Argento Bene Rifugio? Proprietà e Caratteristiche dell’Argento

Un metallo meno nobile dell’oro, ma tra le materie prime più interessanti presenti sul pianeta. Nella sua storia, lunga oltre 4,000 anni, l’argento è stato largamente utilizzato per costruire ornamenti e utensili e ha accompagnato gli scambi commerciali. Negli ultimi 5 anni questo metallo acquisisce un’importanza crescente, che lo rende un’ottima risorsa d’investimento trascinata dal trend positivo dell’oro, oltre che dal clima d’incertezza generale sulla situazione socio-economica mondiale.

E proprio nel 2019 l’argento è stato riconosciuto nuovamente come esempio di bene rifugio: non perde il suo valore e non subisce oscillazioni rilevanti neanche davanti a serie criticità economiche o geo-politiche, così come durante l’epidemia Coronavirus. Duttile, malleabile ed esteticamente gradevole, viene utilizzato anche nell’industria. Comprendere le proprietà dell’argento può essere particolarmente utile, per capire meglio il suo ruolo nell’economia moderna.

Cos’è e come è fatto l’argento? Le principali caratteristiche

Tra le materie prime più preziose sul pianeta, l’argento presenta caratteristiche metallurgiche che lo rendono un metallo estremamente duttile e malleabile: tra i suoi punti di forza si ha la possibilità di lavorazione a freddo, grazie anche a una buona resistenza meccanica, mentre presenta un punto di fusione tale da essere utilizzato per più scopi. Tuttavia, meno del 30% proviene da miniere d’argento, mentre la restante percentuale è ricavata come sottoprodotto di oro o altri metalli.

L’argento puro, che fonde a 962 °C, è particolarmente morbido per essere impiegato in forme che non siano lingotti, proprio per questo per altri utilizzi si ricorre sempre ad una lega di rame: la lega più comune è la 925/000, composta da 92,5% d’argento e 7,5% di rame, chiamata anche Argento Sterling, che fonde a 893,3 °C. In Italia, secondo il d.l. 251/1999 sulla disciplina dei metalli preziosi, la lavorazione dell’argento è consentita entro una lega 800/000.

Gli utilizzi più comuni di questo metallo possono essere:

  • Settore industriale, per costruire componenti e apparecchiature elettroniche
  • Settore aerospaziale, per filtrare acqua e aggirare infezioni batteriche su aerei e shuttle
  • Arte orafa, per creare manufatti, gioielli, accessori, posate ricercate e preziosi vari
  • Medicina, per curare ferite e ustioni attraverso il composto liquido conosciuto come argento colloidale
  • Riserva fisica, formata da lingotti o monete storiche, da custodire in sicurezza in attesa di una futura vendita

Quest’ultimo aspetto è strettamente legato al concetto di bene rifugio: le proprietà dell’argento fanno si che quest’ultimo mantenga il suo valore nel tempo (come avviene anche con l’oro) anche di fronte a situazioni economiche o geo-politiche notevolmente difficili; è particolarmente adatto anche su investimenti diversificati e facilmente rivendibile.

Altri metalli preziosi : OroPalladioPlatino

Argento Bene Rifugio? Proprietà e Caratteristiche dell'Argento
Dei lingotti di Argento puro al 999,0 per mille

L’argento e la sua importanza nella storia umana

Sin dal IV millennio a.C., nell’Asia Minore e in Medio Oriente l’argento veniva utilizzato a scopo ornamentale o per costruire utensili da lavoro, mentre nell’Antico Perù si utilizzava già come merce di scambio, creando la base di sistemi monetari più moderni. Proprio per la seguente ragione è stato considerato il secondo metallo più prezioso al mondo dopo l’oro.

Largamente utilizzato nell’Impero Romano per decorazioni, ornamenti e la costruzione d’armi, l’argento vive un periodo di disuso fino all’inizio del Rinascimento, intorno al 1300, quando torna ad essere sempre più impiegato nella vita quotidiana e artistica: nascono le prime unioni d’arti e mestieri artigianali, mentre tra i primi esponenti a sfruttare le proprietà dell’argento vi sono Brunelleschi e Cellini.

In quegli anni, in Inghilterra, entra in vigore lo Sterling Standard, che identifica l’argento 925/000 come standard commerciale e per la produzione. Nonostante ciò, l’argento utilizzato per creare moneta era una lega 250/000. Lo Sterling Standard è tuttora lo standard per l’argenteria in tutto il mondo, utilizzando l’oncia troy come unità di misura.

Le tecniche di lavorazione sono rimaste le medesime fino all’età moderna: viene separato dal piombo o dall’oro dopo la loro estrazione. Tuttavia, è dal XVIII secolo che, grazie alla rivoluzione industriale inglese, vengono introdotte macchine volte a semplificare le procedure, mentre prendono forma numerose aziende di settore.

Nei primi anni 2000 la produzione d’argento si attesta a 27,378 tonnellate annuali, di cui il 97,6% legato ad attività produttive/industriali, in particolare a elettronica ed elettrotecnica per il 41,7% e metallurgia per l’11%. La produzione di moneta si attesta invece al 4,2% a livello mondiale.

Dal 2018 in poi, invece, l’argento ha un trend positivo spinto dai valori raggiunti dal bene rifugio per eccellenza, l’oro. Questo a causa della delicata e instabile situazione geo-politica ed economica mondiale, che ha portato l’argento ad attirare l’attenzione degli investitori, intenzionati a puntare sempre più su asset sicuri ma differenti dall’oro, anche in merito a fondi d’investimento e ETF.

A febbraio 2020 il suo prezzo è di 16,80 dollari l’oncia. Come avviene con altri beni rifugio, il valore dell’argento si è mantenuto stabile anche durante l’epidemia di Coronavirus, che ha messo in seria difficoltà il petrolio e le borse internazionali.

Miniere e aziende dell’argento, quali le più importanti?

L’argento che l’Inghilterra ha reso importante con lo Sterling Standard e in seguito con la rivoluzione industriale, proviene da luoghi completamente differenti e, talvolta, sconosciuti. E’ l’Australia a ospitare la più grande miniera d’argento al mondo, Carrington, sotto il controllo della nazionale BHP e della sussidiaria South32. Operativa dal 1997, questa miniera da’ lavoro a circa 1,000 persone (a cui vengono inoltre forniti alloggi e pasti) e produce annualmente 4 milioni d’once troy, pari ad un valore economico di circa 67 milioni di dollari.

Tra le miniere d’argento più importanti al mondo vi è poi quella di Rudna in Polonia, che rappresenta la maggiore riserva nazionale d’argento e rame. La sua produzione è di circa 2,6 milioni d’once troy annuali. Trovandosi in una zona altamente sismica, la fama di questa miniera è tristemente legata ad un incidente avvenuto nel marzo 2013, nel quale 19 minatori restarono bloccati a 1000 metri di profondità dopo un terremoto; dopo 7 ore tutti sono stati tratti in salvo. Rudna è gestita dalla società nazionale KGHM Polska Miedsz.

Proprietaria di Carrington, BHP è una delle più influenti società dell’argento, producendone su base annuale 27,7 milioni d’once per un valore di circa 9 miliardi di dollari. La sua attività si concentra in Australia, con oltre 20 miniere, ma gestisce anche siti negli Stati Uniti e nell’America Latina. E’ quotata sul NYSE.

KGHM Polska Miedsz, invece, è una delle maggiori società in Europa, facendo guadagnare alla Polonia il quarto posto per produzione d’argento al mondo, con 1,300 tonnellate l’anno. Con miniere sul territorio polacco e in Arizona, Nevada e Cile, presenta una produzione annuale di circa 20 milioni d’once per un valore di 4,6 miliardi di dollari.

A queste segue la compagnia messicana Fresnillo plc, che detiene 3 miniere d’argento nel paese di cui la più grande e importante è Mina Proaño. La società produce 34,3 milioni d’once all’anno per un valore di 2,1 miliardi di dollari.

Conclusioni

Scoprendo le proprietà dell’argento, si può capire il reale motivo per cui questo metallo sia così pregiato e ricercato. Concludendo si può dire che l’argento sia estremamente duttile e malleabile poiché impiegabile in più settori, dall’industria aerospaziale alla medicina, passando per la forma a tutti più comune: l’arte orafa.

A conti fatti, c’è da aggiungere l’importante valore economico dell’argento, che negli ultimi anni è riconosciuto come un bene rifugio sempre più affidabile e, di conseguenza, ha acquisito un interesse crescente da parte di chi vuole farne un investimento. Così come avviene con l’oro, il suo aspetto estetico è associato alla ricchezza, continuando a mantenere il suo valore nel tempo anche di fronte a pesanti criticità, nonchè all’avvento di criptovalute e investimenti alternativi.

L’oro può trovare nei fiumi italiani?

Investire in oro

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *