Il Futuro dei Robot e della Robotica: Ruberanno il Nostro Lavoro?

I robot sono pronti a sostituire milioni di esseri umani in vari settori. Ma non sono neanche lontanamente simili a quelli umani.

“Non escluderò mai cose”, ha detto Hannaford, il cui lavoro si concentra principalmente sulla chirurgia robotica, a proposito di potenziali progressi. “Ma se guardi indietro alla fantascienza degli anni ’50 e ’60 e la confronti con quella odierna, ha davvero mancato il bersaglio”.

In effetti, si potrebbe obiettare, la cultura pop in generale ha rovinato i robot. O almeno il concetto della maggior parte delle persone su cosa siano effettivamente i robot. Secondo film e televisione , stanno litigando con gli amici di Star Wars  R2-D2 e C3PO. Sono i sovrumani Data di Star Trek e l’ubriacone Bender di Futurama . E, naturalmente, sono il cyborg omicida diventato virtuoso di Arnold Schwarzeneggar nei film di Terminator  . Quel personaggio è il più grande cliché robotico di tutti insieme a Robocop.

Potrebbe non sorprenderti minimamente apprendere che i robot in realtà non sono nessuno di questi. La maggior parte di loro non assomiglia per niente agli umani e tutti, anche i modelli più abbaglianti, sono piuttosto rudimentali nelle loro abilità.

Ma si tratta comunque di un settore dell’economia in grande espansione ed oggi investire in robot può diventare un grande affare per il futuro. Ecco delle azioni di aziende di robotica.

 

Qual è il futuro della robotica? | 60 minuti

Qual è il futuro della robotica?

Questo non vuol dire una mancanza di progresso. Nelle aziende e nelle università di tutto il mondo, ingegneri e informatici stanno escogitando modi per rendere i robot più percettivi e abili.

L’industria della robotica in tutto il mondo continua a innovare, combinando intelligenza artificiale e visione e altre tecnologie sensoriali, secondo la rivista Analytics Insight . La rivista ha osservato che le nuove iterazioni di robot sono più facili da configurare e programmare rispetto ai loro predecessori. Alcuni sviluppi degni di nota nel 2021 includono robot oceanici ad alta tecnologia che esplorano il mondo sotto le onde; un robot di nome Saul che spara raggi UV al virus Ebola per distruggerlo; e un robot terapeutico controllato dall’intelligenza artificiale che aiuta gli operatori sanitari e i pazienti a comunicare in modo più efficiente, riducendo lo stress.

Più simile a quello umano nelle capacità cognitive e, in alcuni casi, nell’aspetto. Nei magazzini e nelle fabbriche, nei fast food e nei rivenditori di abbigliamento, stanno già lavorando a fianco degli esseri umani. Questo , in Germania, può scegliere come un campione. Stanno anche iniziando a svolgere funzioni che sono state tipicamente il dominio degli esseri umani, come preparare il caffè , prendersi cura degli anziani e, soprattutto, trasportare la carta igienica . Una startup con sede a Redwood City, in California, ha appena ricevuto 32 milioni di dollari in finanziamenti di serie A per sviluppare ulteriormente i suoi robot camerieri . Ed ecco un nuovo schlepper-bot di nome Gita. Stanno addirittura proliferando nella fattoria. Ma indipendentemente dal settore in cui servono, i robot sono molto meno avanzati di quanto molti pensassero che fossero ormai.

Il Futuro dei Robot e della Robotica: Ruberanno il Nostro Lavoro?
Futuro di Robot e della Robotica, i robot ruberanno il lavoro

LA ROBOTICA FA BENE AL FUTURO?

Dipende a chi chiedi. I robot libereranno i lavoratori umani per compiti più complessi, ma elimineranno anche posti di lavoro per circa 120 milioni di lavoratori a livello globale, 11,5 milioni solo negli Stati Uniti. I droni commerciali, un altro tipo di robot, potrebbero essere utilizzati per il trasporto medico, la consegna di pacchi, ma un cielo pieno di droni presenta possibili problemi di sicurezza informatica e privacy. I robot umanoidi vedranno l’uso nell’intrattenimento (pensa a “Westworld”) e nella comunicazione, ma non saliranno al livello dell’attività umana poiché nulla (ancora) replica i muscoli umani. La migliore visione per un mondo che combina robot e umani è la molteplicità, dove i due lavorano in tandem.

Decenni fa, ha detto Hannaford, “tutti erano concentrati sull’energia e sull’estrapolazione dell’uso che ne fanno gli esseri umani. “[Hanno pensato], ‘Un jet può volare in Europa, quindi nel 2020 saremo in grado di andare su Marte in un’autovettura.'”

Quello che si sono persi, ha proseguito, è che “l’energia non è scalata”. Ciò significa che, secondo la legge di Moore di Moore – una teoria (ora ampiamente considerata defunta) secondo cui il numero di transistor per aumentare le prestazioni su un microchip di computer raddoppierà ogni due anni – il costo per unità di energia non è diminuito del 50 percento ogni 18 mesi, decennio dopo decennio, come ha fatto il costo di un’elaborazione sempre più potente.

Ma altri fattori continuano ad avere un impatto significativo sull’informatica e, di conseguenza, sulla robotica. La potenza di calcolo per watt di energia elettrica, ad esempio, sta crescendo notevolmente. In termini quotidiani, ciò significa che il tuo smartphone può fare di più con la stessa durata della batteria. Significa anche progressi più rapidi nell’intelligenza artificiale, cose come la visione artificiale e l’elaborazione del linguaggio naturale che aiutano i robot a “vedere” e ad apprendere. La scrittura di un codice software più efficiente è un altro modo per migliorare le prestazioni della robotica. In un paio di decenni, forse, i robot potrebbero eseguire la maggior parte della nostra codifica .

I robot potrebbero rubarti il ​​lavoro

Andando avanti, ha detto Hannaford, i robot “liberano il cervello delle persone” per eseguire altri compiti più complessi. Ma proprio come la rivoluzione industriale ha soppiantato innumerevoli esseri umani che hanno svolto il lavoro manuale, la rivoluzione robotica non avverrà – e non sta accadendo – “senza dolore, paura e interruzione”.

“Ci saranno molte persone che cadranno nel dimenticatoio”, ha detto degli innumerevoli lavori che saranno automatizzati o scompariranno del tutto.

Secondo un recente studio dell’IBM Institute for Business Values, più di 120 milioni di lavoratori in tutto il mondo (11,5 milioni negli Stati Uniti nel 2020) avranno bisogno di una riqualificazione solo nei prossimi anni a causa degli spostamenti causati dall’intelligenza artificiale e dai robot . Non tutti riceveranno quella riqualificazione, ovviamente, ma quelli che lo faranno saranno più propensi a ottenere nuovi tipi di lavoro inaugurati dalla rivoluzione dei robot.

In un magazzino, ad esempio, coloro che passano ad altre attività che richiedono “competenze superiori” come pensare e movimenti complessi sono molto meno a rischio di subire un robo-urto. E verranno picchiati. Vince Martinelli, responsabile del prodotto e del marketing di RightHand Robotics fuori Boston, è fiducioso che lavori semplici ma prevalenti come il prelievo degli ordini in magazzino saranno in gran parte svolti dai robot tra 10 e 20 anni. In questo momento, però, la tecnologia semplicemente non c’è.

Ma alcuni esperti affermano che più i robot superano le prestazioni degli umani, più ci si aspetta che gli umani tengano il passo.

“Quando iniziamo a confrontare la velocità e l’efficienza degli esseri umani con i robot, emergono tutta una nuova serie di problemi di salute e sicurezza”, Beth Gutelius, direttrice associata del Center for Urban Economic Development presso l’Università dell’Illinois-Chicago, ha detto al New York Times .

Questo è un altro argomento per la riqualificazione. Come hanno notato gli autori Marcus Casey e Sarah Nzau in un recente post sul blog della Brookings Institution intitolato “Robots Kill Jobs. Ma creano anche posti di lavoro”: “Lo sviluppo di tecnologie che facilitino nuovi compiti, per i quali gli esseri umani sono più adatti, potrebbe potenzialmente portare a un futuro molto migliore per i lavoratori. Mentre l’introduzione diffusa dei computer negli uffici ha certamente spostato milioni di segretari e dattilografi, i nuovi compiti nelle industrie associate hanno significato nuove occupazioni, inclusi tecnici informatici, sviluppatori di software e consulenti IT”.

Ma gli esseri umani sono ancora molto più intelligenti dei robot

“Quando le persone vedono un robot fare qualcosa, anche se è un compito molto semplice come raccogliere le cose e metterle giù, immaginano immediatamente che possa fare cose molto più difficili”, ha detto Martinelli. “Riceviamo molte domande quando le persone guardano un sistema e dobbiamo continuare a ricordare loro che ciò che è semplice per me e te è in realtà piuttosto avanzato”.

Per portare a casa quel punto in modo più efficace, RightHand ha inventato un gioco chiamato Pick Like a Robot che richiede tre persone per eseguire le funzioni di un robot. Una persona viene bendata e gli viene data un paio di pinze di metallo: hanno il compito di afferrare un oggetto in questione. Un altro funge da sistema di visione del robot posizionando il dito sull’oggetto che desidera che il raccoglitore scelga. Il terzo partecipante è l’intelligenza del robot, responsabile di guidare il raccoglitore per afferrare correttamente l’oggetto. Come nella robotica, la sfida è integrare senza problemi tutti questi sistemi. Non è uno shock, estremamente impegnativo.

Facendo eco allo studente laureato di Hannaford, il COO dell’integrazione dei sistemi robotici Raj Bhasin li caratterizza come “solo uno stupido pezzo di hardware”. Il loro sviluppo, ha detto, dipende dall’ingegnosità umana e dai progressi nell’IA che li imbeveranno di capacità cognitive più simili a quelle umane che consentiranno loro di percepire, ragionare e apprendere in modo più accurato. (Facebook, ad esempio, ha sviluppato un algoritmo di apprendimento per rinforzo che consente ai robot di navigare in diversi ambienti interni senza mappare.) Una volta che i robot basati sull’intelligenza artificiale possono superare o addirittura eguagliare le persone in qualcosa di più che semplici e ripetitive attività preprogrammate, lo faremo essere davvero su qualcosa.

“Gli esseri umani hanno centomila anni di evoluzione che ci rendono davvero bravi in ​​compiti che diamo per scontati”, ha detto Bhasin nel suo ufficio nel centro di Chicago, dove erano in mostra un paio di robot industriali delle dimensioni di un tavolo. “Gran parte della robotica è ciò che viene chiamato l’effettore finale, ciò che viene montato all’estremità di un robot per afferrare gli oggetti. C’è un sacco di ingegneria meccanica che va in questo aspetto. Quanto siamo vicini a fare ciò che un essere umano può fare dipende dall’oggetto”.

Considera le difficoltà incontrate nel gioco Pick Like a Robot di Righthand e applicale a ogni compito meccanico immaginabile. E non è solo il compito, ma la velocità con cui quel compito viene svolto. Potrebbe essere una soluzione qualcosa come questa ” pinza ad ultrasuoni “? Forse. Ma al momento, ha detto Bhasin, i robot sono ancora molto lenti e deliberati. Anche così, “non avremo bisogno di centomila anni per rendere queste cose capaci come lo sono gli umani”.

La chiave per renderli più intelligenti e capaci, ha affermato, sono dati affidabili che consentono ai robot di imparare di più da soli e di gestire variabili in costante cambiamento, come oggetti dalla forma strana o fuori luogo, senza l’assistenza umana. (Come si suol dire, “spazzatura dentro, spazzatura fuori.”).

Tuttavia, Bhasin ha detto, quando si tratta della nicchia di automazione industriale che serve la sua azienda, “Penso che forse ci sia un malinteso sul fatto che faranno molto di più di quanto saranno effettivamente in grado di fare”.

E anche se senza dubbio aumenteranno di numero anno dopo anno, potrebbe consolarti sapere che le aziende con sede negli Stati Uniti e in Messico hanno ordinato meno robot nel 2019.

Anche i droni sono robot

Come il loro terzo (quarto?) cugino industriale, i droni commerciali (da non confondere con i droni militari sganciatori di bombe) esistono da molti decenni in varie forme . E sebbene vengano costantemente migliorati, sono limitati in termini di prestazioni. Negli Stati Uniti, questi UAV (veicoli aerei senza pilota) di dimensioni tipicamente modeste sono ostacolati dalle rigide normative della Federal Aviation Administration che ne impediscono l’uso diffuso, soprattutto per scopi commerciali, ma le cose stanno lentamente cambiando . Secondo PwC, il mercato globale dei droni vale attualmente circa 127 miliardi di dollari, una valutazione che aumenterà solo con l’aumento dell’adozione in una varietà di aree , tra cui la consegna di pacchi a domicilio e il trasporto medico.

Un articolo del New York Times del marzo 2019 intitolato “I cieli non sono ancora intasati di droni, ma non escluderli”, ha osservato che le consegne di droni per l’e-commerce hanno già avuto il via libera in Cina. Uno scenario simile negli Stati Uniti, tuttavia, dipende dal “se le autorità di regolamentazione alla fine consentiranno alle società di droni di disporre di sistemi autonomi in cui più velivoli sono supervisionati da un pilota e se possono volare oltre la visione di quel pilota”.

Una compagnia di droni che fa proprio questo è Wing Aviation LLC. È di proprietà della società madre di Google, Alphabet, ed è guidata dal CEO James Burgess, che ha detto al Times : “La scala non ci riguarda in questo momento. Crediamo fermamente che, alla fine, saremo in grado di sviluppare un servizio di consegna per le comunità che consentirà loro di trasportare gli articoli in pochi minuti a basso costo”.

Oltre ai droni stessi, ha aggiunto Burgess, Wing sta anche lavorando allo sviluppo di un “sistema di gestione del traffico senza pilota” per tenere traccia di tutte le macchine volanti robotiche che un giorno potrebbero sembrare comuni come gli uccelli.

Poi di nuovo, come ha affermato l’esperto di droni James Rogers in un recente saggio per il Bollettino degli scienziati atomici , ci sono aspetti negativi nella proliferazione su larga scala. I droni di oggi stanno già suscitando preoccupazioni per la sicurezza e la privacy . Quello di domani sarà molto meglio, e quindi molto peggio. E non solo perché potrebbero esserci gruppi simili a oche che ronzano avanti e indietro.

“Pensa ai nefasti droni di oggi come al Modello T di droni pericolosi”, ha scritto Rogers. “Man mano che le tecnologie dei droni diventano sempre più sofisticate, proliferando in modo incontrollato e sottoregolamentato, gli incidenti con i ‘droni ostili’ aumenteranno di impatto e di numero”.

Nel predire che i droni saranno fondamentali per la consegna di “beni e servizi vitali che mantengono una nazione funzionante commercialmente e socialmente”, Rogers ha affermato che saranno regolarmente impiegati per la consegna della posta, le forze dell’ordine, la risposta al fuoco e per scopi medici di emergenza, tra gli altri usi.

E ciascuno di questi settori, ha aggiunto in modo alquanto sinistro, “cercherà di sfruttare la velocità e l’economicità dei droni, lasciando la società sempre più vulnerabile”.

Quindi, c’è quello.

 

Boston Dynamics sta sviluppando diversi tipi di robot che si muovono con movimenti simili a quelli umani e animali.

I robot che sembrano e si muovono come esseri umani e animali hanno un fascino limitato, per ora

Al di fuori di una fabbrica o di un magazzino, alcuni dicono che sia vantaggioso per i robot assomigliare di più agli umani. È qui che entrano in gioco gli umanoidi . Potresti aver visto questi esseri artificiali (attualmente) non senzienti tendere al bar e lanciare sei sparatutto nel dramma di fantascienza della HBO Westworld . Ma la loro utilità nella vita reale dipende dallo scenario.

In RightHand Robotics, Martinelli ha affermato che l’attenzione attuale è rivolta a una più ampia adozione da parte dei clienti di robot in grado di risolvere problemi specifici in contesti commerciali. Anche alcuni modelli molto impressionanti e ricchi di sensori in grado di correre, saltare e capovolgere, inclusi molti di Boston Dynamics  , non rientrano in quella categoria. Non ancora, comunque.

Il CEO di Boston Dynamics, Marc Raibert  , ha affermato che il suo obiettivo a lungo termine è “costruire robot che abbiano livelli funzionali di prestazioni uguali o superiori a quelli di persone e animali. Non intendo dire che debbano lavorare nel modo in cui lavorano le persone e gli animali, o che debbano assomigliare a loro, solo a livello di prestazioni in termini di capacità di muoversi nel mondo, capacità di usare il nostro mani.”

Di recente, il cane robot Spot dell’azienda è stato reso disponibile a una manciata di primi clienti per vedere come se la caverà nel mondo reale. La giuria è ancora fuori, e lo sarà ancora per un po’. Ma è un inizio.

Come ha detto alla televisione della BBC Will Jackson, direttore della Engineered Arts con sede nel Regno Unito , “I robot umanoidi sono ottimi per l’intrattenimento e sono ottimi per la comunicazione. Se vuoi qualcosa che interagisca con le persone, il modo migliore per farlo è creare qualcosa a forma di persona”.

Come questa invenzione di Agility Robotics. Soprannominato “Digit” e secondo quanto riferito con un prezzo di sei cifre medio-basse, è inteso per la consegna da veicolo a porta di pacchi di peso pari o inferiore a 40 libbre. Potremmo vedere eserciti di queste cose negli anni a venire? Forse. La cifra non è stata ancora testata in impostazioni non controllate. E se i video virali di YouTube sono indicativi, anche un ambiente controllato non è garanzia di successo (#robotfails).

“Uno dei maggiori problemi che abbiamo è che non c’è niente di buono come il muscolo umano”, ha spiegato Jackson. “Non ci avviciniamo affatto a ciò che un essere umano può fare. Il modo in cui vedrai i robot umanoidi è in un contesto commerciale. Quindi potresti entrare in un negozio e potresti vedere un robot che sta cercando di venderti qualcosa. Non preoccuparti di tutta l’intelligenza artificiale. Rimarrà davvero sul tuo computer. Non ti inseguirà su per le scale a breve”.

 

I robot stanno diventando più umani

Ma i ricercatori in una nuova nicchia chiamata “robotica morbida” stanno lavorando per imitare il movimento umano. Lo sviluppo di cervelli robotici ad alte prestazioni è incredibilmente difficile. Fare in modo che i robot reagiscano fisicamente come fanno le persone è ancora più difficile, come ha spiegato l’ingegnere meccanico Christoph Keplinger durante un affascinante discorso TEDx alla fine del 2018.

“Il corpo umano fa ampio uso di materiali morbidi e deformabili come muscoli e pelle”, ha affermato. “Abbiamo bisogno di una nuova generazione di corpi robotici che si ispiri all’eleganza, all’efficienza e ai materiali morbidi dei design che si trovano in natura”.

Definendo il muscolo biologico “un vero capolavoro dell’evoluzione” che può guarire dopo essere stato danneggiato ed è “strettamente integrato con i neuroni sensoriali per il feedback sul movimento e sull’ambiente”, Keplinger ha descritto i suoi sforzi per costruire muscoli artificiali chiamati “attivatori morbidi” che sono altrettanto versatili e adattabile come la cosa reale.

A tal fine, lui e il suo team a Boulder, in Colorado, hanno inventato qualcosa che hanno soprannominato HASEL: attuatori elettrostatici autorigeneranti amplificati idraulicamente, che sono meccanismi che controllano il movimento. Oltre ad espandersi e contrarsi come un vero muscolo, ha affermato Keplinger, la giovane tecnologia può essere utilizzata più rapidamente. Inoltre, ha proseguito, HASEL può essere regolato per fornire forze maggiori per lo spostamento di oggetti pesanti, ridotto per movimenti più precisi e programmato per “fornire movimenti molto fluidi simili a muscoli e esplosioni di potenza per sparare una palla in aria .”

Oltre ad essere compatibile con le applicazioni di produzione su larga scala, ha osservato, la tecnologia HASEL potrebbe anche essere utilizzata per “migliorare la qualità della vita” per coloro che necessitano di arti protesici, così come per le persone anziane che trarrebbero beneficio da una maggiore agilità e destrezza.

“Forse possiamo chiamarla robotica per l’anti-invecchiamento”, ha detto Keplinger, “o anche una fase successiva dell’evoluzione umana”.

 

Non siamo pronti per il futuro automatizzato

Per ricapitolare brevemente:

  • I robot di oggi sono piuttosto ottusi.
  • I robot di domani saranno meno ottusi grazie ai progressi nell’intelligenza artificiale, in particolare machine e deep learning.
  • Gli esseri umani saranno sostituiti da robot in alcuni lavori e da essi integrati in molti altri.
  • Saranno creati nuovi posti di lavoro, fornendo opportunità di lavoro ai lavoratori riqualificati e ad altri che hanno le competenze richieste.

Per Hannaford, investire nell’istruzione è il modo migliore per temperare e sfruttare l’impatto che i robot avranno e stanno avendo sempre più. Si è lamentato, tuttavia, del fatto che la società faccia troppo poco di questo – e quindi è tristemente impreparata non solo per ciò che sta arrivando, ma anche per ciò che sta accadendo in questo momento. Tra le nazioni industrializzate, ha affermato, gli Stati Uniti sono particolarmente vulnerabili.

“Molti americani non sono attrezzati per guadagnarsi da vivere in una società futura in cui tutte le attività di routine sono automatizzate. Sarà un grosso, grosso problema. Ma alla fine è risolvibile elevando i nostri standard educativi”.

Per quanto riguarda la nozione persistente di un paesaggio infernale post-apocalittico pattugliato da cyborg omicidi, questa è pura finzione. Probabilmente. Ciò che stiamo vivendo ora, e ciò che riserva di più il futuro, è ciò che il robotista Ken Goldberg ha descritto come “molteplicità”. È molto più amichevole di ciò che è noto come “la singolarità”, un punto in cui gli esseri umani sono ( ipoteticamente ) sorpassati da robot completamente autonomi e persino senzienti. In effetti, Goldberg ha detto a Wired nel 2018, la molteplicità è “qualcosa che sta accadendo in questo momento, ed è l’idea di esseri umani e macchine che lavorano insieme”. Quando ordini un’auto tramite Uber o Lyft, è molteplicità. O quando, lungo la strada, guidi in un veicolo a guida autonoma, anche questa è molteplicità.

“Il modo in cui dobbiamo iniziare a pensare ai robot non è una minaccia, ma come qualcosa con cui possiamo lavorare in modo collaborativo”, ha aggiunto. “Molto sta cambiando i nostri atteggiamenti”.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *