MPS azioni: cosa accadrà con Draghi ai titoli della più antica banca italiana

Quando il presidente del Consiglio Mario Draghi tornerà dalla sua breve pausa estiva, uno degli argomenti più spinosi della sua lista delle “cose ​​da fare” risolverà finalmente i problemi della banca più antica del mondo, il Monte dei Paschi di Siena (BIT: BMPS).

Il declino dell’istituto di credito toscano, ha offuscato il record di Draghi sin dal 2008, quando, in qualità di capo della Banca d’Italia, ha approvato l’acquisto della rivale Antonveneta a un prezzo gonfiato che secondo gli analisti ha contribuito al suo tracollo finanziario.

Tredici anni di scandali, gestione delle crisi e aiuti statali per mantenere a galla MPS hanno trasformato il quarto più grande istituto di credito del paese nel primo grattacapo bancario di Roma, con un fallimento visto mettere a rischio la stabilità finanziaria dell’Italia.

La vendita della banca completerebbe una ristrutturazione del settore bancario del paese che ha versato 250 miliardi di euro in crediti deteriorati negli ultimi cinque anni, mentre i creditori si preparano a una nuova ondata di fallimenti a causa della crisi COVID-19.

Il governo pensava di aver trovato una soluzione quest’estate mediando una fusione con UniCredit, il principale peer italiano, solo per un respingimento politico che si mettesse in mezzo.

I partiti di tutte le bande della coalizione di unità nazionale di Draghi stanno protestando per la perdita di posti di lavoro a seguito del proposto legame con UniCredit, con sede a Milano.

“Le radici territoriali di MPS, i suoi lavoratori e il suo marchio devono essere salvaguardati”, ha detto a Reuters Antonio Misiani, capo dell’economia del Partito Democratico (PD) di centrosinistra, mentre vengono tracciate le linee di battaglia in vista di quelli che saranno colloqui complessi.

MPS azioni: cosa accadrà con Draghi ai titoli della più antica banca italiana
Immagine sopra: il grafico del prezzo delle azioni del Monte dei Paschi di Siena che fa vedere come in 5 anni il valore delle azioni sia diminuito del 99,99%

Politica e MPS sono stati a lungo intrecciati.

Siena, come il resto della regione centrale della Toscana, è un tradizionale baluardo del PD, che è stato spesso criticato per aver contribuito ai guai della banca utilizzandola come fonte di clientelare, posti di lavoro e voti.

Il leader della Lega di destra Matteo Salvini, desideroso di fare capitale politico in vista di una cruciale elezione suppletiva in città in autunno, definisce MPS “un disastro del PD” e si oppone al legame.

Vuole che lo Stato aiuti Mps a unire le forze con altri finanziatori di medie dimensioni per fare da contrappeso, con un forte radicamento locale, ai “big player” UniCredit e Intesa Sanpaolo.

Il PD non ha presentato alternative alla fusione UniCredit.

Difficile esagerare il ruolo che MPS ha avuto nella storia di Siena, dove è stata fondata nel 1472 per aiutare i bisognosi con prestiti a basso costo. È stato a lungo il più grande datore di lavoro della città e la gente del posto che tradizionalmente la chiamava “Papà Monte” ha guardato con orrore alla sua fine.

I cortei dell’annuale corteo medievale senese hanno sempre fatto tre tappe per inchinarsi davanti alle istituzioni cittadine: al municipio, all’arcivescovado e alla sede del MPS.

“I senesi rientrano in tre grandi categorie”, ha detto a Reuters il sindaco Luigi De Mossi. “Quelli che lavoravano in MPS, quelli che volevano lavorare in MPS e quelli che prima lavoravano in MPS”.

SALVATAGGIO DI STATO

Mentre l’Italia ha attraversato tre profonde recessioni dal 2008, la banca ha perso 31 miliardi di euro (36 miliardi di dollari) sul suo portafoglio prestiti per una perdita netta cumulata di 21 miliardi di euro. Un salvataggio statale nel 2017 è costato ai contribuenti 5,4 miliardi di euro.

Una soluzione non sarà a buon mercato.

UniCredit non vuole le filiali di MPS nel povero sud d’Italia e ha solo accettato di prendere in considerazione l’acquisto di “parti selezionate” del partner più piccolo a condizione che i suoi buffer di capitale non siano interessati e il suo utile per azione aumenti di almeno il 10%.

Inoltre lo Stato, che possiede il 64% di Mps, manterrà tutti i rischi legali derivanti dalla sua cattiva gestione e da eventuali prestiti già in difficoltà o che UniCredit ritenga suscettibili di inasprimento.

Quella che il CEO di UniCredit Andrea Orcel – che come banchiere di Merrill Lynch nel 2007 ha consigliato a MPS sull’operazione Antonveneta – descrive come la migliore opzione di M&A sul tavolo, comporta tagli di posti di lavoro finanziati dallo stato che secondo fonti potrebbero raggiungere un terzo dei 21.000 dipendenti di MPS.

Andrea Granai, capo di una sezione sindacale di Siena, dice che i suoi quattro telefoni squillano “dalla mattina alla sera” con le chiamate dei timorosi lavoratori Mps. “Più ci sono perdite di posti di lavoro, peggiori saranno le conseguenze per il governo e tutti i partiti che lo sostengono”, ha avvertito.

Allora come farà Draghi a quadrare il cerchio? Finora ha cercato di mantenere una distanza di sicurezza dicendo che non segue personalmente il dossier e deviando le domande dei giornalisti al Tesoro.

Ciò potrebbe essere sempre più difficile poiché i problemi di MPS salgono in cima all’agenda del suo governo e sulle prime pagine dei giornali del paese.

L’operazione UniCredit potrebbe costare ai contribuenti italiani più di 5 miliardi di euro in sostegno statale per cassa integrazione, incentivi fiscali e un impegno a rafforzare il capitale della banca risultante dalla fusione, mentre il futuro di Mps sta alimentando tensioni nella maggioranza di Draghi.

AFFARE QUASI FATTO?

Il Tesoro italiano vede una fusione con un pari più sano come l’unico modo per impedire che MPS diventi un drenaggio permanente delle finanze statali e due persone vicine alla negoziazione hanno affermato che un accordo finale era solo una questione di dettagli tecnici.

La fase di due diligence dura formalmente fino all’inizio di settembre, ma potrebbero essere necessarie almeno altre due o tre settimane, ha detto una terza fonte, mentre una quarta persona ha aggiunto che è improbabile un accordo prima di ottobre.

I politici, però, pretendono di sapere da Draghi il prezzo preciso della fusione.

Ad alzare ancora di più la posta politica è il fatto che il leader del PD, Enrico Letta, che non ha seggio in parlamento, ha scelto le prossime elezioni suppletive a Siena per cercare di ottenerne una. Dice che lascerà la carica di leader del partito se perde.

Il seggio, da impugnare il 3-4 ottobre, è rimasto vuoto quando ad aprile l’ex ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, anche lui del Pd, è stato nominato presidente di UniCredit.

La Lega di Salvini e il suo alleato di destra Fratelli d’Italia intuiscono la possibilità di sferrare un colpo fatale alla sinistra.

Contro Letta il loro co-candidato è un viticoltore locale, Tommaso Marzi, proprietario di 220 ettari di vigneti nella campagna senese e dipinge il capo del Pd come un outsider interessato solo alla politica di potere nazionale.

Nelle strade assolate di Siena, semideserte durante le vacanze di agosto, la gente del posto si scrolla di dosso le elezioni suppletive e dice che tutto ciò che gli interessa è salvare posti di lavoro.

“E’ chiaro che la banca non può reggersi da sola”, ha detto il sindaco di Siena. “Ma una soluzione deve tutelare lavoratori e fornitori. La politica ha tolto molto a Mps e Siena, ora per noi è tempo di recuperare qualcosa”.

  • Reuters

Ultime novità mercato azionario

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *