Previsioni Mercati Finanziari: Bank Of America: mercato piatto fino al 2022

L’S&P 500 ha registrato un potente rally finora quest’anno, essendo già più che raddoppiato rispetto ai minimi della pandemia dello scorso anno e registrando una massiccia crescita degli utili. Ma alcuni strateghi più ribassisti non sono convinti che si possa andare avanti nel 2022. Bank of America , per esempio, prevede che le azioni rimarranno in gran parte appiattite fino al prossimo anno.

Dato il recente rally, Savita Subramanian, capo stratega quantitativo e azionario della Bank of America, crede che l’S&P 500 completerà il 2021 a 4.250 punti, ha scritto in una nota di mercoledì. Si tratta di una marcia verso l’alto rispetto alla sua precedente stima ribassista al momento di 3.800, ma rappresenterebbe comunque un calo del 6% per l’indice di riferimento dalla sua chiusura di martedì di 4.520. E il prossimo anno non promette molto meglio, secondo Subramanian: Bank of America prevede che l’S&P 500 terminerà il 2022 a 4.600, solo il 2% in più rispetto alla chiusura di martedì.

Subramanian è stata tra le voci più ribassiste sulla strada in un momento in cui le azioni hanno registrato massimi record. Nelle ultime settimane, il rallentamento della crescita economica, l’ aumento dell’inflazione e le preoccupazioni per la variante Delta hanno iniziato a pesare sugli investitori, alimentando il pessimismo in strada. E sebbene abbia potenziato l’obiettivo della banca per il 2021, Subramanian vede motivi di cautela per andare avanti.

Previsioni Mercati Finanziari: Bank Of America prevede mercato piatto fino al 2022

“Questo potrebbe non finire ora. Ma quando finisce, potrebbe finire male”, ha scritto delle ultime tendenze del mercato. “Il sentimento e le valutazioni degli investitori sono aumentati – molto ottimismo è già scontato – e il nostro modello di valutazione a lungo termine indica rendimenti negativi per l’S&P 500 nel prossimo decennio (–0,8% di rendimenti annualizzati) per la prima volta dalla bolla tecnologica”. ,” lei ha aggiunto.

Le ragioni principali della visione cauta di Subramanian includono l’aumento dei salari e dei costi di input e problemi della catena di approvvigionamento che minacciano i margini di profitto delle aziende, generando quelli che lei chiama “rischi al ribasso per gli utili a causa della crescente pressione inflazionistica”.

In effetti, l’inflazione e l’importantissima Federal Reserve rimangono una preoccupazione. Con la segnalazione della Fed che potrebbe iniziare a ridurre i suoi acquisti di asset quest’anno, le azioni potrebbero vedere prestazioni modeste (o più scarse) in futuro, sostiene Subramanian, considerando che i rendimenti sono stati fortemente legati all’espansione del bilancio della Fed negli anni successivi alla Grande Crisi Finanziaria.

Nel frattempo, in base all’allocazione azionaria di consenso, Wall Street è “neutrale sulle azioni statunitensi, ma rimane più vicina a un segnale di vendita dal 2007, indicando rendimenti tiepidi di 12 [mesi] sull’S&P 500”, ha scritto.

Naturalmente, non tutti gli analisti condividono la visione relativamente desolante delle azioni di Bank of America. Ryan Detrick di LPL Financial osserva che, con le azioni che hanno avuto un anno così forte finora, “guardando la precedente top 10 inizia a un anno di sempre, gli ultimi quattro mesi hanno guadagnato otto volte”, ha scritto in una nota di mercoledì (vedi LPL’s grafico sottostante).

Lauren Goodwin, economista e stratega di portafoglio presso New York Life Investments, ha sostenuto in una nota di martedì che “fondamentali economici e aziendali solidi significano che la ripresa può essere sostenuta e che le attività di rischio [aumenteranno]”, anche se ha aggiunto che si aspetta “una moderazione del patrimonio netto”. guadagni” e “ritiri più frequenti” in vista.

Ma cosa dovrebbero possedere gli investitori se si aspettano un ambiente più tiepido? Secondo Subramanian, “il rendimento protetto dall’inflazione è la risorsa scarsa in un mondo a basso tasso in cui l’inflazione si sta preparando”.

In tale contesto, preferisce i titoli con crescita dei dividendi in settori “che beneficiano dell’inflazione”, ovvero energia, finanziari e materiali. Anche le small cap dovrebbero “superare le performance da qui”, sostiene Subramanian, poiché “sono più legate al PIL/capex degli Stati Uniti e, a differenza dell’S&P 500, le valutazioni attuali suggeriscono guadagni nei prossimi 10 anni”.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *