Prezzo del Petrolio in Ribasso: Inizia la Recessione Economica Globale?

I prezzi del petrolio sono entrati in mercato ribassista e per alcuni questo sta sollevando dubbi sulla salute economica globale. Gli investitori dovrebbero essere preoccupati per una futura crisi?
Che diamine è successo ai prezzi del petrolio? Ma più significativamente, cosa significa per il mercato azionario più ampio e l’economia globale?

Questo è ciò che alcuni investitori di Wall Street pensano, mentre i futures del greggio e le azioni americane hanno messo in scena un tandem in caduta questa settimana, proprio quando gli investitori pensavano che il peggio fosse finito dopo un livido ottobre per attività rischiose. Investire non sembra più una cosa così buona.

Ora, i futures sul petrolio si stanno disfacendo, in calo di almeno il 20% dopo aver messo un massimo di 52 settimane all’inizio del mese scorso. E non è tanto la discesa nel territorio del mercato degli orsi, quanto il recente crollo del greggio può essere caratterizzato – come lo è la celerità del selloff che ha destabilizzato i partecipanti al mercato.

Circa cinque settimane: è bastato che i tori si muovessero da una riflessione cavalleresca se il petrolio da 100 dollari al barile fosse una possibilità reale entro la fine del 2018, dietro le sanzioni iraniane alle esportazioni di petrolio imposte dagli Stati Uniti il ​​4 novembre, a chiedersi quanto può essere brutta l’implosione attuale nell’oro nero prima di trovare un fondo.

Venerdì, il greggio West Texas Intermediate per consegna a dicembre CLZ8,+0.78% perso 48 centesimi, 0,8%, per stabilirsi a $ 60,19 al barile presso la Borsa Mercantile di New York, per il più basso accordo del mese prima dall’8 marzo, secondo FactSet data. I prezzi hanno perso il 4,7% per la settimana, con il loro quinto calo settimanale diretto. La decima sessione in calo consecutivo corrisponde allo skid più lungo dal 1984.

Prezzo del Petrolio in Ribasso: Segno dell'Inizio della Crisi Economica Globale?

Ma oltre a ciò, la domanda più importante è questa: che cosa significa veramente il declino del prezzo petrolio?

Questa è la domanda che Yves Lamoureux , presidente della società di ricerche macroeconomiche Lamoureux & Co. , Ha presentato a MarketWatch via e-mail la scorsa settimana mentre il calo del petrolio stava prendendo piede.

“Le massicce decrescite mensili del greggio hanno spesso proclamato qualcosa di più inquietante”, ha scritto il 1 ° novembre. “La maggior parte degli osservatori del mercato ritiene che ci sia abbastanza danno da vedere un fondo di stock. Pertanto, il consenso cerca nuovi record o un solido rimbalzo. Siamo fortemente in disaccordo con questa prospettiva “.

Leggi: Dow 40.000 sta arrivando, ma solo dopo che passa “un grande evento di panico”, avverte l’analista

Ma ecco la cosa da sapere per quanto riguarda il petrolio: la merce è stata spesso utilizzata come indicatore della salute economica. I prezzi del petrolio in un senso fondamentale possono funzionare come la linfa vitale di un mercato globale ben funzionante.

Tuttavia, pochi partecipanti al mercato con cui MarketWatch ha parlato credono che l’attuale crisi negativa del greggio sia un riflesso della debolezza economica globale e il precursore di qualcosa di più pernicioso a venire, come una recessione.

“Penso che il calo del petrolio abbia più a che fare con il milione di barili del petrolio iraniano che non dovrebbe essere sul mercato, ma ora deve essere preso in considerazione nell’equazione dell’offerta, perché sono state concesse così tante deroghe che hanno permesso alle imprese Dopo tutto, comprare il petrolio iraniano “, ha detto Chris Zaccarelli , Chief Investment Officer presso Independent Advisor Alliance. Si riferisce alle deroghe concesse a otto grandi importatori di petrolio, inclusa la Cina, che potrebbero aver capovolto le aspettative degli investitori per ulteriori dannose interruzioni delle sanzioni contro Teheran.

In altre parole, il calo del petrolio è stato accelerato da un eccesso di offerta che non dovrebbe essere compensato dalla domanda, quando era stato previsto il contrario solo poche settimane fa.

Inoltre, la correlazione tra calo del petrolio e scorte non è sempre significativa. Il calo dei prezzi del petrolio greggio non è necessariamente correlato con un calo parallelo delle scorte, nelle recenti tendenze. L’unico punto negli ultimi 20 anni che un calo del petrolio ha coinciso con un calo delle scorte è stato durante l’apice della crisi finanziaria del 2008 (vedi grafico sotto):

Prezzo del Petrolio Investimenti 2019: Recessione Economica Globale?

A quei tempi, c’erano molte forze in gioco che alimentavano la rotta globale delle azioni, compresa la bancarotta di Lehman Brothers, che si era diffusa in tutto l’universo finanziario.

C’è persino un argomento per sostenere che un calo dei prezzi del greggio possa effettivamente aiutare ad alleviare le pressioni inflazionistiche sui mercati emergenti e sulle principali economie sviluppate, che serve come una riduzione delle tasse per i consumatori medi alla pompa di benzina.

Anche così, le azioni hanno prosperato durante $ 100 + petrolio e quando i prezzi del greggio sono caduti dal letto nel 2015.

Grafico del mercato orso?

Quindi, Lamoureux è fuori base su quale petrolio gli sta comprando? Forse no. L’investitore che ha detto di essersi spostato principalmente per incassare questa estate, ritiene che il calo del petrolio possa alimentare la vendita di hedge fund e catalizzare ulteriori sofferenze per i proprietari di azioni.

“Entro il 15 novembre dovremmo ottenere uno tsunami di redenzione di fondi speculativi e poi baciare il tuo rally di fine anno quando gli hedge fund andranno a fare baldoria”, ha scritto a MarketWatch il Venerdì.

Vedremo presto come tutto questo si risolve. Ma altri investitori stanno segnalando che qualcosa non è proprio giusto con la configurazione del mercato al momento.

Scopri: “Padrino” dell’analisi del grafico dice che il danno fatto al mercato azionario è “molto, molto peggio” di quanto chiunque stia parlando
La lettura di venerdì dell’inflazione statunitense negli Stati Uniti ha rappresentato il maggiore aumento in sei anni e ha affermato che la Federal Reserve alzerebbe i tassi di interesse per la quarta volta nel 2018 il mese prossimo e forse ancora di più nel 2019.

Questo fatto, combinato con un rallentamento dell’economia cinese e il tormentarsi della disputa commerciale tra Pechino e Washington, ha portato alcuni strateghi a credere che il mercato stia andando verso una scivolata del mercato orso.

“La forte correzione delle azioni in ottobre ha sollevato preoccupazioni sulle prospettive della fine del ciclo e sui rischi di un prolungato mercato ribassista”, scrivono gli analisti di Goldman Sachs, tra cui Peter Oppenheimer, in una nota di ricerca datata 9 novembre.

“Ci sono motivi per essere cauti riguardo ai rendimenti futuri: il mix di crescita / inflazione si sta deteriorando ei mercati spesso subiscono una brusca correzione seguita da un forte rally prima di un mercato orso più sostenuto”, hanno scritto gli analisti di Goldman, riferendosi in parte a quattro giorni consecutivi di guadagni per il DIA Jones Industrial Average DJIA, -0,77% comprese le elezioni post-midterm, rally di rilievo a 545 punti mercoledì.

Secondo Goldman, il suo indicatore al 73% segna la più alta lettura del mercato orso dalla fine degli anni ’60 e dai primi anni ’70, che (con poche eccezioni) è coerente con i rendimenti nulli dei 12 mesi successivi. Qualsiasi lettura superiore al 60% segnala che i rendimenti successivi saranno inferiori (vedere la tabella seguente):

Prezzo del Petrolio Investimenti 2019: Recessione Economica Globale?

Goldman ha detto che i mercati ribassisti non si verificano necessariamente in una linea retta e che il recente calo che ha portato a una correzione per il Dow e l’indice S & P 500 SPX, -0,92% l’8 febbraio e poi una nuova rotta il mese scorso da parte di quel ciclo continuo.

Leggi: “Nessuna illusione sul fatto che siamo fuori dai guai”, dice l’analista di Wall Street che ha definito il selloff del mercato azionario

“C’è quasi sempre un rimbalzo dopo il calo iniziale, fornendo agli investitori un’altra opportunità per ridurre i rischi se ci sono segnali sufficienti al momento per suggerire un ulteriore calo è probabile. Il profilo del mercato orso medio (iniziando nel periodo post-bellico e utilizzando i dati USA) è mostrato nell’Allegato 4, “Goldman ha scritto:

Prezzo del Petrolio Investimenti 2019: Recessione Economica Globale?

Quindi, anche se il petrolio non è la rovina di questo mercato azionario rialzista o il riflesso di un’economia in crisi, alcuni partecipanti al mercato credono che in un modo o nell’altro, la fine è vicina.

Sul lato positivo, Goldman e altri strateghi a volte vedono le recessioni, portano mercati e correzioni come catartici, o un modo per i mercati finanziari di azzerare e ricominciare daccapo, come il brano della nota di ricerca del venerdì di Goldman indica:

Questo è stato il modello tipico quando questo indicatore ha raggiunto livelli così elevati in passato. Molto probabilmente verrebbe innescato dall’aumento dei tassi di interesse (e dall’inflazione più elevata), invertendo il fattore comune che ha alimentato le valutazioni e i rendimenti delle attività finanziarie negli ultimi anni, o un calo più marcato del previsto nella crescita. Un tale mercato ribassista potrebbe quindi “ricollocare” le valutazioni a un livello in cui può emergere un nuovo ciclo di forte ripresa.

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *