Neuralink di Elon Musk il Microchip nel Cervello per far Camminare i Tetraplegici

Elon Musk – il fondatore di SpaceX, Starlink, CEO di Tesla e, più recentemente, proprietario di Twitter – ha ospitato un evento  mercoledì sera per un’altra delle sue società: Neuralink, la startup che propone impianti neurali che collegano un cervello a un computer per usi sia medici che di altro tipo.

Neuralink di Elon Musk il Microchip nel Cervello per far Camminare i Tetraplegici
Neuralink di Elon Musk il Microchip nel Cervello per far Camminare i Tetraplegici

Neuralink cos’è e come funziona:

Non si tratta di una cosa nuova, Neuralink è un’azienda di Musk che da anni sta cercando di lavorare su una tecnologia in cui la ricerca medica fa sforzi ormai da anni e con ‘buon risultati.

Neuralink non solo continua questo tipo di ricerche mediche, cioè dare degli ordini ad un computer tramite il pensiero e quindi far smuovere dei macchinari come potrebbero essere delle protesi meccaniche per far camminare un’uomo , ma questo tipo di tecnologia potrebbe essere utilizzata per tutti i rapporti che ci sono tra uomo e PC e in un futuro dare ordini al Nostro smartphone o al Nostro PC o al PC della Nostra auto e ordinargli di fare cose come facciamo oggi con le dita della mano. Si  capirà quali enormi implicazioni e ricadute economiche potrebbe avere una tecnologia del genere, con la qualità e la velocità dei microchip di oggi.

L’evento ha mostrato un video che secondo Musk mostrava una scimmia che utilizzava un impianto cerebrale per controllare un cursore e digitare su un computer.

Non è una tecnologia nuova di zecca, poiché i ricercatori hanno lavorato per decenni su dispositivi in ​​​​grado di decodificare i segnali cerebrali per uno scopo pratico. Ad esempio, consentire a una persona di digitare parole o giocare ai videogiochi solo con il cervello è già stato fatto prima.

Musk ha notato durante l’evento “mostra e racconta” che l’obiettivo principale della serata era reclutare talenti per Neuralink.

“Molte volte le persone pensano di non poter davvero lavorare a Neuralink perché non sanno nulla di biologia o di come funziona il cervello”, ha detto Musk. “La cosa che vogliamo davvero sottolineare qui è che non è necessario perché quando si analizzano le competenze necessarie per far funzionare Neuralink, in realtà sono molte delle stesse competenze necessarie per far funzionare uno smartwatch o un telefono moderno .”

DJ Seo, vicepresidente degli impianti di Neuralink, ha mostrato l’ultima iterazione del dispositivo dell’azienda, osservando che sarà wireless e ricaricabile. Ha anche condiviso le riprese di un robot che, secondo lui, è stato costruito per eseguire l’intervento chirurgico di impianto e ha anche mostrato una dimostrazione di come potrebbe essere l’intervento chirurgico, osservando che la produzione e una clinica di prova erano in fase di installazione ad Austin, in Texas.

Musk ha lanciato Neuralink più di cinque anni fa con l’obiettivo di sviluppare tecnologie in grado di migliorare la connessione tra uomo e computer attraverso l’impianto di chip nel cervello delle persone. L’azienda finora ha testato solo sugli animali.

L’anno scorso, ad esempio, Neuralink ha affermato di essere in grado di consentire alle scimmie di giocare al videogioco Pong utilizzando solo i loro impianti cerebrali , sebbene qualcosa di simile fosse già stato realizzato in un essere umano con un impianto cerebrale più di un decennio prima . Musk ha propagandato il filmato della scimmia che gioca di nuovo a Pong mercoledì.

L’uso degli animali, tuttavia, ha fatto arrabbiare gli attivisti. La società ha riconosciuto che una scimmia era morta durante il processo di test.

“Facciamo tutto il possibile con rigorosi test da banco, quindi non siamo sprezzanti nell’inserire dispositivi negli animali”, ha detto Musk mercoledì.

L’idea alla base di Neuralink solleva numerose questioni etiche e sociopolitiche . Ma i sostenitori affermano che tali dispositivi forniscono un aiuto che cambia la vita agli amputati e alle persone disabili se, ad esempio, perdono la capacità di usare le mani o vedere.

Musk, tuttavia, tende anche a enfatizzare gli usi non medici, come l’uso di impianti cerebrali per pareggiare il campo di gioco, se l’intelligenza artificiale digitale diventa più intelligente di qualsiasi essere umano.

“Come mitighiamo questo rischio? A livello di specie?” Musk ha chiesto mercoledì. “Anche in uno scenario favorevole, in cui l’intelligenza artificiale è molto, molto benevola, allora come procediamo per il viaggio?”

Neuralink di Musk non è l’unica organizzazione che persegue questa tecnologia. E alcuni ricercatori con finanziamenti federali stanno già facendo alcuni test clinici .

Durante l’evento di mercoledì, a Musk è stato chiesto se Neuralink avesse intenzione di mettere a disposizione dei neuroscienziati i suoi strumenti. Ha risposto che l’azienda lo avrebbe fatto dopo aver raggiunto la fase di produzione.

Prima che gli impianti cerebrali di Neuralink vengano prodotti in serie e raggiungano il mercato più ampio, avranno bisogno dell’approvazione normativa. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha pubblicato un documento nel maggio dello scorso anno che delinea i pensieri iniziali dell’agenzia sui dispositivi di interfaccia cervello-computer, osservando che il campo sta “progredendo rapidamente”.

Musk ha detto mercoledì che Neuraink ha presentato “la maggior parte” dei suoi documenti alla FDA e potrebbe iniziare i test sugli esseri umani entro sei mesi. Va notato, tuttavia, che Musk promuove spesso scadenze che non si realizzano, dalle sue affermazioni su quando SpaceX avrebbe portato il suo razzo su Marte nello spazio alle sue previsioni su quando le auto a guida autonoma sarebbero state sulla strada.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.