Guadagnare con Instagram: le Migliori Strategie del 2019

Cerchiamo di capire come guadagnare con Instagram. Nel panorama aziendale recente ormai tutte le attività commerciali non possono più fare a meno della loro presenza online. Se in tanti non hanno avuto la possibilità o non hanno mai pensato di investire su un sito per farsi trovare su Google, l’opposto avviene con la presenza social: la natura di condivisione gratuita, l’intercettare le richieste e l’approvazione del pubblico e lo stretto contatto con quest’ultimo, fanno si che la presenza social delle aziende sia molto più curata e seguita.

Tra le tante piattaforme social c’è Instagram, il canale visuale che nell’ultimo periodo ha avuto maggiore successo grazie alla sua immediatezza. Da privati o da aziende, è possibile guadagnare con Instagram, attraverso strategie mirate a far crescere popolarità e fama.

Come guadagnare con Instagram?

Instagram è ormai da più di un anno il social più performante dell’intero panorama online. Con oltre 500 milioni di utenti mensili e 75 milioni di utenti attivi al giorno, rappresenta non solo un posto di scambio di passioni e intrattenimento, ma anche un luogo per essere altamente professionali.

Ogni giorno persone che impiegano tempo, energie e costanza riescono a guadagnare con Instagram somme non indifferenti: questo grazie ad elevate quantità di follower, che permettono non solo di monetizzare i propri contenuti, bensì di essere appetibili anche a eventuali brand disposti a finanziare, ritenendo i profili che presentano i loro prodotti o servizi affidabili, seri e professionali. Tuttavia, è richiesta una strategia mirata a seconda della propria attività e del proprio pubblico.

Guadagnare con Instagram: le Migliori Strategie

5 modi per guadagnare con Instagram

Non esiste una strategia che funzioni in ogni caso, la risposta varia in base al proprio business, così come ai propri obiettivi. Ci sono però dei consigli applicabili sin dall’inizio, che permettono di dare maggiore visibilità al proprio profilo e, in futuro, iniziare a guadagnare con Instagram, grazie ad un elevato numero di follower (dai 50,000 in su) ed eventuali collaborazioni.

Puntare su estetica e contenuti

L’aspetto estetico del profilo Instagram è il primo elemento che il pubblico nota. Proprio per questo è importante curare la propria immagine (sempre in modo coerente con la presenza su altre piattaforme) ed essere coerenti anche con la propria attività, pubblicando contenuti tematici e settoriali. Le prime azioni possono già aiutare a far crescere i propri follower:

  • Caricare foto profilo, che mostri subito il proprio aspetto o logo, rendendo subito l’idea
  • Scrivere bio, con tutte le informazioni sulla propria attività, spiegando in poche parole di cosa ci si occupa, utilizzando un paio di hashtag personali che identifichino il profilo, e informazioni di contatto come sito o e-mail
  • Pubblicare contenuti, per convogliare traffico sul profilo attraverso foto, di alta qualità, che presentino hashtag annessi e intercettino pubblico interessato
  • Pubblicare storie, visibili ai propri follower, dalla durata di 24 ore o da tenere in evidenza (con il profilo aziendale)

Estremamente importante essere costanti anche con le pubblicazioni, non solo in merito all’argomento ma alle tempistiche e alla qualità. Se si ha un elevato standard qualitativo è opportuno mantenerlo, così come la cadenza periodica di pubblicazione.

Essere presenti

Diventa necessario far crescere i propri contenuti ed il coinvolgimento di questi ultimi, solo così anche i follower possono aumentare. Per essere visibili e presenti è possibile:

  • Utilizzare hashtag rilevanti e pertinenti alle foto, così da dar loro maggiore visibilità e farle arrivare a più pubblico, è possibile inoltre studiare una serie di hashtag da utilizzare frequentemente
  • Creare uno o più hashtag personali, che possono crescere poco a poco sfruttando la fama di quelli più popolari
  • Impegnarsi con i follower, rispondendo a commenti o domande come in un servizio di assistenza clienti
  • Impegnarsi con profili simili, seguendo, commentando o mettendo mi piace anche in profili simili al proprio
  • Menzionare, coinvolgendo altri profili, quando possibile

E’ sempre opportuno essere presenti sia sul proprio che sui profili altrui, seguendo anche hashtag per trovare contenuti interessanti e trarre ispirazione.

Promuovere prodotti e servizi

Estremamente importante per un’attività commerciale o un libero professionista mostrare il frutto del proprio lavoro, mostrando prodotti e servizi:

  • Pubblicare foto di prodotti finiti, già disponibili alla vendita
  • Mostrare il dietro le quinte, facendo vedere il lavoro che c’è dietro i prodotti
  • Proporre sconti e offerte speciali, accompagnati da grafiche accattivanti
  • Coinvolgere clienti, facendo pubblicare loro immagini di un determinato prodotto o in cui si è insieme, chiedendo una menzione o l’utilizzo di un proprio hashtag

La promozione del proprio lavoro non sta solo nel pubblicare contenuti, bensì nell’intrattenere rapporti coi follower, per farli entrare nella propria rete di contatti o di clienti abituali.

Fare da sponsor

Una volta che il profilo è cresciuto particolarmente (circa 50,000 follower) si può essere notati come influencer per marchi, prodotti e servizi che siano coerenti con la propria immagine. E’ possibile:

  • Pubblicare foto in cui si indossa un abito o si usa un determinato prodotto, menzionando i profili dei brand stessi o utilizzando hashtag pertinenti, così da essere notati
  • Cercare collaborazione di altri influencer in cerca di crescita, menzionandoli o contattandoli, per aumentare la propria rete di contatti
  • Iscriversi a canali per campagne sponsorizzate per farsi notare dai brand, come
    • Buzzoole
    • Tapinfluence
    • Ifluenz

E’ inoltre possibile entrare in circuiti di affiliazione, come quello di Amazon, che attraverso codici sconto da loro forniti permettono di guadagnare una percentuale ogni qualvolta il prodotto presentato su Instagram venga acquistato utilizzando quel codice.

Vendere foto

Instagram è particolarmente adatto per fotografi, amatoriali o professionisti, che vogliono avere visibilità. Le proprie foto, protette ovviamente da filigrana, possono essere vendute:

  • Su Instagram a persone o agenzie interessate all’acquisto
  • Su siti che vendono immagini protette da copyright come
    • Adobe Fotolia
    • Twenty20
    • Shutterstock

Da ricordare in questo caso che i clienti o i siti di acquisto foto possono essere molto esigenti, è quindi indispensabile avere materiale di ottima qualità.

Conclusioni

Considerato che Instagram nel 2019 rappresenta la piattaforma social più performante in termini di coinvolgimento di pubblico e versatilità, è estremamente importante pensare i propri contenuti non solo a livello quantitativo, ma ancor più a livello qualitativo. Elevati numeri di follower possono essere deleteri se i numeri dei singoli post sono irrisori, è quindi meglio avere meno follower ma che partecipino più attivamente.

Altro elemento da considerare è anche la presenza sempre più frequente di bot, ossia automatismi che intercettano determinati hashtag o profili facendo operazioni di follow, like o commenti in modo totalmente automatico e ininterrotto, così da aumentare follower e successo dei post. Oltre ad essere a pagamento e talvolta molto costose, queste pratiche possono portare al blocco del profilo se gestite in modo errato.

Questo perchè Instagram, così come Facebook, predilige interazioni più naturali e genuine, che si basino su fattore umano e interesse puro. E’ infatti opportuno concentrarsi su una determinata nicchia di pubblico, settorializzata, presentando prodotti e servizi ad essa adatti. Con coerenza, costanza e impegno, è possibile intercettare anche brand, così da stringere eventuali collaborazioni e iniziare a monetizzare maggiormente.

MODI PER LAVORARE ONLINE

Affiliazioni Amazon 

Il metodo Aranzulla

Il Metodo Ferragni  

Fare l’Influencer 

Facebook 

Youtube  

INSTAGRAM

Fitness Blogger 

Monetizzare foto

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *