Le Pepite d’Oro più Grandi Mai Trovate nella Storia

Di seguito, le 30 pepite d’oro trovate più grandi di sempre.

Vi stupirete di quanto possa essere grande una pepita d’oro, specialmente considerando che se vai a cercare oro in Italia, quello che trovi è pochi grammi in una giornata, sempre che tu sia fortunato e bravo.

Infatti ci sono pepite pure, cioè fatte dal 100% di oro da ben 50 chilogrammi e pepite impure , cioè delle rocce costituite per la stragrande maggioranza da oro, ma anche da qualche impurità di minerale che arrivano fino a 100 KG.

Purtroppo per i cercatori avventurieri, questo di pepite ormai sono esaurite. La corsa all’oro del 19° secolo in America, e in altre parti del mondo hanno praticamente esaurito gran parte di questo tipo di giacimenti. Ma cerchiamo di capire innanzitutto cos’è una pepita d’oro e come si forma.

Cosa sono le pepite d’oro?

Una pepita d’ oro è un pezzo naturale di oro nativo. I corsi d’acqua spesso concentrano pepite e oro più fine nei depositi. Le pepite vengono recuperate dall’estrazione di depositi, ma si trovano anche in depositi residui dove le vene o le vene aurifere sono alterate. Le pepite si trovano anche nei cumuli degli sterili di precedenti operazioni minerarie, in particolare quelle lasciate dalle draghe dell’estrazione dell’oro.

Come si formano le pepite d’oro?

Molte pepite d’oro si sono formate come grappoli di cristalli d’oro da acqua molto calda in crepe e fessure nelle rocce dure, spesso con quarzo. Successivamente, gli agenti atmosferici hanno rilasciato le pepite d’oro che finiscono in un ruscello a causa della gravità.

Le pepite sono frammenti d’oro alterati da un filone originale. Spesso mostrano segni di lucidatura abrasiva per azione del flusso e talvolta contengono ancora inclusioni di quarzo o altro materiale di matrice lode. Uno studio del 2007 sulle pepite australiane ha escluso teorie speculative sulla formazione di supergeni tramite precipitazione in situ, saldatura a freddo di particelle più piccole o concentrazione batterica, poiché le strutture cristalline di tutte le pepite esaminate hanno dimostrato che si erano originariamente formate ad alta temperatura in profondità nel sottosuolo (cioè , erano di origine ipogena).

Altri metalli preziosi come il platino formano pepite allo stesso modo. Uno studio successivo sull’oro nativo dell’Arizona, negli Stati Uniti, basato sugli isotopi di piombo, indica che una parte significativa della massa nelle pepite d’oro alluvionali in quest’area si è formata all’interno dell’ambiente del deposito.

Qual è la composizione delle pepite d’oro?

Le pepite hanno solitamente una purezza compresa tra 20,5 K e 22 K (dall’83% al 92% in massa). Le pepite d’oro in Australia sono spesso 23K o leggermente superiori, mentre le pepite dell’Alaska sono solitamente all’estremità inferiore dello spettro. La purezza può essere valutata approssimativamente dal colore della pepita, più ricco e profondo è il giallo arancio, maggiore è il contenuto di oro.

Le pepite d’oro sono fatte di oro puro?

La maggior parte delle pepite sono tra l’85% e il 95% di oro puro, ma il resto può essere uno dei diversi tipi di minerali. Le pepite in laterite possono essere rossastre o nere; pepite di quarzo appaiono ammantate di bianco. Qualsiasi pepita non considerata “per gioielleria” viene fusa e venduta come oro puro.

Quanto vale una pepita d’oro?

Un esemplare di pepita d’oro è una matrice di oro e altre rocce, solitamente quarzo o pietra di ferro (in Australia). Se il rapporto tra oro e roccia è alto e la forma mostra molto dell’oro in superficie, la tua pepita può contenere un valore più alto. Il più grande esemplare di pepita d’oro al mondo fino a questa data è l’Holterman Nugget trovata in Australia a Hill End, NSW nel 1872, con un peso netto di 285 kg.

Dove si trovano le pepite d’oro?

Si trova in depositi residui dove le vene o filoni auriferi sono alterati. Le pepite si trovano anche nei cumuli degli sterili di precedenti operazioni minerarie, in particolare quelle lasciate dalle draghe dell’estrazione dell’oro.

Le aree migliori per trovare pepite d’oro sono quelle note per la produzione di oro grezzo. Il termine “grossolano” è usato per descrivere pezzi d’oro che variano in dimensioni da un chicco di grano a molti grammi. La scansione con un metal detector è il metodo più comune e pratico per trovare pepite d’oro e altre forme d’oro.

L’oro grezzo non si trovava in tutti i giacimenti auriferi, anche quando alcuni erano considerati particolarmente ricchi. In alcune zone dell’Australia l’oro è fine e si concentra nelle fessure del substrato roccioso e in qualsiasi ghiaino sovrastante. Un metal detector non può rilevare questo oro fino spruzzato attraverso sabbia e ghiaia, né può rilevare minuscole tracce di oro ancora racchiuse nel materiale della barriera corallina di quarzo.

Le Pepite d'Oro più Grandi Mai Trovate nella Storia
Immagine sopra: la pepita d’oro più grande mai trovata: 289 chili in Australia, nel nuovo Galles del sud nel 1872. ( in questo caso non è tutto oro puro, ci sono delle impurità di altro minerale) Notare il valore di 12 mila sterline inglesi

LE PEPITE D’ORO PIU’ GRANDI DEL MONDO

  • Pepita di Lady Loch : 617 once = 17.49 KG. Trovata nell’agosto 1887 a Sulky Gully, a Ballarat, Victoria, dalla Midas Mining Company, e chiamato così in onore dell’allora governatore della moglie di Victoria.
  • Canaã 5 Pepita : 646 once/ 18,3 Kg. La quinta pepita più grande trovata durante la corsa all’oro della Serra Pelada in Brasile nei primi anni ’80, è in mostra al Museo del Banco Central in Brasile.
  • Pepita di Dogtown : 711 once / 20,1 Kg. La terza vera pepita d’oro più grande d’America trovata a Magalia, in California, nel 1859, ed è variamente conosciuta come la pepita di Dogtown, Willard o Magalia. Si è sciolto subito dopo.
  • Pepita di Kum Tow : 796 once / 22,5 Kg. Trovata dal cercatore d’oro cinese Loo Ching nell’aprile 1871 al Catto’s Paddock, Berlino (ora Rheola), a Victoria. È stato fuso, ma una replica fa parte delle collezioni di mineralogia al Museums Victoria .
  • Pepita McEvoy : 782-810 once. Trovato nel 1857 o nel 1858 da Nicholas McAvoy e Walter Palmer, nella località di Rheola nel Victoria. Le tre pepite pesavano rispettivamente 810 once, 805 once e 782 once, tuttavia non esistono più.
  • Pepita di Normandia : 899 once / 25,4 Kg. Trovato in un letto di un torrente asciutto a Kalgoorlie, nell’Australia occidentale, nel 1995. Questo scintillante pezzo d’oro è attualmente in mostra al The Perth Mint .
  • Pepita di Poseidone : 953 once / 27 chili. Trovato a Tarnagulla, Victoria, nel dicembre 1906, ispirando una festosa corsa all’oro.
  • Pepita della mano della fede : 960 once / 27,2. Trovato da Kevin Hillier vicino a Kingower in Victoria, nel settembre 1980. È la più grande pepita d’oro trovata usando un metal detector ed è in mostra al Golden Nugget Casino Hotel a Lake Charles, Louisiana, USA.
  • Pepita Viscountess Canterbury : 970 once / 27,5 Kg. Trovato a John’s Paddock, Berlino, nella località Rheola a Victoria, nell’ottobre 1870, e prende il nome dall’allora governatore della moglie di Victoria.
  • 3 pepite canadese : 1.099 once / 31 Kg. Una delle più grandi pepite scoperte durante la corsa all’oro vittoriana, fu trovata nel gennaio 1863 a Canadian Gully, Ballarat.
  • Pepita di airone : 1.106 once / 31,3 Kg. Prende il nome da un famoso commissario per l’oro e trovato vicino a Old Golden Point a Fryer’s Creek sul campo d’oro di Mount Alexander a Victoria, nel marzo 1855.
  • Pepita del Visconte di Canterbury : 1.114 once / 31,5 kg. Come la viscontessa Canterbury Nugget, il suo partner fu trovato nel maggio 1870 a John’s Paddock, a Berlino, nella località ricca d’oro di Rheola a Victoria.
  • Pepita Sarah Sands: 1.117 once / 31,6 Kg. Prende il nome dalla famosa nave e trovata a Canadian Gully, Ballarat durante la corsa all’oro vittoriana. Fu portato alla luce da un marinaio francese nel gennaio 1853.
  • Pepita aquila reale: 1,135 once / 32,1 Kg. Scoperto dal diciassettenne Jim Larcombe a Larkinsville, nell’Australia occidentale, nel gennaio 1931 e chiamato così per la sua somiglianza con il maestoso uccello. È stata una sensazione nazionale da prima pagina, prima di essere venduta al governo dell’Australia occidentale.
  • Pepita Canaã : 1.185 once / 33, 5 Kg. La quarta pepita più grande trovata durante la corsa all’oro di Serra Pelada in Brasile all’inizio degli anni ’80 e si trova al Museo del Banco Central in Brasile.
  • Pepita canadese 2 : 1.224 once / 34,6 Kg. Scoperto a Canadian Gully a Ballarat, Victoria, nel gennaio 1863.
  • Pepita Canaã 3: 1.230 once 35 kg. Notevole per la sua caratteristica tonalità rosso ferroso, è la terza più grande pepita rinvenuta durante la corsa all’oro della Serra Pelada brasiliana dei primi anni ’80.
  • Gran Pepita Triangolare : 1.277 once / 36, 2 Kg. Il più grande mai scoperto in Russia, fu trovato nel 1842 dal cercatore d’oro Nikofor Syutkin a Miass nei monti Urali. È in mostra all’Armeria del Cremlino a Mosca.
  • Pepita Canaã 2: 1.430 once / 40,5 kg. La seconda pepita più grande trovata durante la corsa all’oro di Serra Pelada in Brasile dei primi anni ’80 ed è esposta al Museo del Banco Central in Brasile.
  • Pepita Lady Hotham: 1.576 once / 44,6 Kg. Chiamato in onore dell’allora governatore della moglie di Victoria, fu trovato da nove minatori nel Canadian Gully a Ballarat Victoria, nel settembre 1854.
  • Pepita monumentale : 1.648-1.696 once / 48 Kg. La più grande pepita d’oro scoperta in America pesava tra 1.648 once e 1.696 once. Scoperto da cinque cercatori nell’agosto 1869 nel Monumental Claim nella contea di Sierra, in California.
  • Pepita preziosa : 1.717 once – 48,6 Kg. Trovato a Catto’s Paddock, Berlino (ora Rheola) a Victoria da un cercatore cinese nel gennaio 1871. Prende il nome dal proprietario terriero Precious C. Williams.
  • Pepita Blanche Barkly: 1.743 once – 49,4. Trovato nell’agosto 1857 da una squadra guidata dal cercatore d’oro scozzese Sam Napier a Kingower, Victoria. Chiamato in onore della figlia dell’allora governatore coloniale, è stato esposto al Crystal Palace di Londra prima di essere venduto alla Banca d’Inghilterra e fuso per fare monete sovrane.
  • Cosciotto di montone/ pepita canadese : 2.144 once – 60 kg.. La più grande pepita d’oro scoperta a Canadian Gully, a Ballarat Victoria, è stata trovata il primo dell’anno 1853.
  • Pepita di Canaa: 2.145 once – 60,7. La più grande vera pepita d’oro sopravvissuta sulla Terra, il Canaã è il più grande pezzo d’oro estratto durante la corsa all’oro della Serra Pelada in Brasile nei primi anni ’80. È in mostra al Museo Banco Central di Brasilia.
  • Pepita RNC Minerals’ 2 ‘: 2.222 once – 62,9. Non una vera pepita a causa del suo contenuto impuro, questa enorme roccia incrostata d’oro è stata trovata nel settembre 2018 nella miniera Beta Hunt di RNC Minerals vicino a Kambalda, nell’Australia occidentale, e secondo quanto riferito contiene 1.600 once di oro puro.
  • Pepita di benvenuto : 2,433 once – 68,9 kg La più grande pepita trovata a Ballarat, Victoria, ricca d’oro, fu scoperta dai minatori della Cornovaglia, in Inghilterra, nel giugno 1858. Fu esposta al Crystal Palace di Londra prima di essere acquistata dalla Royal Mint e fusa in monete sovrane.
  • RNC Minerals’ 1 ‘Nugget’ : 3.351 once. RNC Minerals ha trovato la roccia incrostata d’oro nella miniera di Beta Hunt nell’Australia occidentale nel settembre 2018. Si dice che questa rivelazione contenga circa 2.400 once di oro puro.
  • Pepita benvenuto straniero : 3.524 once – 100 KG. Questo magnifico nonno di tutte le vere pepite d’oro fu trovato dai cercatori d’oro inglesi John Deason e Richard Oates nel febbraio 1869 a Moliagul nel Victoria. L’esemplare di dimensioni mostruose è stato spezzato in tre pezzi e fuso.
  • Pepita Holtermann: 10.229 once – 289 Kg. Mentre Welcome Stranger è la più grande pepita d’ oro mai scoperta, il singolo esemplare d’oro più grande mai trovato è l’Holtermann. Dissotterrato nell’ottobre 1872 dal minatore tedesco Bernhardt Holtermann a Hill End nel Nuovo Galles del Sud, fu frantumato e l’oro estratto. ( nella foto )

Approfondimenti

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *