Prezzo del Petrolio se vince Biden o Trump: Cosa Cambia?

I traders di petrolio si sono preparati per un atto di bilanciamento sulla scia delle elezioni statunitensi
Gli analisti mettono in guardia contro l’eccessiva semplificazione di ciò che ogni candidato significa per i prezzi del greggio

Le elezioni presidenziali statunitensi sembrano una scelta binaria per il settore energetico: uno che ha sostenuto l’industria dei combustibili fossili o lo sfidante che ha promesso di rivedere la più grande economia del mondo per affrontare la minaccia rappresentata dal cambiamento climatico.

Eppure i traders di petrolio sono sempre più cauti nel considerare il presidente degli Stati Uniti Donald Trump come rialzista per i prezzi e l’avversario democratico Joe Biden come ribassista, avvertendo che il potenziale risultato è molto più sfumato di quanto appaia in superficie.

“I traders di petrolio sanno di aver bisogno di un po ‘di umiltà su questo”, ha detto Helima Croft, responsabile globale della strategia sulle materie prime presso RBC Capital Markets. “Ciò che è buono per l’industria petrolifera non è sempre buono per il prezzo del petrolio e viceversa.”

La crisi del coronavirus e il relativo crollo dei prezzi del petrolio hanno offuscato il quadro in vista del voto del 3 novembre. I prezzi del greggio hanno registrato una corsa sfrenata nel 2020, con la pandemia che ha indebolito la domanda che ha fatto scendere il greggio a circa $ 40 al barile rispetto ai $ 60 al barile dell’anno scorso.

Prezzo del Petrolio se vince Biden o Trump: Cosa Cambia?

Leggi:  Elezioni USA 2020: conseguenza su mercati finanziari

Lo scenario del petrolio con  Biden Presidente

Riparare l’accordo nucleare iraniano, che dovrebbe liberare più barili del membro Opec per l’esportazione

Una spinta da 2 trilioni di dollari sulle energie rinnovabili e sulle infrastrutture con l’obiettivo di raggiungere emissioni nette zero entro il 2050

Divieto di fracking nelle terre federali

Un’amministrazione Biden potrebbe rattoppare l’accordo nucleare iraniano, liberando più barili del membro Opec dalle sanzioni statunitensi – con quell’offerta extra che pesa su un mercato già saturo. Il sostegno di Biden a rimanere nell’accordo sul clima di Parigi e ad avviare un allontanamento dai combustibili fossili potrebbe anche alla fine indebolire il consumo di petrolio degli Stati Uniti.

“Trump è lo status quo e la gente conosce le sue politiche, ma Biden sarà molto diverso, con una spinta all’energia verde e probabilmente un grande impegno per l’accordo di Parigi”, ha affermato Amrita Sen di Energy Aspects.

“Ma è l’Iran dove il mercato si concentrerà, quindi una vittoria di Biden è immediatamente ribassista per i prezzi del petrolio”.

Ma più in là, i calcoli cambiano. Bob McNally di Rapidan Energy, ex consigliere del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, ha affermato che mentre si aspettava un calo dei prezzi del petrolio nel 2021 sotto la presidenza di Biden, ha visto le decisioni del candidato democratico aumentare il greggio a lungo termine.

Il signor McNally ha detto che il mercato avrebbe “rapidamente” il prezzo del ritorno del petrolio iraniano. “Ma a lungo termine, credo che una presidenza Biden sarebbe molto rialzista per il prezzo del petrolio poiché l’industria sarà affamata di investimenti”.

Una spinta accelerata verso l’energia pulita renderebbe gli investitori meno disposti a finanziare l’esplorazione e lo sviluppo del petrolio, ha aggiunto McNally. Ciò potrebbe aumentare il costo del capitale per i produttori e soffocare l’offerta, ha detto.

Vi è un crescente consenso sul fatto che il petrolio raggiungerà il picco della domanda nei prossimi anni, ma molti ritengono che il consumo raggiungerà un plateau dopo quel punto, piuttosto che diminuire rapidamente.

I tassi di produzione dei giacimenti petroliferi esistenti, nel frattempo, stanno già diminuendo del 2-6% all’anno, secondo le stime del settore. Ciò significa che il settore potrebbe dover continuare a investire in nuove fonti di approvvigionamento anche se il consumo di petrolio non supera di molto il record del 2019 di 100 milioni di barili al giorno. Le major energetiche europee come la BP stanno già dicendo che produrranno meno petrolio in futuro.

“L’offerta può ancora diminuire più velocemente della domanda”, ha detto il gestore di hedge fund Pierre Andurand in una conferenza FT il mese scorso.

Le mosse politiche potrebbero incoraggiare il calo della produzione. Sebbene Biden abbia escluso un divieto totale di fracking se vincerà il voto della prossima settimana, si è impegnato a porre fine alle trivellazioni nelle terre federali. Una mossa del genere potrebbe abbassare la produzione statunitense del 3% all’anno , ha detto al FT la scorsa settimana Scott Sheffield , amministratore delegato della Pioneer Natural Resources con sede in Texas.

Lo scenario del petrolio con Trump Presidente

Recesso dall’accordo di Parigi sul clima

Supporta la deregolamentazione per le industrie del petrolio, del gas e del carbone

Strette relazioni con l’Arabia Saudita, inclusa l’influenza sugli accordi di produzione di petrolio tra l’Opec ei suoi alleati

Se il presidente Trump dovesse vincere, gli analisti si aspettano una continuazione dello stretto rapporto tra Stati Uniti e Arabia Saudita, il re del gruppo di produttori di petrolio Opec.

Riyadh è stata soddisfatta della demolizione dell’accordo con l’Iran e Washington ha utilizzato quella leva per interessarsi attivamente alle decisioni di produzione del gruppo con la Russia.

Ma questo ha tagliato entrambe le strade per il mercato. Nel 2018, l’amministrazione Trump ha prestato al cartello per mantenere alta la produzione e i prezzi sotto controllo quando voleva danneggiare le esportazioni di petrolio iraniane. All’inizio di quest’anno, ha invitato i produttori a porre fine a una guerra dei prezzi e ridurre la produzione, quando i perforatori di scisto statunitensi chiedevano aiuto al culmine dei blocchi.

La signora Croft della RBC ha detto che ci sarebbe ancora un “pragmatismo” nei rapporti di un’amministrazione Biden con l’Arabia Saudita, anche se Washington cercasse di mettere più distanza tra sé e Riyadh.

“Non credo che utilizzerà il potere della presidenza per proteggere l’industria dello scisto”, ha detto la signora Croft. “Ma lo farà per lavoro e stabilità economica, anche se non è un’amicizia favolosa”.

Quando si tratta della pandemia, l’impegno di Trump a riaprire l’economia degli Stati Uniti e imparare a ” convivere con ” la pandemia rappresenta meno una minaccia per la domanda di petrolio a breve termine, dicono gli analisti. Il signor Biden, al contrario, è considerato più propenso a istigare misure più severe per rallentare la diffusione del virus.

“Una ‘seconda ondata’ di severe misure restrittive per il coronavirus potrebbe essere reimposta. . . dovrebbe esserci un cambio di potere “, hanno detto gli analisti di Rystad Energy. Altri sostengono che una risposta più robusta al Covid-19 porterà a una ripresa più forte in seguito.

Chiunque vinca, c’è il potenziale di un rally di soccorso, se il risultato è pulito. Come le loro controparti nei mercati azionari e obbligazionari, la grande paura dei trader è un risultato controverso che scatena una svendita.

Ma alla fine c’è il riconoscimento che il prezzo del petrolio, nonostante la percezione pubblica, può essere al di fuori del controllo di un presidente degli Stati Uniti.

“Vale la pena ricordare che Obama è stato molto bravo per l’industria petrolifera, in gran parte per caso”, ha detto Paul Sankey, un analista petrolifero veterano e capo della Sankey Research. “E Trump è stato molto negativo per il petrolio nonostante i suoi migliori sforzi”.

Programma spaziale statunitense

fonte: FT.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *