Azioni Stellantis: Vendite Auto in Aumento negli States + 45% nel 1° Trimestre

Le vendite di auto negli Stati Uniti sono aumentate di oltre l’11% nel primo trimestre, poiché le forti vendite di marzo hanno superato di gran lunga lo scorso anno quando è iniziata la pandemia di coronavirus.

Le case automobilistiche hanno venduto più di 3,9 milioni di veicoli durante i primi tre mesi dell’anno, con diverse grandi aziende che hanno riportato le vendite di marzo che sono quasi raddoppiate rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, secondo i dati compilati da Edmunds.com.

Vendite presso la Honda sono aumentate del 93% a marzo, mentre Toyota le vendite sono aumentate dell’87%. Hyundai-Kia  ha registrato un guadagno del 78%, mentre Nissan è aumentato del 65%. General Motors ha riportato un aumento del 46%, mentre Fiat Chrysler (ora Stellantis) ( BIT: STLA ) è aumentato del 45% e Ford ha riportato un aumento del 26%.

Azioni Stellantis: Vendite Auto in Aumento negli States + 45% nel 1° Trimestre
Immagine sopra: Stellantis è la nuova compagnia di auto dopo la fusione tra FCA e Renault

Leggi anche: La storia di Agnelli e la Fiat .

Kevin Roberts, direttore degli approfondimenti di settore per Cargurus.com, ha affermato che le vendite al dettaglio ai singoli acquirenti sono state forti, ma le vendite complessive rimangono inferiori ai livelli pre-pandemia a causa della riduzione degli acquisti di flotta.

Quando è iniziata la pandemia, ha detto, gli acquirenti si sono ritirati e le vendite al dettaglio sono diminuite per circa un mese.

“Direi che le automobili hanno sovraperformato la grande economia da quel momento in poi”, ha detto.

La combinazione di un programma di stimolo governativo da 1,9 trilioni di dollari e di persone in cerca di mezzi di trasporto per isolarsi dagli altri a causa del virus dovrebbe mantenere forti le vendite, ha affermato.

Ma la carenza di chip per computer costringe le case automobilistiche a tagliare la produzione e ciò potrebbe influire sulle vendite nel corso dell’anno. Inoltre, le forniture dei rivenditori sono limitate e la mancanza di selezione potrebbe far ritardare gli acquisti, ha detto Roberts. Molti altri, anche se potrebbero voler acquistare immediatamente per guidare piuttosto che entrare in contatto con gli altri durante il viaggio, ha detto.

Analisti e dirigenti del settore affermano che è probabile che la carenza di chip continuerà almeno fino al terzo trimestre dell’anno.

 

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *