Maggiori Produttori di Petrolio al mondo nel 2022

Quali sono i paesi che producono più petrolio? Si nota subito come i paesi dove si produce più petrolio, non corrispondono ai paesi dove c’è più petrolio. Grandi economie come quella Cinese, Americana o Europea hanno un fabbisogno di petrolio molto alto e – potendo – se lo producono da soli.

Nel 2019 la produzione mondiale di petrolio e altri liquidi è stata di 100 milioni di barili al giorno (b/g). I blocchi e le restrizioni durante il 2020 per contenere il COVID-19 hanno provocato un enorme crollo dei prezzi del petrolio e la domanda durante quell’anno è scesa a 93,83 milioni di barili al giorno. Nel 2021 si è verificata una lieve ripresa, che ha portato la domanda a 95,55 milioni di barili al giorno. Nel 2022 la domanda è ulteriormente aumentata e con la crisi della Guerra in Ucraina, il coinvolgimento della Russia e le relative sanzioni che gli sono state date dai paesi occidentali, il prezzo del petrolio è ulteriormente aumentato, le ragioni sono fondamentalmente speculative ma ancora non si trova un modo per farlo scendere: ormai è ai massimi storici e sembra piacergli.

 

I primi dieci produttori di petrolio del mondo gestiscono circa il 72% di questa domanda, mentre i primi cinque produttori di petrolio da soli forniscono quasi il 53%*.

Ecco una panoramica dei principali paesi produttori di petrolio.

 

Leggi anche: Prezzo del petrolio oggi

maggiori produttori di petrolio, paesi dove si produce più petrolio
Immagine sopra: uno schema che ci dice dove sono le maggiori riserve di petrolio nel mondo

1. Stati Uniti

La più grande economia del mondo, gli Stati Uniti sono anche il più grande produttore di petrolio. La produzione di greggio statunitense ha superato quella dell’Arabia Saudita nel 2018 dopo oltre due decenni e da allora ha mantenuto la leadership. Il petrolio greggio viene prodotto in 32 stati degli Stati Uniti e nelle acque costiere. Tuttavia, quasi il 71% della produzione totale di petrolio greggio degli Stati Uniti proviene da cinque stati : Texas, North Dakota, New Mexico, Oklahoma e Colorado. L’industria petrolifera e del gas naturale americana sostiene 10,3 milioni di posti di lavoro nel paese e contribuisce per quasi l’8% al suo prodotto interno lordo (PIL).

I dati della US Energy Information Administration (EIA) indicano che la produzione totale di petrolio negli Stati Uniti è stata in media di circa 18,87 milioni di barili al giorno, mentre il suo consumo è stato in media di circa 19,78 milioni di barili al giorno nel 2021. La differenza tra consumo e produzione è dovuta alle importazioni. I primi cinque paesi di origine delle importazioni lorde di petrolio degli Stati Uniti nel 2021 sono stati Canada, Messico, Russia, Arabia Saudita e Colombia.

2. Arabia Saudita

L’Arabia Saudita, ufficialmente Regno dell’Arabia Saudita, possiede il 17% delle riserve accertate di petrolio greggio del mondo, la seconda più grande al mondo. L’Arabia Saudita è un membro fondatore dell’OPEC e contribuisce con il 22,4% della sua quota attuale . È entrata a far parte dell’Organizzazione mondiale del commercio nel 2005 per ottenere l’accesso ai mercati globali, creare posti di lavoro e incoraggiare gli investimenti esteri. Circa il 50% del suo PIL e il 70% dei proventi delle esportazioni dell’Arabia Saudita sono governati dal settore petrolifero e del gas.

Nel 2020 l’Arabia Saudita ha ridotto la produzione per riequilibrare il mercato petrolifero globale in sintonia con la decisione presa dall’OPEC. Nel corso del 2018, 2019 e 2020, il Paese ha prodotto 12,11, 11,47 e 10,85 milioni di barili al giorno di petrolio e altri liquidi. Secondo EIA, l’Arabia Saudita ha aumentato la produzione da febbraio 2021 e ad ottobre ha raggiunto circa 9,8 milioni di barili al giorno. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), la produzione totale di petrolio dell’Arabia Saudita era di 12 milioni di barili al giorno nel gennaio 2022. Aramco, domiciliata in Arabia Saudita, è tra le società più apprezzate al mondo.

3. Russia

La Russia è il terzo produttore mondiale di petrolio dopo Stati Uniti e Arabia Saudita. La produzione totale di petrolio della Russia era di 11,3 milioni di barili al giorno nel gennaio 2022, secondo l’IEA.

La Russia ha coordinato attivamente la produzione di petrolio con l’OPEC e altri produttori non OPEC, noti collettivamente come accordo OPEC+. Circa il 60% delle esportazioni di petrolio della Russia va all’Europa dell’OCSE. La Cina è il più grande acquirente singolo di petrolio russo (20% delle esportazioni russe), con una media di 1,6 milioni di barili al giorno di greggio nel 2021, equamente diviso tra oleodotto e rotte marittime.

Sulla scia della crisi Russia-Ucraina, gli Stati Uniti hanno vietato l’importazione di petrolio greggio russo e di alcuni prodotti petroliferi, gas naturale liquefatto e carbone. Nel 2021, gli Stati Uniti hanno importato quasi 700.000 barili al giorno di petrolio greggio e prodotti petroliferi raffinati dalla Russia. La produzione petrolifera del paese è controllata principalmente da società nazionali come Rosneft, Lukoil, Surgutneftegas, Gazprom e Tatneft. Il petrolio è parte integrante dell’economia russa .

4. Canada

Il Canada ospita abbondanti e variegate risorse naturali. Il paese ha la terza più grande riserva di petrolio accertata a livello globale, dietro Arabia Saudita e Venezuela. È l’unico membro non OPEC tra i primi cinque. Si stima che le sabbie bituminose dell’Alberta contengano le maggiori riserve di petrolio greggio del Canada.

Il Canada ha prodotto 5,35 milioni di barili al giorno nel 2018, seguiti da 5,48 milioni di barili al giorno e 5,23 milioni di barili al giorno rispettivamente nel 2019 e nel 2020. Durante il 2021, il Canada ha prodotto 5,56 milioni di barili al giorno di petrolio e si prevede che la produzione aumenterà a $ 5,85 milioni di barili al giorno nel 2022. Il consumo del Canada è inferiore alla sua produzione; ha consumato 2,27 milioni di barili al giorno nel 2021. Gli Stati Uniti sono la destinazione principale per le esportazioni di petrolio del Canada. Il petrolio greggio e i prodotti petroliferi combinati rappresentavano l’89% del valore di tutte le importazioni di energia statunitensi dal Canada nel 2020 . Circa 400.000 posti di lavoro sono supportati dal settore del petrolio e del gas naturale in tutto il Canada.

5. Cina

La Cina è tra i maggiori produttori e consumatori di energia. La Cina è stata l’unica grande economia che non si è ridotta nel 2020, né ha assistito a un calo della produzione di petrolio. È rimasto lo stesso a 4,86 ​​milioni di barili al giorno. La produzione nel 2021 è stata di 4,99 milioni di barili al giorno mentre il suo consumo è stato di 15,27 milioni di barili al giorno. Secondo EIA , “la produzione petrolifera cinese proviene da giacimenti legacy che richiedono costose tecniche avanzate di recupero del petrolio per sostenere la produzione”. La provincia petrolifera di Daqing, situata nella pianura di Songliao nel nord-est della Cina, è la più grande area produttrice di petrolio della Cina.

Negli ultimi anni, Cina e Russia hanno rafforzato i legami commerciali nel settore del petrolio e del gas. All’inizio di febbraio 2022, la PJSC Rosneft Oil Company e la China National Petroleum Corporation (CNPC) hanno stipulato un accordo in base al quale Rosneft fornirà 100 milioni di tonnellate di petrolio alla Cina attraverso il Kazakistan per 10 anni. All’inizio di gennaio 2022, l’ obiettivo di produzione di CNOOC Limited era fissato a 600-610 milioni di boe (milioni di barili di petrolio equivalente).

Conclusioni

Iraq, Emirati Arabi Uniti, Brasile, Iran e Kuwait sono gli altri maggiori produttori di petrolio. L’elenco dei maggiori consumatori di petrolio comprende Stati Uniti, Cina, India, Giappone e Russia.

 

Approfondimenti:

 

Prezzo del Petrolio se vince Biden o Trump: Cosa Cambia?

Prezzo del Petrolio se vince Biden o Trump: Cosa Cambia?

I traders di petrolio si sono preparati per un atto di bilanciamento sulla scia delle elezioni statunitensi Gli analisti mettono in guardia contro l’eccessiva semplificazione di ciò che ogni candidato significa per i prezzi del greggio Le elezioni presidenziali statunitensi sembrano una scelta binaria per il settore energetico: uno che ha sostenuto l’industria dei combustibili…

Perchè il Prezzo del Petrolio è negativo per la prima volta nella storia?

Il Prezzo del Petrolio è negativo per la prima volta nella storia: perchè?

I futures sul petrolio del West Texas stavano precipitavano lunedì pomeriggio, prima nelle cifre singole e poi nel rosso più tardi nel pomeriggio. E’ la prima volta da quando hanno iniziato a negoziare nel 1983 che i futures sul greggio sono scesi sotto $ 0. Il minimo precedente era di $ 10,20, che ha colpito…

Prezzo del Petrolio in Ribasso: Inizia la Recessione Economica Globale?

Prezzo del Petrolio in Ribasso: Segno dell'Inizio della Crisi Economica Globale?

I prezzi del petrolio sono entrati in mercato ribassista e per alcuni questo sta sollevando dubbi sulla salute economica globale. Gli investitori dovrebbero essere preoccupati per una futura crisi? Che diamine è successo ai prezzi del petrolio? Ma più significativamente, cosa significa per il mercato azionario più ampio e l’economia globale? Questo è ciò che…

Il Petrolio dello Stato islamico: a chi viene venduto?

Nono tutti sanno che nello Stati Islamico ISIS o IS, ci sono pozzi di petrolio, ogni combattente prende 500 $ e ogni comandante militare 1.200 $, una somma enorme sia in Iraq che in Siria, soldi che provengono per lo più dal commercio del petrolio , dai pozzi conquistati in Iraq o da qualche ‘buco’ in…

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.