Il Coronavirus ha Ucciso la Credibilità della Cina?

Le autorità cinesi hanno ammesso che di coronavirus se ne parlava già da tempo a Wuhan e che l’allarme fu lanciato in ritardo. I vertici del partito comunista di Wuhan sono stati licenziati, insieme ai vertici del partito della provincia.
Solo pochi giorni fa , cioè a metà Febbraio sono stati rivisti i parametri con cui si conteggiavano i casi di infetti dal coronavirus Covid-19, prima ne risultavano molti meno, infatti, una volta rivisti i parametri i casi sono aumentati di 15 m ila in un solo giorno.

Da Noi si parla di non fare allarmismo, in realtà la Cina ha minimizzato, mettendo il mondo a pericolo di una pandemia

Le autorità cinesi hanno minimizzato la portata del Coronavirus, mettendo non solo i propri cittadini in pericolo, ma l’intero mondo a rischio di una pandemia.

 

Rimane una grande incertezza sui totali della morte e dell’infezione del coronavirus, della sua infettività e del suo tasso di mortalità. Probabilmente passeranno settimane o mesi prima di passare dalla speculazione all’analisi basata sull’evidenza.

Correlati >>> Coronavirus porterà alla recessione globale –  Covid 19 ed Economia GlobaleInvestimenti e Covid 19

Il Coronavirus ha Ucciso la Credibilità della Cina?

Detto questo, il fatto che la credibilità della Cina abbia avuto un duro colpo non è una speculazione, come afferma anche The Economist in un articolo di questo fine settimana.

“Le ambasciate cinesi hanno attaccato i governi stranieri per imporre divieti di viaggio. Il suo ambasciatore a Jakarta ha avvertito l’Indonesia che la” reazione eccessiva “avrebbe” un impatto diretto “sulle relazioni.

“Ma un tale bullismo potrebbe non funzionare. Covid-19 arriva dopo un devastante focolaio di influenza suina africana negli allevamenti di suini cinesi e nel mezzo di una guerra commerciale tra Cina e America, e proteste prolungate a Hong Kong. Questi sconvolgimenti hanno intaccato la reputazione della Cina nella regione “L’epidemia ha rivelato la Cina come un paese di grandi punti di forza e di debolezza”, afferma Bilahari Kausikan, un ex diplomatico singaporiano: “Gran parte della lucentezza ha logorato la storia cinese”. ”

L’articolo presenta Singapore, Giappone e India (in quell’ordine) come modelli per affrontare in modo attivo la minaccia. Rileva che i paesi economicamente poveri, spesso dipendenti dal turismo cinese, come la Thailandia e la Cambogia, possono essere sottostimati e non reagire alla minaccia.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *