Il Futuro della Guerra Aerea dopo l’Ucraina

“La guerra è una dura maestra”, avvertì Tucidide nei tempi antichi. La storia ha ripetutamente confermato la verità del suo detto e la guerra in Ucraina non fa eccezione. Il conflitto in corso dovrebbe fungere da ” campanello d’allarme ” per gli Stati Uniti: nonostante il vantaggio numerico e di fuoco di Mosca, Kiev si è dimostrato un formidabile avversario combinando tattiche e tecnologie vecchie e nuove, segnando un crocevia per il futuro dell’aviazione.

“Tutti stanno imparando dagli eventi attuali in Ucraina”, ha riconosciuto il capo di stato maggiore dell’aeronautica americana, il generale Charles Q. Brown, Jr., ma identificare le giuste lezioni dalla guerra non è un compito facile. Questo compito è ulteriormente complicato dalla fallita campagna aerea russa, che fornisce una comoda razionalizzazione per evitare spiacevoli verità. Nel 1914, le grandi potenze entrarono in guerra aspettandosi che sarebbe stata breve e decisiva, con i loro eserciti che esaltavano i vantaggi dell’offesa in guerra. Ma niente è andato come previsto. Li aspettavano gli orrori delle mitragliatrici, dei massicci sbarramenti di artiglieria e della guerra di trincea statica. Gli eserciti europei avevano mancato i segnali di pericolo dalla guerra civile americana, dalla guerra boera e dalla guerra russo-giapponese. Non dovremmo ripetere questa tragedia oggi.

Invece, gli Stati Uniti e le altre forze aeree alleate dovrebbero porre le domande difficili: la guerra in Ucraina sfida le ipotesi esistenti sul futuro della guerra? E in che modo gli Stati Uniti e i loro alleati potrebbero aver bisogno di ripensare e adeguare la dottrina, i concetti operativi e le priorità di approvvigionamento esistenti? Queste sono domande ad alto rischio, le cui risposte determinano se le forze aeree anticipano il cambiamento o vengono colte di sorpresa nelle guerre di domani.

Nella serie di saggi Airpower After Ukraine: The Future of Air Warfare dell’Atlantic Council , esperti e professionisti dell’aviazione accettano questa sfida. Dato che la guerra è in corso e le informazioni pubblicamente disponibili rimangono limitate e incomplete, gli autori hanno affrontato il compito con adeguata umiltà e cautela. Gli alti dirigenti dovrebbero esaminare e riesaminare incessantemente le lezioni della guerra in Ucraina negli anni a venire.

Questa serie trae lezioni preliminari dalla guerra aerea in Ucraina, con particolare attenzione alle implicazioni delle tendenze tecnologiche e ai concetti emergenti per il controllo aereo, il supporto degli incendi, la condivisione dell’intelligence, le operazioni spaziali, la guerra elettronica e la sicurezza informatica. Cinque temi generali emergono sul futuro della guerra aerea.

Il Futuro della Guerra Aerea dopo l'Ucraina
Immagine sopra: uno schieramento di F-35 della NATO, aereo multi-ruolo caccia e bombardiere di 5a generazione in forza anche in Italia.

Tema 1: La democratizzazione dell’aviazione

La democratizzazione della forza aerea ha il potenziale per erodere rapidamente i vantaggi militari statunitensi di lunga data, ma invertire queste tendenze sarà quasi impossibile in un’era di innovazioni commerciali e a duplice uso.

La guerra in Ucraina punta alla diffusione capillare delle capacità aeree e spaziali alle piccole e medie potenze. Mentre in passato solo le grandi potenze avevano le risorse finanziarie, organizzative, tecnologiche e scientifiche per impiegare l’intera gamma di capacità aeree e spaziali, i costi in calo di oggi e la diffusione globale di capacità avanzate, così come molte innovazioni a duplice uso, hanno ha drasticamente abbassato le barriere all’ingresso nei domini aerei e spaziali. I nostri autori, tra cui David Burbach , si meravigliano di come l’Ucraina, un paese senza alcuna capacità spaziale nazionale, tanto meno una forza spaziale, sia ancora riuscita a sfruttare il dominio spaziale nelle operazioni di combattimento tramite risorse commerciali di terze parti. Allo stesso modo, Maximilian Bremer e Kelly Grieco , Zachary Kallenborn, Julia Siegel e Aaron Stein sottolineano tutti il ​​ruolo centrale delle capacità commerciali e a duplice uso nel consentire all’Ucraina di contestare e sfruttare i domini aerei e spaziali contro le forze russe.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano da tempo apprezzato le loro costose e squisite capacità militari, le tecnologie meno “avanzate” – quelle che sono relativamente poco costose e facilmente accessibili – potrebbero essere più importanti per il futuro della guerra aerea e spaziale. Stein sostiene che il drone Bayraktar TB2 di fabbricazione turca potrebbe essere relativamente economico, ma è comunque “abbastanza buono” per svolgere ruoli di missione e più facile da sostituire a causa dei bassi costi e delle parti a doppio uso. Allo stesso modo, Kallenborn , Robin Kemp , Michael Kreuzer e Tyson Wetzel tutti sottolineano l’accelerazione della diffusione di abilitanti di potenza aerea critici, dalla disponibilità di intelligence open source all’uso di piccoli droni commerciali in ruoli di intelligence tattica, sorveglianza, ricognizione e attacco.

Questa diffusione accelerata delle capacità aeree e spaziali suggerisce che la capacità degli Stati Uniti di proiettare energia a costi relativamente bassi rischia di finire rapidamente. Queste tendenze indicano anche forze aeree e spaziali più robotiche e autonome, un tema che Peter Wilson e Samuel Bendett esplorano nei loro rispettivi saggi. Ma non sono tutte cattive notizie. La Russia e la Cina affrontano queste stesse sfide e, come sostengono Bremer e Grieco , gli Stati Uniti e i loro alleati e partner dovrebbero sfruttare questi sviluppi adottando strategie di negazione dell’aria per scoraggiare e difendersi da una possibile futura aggressione russa o cinese.

Leggi anche:

Tema 2: Il ritorno della massa nelle operazioni aeree e spaziali

Il ritorno della massa alle operazioni aeree e spaziali nega la continua fattibilità dell’uso della precisione per compensare i numeri superiori di un avversario.

La guerra in Ucraina annuncia il ritorno di massa alle operazioni aeree e spaziali, dopo che per molti decenni gli Stati Uniti e le forze aeree occidentali hanno sostituito velivoli stealth, vantaggi informativi e armi di precisione con numeri superiori, ciò che l’ex vicesegretario alla Difesa Robert Work ha notoriamente chiamato una strategia di “compensazione”. Ma il rapporto tra quantità e qualità si sta ora muovendo nella direzione opposta. Sia Burbach che Siegel vedono un ruolo per la massa nello spazio, in cui le mega costellazioni di satelliti migliorano la resilienza contro le armi anti-satellite, mentre Bremer e Grieco , Kallenborn e Wilson puntano tutti sul valore operativo di una massa irriducibile a basso costo nel dominio aereo.

Collocando questi sviluppi in un contesto storico, avverte Conrad Crane , “le gare per il comando dell’aria possono essere costose, spesso causando un numero elevato di perdite di aeromobili”. Come Bremer e Grieco e Wilson , sottolinea che la diffusione di massa delle armi antiaeree ha portato alla reciproca negazione della superiorità aerea sui campi di battaglia ucraini e, a sua volta, ha imposto alti tassi di attrito contro le forze aeree e di terra: tassi di attrito che gli Stati Uniti e i loro alleati e partner dovrebbero aspettarsi nelle guerre future e richiedono di guardare attentamente alle capacità di rigenerazione e sostituzione. In risposta, almeno in parte, Kallenborn indica una nuova levée en masse, in cui l’uso dei social media da parte dell’Ucraina per avviare iniziative globali di donazione di droni e incoraggiare i suoi civili a unirsi alle unità di droni apre nuove possibilità per generare e sostenere massa in lunghe guerre di logoramento.

Gli aerei con equipaggio costosi e squisiti sono ora reliquie del passato? Gli autori della serie offrono una vasta gamma di risposte. A un’estremità dello spettro, Wilson prevede che i sistemi missilistici a terra a lungo raggio assumano la missione di supporto aereo ravvicinato dagli aerei da combattimento, il che equivale a un ruolo operativo ridotto per l’aviazione nelle guerre future. All’altro capo, David Pappalardo sostiene che i caccia e i bombardieri di fascia alta, che operano insieme a un numero maggiore di sistemi senza pilota meno squisiti ed economici, possono ancora avere un ruolo importante nelle future guerre aeree. Il punto in cui gli autori possono concordare, tuttavia, è che le forze aeree e spaziali statunitensi e alleate devono trovare urgentemente un nuovo equilibrio tra vantaggio qualitativo e profondità quantitativa.

Tema 3: Il potere delle partnership internazionali e intersettoriali

Solide partnership internazionali e intersettoriali offrono un vantaggio militare comparativo.

La guerra in Ucraina dimostra la crescente importanza di ciò che uno dei nostri autori, Sean Atkins , definisce una “rete di partnership”: attori commerciali che operano in prima linea, insieme al sostegno della coalizione internazionale (in questo caso, una considerevole assistenza alla sicurezza occidentale). La capacità dell’Ucraina di accumulare il sostegno del settore pubblico e privato in tutto il mondo è stata un “moltiplicatore di forza” fondamentale nel contrastare i relativi vantaggi militari della Russia nelle capacità aeree e spaziali. Atkins sostiene che le partnership pubblico-privato dell’Ucraina sono state una fonte di vantaggio militare nel cyberspazio, analizzando come Kiev fa affidamento su entità pubbliche e private per aiutare a identificare e contrastare gli attacchi russi. Nel dominio spaziale, sia Burbach che Siegel evidenziare il ruolo critico svolto dai satelliti spaziali commerciali. Burbach , osservando che l’accesso al servizio satellitare è più importante della proprietà del satellite stesso, sostiene che una vasta rete di fornitori di spazi commerciali potrebbe persino essere una fonte di vantaggio militare. In parole povere, è probabile che tali partenariati pubblico-privato diventino più importanti piuttosto che meno importanti in questa era di tecnologie e capacità scalabili a duplice uso.

Gli Stati Uniti sono in una buona posizione per sfruttare queste tendenze, data la loro vasta rete globale di alleati e partner, nonché il loro ampio e dinamico ecosistema commerciale di sicurezza informatica e innovazione aerospaziale. Ma richiederà la riduzione delle barriere esistenti per lavorare a stretto contatto con alleati e partner, l’industria privata e altri attori commerciali. Fondamentalmente, gli Stati Uniti e i loro alleati e partner dovrebbero fare il punto sui partenariati pubblico-privati ​​esistenti e valutare attentamente se sono sufficientemente durevoli (e flessibili) per soddisfare le potenziali richieste in tempo di guerra. Allo stesso tempo, Washington vorrà evitare di adottare la propria versione della strategia di fusione militare-civile della Cina , che soffre delle molte debolezze e delle responsabilità intrinseche di qualsiasi approccio guidato dallo stato.

Leggi anche:

Tema 4: I vantaggi nel combattere su campi di battaglia visibili e invisibili

La capacità di combinare gli effetti su campi di battaglia visti e invisibili offrirà vantaggi operativi e tattici nelle future operazioni aeree e spaziali.

Mentre i video dei social media mostrano la distruzione fisica e le macerie degli attacchi missilistici russi su città e paesi ucraini, insieme a filmati di droni ucraini che attaccano le forze russe, in questa guerra vengono combattute altre battaglie invisibili. Questo “campo di battaglia invisibile” di attacchi informatici, operazioni di informazione e guerra elettronica crea quello che Pappalardo chiama “il problema di Diagoras”, il che significa che ciò che è invisibile all’osservatore può ancora essere altamente consequenziale. Ad esempio, jamming, attacchi informatici e guerra elettronica, come osserva Kallenborn , possono essere metodi efficaci ma meno visibili per interrompere le operazioni aeree. Kreuzer conclude che una conseguenza di questi sviluppi è un’accelerazione della competizione per trovare nascondigli nel dominio dell’aria.

Inoltre, la guerra in Ucraina dimostra che la capacità degli attori di combinare effetti su campi di battaglia visti e invisibili è una fonte di vantaggi operativi e tattici nelle operazioni aeree e spaziali. Sovrapponendo gli effetti di attacchi informatici, disturbi elettronici, difese aeree, droni e missili, Grieco e Bremer sostengono che l’Ucraina ha impiegato la difesa in profondità verticale a vantaggio militare, negando di fatto la superiorità aerea alla Russia sulla maggior parte dell’Ucraina.

L’incapacità della Russia di combinare capacità e generare effetti cinetici e non cinetici sul campo di battaglia fisico e virtuale è un avvertimento per tutti gli eserciti: le armi combinate sono davvero ancora il futuro della guerra , ma quelle combinazioni stanno diventando sempre più complesse, dai tradizionali fuochi e manovre alla generazione simultanea di effetti visibili e invisibili tra i domini.

Tema 5: La sfida di operare in un ambiente trans-dominio

I progressi tecnologici stanno rapidamente offuscando i confini del dominio e la dottrina esistente non è sufficiente per affrontare la sfida di operare in questo ambiente trans-dominio.

È una strategia sul campo di battaglia collaudata per sfruttare la frattura tra le forze di un avversario, siano esse singole unità o servizi, a vantaggio militare. Tradizionalmente, le forze aeree e gli eserciti si sono specializzati nel raggiungere il dominio nei loro domini primari: eserciti per occupare e controllare il territorio attraverso azioni di terra e forze aeree per ottenere la superiorità aerea attraverso operazioni aeree offensive. Man mano che i progressi tecnologici espandono la portata rispettiva di eserciti e forze aeree nel dominio primario dell’altro, i confini tra il dominio aereo e quello terrestre sono sempre più sfumati. Wilson indica la crescente robotizzazione dei sistemi di attacco profondo, inclusi missili da crociera a guida di precisione a terra e una nuova generazione di sistemi di artiglieria che si estendono ulteriormente nel dominio aereo. Allo stesso tempo, Bremer e Grieco sostengono che ottenere la superiorità aerea richieda sempre più di affrontare le minacce al controllo da parte di droni e missili che operano al di sotto delle altitudini della superiorità aerea convenzionale, ciò che chiamano il “litorale aereo”. L’era dell’autonomia cancellerà ulteriormente le linee che dividono i domini: i veicoli autonomi terrestri, aerei e marittimi comunicheranno tra loro in quello che Bendett definisce un “ambiente in rete”.

È probabile che questo ambiente operativo trans-dominio riesca a far risorgere le controversie passate tra esercito e aviazione degli Stati Uniti sui ruoli e le missioni di servizio. Kreuzer esplora le implicazioni dottrinali di questi sviluppi per la linea di coordinamento del supporto antincendio, la linea di pianificazione per dividere attualmente i domini aerei e terrestri. Sostiene che l’ambiente trans-dominio richiede un nuovo modello di impiego della forza per il combattimento profondo, uno che chiuderà meglio il nesso tra le operazioni aeree e terrestri. Nonostante la costante attenzione degli Stati Uniti sulle nuove tecnologie, lo sviluppo di una nuova Dottrina Congiunta dovrebbe essere una priorità assoluta per il futuro.

Portare avanti le lezioni

Diverse raccomandazioni chiave possono essere tratte da questa serie:

  • Riconoscere che le tendenze sistemiche – la diffusione globale delle capacità aeree e spaziali, in particolare le capacità a duplice uso – rendono la proiezione del potere degli Stati Uniti più costosa e rischiosa rispetto all’era del primato.
  • Accelera il passaggio da un numero ridotto di funzionalità esclusive e costose a un numero elevato di sistemi piccoli ed economici.
  • Ripensa al paradigma tradizionale della superiorità aerea e dai la priorità allo sfruttamento dei vantaggi della negazione dell’aria.
  • Dare priorità alla costruzione di partnership integrate con attori commerciali e industria privata come fattori abilitanti della forza critica.
  • Adatta le operazioni aeree e spaziali all’era dell’informazione, riducendo al minimo i rischi e identificando nuovi modi per sfruttare l’intelligence open source e le piattaforme dei social media.
  • Applica le lezioni dall’Ucraina alla sfida della Cina, ma fai attenzione agli errori contestuali.

Il carattere delle moderne guerre aeree e spaziali sta cambiando rapidamente e gli Stati Uniti e le forze aeree e spaziali alleate devono necessariamente adattare le loro strutture delle forze, le priorità di acquisizione e la dottrina per prepararsi alle guerre di domani. Incaricati di prepararsi per un futuro incerto, i leader statunitensi e alleati dovrebbero esaminare e riesaminare incessantemente le lezioni della guerra in corso, altrimenti gli Stati Uniti rischiano di essere sconfitti da concorrenti come la Cina, che stanno osservando attentamenteUcraina e imparare dai successi militari e dai passi falsi della Russia. Gli strateghi e i pianificatori militari statunitensi e alleati vorranno discernere le tendenze generali nelle operazioni aeree e spaziali dalle idiosincrasie contestuali, comprese le distinzioni tra geografie cinesi e russe, capacità militari, dottrine e interessi strategici. A partire dalle lezioni preliminari offerte in questa serie, la guerra Russia-Ucraina dovrebbe servire come base per adattare i tradizionali paradigmi di potenza aerea e spaziale per il campo di battaglia del ventunesimo secolo. Per prevalere nelle guerre di domani, le forze aeree e spaziali devono prima padroneggiare le lezioni insegnate oggi.

 

Fonte: Consiglio Atlantico.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *