Coronavirus in Svezia: un Modello senza Lockdown. Funziona veramente?

In Svezia è rimasto tutto aperto: le scuole, i negozi, i bar, i ristoranti. Il Governo si è limitato a suggerire un distanziamento sociale, a proteggere le RSA e gli anziani , ma sta funzionando? Le scuole svedesi sono rimaste aperte mentre i paesi vicini hanno chiuso le loro per settimane
La strategia della Svezia di mantenere aperte ampie parti della società è ampiamente sostenuta dalla popolazione. È stato ideato da scienziati e sostenuto dal governo, eppure non tutti i virologi del paese sono convinti.

Non c’è nessun blocco qui. Le foto sono state condivise in tutto il mondo dei bar con posti a sedere all’aperto stipati e lunghe code per chioschi di gelati sul lungomare, eppure è un mito che la vita qui continui “come normale”.

A prima vista, poco si è spento. Ma i dati suggeriscono che la stragrande maggioranza della popolazione ha intrapreso un allontanamento sociale volontario, che è il punto cruciale della strategia svedese per rallentare la diffusione del virus.

L’uso del trasporto pubblico è diminuito in modo significativo, un gran numero di persone lavora da casa e la maggior parte si astiene dal viaggiare durante il fine settimana di Pasqua. Il governo ha anche vietato incontri di oltre 50 persone e visite a case di cura per anziani.

Circa 9 su 10 gli svedesi affermano di tenersi a distanza di almeno un metro dalle persone, almeno in parte, rispetto alle sette su 10 di un mese fa, secondo un importante sondaggio condotto dalla società di sondaggi Novus.

Quanto è grave l’epidemia della Svezia?
Visto attraverso gli occhi dell’Agenzia di sanità pubblica svedese, il modo in cui le persone hanno risposto è uno da celebrare, sebbene con cautela.

L’approccio degli scienziati ha portato a settimane di dibattito globale sul fatto che la Svezia abbia adottato un piano ragionevole e sostenibile o abbia involontariamente immerso la sua popolazione in un esperimento che sta causando vittime inutili e potrebbe non riuscire a tenere sotto controllo la diffusione di Covid-19.

C’è ancora spazio nelle unità di terapia intensiva e un nuovo ospedale da campo in una ex sede della conferenza deve ancora essere utilizzato.

Coronavirus in Svezia: un Modello senza Lockdown. Funziona veramente?
Il picco di morti per coronavirus in Svezia sembra esserci stato i primi giorni di Aprile con poco più di 100 morti al giorno

“In gran parte, siamo stati in grado di raggiungere ciò che ci eravamo prefissati di raggiungere”, afferma l’epidemiologo di stato Anders Tegnell. “L’assistenza sanitaria svedese continua a funzionare, fondamentalmente con molto stress, ma non in modo da rifiutare i pazienti”.

Contrariamente ad altri paesi in cui i leader politici hanno sostenuto la risposta nazionale alla crisi, il dott. Tegnell ha guidato la maggior parte delle conferenze stampa.

Il suo tono è in genere un dato di fatto, con una forte attenzione alle figure e poche menzioni dell’impatto emotivo della crisi sulle vittime e sulle loro famiglie.

Ma l’Agenzia di sanità pubblica svedese ha mantenuto alti livelli di approvazione durante la pandemia.

Perché la Svezia ha scelto un percorso diverso per contrastare il coronavirus

La decisione della Svezia di lasciare aperte più parti della società rispetto alla maggior parte dell’Europa è arrivata dopo che il team del dottor Tegnell ha usato simulazioni che prevedevano un impatto più limitato del virus in relazione alle dimensioni della popolazione rispetto a quelle fatte da altri scienziati, compresi quelli dietro un importante rapporto dell’Imperial College , Londra.

Quel rapporto apparentemente ha influenzato il governo del Regno Unito a introdurre un blocco.

Ma ha negato che la sua strategia fosse basata sull’obiettivo generale dell’immunità del gregge.

Uno degli obiettivi principali era introdurre misure di allontanamento sociale meno rigorose che potevano essere mantenute per un lungo periodo di tempo. Le scuole per minori di 16 anni sono rimaste aperte per consentire ai genitori di continuare a lavorare in settori chiave.

Tutti gli altri paesi nordici hanno optato per restrizioni temporanee più rigorose, anche se alcuni di questi sono stati in seguito allentati.

Cosa ci dicono i numeri?

La Svezia, con una popolazione di 10 milioni, rimane tra le prime 20 al mondo per quanto riguarda il numero totale di casi, anche se per lo più verifica solo quelli con sintomi gravi. Vengono ora introdotti controlli più diffusi sui lavoratori chiave.

Ha tassi di mortalità più elevati in relazione alla sua popolazione rispetto a qualsiasi altro posto in Scandinavia.

A differenza di alcuni paesi, le statistiche svedesi includono i residenti nelle case di cura per anziani, che rappresentano circa il 50% di tutti i decessi. Il dott. Tegnell ammette che questa è una delle maggiori preoccupazioni.

Anche i residenti stranieri, in particolare quelli della Somalia che hanno maggiori probabilità di vivere in famiglie multigenerazionali, sono considerati nelle cifre.

“Ci sono troppe persone che muoiono”, afferma Claudia Hanson, un’epidemiologa con sede presso il Karolinska Institutet, la più grande struttura di ricerca medica della Svezia. È critica nei confronti dell’approccio del governo e sostiene che una parte della società avrebbe dovuto essere temporaneamente chiusa a marzo, mentre i funzionari hanno fatto il punto della situazione.

Il dott. Hanson è tra i 22 scienziati che hanno scritto un pezzo dannoso nel quotidiano svedese più importante la scorsa settimana, suggerendo che “funzionari senza talento” erano stati incaricati del processo decisionale.

Ma l’epidemiologo di stato Anders Tegnell è molto popolare in Svezia. Scienziato esperto con più di 30 anni di medicina, è noto per il suo comportamento rilassato e la preferenza per i pullover.

“È una persona modesta. Penso che la gente lo veda come un leader forte ma non molto rumoroso, attento a ciò che sta dicendo”, riflette Emma Frans, epidemiologa svedese e scrittrice scientifica. “Penso che sia molto confortante per molti.”

Sostiene che molti media nazionali e internazionali hanno “cercato conflitti” all’interno della comunità scientifica, mentre ritiene che vi sia consenso sul fatto che l’approccio di Anders Tegnell sia “abbastanza positivo”, o almeno “non peggiore di altre strategie”.

Gli svedesi svilupperanno l’immunità di gregge?

La storia giudicherà quali paesi hanno capito bene. Ma l’ultima discussione scientifica si concentra sul numero di svedesi che potrebbero aver contratto il virus senza mostrare alcun sintomo.

Questo è importante perché molti scienziati qui credono che gli svedesi possano finire con livelli di immunità molto più alti rispetto a quelli che vivono sotto regole più severe.

Un rapporto di un’agenzia sanitaria pubblica questa settimana ha suggerito che circa un terzo delle persone a Stoccolma saranno state contagiate all’inizio di maggio.

Questo è stato successivamente rivisto fino al 26% dopo che l’agenzia ha ammesso un errore di calcolo. Ma diversi scienziati di alto profilo hanno offerto numeri ancora maggiori.

Il prof. Johan Giesecke, ex capo scienziato del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), ritiene che almeno la metà di tutti gli abitanti di Stoccolma avranno preso il virus entro la fine del mese.

Potrebbe persino raggiungere la metà della popolazione svedese, suggerisce il matematico dell’Università di Stoccolma Tom Britton.

Le persone che pensano di stare bene, diffondendosi a persone che pensano anche di stare bene, sono alla base della stragrande maggioranza delle trasmissioni di infezione

Prof. Johan Giesecke Ex capo scienziato ECDC
E fino allo sviluppo di un vaccino, l’epidemiologa Emma Frans afferma che l’immunità “probabilmente sarà importante” per la Svezia.

“Quando si tratta di studi e altri tipi di coronavirus, hanno dimostrato che le persone diventano immuni. Forse non un’immunità a lungo termine, ma anche se otteniamo solo questo tipo di immunità a breve termine, potrebbe essere sufficiente per fermare questa pandemia, “dice il dottor Frans.

Perchè ancora non si sa se questo ‘modello svedese’ sia sicuro o meno

L’Agenzia svedese per la salute pubblica ritiene che sia ancora “troppo presto per dire” quale impatto avranno i tassi di infezione asintomatica sulla protezione della popolazione in generale.

Anders Wallensten Vice epidemiologo statale svedese

“Non sappiamo ancora molto dell’immunità”, afferma Anders Wallensten, vice dr. Tegnell. “Ne sapremo di più man mano che più persone saranno sottoposte a test per gli anticorpi, ma anche più tempo passerà e se verranno segnalati più resoconti di reinfezione, eccetera”.

Questa incertezza significa che non esiste alcuna garanzia che gli svedesi nelle aree con alti tassi di infezione vedranno presto revocate le raccomandazioni sul distanziamento sociale, afferma.

Questo “eccezionale” è il modello svedese?

Quello che succederà dopo in Svezia può dipendere in gran parte dalle persone che rispettano la distanza sociale.

Alcuni svedesi hanno risposto con uno “scoppio di nazionalismo” e un “senso di orgoglio, per la Svezia che si discosta dalla norma europea”, afferma il professor Nicolas Aylott, politologo all’università Södertorn di Stoccolma.

“È una specie di carillon con un senso piuttosto profondo della particolarità della Svezia.”

Ciò potrebbe incoraggiare alcuni svedesi a seguire le raccomandazioni, ma il paese non è affatto unito.

Sui social media c’è stato un dissenso da parte di alcuni residenti stranieri che difendono misure più severe.

Nel frattempo, ci sono segni che altri che vivono in Svezia credono che il peggio della crisi sia finito.

I dati sui telefoni cellulari suggeriscono che i residenti di Stoccolma trascorrono più tempo nel centro della città di quindici giorni fa, e lo scorso fine settimana la polizia ha sollevato preoccupazioni per il sovraffollamento negli hotspot della vita notturna.

Il primo ministro Stefan Lofven ha avvertito che “non è il momento di rilassarsi” e di iniziare a passare più tempo con amici e familiari.

Ma con il tempo primaverile che arriva dopo l’inverno notoriamente lungo e buio della Svezia, potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi.

Fonte: BBC.

Quando finirà il diffondersi del Covid-19? Lo scenario medico   

Come trovare lavoro al tempo del coronavirus  

Decreto Cura Italia 

Cassa Integrazione Straordinaria

Quale lavoro in tempo di crisi?

Formazione per lavorare online al tempo del corona

Investire con il coronavirus ed il crollo dei mercati finanziari   

Piano di riapertura Covid

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *