Mate 20 Pro Huawei sfida Apple e iPhone e Samsung

Mate 20 Pro Huawei sfida Apple e iPhone e Samsung

Fresca dal sorpasso di Apple Inc. (AAPL) a diventare il secondo produttore di smartphone al mondo nel mese di agosto, Huawei Technologies Co. ha presentato un nuovo dispositivo di punta volto a contribuire a conquistare il primo posto.
The Mate 20 Pro, rivelato in un evento a Londra martedì come rivale di iPhone XS Max e Galaxy Note 9 di Samsung Technology Co., include tre fotocamere orientate all’indietro, la sicurezza del riconoscimento facciale e un motore di intelligenza artificiale in grado di identificare gli oggetti e le persone in tempo reale.
Huawei è il più grande produttore cinese di apparecchiature per le telecomunicazioni, e il secondo produttore mondiale di smartphone a partire da agosto, quando è passato vicino a Apple (AAPL). Solo Samsung è lasciato a battere.

Mate 20 Pro Huawei sfida Apple e iPhone e Samsung

Il Mate 20 Pro include una serie di funzioni tratte dal playbook iPhone di Apple (AAPL), in particolare l’inclusione di un avanzato sistema di sicurezza per il riconoscimento facciale che costruisce un modello 3D del volto di un utente per poterlo autenticare senza la necessità di password o impronte digitali .

Ma il telefono presenta anche miglioramenti non ancora visti nei prodotti di punta dei rivali: mentre Apple (AAPL) ha reso popolare l’uso di due obiettivi per fotocamere posteriori, il nuovo modello di Huawei ne ha tre, ciascuno co-sviluppato da Leica. Include anche un sensore di impronte digitali dietro il display stesso, piuttosto che sotto o nascosto dietro la schiena – qualcosa che Samsung ha cercato di innovare nei suoi smartphone di punta, ma finora è stato assente dai prodotti disponibili in commercio.

Mate 20 Pro Huawei sfida Apple e iPhone e SamsungMate 20 Pro Huawei sfida Apple e iPhone e Samsung

Mate 20 Pro utilizza processori progettati da Huawei, piuttosto che popolari chip prodotti da Qualcomm Inc. Il nuovo telefono è in grado di identificare gli oggetti nel video che un utente acquisisce sul dispositivo. In precedenza questo era limitato alle sole fotografie.

L’intelligenza artificiale sta diventando una componente chiave della strategia aziendale complessiva di Huawei. La scorsa settimana ha presentato la sua ultima serie di chip Ascend, cavalli da lavoro con capacità di apprendimento automatico che la società afferma di essere in punta di piedi con i progetti di Qualcomm e Nvidia Corp. Introduce anche servizi di cloud computing e data center dedicati per veicoli autonomi che eliminerà quei chip, scavando più in profondità nel territorio tracciato da Amazon.com Inc. e Microsoft Corp.

Thomas Husson, un analista di Forrester, ha detto che la prodezza hardware di Huawei è “impressionante”, ma il suo marchio la sta trattenendo dal diventare leader del settore globale.

“Se Huawei riuscirà a rafforzare la sua personalità di marca, penso che l’azienda cinese possa continuare ad aumentare la sua quota di mercato, soprattutto qui in Europa, e in particolare a danno di Samsung”, ha affermato.

La società è quasi invisibile ai consumatori negli Stati Uniti, dove viene generato meno dell’1% delle sue entrate. I venti contrari politici legati ai produttori cinesi e alla sicurezza nazionale non hanno aiutato, né Verizon Communications Inc. e la decisione di gennaio di AT & T Inc. di smettere di vendere i propri dispositivi.

Roberta Cozza, direttore della ricerca sulla tecnologia personale di Gartner, ha affermato che l’espansione in nuove aree geografiche è fondamentale per Huawei per sostenere la crescita dei volumi e che “la mancanza di presenza negli Stati Uniti è e sarà un limite chiave”.

Quanto costano i nuovi Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro

Huawei ha presentato i nuovi smartphone di punta con una nuova fotocamera intelligente e funzionalità video, in quanto cerca di mantenere lo slancio tra i consumatori attenti al prezzo.

La società cinese, che ha superato Apple ( AAPL.O ) quest’anno per diventare il produttore di smartphone numero 2 per unità, dietro al Samsung della Corea del Sud ( 005930.KS ), ha introdotto la serie di telefoni Mate 20 utilizzando la tecnologia Leica.

La nuova linea di telefoni premium di Huawei ha quattro modelli disponibili in tutto il mondo, si aspettano negli Stati Uniti dove le vendite siano effettivamente vietate per i sussurri problemi di sicurezza nazionale.

 

La nuova line-up include Mate 20, con prezzi di listino compresi tra 799-849 euro ($ 925- $ 983), a seconda della configurazione della memoria.

Il più completo Mate 20 Pro, ha un prezzo base come 799 sterline presso alcuni rivenditori del Regno Unito e la lista al prezzo di 849 sterline o 1.049 euro in tutta Europa. Un iPhone X Max comparabile di Apple costa 1.099 sterline nel Regno Unito.

I nuovi telefoni includono un nuovo obiettivo grandangolare, un teleobiettivo 3x e una macro che spara oggetti fino a 2,5 centimetri (1 pollice).

I modelli Mate P20 sfruttano le funzionalità di intelligenza artificiale integrate nei chipset Kirin di Huawei.

Le funzionalità disponibili per gli utenti di Mate 20 comprendono la possibilità di isolare i soggetti umani e desaturare i colori che li circondano al fine di evidenziare le persone contro i loro sfondi.

Huawei incorpora chip di rilevamento della luce più grandi rispetto ai telefoni concorrenti per scattare foto migliori in condizioni di scarsa illuminazione.

L’analista di Gartner, Roberta Cozza, ha affermato che in un mercato di smartphone molto costellato di telefoni simili, Huawei sta riuscendo a differenziarsi con le caratteristiche della fotocamera e della personalizzazione.

“Con Mate 20, Huawei ha fissato la barra per ciò che gli utenti possono aspettarsi dalla fotografia usando uno smartphone”, ha detto Cozza.

Il produttore di telefoni cinesi è riuscito a superare Apple per conquistare il secondo posto nel secondo trimestre, i dati del settore mostrano, nonostante siano stati effettivamente esclusi dal mercato statunitense.

Tuttavia, Apple ha comandato il 43% del mercato premium e una parte del leone dei profitti, secondo quanto stimato da CounterPoint Research.

“Huawei sta chiaramente spuntando tutte le chiavi necessarie per spostare i rivali – e non solo i rivali azionati da Android”, ha detto Ben Wood, capo della ricerca della società di consulenza del settore mobile CCS Insight.

Wood ha detto che la mossa di Huawei per abbinare i caratteristici gesti di scorrimento dell’iPhone e le funzionalità di sblocco della faccia sul suo Mate 20 Pro potrebbe, in teoria, rendere più semplice la commutazione degli acquirenti Apple impegnati, anche se ha detto che è improbabile a breve termine.

“Ma è chiaro che Huawei ha un occhio sul futuro ed è pronto a prendere quota da Apple se arriverà il momento in cui un proprietario fedele di iPhone decide di provare qualcos’altro”, ha detto.

La nuova gamma di telefoni premium del più grande produttore mondiale di apparecchiature per telecomunicazioni comprende quattro modelli: Mate 20, Mate 20 Pro, Mate 20 X, con uno schermo da 7,2 pollici e un telefono Porsche Design in edizione limitata.

Recensione Huawei Mate 20 Pro

 

IL NOSTRO PRIMO VERDETTO

Dotato di numerose funzioni futuristiche, un’incredibile fotocamera e un’impareggiabile durata della batteria, l’Huawei Mate 20 Pro potrebbe diventare uno dei migliori telefoni del 2018.

PRO 
Lo scanner in-display funziona perfettamente
Ricarica wireless inversa
Telecamera all’avanguardia
CONTRO
Soluzione di archiviazione espandibile proprietaria
Nessun jack per cuffie
Tasti di accensione e volume troppo vicini

Huawei Mate 20 Pro è la versione sovralimentata dello “standard” Huawei Mate 20 – anch’esso presentato oggi – ed è il telefono su cui ti vuoi concentrare.

Mentre alcune specifiche sono simili alla sua controparte meno costosa, con entrambi i telefoni che vantano l’ultimo processore Kirin 980 7nm di Huawei, 128 GB di memoria integrata e 6 GB di RAM, l’Huawei Mate 20 Pro è in grado di giustificare il suo costo più elevato con diversi extra straordinari di fascia alta inclusioni.

Huawei Mate 20 Pro su Amazon per £ 899,99

Con una serie di caratteristiche futuristiche (tra cui una mondiale) e un prezzo più alto di quello che siamo abituati a vedere dal produttore cinese, Mate 20 Pro è chiaramente il gioco di Huawei per la corona del ” miglior smartphone del mondo” – e per una volta, l’azienda è a portata di mano, offrendo qualcosa che pensiamo possa stare in piedi con l’ iPhone XS e il Samsung Galaxy Note 9 .

Abbiamo testato il portatile per cinque giorni e, in vista della nostra imminente revisione completa, ecco cosa pensiamo finora.

Recensione Huawei Mate 20

 

Data e prezzo di rilascio di Huawei Mate 20

In Australia, la data di uscita di Huawei Mate 20 Pro è fissata per il 1 ° novembre, con i preordini aperti ora – con ulteriori informazioni da seguire per altri territori.

Al momento del lancio, il prezzo del Huawei Mate 20 Pro è di 1.599 dollari australiani (circa 1.140 dollari, 860 sterline), che è significativamente più costoso dello standard Mate 20, che ha un prezzo di AU $ 1.099 (circa $ 780, £ 590), cioè circa 800 euro

Per fortuna, il prezzo più alto di Huawei Mate 20 Pro è giustificato da una serie di funzioni premium che non sono state trovate in Mate 20, molte delle quali migliorano notevolmente l’esperienza utente complessiva del telefono.

Design

Con il display curvo in vetro e il telaio in alluminio colorato, è molto facile confondere l’Huawei Mate 20 Pro per un Samsung Galaxy S9 Plus a prima vista.

Guarda più da vicino e inizierai a notare alcuni degli stili distintivi di Huawei e altre, più sottili differenze.

Riattivare il telefono e si rischia di individuare immediatamente l’intaglio nella parte superiore del display. È notevolmente più grande della tacca “dewdrop” del Mate 20, anche se non è più grande di quella presente su iPhone XS.

Quindi, perché la taglia del Mate 20 Pro è più grande di quella del suo fratello più conveniente? È per l’inclusione di un secondo sensore per consentire la funzionalità di riconoscimento facciale in 3D, che si dice fornisca più sicurezza rispetto allo sblocco facciale basato su immagine del Mate 20.

 

Sebbene i nostri test abbiano dimostrato che lo sblocco del viso 3D di Mate 20 Pro è eccezionalmente veloce (in modo più rapido rispetto alle implementazioni equivalenti di Apple e Samsung), Pro offre anche uno scanner per impronte digitali in-display che è possibile utilizzare.

Quando è bloccato, c’è un’icona sullo schermo per trovare più facile, anche se è posizionata un po ‘più in alto sul telefono di quanto ci si potrebbe aspettare – circa un terzo dello schermo verso l’alto dalla parte inferiore del dispositivo.

Una volta che ti sei acclimatato a questo posizionamento più alto, funziona in modo rapido e impeccabile.

Parlando di progressi nel design che sembrano futuristici, l’Huawei Mate 20 Pro offre uno smartphone onesto al mondo.

Mentre i telefoni Pixel 3 di Google hanno appena ricevuto la funzionalità di ricarica wireless, Huawei ha fatto un ulteriore passo in avanti con l’inclusione della ricarica wireless inversa – e sì, avete letto correttamente.

Compatibile con qualsiasi telefono dotato di funzionalità Qi, Huawei Mate 20 Pro è in grado di caricare un altro dispositivo in modalità wireless quando si posizionano i due back-to-back.

Anche se non è esattamente il processo più veloce, la possibilità di condividere l’enorme batteria del Mate 20 Pro con un amico quando sei in giro potrebbe essere una vera svolta.

