Domiciliazione Fatture Online ed Eliminazione Cartaceo: Come Risparmiare 100 euro l’anno

Tutti sanno che si possono risparmiare soldi facendo eliminare le fatture cartacee delle utenze domestiche, passando alle fatture digitali online, legalmente valide anch’esse ormai da anni, ma molte persone non fanno questo semplice passaggio per vari motivi, che possono andare dalla mancanza di conoscenza alla distrazione, d’altronde si pensa generalmente che si tratta solo di pochi euro e che non conviene perdere del tempo per pochi spiccioli, ma non è esattamente così.

Quanto ci costa una fattura cartacea che ci viene spedita a casa

Le spese possono essere diverse a secondo del contratto, ma ci sono spese di spedizione fisse ( circa 1 euro e 10 centesimi ), a cui alcune compagnie aggiungonoo il costo per la stampa e per la carta.

Noi in questo rapido calcolo abbiamo fatto una media di un costo di due euro e mezzo ( 2,50 euro ) ogni fattura che ci arriva.

Leggi anche >> 100 modi per Risparmiare

 

 

Domiciliazione Fatture Online ed Eliminazione Cartaceo: Come Risparmiare 100 euro l'anno

Conviene risparmiare poco più di 2 euro?

Più che altro si tratta di pigrizia mentale. E’ questo che trattiene un utente dal telefonare al numero verde della compagnia e farsi cambiare il modo di ricezione della fattura e passare dalla fattura cartacea alla fattura elettronica tramite email. D’altronde – si pensa – si tratta di circa 2 euro ogni 2 mesi, il costo è irrisorio, ma come spiegato bene qui sotto, non è così.

Se è vero che 2,50 euro ogni 2 mesi sono pochi, è pur vero che l’anno è formato da 6 bimestri e che ogni famiglia oggi ha almeno 4 utenze o più.

Passare dalla fattura cartacea che ci viene spedita con la posta alla fattura digitale che vci viene mandata con una email ci permette quindi di risparmiare ALMENO 60 euro all’anno. Per carità, non saranno pochissimi, ma se ci mettiamo anche le spese di cartaceo di un conto corrente o magari 2 conti correnti ecco che si arriva tranquillamente a 100 euro all’anno in totale.

100 euro non sono molte? Dipende da quanto è il Nostro reddito, ma sono comunque soldi risparmiati con i quali potremmo fare un’altra cosa.

Quanto si spende ogni anno per ricevere a casa le bollette da pagare? 

  • Acqua 2,50 euro  x 6 mesi = 15 euro in 1 anno
  • Luce 2,50 euro x 6 mesi = 15 euro all’anno
  • Gas 2,50 euro x 6 mesi  = 15 euro all’anno
  • Fibra ottica / ADSL 2,50 euro  x 6 mesi = 15 euro in 1 anno

TOTALE = almeno 60 euro all’anno di risparmio sulle utenze fondamentali.

Poi però molte famiglie usufruiscono anche di servizi come ad esempio quelli della banca e dei vari conti bancari, anche quelle hanno un costo e anche per quelle è possibile l’eliminazione del cartaceo.

Come eliminare la fattura cartacea e farsi spedire la fattura online

 

Per riuscire ad eliminare la fattura cartacea basta avere la domiciliazione dei pagamenti in una banca, oppure avere una email valida.

Non serve altro. Di solito nel sito dell’operatore c’è una sezione apposita per l’eliminazione del cartaceo.

Se invece si avesse difficoltà a trovare e farlo manualmente, si può sempre provare ad avere un aiuto da un operatore, chiamando il numero verde clienti che di solito tutti gli operatori di servizi mettono a disposizione e in pochi minuti potrà avvenire questa eliminazione.

Non solo risparmio, ma anche un contributo all’ambiente.

Se possiamo scusare una persona anziana che non è abituata ad usare il PC o uno smartphone, ormai non si può scusare nessun altro.

Farsi spedire una bolletta a casa è ormai anacronistico, non siamo negli anni ’90, ormai questo tipo di servizi infatti c’è da molto tempo e non ha più senso farsi mandare una bolletta di carta quando si ha la possibilità di farsela mandare con una email.

Si risparmiano i soldi, ma anche la carta, l’inchiostro, il tempo per lo smistamento della lettera, il tempo che il postino ce la porta a casa, il tempo di cestinarla e non si creano ulteriori rifiuti, pensate 4 utenze con 6 bollette all’anno che creano 24 lettere con fatture all’interno, quanta carta usano e quanti rifiuti creano.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *