3 motivi per cui non ci sarà un altro Lockdown per il COVID-19

Di seguito un articolo dedicato agli Stati Uniti, ma che vale anche per l’economia italiana e quella del resto del mondo. Incredibilmente, il valore delle azioni ha recuperato quasi tutte le loro perdite dal crollo del coronavirus.
Il NASDAQ ha raggiunto il massimo storico, raggiungendo quota 10.000 all’inizio di questa settimana e fino al crollo di giovedì, l’ S & P 500 era in territorio positivo per l’anno, in calo di pochi punti dal suo massimo storico il 19 febbraio prima che le paure del coronavirus spazzassero il mercato.

Numerosi fattori hanno supportato la ripresa, tra cui segnali di ripresa dell’economia, un senso di rialzista tra gli operatori che potrebbero spingere alcuni titoli in territorio bolla e la mancanza di nuovi picchi nei casi di coronavirus, anche se molti stati hanno iniziato a riaprire le loro economie oltre un mese fa.

Mentre persistono i timori di una seconda ondata di infezioni e alcuni epidemiologi hanno avvertito che un significativo scoppio potrebbe tornare in autunno, un altro blocco come quello che abbiamo appena visto in tutto il paese ha poche possibilità di accadere. Ecco perché:

3 motivi per cui non ci sarà un altro Lockdown per il COVID-19
l’Italia ha avuto il lockdown più lungo e duro del mondo, con pesanti conseguenze sull’economia

1. I test sono notevolmente migliorati

A metà marzo, quando il paese entrò improvvisamente in modalità di spegnimento, c’erano ben pochi casi identificati di COVID-19 . Il virus era stato autorizzato a diffondersi inosservato e in tutto il paese si aveva la sensazione che fosse molto più diffuso di quanto fosse stato riferito. A New York City, la frequenza scolastica è scesa al 68% il 13 marzo, ben al di sotto della media del 92%, poiché i genitori hanno tenuto i loro figli fuori dalla scuola per paura del virus. A quel punto, erano stati segnalati solo circa 400 casi positivi nello stato, che divenne l’epicentro della pandemia negli Stati Uniti

Questo perché i test erano molto limitati allora e ai funzionari mancava la stragrande maggioranza dei casi positivi. Secondo i dati di Johns Hopkins, meno di 30.000 test sono stati eseguiti ogni giorno in tutto il paese quando gli Stati Uniti hanno iniziato a chiudere. Oggi, la capacità di test è notevolmente aumentata e ogni giorno vengono eseguiti oltre 400.000 test. Sebbene i nuovi casi segnalati quotidianamente siano ancora in media intorno ai 20.000 (rispetto ai circa 30.000 durante il picco di aprile), una percentuale molto maggiore di casi positivi viene ora identificata. Il numero effettivo di nuovi casi di coronavirus (riportati e non segnalati) è quindi molto più basso di quanto non fosse al picco dell’epidemia. Il tasso nazionale di test positivi è ora inferiore al 5%. Al culmine della crisi, era superiore al 20%.

L’identificazione di più casi positivi aiuta a rallentare la diffusione del virus e impedisce la necessità di un blocco completo.

2. I cittadini hanno cambiato il loro comportamento

Ai primi di marzo, quando c’erano notizie sull’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti, ma non un chiaro senso della sua gravità, c’erano pochi cambiamenti comportamentali nel paese. Le scuole erano aperte, i ristoranti erano aperti e c’erano ancora grandi riunioni. La vita americana andava avanti come sempre.

Oggi, mentre gli Stati riaprono le loro economie, sta emergendo una “nuova normalità”. La maggior parte degli americani ora indossa maschere o rivestimenti per il viso in luoghi pubblici. Secondo un sondaggio del Democracy Fund e dell’UCLA Nationscape Project, l’84% degli americani ha indossato una maschera in pubblico e le leggi e le imprese locali spesso lo richiedono. Secondo uno studio condotto da un team di scienziati internazionali, indossare una maschera può ridurre dell’80% la diffusione di COVID-19, riducendo notevolmente il rischio di interazione con i membri della comunità.

Allo stesso modo, il distanziamento sociale era un concetto straniero per la maggior parte degli americani all’inizio di marzo. Ora, viene regolarmente praticato mentre le persone si distanziano mentre aspettano in linea e i tavoli dei ristoranti sono distanziati di sei piedi. Cambiamenti comportamentali come questi, che non esistevano prima della prima ondata, dovrebbero aiutare a prevenire un grave focolaio nazionale e mostrare che gli americani sono disposti ad adattarsi per controllare la diffusione della malattia. Anche le imprese rivolte al consumatore si sono adattate, costruendo barriere di plexiglass, rendendo i pagamenti senza contatto e disinfettando gli spazi più spesso.

3. È troppo costoso

La pandemia e l’arresto economico che seguirono sono stati devastanti. Il tasso di disoccupazione è ben a doppia cifra, il più alto è stato dalla Grande Depressione, e oltre 40 milioni di americani hanno presentato domanda di disoccupazione da metà marzo quando sono iniziati i blocchi. Il prodotto interno lordo è sceso del 5% nel primo trimestre e il PIL del secondo trimestre potrebbe scendere di oltre il 40%, secondo la Fed di Atlanta e altri meteorologi.

Potrebbe essere in arrivo un ulteriore aiuto del governo, sebbene il livello attuale sia già senza precedenti. La legge CARES, che includeva i controlli di stimolo da $ 1.200, nonché i pagamenti di disoccupazione estesi, il programma di protezione dello stipendio per le piccole imprese e gli aiuti per le industrie colpite come le compagnie aeree dovrebbero costare  1,8 trilioni di $, secondo l’Ufficio del Congresso del bilancio.

Inoltre, la Federal Reserve ha fornito un sostegno a una vasta gamma di debiti, comprese le obbligazioni spazzatura, fornendo ampia liquidità e garantendo contro un’improvvisa eruzione di fallimenti. Le attività della Federal Reserve sono aumentate da $ 4,2 trilioni prima della crisi a $ 7,2 trilioni dal 1 ° giugno, un massimo storico, poiché la banca centrale ha effettivamente stampato trilioni di dollari per mantenere una liquidità sufficiente nell’economia.

Ad aprile, il Congressional Budget Office ha previsto che il disavanzo del bilancio federale raggiungerà i 3,7 trilioni di dollari quest’anno e i 2,1 trilioni di dollari nel 2020, rispetto alle previsioni precedenti di circa 1 trilione di dollari per ogni anno, mostrando i costi per il governo federale.

Nel frattempo, i bilanci statali e locali stanno implodendo da un improvviso crollo delle entrate fiscali e di altre entrate. New York City, ad esempio, ha dichiarato di prevedere una perdita di entrate fino a $ 10 miliardi dalla crisi. Tutto ciò significa che i governi statali e locali detesteranno l’implementazione di un altro blocco a meno che non sia assolutamente necessario.

Se i casi di coronavirus aumentano, è probabile che si verifichino invece azioni incrementali localizzate per tenere a bada un’altra ondata, una tale inversione delle fasi di riapertura economica che gli Stati hanno attraversato finora.

Cosa significa per gli investitori

Rimuovere la minaccia di un altro blocco nazionale non significa che la pandemia sia finita o che non continuerà a frenare l’economia. I cambiamenti comportamentali necessari per prevenire una seconda ondata ostacoleranno la crescita economica.

Ciò che sembra probabile a questo punto è che l’economia si stabilirà in una via di mezzo tra un arresto completo e com’era la vita prima della pandemia. Ciò significa che i ristoranti e gli altri luoghi di ritrovo continueranno a funzionare al di sotto delle normali capacità e che la spesa discrezionale in cose come viaggi, intrattenimento e abbigliamento sarà inferiore ai livelli pre-COVID.

Tuttavia, le tendenze che sono esplose durante il blocco, come l’e-commerce e il lavoro da casa, probabilmente rimarranno forti per i prossimi mesi man mano che tali pratiche restano in vigore. Ciò dovrebbe favorire i vincitori del blocco come Amazon.com ( NASDAQ: AMZN ) e Zoom Video Communications ( NASDAQ: ZM ) , nonché altri i cui prodotti e servizi sono diventati più preziosi durante la crisi. Le azioni di cloud computing dovrebbero anche continuare a essere vincenti in quanto i loro clienti sono per lo più grandi aziende che sono state isolate dai peggiori impatti della pandemia e i loro dipendenti sono stati in grado di lavorare da casa e continuare a fare affari normalmente.

D’altra parte, i titoli ciclici e discrezionali come Boeing ( NYSE: BA ) che si sono ripresi in modo significativo nelle ultime settimane non vedranno un ritorno alle normali attività commerciali per anni, soprattutto perché un’economia debole peserà ulteriormente sulla ripresa in quei settori.

Sebbene un secondo blocco quasi certamente non accadrà, è probabile che la ripresa economica sia lenta poiché COVID-19 rimane una minaccia e numerose industrie continueranno a lottare. Per gli investitori in questo mercato schiumoso e incerto, la mossa migliore è quella di acquistare titoli di alta qualità da società con vantaggi competitivi sostenibili in grado di resistere all’impatto della pandemia e di continuare a crescere nelle sue conseguenze.

Fonte: TF

Quando finirà il diffondersi del Covid-19? Lo scenario medico   

Come trovare lavoro al tempo del coronavirus  

Decreto Cura Italia  

Il Modello Svezia senza chiusure

Cassa Integrazione Straordinaria

Quale lavoro in tempo di crisi?

Formazione per lavorare online al tempo del corona

Investire con il coronavirus ed il crollo dei mercati finanziari   

Piano di riapertura Covid

Conseguenze economiche

La situazione del Turismo in Italia 

Le azioni di biotecnologia da comprare con questa crisi

La credibilità della Cina messa alla prova dal coronavirus 

 COVID ed economia globale – 

Influenza spagnola

Costo della crisi della pandemia per aziende e lavoratori   

Covid-19 e globalizzazione  

Migliori titoli azionari

Ci si può guadagnare investendo in titoli? 

Impatto sul Dow Jones 

Azioni in Cina 

Una opportunità di investimento?   

Errori della classe dirigente italiana

Cosa sappiamo finora 

Come si mette in quarantena una città

Proteggere gli investimenti

Investire in azioni con il coronavirus

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *