SWIFT in Russia: Efficacia della Sanzione e Possibili Conseguenze

Il denaro si muove nell’economia globale in un batter d’occhio, grazie in gran parte alla rete SWIFT. Gestita dalla Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, questa vasta rete di comunicazioni facilita i pagamenti internazionali tra migliaia di banche e istituzioni finanziarie in tutto il mondo.

Mentre le potenze occidentali rispondono all’invasione russa dell’Ucraina, alcuni commentatori hanno chiesto agli Stati Uniti e ai loro alleati di espellere le banche russe da SWIFT. Mentre tanti investitori preoccupati dei propri investimenti con la guerra in Ucraina, diamo un’occhiata più da vicino a come funziona questa parte fondamentale del sistema finanziario internazionale e perché potrebbero esserci altri modi più efficaci per imporre costi alla Russia per le sue azioni in Ucraina.

Che cos’è il sistema di pagamento SWIFT?

Con sede a Bruxelles, SWIFT è stata fondata alla fine degli anni ’70 per aiutare gli istituti finanziari a elaborare pagamenti internazionali in modo rapido e sicuro. La rete SWIFT consente il trasferimento di denaro e titoli tra circa 11.000 banche associate, attraverso decine di milioni di transazioni giornaliere.

Secondo The Economist , nel 2021 sono stati trasmessi oltre i confini internazionali oltre 140 trilioni di dollari, pari al 152% del prodotto interno lordo (PIL) globale e circa il 90% di questi trasferimenti è passato tramite SWIFT.

SWIFT può essere una parte fondamentale dell’infrastruttura globale che consente flussi di denaro transfrontalieri, ma non trasferisce direttamente denaro o titoli in sé. Pensalo più come un sistema di messaggistica sicuro che consente alle banche membri di scambiare informazioni sui trasferimenti di fondi.

La rete SWIFT incanala le istruzioni di pagamento da una banca emittente a una banca trasmittente per conto dei clienti che desiderano effettuare pagamenti tra loro. Le banche spostano quindi fondi e titoli effettivi tramite una rete di conti sottostante.

swift, cos'è swift, swift russia
swift, cos’è swift, swift russia

Come funziona SWIFT e Banche Corrispondenti

I pagamenti internazionali sono comunemente instradati tramite banche corrispondenti. Se due parti devono scambiare pagamenti ma le loro banche non hanno un rapporto formale, la banca corrispondente funge da agente per gestire lo scambio di fondi tra le due istituzioni.

Quando l’Arabia Saudita vuole vendere spedizioni di petrolio greggio a una società giapponese, è probabile che la vendita avvenga in dollari USA. La messaggistica sui pagamenti viene instradata tramite SWIFT, ma lo scambio di fondi avviene tramite una banca corrispondente che addebita il denaro da un conto che detiene per conto dell’acquirente e quindi lo accredita su un altro conto per conto del venditore.

SWIFT sarà incluso nelle sanzioni alla Russia?

 

Si sta proprio discutendo di questo tra gli alleati, Il premier italiano Draghi stamattina ha telefonato al presidente dell’Ucraina e gli ha detto che appoggerà questo tipo di sanzione contro la Russia, paese invasore.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha chiesto che la Russia venga espulsa da SWIFT mentre annunciava il pacchetto di sanzioni di Londra alle banche russe e il presidente ceco Miloš Zeman ha anche affermato che la Russia dovrebbe essere tagliata fuori da Swift.

Alcuni esperti finanziari dubitano che bloccare semplicemente l’accesso a SWIFT sarebbe una sanzione tanto efficace, altri invece credono che potrebbe essere efficace.

Il taglio di SWIFT può essere paragonato al divieto dei terminali Bloomberg. Non è un’arma efficace“, ha scritto Karol Karpinski, specialista dei sistemi di pagamento presso la Banca Mondiale, su Twitter. Karpinski ha affermato che perseguire le relazioni bancarie di corrispondenza potrebbe avere un maggiore impatto.

La spinta a rimuovere la Russia dalla rete SWIFT non faceva parte delle sanzioni annunciate giovedì dall’amministrazione Biden. Alla domanda sul motivo per cui la Casa Bianca stesse tralasciando questa misura, il presidente Joe Biden ha affermato che era un’opzione rimasta sul tavolo.

Le sanzioni che abbiamo proposto a tutte le loro banche hanno le stesse conseguenze, forse più conseguenze di SWIFT“, ha affermato Biden.

Gli Stati Uniti possono espellere la Russia da SWIFT?

SWIFT è un’organizzazione cooperativa di proprietà delle banche associate e governata da un consiglio di amministrazione di 25 membri. Anche la Federal Reserve statunitense, la Banca Centrale Europea e altre importanti banche centrali controllano le operazioni di SWIFT.

Poiché è governato da un gran numero di partecipanti, secondo la legge belga, gli Stati Uniti non possono rimuovere unilateralmente la Russia da SWIFT.

In effetti, la Banca di Russia ha iniziato a sviluppare la propria alternativa a SWIFT nel 2014, denominata Sistema per il trasferimento di messaggi finanziari (SPFS). A partire dal 2021, SPFS gestiva già fino a un quinto del volume di messaggistica dei pagamenti russi.

Quindi tutti quei cittadini italiani che sono preoccupati di “come pagheremo il gas“, possono stare sereni.

Tuttavia, la rimozione della Russia da SWIFT potrebbe avere un grande impatto. Alexandra Vacroux, direttrice esecutiva del Davis Center for Russian and Eurasian Studies dell’Università di Harvard, ha detto a NPR che tagliare la Russia fuori da SWIFT avrebbe un impatto drammatico. L’Iran è stato rimosso dal sistema nel 2012 e ha perso metà dei suoi proventi dalle esportazioni di petrolio e il 30% del suo commercio estero.

Le sanzioni alle banche russe potrebbero avere più impatto di SWIFT?

Il pacchetto di sanzioni dell’amministrazione Biden includeva Sberbank, la più grande banca russa, nonché la seconda più grande banca VTB e altre istituzioni finanziarie russe.

In base a queste misure, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha vietato alle istituzioni russe di intrattenere rapporti bancari di corrispondenza con le istituzioni finanziarie statunitensi, tagliandole di fatto fuori dal sistema finanziario statunitense.

Secondo il Dipartimento del Tesoro , ogni giorno le istituzioni finanziarie russe effettuano transazioni in valuta estera per 46 miliardi di dollari in tutto il mondo, l’80% delle quali è denominato in dollari USA. La stragrande maggioranza di queste transazioni sarà ora interrotta.

CET 1 RATIO Istituti di credito italiani I problemi di Deutsche Bank Ultimi stress test BCE
Perchè gli istituto di credito in crisi Cosa è il Bail In Ci si può fidare dei consulenti finanziari?
Istituti in amministrazione controllata Unione Bancaria europea  Istituti di credito europee
Istituti di Credito Cooperativo a rischio Aiuti di Stato agli Istituti di credito Investire soldi sugli Istituti di credito conviene?

 

Approfondimenti sulle banche italiane.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *