Perchè il Prezzo della Benzina è ancora così Alto? Quando diminuirà?

Il costo di un litro di benzina alla pompa è ai massimi livelli, nonostante gli aiuti del Governo che ha tolto 25 centesimi di accise. Cosa sta guidando l’impennata e i prezzi della benzina scenderanno? D’altronde il petrolio c’è sotto terra, ancora non è finito.

I conducenti di auto nel 2022 affrontano un’esperienza sempre più dolorosa ogni volta che riempiono i serbatoi di benzina. Al momento della stesura di questo articolo, i prezzi normali del gas senza piombo nella media nazionale si attestano a 1,90 euro al litro, se si considera che prima della crisi del Covid ( cioè prima dei lockdown)  si aggirava intorno ai 1,30 e 1,40 euro si capisce che la benzina è diventato un costo che fa salire anche tutti gli altri, specialmente da Noi in Italia, visto che le merci viaggiano quasi tutte su camion.

 

Leggi anche: Quanto guadagna un benzinaio nella realtà

Perchè il Prezzo della Benzina continua ancora a crescere? Quando diminuirà?
Sopra: il prezzo della benzina non viene stabilito dal governo, come molti pensano ma dai distributori

Perché i prezzi della benzina stanno aumentando così tanto? E quando tornerà a scendere il prezzo della benzina?

 

La domanda di petrolio frantumato COVID … Poi la produzione di petrolio frantumato

Nessuna singola persona, azienda o governo controlla i prezzi della benzina . Invece, ci sono diverse ragioni per cui tutti gli utenti del mondo stanno affrontando un dolore crescente quando fanno il pieno dei loro veicoli.

In primo luogo, bisogna incolpare la pandemia di COVID-19, che due anni fa ha sconvolto i mercati petroliferi. Non si sono ancora completamente ripresi dai danni inflitti dal virus.

Quando il COVID ha colpito per la prima volta, ha intaccato profondamente la domanda globale di petrolio poiché molte attività normali sono state chiuse e milioni di persone che di solito guidano per andare al lavoro sono rimaste a casa. Di conseguenza, i prezzi del greggio sono crollati. In effetti, ad un certo punto nell’aprile 2020, i prezzi del greggio del WTI (West Texas Intermediate) di riferimento sono effettivamente scesi al di sotto di $ 0 , cosa che normalmente sembrerebbe impossibile.

Con la domanda di petrolio così debole a causa delle restrizioni COVID-19, i posti in cui immagazzinare greggio indesiderato si sono riempiti e i trader di futures sul petrolio si sono affrettati a sbloccare le loro posizioni sul greggio. Alla fine, alcuni hanno dovuto pagare gli acquirenti per togliere loro le future consegne di petrolio.

I prezzi negativi non sono durati a lungo, ma il petrolio è rimasto molto basso per gran parte del 2020. Ciò ha portato le compagnie energetiche e i principali paesi esportatori di petrolio dell’OPEC a tagliare la loro produzione perché nessuno voleva regalare barili di petrolio a prezzi così bassi.

Da allora, il mondo ha lentamente superato la pandemia e la domanda di petrolio è tornata a farsi, soprattutto negli Stati Uniti ed in Europa. Non sorprende che i consumatori che si sono persi i viaggi e altre normali attività nel 2020 e nel 2021 stanno recuperando il tempo perduto. La domanda di petrolio nei paesi occidentali sta tornando al punto in cui era pre-COVID. Ma la produzione di petrolio impiega molto più tempo per ripartire rispetto al consumo di petrolio .

I pozzi inattivi non possono essere riavviati facilmente. La perforazione di nuovi pozzi richiede tempo. E i produttori di petrolio sono stati cauti nell’aprire rapidamente i rubinetti, per paura che un nuovo calo dei prezzi li bruci di nuovo. Qui negli Stati Uniti, la produzione di petrolio si è solo parzialmente ripresa dal calo del 2020. L’OPEC e i suoi paesi partner stanno ripristinando solo gradualmente le esportazioni che hanno sottratto al mercato durante il peggio della pandemia.

Ma questo non è l’unico motivo per cui i prezzi della benzina stanno salendo.

La guerra in Ucraina minaccia le esportazioni petrolifere russe

Quella discrepanza tra domanda e offerta ha contribuito a spingere il petrolio più in alto per tutto il 2021. Poi hanno ottenuto un altro importante impulso all’inizio del 2022, quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Le cose peggiori da tenere nel tuo portafoglio

Tra le nazioni produttrici di petrolio, la Russia è dietro solo agli Stati Uniti e all’Arabia Saudita, fornendo circa il 10% del fabbisogno mondiale di petrolio. Le sanzioni occidentali hanno interrotto parte di quella fornitura, potrebbero essere in arrivo altre sanzioni contro le vendite di petrolio di Mosca e molte compagnie energetiche occidentali stanno volontariamente evitando il petrolio russo.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *