Credit Suisse: il Crack svela Sporchi Segreti delle Banche Svizzere

Ne rimarrà uno. Durante il fine settimana, le autorità svizzere hanno abbandonato la loro “politica delle due banche” di lunga data, unendo UBS e il rivale interno Credit Suisse nella speranza di impedire che una crisi bancaria prenda slancio.

Il Credit Suisse l’ha definita una fusione. UBS l’ha definita un’acquisizione. Molte persone affermano che si trattava di un “salvataggio” (sebbene l’autorità di regolamentazione finanziaria svizzera sia irremovibile che non lo fosse).

Credit Suisse: il Crack svela Sporchi Segreti delle Banche Svizzere

Beh, di certo non è stata una fusione. Il prezzo di £ 0,67 per azione è un enorme sconto sulla chiusura di venerdì di £ 1,64 e significa che la capitalizzazione di mercato della banca è scesa da circa £ 27 miliardi a meno di £ 2,7 miliardi in soli due anni.

Inoltre, circa 14,1 miliardi di sterline di obbligazioni del Credit Suisse sono state rese prive di valore. Agli investitori bancari è stato quindi ricordato bruscamente che in realtà non stanno facendo una scommessa a senso unico.

D’altra parte, le autorità svizzere hanno dovuto mettere a rischio molti soldi dei contribuenti per concludere l’affare.

La Banca nazionale svizzera sta fornendo una linea di liquidità di 88,3 miliardi di sterline e garantisce 7,9 miliardi di sterline di perdite se UBS dovesse svalutare più di 4,4 miliardi di sterline su un portafoglio di asset problematici.

Tuttavia, è del tutto possibile che nessuno di quei soldi sarà necessario.

La questione se si tratti o meno di un piano di salvataggio, quindi, non sarà risolta fino a quando non scopriremo cosa accadrà dopo.

UBS potrebbe benissimo aver appena fatto l’affare del secolo assicurandosi oltre 1,1 trilioni di sterline in asset in gestione per lo stesso importo che sarebbe costato acquistare Greggs.

L’aspetto più intrigante della crisi è il motivo per cui è persino accaduta. Non c’era, almeno sulla carta, molto di sbagliato nel Credit Suisse.

Aveva un sacco di capitale. Aveva molta liquidità (soprattutto dopo che la Banca nazionale svizzera ha concordato un backstop ). E, cosa più importante, non c’erano evidenti beni loschi che bruciavano un buco nel suo bilancio.

Tali cattiverie potrebbero emergere nei prossimi mesi. Ma, in questo momento, sembra che un istituto finanziario di 167 anni sia stato spazzato via perché una serie di scandali ed errori di gestione lo avevano reso reputazionalmente immunocompromesso proprio mentre le preoccupazioni contagiose per le banche hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo dopo il crollo della Silicon Valley Bank negli Stati Uniti.

Le implicazioni di questo scandalo saranno profonde.

Suggerisce che beni immateriali come la cultura aziendale, la direzione strategica e le relazioni con i clienti delle maggiori banche hanno un impatto materiale sulla stabilità finanziaria. Significa che dovrebbero essere regolamentati dalle autorità? E, se sì, come?

Questo episodio ha anche rivelato uno degli sporchi segreti delle banche svizzere: le banche svizzere non sono molto brave nel settore bancario.

La reputazione dell’industria finanziaria del paese si basa davvero sulla gestione patrimoniale. L’investment banking, in particolare, richiede una serie di competenze e una mentalità completamente diverse.

Sia Credit Suisse che UBS hanno acquisito il proprio dagli Stati Uniti e dal Regno Unito invece di svilupparlo.

Il primo ha acquistato First Boston nel 1996. Swiss Bank Corporation, che in seguito divenne UBS, ha acquistato SG Warburg nel 1995 e Dillon Read nel 1997. All’epoca le banche di tutto il mondo stavano correndo per trasformarsi in banche universali a servizio completo.

Molti dei matrimoni finanziari erano tutt’altro che felici.

Negli anni successivi alla crisi finanziaria, la maggior parte delle banche ha subito una contrazione in risposta a condizioni economiche e regolamenti più severi. Ma quelli che erano stati posti in “misure speciali” dai loro governi furono obbligati a ridursi più velocemente e ulteriormente.

Questo valeva sicuramente per UBS, che riduce i suoi costi, l’organico e le attività ponderate per il rischio molto più rapidamente del Credit Suisse.

Proprio mentre si stava rialzando, UBS è stata colpita da uno scandalo di trading canaglia nel 2011, che ha reso il management ancora più disilluso nei confronti dell’investment banking.

Nello stesso anno, ha annunciato che le attività ponderate per il rischio già ridotte della divisione sarebbero state dimezzate.

Le aspirazioni del Credit Suisse alla grandezza bancaria universale durarono un altro decennio. Ma poi ha subito una serie di polemiche e enormi perdite dopo essere stata coinvolta in due dei più grandi scandali finanziari degli ultimi anni: i fallimenti di Greensill Capital e dell’hedge fund Archegos Capital Management.

Abbastanza alla fine fu ritenuto sufficiente.

L’ultimo team di gestione(ce ne sono stati parecchi) stava progettando di scorporare il suo ramo di investment banking e rinominarlo come CS First Boston. UBS potrebbe ora decidere di liquidarla.

In teoria, ci sono enormi vantaggi nel modello bancario universale. Avere attività bancarie al dettaglio, all’ingrosso e di investimento sotto lo stesso tetto crea efficienze, riduce il costo del capitale per i clienti aziendali e aiuta a potenziare la crescita economica.

Tuttavia, i recenti avvenimenti hanno rafforzato la tesi contro l’autorizzazione di depositi al dettaglio e commerciali potenzialmente volubili per finanziare attività bancarie di investimento a lungo termine e molto più rischiose.

In un sistema finanziario correttamente funzionante, le banche dovrebbero poter fallire. Ma, anche con tutti i meccanismi di ripresa e risoluzione messi in atto dopo la crisi finanziaria, quando arriva il momento critico,interviene lo Stato.

Dobbiamo anche essere consapevoli del fatto che al giorno d’oggi, quando le voci possono mettere una cintura intorno alla terra nel tempo necessario per premere il pulsante retweet e i depositi possono essere ritirati con il tocco di un dito, il rischio di corse agli sportelli potrebbe aumentare.

Ma forse l’argomento più convincente per dividere le attività bancarie al dettaglio e di investimento è che la stragrande maggioranza delle grandi banche universali sono solo vistosamente e costantemente spazzatura.

Che sia perché sono troppo grandi per essere comprese appieno e quindi gestite o perché gli incentivi sono sbagliati non ha molta importanza. Semplicemente non funziona.

Puoi contare su un dito il numero di grandi banche universali ben gestite: è JP Morgan.

La maggior parte degli altri non è stata in grado di produrre un rendimento del capitale proprio superiore al costo del capitale negli ultimi vent’anni. Ciò significa che, in effetti, avrebbero potuto anche prendere i soldi dei loro azionisti e dargli fuoco.

Molti ora sosterranno la reintroduzione di qualcosa come il Glass-Steagall Act del 1931, che separava le banche commerciali dalle banche d’investimento. Ma alla fine potrebbe non essere necessario.

Perché UBS ha acquistato Credit Suisse e non viceversa? Perché UBS è uscita dall’investment banking più velocemente del suo ex rivale.

C’è una lezione in questo. E gli azionisti delle banche di tutto il mondo sarebbero sciocchi a ignorarlo.

Risorse utili:

 

Silicon Valley Bank: le Banche Europee sono più Sicure di quelle americane

Silicon Valley Bank: le Banche Europee sono più Sicure di quelle americane

I regolatori affrontano domande sui segnali di avvertimento mancati alla Silicon Valley Bank Gli esperti affermano che i segnali di allarme presso l’istituto di credito che prestava soldi alle aziende tecnologiche, avrebbero potuto essere individuate se le regole bancarie non fossero state indebolite. Cosa che non è successo in UE con la BCE che anzi…

Rischio recessione, credito alle imprese e patrimonio delle banche: quell’appello alla prudenza della Bce da ascoltare

sede della BCE

La Banca centrale europea ipotizza il concreto rischio di una recessione nella zona Euro, considerato che gli indicatori macroeconomici segnalano un possibile peggioramento per i prossimi mesi e nel primo trimestre 2023 a causa di caro energia, guerra in Ucraina, rialzo dei tassi d’interesse e inflazione galoppante.  Alla luce di questo scenario preoccupante, Andrea Enria,…

Come le Banche Centrali stanno Combattendo l’Inflazione

Perchè il Prezzo della Benzina continua ancora a crescere? Quando diminuirà?

Negli Stati Uniti e in Europa, i politici stanno iniziando ad accettare che affrontare l’aumento dei prezzi non sarà indolore. Le banche centrali più seguite al mondo stanno finalmente frenando l’impennata dell’inflazione. Ma questa settimana è diventato chiaro che sanno che questo ha un costo. Dal Regno Unito, dove la Banca d’Inghilterra ha aumentato i…

Banche:  sarà l’inizio della fine per le filiali?

Banche: il 2022 sarà l'inizio della fine per le filiali?

La pandemia ha velocizzato il tracollo. Istituti di credito a un bivio: tagliare gli sportelli per abbattere i costi o reinventarli come spazi di marketing sul territorio   La crisi del coronavirus sta accelerando la scomparsa delle filiali. Anche in Italia il prezzo della pandemia è salato per le banche italiane: lo scorso anno sono…

Banche Europee più grandi per patrimonio 2023

Banche Europee più grandi per patrimonio

Quali sono le più grandi banche d’Europa? L’analisi delle attività delle banche europee mostra che la HSBC del Regno Unito è la più grande banca del continente, seguita dalle banche francesi BNP Paribas e Crédit Agricole. Insieme, le 50 maggiori banche europee hanno una base patrimoniale di oltre 30.000 miliardi di euro, ovvero oltre 30…

Truffa investimenti su Diamanti: le Banche Coinvolte

Truffa investimenti su Diamanti: le Banche Coinvolte

Ecco le banche coinvolte sulla truffa a centinaia di investitori che hanno comprato diamanti tramite le banche, si tratta di 5 banche coinvolte:  Unicredit, MPS, Intesa San Paolo, Banca Aletti , Bpm. La truffa dei diamanti avveniva tramite delle società di intermediazione che gonfiano le quotazioni dei diamanti e che riuscivano così a raggirare i…

Boschi, Banca Etruria Ghizzoni e Unicredit: la verità sulle banche italiane

banca etruria

‪‪Federico Ghizzoni‬, ‪Maria Elena Boschi‬, ‪UniCredit‬, ‪Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio‬‬: cosa è successo veramente? Qual’è la verità sulle banche italiane? Per capirci qualcosa non basta leggere il titolo, bisogna approfondire e leggere tutte le informazioni. A fine dicembre 2017, durante l’udienza in Commissione di inchiesta sulle banche, fortemente voluta dal Governo Renzi per…

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.