Come Scrivere il CV Perfetto per Avere un Lavoro

Hai trovato l’opportunità di lavoro perfetta. Mandi il tuo CV e aspetti affannosamente la richiamata… ma non succede mai. Suona familiare? Sì, lo fa per la maggior parte di noi. Ma com’è possibile?

 

Il tuo CV non è mai stato letto. Non era abbastanza buono.

 

Fatti coraggio, questo scenario da incubo non si svolgerà mai più. Stai per imparare a scrivere un CV nessuno potrà resistere alla lettura.

 

Leggi questa guida e vedrai:

  • Un campione di CV migliore di 9 su 10 altri CV.
  • Come scrivere un curriculum vitae anche se non hai esperienza.
  • Suggerimenti ed esempi su come inserire competenze e risultati in un CV perfetto.
  • Buoni consigli per il CV e come creare un CV per ottenere qualsiasi lavoro tu voglia.

Vuoi risparmiare tempo e avere il tuo CV pronto in 5 minuti? Prova il nostro generatore di CV. È veloce e facile da usare. Inoltre, otterrai contenuti già pronti da aggiungere con un clic.

Ecco come scrivere un CV:

  1. Scegli il formato CV corretto
  2. Aggiungi il tuo nome informazioni di contatto
  3. Inizia con un profilo personale e il tuo titolo
  4. Elenca la tua esperienza lavorativa rilevante e i risultati chiave
  5. Costruisci la tua sezione accademica e educativa
  6. Metti le competenze pertinenti che si adattano all’apertura del lavoro
  7. Includere informazioni pertinenti in sezioni aggiuntive
  8. Organizza tutto questo su un modello di CV professionale
  9. Completa il tuo CV con una lettera di presentazione

 

Questa è la struttura del CV più efficace: la parte superiore del documento dovrebbe contenere importanti informazioni di contatto, il riepilogo è un ottimo modo per presentarti e mostrare la tua esperienza e i tuoi risultati, mentre il resto del curriculum vitae è lì per fornire tutte le informazioni pertinenti dettagli necessari per convincere il lettore che sei la persona perfetta per la posizione.

 

Hai già un titolo di lavoro o una posizione in vista? Ecco alcuni esempi di CV per situazioni specifiche:

 

Spiegheremo come eseguire con successo ciascuno dei passaggi sopra menzionati nei capitoli seguenti della nostra guida.

Come Scrivere il CV Perfetto per Avere un Lavoro
Sopra: un CV europeo

Risorse utili:

CV, Curriculum Vitae e CV… Quali sono le differenze?

 

 

Cos’è un CV?

 

Nella sua forma completa, CV sta per Curriculum Vitae (latino per: corso della vita). Negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, un CV è un documento che utilizzi per scopi accademici. Il CV accademico statunitense delinea ogni dettaglio della tua carriera accademica. In altri paesi, CV è l’equivalente di un curriculum  americano e viene utilizzato per fare domanda per un lavoro.

 

Un CV è quindi un curriculum vitae e, a parte la sua lunghezza e lo scopo in alcuni paesi di lingua inglese, un CV è sinonimo di curriculum. Confuso? Leggi la nostra guida completa su cos’è un CV .

 

Quali sono le differenze tra un CV e un curriculum?

 

Facciamo chiarezza, una volta per tutte:

 

Nel settore delle assunzioni, al giorno d’oggi non c’è quasi alcuna differenza formale tra un CV e un curriculum. È la stessa cosa che gli inglesi chiamano CV e gli americani un curriculum.

 

Proprio come fanno con patatine e patatine fritte, calcio e calcio, o Queen Elizabeth e Queen Bey.

 

Quindi, se ti stai candidando per un’azienda europea, dovresti creare un CV. Ma se stai facendo domanda per un datore di lavoro con sede negli Stati Uniti, hai bisogno di un  curriculum . Se stai facendo un CV per scopi accademici negli Stati Uniti, in Canada o in Australia, leggi la nostra guida sulle differenze tra un CV e un curriculum .

 

E no, un CV non è una lettera di accompagnamento. Un curriculum vitae contiene la storia lavorativa, l’istruzione e le competenze, mentre una lettera di presentazione è una vera e propria campagna di marketing. Questi documenti sono completamente diversi e puoi saperne di più su queste differenze in questa guida su Curriculum Vitae VS Lettera di accompagnamento .

 

Se ora sei sicuro di aver bisogno di un curriculum vitae, iniziamo questa guida alla scrittura.

 

Scegli il miglior formato di CV

 

Ecco un pensiero inquietante:

 

Ogni volta che cerchi un lavoro, competi in media contro altri 250 candidati.

 

Sì, avete letto bene.

 

Immagina di essere il reclutatore e di dover esaminare 250 domande di lavoro. Li leggi bene tutti? No, certo che no.

 

I reclutatori impiegano solo 6 secondi a scansionare ogni CV. Quindi la prima impressione è fondamentale. Se invii un documento ordinato e adeguatamente organizzato, convincerai i reclutatori a dedicare più tempo al tuo CV.

 

Un CV mal formattato, d’altra parte, ti farà scartare nella revisione del primo turno.

 

Ecco come formattare un CV nel modo giusto.

 

Inizia con la creazione di uno schema CV suddiviso nelle seguenti sezioni:

 

CV: corretto ordine delle sezioni

 

  1. Intestazione CV con informazioni di contatto
  2. Profilo personale: Obiettivo CV o Riepilogo CV
  3. Esperienza di lavoro
  4. Formazione scolastica
  5. Competenze
  6. Sezioni aggiuntive

 

Consiglio dell’esperto : se sei appena uscito dall’università e hai bisogno di scrivere un CV da studente senza esperienza, o se ti sei laureato in un istituto molto prestigioso negli ultimi 5 anni, metti la tua sezione relativa all’istruzione sopra la tua esperienza lavorativa.

 

Quando compili le sezioni, tieni sempre presente le regole di formattazione del CV gold:

1. Scegli caratteri chiari e leggibili

 

Scegli uno dei caratteri tipografici CV standard : Arial, Tahoma o Helvetica se preferisci i caratteri sans-serif e Times New Roman o Bookman Old Style se i caratteri serif sono la tua scelta abituale.

 

Usa dimensioni del carattere da 11 a 12 pt e spaziatura singola. Per il tuo nome e i titoli delle sezioni, scegli una dimensione del carattere da 14 a 16 pt.

2. Sii coerente con il layout del tuo CV

Imposta margini di un pollice per tutti e quattro i lati.

Assicurati che le intestazioni del tuo CV siano uniformi: rendile più grandi e in grassetto, ma vacci piano con il corsivo e la sottolineatura.

 

Attenersi a un unico formato di date sul CV: ad esempio 11-2017 o novembre 2017.

3. Non riempire il tuo CV con grafica ingannevole

Meno è meglio.

 

Lo spazio bianco è tuo amico: i reclutatori hanno bisogno di un po’ di respiro!

 

Inoltre, la maggior parte delle volte, dopo aver inviato il tuo CV, verrà stampato con inchiostro nero su carta bianca. Troppi elementi grafici potrebbero renderlo illeggibile.

 

4. Ottieni foto dal tuo CV

A meno che non ti venga chiesto esplicitamente di includere la tua fotografia nell’annuncio di lavoro.

 

In tal caso, assicurati di utilizzare un’immagine dall’aspetto professionale, ma non rigida come una foto d’identità.

 

5. Rendi il tuo CV breve e pertinente

 

Non essere uno di quei candidati bloccati negli anni Novanta che pensano di dover includere ogni singolo dettaglio della loro vita nei loro CV.

 

Assumere, al giorno d’oggi, è un lavoro frenetico. Nessuno ha il tempo di preoccuparsi di quale scuola superiore hai frequentato o di leggere oltre 10 descrizioni di punti elenco di lavori passati. Ci arriveremo più tardi.

 

Consiglio dell’esperto : una volta che hai finito di scrivere, salva il tuo CV in PDF per assicurarti che il layout del tuo CV rimanga intatto. Ma presta molta attenzione alla descrizione del lavoro. Alcuni datori di lavoro non accetteranno un CV PDF. In tal caso, invia il tuo CV in Word.

 

Bene, quindi hai il miglior modello di CV pronto per te e conosci le regole di base per la scrittura del CV. È ora di tuffarsi!

 

Aggiungi le tue informazioni di contatto nel modo giusto

 

Vuoi che i reclutatori ti rispondano, quindi devi far loro sapere come possono contattarti.

 

Nella sezione informazioni di contatto, inserisci il tuo:

 

  • Nome e cognome
  • Titolo professionale
  • Indirizzo e-mail
  • Numero di telefono
  • Profilo LinkedIn
  • Indirizzo di casa

 

La sezione delle informazioni di contatto sembra abbastanza semplice, ma ecco l’unica ragione per cui potrebbe essere complicata:

 

I reclutatori lo useranno per ricercarti online. Se i tuoi profili sui social media non sono professionali o se le informazioni del tuo profilo LinkedIn non corrispondono a quelle del tuo CV, sei immediatamente fuori gara.

Inizia il tuo CV con un profilo personale

 

Dopo aver elencato le proprie informazioni di contatto su un CV, la maggior parte dei candidati passa direttamente alla propria esperienza lavorativa o all’istruzione.

 

Ma farai meglio di così. Verrai effettivamente ricordato dal datore di lavoro.

 

Quindi, come far risaltare un CV?

 

Tutto ciò che serve è una dichiarazione del profilo personale del CV, un paragrafo breve e scattante di 100 parole al massimo che dice ai reclutatori perché sei solo il candidato che stavano cercando.

 

Il tuo profilo personale sarà un obiettivo del CV o un riepilogo del CV.

 

Qual è la differenza?

 

Un obiettivo CV mostra quali abilità hai acquisito e come ti inseriresti. È una buona scelta se hai poca esperienza lavorativa rilevante per il lavoro che stai cercando di ottenere, ad esempio, se stai scrivendo un CV dello studente.

 

Un riepilogo del CV, a sua volta, evidenzia i progressi e i risultati della tua carriera. Usalo se sei un professionista esperto e hai molta esperienza nel tuo campo.

 

Ora, dai un’occhiata ad alcuni esempi. Diciamo che c’è un annuncio per un lavoro da infermiera. Ecco alcuni esempi di obiettivi e riepiloghi del CV infermieristico.

 

Esempio di obiettivo CV

 

SBAGLIATO
Infermiera di recente licenza alla ricerca di un ruolo infermieristico stimolante in una struttura medica in cui posso mettere alla prova le mie capacità.

 

Non terribile, vero? Il problema è che, in questo obiettivo CV, la linea di fondo è fondamentalmente “Voglio un lavoro perché ho imparato per il lavoro”.

 

Dai un’occhiata a un altro campione obiettivo CV.

 

Obiettivo per un CV-Esempio

 

GIUSTO
Affidabile infermiera registrata NMC con licenza addestrata per lavorare in ambienti ad alto stress e mantenere la calma sotto pressione. Cerco di sfruttare meticolose capacità di registrazione e di analisi per aiutare il St Francis Hospital con le tue sfide imminenti.

 

Vedi la differenza? Quest’ultima candidata si è concentrata esclusivamente su ciò che può offrire al suo futuro datore di lavoro. Ha anche menzionato il nome dell’ospedale specifico a cui si sta candidando.

 

sì, l’abbandono del nome è qualcosa che anche tu dovresti assolutamente fare nel tuo obiettivo CV.

 

Vero, significa che non sarai in grado di inviare spam al tuo CV a tutte le aziende che stanno attualmente assumendo ma, poi di nuovo, quando è stata l’ultima volta che hai risposto a un’e-mail “Gentile utente”?

 

Come abbiamo detto prima, se hai alle spalle un’esperienza lavorativa rilevante, inizia il tuo CV con un riepilogo del CV invece che con un obiettivo.

 

Dai un’occhiata a questi esempi di riepiloghi di CV.

 

Esempio di riepilogo CV

 

GIUSTO
Infermiera pediatrica bilingue (inglese e olandese) con oltre 15 anni di esperienza nelle unità di terapia intensiva e neonatale di un ospedale comunitario. Cerco di sfruttare l’esperienza di gestione come capo infermiera pediatrica presso il General Hospital, aiutando a implementare nuovi programmi di formazione del personale.

 

Il Direttore Generale dell’Ospedale ha appena alzato il telefono per chiamare questo candidato.

 

Cosa c’è di così bello in questo riepilogo del CV?

 

Soprattutto, è super specifico. Fornisce un quadro completo del background della candidata e mostra come la sua esperienza la aiuterà ad affrontare particolari problemi che l’ospedale sta affrontando.

 

Ecco un altro esempio di riepilogo CV.

 

Esempio CV—Riepilogo

 

SBAGLIATO
Infermiera pediatrica con anni di esperienza nella supervisione delle cartelle cliniche e dei farmaci dei neonati.

 

Questo, invece, dice poco più di “Sono un’infermiera”. Non presenta altro che responsabilità generiche che tutti gli infermieri hanno.

 

Nel riepilogo del tuo CV, non usare mai parole d’ordine senza senso.

 

Quando crei un curriculum nel nostro builder, trascina e rilascia i punti elenco, le abilità e riempi automaticamente le cose noiose. Controllo ortografico?

 

 

 

Elenca la tua esperienza lavorativa rilevante e i risultati chiave

 

Il più delle volte, la sezione delle tue esperienze lavorative è la parte più importante di tutto il tuo CV, quella che ottiene più tempo per gli occhi.

 

Se stai pensando “Facile, ho solo bisogno di elencare le mie posizioni precedenti, le date lavorate e le mie responsabilità”, ripensaci.

 

Tutto quanto sopra è un must in un CV di base. Ma “di base” non ti procurerà quel lavoro da sogno.

 

Il fatto è: i reclutatori sanno cosa hai fatto. Vogliono sapere quanto bene l’hai fatto e cosa puoi offrire al tuo potenziale datore di lavoro.

 

Ecco come rendere la tua sezione sull’esperienza lavorativa illustrare che:

 

  1. Concentrati sui tuoi risultati misurabili e pertinenti, non solo sui tuoi doveri.
  2. Usa verbi d’azione : “creato”, “analizzato”, “implementato”, non “responsabile della creazione, analisi e implementazione”.
  3. Personalizza il tuo CV in base all’offerta di lavoro: leggi attentamente la descrizione del lavoro e controlla quali compiti ci si aspetta da te. Se li hai già fatti, inseriscili nel tuo CV, anche se quelle non erano le tue responsabilità principali.

 

Vediamo un esempio di CV nella vita reale.

 

Ecco una descrizione del lavoro di esempio per una posizione di specialista di marketing di prodotti junior.

 

Responsabilità:

 

  • Soddisfazione delle richieste di inserimento di prodotti da parte dei media
  • Creazione e manutenzione di elenchi di supporti secondo necessità (1)
  • Scrivere presentazioni di prodotti (2)
  • Ricerca di nuove opportunità mediatiche (3)
  • Supporto alla creazione di materiali multimediali e cartelle stampa (4)
  • Guida un piccolo progetto (5) dall’inizio alla fine
  • Aiuto nell’organizzazione di eventi (6)
  • Rispondere alle richieste dei media (7)

 

Ora, dai un’occhiata a questo esempio di una voce di esperienza lavorativa CV.

 

Esempio CV: sezione Esperienza lavorativa

 

Commerciante di prodotti

Nike , 10-2015-presente

Londra

 

  • Elenchi creati e mantenuti di contatti con i media (1)
  • Opportunità ricercate (3) attraverso i canali media online
  • Presentazione dei prodotti prodotti ( 2) e cartelle stampa (4)
  • Organizzazione di eventi supportati (6)
  • Risposte alle richieste dei media (7)

 

Risultato chiave: guidare un team di progetto (5) nella progettazione e implementazione di una strategia completa di relazioni sui social media per una nuova linea di prodotti lifestyle, aumentare la base di fan di Facebook da 0 a 12.000 in 4 mesi [LINK alla fanpage di Facebook] , guadagnare 35.000 Instagram follower [LINK all’account Instagram] in 3 mesi.

 

“Wow, abbiamo bisogno che questo funzioni con noi!”

 

Questa voce porterà sicuramente quel tipo di risposta dal responsabile delle assunzioni.

 

Cosa lo rende così eccezionale?

 

Innanzitutto, è perfettamente adattato all’annuncio di lavoro (dai un’altra occhiata alle frasi numerate in grassetto). La candidata ha dimostrato di essere in grado di gestire i suoi compiti futuri più importanti perché li ha già svolti.

 

In secondo luogo, è pieno di verbi d’azione. “Creato e mantenuto” invece di “responsabile della creazione e del mantenimento”, “presentazioni di prodotti prodotti”, non “produzione di presentazioni di prodotti”.

 

Ultimo ma non meno importante, il suo obiettivo centrale sono i risultati del candidato. Come il candidato sopra, se vuoi che il tuo CV faccia colpo, aggiungi una sottosezione “risultato chiave”. Quindi, includi numeri concreti. Non dire che hai “aumentato significativamente le vendite”. Dimmi quanto esattamente. I numeri scoppiano!

 

Per assicurarti che i tuoi risultati su un CV risplendano come dovrebbero, segui la formula PAR (Problem Action Result) per descriverli.

 

Come nell’esempio CV discusso:

 

Risultato chiave: guidare un team di progetto nella progettazione e implementazione di una strategia completa di relazioni sui social media per una nuova linea di prodotti lifestyle, aumentare la base di fan di Facebook da 0 a 12.000 in 4 mesi, guadagnare 35.000 follower su Instagram in 3 mesi.

 

Problema: Mancanza di sufficiente promozione sui social media per una nuova linea di prodotti lifestyle

 

Azione: nuova strategia sui social media

 

Risultato: 12.000 fan su Facebook in 4 mesi e 35.000 follower su Instagram in 3 mesi.

 

 

 

Se impari a elencare i tuoi risultati su un CV nel modo giusto, supererai 9 candidati su 10.

Costruisci correttamente la sezione Istruzione del tuo CV

 

La buona notizia è che mettere la tua formazione su un CV di solito è semplice.

 

Se hai un’istruzione post-secondaria, includi solo quella nel tuo CV. Non menzionare la tua scuola superiore, a meno che non sia il tuo più alto grado di istruzione. Elenco:

 

  • Anno di laurea (se stai ancora studiando, inserisci la data prevista di laurea )
  • La tua laurea
  • Nome dell’istituto
  • Lodi (se applicabile)

 

Consiglio dell’esperto : includere i tuoi riconoscimenti è facoltativo. Se non vuoi che ti facciano più male che bene, aggiungili solo se sono 2:1 o superiori per i gradi di laurea e “merito” o “distinzione” per i post-laurea.

 

Come questo:

 

Esempio CV—Sezione Istruzione

 

Laurea triennale in francese nel 2014

Università di Roma

2:1

Facile, vero?

 

Ma cosa succede se stai scrivendo un CV con poca o nessuna esperienza lavorativa? E se ti sei appena laureato e stai cercando il tuo primo lavoro vero e proprio?

 

In tal caso, dovresti fare due cose:

 

Prima di tutto, posiziona la tua sezione sull’istruzione sopra la tua esperienza lavorativa.

 

In secondo luogo, elabora un po’ di più la tua esperienza accademica. Includere, ad esempio:

 

  • Il titolo della tua tesi
  • Campi di studio preferiti
  • Corsi pertinenti
  • I tuoi migliori risultati
  • Attività accademiche extrascolastiche .

 

Molti neolaureati non sanno come far risaltare la sezione didattica del proprio CV.

 

Metti competenze rilevanti che si adattano all’apertura del lavoro

 

Ora, per le tue abilità. Probabilmente ne hai un sacco. Ma un elenco di una dozzina e mezza di abilità starebbe bene su un CV ?

 

Qualsiasi cosa tranne.

 

Quando si tratta di competenze per un CV, una questione è più importante di qualsiasi altra: la pertinenza. Le competenze che decidi di includere nel tuo CV devono essere pertinenti al lavoro che stai cercando di ottenere.

 

Ricordi quando ho menzionato l’adattamento del tuo CV alla descrizione del lavoro? Ecco che arriva di nuovo.

 

Come farlo?

 

Inizia con un foglio di calcolo. In esso, elenca tutte le tue abilità professionali (esatto, significa che la “danza delle sopracciglia” non conta). Quindi controlla la descrizione del lavoro per le competenze desiderate dal tuo potenziale datore di lavoro.

 

Corrispondono ad alcune delle competenze del tuo foglio di calcolo? Presto! Questi sono quelli da inserire nella sezione delle competenze del CV. Includere un mix appropriato di competenze tecniche , competenze trasversali e qualsiasi altra via di mezzo.

 

Suggerimento professionale : quando elenchi le tue abilità, aggiungi una breve descrizione di ciascuna per indicare il tuo livello di competenza. Ad esempio “Eccellente”, “Avanzato” o “Base”.

 

Includi ulteriori sezioni CV per impressionare il reclutatore

 

Confessiamo tutti qualcosa.

 

Mentiamo costantemente su noi stessi. Non possiamo farne a meno: quelle piccole bugie bianche che ci aiutano a metterci in una luce leggermente migliore.

 

Ti va di indovinare quale gruppo di persone eccelle nel mentire?

 

In cerca di lavoro.

 

Mentono tutti sui loro CV nella fragile speranza che i reclutatori non si preoccupino di verificare, diciamo, “la piena competenza bilingue in francese”.

 

Ecco il punto: i reclutatori sono addestrati a individuare i bugiardi, quindi non pensare nemmeno di abbellire i tuoi risultati o le tue abilità passate.

 

Ma cosa succederebbe se potessi aiutare i recruiter a evitare del tutto di intervistare i fabulisti di CV? C’è un modo infallibile per farlo:

 

Nel tuo CV, includi una sezione aggiuntiva in cui mostri i tuoi indiscutibili trionfi: cose che dimostrano il tuo valore come candidato.

 

Ad esempio?

 

Il seguente:

 

Esempio CV Sezioni aggiuntive

 

  • Premi di settore
  • Certificazioni professionali
  • Pubblicazioni
  • Affiliazioni professionali
  • Convegni frequentati
  • Addestramento supplementare

 

Una sezione aggiuntiva ben realizzata può essere il fattore decisivo nella scelta di te rispetto a un altro candidato con un background apparentemente simile. Non ignorare questa possibilità di distinguerti dalla massa.

 

Non preoccuparti se stai ancora studiando e non riesci ancora a mostrare nulla di quanto sopra.

 

Un buon CV da studente beneficerà comunque di una sezione aggiuntiva. Ecco alcune idee:

Esempio di CV dello studente Sezioni aggiuntive

 

  • Volontariato
  • Hobby e interessi
  • Progetti
  • Lavoro freelance
  • Risultati accademici
  • Blog personale

 

Bene, se applichi tutte le strategie di cui abbiamo discusso, farai un CV perfetto. Ma hey-

 

Vuoi farlo nel modo più semplice?

 

Organizza tutto questo su un modello di CV professionale

 

Affrontiamolo-

 

A nessuno piace pasticciare con la formattazione di un CV in MS Word.

Fortunatamente, ci sono centinaia di modelli di CV pronti e da riempire disponibili online. E ci capita di offrirne alcuni davvero eccezionali .

 

E per l’ultima parola, ecco cosa dovrebbe sapere ogni persona in cerca di lavoro:

Completa il tuo CV con una lettera di presentazione

 

“Perseguita il tuo potenziale capo per mostrare impegno.”

 

Suona come il peggior consiglio di carriera che si possa ottenere?

 

Beh… E probabilmente è così. Ma indovina un po-

 

” Non è necessario scrivere una lettera di accompagnamento ” arriva subito dopo.

 

Perché?

 

Perché ben 45 reclutatori su 100 non riusciranno nemmeno a rivedere il tuo CV se non c’è una lettera di accompagnamento allegata, secondo il nostro rapporto sulle statistiche delle risorse umane . È vero, gli altri 55 potrebbero pensare che una lettera di accompagnamento per un CV sia ridondante. Ma ecco chi legge le lettere di accompagnamento:

 

Responsabili delle assunzioni. E, alla fine, spetta a loro decidere se ottenere o meno il lavoro.

 

La maggior parte delle persone odia scrivere lettere di accompagnamento per CV perché non ha idea di come scriverle correttamente. E scrivere ottime lettere di presentazione è molto più facile di quanto sembri. Questo ve lo diciamo per esperienza personale.

 

Inoltre, un’ottima lettera di presentazione che corrisponda al tuo curriculum ti darà un vantaggio rispetto agli altri candidati.

 

Ricapitolando

 

Le assunzioni sono cambiate drasticamente. È veloce e furioso. Per mettere piede nella porta, dovrai fare un miglio in più con il tuo CV. Ecco come fare un CV:

 

  • Inizia il tuo CV con un profilo personale, un riepilogo o un obiettivo del CV. Scrivi un paragrafo breve e dolce che spieghi perché sei solo il candidato che il datore di lavoro stava cercando.
  • Quando descrivi la tua esperienza lavorativa, concentrati sui tuoi risultati e risultati. Nessun reclutatore vuole leggere un noioso elenco di elenchi puntati che descrivono i compiti passati.
  • Convalida il tuo valore come candidato aggiungendo una sezione con le tue migliori vittorie: certificazioni, premi, pubblicazioni o anche formazione extracurriculare o conferenze frequentate.
  • Infine, allega una lettera di accompagnamento alla tua domanda di lavoro e raddoppia le possibilità di essere assunto.
  • Tutto controllato? Preparati per tutte quelle chiamate ai colloqui!

 

Hai altre domande su come scrivere un CV vincente? Scrivici nei commenti e risponderemo alle tue domande!

 

Domande frequenti su come scrivere un CV

 

Cos’è un CV?

 

Un Curriculum Vitae (CV) è un documento di domanda di lavoro che riassume la tua esperienza professionale, le tue competenze e le tue qualifiche. In alcune circostanze, come quando fai domanda per tirocini di ricerca, scuola di specializzazione o università in generale, un CV è una descrizione completa della tua carriera professionale e accademica.

 

I termini riprendere e CV sono usati in modo intercambiabile in Canada e in Australia. Quindi, un curriculum e un CV sono documenti standard con cui fai domanda per un lavoro. Tuttavia, in Europa e Nuova Zelanda, il termine curriculum non esiste. Per essere considerato per una posizione, è necessario inviare un Curriculum Vitae.

 

Come scrivere un buon CV per un lavoro passo dopo passo?

 

  1. Crea un design di CV che si distingua . Dopotutto, devi distinguerti da centinaia di applicazioni.
  2. Scegli uno dei tre  formati di CV : cronologico inverso, basato sulle competenze o combinato.
  3. Dividi il tuo CV e organizza le sezioni .
  4. Disegna un’intestazione con le tue informazioni personali.
  5. Inizia con un  riepilogo della carriera o una dichiarazione dell’obiettivo , a seconda di dove ti trovi con la tua carriera.
  6. Scrivi una  sezione sull’esperienza utilizzando elenchi puntati con parole potenti e risultati .
  7. Indica il tuo titolo di studio più alto (unitamente ai risultati accademici se non hai molta esperienza rilevante ).
  8. Elenca le competenze chiave  che corrispondono ai criteri di selezione della descrizione del lavoro in modo che corrispondano alle parole chiave.
  9. Prendi in considerazione sezioni aggiuntive , come certificati , hobby e interessi , o volontariato e tirocini .
  10. Allega una  lettera di accompagnamento alla tua domanda e sei a posto.

 

Come dovrebbe essere un CV perfetto ?

 

Un CV perfetto attira l’attenzione con un design moderno del modello e sezioni chiare che consentono spazi bianchi sufficienti. Un design accattivante del CV combinato con contenuti altamente personalizzati creerà una coppia invincibile nel 2023. Dovrai trovare un equilibrio tra rompere gli standard di progettazione e costruire il tuo CV con il software di monitoraggio dei candidati in mente se speri di impressionare i tuoi recruiter .

 

Come iniziare a scrivere un semplice Curriculum Vitae?

 

  1. Concediti un po’ di tempo per pensare a scrivere un CV. Potresti leggere e conoscere cose di cui non hai mai sentito parlare prima, che sono fondamentali per presentare una candidatura degna di un lavoro.
  2. Progetta un  modello di CV accattivante con una formattazione corretta : margini di 1 pollice, interlinea 1–1,15 e un carattere sans-serif, come Verdana o Arial.
  3. Decidi il  formato del CV  che seguirai . Scegli tra le seguenti tre opzioni: cronologico inverso (cronologico), funzionale (basato sulle competenze) o combinato (ibrido).
  4. Avere un annuncio di lavoro proprio lì aperto per sempre quando lavori al tuo CV. Ti servirà per assicurarti di aver coperto tutte le parole chiave del CV corrette e di aver risposto alle esigenze del tuo potenziale datore di lavoro.
  5. Fai un elenco delle tue esperienze e abilità rilevanti . Le cose che hai fatto e imparato in passato ma che non sono in linea con il profilo professionale non dovrebbero mai figurare nell’elenco. E-
  6. Abbinali alle qualità e qualifiche che hai trovato nell’annuncio di lavoro.

 

Come scrivere un CV per il mio primo lavoro se non ho esperienza?

 

Che tu stia scrivendo un CV per laureati o un curriculum da dirigente , ci sono regole universali da seguire. Quindi, non preoccuparti di avere poca o nessuna esperienza. C’è un modo intelligente per trovarti un lavoro.

  • Contrassegna le parole chiave del curriculum nella descrizione del lavoro . Le parole chiave sono parole e frasi che ripetono e descrivono una particolare qualità o qualifica.
  • Trova una tale qualità o qualifica nel tuo arsenale . Può trattarsi di qualsiasi cosa, dall’assunzione di lavori part-time allo svolgimento di uno stage o al volontariato . O anche dai tuoi anni accademici, come gestire un club studentesco, tutoraggio o hobby e interessi rilevanti che hai raccolto.
  • Elenca le soft e hard skills che parlano della tua occupabilità. In altre parole, pensa a qualsiasi abilità trasferibile che hai acquisito durante le varie fasi della tua vita.
  • Aggiungi sezioni aggiuntive che ti daranno la possibilità di ottenere punti bonus per coinvolgimento, curiosità e comunicazione.
  • Scrivi una dichiarazione obiettiva per dare al tuo datore di lavoro un senso di dedizione e mostrare il tuo pensiero sulla domanda.

 

Qual è il miglior formato di CV?

 

Il formato cronologico inverso è il migliore dei tre moschettieri in formato CV . È semplice da leggere dal software di monitoraggio dei candidati, il che rende altamente improbabile che il tuo CV non raggiunga il recruiter. In definitiva, i reclutatori possono prendere decisioni informate sull’assunzione in pochi secondi semplicemente scorrendo un tale CV. Cosa non è da amare?

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.