Come il fratello, il Mate 20 Pro presenta un trio di telecamere montate posteriormente disposte con il flash in una griglia 2×2. Anche se questa matrice appare piuttosto strana nelle immagini e nei rendering, in realtà è piuttosto piacevole di persona, dando al dispositivo uno stile distinto che può essere individuato da diversi metri di distanza.

Come il suo predecessore Mate 10 Pro, l’Huawei Mate 20 Pro è privo di un jack per cuffie da 3,5 mm, ovvero dovrai abbracciare la tecnologia Bluetooth, acquistare un dongle o accontentarti degli auricolari USB Type-C inclusi nella confezione.

Come ci si aspetterebbe, il suo dorso arrotondato sfoggia sia il marchio Huawei che il marchio Leica, anche se la variante di colore Midnight Blue presenta anche un “pattern di visualizzazione iper ottica” che fornisce al telefono una finitura ruvida e una maggiore resistenza alle impronte digitali.

Il telefono è disponibile anche in Midnight Black e Twilight in stile sfumato da viola a verde, anche se entrambi mancano del suddetto supporto testurizzato.

A differenza del Mate 20, che è solo resistente agli spruzzi, il Mate 20 Pro ha un grado di resistenza all’acqua e alla polvere IP68.

 

 

I pulsanti di alimentazione e volume del Mate 20 Pro sono disposti lungo il bordo destro del portatile, con il pulsante di accensione con punti luminosi rossi: una scelta di design che è apparentemente diventata una firma Huawei sin dal rilascio del P10.

I pulsanti sono rapidi e reattivi come ci si aspetterebbe da un dispositivo di punta, anche se sono un po ‘troppo ravvicinati per i nostri gusti, risultando in numerosi screenshot accidentali durante il giorno.

Nella parte inferiore del telefono è presente la porta USB Type-C di cui sopra per la ricarica e il trasferimento dei dati, accanto a uno slot contenente un vassoio fronte / retro per contenere la scheda SIM e il modulo di memoria espandibile opzionale.

Per motivi di dimensioni, Huawei ha deciso di non utilizzare MicroSD per il Mate 20 Pro, invece di optare per un nuovo formato NanoSD più piccolo, che è il design proprietario di Huawei e non ancora disponibile per l’acquisto.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi del formato non appena si presenteranno, ma le prime indicazioni sono che sarà più costoso di MicroSD su base gigabyte e quindi più problematico.

Display

Con uno schermo OLED con intaglio da 6,39 pollici con una risoluzione QHD + nel suo telaio sottile, lo schermo del Mate 20 Pro è un notevole passo avanti rispetto allo standard Mate 20, che, sebbene leggermente più grande a 6,53 pollici, impiega uno schermo LCD IPS con un Risoluzione FHD +.

Se hai già visto un telefono con uno schermo OLED (entrambi i Mate Mate 10 Pro e P20 Pro di Huawei li usano entrambi), saprai che la tecnologia di visualizzazione è in grado di ottenere neri veramente puri, con un rapporto di contrasto infinito e pixel a illuminazione singola consentendo dettagli incredibilmente precisi.

 

Huawei Mate 20 Pro non fa eccezione a questo, e quando combinato con il supporto HDR del telefono, il display è in grado di produrre immagini di sorprendente chiarezza e vivacità.

Questo contrasto infinito è utile anche quando si tratta di nascondere la tacca di iPhone XS del dispositivo, che può essere resa completamente invisibile nelle impostazioni del dispositivo aggiungendo una cornice nera simulata.

Meglio di tutto, non abbiamo riscontrato alcun segno del fastidioso controllo retroilluminazione adattativo contenuto (CABC), che è stato caratterizzato in modo irritante sul Mate 10 Pro.

CABC ridurrebbe automaticamente la luminosità dello schermo quando si usano determinate app di sfondo bianco, ma il cambiamento e l’effetto potrebbero essere piuttosto fastidiosi, rendendo il display abbastanza debole e senza alcuna possibilità di spegnerlo.

Interfaccia e prestazioni

Appena uscito dalla scatola, il Mate 20 Pro esegue l’interfaccia di Huawei EMUI 9.0, basata su Android 9 Pie.

Se hai utilizzato un telefono Huawei negli ultimi anni, saprai cosa aspettarti da un punto di vista dell’interfaccia: agli utenti viene offerta la possibilità di visualizzare tutte le loro app in modo apk-iPhone o in uno stile Android più tradizionale cassetto delle app.

Indubbiamente, l’interfaccia EMUI sta iniziando a mostrare la sua età, praticamente praticamente invariata rispetto a quella degli anni precedenti su Huawei Mate 9 . Per fortuna, gli utenti possono ora optare per applicare una modalità scura che funziona su tutte le app preinstallate di Huawei e migliora l’aspetto grafico da un punto di vista estetico.

Il Mate 20 Pro è equipaggiato con l’ultimo processore Kirin 980 di Huawei che è stato annunciato come il primo SoC 7nm del settore all’IFA all’inizio di quest’anno. Da allora Apple ha rilasciato l’iPhone XS con l’A12 Bionic, anch’esso basato sul processo 7nm, ma non esiste nessun altro telefono Android che lo stia utilizzando al momento.

Il nuovo processore offre straordinarie prestazioni generali in tutto il sistema operativo Mate 20 Pro e, grazie alle sue capacità di apprendimento automatico, il telefono si sentirà al meglio con le app più utilizzate.

 

Kirin 980 ha otto core disposti nella configurazione big.LITTLE, tutti basati sugli ultimi sviluppi ARM. È il primo processore dotato di nuovi core ARM Cortex A76 e della GPU Mali G76. Kirin 980 dispone di quattro core Cortex A76 e quattro core A55.

ARM, la società che ha progettato questi core, sta posizionando il suo Cortex A76 come “laptop-class performance” e secondo Huawei, il Kirin 980 avrà il 75% in più di prestazioni della CPU rispetto al Kirin 970, mentre il Mali-G76 si dice che offre una potenza di elaborazione grafica maggiore del 46%.

Oltre ad essere veloce, Huawei ha anche affermato che il processore Kirin 980 è molto più efficiente dal punto di vista energetico: il 57% sul processore e il 178% sulla GPU, per la precisione.

È interessante notare che Huawei ha diviso i quattro core Cortex A76 in due core a 2,6 GHz e gli altri due a 1,92 GHz. Ciascuno di questi set ha il proprio piano di tensione, il che significa che non si sprecherà molta energia quando la CPU è ad alto utilizzo, come ad esempio giocare a un gioco ad alta intensità di risorse.

Batteria

 

Con una batteria da 4.200 mAh, il Mate 20 Pro dovrebbe vantare la migliore durata della batteria di qualsiasi telefono Huawei fino ad oggi. Nel nostro tempo con il dispositivo, abbiamo trascorso un’intera giornata lavorativa di 8 ore (senza interruzioni di carica) e rimaneva ancora il 79% di batteria.

Se riuscirai a dissipare l’ampia batteria del Mate 20 Pro, sarai contento di sapere che il dispositivo è in grado di caricare estremamente velocemente, con l’adattatore da 40 W in dotazione, che garantisce una carica del 70% dopo soli 30 minuti. È inoltre disponibile la ricarica rapida wireless fino a 15 W.

Avremo un’idea più approfondita della durata della batteria del Mate 20 Pro dopo aver eseguito alcuni dei nostri benchmark regolari.

Sarà anche interessante vedere quanto più succo può essere spremuto dal Mate 20 Pro quando la risoluzione del dispositivo viene ridimensionata da QHD +, che come molte altre ammiraglie moderne può essere facilmente modificata nel menu delle impostazioni del telefono.

telecamera

Huawei tende a rilasciare la sua nuova tecnologia della fotocamera sulla serie P e quindi a perfezionarla con il modello Mate che segue. Ciò è parzialmente vero per la serie Huawei Mate 20, che presenta una configurazione con tre telecamere come la P20 Pro che l’ha preceduta.

Mate 20 Pro ha ancora una fotocamera primaria da 40 MP e un teleobiettivo fissato con zoom ottico 3X. Questa volta, tuttavia, Huawei ha sostituito il suo solito sensore fotografico monocromatico con un sensore ultra-wide simile a quello che abbiamo visto sul V40 di LG.

 

Considerando che non esiste più un sensore monocromatico dedicato, Huawei ha ottimizzato il sensore principale da 40 MP per gestire sia le modalità RGB che monocromatiche.

Con questo sensore ultra-wide e lo zoom 3X fisso e 5X ibrido di Huawei, puoi non solo avvicinarti a qualsiasi soggetto, ma anche tirare fuori per ottenere una visione più ampia, rendendo Mate 20 Pro la fotocamera più versatile che abbiamo mai visto su uno smartphone di punta.

Huawei afferma che il sensore ultra-wide aiuta anche con la fotografia macro, permettendoti di avvicinarti fino a 2,5 cm (circa un pollice) al soggetto.

Proprio come il P20 Pro, il sensore principale può scattare foto a 40MP (con supporto RAW) – per impostazione predefinita, la fotocamera è impostata su 10MP e utilizza i pixel circostanti per ottenere informazioni sul colore migliori o per produrre lo zoom ibrido 5X.

Huawei ha introdotto l’intelligenza artificiale (AI) nella sua fotocamera l’anno scorso con il processore Kirin 970 e ora ha raddoppiato con una unità di elaborazione neurale dual-core (NPU – ovvero una CPU con componenti IA dedicati) sulla Kirin 980 che aiuta ulteriormente con imaging.

Hai ancora molte scene di IA che possono essere rilevate e applicate automaticamente, con Huawei che afferma di poter rilevare più oggetti in una foto e applicare filtri diversi a ciascuno.

Ad esempio, può rilevare il cielo, l’acqua, un cane e il suo proprietario in una foto e applicare l’intelligenza artificiale a ciascuno di essi individualmente.

 

Huawei utilizza anche l’NPU per alcuni trucchetti nitidi con messa a fuoco e bokeh, ad esempio per consentire di modificare la forma delle luci sullo sfondo, dai cerchi ai cuori o ai dischi, o applicare effetti di illuminazione come illuminazione del palcoscenico, persiane o vetrate. C’è molto da fare e presto aggiungeremo ulteriori dettagli sulla fotocamera a questa recensione.

 

Anche nuovo per quanto riguarda l’intelligenza artificiale di Mate 20 Pro e la videocamera è HiVision, che è fondamentalmente la versione di Huawei di Bixby Vision o Google Lens.

Si dice che HiVision sia in grado di identificare punti di riferimento, opere d’arte o persino di acquistare prodotti che vede attraverso la sua fotocamera, oltre alla capacità di leggere codici QR o tradurre le lingue al volo.

Huawei ha dichiarato che sta utilizzando la tecnologia fornita da Microsoft per il riconoscimento delle immagini e la traduzione.

Venendo al video, Huawei ha aggiunto la capacità di registrare 4K a 30fps e registrare slow motion a 960 fps. Ancora una volta, usando l’intelligenza artificiale e la potenza della NPU, Huawei afferma di poter quasi rimuovere lo sfarfallio delle luci che si trovano generalmente quando si scatta in slow motion con illuminazione interna.

Opinioni finali

Facilmente il telefono più avanzato che Huawei abbia mai prodotto fino ad oggi, Mate 20 Pro è premium in tutti i sensi. Sebbene non sia estremamente originale dal punto di vista del design industriale, il Mate 20 Pro fa un certo numero di significativi progressi tecnologici in altre aree.

 

Dal suo scanner per impronte digitali in-display alla sua funzionalità di ricarica wireless inversa, Mate 20 Pro è un telefono che sembra davvero futuristico. Aggiungete a questo una straordinaria fotocamera tripla con un sensore primario da 40 megapixel, un’enorme batteria da 4.200 mAh e uno straordinario display QHD + OLED, e quello che avete è un telefono in grado di stare in piedi con tutti gli altri telefoni sul mercato.

Tuttavia, con la funzionalità premium viene fornito un prezzo premium, e sarà interessante vedere se le persone porteranno al Mate 20 Pro ora che il suo prezzo è equivalente al Samsung Galaxy Note 9.

Sulla base del nostro tempo di hands-on con il dispositivo, è chiaro che Huawei è diventato un vero vincitore con Mate 20 Pro. Resta sintonizzato per la nostra completa revisione nei prossimi giorni.

 

LEGGI ANCHE  >> I migliori smartphone cinesi 

Stampanti 3D

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *