Processo MPS: si chiude l’ennesima sceneggiata all’italiana

La sceneggiata napoletana è un tipo di teatro popolare che fa della recitazione a canovaccio, il canto ed il ballo, uno spettacolino di secondo ordine, ma che attrae il popolino per i loro colpi di scena e le volgarità; questo sembrano essere certi processi tutti mediatici, cioè solo a favore di giornalisti e TV, senza base solide, cioè senza prove concrete, ma solo cervellotiche congetture, magari di stampo politico, magari basati solo su antipatia verso personaggi molto noti, tipo questo su MPS.

Sarebbe bastato indagare per bene e capire che si, magari c’era stata superficialità a dare prestiti ma era un periodo di crescita e NESSUNO pensava che il 2008 avrebbe portato con sè una delle più grandi crisi economiche della storia del capitalismo e che avrebbe ridotto le banche più esposte come il Monte dei Paschi di Siena quasi sul lastrico, non per altro gli stessi problemi ce li hanno avuti tutte altre banche occidentali, ma intervennero SUBITO i rispettivi Stati, foraggiando decine di miliardi alle banche americane e del Nord Europa, invece in Italia no.

O per dabbenaggine dei vertici degli istituti di credito, o per superficialità, TUTTO l’apparato creditizio si diceva in salute, “diverso” dicevano, tanto che avrebbe tranquillamente retto alla crisi e invece tempo un paio di anni e hanno iniziato a fallire le prime banche più piccole e MPS è costato allo stato italiano una cifra così grande che neppure si sa bene a quanto ammonta: c’è chi dice addirittura 20 miliardi di euro tra tutti i decreti fatti in 10 anni.

Alla faccia della salute del sistema credizio italiano, come andavano dicendo proprio nei giorni del fallimento di Leman Brothers.

Processo MPS: si chiude l'ennesima sceneggiata all'italiana

A che punto è il processo MPS

Si parla di un’indagine durata un decennio, di uno scandalo finanziario globale e di danni significativi alla reputazione dell’Italia durante la crisi del debito sovrano, inclusa la morte di David Rossi ,morto suicida con tanto di biglietto di addio ma pure li si è voluto andare a cercare qualcosa su cui speculare.

La Corte Suprema d’Italia, in una svolta definitiva e inaspettata, ha assolto tutti gli imputati, compresi gli ex alti funzionari Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, nel caso MPS (Monte dei Paschi di Siena).

La Corte d’Appello di Milano ha annullato le condanne iniziali e ha assolto gli imputati nel maggio 2022, citando l’assenza di illeciti in alcune operazioni finanziarie.

L’effetto immediato delle assoluzioni è una spinta positiva per il titolo Mps, che è salito del 5,7% a 2,6 euro nello stesso giorno. Ciò riduce i rischi legali legati alle richieste di risarcimento legate ai bilanci di MPS degli anni 2008-2011 e 2014-2015.

La decisione segna la fine di una saga legale iniziata oltre un decennio fa e che ha contribuito alla crisi della banca, portandola infine alla sua vendita da parte del Tesoro italiano dopo un piano di salvataggio del 2017.

Il procuratore generale della Corte di cassazione, Francesca Loy, ha raccomandato di respingere il ricorso, ritenendolo “irricevibile” e generico, determinando le assoluzioni totali.

L’assoluzione è stata accolta con favore dai rappresentanti legali degli imputati, che esprimono soddisfazione per l’esito ma riconoscono che è arrivata dopo un lungo e arduo processo legale.

La decisione è significativa per MPS, poiché chiarisce le incertezze giuridiche, consentendo potenzialmente lo svincolo dei fondi riservati per risarcire gli ex azionisti.

Le implicazioni della sentenza si estendono al Ministero del Tesoro italiano, che sta pianificando di privatizzare MPS vendendo la sua quota del 64%, poiché la banca era stata precedentemente salvata nel 2017 a causa di problemi finanziari derivanti dallo scandalo.

10. L’articolo menziona anche i procedimenti giudiziari in corso relativi ai crediti in sofferenza e l’imminente processo di appello contro Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, che hanno assunto ruoli di leadership in MPS nel 2013.

Mussari e Vigni erano già stati assolti in toto in un’altra parte dell’inchiesta del 2022, riguardante il presunto occultamento di un documento “segreto” relativo all’operazione Nomura.

Risorse utili:

CORRELATI

Qual’è il rapporto tra le banche italiane e la BCE?

bce sede di bruxelles

La BCE, o Banca Centrale Europea, è attiva dal 1999 e da allora ha il controllo dell’intero sistema bancario europeo e opera in accordo con le banche statali nazionali dei diversi membri dell’Unione. Ovviamente le politiche economiche messe in atto dalla BCE influiscono direttamente anche sulle singole economie nazionali. Non solo, le scelte della BCE…

MPS e Banche Italiane 20 miliardi di aiuti di Stato per salvarle. Conseguenze su risparmiatori ed economia

Decreto salva banche: Gentiloni ha detto che lo Stato metterà a disposizione 20 miliardi di euro per salvare Banca Monte dei Paschi di Siena e le altre banche italiane in difficoltà.Si tratta di un provvedimento che va contro gli accordi internazionali europei dell’Unione Bancaria, in particolare va contro la nuova norma del Bail In che…

Boschi, Banca Etruria Ghizzoni e Unicredit: la verità sulle banche italiane

banca etruria

‪‪Federico Ghizzoni‬, ‪Maria Elena Boschi‬, ‪UniCredit‬, ‪Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio‬‬: cosa è successo veramente? Qual’è la verità sulle banche italiane? Per capirci qualcosa non basta leggere il titolo, bisogna approfondire e leggere tutte le informazioni. A fine dicembre 2017, durante l’udienza in Commissione di inchiesta sulle banche, fortemente voluta dal Governo Renzi per…

Tassa Extraprofitti a Banche: Cosa Succede Ora

Tassa Su Extraprofitti a Banche Italiane: Come Funziona e Cosa Succede Ora

Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio italiano, ha annunciato un provvedimento inatteso durante una conferenza stampa di presentazione dei “decreti omnibus“. Tassa sugli Extraprofitti delle banche ultime novità: Il governo italiano ha introdotto una tassa sugli utili eccedenti delle banche per garantire la stabilità degli istituti bancari. L’imposta impone un limite massimo al contributo, che non…

Credit Suisse: il Crack svela Sporchi Segreti delle Banche Svizzere

Credit Suisse: il Crack svela Sporchi Segreti delle Banche Svizzere

Ne rimarrà uno. Durante il fine settimana, le autorità svizzere hanno abbandonato la loro “politica delle due banche” di lunga data, unendo UBS e il rivale interno Credit Suisse nella speranza di impedire che una crisi bancaria prenda slancio. Il Credit Suisse l’ha definita una fusione. UBS l’ha definita un’acquisizione. Molte persone affermano che si…

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *