di Matteo che risalgono all’ultimo quarto del XII secolo. Questi sono i vetri più vecchi nella finestra. [42]

Altre scene negli angoli attorno al rosone includono la discesa di Gesù nell’inferno , Adamo ed Eva , la risurrezione di Cristo . San Pietro e San Paolo sono in fondo alla finestra e Maria Maddalena e Giovanni Apostolo in cima.

Sopra la rosa c’è una finestra raffigurante Cristo trionfante seduto nel cielo, circondato dai suoi Apostoli . Qui di seguito sono sedici finestre con immagini dipinte di profeti. Questi non erano parte della finestra originale; furono dipinti durante il restauro nel XIX secolo da Alfred Gérenthe, sotto la direzione di Eugène Viollet-le-Duc , sulla base di una simile finestra nella cattedrale di Chartres .

La rosa del sud ha avuto una storia difficile. Nel 1543 fu danneggiato dall’assestamento delle mura in muratura e non fu restaurato fino al 1725-1727. Fu gravemente danneggiato durante la rivoluzione francese del 1830 . I rivoltosi hanno bruciato la residenza dell’arcivescovo, vicino alla cattedrale, e molti dei vetri sono stati distrutti. La finestra fu completamente ricostruita da Viollet-le-Duc nel 1861. Ruotò la finestra di quindici gradi per dargli un chiaro asse verticale e orizzontale, e sostituì i pezzi di vetro distrutti con un nuovo vetro nello stesso stile. La finestra oggi contiene vetro medievale e del XIX secolo.

Negli anni ’60, dopo tre decenni di dibattiti, è stato deciso di sostituire molte delle finestre in grisaglia del XIX secolo nella navata progettata da Viollet-le-Duc con nuove finestre. Le nuove finestre, realizzate da Jacques Le Chevallier , sono prive di figure umane e usano disegni e colori astratti di grisaglia per cercare di ricreare la luminosità della Cattedrale nel XIII secolo.

 

Cripta di Notre dame

La cripta archeologica (Crypte archéologique de l’île de la Cité) è stata creata nel 1965 per proteggere una serie di rovine storiche, scoperte durante i lavori di costruzione e che spaziano dal più antico insediamento di Parigi ai giorni nostri. La cripta è gestita dal Musée Carnavalet e contiene una grande mostra, modelli dettagliati dell’architettura di diversi periodi storici e il modo in cui possono essere visualizzati all’interno delle rovine. La caratteristica principale ancora visibile è il riscaldamento a pavimento installato durante l’occupazione romana.

Organo di Notre Dame

 

Uno dei primi organi di Notre-Dame, costruito nel 1403 da Friedrich Schambantz, fu sostituito tra il 1730 e il 1738 da François Thierry . Durante il restauro della cattedrale da parte di Eugène Viollet-le-Duc , Aristide Cavaillé-Coll costruì un nuovo organo, usando le pipe pipe degli strumenti precedenti. L’organo fu dedicato nel 1868.

Nel 1904, Charles Mutin modificò e aggiunse diverse fermate ; nel 1924 fu installato un ventilatore elettrico. Un ampio restauro e pulizia furono eseguiti da Joseph Beuchet nel 1932. Tra il 1959 e il 1963, l’azione meccanica con le leve Barker fu sostituita da un’azione elettrica di Jean Hermann e fu installata una nuova consolle per organo.

Negli anni seguenti, la lista di arresto fu gradualmente modificata da Robert Boisseau e Jean-Loup Boisseau dopo il 1975, rispettivamente. Nell’autunno 1983, il sistema di combinazione elettrico è stato scollegato a causa del rischio di cortocircuito.

Tra il 1990 e il 1992, Jean-Loup Boisseau, Bertrand Cattiaux, Philippe Émeriau, Michel Giroud e la Société Synaptel hanno rivisto e aumentato lo strumento. È stata installata una nuova console, utilizzando le manopole di arresto, le tastiere a pedale e manuale, i pistoni a pedale e i pedali di bilanciamento della consolle Jean Hermann. Tra il 2012 e il 2014, Bertrand Cattiaux e Pascal Quoirin hanno restaurato, pulito e modificato l’organo. La fermata e l’azione chiave sono state aggiornate, è stata costruita una nuova console, (sempre usando i tasti di arresto, pedaliera, pistoni a pedale e pedali di bilanciamento della console del 1992), una nuova divisione chiusa (“Résonnance espressive”, utilizzando le tubazioni della precedente “Petite Pédale” di Boisseau, che ora può essere utilizzata come divisione fluttuante), la cassa dell’organo e i tubi della facciata sono stati restaurati, e una messa a punto generale è stata effettuata.

CAMPANE DI NOTRE DAME

La cattedrale ha 10 campane , il bourdon chiamato Emmanuel, che è sintonizzato su F sharp, è stato un accompagnamento per alcuni degli eventi più importanti nella storia della Francia fin dal suo primo cast, come per il Te Deum per l’incoronazione di re francesi insieme a grandi eventi come la visita del Papa, e altri a segnare la fine dei conflitti tra cui la prima guerra mondiale e la seconda guerra mondiale. Suona anche nei momenti di dolore e dramma per unire i credenti alla Cattedrale di Notre-Dame, come per i funerali dei capi di stato francesi, massacri come l’ incidente dell’11 settembre delle Twin Towers ed è riservato alle occasioni speciali della Cattedrale come Natale , Pasqua e Ascensione. Questa particolare campana era il capolavoro di tutto il gruppo di campane che pesa a 13 tonnellate e, fortunatamente, è stato salvato dalla devastazione sorte durante la rivoluzione francese . Secondo suonatori di campane e musicisti, è ancora una delle più belle imbarcazioni sonore e una delle più notevoli in Europa. La campana risale al XV secolo e fu rifusa nel 1681 su richiesta del re Luigi XIV che la nominò Emmanuel Bell.

C’erano anche quattro campane che sostituirono quelle distrutte durante la rivoluzione francese. Situato nella parte superiore della Torre Nord nel 1856, questi suonano ogni giorno per i servizi di base, l’Angelus e il rintocco delle ore. La prima di queste campane, chiamata Angélique-Françoise, pesa 1.915 kg ed è sintonizzata su C sharp; la campana successiva si chiama Antoinette-Charlotte, con un peso di 1.335 kg e accordata con D sharp. Poi c’è la campana di nome Jacinthe-Jeanne che pesa 925kg accordata a F e la quarta campana Denise-David pesa 767kg e proprio come la Grand Bell Emmanuel, è accordata a F sharp. Qualche anno dopo, nel 1867, un carillontre campane nella guglia con due campane collegate all’orologio monumentale sono state collocate e altre tre campane sono state posizionate nell’attuale struttura della Cattedrale di Notre-Dame stessa, in modo da poter essere ascoltate all’interno. Tuttavia, sfortunatamente, questi sono attualmente muti, anche se un progetto è attualmente in fase di studio, e si spera che verrà messo in atto, al fine di ripristinare il Carillon al suo antico splendore. Le quattro campane che sono state messe in atto nel 1856 sono ora conservate, a partire da febbraio 2012.

 

Circa un anno dopo, veniva prodotta una nuova serie di otto campane per la Torre Nord della Cattedrale di Notre-Dame, insieme a una Gran Campana per la Torre Sud, proprio come in origine prima che la maggior parte venisse distrutta durante la Rivoluzione Francese. La costruzione delle campane è uno di precisione e precisione per ottenere il suono desiderato e il lavoro è stato affidato a due compagnie separate, una in Francia per le otto campane e una in Belgio per il Grand Bell. Ognuna delle nuove campane è chiamata con nomi che sono stati scelti per rendere omaggio ai santi e ad altri che hanno plasmato la vita di Parigi e della Cattedrale di Notre-Dame.

Emmanuel è accompagnato da un’altra grande campana nella torre sud chiamata Marie. Con sei tonnellate e un G Sharp, Marie è la seconda campana più grande della cattedrale. Marie è anche chiamata Little Bourdon (petite bourdon) o una campana di drone perché si trova accanto a Emmanuel nella torre sud. Costruito in una fonderia nei Paesi Bassi, ha incisioni come una caratteristica più distintiva, qualcosa che è diverso rispetto alle altre campane. Le frasi “Je vous salue Marie”, in francese, e “Via viatores quaerit”, in latino, che significa “Ave Maria” (dove la campana prende il nome dalla Vergine Maria ) e “La strada è alla ricerca di viaggiatori”. Sotto la frase appare un’immagine del Bambino Gesù e dei suoi genitori circondata da stelle e un sollievo con l’ Adorazione dei Magi. È a capo del Piccolo Solennel, che è simile al Grande Solennel, tranne per il fatto che lo scampanellio inizia con il bourdon e le otto campane nella torre nord. Questo anello è ascoltato solo il 1 ° gennaio (Capodanno) allo scoccare della mezzanotte e sostituisce Emmanuel per eventi internazionali. Come Emmanuel, le campane sono usate per segnare momenti specifici come l’arrivo alla cattedrale del corpo dell’arcivescovo defunto di Parigi.

Nella Torre Nord, ci sono otto campane di varie dimensioni, dalla più grande alla più piccola. Gabriel è la più grande campana lì; pesa quattro tonnellate e suona A acuto. Prende il nome da San Gabriele , che annunciò la nascita di Gesù alla Vergine Maria. Costruito in una fonderia di campane fuori Parigi nel 2013, suona anche l’ora durante il giorno. Come Emmanuel e Marie, Gabriel è abituato a segnare eventi specifici. È usato principalmente per le messe la domenica in tempi normali e alcune solennità che cadono durante la settimana nel Plenum Nord. Mostra 40 linee circolari che rappresentano i 40 giorni trascorsi da Gesù nel deserto e i 40 anni di Mosè che attraversano il Sinai.

Anne-Geneviève è la seconda campana più grande della Torre Nord e la quarta campana più grande della cattedrale. Prende il nome da due santi: Sant’Anna , madre di Maria e santa Genoveffa, patrona di Parigi, suona una B e pesa tre tonnellate. Ha tre linee circolari che rappresentano la Santissima Trinità e tre virtù teologali. Come Emmanuel, Marie e Gabriel, Anne-Genevieve è abituata a segnare momenti specifici come l’apertura delle porte alla messa della domenica delle Palme o il corpo dell’arcivescovo defunto di Parigi. Inoltre è l’unica campana che non partecipa ad una suoneria chiamata Angelus Domini, che si svolge in estate alle 8, a mezzogiorno e alle 20 (o alle 9, a mezzogiorno e alle 21).

Denis è la terza campana più grande nella Torre Nord e la quinta campana più grande della cattedrale. Prende il nome da St. Denis , il martire che fu anche il primo vescovo di Parigi intorno all’anno 250; pesa 2 tonnellate e suona a C. Questa campana include la terza frase dell’Angelus, “Ecco la serva del Signore”. Ci sono anche sette linee circolari che rappresentano i doni dello Spirito Santo e dei sette Sacramenti.

Marcel è la quarta più grande campana della Torre Nord e la sesta più grande campana della cattedrale. Prende il nome dal 9 ° vescovo di Parigi [ fr ] . Suona un D sharp e pesa 1,9 tonnellate. Prende il nome da San Marcel, il nono vescovo di Parigi, noto per il suo instancabile servizio ai poveri e ai malati nel V secolo. La campana che porta il suo nome come tributo ha inciso su di essa la quarta frase dell’Angelus, “Sia fatto a me secondo la tua parola”.

Étienne è la quinta campana più grande nella Torre Nord e la settima campana più grande nella cattedrale. Prende il nome da St. Stephan in inglese, ma i cittadini di Parigi lo chiamano con il suo equivalente francese Étienne. Suona una E sharp e pesa 1,5 tonnellate. Le sue caratteristiche più importanti sono la presenza di una striscia dorata leggermente sopra la targhetta.

Benoît-Joseph è la sesta campana più grande della Torre Nord e l’ottava campana più grande della cattedrale. Proprio come Anne-Geneviève, prende il nome da due santi. Benoît è in onore di Papa Benedetto XVI della Città del Vaticano, mentre Giuseppe è l’onore di Joseph Ratzinger che è il suo vero nome (2005-2013). Suona una F e pesa 1,3 tonnellate. Ha due strisce argentate sopra la gonna e una striscia argentata sopra la targhetta. Questa campana viene usata per i matrimoni e talvolta l’ora sostituisce Gabriel, molto probabilmente su un campanello chiamato Ave Maria .

Maurice è la settima campana più grande nella Torre Nord e la seconda più piccola nella cattedrale. Prende il nome da Maurice de Sully , il vescovo di Parigi che ha posato la prima pietra, nel 1163, per la costruzione della Cattedrale. Comprende l’iscrizione “Prega per noi, Santa Madre di Dio”: suona a forma di G e pesa una tonnellata, ha due strisce grigie sotto la targa.Questa campana è usata per i matrimoni.

Jean Marie è la più piccola campana della cattedrale. A differenza di Benoît-Joseph e Anne-Geneviève che hanno due nomi, prende il nome dal cardinale Jean-Marie Lustiger , vescovo di Parigi dal 1981 al 2005, e su di esso è incisa l’ottava e ultima frase dell’Angelus: “che potremmo essere reso degno delle promesse di Cristo “. Suona un A forte e pesa 0.780 tonnellate. Ha una piccola striscia grigia sopra la gonna. Questa campana è anche usata per i matrimoni.

 

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *