Meteo e Mercati Finanziari: C’è una correlazione?

L’andamento del meteo influisce sui mercati finanziari? Nonostante i migliori sforzi di molti economisti altamente qualificati e specialisti di mercato, non c’è un consenso diffuso su come, o anche se, il tempo influenzi le prestazioni del mercato azionario.

Sembra un buon senso che debba avere un certo impatto, poiché il clima è un fenomeno onnipresente dal quale i commercianti non sono mai completamente isolati. D’altra parte, non c’è una ragione logica e chiara per aspettarsi che la pioggia a Wall Street o un uragano in Messico cambino sistematicamente le valutazioni o l’ottimismo dei trader. In definitiva è una domanda interessante, ma a cui l’economia finanziaria non è davvero attrezzata per rispondere.

Correlazione tra andamento del meteo e mercato azionario, riassumendo:

  • Quando il mercato cala in seguito a un evento meteorologico come un uragano o una bufera di neve, alcune persone dicono che la colpa è del tempo.
  • Danni alla proprietà, infortuni o mancate vendite a causa della chiusura dell’attività o dei consumatori che scelgono di restare a casa sono spesso i colpevoli identificati che collegano il tempo inclemente a una cattiva performance del mercato.
  • La ricerca finanziaria, tuttavia, produce risultati contrastanti – con alcuni studi che mostrano un tale legame tra tempo e azioni, e altri che non mostrano affatto tale legame.
Meteo e Mercati Finanziari: C'è una correlazione?
Immagine sopra: elementi stilizzati del meteo

Cosa dice la ricerca

In pratica, non è difficile testare la correlazione tra l’andamento del mercato azionario e i dati sulle condizioni meteorologiche. Meteorologi e climatologi tracciano tutto, dalla luce solare media alle correnti oceaniche, e la performance del mercato azionario è una questione di pubblico dominio.

Il trucco sta nel cercare di scegliere i dati giusti da confrontare. Gli studi peer-reviewed hanno risultati disparati e contrastanti. Un esempio famoso è stato “Mood indotto dalle condizioni meteorologiche, investitori istituzionali e rendimenti azionari”, pubblicato dalla Case Western Reserve University di Cleveland nel 2014. Ha rilevato che giorni relativamente più nuvolosi hanno aumentato la percezione del sovrapprezzo nei singoli titoli e, successivamente, hanno portato a più vendita da parte delle istituzioni. 1

“Stock Returns and The Weather Effect” è stato pubblicato nel Journal of Financial Economics nel 1980. Sembrava trovare un fattore di impatto molto ampio, 3,72, in quella che veniva definita “ipotesi del tempo di calendario”. Tuttavia, un’ulteriore revisione ha rilevato che il tempo era una variabile predittiva molto più piccola rispetto al fatto che il giorno di negoziazione fosse o meno un lunedì.

Un altro studio, “Azioni e condizioni meteorologiche: un esercizio di data mining o ancora un’altra anomalia del mercato dei capitali?” è apparso su Empirical Economics nel 1997. Questo studio ha tentato di replicare uno studio del 1993 che ha mostrato che i prezzi delle azioni erano “sistematicamente influenzati dal tempo”. Lo studio del 1997 non ha potuto respingere l’ ipotesi nulla , ammettendo infine “che non sembrava esistere alcuna relazione sistematica”. 2

Il problema con l’empirismo
Il metodo scientifico funziona meravigliosamente in fisica o chimica, dove i test indipendenti sono controllati e le variabili sono isolate, ma nessuno può eseguire test controllati sull’ecosistema o sull’economia globale. I sistemi sono troppo grandi per essere replicati e troppo mostruosamente complessi per essere compresi appieno. I dati hanno i loro limiti e il meglio che un analista di mercato può sperare è mostrare la correlazione, non la causalità.

La maggior parte dei modelli causali in economia o scienze ambientali sono basati sulla regressione . I modellisti devono identificare quali fattori sembrano rilevanti o irrilevanti e devono disporre di dati affidabili e comparabili su tutti i fattori rilevanti. Devono anche valutare le variabili rilevanti e aggiungere controlli per possibili corruzioni o pregiudizi. Molti di questi modelli sono sofisticati e matematicamente belli, ma non possono mai spiegare accuratamente ogni potenzialità.

Teorie

  1. Una teoria ragionevole sul tempo e Wall Street suggerisce che il maltempo interrompe i processi aziendali, le catene di approvvigionamento e i movimenti dei consumatori, tra gli altri fattori. In effetti, i media finanziari spesso attribuiscono ai problemi meteorologici un quarto lento della crescita del prodotto interno lordo (PIL) o delle prestazioni del mercato azionario. Sebbene sia un’idea popolare, non tutti sono d’accordo.
  2. Uno scettico è Gemma Godfrey, responsabile della strategia di investimento presso Brooks Macdonald, che ha affermato che “i mercati sono isolati” dai problemi meteorologici. “I mercati hanno scontato questo prezzo, quindi c’è stata poca reazione al ribasso nei mercati … e meno spazio al rialzo quando il clima si riscalda”. Molti sono d’accordo con lei, sostenendo che i meteorologi sono abbastanza bravi ora che i mercati possono anticipare le fluttuazioni con largo anticipo.
  3. Una teoria alternativa, una propaggine della finanza comportamentale , afferma che il tempo influisce chiaramente sull’umore e l’umore influisce chiaramente sul comportamento degli investitori. ( con il bel tempo c’è più ottimismo e si tende ad investire , con il cattivo tempo c’è più pessimismo che si ripecrcute nella psiche e si tende a vendere )  Questo collegamento sembra un buon argomento per i rendimenti azionari influenzati dal tempo, ma probabilmente non è così forte come i suoi sostenitori lo fanno sembrare.
  4. Ad esempio, non è sufficiente dimostrare che il tempo influisce sull’umore; deve essere dimostrato che il tempo influisce sull’umore in modi che alterano il processo decisionale sulle transazioni in titoli (o, in alternativa, altera abbastanza le abitudini di risparmio e spesa laddove il volume dei titoli è sostanzialmente diverso). Nonostante diversi studi in quest’area, gli economisti non hanno davvero le risposte.
  5. Uno di questi studi, condotto tra il 2009 e il 2011 sulla Borsa di Istanbul in Turchia, ha rilevato che il comportamento degli investitori non è stato influenzato da giornate soleggiate, nuvolose o soleggiate, ma che è stato probabilmente influenzato dal “livello di nuvolosità e temperatura
  6. Un altro studio della UC Berkeley, pubblicato sulla Undergraduate Economic Review nel 2011, ha concluso che “la luce solare influenza l’umore e l’umore può plasmare il comportamento” e ha trovato una “relazione significativa” tra la luce solare e i prezzi delle azioni nel mezzo secolo precedente. 4
  7. Uno studio non rileva alcun effetto dalle giornate di sole in Turchia, ma uno studio concorrente sostiene che il sole influisce sulle prestazioni di Wall Street. È teoricamente possibile che la luce solare influenzi i commercianti turchi in modo diverso rispetto ai newyorkesi, ma la conclusione molto più ragionevole è che l’economia di regressione basata su modelli non è davvero preparata a gestire una relazione causale così intricata.

Conclusioni: è vero o non è vero che il tempo influisce sull’andamento dei titoli azionari?

Non è una cosa sicura, ma estremamente probabile che i mercati finanziari siano indirettamente influenzati dagli eventi meteo.

Quindi è bene prendere in considerazione anche questa variabile.

Articoli correlati

Banche europee più grandi

Autore di testi di finanza

Azioni Fuel Cell Energy

Investire in Arte

Azioni di Idrogeno

Investire oggi in azioni

Libri consigliati da Warren Buffett 

Azioni Apple risultati superano le aspettative

Azioni aumentate del 1000% in 2 anni 

Premio nobel economia

Borsa Italiana cambia di proprietà

Azioni comprate dei migliori investitori

Bernie Madoff 

Azioni farmaceutiche da comprare nel 2021

Azioni Petrolifere

Perché le azioni Tesla stanno continuando ad aumentare

Azioni di bevande migliori

Azioni comprate dai migliori investitori

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *