BCE Banca Centrale Europea cos’è la Politica Monetaria BCE

La BCE (Banca Centrale Europea) è l’istituzione monetaria dell’Unione Europea che ha il compito di definire e attuare la politica monetaria della zona euro, ovvero dei 19 paesi dell’UE che hanno adottato l’euro come valuta comune.

La BCE ha diversi obiettivi, tra cui il mantenimento della stabilità dei prezzi, la promozione della crescita economica e la creazione di posti di lavoro nell’area euro. Per raggiungere questi obiettivi, la BCE definisce e attua politiche monetarie che influenzano i tassi di interesse e la quantità di denaro in circolazione.

Inoltre, la BCE è responsabile della supervisione delle banche nell’area euro attraverso il meccanismo di supervisione unico (SSM), che si occupa di monitorare la stabilità finanziaria del sistema bancario europeo e di prevenire il verificarsi di crisi bancarie.

In sintesi, la BCE è l’istituzione centrale che si occupa di garantire la stabilità monetaria e finanziaria dell’area euro, con l’obiettivo di promuovere la crescita economica e il benessere dei cittadini europei.

BCE Banca Centrale Europea cos'è, Politica Monetaria BCE
Sopra: la sede centrale della BCE Banca Centrale Europea a Bruxelles

Quando è stata fondata la BCE

La Banca Centrale Europea (BCE) è stata fondata il 1º giugno 1998, in seguito all’entrata in vigore del Trattato di Maastricht nel 1993, che ha stabilito la creazione dell’Unione Europea e l’adozione dell’euro come valuta comune per i paesi membri dell’UE che avrebbero soddisfatto determinati criteri di convergenza economica. La BCE ha iniziato a operare a partire dal 1º gennaio 1999, quando l’euro è diventato la valuta ufficiale dei paesi dell’area euro, sostituendo le valute nazionali precedentemente in uso.

Cos’è la moneta euro

L’euro è la moneta ufficiale dell’Unione Europea (UE) e l’unica valuta utilizzata in 19 dei suoi Stati membri, noti come “paesi dell’area euro”. L’euro è stato introdotto il 1º gennaio 1999 come moneta virtuale, utilizzata in transazioni elettroniche e finanziarie, e successivamente, il 1º gennaio 2002, è stato introdotto come moneta fisica, sostituendo le valute nazionali dei paesi aderenti all’area euro.

L’euro è emesso dalla Banca Centrale Europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali dei paesi dell’area euro, ed è diviso in 100 centesimi, chiamati “eurocent”. Le banconote e le monete dell’euro sono standardizzate in tutti i paesi dell’area euro, e presentano un design comune su entrambi i lati.

L’euro è una delle valute più utilizzate al mondo e rappresenta una delle pietre miliari dell’integrazione europea. L’introduzione dell’euro ha semplificato le transazioni commerciali all’interno dell’area euro, ha ridotto i costi delle transazioni e ha aumentato la trasparenza e la stabilità del sistema finanziario europeo. Questo anche se in Italia ha portato molte discussioni tra pro e contro.

Vantaggi dell’euro

L’introduzione dell’euro ha portato numerosi vantaggi per i paesi dell’area euro, tra cui:

  1. Semplificazione delle transazioni commerciali: L’adozione di una valuta comune ha semplificato le transazioni commerciali all’interno dell’area euro, eliminando la necessità di effettuare cambi di valuta e riducendo i costi di transazione.
  2. Riduzione dei costi di transazione: Grazie all’euro, le transazioni finanziarie e commerciali all’interno dell’area euro sono diventate più efficienti e meno costose, in quanto non sono più necessari i cambi valutari e i costi associati alle conversioni di valuta.
  3. Aumento della trasparenza e della stabilità finanziaria: L’adozione dell’euro ha aumentato la trasparenza e la stabilità del sistema finanziario europeo, in quanto tutti i paesi dell’area euro adottano la stessa politica monetaria e la stessa moneta.
  4. Promozione del commercio internazionale: L’euro è diventato una delle valute più utilizzate al mondo, promuovendo il commercio internazionale tra i paesi dell’area euro e con i paesi esterni.
  5. Aumento della fiducia nell’economia europea: L’introduzione dell’euro ha aumentato la fiducia degli investitori nell’economia europea, in quanto ha eliminato la necessità di effettuare cambi di valuta e ha creato un mercato unico e integrato in Europa.

In sintesi, l’euro ha semplificato le transazioni commerciali, ridotto i costi di transazione, aumentato la trasparenza e la stabilità finanziaria, promosso il commercio internazionale e aumentato la fiducia nell’economia europea.

Da chi è costituita la BCE

La BCE, o Banca Centrale Europea, è costituita da tre organi principali:

  1. Il Consiglio direttivo: è l’organo decisionale della BCE ed è composto dal presidente della BCE, dal vicepresidente della BCE e da quattro membri del comitato esecutivo della BCE, insieme ai governatori delle banche centrali nazionali dei paesi dell’area euro.
  2. Il Consiglio dei governatori: è composto dai governatori delle banche centrali nazionali dei 19 paesi dell’area euro e dai membri del Consiglio direttivo.
  3. Il Comitato esecutivo: è composto dal presidente, dal vicepresidente e da quattro membri della BCE, che sono responsabili della gestione quotidiana dell’istituzione.

Il Consiglio direttivo della BCE è l’organo decisionale principale ed è responsabile della definizione e dell’attuazione della politica monetaria dell’area euro. Il Consiglio dei governatori ha il compito di definire gli obiettivi generali della politica monetaria dell’area euro e di fornire orientamenti al Consiglio direttivo. Il Comitato esecutivo è responsabile della gestione quotidiana della BCE, dell’attuazione delle decisioni del Consiglio direttivo e della preparazione delle riunioni del Consiglio direttivo.

Cos’è la politica monetaria della BCE

La politica monetaria della BCE è l’insieme di decisioni e strumenti utilizzati dalla Banca Centrale Europea per influenzare la quantità di moneta in circolazione nell’area euro e, di conseguenza, il livello generale dei tassi di interesse e dell’inflazione.

L’obiettivo principale della politica monetaria della BCE è quello di mantenere la stabilità dei prezzi nell’area euro, che viene definita come un tasso di inflazione annuo “inferiore ma vicino al 2% nel medio termine”. Per raggiungere questo obiettivo, la BCE utilizza una serie di strumenti, tra cui:

  1. Tassi di interesse: La BCE controlla il tasso di interesse a breve termine, noto come tasso di rifinanziamento principale, che influisce sui tassi di interesse a lungo termine e sui prezzi di altri strumenti finanziari.
  2. Operazioni di mercato aperto: La BCE può acquistare o vendere titoli di Stato o altri strumenti finanziari sul mercato aperto per aumentare o diminuire l’offerta di moneta in circolazione.
  3. Riserve obbligatorie: La BCE può richiedere alle banche di mantenere una certa quantità di riserve come requisito per accedere ai prestiti della BCE.
  4. Politiche di credito: La BCE può influire sulla disponibilità del credito alle imprese e ai consumatori mediante la modifica dei requisiti di riserva e delle politiche di prestito delle banche.

La BCE utilizza questi strumenti per raggiungere il suo obiettivo di mantenere la stabilità dei prezzi nell’area euro, al fine di garantire un ambiente economico sano e stabile per i paesi membri dell’UE.

politica monetaria espansiva della bce con mario draghi
Sopra: il Presidente della BCE dal novembre 2011 al novembre 2019 Mario Draghi fu protagonista di una stagione di una storica politica espansiva della BCE che “salvò l’euro”, come sostengono tanti economisti.

Cos’è la politica monetaria espansiva 

La politica monetaria espansiva della BCE (Banca Centrale Europea) ( o di un’altra banca centrale) è una strategia usata per stimolare l’economia all’interno dell’Unione Europea. Questa strategia viene generalmente utilizzata in periodi di bassa crescita economica o di recessione. Ecco alcuni dei metodi che la BCE potrebbe usare per attuare una politica monetaria espansiva:

  1. Riduzione dei tassi di interesse: quando la BCE riduce i tassi di interesse, i prestiti diventano meno costosi. Questo incoraggia le banche a prestare più denaro, che a sua volta incoraggia le aziende e i consumatori a spendere di più, stimolando così l’economia.
  2. Operazioni di mercato aperto: la BCE può comprare titoli di stato o altri asset finanziari per aumentare la quantità di denaro nel sistema bancario. Questo rende più facile per le banche prestare denaro, che a sua volta incoraggia la spesa.
  3. Quantitative Easing (QE): questa è una forma estrema di operazione di mercato aperto in cui la BCE acquista grandi quantità di titoli di stato o altri asset finanziari per iniettare denaro nel sistema economico. Questa strategia è stata usata in risposta alla crisi finanziaria del 2008 e alla crisi del coronavirus del 2020.
  4. Riduzione del tasso di riserva obbligatoria: la BCE può anche ridurre la quantità di denaro che le banche devono tenere come riserva. Questo libera più denaro per i prestiti, stimolando ulteriormente l’economia.

L’obiettivo finale di una politica monetaria espansiva è di aumentare la spesa e l’investimento per stimolare la crescita economica. Tuttavia, queste politiche possono anche portare a rischi come l’inflazione se vengono utilizzate troppo o per troppo tempo.

Elenco di obbligazioni di Stato emesse recentemente dall’Italia

Cos’è la politica monetaria restrittiva 

La politica monetaria restrittiva della Banca Centrale Europea (BCE) ( o di un’altra banca centrale) è l’opposto di una politica monetaria espansiva. Mentre una politica espansiva mira a stimolare l’economia, una politica restrittiva mira a rallentarla. Questo è generalmente fatto per controllare l’inflazione quando l’economia sta crescendo troppo velocemente. Ecco alcuni dei metodi che la BCE può usare per attuare una politica monetaria restrittiva:

  1. Aumento dei tassi di interesse: quando la BCE aumenta i tassi di interesse, i prestiti diventano più costosi. Questo scoraggia le banche dal prestare denaro, che a sua volta riduce la spesa da parte delle aziende e dei consumatori. E’ un metodo che si usa per combattere l’inflazione.
  2. Operazioni di mercato aperto: la BCE può vendere titoli di stato o altri asset finanziari per ridurre la quantità di denaro nel sistema bancario. Questo rende più difficile per le banche prestare denaro, che a sua volta riduce la spesa.
  3. Aumento del tasso di riserva obbligatoria: la BCE può aumentare la quantità di denaro che le banche devono tenere come riserva. Questo riduce la quantità di denaro disponibile per i prestiti, riducendo ulteriormente la spesa.

L’obiettivo finale di una politica monetaria restrittiva è di ridurre la spesa e l’investimento per rallentare la crescita economica e controllare l’inflazione. Tuttavia, se utilizzata in eccesso, questa politica può portare a una crescita economica troppo lenta o addirittura a una recessione. Pertanto, la BCE deve bilanciare attentamente l’uso delle sue politiche monetarie per mantenere l’economia in equilibrio.

Influenza della politica monetaria della BCE nei mercati finanziari

La politica monetaria della BCE ha un’influenza significativa sui mercati finanziari, sia a livello nazionale che internazionale. La BCE, attraverso i suoi strumenti di politica monetaria, può influire sui tassi di interesse a breve e lungo termine, sui prezzi degli asset e sulle condizioni di credito.

Ad esempio, se la BCE decide di aumentare il tasso di interesse a breve termine, ciò potrebbe aumentare i costi di finanziamento per le imprese e i consumatori, rendendo meno attraenti gli investimenti e la spesa. Al contrario, se la BCE decidesse di ridurre il tasso di interesse, ciò potrebbe rendere più attraente l’accesso al credito e stimolare la spesa e gli investimenti.

Inoltre, la BCE può utilizzare operazioni di mercato aperto per acquistare o vendere titoli di Stato o altri strumenti finanziari sul mercato, al fine di aumentare o diminuire l’offerta di moneta in circolazione. Questo può influenzare i prezzi degli asset, ad esempio i rendimenti dei titoli di Stato e le valute, e avere un impatto sui mercati finanziari globali.

In generale, le decisioni di politica monetaria della BCE possono influenzare l’intero sistema finanziario dell’area euro e avere effetti significativi sull’economia europea e mondiale. Per questo motivo, le decisioni della BCE sono attentamente monitorate dai mercati finanziari e dagli investitori in tutto il mondo.

Perchè la BCE aumenta o diminuisce i tassi di interesse?

La BCE può decidere di aumentare o diminuire i tassi di interesse per raggiungere il suo obiettivo principale di mantenere la stabilità dei prezzi nell’area euro, che viene definita come un tasso di inflazione annuo “inferiore ma vicino al 2% nel medio termine”.

Se l’inflazione nell’area euro è superiore al target del 2%, la BCE può decidere di aumentare i tassi di interesse per ridurre la spesa e gli investimenti e limitare l’aumento dei prezzi. Ciò renderebbe più costoso per le banche e le imprese accedere al credito e porterebbe a una riduzione della domanda di beni e servizi, limitando quindi l’aumento dei prezzi.

Invece, se l’inflazione nell’area euro è inferiore al target del 2%, la BCE può decidere di ridurre i tassi di interesse per stimolare la spesa e gli investimenti e aumentare la domanda di beni e servizi. Ciò renderebbe meno costoso per le banche e le imprese accedere al credito, portando a un aumento della spesa e degli investimenti, che a sua volta può stimolare la crescita economica.

In generale, la BCE cerca di mantenere un equilibrio tra la stabilità dei prezzi e la crescita economica, utilizzando i tassi di interesse come uno dei principali strumenti di politica monetaria a sua disposizione.

Quante e dove sono le riserve auree della BCE?

La BCE detiene riserve auree in nome dei paesi dell’Eurozona, ma queste riserve sono detenute principalmente dalle banche centrali nazionali degli Stati membri dell’Eurozona. La BCE stessa non possiede riserve auree significative, ma opera come coordinatore per la gestione delle riserve auree dell’Eurozona.

Al 31 dicembre 2020, l’Eurozona aveva circa 10.3 milioni di once di oro, pari a circa 321.4 tonnellate di oro, che rappresentavano circa il 14% delle riserve totali di valuta estera dell’Eurozona. La maggior parte delle riserve auree dell’Eurozona sono detenute dalle banche centrali nazionali di Francia, Germania e Italia.

È importante notare che, sebbene l’oro sia considerato una riserva di valore importante e tradizionale, le riserve auree non sono più un fattore importante nella gestione della politica monetaria moderna. Al giorno d’oggi, le riserve valutarie delle banche centrali sono costituite principalmente da valute estere come dollari americani, yen giapponesi, sterline britanniche e altre valute importanti.

Cos’è il Quantitative Easing della BCE?

Il Quantitative Easing (QE) della BCE è una politica monetaria non convenzionale utilizzata dalla Banca Centrale Europea per stimolare l’economia dell’area dell’euro. Il QE prevede l’acquisto di grandi quantità di titoli di debito, come titoli di Stato, obbligazioni aziendali e titoli garantiti da attività (asset-backed securities) sul mercato, al fine di aumentare la liquidità nel sistema finanziario e stimolare la spesa e gli investimenti.

Il QE della BCE è stato introdotto per la prima volta nel 2015 e ha avuto diversi programmi di acquisto di titoli di debito nel corso degli anni. Il programma più recente è stato il programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP), introdotto nel marzo 2020 per far fronte alla crisi economica causata dalla pandemia di COVID-19. Il PEPP prevede l’acquisto di titoli di debito per un totale di 1,85 trilioni di euro fino almeno a marzo 2022, ma è stato successivamente esteso a giugno 2022.

L’obiettivo del QE della BCE è quello di aumentare l’offerta di moneta in circolazione, stimolare la domanda di prestiti e ridurre i tassi di interesse a lungo termine. Ciò rende più attraente per le imprese e i consumatori accedere al credito e stimola la spesa e gli investimenti. Inoltre, l’acquisto di titoli di debito aumenta la domanda di questi strumenti finanziari e quindi ne riduce i rendimenti, che a sua volta riduce i costi di finanziamento per le imprese e i governi.

Il QE della BCE è stato ampiamente utilizzato negli ultimi anni per stimolare l’economia dell’area dell’euro, ma è anche stato oggetto di dibattito e critiche da parte di alcuni esperti economici e politici.

Rapporto tra BCE e Banca d’Italia

La Banca d’Italia è la banca centrale nazionale dell’Italia e fa parte del Sistema Europeo di Banche Centrali (SEBC), insieme ad altre banche centrali nazionali dell’Eurozona e alla Banca Centrale Europea (BCE). La Banca d’Italia collabora quindi strettamente con la BCE nell’attuazione della politica monetaria dell’area dell’euro.

In particolare, la Banca d’Italia partecipa alla definizione delle politiche monetarie dell’Eurozona tramite il Consiglio dei governatori del SEBC, che si riunisce regolarmente per prendere decisioni sulla politica monetaria dell’Eurozona. La Banca d’Italia è rappresentata nel Consiglio dei governatori dalla persona che ricopre la carica di Governatore della Banca d’Italia.

Inoltre, la Banca d’Italia svolge un ruolo importante nella vigilanza e nella regolamentazione del sistema bancario italiano, in collaborazione con l’altro organismo di vigilanza bancaria in Italia, la Banca d’Italia. La Banca d’Italia fornisce anche servizi di pagamento e deposito alle banche italiane e svolge funzioni di gestione delle riserve valutarie dell’Italia.

In sintesi, la BCE e la Banca d’Italia collaborano strettamente per definire e attuare la politica monetaria dell’area dell’euro e la Banca d’Italia svolge un ruolo importante nella vigilanza e nella regolamentazione del sistema bancario italiano.

Rapporto tra BCE e FED

La BCE (Banca Centrale Europea) e la FED (Federal Reserve System) degli Stati Uniti sono le rispettive banche centrali dell’area dell’euro e degli Stati Uniti. Nonostante abbiano funzioni e competenze diverse, entrambe le banche centrali svolgono un ruolo importante nell’attuazione della politica monetaria e nella gestione delle rispettive economie.

Le due banche centrali collaborano e si coordinano su questioni di interesse comune, come la regolamentazione del sistema finanziario globale e la risposta alle crisi finanziarie internazionali. Inoltre, la BCE e la FED mantengono un dialogo regolare e costruttivo sui rispettivi approcci alla politica monetaria e alla regolamentazione del sistema finanziario.

Tuttavia, le due banche centrali hanno anche differenze importanti nelle loro politiche e nei loro obiettivi. Ad esempio, la FED ha una doppia mandato di promuovere la stabilità dei prezzi e il massimo impiego, mentre la BCE ha come obiettivo principale il mantenimento della stabilità dei prezzi nell’area dell’euro. Inoltre, la FED ha una maggiore autonomia rispetto al governo degli Stati Uniti, mentre la BCE è soggetta a un maggiore controllo politico degli stati membri dell’area dell’euro.

In sintesi, la BCE e la FED collaborano e si coordinano su questioni di interesse comune, ma hanno anche differenze importanti nelle loro politiche e nei loro obiettivi.

ARTICOLI CORRELATI

Silicon Valley Bank: Rischi per l’Europa e l’Italia

il default di first republic bank

Roma, 20 marzo 2023. Il crollo della Silicon Valley Bank ci da lo spunto per

 

 

 

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.