Esercito Cinese: le Novità per il 2035 Che Spaventano l’Occidente

La Cina ha aumentato di 12 volte le spese per gli armamenti in pochi anni e potrebbe spodestare gli Stati Uniti come prima potenza militare mondiale, per farlo sta presentando un piano strategico sul lungo periodo da attuare entro il 2035 sul piano tecnologico, economico e militare, con lo yuan che potrebbe diventare la principale valuta mondiale. Nell’articolo di oggi scopriremo i piani per creare il nuovo esercito cinese.

Complice l’aumento del PIL e gli ingenti investimenti militari, quello della Cina è uno degli eserciti più vasti, strutturati e tecnologicamente avanzati al mondo, specialmente per armamenti e cybersicurezza, sarà quindi un momento favorevole per creare una nuova potenza militare. Cosa succederà allo scenario geo-politico mondiale con la nascita nel nuovo esercito cinese?

In altre parole, se Putin viene considerato un pericolo dall’opinione pubblica in occidente, il sorridente Xi dovrebbe essere considerato UN INCUBO. 

novità dell'esercito cinese
Sopra: dei soldati e mezzi dell’esercito cinese

Cina, la situazione economica storica

Fino alla metà degli anni ’70, la Cina è stata una delle nazioni più povere al mondo, tanto che secondo stime Economia-italia.com almeno il 30% della sua popolazione viveva in condizioni di povertà assoluta. Tuttavia, con la morte di Mao Tze Tung nel 1976, negli anni successivi grazie al presidente Deng Xiaoping e la sua Privamera di Pechino inizia ad aprirsi al panorama economico-commerciale internazionale, avendo rapporti con:

  • Banca Mondiale
  • Fondo Monetario Internazionale
  • World Trade Organization

Così facendo, incontrerà nuovi partner commerciali e otterrà tassi più vantaggiosi per gli investimenti infrastrutturali. Una situazione favorevole in cui acquisirà l’appellativo di Fabbrica del Mondo: molte aziende mondiali porteranno fabbriche e stabilimenti produttivi in Cina per sfruttare la maggiore forza-lavoro a basso costo.

Nel giro di due decenni e specialmente negli anni ’90 l’economia nazionale ha avuto un forte balzo, con le più grandi metropoli che hanno avuto evoluzioni tecnologiche e nei trasporti. Ciò ha permesso alla Cina di diventare una delle maggiori potenze economiche internazionali, ma anche una dai maggiori investimenti militari.

Una serie di riforme da parte del Governo Cinese ha portato ad un imponente processo di modernizzazione, tra tutte il Piano per il Ringiovanimento del Paese, che le permette di divenire uno dei paesi più globalizzati al mondo con aumento esponenziale del PIL, che secondo stime al 2022 rappresenta il 15% di quello internazionale, secondo solo agli Stati Uniti col 24%.

Quale scenario per il nuovo esercito cinese?

Obiettivo dichiarato da Pechino è quello di diventare la più grande potenza militare al mondo entro il 2035, implementando inoltre difesa del territorio e tratte commerciali: secondo la Banca Mondiale, nel 2000 le spese militari cinesi erano di poco superiori ai 20 miliardi di dollari mentre nel 2020 ammontano a 250 miliardi, divenendo la seconda o terza potenza al mondo; al primo posto vi sono gli Stati Uniti, con circa 700 miliardi di dollari in spese militari nel 2021.

Spese ingenti non corrispondono però necessariamente a eserciti efficienti in tutti i campi, tanto che la Cina conta principalmente su:

  • Armi tecnologicamente avanzate
  • Flotte navali tra le più potenti al mondo
  • Cyberpower e cybersicurezza

La svolta è dovuta all’entrata nella World Trade Organization: negli anni ’90 l’esercito cinese aveva dimensioni ridotte ed era poco armato, al contrario dei punti di forza tecnologici e strumentali acquisiti a partire dal XX secolo, coi quali vuole diventare il principale competitor di quello statunitense, che vede però spese maggiori per strumentazione, salari dei soldati e numero d’operazioni svolte.

Contrariamente agli U.S.A., al 2022 la Cina possiede una sola base militare in Gibuti, Africa, in prossimità del Canale di Suez, importante area strategica commerciale: tale scelta è mirata a proteggere le navi mercantili dagli attacchi dei pirati.

Anzichè spendere in operazioni militari all’estero, negli ultimi anni la Cina si concentra sullo stringere accordi commerciali solidi e strategici. Principale esempio è la creazione della Nuova Via della Seta, una tratta commerciale che coinvolgerà più di 60 paesi in:

  • Asia
  • Africa
  • Medio Oriente
  • Europa
  • Sudest Asiatico
  • Oceania

Un’iniziativa di stampo economico che coinvolgerà anche l’Italia, allargando la sua influenza anche nell’Europa Occidentale evitando però il conflitto con altre superpotenze. Anche la strategia militare cinese si concentra sull’evitare il più possibile conflitti senza sprechi economici, bensì aumentando le risorse e sconfiggendo il nemico per vie indirette.

Gli investimenti sulla Nuova Via della Seta si concentreranno infatti sulla costruzione di infrastrutture, con collegamenti trans-nazionali tra Pechino e Rotterdam, passando per:

  • Teheran
  • Istanbul
  • Mosca

Da considerare anche una via marittima che colleghi:

  • Hanoi
  • Giacarta
  • Kuala Lumpur
  • Nairobi
  • Atene
  • Venezia

Un progetto su larga scala, che secondo la Banca Mondiale coinvolgerà il 33% del commercio e circa il 60% della popolazione globali.

Come sarà il nuovo esercito cinese?

La situazione economica sarà a vantaggio del nuovo esercito cinese, che investe  miliardi di yuan nella creazione di missili ipersonici, capaci di volare a basse altitudini e quindi più difficilmente individuabili dai radar nemici, nel mentre è impegnato nella costruzione della più grande flotta navale al mondo.

Non da meno, sebbene non ci siano dati precisi, c’è da ricordare che la Cina vanta del più grande esercito informatico a livello globale, con hacker che possano fornire un elevato vantaggio informativo rispetto a Stati Uniti e altre potenze economiche e militari, collegandosi direttamente al discorso dell’intelligenza artificiale. Secondo Vladimir Putin, le guerre del futuro saranno combattute sul piano informatico e uscirà favorito chi si aggiudicherà il primato militare, sia in ambito strategico che operativo.

Vista l’attuale situazione, l’esercito cinese sarebbe già in grado di competere con la superpotenza statunitense, specialmente in una guerra lampo, e lo scenario più plausibile per un nuovo conflitto è la First Island Chain: un’area dal Giappone alle Filippine su cui la Cina esercita una forte influenza a causa delle forti tensioni geo-politiche in corso, tra tutte la questione dell’indipendenza di Taiwan, zona fortemente sorvegliata dagli U.S.A. dal 1954.

Cina e Taiwan, la situazione attuale

Oggetto di accordo bilaterale con gli Stati Uniti, Taiwan è da sempre nel mirino del Partito Comunista Cinese, schierato contro la città-stato con metodi non-violenti, incontrando però la resistenza popolare.

Tuttavia, per i prossimi anni il PCC è intenzionato a reprimere la resistenza taiwanese con le nuove forze militari, complici anche le esercitazioni che vi si intensificano. Taiwan ha però diversi vantaggi, di cui i maggiori:

  • Conformazione geografica
  • Punti d’attacco ridotti
  • Difese avanzate
  • Forte presenza statunitense
  • Basi militari puntate verso la Cina

A conti fatti, nonostante la crescita esponenziale del nuovo esercito cinese, potrebbero volerci altri 20-30 anni prima che la superpotenza riesca ad espugnare l’isola taiwanese, considerando anche l’intenzione degli U.S.A. di intervenire in caso di invasione.

 

Il nuovo rapporto del Pentagono delinea l’espansione della Cina nel Pacifico e la politica nucleare

Il rapporto annuale dell’agenzia fornisce le sue ultime informazioni sulla progressione dell’Esercito popolare di liberazione.

Nel 2022 il Pentagono ha pubblicato il suo rapporto annuale sull’Esercito popolare di liberazione.

Il rapporto afferma che la Cina sta espandendo le sue forze nucleari e convenzionali, con un forte aumento del numero di armi nucleari.
La Cina sembra concentrata sul Pacifico occidentale e su Taiwan ,  per ora questo sembra essere il limite delle sue ambizioni immediate.
La Cina sta continuando a costruire le sue forze aeree e navali nel Pacifico e sta ingrandendo il suo arsenale nucleare fino a sei volte rispetto a prima. Questi sono due aspetti del rapporto militare annuale del Pentagono sulla Cina, pubblicato questa settimana. Ciò che non è ancora chiaro, e ciò che il rapporto non menziona ancora, è quali lezioni la Cina potrebbe trarre dalla guerra in Ucraina se un giorno decidesse di invadere Taiwan .

Il rapporto, 2022 Military and Security Developments Involving the People’s Republic of China , è stato pubblicato il 28 novembre. I rapporti annuali, previsti dalla legge federale, sono una panoramica non classificata delle nuove osservazioni e tendenze all’interno dell’Esercito popolare di liberazione (PLA), la nome delle forze militari cinesi. (L’esercito cinese è tecnicamente l’Esercito dell’Esercito Popolare di Liberazione, la marina è la Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione, l’aeronautica è l’Aeronautica Militare dell’Esercito Popolare di Liberazione e così via.)

Il Chengdu J-20 è stato il primo jet da combattimento di quinta generazione al di fuori degli Stati Uniti a diventare operativo.

Il Pentagono afferma che la politica militare della Cina include “la salvaguardia della sua sovranità, sicurezza e interessi di sviluppo, sottolineando al contempo un ruolo globale maggiore per se stessa”. Il PLA dovrebbe completare un programma di “meccanizzazione, informatizzazione e intelligentizzazione” entro il 2027, il centenario della fondazione del PLA. La Cina si aspetta che le sue forze armate diventino una forza armata di “classe mondiale” entro il 2049, il 100° anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese .

L’esercito cinese è forte di circa 2,2 milioni di membri, rispetto agli 1,4 milioni di membri delle forze armate statunitensi. Il budget per la difesa cinese era di 261 miliardi di dollari per il 2021 (il think tank svedese SIPRI lo stima a 293 miliardi di dollari utilizzando altri parametri), rispetto agli 801 miliardi di dollari del Pentagono. Oltre a ciò, è difficile confrontare i due paesi, poiché hanno forze armate molto diverse costruite per altri motivi. L’esercito americano è costruito per la guerra di spedizione, mentre l’esercito cinese è più preoccupato per la patria e il Pacifico occidentale, sebbene abbia eventuali ambizioni di spedizione. La Cina e gli Stati Uniti hanno dottrine nucleari diverse, anche se sembrano arrivare gradualmente a scopi simili, portando a una drammatica espansione cinese.

Uno dei principali risultati di questo rapporto è l’analisi del continuo accumulo di armi nucleari in Cina. Il Pentagono stima che nel 2020 le scorte nucleari della Cina fossero al “minimo 200”, ma una “espansione accelerata” significa che probabilmente ha circa 400 armi nucleari oggi, ed è sulla buona strada per avere 1.500 armi nucleari entro il 2030. Le armi nucleari andranno verso le centinaia di nuovi missili balistici intercontinentali per i quali la Cina sta costruendo silos , due nuovi sottomarini missilistici nucleari e l’ imminente bombardiere stealth H-20 , che avrà missioni sia nucleari che convenzionali.

Il rapporto afferma che anche un cambiamento nella politica nucleare sta guidando l’espansione. Fino a poco tempo fa, la Cina ha costruito il numero minimo di armi nucleari di cui pensava di aver bisogno per sopravvivere a un primo attacco, quindi eseguire un contrattacco contro i centri abitati nemici. Nessun avversario scambierebbe la distruzione della Cina con la perdita di quattro o cinque delle sue più grandi città. Ciò ha anche assicurato che i leader cinesi non potessero essere risucchiati a pensare troppo a qualsiasi crisi nucleare e non avrebbero speso ingenti somme di denaro per costruire una grande e costosa impresa di armi nucleari.

Apparentemente è cambiato. Il Pentagono riferisce che la Cina si sta spostando verso una politica di “lancio su avvertimento”, in cui la Cina non aspetterebbe la conferma delle bombe atomiche nemiche che esplodono sul suo suolo prima di lanciare il contrattacco . Gli Stati Uniti e la Russia hanno entrambi politiche di lancio in caso di avvertimento, che lasciano meno margine di errore e potrebbero portare a incidenti catastrofici: in caso di crisi, un computer, un sensore o un altro guasto potrebbe indurre un paese a credere che sia sotto attacco, spingendolo a lanciare le proprie armi prima dell’attacco immaginario.

Un’altra importante area di interesse nel rapporto è sulle forze navali cinesi. Il rapporto valuta la Marina dell’Esercito popolare di liberazione (PLAN) come “la più grande marina al mondo con una forza di battaglia di circa 340 piattaforme, tra cui i principali combattenti di superficie, sottomarini, navi anfibie oceaniche, navi da guerra mineraria, portaerei , e ausiliari della flotta. Il PLAN è sulla buona strada per una flotta di 400 navi entro il 2025 e 440 navi entro il 2030.

Sebbene l’affermazione sia vera, ha bisogno di alcuni chiarimenti. La Cina ha più navi da guerra, ma il peso medio per dislocamento per nave è molto inferiore a quello della Marina degli Stati Uniti. Il PLAN include decine di navi più piccole, comprese le corvette Tipo 056 e le navi lanciamissili Tipo 022 che sono più adatte alla difesa costiera e non hanno equivalenti nella Marina degli Stati Uniti. Le navi da guerra della Marina degli Stati Uniti sono generalmente più pesanti delle loro controparti cinesi, anche se le cose stanno gradualmente cambiando. Anche la Marina degli Stati Uniti fa impazzire il confronto con le sue 11 portaerei, ciascuna del peso di circa 100.000 tonnellate, mentre la Cina ha due portaerei in servizio con un peso di circa 60.000 tonnellate ciascuna.

La Cina potrebbe invadere Taiwan adesso se lo volesse ? Il rapporto non prende posizione su questo, e la maggior parte degli analisti esterni concordano che la Cina non ha il trasporto aereo e marittimo per effettuare una traversata di successo, per ora. Il rapporto menziona le opzioni militari, a parte una guerra totale, che la Cina potrebbe intraprendere contro Taiwan, compreso un blocco aereo e navale o il sequestro di Kinmen , un’isola taiwanese appena al largo della costa cinese.

Il rapporto afferma inoltre che la capacità di invadere Taiwan è un obiettivo militare chiave, se non il principale, dell’attuale rafforzamento militare cinese.

Le più recenti armi da guerra della Cina

Un tempo dipendente dall’Unione Sovietica per il suo arsenale, la Cina ha fatto grandi investimenti per modernizzare le sue forze e diventare un attore più importante sulla scena internazionale.

Il budget per la difesa del paese, ora di 145 miliardi di dollari , è a un livello record. Ecco alcune delle armi più recenti e importanti dell’esercito cinese.

Il “vento dell’est” della Cina

Secondo l’ US Naval Institute , il missile cinese Dong Feng 21 (DF-21D), visto qui in una parata militare del 2015, è un “assassino di portaerei”. Il missile balistico anti-nave, che si dice sia il primo al mondo, ha una velocità massima stimata di Mach 10, con una portata massima di 1.250 miglia.

È progettato per abbattere un’intera portaerei americana in un colpo solo.

Il missile DF-21D 

Sebbene il DF-21D sia un’arma spaventosa sulla carta, l’esercito americano non è convinto che il missile possa mantenere la sua promessa.

“Non è chiaro se la Cina abbia la capacità di raccogliere informazioni accurate sui bersagli e trasmetterle alle piattaforme di lancio in tempo per attacchi riusciti nelle aree di mare oltre la prima catena di isole… che va dal Giappone alle Filippine”, ha scritto il Dipartimento della Difesa. in una relazione annuale.

La difesa della US Navy contro il DF-21D

Questa, nel frattempo, è la risposta degli Stati Uniti al missile cinese DF-21D: il missile a raggio esteso SM-6, lanciato qui dalla USS Dewey.

L’SM-6 è stato testato con successo dalla US Navy nel dicembre 2016 contro un bersaglio rappresentativo del DF-21D. I test della Cina sul proprio missile, nel frattempo, devono ancora dimostrare la sua capacità di colpire obiettivi mobili in mare.

nuove armi cinesi
Sopra: il nuovo J-31 cinese un aereo Stealth superiore all’F-35 secondo gli stessi cinesi

J-31: il nuovo caccia stealth cinese

Svelato per la prima volta al pubblico come modello in scala 1/4 alla China International Aviation and Aerospace Exhibition 2012, lo Shenyang J-31 (o Falcon Hawk) è il colpo della Cina a un caccia stealth di quinta generazione. Dovrebbe entrare in servizio nel 2018 o nel 2019.

Il J-31 è classificato come un concorrente dell’F-35 Lightning II degli Stati Uniti ( e Italia ) . È probabile che una versione del J-31 venga venduta a paesi a cui è vietato l’acquisto di un F-35.

Un aereo stealth deludente

Si ritiene che il J-31 utilizzi rivestimenti invisibili per eludere i radar. L’aereo può trasportare sia missili aria-aria che aria-terra all’esterno e quattro munizioni all’interno.

Gli osservatori sono rimasti delusi dal debutto in volo dell’aereo nel 2014, almeno rispetto all’avanzatissimo F-35 Lightning II. Reuben Johnson di Aviation International News ha dichiarato: “L’aereo perde troppa energia e il pilota ha avuto difficoltà a tenere il muso alzato durante le virate e altre manovre. Ha anche dovuto attivare i postbruciatori troppo spesso per mantenere una corretta curva di utilizzo dell’energia”.

Le prime donne pilota cinesi

L’aeronautica militare cinese ha reclutato le sue prime 35 apprendiste pilota nel luglio 2005. Meno della metà si è laureata nel 2009 e solo quattro di queste reclute sono state addestrate per pilotare il caccia cinese J-10 di terza generazione.

I quattro, mostrati qui, alla fine si unirono alla squadra di dimostrazione aerea del 1° agosto, la risposta della Cina ai Blue Angels della Marina degli Stati Uniti.

Yu Xu, l’eroe pilota cinese

Il 14 novembre 2016, secondo quanto riferito, Yu Xu, la prima donna a pilotare un J-10 cinese, è rimasta uccisa in un incidente di addestramento quando il suo jet si è scontrato con un altro.

Xu è stato espulso ma è stato colpito e ucciso dall’ala di un altro aereo. L’altro aereo è riuscito ad atterrare in sicurezza.

Il jet J-15 sulla portaerei cinese

Lo Shenyang J-15 è il primo jet da combattimento cinese costruito in Cina, progettato per la sua prima portaerei progettata in Cina. Ha fatto il suo primo decollo nel maggio 2010.

Va tutto bene a bordo del J-15

Qui, un pilota di J-15 alza il pollice mentre si trova sul ponte della portaerei Liaoning. La nave, insieme ad altre, ha partecipato a un’esercitazione a fuoco vivo nel Mare di Bohai nel dicembre 2016.

 

Missile J-15

Il J-15 può, in teoria, trasportare 12 missili aria-aria contemporaneamente.

Gli analisti militari, tuttavia, affermano che questo aereo sottodimensionato può trasportare solo quattro missili quando è completamente rifornito, mentre la portata dell’aereo è limitata a poco meno di 75 miglia.

Questo aereo ha bisogno di una piccola spinta

Sebbene la Cina si vanti delle capacità del J-15, affermando che le sue prestazioni salgono al livello del Super Hornet statunitense F/A-18, ci sono diversi inconvenienti chiave.

In particolare, il J-15 non può decollare senza una rampa ( di quelle simili a quella che abbiamo nella portaerei italiana Cavour) . È anche limitato a due tonnellate di armi.

esercito cinese, portaerei cinese
Sopra: la prima portaerei cinesi si chiama Liaoning

La prima portaerei della Cina

Il J-15 è stato sviluppato per essere utilizzato con la Liaoning, la prima portaerei cinese. Commissionato nel settembre 2012, trasporta un equipaggio di 1.960 persone.

A differenza dei vettori di classe Nimitz a propulsione nucleare utilizzati dagli Stati Uniti, il Liaoning è alimentato da turbine a vapore e motori diesel.

Nato in URSS

Il Liaoning fu stabilito per la prima volta come Riga nell’ex Unione Sovietica nel 1985. La costruzione si interruppe quando l’Unione Sovietica crollò; i resti arrugginiti della nave furono acquistati all’asta nel 1998 per 20 milioni di dollari.

Dopo anni di retrofitting, la Marina dell’Esercito popolare di liberazione ha ufficialmente commissionato la nave come Liaoning nel settembre 2012.

Le donne marinai in alloggi sicuri

Nel marzo 2010, la marina cinese ha lanciato la sua prima squadra di addestramento di marinai femminili. Oggi, il Liaoning ospita circa 100 donne del personale, che vivono tutte in un dormitorio privato protetto da un sensore di impronte digitali.

J-11B: un aereo rubato e copiato alla Russia ?

La Cina ha originariamente concesso in licenza i piani per lo Shenyang J-11, il suo jet da combattimento di quarta generazione, dalla Russia. In quanto tale, è una copia carbone del Sukhoi Su-27SK. Ma a un certo punto negli anni 2000, la Cina ha smesso di usare l’avionica e le armi di origine russa, passando invece alla tecnologia domestica, un atto che secondo la Russia costituisce una violazione del contratto segreto sulle armi dei paesi.

Questo aereo aggiornato, ribattezzato J-11B, può essere visto qui all’airshow biennale di Changchun nella provincia cinese di Jilin.

Questo è un aereo a reazione veloce (e costoso).

Ogni J-11B costa alla Cina circa 30 milioni di dollari per essere costruito. L’aereo ha una velocità massima di Mach 2,35 (1.550 mph) e può salire fino a 60.000 piedi al minuto.

J-11: “Flanker B-plus”

Codificato “Flanker B-plus” dalla NATO, il J-11 è pensato per essere un diretto concorrente dei caccia F-15 Eagle e F-16 Fighting Falcon della US Air Force .

Qui, il comando del teatro occidentale dell’Esercito popolare di liberazione prepara un jet J-11 come parte del loro addestramento.

Questo jet spara missili cinesi e russi

I membri dell’equipaggio caricano un missile aria-aria su un jet J-11 durante un’esercitazione nel luglio 2016.

Il J-11 trasporta missili aria-aria guidati da raggi infrarossi e radar, provenienti sia dal paese che dalla Russia.

J-11 all’attacco

Ogni J-11B può trasportare fino a 10 missili. È inoltre armato con un cannone automatico da 30 mm che spara 1.500 colpi al minuto.

VT-4 MBT: il carro armato high-tech cinese

Il carro armato principale VT-4 di terza generazione, che deve ancora entrare nella produzione di massa, presenta due vantaggi chiave rispetto ai carri armati concorrenti come il russo T-14 Armata: utilizza una tecnologia collaudata ed è poco costoso da costruire.

Una caratteristica fondamentale è il suo cannone a canna liscia da 125 mm, in grado di sparare testate anticarro a una distanza di poco più di 3 miglia.

Il carro armato VT-4

Norinco, il costruttore cinese del carro armato VT-4, ha suggerito che può tenere il passo con altri carri armati di terza generazione, incluso l’americano M1A2 Abrams.

Anche se questo deve ancora essere dimostrato, la Cina ha comunque siglato un accordo con il Royal Thai Army per fornirgli 38 carri armati VT-4.

J-20: il nuovo caccia stealth cinese da 110 milioni di dollari

La Cina entra a far parte di un club molto esclusivo con il suo Chengdu J-20 di quinta generazione, diventando solo il terzo paese a costruire un caccia stealth a livello nazionale. Tuttavia, non è economico: ciascuno dovrebbe costare $ 110 milioni.

… ma quanto è furtivo?

I media statali cinesi affermano che il J-20 è entrato in servizio nel marzo 2017 . L’aereo potrebbe servire a un duplice scopo come caccia aria-aria e come caccia d’attacco furtivo contro bersagli a terra.

Detto questo, mentre il J-20 è furtivo dalla parte anteriore, si ritiene che sia vulnerabile al rilevamento dalla parte posteriore e laterale, limitando la sua efficacia.

Un aereo stealth costruito con tecnologia statunitense rubata?

Il 13 luglio 2016, l’uomo d’affari cinese Su Bin è stato condannato da un tribunale federale degli Stati Uniti a 46 mesi di carcere per aver contribuito a rubare informazioni sui caccia F-22 e F-35 Lightning II di quinta generazione.

I pubblici ministeri affermano che Su ha detto agli hacker quali appaltatori militari prendere di mira. Dopo che i dati sono stati rubati, Su avrebbe tradotto le informazioni dall’inglese al cinese.

Il drone cinese “Wing Loong”.

Non tutti gli aerei cinesi richiedono un pilota. Il Chengdu Pterodactyl I, noto anche come Wing Loong, è un drone senza pilota che ha effettuato il suo primo volo nel 2009. Lo Pterodactyl può trasportare fino a 220 libbre di armi aria-superficie, bombe a guida laser e missili.

Il drone ha un costo stimato di 1 milione di dollari e viene venduto in paesi dell’Africa e del Medio Oriente.

Anche questo drone ha combattuto contro l’ISIS

Risorse Utili:

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.