Armi Nucleari Tattiche: Potrebbero essere usate dalla Russia in Ucraina?

Col conflitto Russia-Ucraina che imperversa, le minacce di Putin di utilizzare un arsenale di dissuasione si fanno sempre più verosimili, in questo anche una bomba tattica nucleare. In quest’articolo scopriremo cosa sono le armi tattiche nucleari, quando si utilizzano e qual è il loro potenziale distruttivo.

La decisione del presidente russo di ricorrere all’azione nucleare è un modo per fare pressione sull’Occidente dissuadendolo da eventuali interventi militari ma, seppur con armi di limitata potenza, porterebbe comunque distruzione e radiazioni. Nell’ipotesi di un attacco sul Mar Nero c’è quindi da capire, cosa sono gli ordigni nucleari tattici?

Armi Nucleari Tattiche: Potrebbero essere usate dalla Russia in Ucraina?
Immagine sopra: un veicolo russo con un missile in grado di trasportare un’arma nucleare tattica.

Cosa sono le armi nucleari tattiche e a cosa servono?

Chiamate anche con l’acronimo TNW (tactical nuclear weapons), per armi tattiche nucleari si intendono ordigni nucleari a basso rendimento progettati per essere direttamente impiegati sul campo di battaglia. Al contrario delle armi nucleari strategiche, utilizzate per colpire grandi città, aree militari o strutture logistiche lontane dal fronte, quelle tattiche sono caratterizzate dal ridotto potenziale distruttivo e possono essere impiegate in varie situazioni belliche, come ad esempio fermare o ridurre offensive nemiche.

Anche in territori amici contesi o con forze alleate in prossimità, obiettivi più comuni possono essere:

  • Ampie forze armate di terra, mezzi armati e/o corazzati
  • Ampie forze aeree
  • Sottomarini
  • Bunker di dimensioni piccole-medie
  • Edifici o avamposti fortemente difesi
  • Tunnel, viadotti, passi e altre vie percorribili

Solitamente di piccole dimensioni, sono facilmente trasportabili e utilizzabili da due o più soldati o su camion, senza l’ausilio di mezzi aerei, esempi ne possono essere:

  • Bombe guidate e non guidate
  • Missili a corto raggio
  • Proiettili a implosione
  • Mine terrestri e subacquee
  • Siluri subacquei
  • Missili terra-aria e aria-aria
  • Bombe a valigetta

Alcune di queste hanno la possibilità di migliorare la loro efficienza sul campo grazie al rendimento variabile, con l’operatore che potrà decidere resa e potenza esplosiva dell’arma in funzione della situazione: esempio più importante di questa funzionalità è la bomba a neutroni.

Possono causare danni fino a 500 metri di diametro, a cui si aggiungono i danni causati dalla radioattività. Importanti esempi da ricordare sono:

  • Fucile nucleare M-388 Davy Crockett
  • Testata a valigetta SADM
  • Mine nucleari Blue Peacock
  • Bomba non guidata B57
  • Bomba non guidata B61
  • Bomba a fissione W25
  • Bomba a fissione Red Beard
  • Proiettile d’artiglieria nucleare W33
  • Testata termonucleare W85
  • Sistema di missili balistici NASR

Disciplinate a livello internazionale dalla NATO e altri programmi mirati (tra tutti START1 del 1991 e SORT del 2002 tra Stati Uniti e Russia), che ne obbligano trasparenza nell’uso e stoccaggio imponendone limitazioni, il loro dispiegamento non può rischiare di portare a rapide escalation belliche e al conseguente utilizzo di armi strategiche, al contrario vengono utilizzate come deterrente verso l’attacco di eserciti nemici.

Armi nucleari tattiche nella storia

Pensando alle armi tattiche nucleari impossibile non pensare alla Guerra Fredda: dopo il 1949, anno in cui viene fondata la NATO ed eseguito il primo esperimento nucleare sovietico, gli Stati Uniti ne aumentarono consistentemente il loro arsenale, fino a raggiungere i 7.000 ordigni tattici solo in Europa alla fine degli anni ’70, numero maggiore rispetto ai 5.000 detenuti dall’Unione Sovietica, che prediligeva però armi sub-strategiche. All’apice del conflitto si contavano oltre 70.000 testate tra tattiche e strategiche per entrambe le superpotenze.

Al termine della Guerra Fredda nel 1991, entrambi gli stati ritirarono progressivamente la maggior parte del loro arsenale tattico: secondo stime del Congressional Research Service, a luglio 2021 vi sono 230 testate per gli U.S.A. e tra 1.000 e 2.000 per la Russia.

Che ruolo avranno le testate tattiche nucleari nel conflitto Russia-Ucraina?

Nel conflitto bellico tra Russia e Ucraina, iniziato il 24 febbraio 2022 e che prosegue verso una rapida escalation, dopo le sanzioni emesse da Europa e U.S.A. verso Mosca le minacce di Vladimir Putin di ricorrere al suo arsenale iniziano a portare forte tensione in tutto il mondo: nel peggiore degli scenari non è da escludere un attacco con armi nucleari tattiche.

La messa in stato di preallerta del dispositivo nucleare può essere un modo per Putin di fare pressione sull’Occidente, ma dobbiamo anche tenere a mente che, anche se pochi lo pensavano, finora lui ha fatto quello che aveva detto, quindi per mostrare la propria determinazione non possiamo escludere che faccia esplodere una bomba tattica nucleare nel Mar Nero.

Queste le parole di Giorgio Battisti, generale di corpo d’armata e presidente della Commissione Militare del Comitato Atlantico Italiano, secondo cui intenzione di Putin è quella di mantenere fede alla dichiarazione del 21 febbraio, smilitarizzando l’Ucraina e far desistere Europa e Stati Uniti da azioni congiunte anche dietro la minaccia di un attacco nucleare sul Mar Nero, centro strategico dell’est-Europa, destabilizzando così le situazioni geo-politiche delle aree confinanti.

Seppur con raggio ridotto ed effetti minori di un ordigno strategico, una bomba tattica emanerebbe radioattività portando distruzione e paura nei territori coinvolti, impedendo l’avanzata nemica, nel contempo potrebbe rappresentare un preambolo all’impiego di armi più distruttive. Forti preoccupazioni si hanno anche per la centrale nucleare di Zaporiggia, Ucraina, la più grande d’Europa e quinta al mondo, già obiettivo mancato nella notte del 3 marzo.

Tuttavia, secondo il SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute), l’uso d’armi nucleari non rientrerebbe nei piani del presidente russo.

Penso che l’uso di armi nucleari sia improbabile al momento. Con questa minaccia, Putin intende dividere l’Occidente e mettere le popolazioni contro i loro governi. La gente ha paura delle armi nucleari. Per questo motivo la sua strategia potrebbe funzionare.

Queste invece le parole di Oliver Thränert, capo del Centro Studi sulla Sicurezza al Politecnico di Zurigo, in linea con la posizione del SIPRI, aggiungendo inoltre che, in caso di dispiegamento di armi nucleari, lo stesso Putin si ritroverà sotto la pressione della contraria popolazione russa.

A conti fatti, la minaccia nucleare del Cremlino sarà improbabile ma non troppo remota: nonostante la Russia abbia reagito pesantemente alle sanzioni, speranze risiederanno nella diplomazia e nelle mosse della NATO, come l’applicazione del trattato TPAN già in vigore dal 2021.

 

Armi Nucleari in Italia

E’ cosa nota che in Italia vi siano un centinaio di armi nucleari tra tutte le basi NATO presenti nel Nostro paese.

L’Italia non è tecnicamente in possesso di queste armi, che sono di possesso degli Stati Uniti, va detto però che almeno 40 di questi ordini sono a disposizione dell’Aeronautica militare italiana che può trasportarli con gli F-35 in dotazione. Questo NON SIGNIFICA che il governo italiano – volendo – può utilizzare un’arma nucleare, questo significa che in caso di guerra e in caso di bisogno di uso di armi nucleari, la NATO può dare l’ordine ad un F-35 italiano di alzarsi in volo e colpire il nemico con una bomba nucleare tattica.

 

La strategia militare russa sull’uso di armi nucleari tattiche

C’è una crescente certezza in Occidente che la Russia abbia adottato una strategia nucleare “escalation to de-escalation“, che alza le probabilità dell’uso delle armi nucleari tattiche a un livello decisamente preoccupante. È importante sottolineare che è citato come un fatto nella nuova Nuclear Posture Review dell’amministrazione Trump , che sostiene che gli stessi Stati Uniti hanno quindi bisogno di nuove armi nucleari a basso rendimento per scoraggiare la Russia a livelli di conflitto più bassi. Ma l’evidenza di una soglia abbassata per l’occupazione nucleare russa è debole. Inoltre, anche se questa fosse la dottrina della Russia, uno spostamento verso una maggiore dipendenza americana da armi nucleari a basso rendimento sarebbe la soluzione sbagliata al problema.

Comprendere la dottrina russa

Cosa intendono le persone quando dicono “escalation to de-escalation?” Le parole stesse non sono particolarmente utili. Qualsiasi azione che non sia una risposta né perfettamente simmetrica né più piccola all’azione dell’avversario è un’escalation. Qualsiasi minaccia (nucleare o altro) per aumentare i costi del conflitto è una minaccia di escalation. E i paesi si intensificano e minacciano di farlo abbastanza regolarmente mentre cercano di convincere gli avversari a ripensare i piani. Il fatto è che la maggior parte dell’escalation ha lo scopo, beh, di diminuire.

Gli analisti occidentali hanno sviluppato una serie di descrizioni della strategia nucleare russa che rientrano tutte, con vari gradi di coerenza e contraddizione, sotto l’ombrello dell'”escalation to de-escalation”. Il nuovo NPR e politologo Matthew Kroenig sostengono che la Russia intende utilizzare armi nucleari all’inizio di un conflitto per ottenere un risultato vantaggioso sul campo di battaglia. Così fa l’attuale funzionario del Pentagono Elbridge Colby. Juri Luik e Tomas Jermalavicius ritengono che la Russia si rivolgerebbe alle armi nucleari di fronte all’imminente sconfitta sul campo di battaglia: ad esempio, per compensare l’inferiorità convenzionale in un conflitto con l’alleanza NATO. Evelyn Farkas sostiene che alla Russia piacciono semplicemente l’escalation, il nucleare e altro.

L’idea che la Russia possa usare armi nucleari sul campo di battaglia potrebbe avere origine da argomentazioni in un articolo del 1999 pubblicato sulla rivista militare russa Voennaia Mysl. Gli autori, ufficiali militari e analisti VI Levshin, AV Nedelin e ME Sosnovskii, hanno ipotizzato che l’uso di armi nucleari in un conflitto finora convenzionale potrebbe dimostrare credibilità e convincere l’avversario a ritirarsi per paura di un’ulteriore escalation. Anche l’argomento per ulteriori passaggi nucleari sulla scala dell’escalation è stato avanzato più di recente . Fu persino promesso da un alto funzionario russo prima del rilascio di una nuova dottrina militare quasi un decennio fa . Tuttavia, né quella dottrina né quello che lo ha seguito nel 2014 (il più recente) infatti abbassa la soglia di utilizzo del nucleare. Come uno di noi ha affermato in precedenza , le dichiarazioni ufficiali, seguite da una dottrina che non le ha rispettate, suggeriscono che i fautori di una soglia abbassata alla fine hanno perso una battaglia burocratica. Fino ad oggi, i sostenitori dell'”escalation” russa pubblicano occasionalmente un articolo, sperando ancora di cambiare la politica, ma continuano a fallire.

Né la dottrina russa richiede l’uso di armi nucleari se Mosca sta perdendo un conflitto convenzionale. Al contrario, la dottrina militare afferma chiaramente che le armi nucleari saranno usate solo in risposta a un avversario che utilizza armi nucleari o altre armi di distruzione di massa e/o “quando l’esistenza stessa dello Stato è in pericolo. “Si può argomentare cosa si qualifica e non si qualifica come pericolo esistenziale, ma gli scenari in cui gli analisti occidentali immaginano l’escalation nucleare russa – la maggior parte dei quali implica la fine di un conflitto convenzionale – sembrano non essere all’altezza della maggior parte delle definizioni.

In passato, la barra della Russia per l’uso nucleare è stata sia più alta che più bassa. Nel 1993, Mosca ha abbandonato la promessa di non primo utilizzo che aveva ereditato dall’Unione Sovietica. Nel 2000, tuttavia, in seguito alla campagna aerea della NATO in Jugoslavia, la nuova dottrina militare russa ha consentito il primo utilizzo in caso di aggressione convenzionale su larga scala contro la Russia oi suoi alleati . È plausibile che in questo momento, i piani assomigliassero davvero a qualcosa come “escalation per de-escalation”. Ma subito dopo, i sostenitori della dipendenza dalle armi nucleari hanno trovato le loro opinioni eclissate dalle decisioni del governo russo di investire invece nelle forze convenzionali . A quel tempo, ciò era principalmente dovuto al fatto che la Russia credeva che la maggior parte delle sue battaglie sarebbero state su scala ridotta . Oggi, invece, la Russia lo èsempre più fiducioso che le sue capacità convenzionali possano svolgere almeno alcuni dei ruoli di deterrenza strategica storicamente svolti dalle armi nucleari.

Un piano segreto da intensificare?

Coloro che credono in una soglia russa più bassa per l’uso nucleare credono quindi che la dottrina formale della Russia sia intenzionalmente falsa. In effetti, abbondano le speculazioni su un annesso segreto alla dottrina che abbassa clandestinamente la soglia nucleare . Ma come ha sottolineato Kristin ven Bruusgaard in War on the Rocks , se l’obiettivo della Russia è la deterrenza, una strategia dichiarata di moderazione in contrasto con una vera strategia di escalation sembra controproducente. La deterrenza funziona meglio quando l’avversario capisce quali azioni attiveranno una risposta indesiderabile.

Vengono offerte tre categorie di prove a sostegno dell’argomento secondo cui la vera soglia nucleare della Russia oggi è inferiore a quanto indica la sua dottrina: esercizi, capacità e retorica. Come altri stati nucleari, la Russia conduce esercitazioni che coinvolgono armi nucleari . La stragrande maggioranza di questi testa la prontezza strategica, il comando e controllo e l’interoperabilità. In una manciata di casi recenti, varie fonti hanno riferito che l’uso nucleare è stato simulato in esercitazioni russe altrimenti convenzionali, presumibilmente aumentando le prove per “l’escalation per diminuire”. Tuttavia, non sembra che gli scenari per queste esercitazioni si adattino al modello di un attacco nucleare su piccola scala all’inizio di un conflitto, come uno di noi ha sostenuto in passato. Se si crede che gli scioperi siano avvenuti, le condizioni di una sconfitta sul campo di battaglia che rappresentano una minaccia esistenziale per lo stato sono più plausibili. Tuttavia, come spiega Bruno Tertrais, le prove dell’uso nucleare simulato in grandi esercitazioni convenzionali non sono di per sé del tutto convincenti . È importante sottolineare che l’esercitazione militare su larga scala più recente della Russia incentrata sul suo fianco occidentale, Zapad 2017, non ha avuto alcuna componente evidente di attacco nucleare , nonostante postulasse un conflitto con l’alleanza NATO.

Poi ci sono le capacità russe, in particolare le capacità nucleari su scala ridotta ea corto raggio adatte al campo di battaglia. La Russia mantiene un consistente arsenale di armi non strategiche, che alcuni potrebbero ritenere suggerisca la volontà di usarle. Inoltre, negli ultimi anni, Mosca ha enfatizzato lo sviluppo di nuovi sistemi di combattimento che possono essere schierati con potenza di fuoco sia nucleare che convenzionale, il spesso propagandato Iskander ne è un esempio . La Russia sta lavorando anche su sistemi ipersonici . Infine, la fuga “accidentale” dei piani (sotto forma di diapositiva di presentazione) per un siluro nuclearenel 2015 ha alimentato la speculazione secondo cui la Russia sta pensando in modo creativo alla guerra nucleare (sebbene il potere distruttivo della presunta arma avrebbe sicuramente effetti strategici, non semplicemente “de-escalation”).

Alcuni potrebbero obiettare che la capacità è una prova sufficiente di possibili piani di “escalation per de-escalation”, e l’Occidente dovrebbe quindi rispondere a tono. Questo è sbagliato, per due ragioni: in primo luogo, le armi possono essere usate per ogni genere di cose e non si può pianificare tutte le possibili contingenze, solo quelle che sembrano plausibili. La Russia potrebbe anche, in linea di principio, pianificare di far esplodere tutte le sue armi nucleari in una volta o spararne alcune nello spazio. Se una possibile strategia non è supportata dall’evidenza, non dovrebbe guidare la pianificazione.

In secondo luogo, l’argomento secondo cui le capacità dimostrano l’intento funziona in entrambi i modi. Gli Stati Uniti hanno anche capacità nucleari a basso rendimento (e ne avranno di più se i sostenitori faranno a modo loro). La Russia dovrebbe quindi aspettarsi che gli Stati Uniti utilizzino prima le armi nucleari se le forze convenzionali americane stessero perdendo, diciamo in una lotta contro la Russia per l’Ucraina? In effetti, un tale approccio sarebbe coerente con la dottrina americana delineata nella nuova Nuclear Posture Review .

Ma mentre la revisione può rendere questo scenario meno ridicolo di quanto non fosse in passato, la Russia sarebbe comunque pericolosamente paranoica a basare la sua pianificazione sulla possibilità. Non ci sono prove dei piani degli Stati Uniti per avviare una guerra offensiva contro una grande potenza nucleare come la Russia o la Cina, tanto meno per utilizzare un attacco nucleare preventivo per “attenuare” un conflitto convenzionale una volta andato storto.

Allora a cosa serve il vastissimo arsenale non strategico della Russia e perché enfatizza i sistemi a duplice uso? In primo luogo, per quanto riguarda l’arsenale non strategico nel suo insieme, la Russia è semplicemente riluttante a rinunciare a qualcosa di cui ha molto senza ottenere qualcos’altro in cambio. In secondo luogo, Mosca sa che le sue capacità nucleari rendono nervose Bruxelles e Washington. I russi non hanno discusso di un ruolo nucleare per l’Iskander e, in effetti, hanno rifiutato la possibilità fino a quando la stampa occidentale non ha iniziato a descrivere il sistema come a doppia capacità. Per essere schietto, se non rassicurante, Mosca ha notato che l’enfasi sui sistemi a doppia capacità tiene fuori equilibrio l’Occidente e lo vede come un chiaro vantaggio.

Questo ci porta all’ultima categoria di prove per una soglia ribassata clandestina: la retorica russa. Mentre alcuni esperti russi parlano incautamente di ridurre in cenere i paesi , alti funzionari, incluso il presidente Vladimir Putin, sono stati molto più attenti con le loro minacce. Putin potrebbe menzionare che la crisi della Crimea potrebbe, in alcune contingenze, averlo portato a mettere in allerta le armi nucleari. Tuttavia, questo non è mai accaduto, ed è una forzatura interpretarlo nel senso che avrebbe usato un’arma nucleare tattica per porre fine a un conflitto convenzionale. Inoltre, di fronte alla recente retorica nucleare dello stesso presidente americano, i commenti che Putin ha fatto sembrano quasi circospetto.

La retorica di Putin non intende segnalare l’intenzione di utilizzare armi nucleari incautamente, ma piuttosto ricordare a chiunque possa aver dimenticato che la Russia è uno stato dotato di armi nucleari. Sebbene questo sia prospetticamente destabilizzante, non indica una profonda dottrina occulta, tanto meno una dottrina che è stata costantemente e pubblicamente respinta. La retorica russa riflette il fatto che la Russia, proprio come l’Unione Sovietica prima di essa, vede la NATO come una minaccia che deve essere dissuasa. Mosca continua a credere, ei generali russi in conversazioni private sottolineano, che qualsiasi conflitto convenzionale con la NATO rischia una rapida escalation senza “de-escalation” – in una guerra nucleare che distrugge tutto. Deve quindi essere evitato a tutti i costi. Questa logica è coerente con quella avanzata dagli studiosi americani che hanno sostenuto dche le armi nucleari mantennero la pace durante la Guerra Fredda. Il successo della pace nucleare, da questo punto di vista, risiede nella minaccia di un’escalation estrema, non nella deterrenza passo dopo passo su misura che la Nuclear Posture Review sembra sostenere e che la postulata dottrina russa della “de-escalation” sosterrebbe implicitamente.

Oggi, tuttavia, i russi temono che gli Stati Uniti possano aver smesso di credere nell’entità del rischio, una preoccupazione che è sicuramente aumentata con il rilascio della nuova Nuclear Posture Review . Le esercitazioni russe, l’abilità di manovra e l’occasionale sferragliare le sciabole hanno quindi lo scopo in parte di ricordare agli Stati Uniti (e alla NATO) che le grandi potenze nucleari non combattono guerre tra loro perché i pericoli di farlo sono semplicemente troppo grandi.

In effetti, gli scenari di escalation effettivi spesso nelle menti dei russi ricevono poca attenzione in Occidente. Mosca è profondamente preoccupata per la prospettiva di una ” guerra spaziale ” contro la Russia, sulla falsariga delle campagne della NATO in Jugoslavia nel 1999 o delle guerre in Iraq del 1990 e del 2003. Sembra esserci anche un sincero timore che una controforza convenzionale degli Stati Uniti colpisca contro Le forze nucleari russe lasceranno la capacità di secondo attacco della Russia abbastanza piccola da essere assorbita dalle eventuali capacità di difesa missilistica degli Stati Uniti. Lo sviluppo di nuove armi nucleari “più utilizzabili” aumenterebbe queste preoccupazioni. Ed è facile da vedere come anche una campagna aerea convenzionale degli Stati Uniti mirata ai sistemi di comando e controllo, molti dei quali a duplice uso, potrebbe essere vista a Mosca come una “messa in pericolo dell’esistenza dello stato” e quindi consentire una risposta nucleare.

Niente di tutto questo vuol dire che le politiche nucleari di Mosca siano puramente difensive. Ci sono prove che suggeriscono che esiste anche un elemento coercitivo, anche se non esiste un elemento “de-escalation”. Una strategia nucleare coercitiva è quella in cui le armi nucleari vengono utilizzate non (o non solo) per dissuadere un avversario dall’intraprendere azioni violente contro se stesso o un alleato, ma anche per cercare di cambiare il loro comportamento, obiettivi politici e intenzioni in modo più ampio. Dmitry Adamsky ha postulato che la Russia includa la sua capacità nucleare in una strategia di coercizione integrata che incorpora anche strumenti convenzionali, informatici e informatici, ma che i suoi piani e le armi effettivi non corrispondono né alla retorica né alle intenzioni plausibili della Russia. Ven Bruusgaard descrive anche una visione russa della deterrenza, nucleare e non, che integra la coercizione, sebbene non creda che l’effettiva soglia nucleare sia stata abbassata. Anche il Nuclear Posture Review rileva la possibilità di minacce nucleari russe coercitive, sebbene sembri più fiducioso nella capacità e nell’intento della Russia di sostenerle. Né Adamsky né il Ven Bruusgaard forniscono obiettivi specifici per la coercizione russa o valutano se tali obiettivi sono stati raggiunti. Nel frattempo, le recenti dichiarazioni del governo statunitense sulla Corea del Nord e gran parte della stessa Nuclear Posture Review suggeriscono lo sviluppo di un elemento coercitivo anche nella strategia nucleare di Washington. La sua efficacia, tuttavia, non è meno discutibile.

La lezione per Washington

Quindi, come dovrebbero rispondere gli Stati Uniti alla strategia nucleare russa? La migliore ricetta sembra essere quella di attenersi alle armi convenzionali per combattere e scoraggiare le guerre convenzionali facendo affidamento sui robusti arsenali nucleari esistenti per scoraggiare un attacco nucleare. Washington ha già capacità convenzionali per scoraggiare e contrastare qualsiasi aggressione convenzionale su larga scala che è probabilmente sufficiente anche per alcune categorie di primo attacco nucleare. Inoltre, gli Stati Uniti hanno armi nucleari sia tattiche che strategiche (sebbene ci affatichiamo a pensare a qualsiasi scenario che richieda l’uso di capacità a basso rendimento). Nota che questa equazione non cambierebbe anche se Mosca nascondesse le sue vere intenzioni. La combinazione della potenza convenzionale americana e della varietà di opzioni nucleari è più che sufficiente per far riflettere chiunque sui vantaggi del tentativo di “escalation per de-escalation” in una vera lotta con gli Stati Uniti.

Semmai, l’enfasi degli Stati Uniti sulle nuove capacità a basso rendimento – effettivamente una strategia di “escalation per de-escalation” del tipo che molti attribuiscono alla Russia – minerebbe l’equilibrio deterrente, innescando potenzialmente proprio il tipo di crisi che i sostenitori del basso rendimento sperano di evitare . Questo perché lo sviluppo americano di nuove capacità nucleari adatte alla guerra metterebbe in discussione la superiorità militare americana e la sufficienza delle sue forze convenzionali e nucleari esistenti. Qui, gli Stati Uniti potrebbero sopportare di imparare dall’esperienza russa. Mosca ha ragione nell’enfatizzare la deterrenza non nucleare, ma la sua retorica sulle armi nucleari e l’ardente ricerca di sistemi a duplice uso ha limitato, se non minato, la credibilità della sua soglia alta dichiarata per l’uso nucleare. Infatti, i modi in cui il comportamento della Russia ha portato altri a mettere in discussione la sua strategia dimostra che più alta e chiara è la propria soglia nucleare, meglio è. I vantaggi coercitivi, di per sé discutibili, non valgono sicuramente il rischio di un fallimento della deterrenza.

 

di: Olga Oliker dirige il programma Russia ed Eurasia presso il Center for Strategic and International Studies. 

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *