I 20 Paesi Più Ricchi del Mondo in Base al PIL: Classifica Aggiornata

Di seguito, le 20 principali economie del mondo. Le diverse fasi dei cicli economici lanciano economie in tutto il mondo. Tuttavia, è interessante vedere che queste grandi economie non si muovono facilmente dalle posizioni che detengono. Rispetto alle 20 principali economie del 1980, 17 sono ancora presenti nell’elenco, il che significa solo tre nuovi entranti. Oltre ai giocatori chiave che rimangono quasi gli stessi, l’analisi rivela che queste economie sono il motore della crescita, la maggioranza dominante della ricchezza globale. Il PIL nominale delle prime 10 economie ammonta a circa il 67% dell’economia mondiale, mentre le prime 20 economie contribuiscono quasi all’81%. I rimanenti 172 paesi insieme costituiscono meno di un quinto per l’economia mondiale.

Nota: questo elenco si basa sul World Economic Outlook Database del FMI del 2018

PIL nominale = prodotto interno lordo, prezzi correnti, dollari USA
PIL basato su PPP = prodotto interno lordo basato sulla valutazione della parità di potere d’acquisto (PPA) del PIL nazionale, attuale dollaro internazionale)
Prodotto interno lordo pro capite, prezzi correnti, dollari USA

I 20 Paesi Più Ricchi del Mondo in Base al PIL: Classifica Aggiornata

1. Stati Uniti

PIL nominale: $ 19,39 miliardi di
PIL (PPP): $ 19,39 miliardi

Gli Stati Uniti hanno mantenuto la loro posizione di essere la più grande economia del mondo dal 1871. La dimensione dell’economia statunitense è stata di 19,39 miliardi dollari nel 2017 in termini nominali e si prevede che raggiungerà $ 20,41 trilioni nel 2018. Gli Stati Uniti sono spesso soprannominati come una superpotenza economica e questo perché l’economia costituisce quasi un quarto dell’economia globale supportata da infrastrutture avanzate, tecnologia e abbondanza di risorse naturali. Mentre l’economia degli Stati Uniti è orientata ai servizi, contribuendo quasi all’80% del suo PIL, la sua produzione non fa che contribuire al 15% circa della sua produzione.

Quando le economie sono valutate in termini di parità di potere d’acquisto, gli Stati Uniti perdono il loro primo posto nel suo stretto concorrente cinese. Nel 2017, l’economia degli Stati Uniti, in termini di PIL (PPP), è stata di $ 19,39 miliardi mentre l’economia cinese è stata misurata a $ 23,16 miliardi. Si prevede che il divario tra le dimensioni delle due economie in termini di PIL nominale diminuirà entro il 2023; l’economia degli Stati Uniti è destinata a crescere fino a 24,53 miliardi di dollari entro il 2023, seguita da vicino dalla Cina a 21,57 trilioni di dollari.

 

2. Cina

PIL nominale: $ 12,01 miliardi di $
PIL (PPP): $ 23,15 miliardi $

 

Negli ultimi decenni la Cina ha registrato una crescita esponenziale, superando le barriere di un’economia chiusa, pianificata centralmente, per evolvere in un centro di produzione ed esportazione del mondo. La Cina è spesso indicata come la “fabbrica del mondo” data la sua enorme base di produzione e esportazione. Tuttavia, nel corso degli anni, il ruolo dei servizi è gradualmente aumentato e quello della produzione come contributo al PIL è diminuito relativamente. Nel 1980, la Cina era la settima economia con un PIL di $ 305,35 miliardi, mentre la dimensione degli Stati Uniti era di $ 2,86 miliardi. Da quando ha avviato le riforme di mercato nel 1978, il gigante asiatico ha visto una crescita economica media del 10% all’anno. Negli ultimi anni, il ritmo di crescita è rallentato, sebbene rimanga elevato rispetto alle nazioni peer.

La Banca Mondiale ha registrato uno slancio nella crescita economica della Cina nel 2017 per la prima volta dal 2010, principalmente spinto da un rimbalzo ciclico nel commercio globale. Essa prevede una crescita del 6,6% nel 2018, che si ridurrebbe del 5,5% circa nel 2023. Nel corso degli anni, la differenza nelle dimensioni dell’economia cinese e statunitense si è ridotta rapidamente. Nel 2017, il PIL cinese in termini nominali si è attestato a $ 12,01 miliardi, inferiore a $ 7,37 trilioni di dollari USA. Nel 2018, il divario dovrebbe ridursi a $ 6,32 trilioni e nel 2023 la differenza sarebbe di $ 2,9 trilioni. In termini di PIL in PPP, la Cina è la più grande economia con un PIL (PPP) di $ 23,15 miliardi. Entro il 2023, il PIL cinese (PPP) sarebbe di $ 37,06 miliardi. L’enorme popolazione cinese abbassa il suo PIL pro capite a $ 8.643,11 (settantaduesima posizione).

3. Giappone

PIL nominale: $ 4,87 trilioni di
PIL (PPP): $ 5,42 trilioni

Il Giappone è la terza più grande economia del mondo con un PIL di $ 4,87 miliardi nel 2017. L’economia dovrebbe superare i $ 5 trilioni nel 2018. La crisi finanziaria del 2008 ha scosso l’economia giapponese ed è stato un momento difficile per la sua economia da allora. La crisi globale ha innescato la recessione seguita dalla debole domanda interna e dall’enorme debito pubblico. Quando l’economia stava iniziando a riprendersi, ha subito un forte terremoto che ha colpito il paese socialmente ed economicamente. Mentre l’economia ha rotto la spirale deflazionistica, la crescita economica rimane muta.

La sua economia otterrà un certo stimolo con le Olimpiadi del 2020 che mantengono forte il flusso di investimenti che è sostenuto da una politica monetaria rilassata da parte della Banca del Giappone. Il PIL nominale del Giappone è di $ 4,87 trilioni, che dovrebbe salire a $ 5,16 miliardi nel 2018. Il Giappone scivola al quarto posto quando il PIL è misurato in termini di PPA; Il PIL (PPP) è stato di $ 5,42 miliardi nel 2017, mentre il suo PIL pro capite è stato di $ 38,439,52 (25 ° posto).

4. Germania

PIL nominale: $ 3,68 trilioni di
PIL (PPP): $ 4,17 miliardi

La Germania non è solo la più grande economia europea, ma anche la più forte. A livello globale, è la quarta economia in termini di PIL nominale con un valore di $ 3,68 miliardi di PIL. La dimensione del suo PIL in termini di parità di potere d’acquisto è di $ 4,17 miliardi, mentre il suo PIL pro capite è $ 44,549,69 (17 ° posto). La Germania è stata la terza più grande economia in termini nominali nel 1980 con un PIL di $ 850,47 miliardi.

La nazione è dipesa dalle esportazioni di beni capitali che hanno subito una crisi post-finanziaria del 2008. L’economia è cresciuta dell’1,9% e del 2,5% rispettivamente nel 2016 e nel 2017. Tuttavia, il FMI ha rivisto al ribasso la crescita al 2,2% e al 2,1% rispettivamente nel 2019 e nel 2020, data la minaccia di un aumento del protezionismo e della Brexit. Per rivedere la sua forza manifatturiera nell’attuale scenario globale, la Germania ha lanciato Industrie 4.0 – la sua iniziativa strategica per affermare il paese come mercato principale e fornitore di soluzioni di produzione avanzate.

5. Regno Unito

PIL nominale: $ 2,62 trilioni di
PIL (PPP): $ 2,91 miliardi

Il Regno Unito, con 2,62 miliardi di dollari di PIL, è la quinta economia del mondo. Se confrontato in termini di PPP del PIL, il Regno Unito scivola al nono posto con un PIL (PPP) di $ 2,91 miliardi. Si colloca al 23 ° posto in termini di PIL pro capite che è $ 39,734,59. Il suo PIL nominale è stimato a $ 2,9 miliardi nel corso del 2018, ma si prevede che la sua posizione scenderà al settimo posto entro il 2023 con un PIL di $ 3,47 trilioni.

A partire dal 1992 al 2008, l’economia del Regno Unito ha assistito a un trend rialzista in ciascun trimestre. Tuttavia, è stato testimone di un calo della produzione per cinque trimestri consecutivi a partire da aprile 2008. L’economia si è ridotta del 6% durante questi cinque trimestri (tra il primo trimestre del 2008 e il secondo trimestre del 2009) e alla fine ha richiesto cinque anni per tornare a i livelli pre-recessione, secondo i dati dell’Ufficio delle statistiche nazionali. L’economia del Regno Unito è trainata principalmente dal settore dei servizi che contribuisce con oltre il 75% del PIL alla produzione, il secondo segmento di punta seguito dall’agricoltura. Sebbene l’agricoltura non contribuisca in modo significativo al suo PIL, il 60% del fabbisogno alimentare del Regno Unito viene prodotto a livello nazionale, anche se meno del 2% della sua forza lavoro è impiegata nel settore.

 

6. India

PIL nominale: $ 2,61 trilioni di
PIL (PPP): $ 9,45 miliardi

L’India è l’economia da trilioni di dollari in più rapida crescita nel mondo e la sesta più grande con un PIL nominale di $ 2,61 trilioni. L’India è pronta a diventare la quinta economia più grande che sorpassa il Regno Unito entro il 2019 secondo la proiezione del FMI. Il paese si colloca al terzo posto quando il PIL viene confrontato in termini di parità di potere d’acquisto a $ 9,45 miliardi. Quando si tratta di calcolare il PIL pro capite, l’alta popolazione indiana trascina il suo PIL pro capite nominale a $ 1.982. L’economia indiana era solo 189,438 miliardi di dollari nel 1980, classificandosi al 13 ° posto nella lista mondiale. Si prevede che il tasso di crescita dell’India aumenti dal 6,7% nel 2017 al 7,3% nel 2018 e al 7,5% nel 2019, in quanto i timori derivanti dall’iniziativa di cambio e l’introduzione della tassa sui beni e servizi si attenuano secondo l’FMI.

Il viaggio dell’India post-indipendenza è iniziato come una nazione agricola, tuttavia, nel corso degli anni il settore manifatturiero e dei servizi è emerso con forza. Oggi il settore dei servizi è il settore in più rapida crescita al mondo, contribuendo per oltre il 60% alla sua economia e rappresentando il 28% dell’occupazione. Il settore manifatturiero rimane uno dei suoi settori cruciali e riceve la dovuta spinta attraverso le iniziative dei governi come “Make in India”. Sebbene il contributo del suo settore agricolo sia sceso a circa il 17%, è ancora più alto rispetto alle nazioni occidentali. La forza dell’economia risiede in una limitata dipendenza dalle esportazioni, alti tassi di risparmio, dati demografici favorevoli e una crescente classe media.

7. Francia

PIL nominale: $ 2,58 trilioni di
PIL (PPP): $ 2,83 miliardi

La Francia, il paese più visitato al mondo, è la terza più grande economia europea e la settima più grande al mondo con un PIL nominale di $ 2,58 trilioni. Il suo PIL in termini di parità di potere d’acquisto è di circa $ 2,83 miliardi. Il paese offre un alto standard di vita alla sua popolazione, come si evince dal suo PIL pro capite di $ 44,549. Negli ultimi anni, la crescita economica ha rallentato con conseguente disoccupazione che ha posto un’immensa pressione sul governo per riavviare l’economia. La Banca Mondiale ha registrato tassi di disoccupazione al 10% nel 2014, 2015 e 2016. Nel 2017, è sceso al 9,681%.

Oltre al turismo che rimane molto importante per la sua economia, la Francia è uno dei principali produttori agricoli, che rappresentano circa un terzo di tutti i terreni agricoli all’interno dell’Unione europea. La Francia è il sesto più grande produttore agricolo del mondo e il secondo più grande esportatore agricolo, dopo gli Stati Uniti. Il settore manifatturiero è dominato principalmente dall’industria chimica, dall’industria automobilistica e dall’industria degli armamenti. L’economia è cresciuta del 2,3% nel 2017 e si prevede che cresca all’1,8% e all’1,7% durante il 2018 e il 2019 secondo l’FMI.

8. Brasile

PIL nominale: $ 2,05 trilioni di
PIL (PPP): $ 3,24 miliardi

Il Brasile è la nazione più grande e più popolata dell’America Latina. Con un PIL nominale di $ 2,05 trilioni, il Brasile è l’ottava più grande economia del mondo. La nazione che stava cavalcando l’onda mercantile ha subito molteplici battute d’arresto con la fine del superciclo delle materie prime, oltre ai problemi interni di corruzione e incertezza politica che hanno attenuato gli investimenti e il contesto imprenditoriale.

Nel periodo 2006-2010, la nazione è cresciuta in media del 4,5%, attestandosi a circa il 2,8% attorno al 2011-13. Entro il 2014, la crescita è stata appena dello 0,1%. Nel 2016, il Brasile ha contratto il 3,5% prima di rimbalzare dell’1% nel 2017. L’FMI ​​proietta l’economia in una crescita economica del 2,5% entro il 2019. Il Brasile fa parte dei paesi BRICS insieme a Russia, India, Cina e Sudafrica. Il paese ha un PIL (PPP) di $ 3,24 trilioni e un PIL pro capite di $ 9,681.

9. Italia

PIL nominale: $ 1,93 miliardi di $
PIL (PPP): $ 2,31 trilioni di $

Con un PIL nominale di $ 1,93 trilioni, l’Italia è la nona economia mondiale. Si prevede che la sua economia si espanderà a $ 2,5 trilioni nel 2023. In termini di PIL (PPA), la sua economia vale $ 2,31 trilioni e un PIL pro capite di $ 31,984. L’Italia, membro di spicco dell’Eurozona, ha dovuto affrontare un profondo caos politico ed economico. Il suo tasso di disoccupazione continua a essere a due cifre, mentre il suo debito pubblico rimane grande, a circa il 132% del PIL. Sul lato positivo, le esportazioni e gli investimenti delle imprese stanno guidando la ripresa economica. L’economia ha segnato rispettivamente lo 0,9% e l’1,5% nel 2016 e nel 2017. Si prevede un arretramento all’1,2% nel 2018 e all’1,0% nel 2019.

10. Canada

PIL nominale: $ 1,65 miliardi di
PIL (PPP): $ 1,76 trilioni

Il Canada ha rimpiazzato la Russia per prendere il 10 ° posto nel 2015 e da allora ha mantenuto la sua posizione. Il PIL nominale del Canada è attualmente pari a $ 1,65 trilioni e si prevede tocchi $ 1,79 miliardi nel 2018 e $ 2,43 miliardi entro il 2023. Il suo PIL pro capite di $ 45,077 è al 20 ° posto a livello mondiale mentre il suo PIL di $ 1,76 miliardi in termini di PPP lo porta al 17 ° posto . Il paese ha contenuto il livello di disoccupazione e rischia di ridursi ulteriormente. Mentre i servizi sono il settore principale, la produzione è la pietra angolare di un’economia con il 68% delle sue esportazioni costituite da esportazioni di merci. Il Canada pone molta enfasi sulla produzione, che è cruciale per la sua futura crescita economica. Il Canada ha registrato una crescita del 3% nel 2017 rispetto all’1,4% nel 2016 e si prevede che cresca al 2% durante il 2018 e il 2019.

11. Corea del sud

PIL nominale: $ 1,53 trilioni di
PIL (PPP): $ 2,02 miliardi

L’economia sudcoreana nota per i conglomerati come Samsung e Hyundai, è l’undicesima economia più grande del mondo con un PIL nominale di $ 1,53 trilioni. Il paese ha fatto incredibili progressi negli ultimi due decenni per affermarsi come nazione industrializzata ad alta tecnologia.

La Corea del Sud negli ultimi quarant’anni ha dimostrato un’incredibile crescita economica e un’integrazione globale per diventare un’economia industrializzata ad alta tecnologia. Durante gli anni ’60 il suo PIL pro capite era tra i paesi più poveri del mondo, che ora è al 29 ° posto con $ 29.981. Il suo PIL (PPP) è di $ 2,02 miliardi. La Corea del Sud è entrata nel club da trilioni di dollari nel 2004 spinto dal commercio internazionale e dall’industrializzazione. È tra i primi esportatori al mondo e presenta grandi opportunità di investimento che si riflettono nella sua facilità di fare classifica aziendale.

12. Russia

PIL nominale: $ 1,52 trilioni di
PIL (PPP): $ 4,01 trilioni

La Russia, il più grande paese al mondo in termini di massa continentale, è la 12a più grande economia del mondo con un PIL nominale di $ 1,52 trilioni. La Russia sale la scala al sesto posto per classifiche con un valore di $ 4,01 miliardi di PIL basato sul PPP.

Gli anni ’90 furono un periodo difficile per la sua economia poiché ereditò un settore industriale e agricolo devastato insieme ai fondamentali di un’economia pianificata centralmente. Nel corso del prossimo decennio, la Russia ha visto una crescita ad un ritmo sano del 7%, tuttavia questa crescita è stata guidata dal boom delle materie prime. La dipendenza dell’economia russa dal petrolio è stata esposta durante la crisi finanziaria globale del 2008-09 e infine nel 2014. La situazione è peggiorata con l’imposizione di sanzioni da parte dell’Occidente. L’economia si è contratta dello 0,2% nel 2016, tuttavia è rimbalzata con una crescita dell’1,5% nel 2017. L’FMI ​​prevede una crescita dell’1,7% e dell’1,5% rispettivamente nel 2018 e 2019.

13. Australia

PIL nominale: $ 1,38 trilioni di
PIL (PPP): $ 1,24 miliardi

L’Australia è la tredicesima economia con un PIL nominale di $ 1,38 trilioni. L’economia è cresciuta a ritmi sostenuti negli ultimi due decenni, a causa della bassa disoccupazione, del basso debito pubblico e dell’inflazione, delle esportazioni robuste, di un forte settore dei servizi e di un sistema finanziario stabile. Dato che l’Australia è una terra ricca di risorse naturali e un importante esportatore di energia, risorse naturali e cibo. In termini di settori diversi della sua economia, l’agricoltura e l’industria contribuiscono circa il 4% e il 26% ciascuno, mentre il suo settore dei servizi che coinvolge il 75% della popolazione occupata contribuisce al 70% del suo PIL. Si stima che l’economia dell’Australia si avvicinerà ai 2 trilioni di dollari entro il 2023 e il suo PIL basato sul PPP, che attualmente è di 1,24 trilioni di dollari, si avvicinerà a 1,65 miliardi di dollari nello stesso periodo.

14. Spagna

PIL nominale: $ 1,31 trilioni di
PIL (PPP): $ 1,7 trilioni

Il $ 1,3 trilioni di economia spagnola è il 14 ° più grande al mondo. Post-Brexit, la Spagna è la quarta più grande economia nella zona euro. Il paese con una popolazione di 46,6 milioni ha assistito a un lungo periodo di recessione (secondo trimestre del 2008 fino al terzo trimestre del 2013) e sta rallentando il ritorno alla salute grazie al turismo discografico e alle esportazioni e al rilancio dei consumi interni.

La Spagna ha sostituito il Regno Unito per diventare il secondo paese più visitato al mondo con un enorme afflusso di turisti in entrata. In termini di settori, l’agricoltura ha tradizionalmente svolto un ruolo cruciale, tuttavia, con il tempo il contributo del settore è sceso a circa il 3%. Il paese rimane un importante esportatore di olio d’oliva, maiale e vino. Alcuni dei settori industriali di spicco sono automobili, prodotti chimici, prodotti farmaceutici, macchinari industriali. L’economia è cresciuta del 3,1% nel 2017 e dovrebbe scendere al 2,8% e al 2,2% rispettivamente nel 2018 e nel 2019.

 

15. Messico

PIL nominale: $ 1,15 miliardi di
PIL (PPP): $ 2,45 miliardi

Il Messico, la seconda più grande economia dell’America Latina è la quindicesima economia al mondo con un PIL (nominale) di $ 1,15 miliardi mentre il PIL in termini di PPP è di $ 2,45 miliardi. Lo stesso dovrebbe toccare $ 1,58 trilioni e $ 3,26 trilioni rispettivamente entro il 2023. Nel 1980, il Messico era la decima economia con un PIL nominale di $ 228,6 miliardi. L’economia è cresciuta del 2,9% e del 2% nel 2016 e 2017. Nei prossimi due anni, l’FMI prevede una crescita rispettivamente del 2,3% e del 2,7%. La quota dell’agricoltura nell’economia messicana è rimasta al di sotto del 4% negli ultimi due decenni, mentre l’industria e i servizi contribuiscono per circa il 33% e il 63% alla produzione. L’industria automobilistica, il petrolio e l’elettronica sono tra le industrie sviluppate, mentre i servizi finanziari e il turismo sono i principali contributori nei servizi.

16. Indonesia

PIL nominale: $ 1,01 trilioni di
PIL (PPP): $ 3,24 miliardi

L’Indonesia è la più grande economia del Sud-Est asiatico e il 16 ° più grande sulla mappa globale. L’economia indonesiana ha mostrato enormi progressi negli ultimi due decenni. Fu vittima della crisi finanziaria asiatica nel 1997, tuttavia, da allora ha tracciato una crescita impressionante. L’economia ora fa parte di un club da trilioni di dollari con un PIL nominale di $ 1,01 trilioni. La Banca Mondiale cita i suoi enormi progressi nella riduzione della povertà – “riducendo il tasso di povertà a più della metà dal 1999, al 10,9% nel 2016.” Il suo PIL pro capite a $ 3,875 è molto più alto di $ 857 nel 2000. Indonesia, il quarto più popoloso la nazione è la settima economia con un valore di $ 3,24 trilioni di PIL in termini di parità di potere d’acquisto. Tra i settori, l’agricoltura contribuisce per circa il 14% al suo PIL, mentre l’industria e i servizi aggiungono circa il 43% ciascuno alla sua produzione.

17. Turchia

PIL nominale: $ 849,48 miliardi di
PIL (PPP): $ 2,17 miliardi

La Turchia con i suoi 849,48 miliardi di economia è la 17a più grande economia del mondo. La quota della classe media della Turchia è aumentata dal 18% al 41% della popolazione tra il 1993 e il 2010, secondo la Banca Mondiale e il paese si è unito al gruppo di reddito medio-alto alla fine degli anni 2000.

Si prevede che l’economia entrerà a far parte del club da trilioni di dollari entro il 2020, mentre il suo PIL (PPP) raggiungerà $ 3,05 miliardi entro il 2023. Tra il 1960 e il 2012, la crescita media annua del PIL della Turchia è stata del 4,5%. L’economia è cresciuta a un ritmo impressionante dal 2000, trainata sia dall’industria che dai servizi. L’economia ha visto la stabilità macroeconomica e fiscale mentre i livelli di occupazione e reddito sono aumentati. Mentre l’economia ha registrato una crescita del 7,4% nel 2017, tuttavia, si prevede che si ridurrà al 4,2% nel 2018 tra aumento del debito estero, svalutazione della valuta, aumento dell’inflazione e disoccupazione.

18. Paesi Bassi

PIL nominale: $ 849,48 miliardi di
PIL (PPP): $ 2,17 miliardi

I Paesi Bassi, la sesta più grande economia dell’Unione europea, è la 18a più grande economia del mondo. Nel 1980, i Paesi Bassi erano la dodicesima economia a livello mondiale con un PIL di $ 189,49 miliardi. Oggi il paese ha un PIL nominale di 825,745 miliardi di dollari e un PIL (PPP) di 916,07 miliardi di dollari. Si posiziona al 13 ° posto sulla base del reddito pro capite con un PIL pro capite di 48.345. L’economia è sostenuta da abbondanti risorse naturali, turismo in forte espansione e industrie sane come la trasformazione alimentare, prodotti chimici, macchinari elettrici e raffinazione del petrolio. I Paesi Bassi possono vantare un settore agricolo altamente meccanizzato e altamente produttivo che lo rende tra i primi esportatori di prodotti agricoli a livello globale. Nonostante la sua piccola nazione, i Paesi Bassi sono uno dei principali attori nel commercio mondiale.

19. Arabia Saudita

PIL nominale: $ 683,82 miliardi di
PIL (PPP): $ 1,77 miliardi

L’Arabia Saudita è prevalentemente un’economia basata sul petrolio. Il paese possiede circa il 18% delle riserve mondiali accertate di petrolio. Si classifica come il più grande esportatore di petrolio con il settore del petrolio e del gas che rappresentano circa il 50% del suo PIL e il 70% dei proventi da esportazione. L’Arabia Saudita è ricca di altre risorse naturali come il gas naturale, il minerale di ferro, l’oro e il rame. L’economia ha mostrato il recupero dallo shock petrolifero nel 2016 con una crescita dell’1,7%. Nel 2017 ha registrato un enorme deficit di bilancio finanziato da riserve estere e vendite di obbligazioni. Il paese sta cercando di rafforzare la sua economia non petrolifera per diversificare la sua economia e affrontare il problema della disoccupazione. Nel 2017, il suo PIL nominale era di $ 683,82 miliardi, mentre il suo PIL basato sul PPP era di $ 1,77 trilioni. L’economia, che è scesa dello 0,9% nel 2017, dovrebbe crescere dell’1,9% nel 2018 e nel 2019.

20. Svizzera

PIL nominale: $ 678,57 miliardi di
PIL (PPA): $ 517,17 miliardi

La Svizzera, una delle economie di mercato più stabili al mondo. È la ventesima più grande economia del mondo con un PIL nominale di $ 678,57 miliardi. Il paese offre uno standard di vita molto alto per il suo popolo rappresentato dal PIL pro capite di $ 80,590, solo dietro il Lussemburgo. La Svizzera ha un’industria del turismo in forte espansione e un forte settore finanziario. La Svizzera vanta una lunga tradizione nell’industria, in particolare nell’industria dell’orologeria e dei prodotti farmaceutici. L’agricoltura contribuisce solo per circa l’1% al suo PIL. Il paese ha una forza lavoro altamente qualificata e una bassa disoccupazione (3%). L’economia del paese beneficia del suo sistema politico stabile, di buone infrastrutture e di aliquote fiscali favorevoli. Negli ultimi anni, il suo tasso di crescita è oscillato tra l’1-1,5%.

Noi viviamo nell’unione economica più ricca della terra.

Insomma: cerchiamo di non piangerci addosso, come dicevamo l’altro ieri in Italia ci sono molte eccellenze, come quella del risparmio energetico, e se è vero che é molto difficile trovare un lavoro, se è vero che fai carriera solo se conosci qualcuno e se trovi un lavoro lo trovi a condizioni veramente disagiate, è anche vero che il Nostro debito pubblico è arrivato a cifre astronomiche ed la Nostra economia si basa sulle pensioni e quindi viviamo in bilico tra disoccupati , pensionati e debiti, è pur vero che

in Italia nessuno muore di fame, anzi abbiamo la migliore cucina del mondo, il tempo è buono e l’aspettativa di vita é una delle migliori del mondo.

D’altronde la percezione della ricchezza é cambiata rispetto qualche anno fa, in Italia ci sono più ricchi di prima ma la ricchezza è concentrata in un numero esiguo di persone, ma questo avviene in tutti i paesi del mondo, si chiama capitalismo

I paesi più ricchi del mondo , in base al Prodotto Interno Lordo:

POSIZIONE NAZIONE PIL (Milioni di $)
 MONDO INTERO: 72,689,734
1  STATI UNITI 16,244,600
2  Cina 8,358,400
3  Giappone 5,960,180
4  Germania 3,425,956
5  Francia 2,611,221
6 Gran Bretagna 2,471,600
7  Brasile 2,254,109
8  Russia 2,029,812
9  Italia 2,013,392
10  India 1,875,213
11  Canada 1,821,445
12  Australia 1,564,419
13  Spagna 1,322,126
14  Mexico 1,183,655
15  South Korea 1,129,598
16  Indonesia 878,043
17  Turchia 788,299
18  Olanda 770,067
19  Arabia Saudita 711,050
20   Svizzera 631,183
21  Iran 551,588
22  Svezia 523,804
23  Norvegia 499,667
24  Polonia 489,852
25  Belgio 483,402
26  Argentina 477,028
27  Austria 394,458
28  Thailandia 385,694
29  South Africa 384,313
30  Emirati Arabi Uniti 383,799
31  Venezuela 382,424
32  Colombia 369,813
33  Danimarca 314,889
34  Malesia 304,726
35  Singapore 276,520
36  Chile 268,314
 Hong Kong 263,259
37  Nigeria 262,545
38  Egitto 254,671
39  Filippine 250,182
40  Grecia 248,941
41  Finlandia 247,389
42  Israele 241,069
43  Pakistan 215,117
44  Portogallo 212,139
45  Irlanda 210,638
46  Algeria 207,021
47  Perù 204,681
48  Kazakistan 202,656
49  Czech Republic 196,446
50  Qatar 192,402
51  Kuwait 183,219
52  Ucraina 176,309
53  New Zealand 171,256
54  Romania 169,396
55  Vietnam 155,820
56  Iraq 149,370
57  Bangladesh 127,195
58  Ungheria 124,600
59  Angola 116,308
 Puerto Rico 103,516
60  Marocco 95,992
61  Libia 95,802
62  Slovacchia 91,349
63  Ecuador 87,495
64  Oman 78,111
65  Cuba 71,017
66  Azerbaijan 68,727
67  Belorussia 63,259
68  Myanmar 59,444
69  Sri Lanka 59,421
70  Repubblica Dominicana 58,898
71  Croazia 56,447
72  Lussemburgo 55,143
73  Sudan 51,453
74  Uzbekistan 51,414
75  Bulgaria 50,972
76  Guatemala 50,377
77  Uruguay 49,919
78  Siria 46,540
79  Slovenia 45,380
80  Tunisia 45,132
81  Costa Rica 45,107
 Macau 43,582
82  Sierra Leone 43,366
83  Lebano 42,490
84  Lituania 42,339
85  Etiopia 41,605
86  Ghana 40,711
87  Kenya 40,697
88  Serbia 38,491
89  Panama 36,253
90  Turkmenistan 33,466
91  Yemen 32,831
92  Jordan 30,937
93  Bahrain 30,362
94  Latvia 28,379
95  Tanzania 28,249
96  Bolivia 27,035
97  Cameroon 26,094
98  Paraguay 25,935
99  Costa d’Avorio 24,406
100  Gabon 24,076
101  El Salvador 23,864
102  Trinidad and Tobago 23,225
103  Cipro 22,768
104  Estonia 22,376
105  Uganda 21,736
106  Zambia 21,490
107  Afghanistan 20,364
108  Congo, Democratic Republic of the 18,823
109  Honduras 18,564
110    Nepal 18,029
111  Bosnia and Herzegovina 17,319
112  Brunei 16,954
113  Georgia 15,830
114  Papua New Guinea 15,677
115  Jamaica 14,795
116  Congo, Republic of the 14,763
117  Mozambico 14,605
118  Equatoriale Guinea 14,491
119  North Korea 14,411
120  Botswana 14,410
121  Cambogia 14,038
122  Senegal 13,962
123  Norvegia 13,579
124  Namibia 12,807
125  Albania 12,044
126  Mauritius 11,452
127  Burkina Faso 10,687
128  Nicaragua 10,508
129  Mongolia 10,271
130  Mali 10,262
 Palestinian Territory 10,255
131  Chad 10,183
132  South Sudan 10,060
133  Madagascar 9,968
134  Armenia 9,950
 New Caledonia 9,840
135  Zimbabwe 9,802
136  Macedonia, Republic of 9,576
137  Laos 9,100
138  Malta 8,775
139  Bahamas 8,043
140  Tajikistan 7,633
141  Benin 7,557
142  Moldova 7,253
143  Haiti 7,187
 French Polynesia 7,150
144  Ruanda 7,103
145  Niger 6,773
 Kosovo 6,499
146  Kyrgyzstan 6,475
147  Guinea 6,092
148  Liechtenstein 5,827
149  Monaco 5,707
150  Malawi 5,653
 Bermuda 5,593
151  Timor-Leste 5,387
152  Suriname 5,012
153  Barbados 4,533
154  Montenegro 4,046
 Netherlands Antilles 4,009
155  Fiji 3,999
156  Togo 3,917
157  Mauritania 3,866
158  Swaziland 3,861
 Cayman Islands 3,393
159  Andorra 3,222
160  Eritrea 3,108
161  Guyana 2,851
162  Maldives 2,606
 Aruba 2,544
163  Lesotho 2,443
 Greenland 2,343
164  Burundi 2,257
165  Repubblica Africana Centrale 2,184
166  Cape Verde 1,903
167  Bhutan 1,861
168  San Marino 1,853
169  Belize 1,554
170  Liberia 1,491
171  Gibuti 1,361
172  Saint Lucia 1,318
173  Somalia 1,306
174  Antigua and Barbuda 1,176
175  Seychelles 1,031
176  Solomon Islands 1,010
177  Gambia, The 917
 British Virgin Islands 909
178  Guinea-Bissau 849
179  Grenada 783
180  Saint Kitts and Nevis 765
 Zanzibar 755
181  Vanuatu 752
 Turks and Caicos Islands 728
182  Saint Vincent and the Grenadines 694
183  Samoa 681
184  Comoros 616
185  Dominica 499
186  Tonga 465
187  Micronesia, Federated States of 327
 Anguilla 288
 Cook Islands 283
188  São Tomé and Príncipe 261
189  Palau 213
190  Marshall Islands 198
191  Kiribati 176
192  Nauru 121
 Montserrat 64
193  Tuvalu 40

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

2 commenti

  1. Sono d'accordo con l'articolo, non siamo un Paese povero. Però il capitalismo crea appunto divari enormi come hai scritto e, alla lunga, anche se restiamo in alto nelle classifiche si allarga la fascia che comprende persone che non arrivano a fine mese. Per questo serve uno Stato che redistribuisca, cosa che il nostro fa poco e male

  2. Già, uno Stato che redistribuisca ci dovrebbe essere in ogni nazione.
    Il comunismo si è visto che non ha funzionato, ma pure questo capitalismo è lontano anni luce dall'essere perfetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *