Come Sapere Quando Vendere Azioni

Quando il gioco si fa duro nel mercato azionario, può essere allettante vendere e andarsene. Già ne avevamo parlato, ma è difficile vedere i tuoi investimenti diminuire settimana dopo settimana e uscirne, anche in perdita, potrebbe farti sentire meglio, se non altro per non continuare a guardare il tuo capitale restringersi.

 

Mentre vendere azioni durante una flessione del mercato potrebbe farti sentire meglio temporaneamente, farlo in modo reattivo perché le azioni stanno crollando non è una buona strategia di investimento a lungo termine . La volatilità è una parte normale degli investimenti nel mercato azionario, quindi ci si dovrebbe aspettare occasionali vendite di mercato .

Diamo un’occhiata più da vicino a quando dovresti e non dovresti considerare di vendere un’azione.

Come Sapere Quando Vendere azioni
Come Sapere Quando Vendere azioni

Motivi per vendere un titolo

1. Hai trovato qualcosa di meglio

Investire significa in definitiva guadagnare il più alto tasso di rendimento possibile assumendosi una quantità minima di rischio. Man mano che le caratteristiche del business e i prezzi di mercato cambiano, le opportunità di investimento cambiano con loro. Se possiedi un titolo , ma trovi un altro investimento, forse un altro titolo o qualcos’altro, che ritieni più attraente, potrebbe avere senso vendere ciò che possiedi a favore dell’opportunità migliore.

2. Hai commesso un errore

Gli errori accadono e prima te ne accorgi meglio è. A volte si scopre che un’azienda non è quello che pensavamo fosse quando abbiamo acquistato le azioni. Forse deve affrontare una concorrenza più dura di quanto pensassi o il suo posizionamento sta peggiorando, non migliorando.

L’economista britannico John Maynard Keynes disse notoriamente che quando i fatti cambiano, dovresti cambiare idea. Ammettere gli errori può essere difficile, ma starai meglio come investitore se riesci a rendertene conto rapidamente e uscire dalla tua posizione.

3. Le prospettive di business dell’azienda sono cambiate

Le aziende sono dinamiche e il loro successo futuro è tutt’altro che garantito. Le aziende che ottengono rendimenti elevati sul capitale spesso affrontano una forte concorrenza che potrebbe portare i loro rendimenti a livelli più normali. Altre volte, le aziende devono affrontare un’interruzione totale a causa di nuove innovazioni che minacciano l’esistenza stessa dell’azienda.

Le fortune delle librerie tradizionali sono cambiate praticamente dall’oggi al domani con l’arrivo di Amazon negli anni ’90. Se all’epoca aveste posseduto azioni di Barnes & Noble o Borders Group, avreste fatto bene a vendere le vostre azioni prima dell’eventuale deterioramento dell’attività.

4. Motivi fiscali

Se hai perdite in alcuni dei tuoi investimenti, potresti prendere in considerazione la possibilità di venderli per trarre vantaggio da una strategia nota come raccolta delle perdite fiscali . Questo approccio ti consente di risparmiare sulla tua bolletta fiscale compensando reddito e plusvalenze con le tue perdite.

Ma cerca di non lasciare che le considerazioni fiscali guidino le tue decisioni di investimento. Il trading in entrata e in uscita da società solide a fini fiscali o per altri motivi può spesso lasciarti in condizioni peggiori che se avessi appena detenuto le azioni a lungo termine.

5. Ribilanciare il tuo portafoglio

Se hai avuto un titolo particolarmente performante, probabilmente hai notato che rappresenta una parte più ampia del tuo portafoglio complessivo rispetto a quando lo hai acquistato. Se costituisce una parte eccessiva del tuo portafoglio, potresti prendere in considerazione la possibilità di rivenderlo a una ponderazione inferiore attraverso il ribilanciamento del portafoglio . Ciò può aiutare il tuo portafoglio a mantenere allocazioni adeguate ed evitare di avere troppa esposizione a un titolo.

Ma fai attenzione a non ribilanciare troppo spesso, o potresti trovarti a vendere ripetutamente società che stanno andando bene e ad aggiungere altre che non lo sono – un processo che alcuni investitori equivalgono a “tagliare i fiori e annaffiare le erbacce”.

6. La valutazione non riflette più la realtà aziendale

Occasionalmente, i mercati possono diventare eccessivamente ottimisti sulle prospettive future di un’azienda, portando il prezzo delle sue azioni a livelli insostenibili. Quando il prezzo di un’azione raggiunge un livello che non può essere giustificato nemmeno dalle migliori stime della futura performance aziendale, potrebbe essere un buon momento per vendere le tue azioni.

Ci sono innumerevoli esempi nel corso della storia di prezzi di mercato che superano i fondamentali aziendali sottostanti, portando a titoli sottoperformanti per gli anni a venire. Alla fine degli anni ’90, molte aziende tecnologiche sono state spinte a livelli che non potevano essere giustificati dai loro fondamentali. Aziende come Cisco e Intel non hanno ancora raggiunto i massimi raggiunti all’inizio del 2000, nonostante le prestazioni aziendali relativamente buone.

7. Hai bisogno di soldi

Se pensi di aver bisogno di accedere a una grossa somma di denaro nel prossimo futuro, probabilmente non dovrebbe essere affatto investita in azioni. Ma nella vita accadono cose che potrebbero creare la necessità di raccogliere denaro da una fonte che altrimenti sarebbe stata destinata ad essere investita a lungo termine .

Costruire un fondo di emergenza è un primo passo importante in qualsiasi piano finanziario, ma a volte si esaurisce e devi accedere rapidamente al denaro. Se le circostanze ti forzano la mano, potresti dover considerare di vendere un’azione per soddisfare un’esigenza immediata.

Cattivi motivi per vendere un titolo

1. Le azioni sono aumentate

C’è un vecchio detto secondo cui nessuno è mai andato in bancarotta prendendo un profitto, ma vendere solo perché un’azione è salita non è una buona pratica di investimento. Alcune delle aziende di maggior successo al mondo sono in grado di aumentare il capitale degli investitori per decenni e coloro che vendono troppo presto finiscono per perdere anni di guadagni futuri.

Aziende come Walmart , Microsoft e innumerevoli altre hanno fatto guadagnare ai primi investitori molte volte i loro soldi. Non vendere solo perché sei seduto su un profitto.

2. Il titolo è sceso

Al contrario, anche solo perché un titolo è diminuito non c’è motivo di vendere. In effetti, potrebbe essere un motivo per acquistare di più se i motivi originali per l’acquisto delle azioni sono ancora intatti. Se i fatti non sono cambiati, potrebbe essere un’opportunità.

I mercati salgono e scendono per una serie di motivi a breve termine, creando potenziali opportunità per veri investitori a lungo termine. Un’azione con un prezzo interessante può sempre diventare ancora più interessante, e questo è un motivo per acquistare, non vendere.

3. Previsioni economiche

Non c’è mai carenza di cose di cui i mercati e i trader si preoccupano. Qualcuno prevede sempre una recessione economica o uno scenario apocalittico. Il più delle volte queste previsioni dovrebbero essere ignorate. Il famoso investitore Peter Lynch una volta disse che “Se dedichi 13 minuti all’anno all’economia, ne perdi 10”.

Ricorda che investire è un gioco a lungo termine e non vendere solo perché qualcuno prevede un rallentamento economico.

4. Preoccupazioni a breve termine

Molti pronostici di mercato sono disposti a offrire i loro consigli su cosa faranno le azioni domani, la prossima settimana o il prossimo mese. La verità è che nessuno lo sa. Spesso questi previsori ben istruiti fanno argomentazioni molto convincenti sul motivo per cui un titolo si esibirà in un modo o nell’altro nei prossimi giorni.

Ma ricorda che le imprese, e quindi le azioni, alla fine valgono il flusso di cassa che producono nelle loro vite rimanenti scontato al presente a un tasso di interesse appropriato. La settimana o il mese successivo in genere non ha quasi alcun impatto sul valore intrinseco di un titolo. Cerca di non farti travolgere dai commentatori di mercato e dalle loro previsioni a breve termine.

Conclusioni

Decidere quando vendere un’azione non è facile, ma cerca di concentrarti sulla performance dell’attività sottostante, sul suo posizionamento competitivo e sulla sua valutazione. Cerca di evitare le previsioni dei cosiddetti esperti che affermano di sapere cosa accadrà a breve termine. In definitiva, ricorda che le azioni sono quote di proprietà in aziende reali e i loro guadagni a lungo termine guideranno il tuo ritorno come azionista.

Risorse utili:

Migliori azioni da comprare  secondo i Futures

Migliori azioni da comprare 2023 : Dove investire secondo i Futures

Questi titoli si stanno muovendo di più oggi: Twilio, Roku, Cisco, Apple, Shopify e altri Un briefing mattutino su ciò che è necessario sapere nella giornata di oggi Il consiglio di amministrazione di Twilio ha autorizzato la società a riacquistare 1 miliardo di euro di azioni. I futures sulle azioni sono stati leggermente inferiori giovedì…

Arriva il mercato rialzista: Perchè Comprare azioni Tesla e perchè NO

Gli investitori potrebbero trovarsi sull’orlo di un nuovo mercato rialzista poiché le condizioni economiche mostrano segni di miglioramento, di seguito 3 motivi per comprare azioni Tesla secondo un analista di Wall Street e 2 ragioni per non comprarle secondo la Nostra redazione di Economia Italia. La valutazione di Tesla è già migliorata e ulteriori guadagni…

Come Guadagnare a 20 anni con le Meme Stock / Azioni Meme

Come uno studente di 20 anni ha guadagnato 110 milioni di dollari con le meme stock ( azioni meme) All’età di 18 anni, Jake Freeman si candidò alla presidenza degli Stati Uniti, raccogliendo firme, formando un comitato elettorale e registrando la sua candidatura presso la Commissione elettorale federale. “Voleva essere il più giovane al ballottaggio”,…

Perché le azioni Coinbase hanno guadagnato un 4% oggi?

Perché Coinbase ha guadagnato un 4% oggi?

L’aumento dei prezzi delle criptovalute significa volumi di trading più elevati sulla piattaforma. Cosa è successo a Coinbase Gli azionisti di Coinbase Global ( NASDAQ: COIN ) hanno battuto il mercato lunedì poiché il titolo è aumentato del 4% entro le 12:30 pm ET. L’S&P 500 è salito di circa l’1% in quel periodo. Coinbase…

 

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.