Fare soldi online con un minisito (o landing page)

Cos’è un minisito ed è vero che ci si può fare dei soldi lavorando online, è vero che ci si può ricavare uno stipendio con una landing page? Oggi parleremo di una realtà non molto sfruttata nemmeno tra gli esperti del web, cioè i minisiti che non sono altro che un sito fatto da una unica pagina ( a volte sono anche 2 o 3 pagine internet) , una landing page creata per pubblicizzare o vendere qualcosa.
Il mondo del web non è più soltanto una realtà virtuale, uno strumento di consultazione universale. E’ qualcosa di più. E’ un motore dell’economia. E’ possibile fare soldi online anche grazie ad un blog o con un minisito.

Fare soldi online con un minisito

L’interazione con i portali internet è in costante aumento e incarna il nuovo trend segnando la transizione dal web 2.0 (legato all’utilizzo del computer) al web 3.0, contraddistinto da uno sviluppo della tecnologia. Nella nuova fase si punta alla personalizzazione dei servizi cercando applicazioni sempre più specifiche e utilizzabili su più dispositivi: l’iPhone, gli ebook reader, i tablet. Il mercato si amplia e la concorrenza si diversifica.
Un ruolo chiave è riservato ai social media come Facebook e alle soluzioni prospettate per incrementare le conversioni. Alla base vi è la creazione di contenuti che destano l’attenzione degli utenti. E’ decisivo informare offrendo le specifiche tecniche del prodotto. Vanno utilizzate frasi rassicuranti per gli utenti. In questo modo il minisito o il blog riuscirà a raggiungere l’obiettivo di vendita interfacciandosi al web, facendo conoscere un prodotto o un’idea. Un progetto web deve essere semplice ed esaustivo, puntare sull’usabilità per garantire profitti.

Fare soldi online con un minisito (o landing page)

Minisito: Web Marketing

Bisogna sapere approfittare di tutti i nuovi canali di marketing disponibili in internet, favorire la web usability, la facilità di utilizzo di un portale. Serve confezionare un sito attraente più che nozionistico, una pagina che punti alla vendita. Inefficace fornire troppe informazioni su un prodotto se prima non si motiva il potenziale acquirente. Il cliente deve essere motivato ad acquistare.
Da qui il successo del minisito che è in grado di rispondere a queste esigenze in modo essenziale e diretto. Il web marketing si fonda sulla motivazione mediante i seguenti meccanismi: attenzione; interesse; desiderio; acquisto. Le persone acquistano sull’onda delle emozioni.

Il fattore cinestetico

Fattore K detto anche fattore cinestesico. Per gli esperti del web èdeterminante sulle sensazioni. Se attraverso la landing pagenon si è in grado di vendere emozioni, non si sarà mai bravi a vendere nulla. Bisogna fare un’illustrazione dei benefici del prodotto, del sevizio o dell’idea. Il blogger deve porsi dall’altro lato dello schermo. Se, invece, si propone una recensione, bisogna mettersi nei panni del cliente. La spinta ad acquistare è frutto di meccanismi piscologici. Vi è una scienza detta della Programmazione Neuro-Linguistica, nota come PNL, che analizza ciò che induce le persone ad acquistare.

Il valore residuo

Si tratta dell’opportunità di generare delle rendite automatiche che generano guadagni all’infinito attraverso un lavoro fatto una volta e che prosegue a generare guadagni, come può essere un investimento in Borsa. Creare rendite automatiche in modo semplice è possibile grazie al web, essendo un esperto della rete.
In rete si può vendere ogni genere di cosa, anche senza possedere qualcosa di reale da mettere in vendita. Si può prendere parte, ad esempio, ad un programma di affiliazione, commercializzando i prodotti di altri. Basa creare un minisito e attendersi alle regole giuste. Una delle formulazioni più agevolanti, oltre al minisito, è quella del blog dove il sito si crea in pochi istanti usando un modello già strutturato e la grafica preferita senza spendere un centesimo. Internet offre la possibilità di creare attività senza costi.

Cos’è un minisito

Il web marketing trasferito su blog, minisiti e social media è determinante. Il minisito è una pagina unica finalizzata alla vendita dove si trova ciò che c’è da sapere sul prodotto. Per metterlo online basta realizzare una pagina funzionale, motivare l’utente, informarlo, trasmettergli sicurezza. Il venditore deve conoscere il potenziale del prodotto e trasmetterlo senza limitarsi ad illustrarlo.
Qualsiasi cosa è messa in vendita, in particolare su internet, ha dei punti strategici:
  • i visitatori. Si possono conseguire migliaia di utenti a costi contenuti soltanto appoggiandosi ai motori di ricerca, gli annunci sponsorizzati di Google Adwords o Yahoo Search Marketing.
  • i clienti. I visitatori vanno trasformati in potenziali acquirenti creando un minisito di una pagina per comprare
  • i prodotti. Si possono sfruttare i programmi di affiliazione migliori al mondo per conseguire profitti sulla vendita di prodotti propri o di terzi
  • il ritorno. Il guadagno cresce vendendo agli stessi clienti che hanno già usato il minisito per i loro acquisiti
Le rendite mensili derivano dai visitatori che si trasformano in clienti, acquistano e tornano a comprare.

Le motivazioni per comprare

Il cliente acquista soltanto se ne trova la sua motivazione soggettiva tranne per i compratori compulsivi. Va sempre ricercato l’interesse dell’utente. Serve inserire un invito all’azione ovvero a comprare. I cardini della persuasione sono: principio di coerenza; principio del contrasto; principio di scarsità.

Fiducia e reputazione

Una descrizione positiva di un prodotto suggerisce l’acquisto. La fiducia è decisiva in particolare se si gode di una discreta considerazione della persona che descrive il prodotto. Bisogna sapere gestire le obiezioni dei clienti. Vanno anticipate per farle venire meno. Si possono anticipare le obiezioni comuni con le faq (domande frequenti) o con una pagina dedicata con domande e risposte a cui si arriva mediante un link nella pagina del prodotto. Bisognerà fornire risposte vincenti.

Narrativa

Il cliente si sente partecipe della narrazione e così scatta l’acquisto attraverso il minisito. Con la narrativa di una storia lo si agevola ad apprendere rendendolo coinvolto a livello emozionale, senza disperdere il suo interesse.

come guadagnare con un minisito

Opportunità di lavoro

Definire la trattativa in atto mediante distorsioni temporali come la richiesta di pagamento in contanti o alla consegna. Il cliente viene messo in una condizione già successiva alla chiusura senza che lui se ne sia reso conto. Fare soldi online si può. Basta: motivare, informare e rassicurare i clienti per convincerli a comprare.

Come fare un minisito:

Fare un minisito è relativamente semplice, di certo non comporta il lavoro di un Blog ben curato o di un sito internet molto curato.
Quello che conta in un minisito è seguire le stesse regole che ci sono per un normale sito, con alcuni accorgimenti diversi:

  1. Scegliere una Url ed un titolo attinenti al prodotto che si vuole vendere, ad esempio se si vuole vendere delle sigarette elettroniche potremo intitolarlo “Le migliori sigarette elettroniche” con una URL www.lemiliorisigaretteelettroniche.com 
  2. Dividere la landing page per ‘settori’, quindi una presentazione, una descrizione dei prodotti, immagini, video che spieghino il prodotto e perchè comprarlo.
  3. Link al negozio di riferimento con cui il padrone del sito ha un contratto di affiliazione.
  4. Non bisogna limitarsi a fare un compitino di pochi argomenti, ma bisogna essere il più completi possibile nel dare informazioni, anche la lunghezza del testo e i vari link sono importanti e devono seguire delle regole del marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *