Prezzo del Gas Naturale aumenta del + 700% e diventa arma della nuova guerra fredda

Una mattina all’inizio di giugno, è scoppiato un incendio in un’oscura struttura in Texas che preleva gas naturale dai bacini di scisto degli Stati Uniti, lo raffredda in un liquido e lo spedisce all’estero. Si è spento in circa 40 minuti. Nessuno è rimasto ferito.

Sembra una storia per la stampa locale, al massimo, tranne per il fatto che più di tre settimane dopo, le onde d’urto finanziarie e politiche stanno ancora risuonando in Europa, Asia e oltre.

Questo perché il gas naturale è la merce più calda al mondo in questo momento. È un fattore chiave dell’inflazione globale, registrando salti di prezzo estremi anche per gli standard dei mercati turbolenti di oggi – circa il 700% in Europa dall’inizio dello scorso anno, spingendo il continente sull’orlo della recessione. È al centro di un’era nascente di confronto tra le grandi potenze, così intensa che nelle capitali di tutto l’Occidente, i piani per combattere il cambiamento climatico vengono relegati in secondo piano.

In breve, il gas naturale ora rivaleggia con il petrolio come combustibile che modella la geopolitica. E non ce n’è abbastanza per andare in giro.

È stata la guerra in Ucraina che ha catalizzato la crisi del gas a un nuovo livello, eliminando una parte cruciale dell’approvvigionamento. La Russia sta riducendo le consegne di gasdotti in Europa, il che afferma di voler smettere di acquistare comunque da Mosca, se non ancora. La corsa per colmare questa lacuna si sta trasformando in una fuga precipitosa mondiale, mentre i paesi corrono per assicurarsi scarsi carichi di gas naturale liquefatto prima dell’inverno dell’emisfero settentrionale.

Leggi anche:

Prezzo Gas Naturale Oggi

Il Prezzo del Gas Naturale aumenta del + 700% e diventa arma della nuova guerra fredda
Sopra: in questi ultimi 2 anni il prezzo del gas è aumentato di circa il 700%

Il nuovo petrolio?

La Germania afferma che le carenze di gas potrebbero innescare un collasso simile a quello di Lehman Brothers, poiché la potenza economica europea deve affrontare la prospettiva senza precedenti di imprese e consumatori a corto di energia. Il principale gasdotto Nord Stream che trasporta il gas russo in Germania dovrebbe chiudere l’11 luglio per dieci giorni di manutenzione e cresce il timore che Mosca non possa riaprirlo. I leader del Gruppo dei Sette stanno cercando modi per frenare i guadagni del gas della Russia, che aiutano a finanziare l’invasione dell’Ucraina, e sostenere nuovi investimenti nel GNL. E i paesi più poveri che hanno costruito sistemi energetici attorno al gas a basso costo ora stanno lottando per permetterselo.

Sono gli anni ’70 per il gas naturale“, afferma Kevin Book, amministratore delegato di ClearView Energy Partners LLC, una società di ricerca con sede a Washington. “Il mondo ora pensa al gas come una volta pensava al petrolio, e il ruolo essenziale che il gas svolge nelle economie moderne e la necessità di un approvvigionamento sicuro e diversificato sono diventati molto visibili”.

Il gas naturale era una merce assonnata che è passata di mano in mercati regionali frammentati. Ora, anche se la globalizzazione sembra essere in ritirata in gran parte dell’economia mondiale, il commercio del gas sta andando nella direzione opposta. Si sta globalizzando velocemente, ma forse non abbastanza.

Molti paesi si sono rivolti al gas naturale come parte della transizione verso un’energia più pulita, poiché cercano di eliminare gradualmente l’uso di combustibili fossili più sporchi come il carbone e, in alcuni casi, anche l’energia nucleare. I principali produttori, come gli Stati Uniti, che hanno rapidamente scalato i ranghi degli esportatori di GNL per competere con il Qatar come il più grande del mondo, stanno assistendo a un aumento della domanda per la loro produzione. Quarantaquattro paesi hanno importato GNL l’anno scorso, quasi il doppio rispetto a dieci anni fa. Ma il carburante è molto più difficile da spostare in giro per il pianeta rispetto al petrolio, perché deve essere liquefatto in luoghi come lo stabilimento di Freeport in Texas.

Ed è per questo che una piccola esplosione in una struttura vista come niente di speciale dagli addetti ai lavori – non è il più grande o il più sofisticato dei sette terminali che inviano GNL dalle coste americane – ha avuto un impatto così smisurato.

“La crisi attuale”

I prezzi del gas in Europa e in Asia sono aumentati di oltre il 60% nelle settimane da quando Freeport è stata costretta a chiudere temporaneamente, un periodo che ha visto anche ulteriori tagli alle forniture da parte della Russia. Negli Stati Uniti, al contrario, i prezzi del carburante sono crollati di quasi il 40%, perché l’interruzione significa che più gas rimarrà disponibile per uso domestico.

C’erano già molti segnali di estrema rigidità del mercato. La guerra e il Covid possono agitare ogni merce, dal grano all’alluminio e allo zinco, ma poco è paragonabile alla volatilità da far ribollire lo stomaco dei prezzi globali del gas. In Asia, il carburante è ora circa tre volte più costoso di un anno fa. In Europa, è uno dei motivi principali per cui l’inflazione ha appena raggiunto un nuovo record.

Il gas naturale rimane più economico negli Stati Uniti, ma anche lì i futures erano più che raddoppiati quest’anno prima della chiusura di Freeport. Con i principali alleati politici dalla Germania all’Ucraina alla disperata ricerca di gas americano, i produttori statunitensi avvertono che più vendite all’estero significheranno costi più elevati in patria. La reazione del mercato all’incendio di Freeport illustra un “chiaro collegamento tra le esportazioni di GNL e gli impatti inflazionistici sui prezzi interni del gas naturale e dell’elettricità”, afferma Paul Cicio, presidente dell’Industrial Energy Consumers of America. Per soddisfare tutta la nuova domanda sarà necessario una massiccia ondata di investimenti nell’offerta. È già in corso e ha avuto una spinta alla riunione della scorsa settimana delle più grandi economie del mondo occidentale, in cui i leader del G-7 hanno promesso di sostenere gli investimenti pubblici in progetti sul gas, dicendo che sono “necessari in risposta all’attuale crisi”.

Tra le esigenze infrastrutturali urgenti:

  • Impianti di esportazione: la corsa al GNL sta accelerando i progetti in Nord America e oltre. Il mese scorso, Cheniere Energy Inc. ha dato il via libera a un’espansione del terminal in Texas. Ad aprile, un progetto canadese di GNL sostenuto dal magnate indonesiano Sukanto Tanoto ha ottenuto il via libera per iniziare la costruzione. In Qatar, Exxon Mobil Corp. e Shell Plc sono tra i giganti dell’energia con partecipazioni in un progetto da 29 miliardi di dollari per aumentare le esportazioni di GNL. “Hai prezzi globali del gas così alti da incentivare la firma di nuovi contratti a lungo termine”, afferma Samantha Dart, responsabile della ricerca sul gas naturale presso Goldman Sachs. “Stiamo vedendo quegli annunci arrivare a destra ea manca, con molti impianti di liquefazione proposti dagli Stati Uniti”.
  • Terminali di importazione: in Europa, i piani per circa 20 terminali sono stati annunciati o accelerati dall’inizio della guerra in Ucraina. La Germania, che non ha terminali GNL, ha stanziato circa 3 miliardi di dollari per noleggiarne quattro galleggianti e collegarli alla rete del Paese. Il primo dovrebbe andare online verso la fine di quest’anno. Sottolineando la necessità di velocità, il vicecancelliere Robert Habeck ha sottolineato che Tesla Inc. è riuscita a costruire una fabbrica vicino a Berlino in soli due anni e ha affermato che è tempo di tagliare la burocrazia tedesca. “Per prima cosa, scava la trincea dove deve entrare il tubo”, ha detto. “Poi arriva il permesso”. La Cina, il principale acquirente di GNL al mondo lo scorso anno, è nel mezzo di uno dei più grandi sviluppi a cui l’industria abbia mai assistito. Dieci nuovi terminali di importazione dovrebbero entrare in linea nel solo 2023,
  • Condutture: anche con una maggiore capacità di ricevere le spedizioni di GNL e riconvertirlo in forma di gas, un processo noto come rigassificazione, l’Europa non dispone di infrastrutture per spostarlo dove potrebbe essere necessario. La Spagna, ad esempio, ha i più grandi impianti di rigassificazione d’Europa, ma ha solo due collegamenti con la Francia attraverso i Pirenei, in grado di trasportare poco più di un decimo di quei volumi, secondo Bloomberg Intelligence.
  • Petroliere: i cantieri navali della Corea del Sud, dove viene costruita la maggior parte delle navi cisterna GNL del mondo, stanno assistendo a un aumento degli ordini che li sta lasciando a corto di manodopera qualificata. Sono stati costretti a cercare fuori dal paese, in posti come la Thailandia, saldatori, elettricisti e pittori, aumentando le loro quote per i lavoratori migranti.

In alcuni casi tutto ciò significa un’inversione di marcia rispetto alle politiche volte a combattere il cambiamento climatico, soprattutto in Europa. I finanziatori sostenuti dal governo come la Banca europea per gli investimenti e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, che si erano concentrati sul finanziamento delle energie rinnovabili, hanno segnalato un cambiamento e hanno affermato che ora sono più disposti a sostenere i progetti del gas. Ma gli sforzi vertiginosi dell’Europa vincono’ Non basta, secondo Bloomberg Intelligence, che calcola che le importazioni di GNL potrebbero soddisfare il 40% del fabbisogno di gas della regione entro il 2026, il doppio rispetto allo scorso anno, ma ancora molto al di sotto dei volumi forniti dalla Russia.

Leggi anche:

Ecco perché gli allarmi di un crollo dovuto al gas delle economie europee si stanno intensificando.

La scorsa settimana, il governo tedesco ha dichiarato che è in trattative per salvare l’utility Uniper SE, che sta perdendo circa 30 milioni di euro (31 milioni di dollari) al giorno perché deve coprire il gas russo mancante a prezzi in rialzo del mercato spot. Aziende come il gigante chimico BASF SE affermano che potrebbero dover tagliare la produzione. Deutsche Bank ha citato i crescenti rischi di una “imminente recessione tedesca sulla scia del razionamento dell’energia” e ha indicato l’impennata dei prezzi dell’energia elettrica anche in Italia e Francia. Morgan Stanley ha previsto che l’intera area dell’euro sarà in recessione entro la fine dell’anno.

Per alcune economie emergenti – che sempre più devono competere con paesi ricchi come la Germania nell’offrire carichi di GNL, mentre il gas diventa globale – le conseguenze sono già state disastrose.

In Pakistan, che ha costruito il suo sistema energetico su GNL a basso costo, i blackout pianificati stanno facendo precipitare le regioni nell’oscurità durante i soffocanti mesi estivi. I centri commerciali e le fabbriche nelle principali città hanno ricevuto l’ordine di chiudere anticipatamente e i funzionari del governo stanno lavorando con orari ridotti.

La Thailandia sta frenando le importazioni di GNL a causa dell’aumento dei prezzi, mettendo potenzialmente il paese a rischio di carenza di carburante. Il Myanmar, alle prese con l’instabilità politica, ha interrotto tutti gli acquisti di GNL alla fine dell’anno scorso, quando i prezzi hanno iniziato a salire. Anche India e Cina hanno ridotto le importazioni.

“Dove una volta i mercati del gas naturale erano in gran parte isolati a livello regionale, ora abbiamo un mercato spot globalizzato che ha collegato l’esposizione mondiale al carburante che è diventato fondamentale per molte economie”, ha affermato James Whistler, amministratore delegato di Vanir Global Markets con sede a Singapore, una mediazione energetica e ambientale. “Questo non è mai stato così evidente come negli ultimi mesi”.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *