Come la Guerra in Ucraina sta Rimodellando Commercio e Investimenti Mondiali

La guerra in Ucraina sta causando interruzioni del commercio e degli investimenti in tutto il mondo, colpendo le case automobilistiche in Europa, gli albergatori in Georgia e le Maldive, oltre a incidere sui consumatori di cibo e carburante a livello globale . Sebbene i poveri del mondo, che spendono gran parte del loro reddito per le necessità della vita, siano i più vulnerabili, nessun paese, regione o industria è rimasto intatto da queste interruzioni.

Un nuovo rapporto della Banca Mondiale – L’impatto della guerra in Ucraina sul commercio e gli investimenti globali – mostra che il commercio mondiale diminuirà dell’uno per cento, abbassando il PIL globale di poco meno dell’uno per cento. Gli esportatori manifatturieri come Vietnam, Thailandia e Messico registrano un forte calo, soprattutto nei settori ad alta intensità energetica. Gli esportatori netti di colture, tra cui Turchia, Brasile e India, e di combustibili fossili, come la Nigeria ei paesi del Medio Oriente, vedono un’impennata delle loro esportazioni, attenuando gli effetti negativi della guerra. Le onde d’urto economiche si stanno muovendo attraverso cinque canali: mercati delle materie prime, reti logistiche, catene di approvvigionamento, investimenti diretti esteri (IDE) e settori come il turismo.

La guerra arriva in un momento difficile per l’economia mondiale. La ripresa dalla recessione indotta dalla pandemia è rallentata quando sono emerse nuove varianti di coronavirus e i governi hanno frenato la spesa. L’aumento dell’inflazione ha spinto la Federal Reserve e altre importanti banche centrali ad aumentare i tassi di interesse. Le interruzioni del commercio mondiale e degli investimenti freneranno la crescita nei paesi in via di sviluppo e aumenteranno le pressioni sui prezzi.

guerra in ucraina influenza prezzi grano energia, investimenti guerra in ucraina
Sopra: un tempo l’Ucraina era considerata “Il granaio del mondo” oggi le cose sono un po’ cambiate ma non più di tanto e con la guerra l’approvvigionamento del grano potrebbe diventare un problema

Cibo ed energia

Il potenziale per una crisi alimentare è la preoccupazione più allarmante. I prezzi del grano e di altri cereali sono già aumentati vertiginosamente. Nel 2019, Russia e Ucraina insieme hanno rappresentato il 25% delle esportazioni mondiali di grano e il 14% delle spedizioni di mais . Molti paesi in tutto il mondo dipendono fortemente da questi flussi. La Repubblica del Congo, ad esempio, fa affidamento sulle importazioni dalla regione del Mar Nero per il 67% del grano che consuma.

Dopo i prezzi dei generi alimentari, i prezzi dell’energia sono quelli più direttamente colpiti. La Russia è uno dei maggiori fornitori di energia al mondo, fornendo il 14% del suo petrolio greggio e il 9% del suo gas naturale a livello globale . La nostra simulazione genera un aumento del 7% del prezzo del greggio, che a sua volta fa aumentare i costi di trasporto e produzione nel settore manifatturiero, portando a un calo delle esportazioni (Figura 1). L’aumento dei prezzi del gas naturale, un ingrediente chiave per i fertilizzanti a base di ammoniaca, aumenterà i costi per gli agricoltori e ridurrà i raccolti, aggravando ulteriormente la carenza di cibo.

Figura 1 : variazione delle esportazioni rispetto all’anno di riferimento in percentuale del PIL reale

problemi dei prezzi con la guerra in ucraina

 

Gli interventi di politica commerciale rischiano di peggiorare la situazione (figura 2). Le restrizioni alle esportazioni riducono ulteriormente l’offerta globale, mentre le misure di liberalizzazione delle importazioni e le sovvenzioni aumentano la domanda. Dall’inizio della guerra, alla fine di febbraio, sono state imposte o annunciate 67 nuove politiche commerciali. Le sole restrizioni alle esportazioni hanno aggiunto sette punti percentuali al prezzo del grano e rischiano di innescare un’escalation colpo per colpo.

Figura 2 : Prezzi internazionali del grano e misure di politica commerciale

conseguenze economiche della guerra in Ucraina
Fonte: Ruta et al. (2022).

Mancanza di approvvigionamenti e altre interruzioni

La guerra e le conseguenti sanzioni hanno interrotto i principali collegamenti di trasporto tra Russia e Ucraina e il resto del mondo, interrompendo il commercio in modo più ampio . I collegamenti della Russia con i porti europei sono stati tagliati e le esportazioni di materie prime verso altre destinazioni sono state limitate. I porti ucraini del Mar Nero sono stati bloccati o occupati, lasciando al paese poche rotte per le sue esportazioni di materie prime. Il trasporto aereo di merci tra Europa e Asia deve ora essere dirottato per evitare lo spazio aereo russo. Il transito ferroviario attraverso la Russia sta rallentando a causa dei controlli per il rispetto delle sanzioni e ulteriori cicli di sanzioni potrebbero rischiare di interrompere completamente il transito ferroviario.

Le interruzioni delle catene di approvvigionamento globali e regionali hanno causato carenze di input e aumenti dei prezzi. L’Ucraina è un fornitore chiave di input, inclusi cavi di accensione per automobili, gas neon per semiconduttori e minerale di ferro per acciaierie. Le aziende che producono attrezzature per il trasporto, macchinari, elettronica e prodotti alimentari fanno particolarmente affidamento su metalli, prodotti chimici, fertilizzanti e altri prodotti russi.

La Russia e l’Ucraina non sono attori importanti nelle reti mondiali di IDE, ma la guerra avrà comunque un impatto su alcuni paesi e industrie. Armenia, Moldova e Repubblica del Kirghizistan dipendono fortemente dagli investimenti russi. E i paesi europei, tra cui Finlandia, Germania e Norvegia, hanno partecipazioni importanti nel settore energetico russo.

Anche il turismo ne risentirà, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Georgia e Montenegro dipendono fortemente dai visitatori russi e ucraini. Un calo del turismo globale bloccherà almeno temporaneamente la ripresa post-pandemia del settore, poiché i voli di linea vengono interrotti e i consumatori rivalutano i loro piani di viaggio.

Leggi anche:

Quali sono i probabili effetti a lungo termine della guerra?

Alcuni temono che la guerra porterà a una diminuzione della globalizzazione, il motore della crescita e dello sviluppo di tutti i paesi del mondo negli ultimi 30 anni. La nostra analisi mostra che le aziende valuteranno nuovamente i rischi geopolitici e potrebbero spostare la produzione lontano da paesi che considerano più rischiosi, eventualmente rimodellando in una certa misura le catene del valore globali. Ma dato il capitale in atto, il costo della ricerca di alternative e i differenziali salariali tra i paesi, è probabile che questo processo sia graduale anziché improvviso. E non si tradurrà in un’inversione della globalizzazione a meno che non sia supportata da un pronunciato intervento del governo.

La grande incognita e il rischio derivano dalle politiche volte a frammentare il sistema commerciale piuttosto che a disinnescare le tensioni e rafforzare le catene del valore globali contro future interruzioni.

Fonte: World Bank

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *