Donald Trump: chi é il Presidente degli Stati Uniti d’America

 Donald Trump , in esteso  Donald John Trump , (nato il 14 giugno 1946, New York , New York, Stati Uniti), 45 ° presidente degli Stati Uniti (2017-). Trump era uno sviluppatore immobiliare e un uomo d’affari che possedeva, gestiva o autorizzava il suo nome in diversi hotel , casinò , campi da golf, resort e proprietà residenziali nella zona di New York City e in tutto il mondo. A partire dagli anni ’80, Trump ha prestato il suo nome a numerosi progetti di vendita al dettaglio, tra cui linee di abbigliamento, colonia, cibo e mobili firmati, oltre aTrump University, che ha offerto seminari di educazione immobiliare dal 2005 al 2010. All’inizio del XXI secolo il suo conglomerato privato , ilTrump Organization, comprendeva circa 500 società coinvolte in una vasta gamma di aziende, tra cui hotel e resort, immobili residenziali, merchandising, intrattenimento e televisione.

Vita e carriera d’ Affari prima di diventare Presidente

Trump era il quarto di cinque figli di Frederick (Fred) Christ Trump , uno sviluppatore immobiliare di successo, e Mary MacLeod. La sorella maggiore di Donald, Maryanne Trump Barry, alla fine è stata giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti (1983-99) e successivamente giudice della Corte d’appello degli Stati Uniti per il terzo circuito fino al suo ritiro nel 2011. Suo fratello maggiore, Frederick, Jr. (Freddy), ha lavorato brevemente per gli affari di suo padre prima di diventare un pilota di linea negli anni ’60. L’ alcolismo di Freddy ha portato alla sua morte prematura nel 1981, all’età di 43 anni.

A partire dalla fine degli anni ’20, Fred Trump costruì centinaia di case unifamiliari e case a schiera nei quartieri di Queens e Brooklyn di New York, e dalla fine degli anni ’40 costruì migliaia di unità abitative, per lo più a Brooklyn, usando garanzie di prestito federali destinate a stimolare la costruzione di alloggi a prezzi accessibili . Durante la seconda guerra mondiale costruì anche alloggi federali per il personale della marina e gli operai dei cantieri navali in Virginia e in Pennsylvania . Nel 1954 Fred fu indagato dal comitato bancario del Senato per aver presumibilmente abusato del programma di garanzia dei prestiti deliberatamente sovrastimando i costi dei suoi progetti di costruzione per ottenere prestiti più consistenti da banche commerciali , che gli consentono di mantenere la differenza tra gli importi del prestito e i suoi effettivi costi di costruzione. In una testimonianza davanti al comitato del Senato nel 1954, Fred ammise di aver costruito il complesso di appartamenti Beach Haven a Brooklyn per 3,7 milioni di dollari in meno dell’importo del suo prestito assicurato dal governo. Sebbene non sia stato accusato di alcun crimine, non è stato in grado di ottenere garanzie sui prestiti federali. Un decennio più tardi, un’indagine dello stato di New York ha scoperto che Fred aveva utilizzato i suoi profitti su un prestito di costruzione assicurato dallo stato per costruire un centro commerciale che era interamente di sua proprietà. Alla fine ha restituito 1,2 milioni di dollari allo stato, ma non è stato in grado di ottenere garanzie di prestito statale per progetti residenziali nell’area di Coney Island a Brooklyn.

Donald Trump ha frequentato l’accademia militare di New York (1959-64), un collegio privato; Fordham University in the Bronx (1964-66); e la Wharton School of Finance and Commerce della University of Pennsylvania (1966-68), dove si è laureato in economia . Nel 1968, durante la guerra del Vietnam , assicurò una diagnosi di speroni ossei, che lo qualificarono per una deroga medica dal progetto militare(in precedenza aveva ricevuto quattro progetti di differimento per l’istruzione). Alla sua laurea, Trump iniziò a lavorare a tempo pieno per gli affari del padre, aiutando a gestire le sue proprietà di alloggi in affitto, quindi stimati tra le 10.000 e le 22.000 unità. Nel 1974 divenne presidente di una conglomerazione di società e associazioni di proprietà di Trump, che in seguito nominò la Trump Organization.

Durante gli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, gli sviluppi abitativi di proprietà di Trump a New York, a Cincinnati , nell’Ohio e a Norfolk , in Virginia , furono oggetto di numerose denunce di discriminazione razziale contro afroamericani e altri gruppi minoritari. Nel 1973 Fred e Donald Trump, insieme alla loro compagnia, furono citati in giudizio dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per presunta violazione del Fair Housing Act (1968) nell’operazione di 39 condomini a New York City. I Trionfi inizialmente neutralizzarono la giustizia Dipartimento per $ 100 milioni, sostenendo danni alla loro reputazione. La causa fu risolta due anni dopo con un accordo che non impone ai Trump di ammettere la colpa.

A partire dalla fine degli anni ’70, Donald Trump ha trasformato l’attività del padre investendo in alberghi di lusso e proprietà residenziali e spostando la sua attenzione geografica a Manhattan e (negli anni ’80) ad Atlantic City , nel New Jersey . Nel 1976 acquistò il decrepito Commodore Hotel nei pressi della Grand Central Station in base ad un complesso accordo di compartecipazione agli utili con la città che comprendeva un abbattimento della tassa di proprietà di 40 anni , la prima riduzione fiscale concessa a una proprietà commerciale a New York City. Affidandosi a un prestito di costruzione garantito da suo padre e dalla Hyatt Corporation, che divenne partner del progetto, Trump ristrutturò l’edificio e lo riaprì nel 1980 come il Grand Hyatt Hotel da 1.400 locali. Nel 1983 ha aperto Trump Tower , un complesso commerciale, commerciale e residenziale costruito in collaborazione con la Equitable Life Assurance Company. L’edificio di 58 piani sulla 56th Street e la Fifth Avenue alla fine conteneva la residenza di Trump a Manhattan e il quartier generale della Trump Organization. Altre proprietà di Manhattan sviluppate da Trump negli anni ’80 comprendevano la cooperativa residenziale Trump Plaza (1984), il complesso condominiale di lusso Trump Parc (1986) e l’Hotel Plaza di 19 piani (1988), un punto di riferimento storico per il quale Trump pagava più di $ 400 milioni.

Negli anni ’80 Trump investì molto nel business dei casinò di Atlantic City, dove le sue proprietà includevano Harrah’s al Trump Plaza (1984, successivamente ribattezzato Trump Plaza), Trump’s Castle Casino Resort (1985) e Trump Taj Mahal (1990), poi il più grande casinò del mondo. Durante quel periodo Trump acquistò anche i New Jersey Generals, una squadra della US Football League di breve durata; Mar-a-Lago, una villa di 118 stanze a Palm Beach , in Florida , costruita negli anni ’20 dall’ereditiera dei cereali Marjorie Merriweather Post; uno yacht di 282 piedi , poi il secondo più grande del mondo, che chiamò la Principessa Trump ; e un servizio di navetta aerea della Costa Orientale, che chiamò Trump Shuttle.

Nel 1977 Trump sposò Ivana Zelníčková Winklmayr, una modella ceca, con la quale ebbe tre figli – Donald, Jr., Ivanka ed Eric – prima che la coppia divorziasse nel 1992. La loro vita coniugale, così come gli affari di Trump, erano una graffetta della stampa scandalistica a New York negli anni ’80. Trump sposò l’attrice americana Marla Maples dopo aver dato alla luce il quarto figlio di Trump, Tiffany, nel 1993. Il loro matrimonio si concluse con un divorzio nel 1999. Nel 2005 Trump sposò la modella slovena Melania Knauss, e il loro figlio, Barron, nacque l’anno seguente .Melania Trump è diventata la first lady degli Stati Uniti dopo l’insediamento di Trump come presidente nel 2017.

Quando l’economia americana entrò in recessione nel 1990, molti degli affari di Trump ne risentirono, e presto ebbe difficoltà a effettuare pagamenti per il suo debito di circa $ 5 miliardi, circa $ 900 milioni di cui aveva personalmente garantito. In base ad un accordo di ristrutturazione con diverse banche, Trump fu costretto a cedere la sua compagnia aerea, che fu rilevata da US Airways nel 1992; vendere la principessa Trump ; eliminare il secondo o il terzo mutuo su quasi tutte le sue proprietà e ridurre le sue quote di proprietà in esse; e impegnarsi a vivere con un budget personale di $ 450.000 all’anno. Nonostante queste misure, il Trump Taj Mahal ha dichiarato bancarotta nel 1991, e altri due casinò di proprietà di Trump, così come il suo Plaza Hotel di New York City, andarono in bancarotta nel 1992. Dopo quelle battute d’arresto, la maggior parte delle banche più importanti rifiutò di fare altri affari con lui. Le stime del patrimonio netto di Trump durante questo periodo andavano da $ 1,7 miliardi a meno $ 900 milioni.

Le fortune di Trump rimbalzato con la più forte economia degli anni 1990 e successivi, con la decisione del Francoforte -based Deutsche Bank AG per stabilire una presenza nel mercato immobiliare commerciale degli Stati Uniti. Deutsche Bank ha esteso centinaia di milioni di dollari in credito a Trump alla fine degli anni ’90 e negli anni 2000 per progetti come Trump World Tower (2001) a New York e Trump International Hotel and Tower (2009) a Chicago . Agli inizi degli anni ’90 Trump aveva promulgato un piano per i suoi creditori per convertire la sua tenuta Mar-a-Lago in un complesso residenziale di lusso composto da diverse dimore più piccole, ma l’opposizione locale lo ha portato invece a trasformarlo in un club privato, che è stato aperto in 1995. Nel 1996 Trump ha collaborato con la rete televisiva NBC per acquistare la Miss Universe Organization, che ha prodotto i concorsi di bellezza Miss Universe, Miss USA e Miss Teen USA. Le attività del casinò di Trump hanno continuato a essere difficili, tuttavia: nel 2004 la sua società Trump Hotels & Casino Resorts ha presentato istanza di fallimento dopo che molte delle sue proprietà hanno accumulato debiti ingestibili e la stessa società, ribattezzata Trump Entertainment Resorts, è nuovamente fallita nel 2009.

Oltre alle sue iniziative immobiliari, nel 2004 Trump ha presentato una serie televisiva di realtà, The Apprentice , che prevedeva concorrenti in competizione in varie sfide per diventare uno dei suoi dipendenti. Lo spettacolo chiamato Emmy , in cui Trump recitava, rese popolare la frase “Sei licenziato!” E lo aiutò a promuovere la sua reputazione di uomo d’affari accorto. Nel 2008 lo spettacolo è stato rinnovato comeThe Celebrity Apprentice , con giornalisti e intrattenitori come concorrenti.

Trump commercializzato il suo nome come marchio in numerose iniziative imprenditoriali tra cui Trump Financial, una società di mutui ipotecari , e la Trump Entrepreneur Initiative (ex Trump University), una società di formazione online incentrata sugli investimenti immobiliari e imprenditorialità. Quest’ultima società, che è stata sciolta nel 2010, è stata l’obiettivo di azioni legali collettive da parte di ex studenti e un’azione separata da parte del procuratore generale di New York, relativa alla frode . Dopo aver inizialmente negato le accuse, Trump ha risolto le cause legali per $ 25 milioni nel novembre 2016.

Trump ha anche scritto una serie di libri sull’imprenditorialità e sulla sua carriera imprenditoriale, tra cui Trump: The Art of the Deal (1987), Trump: The Art of the Comeback (1997), Why We Want You To Be Rich (2006), Trump 101 : The Way to Success (2006) e Trump Never Give Up: come ho trasformato le mie più grandi sfide in successo (2008).

Donald Trump: chi é il Presidente degli Stati Uniti d'America

 

Politica

A partire dagli anni ’80 Trump ha periodicamente meditato sulla corsa alla presidenza, ma quei momenti sono stati ampiamente respinti dalla stampa come prodezze pubblicitarie. Nel 1999 ha cambiato la sua registrazione elettorale da repubblicano a Riforma del Partito e istituì un comitato esplorativo presidenziale. Anche se alla fine ha rifiutato di correre nel 2000, è stato coautore di un libro quell’anno,L’America che meritiamo , in cui espone le sue idee politiche socialmente liberali ed economicamente conservatrici . Trump più tardi si è unito al Partito Repubblicano, e ha mantenuto un alto profilo pubblico durante le elezioni presidenziali del 2012 . Anche se in quel momento non era candidato all’ufficio, ottenne molta attenzione per ripetutamente e falsamente sottintendendo quel Pres democratico. Barack Obama non era un cittadino statunitense nato in natura.

Nel giugno 2015 Trump ha annunciato che sarebbe stato candidato alla Elezioni presidenziali americane del 2016 . Impegnandosi a “rendere grande l’America di nuovo”, ha promesso di creare milioni di nuovi posti di lavoro; punire le compagnie americane che hanno esportato posti di lavoro all’estero; per abrogare la firma del successo legislativo di Obama, l’ Affordable Care Act (ACA); per rilanciare l’ industria carboniera degli Stati Uniti ; ridurre drasticamente l’influenza dei lobbisti a Washington, DC (“drenare la palude”); ritirare gli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi 2015 sui cambiamenti climatici ; imporre tariffe ai paesi che presumibilmente si impegnano in pratiche commerciali ingiuste verso gli Stati Uniti; costruire un muro lungo il confine USA-Messico per prevenire immigrazione clandestina dall’America Latina; e vietare l’ immigrazione da parte dei musulmani . Trump ha scritto su questi e altri problemi inAmerica paralizzata: come rendere grande l’America (2015).

 

Sulla scia della campagna, Trump si è rapidamente affermato come outsider politico, una posizione che si è rivelata popolare tra molti elettori, specialmente quelli nel Movimento del Tea Party – e spesso superava i sondaggi d’opinione, migliorando i politici repubblicani affermati. Tuttavia, la sua campagna è stata spesso impantanata in controversie, molte delle quali fatte da lui stesso. Nei discorsi e in particolare tramite Twitter , un mezzo sociale che usava spesso, Trump faceva regolarmente osservazioni incendiarie, incluse alcune interpretate come razziste o sessiste. Altri commenti pubblici di Trump, in particolare quelli rivolti ai suoi rivali o detrattori dell’establishment repubblicano, furono ampiamente criticati per la loro insolita belligeranza, il loro tono di bullismo e la loro indulgenza in crudi insulti personali. L’iniziale rifiuto da parte di Trump di condannare il Ku Klux Klan dopo che un ex Klansman lo aveva appoggiato ha anche attirato l’attenzione critica , così come la sua incapacità di ripudiare elementi razzisti tra i suoi sostenitori nel movimento di “estrema destra” (una libera associazione di nazionalisti bianchi autodenunciati, libertari di estrema destra e neonazisti). Mentre i commenti di Trump preoccupavano l’establishment repubblicano, i suoi sostenitori furono contenti della sua combattività e della sua apparente disponibilità a dire qualunque cosa gli passasse per la testa, un segno di onestà e coraggio nella loro stima. Dopo una perdita nei caucus dello Iowa per aprire la stagione primaverile a febbraio 2016, Trump ha rimbalzato vincendo i prossimi tre contest, e ha esteso il suo vantaggio con una forte dimostrazione del Super Tuesday – quando primarie e caucus si sono svolti in 11 stati – a inizio marzo. Dopo una vittoria schiacciante nell’Indiana Primario a maggio, Trump è diventato il presunto candidato repubblicano mentre i suoi ultimi due avversari, Ted Cruz e John Kasich , lasciarono la gara.

Nel luglio 2016 Trump ha annunciato che il governatore dell’Indiana. Mike Pence sarebbe il suo vicepresidente in carica. Alla convention nazionale repubblicana la settimana seguente, Trump fu ufficialmente nominato il candidato del partito. Lì lui e altri relatori hanno criticato aspramente il presunto candidato democratico, ex segretario di stato Hillary Clinton , incolpandola per l’attacco del 2012 al consolato degli Stati Uniti a Bengasi , in Libia , e per aver presumibilmente maltrattato le e-mail classificate dal Dipartimento di Stato usando un server privato di posta elettronica. (All’inizio di luglio l’ FBI annunciò che un’indagine sull’uso dell’e-mail da parte di Clinton come segretario di stato aveva determinato che le sue azioni erano state “estremamente spensierate” ma non criminali.) Trump continuò le sue critiche a Clinton nelle settimane successive, di routine riferendosi a lei come “Crooked Hillary” e ripetutamente giurando di metterla in prigione se fosse stato eletto. La minaccia di Trump di imprigionare il suo avversario politico non ha precedenti nella moderna storia politica americana e non è stata fondata in nessuna potere costituzionale che un presidente degli Stati Uniti avrebbe.

Nonostante abbia promesso nel 2015 che avrebbe rilasciato le sue dichiarazioni dei redditi, come ogni candidato presidenziale di un partito importante aveva fatto dagli anni ’70, Trump più tardi cambiò idea, spiegando che era sottoposto ad audit di routine dall’Internal Revenue Service (IRS) – sebbene non c’era alcun bar legale per rilasciare i suoi rendimenti sotto controllo, come Pres. Richard Nixon aveva fatto nel 1973. Nel gennaio 2017, poco dopo l’insediamento di Trump come presidente, un alto funzionario della Casa Bianca annunciò che Trump non aveva intenzione di rilasciare i suoi ritorni.

Alla fine di luglio, alla vigilia della Convention nazionale democratica, migliaia di e-mail interne del Democratic National Committee (DNC) sono state rilasciate pubblicamente dal sito Web WikiLeaks in uno sforzo apparente per danneggiare la campagna di Clinton. Reagendo ai diffusi sospetti che le e-mail siano state rubate dagli hacker russi , Trump ha incoraggiato pubblicamente i russi a hackerare il server privato di posta elettronica di Clinton per trovare migliaia di e-mail che sosteneva essere state illegalmente cancellate. Un’indagine successiva da parte dell’ufficio di un consulente speciale incaricato di esaminare l’interferenza russa nelle elezioni del 2016 ( vedi sotto indagini della Russia ) ha stabilito che gli hacker russi hanno tentato di irrompere nei server di posta elettronica personali dei funzionari della campagna di Clinton lo stesso giorno, solo ore dopo che Trump ha pubblicato il suo invito.

Dopo la convention democratica, Trump ha continuato a fare commenti controversi e apparentemente estemporanei tramite Twitter e in altri forum che hanno messo in imbarazzo l’establishment repubblicano e hanno seriamente interrotto la sua campagna. Ha attirato critiche particolari per una serie di commenti negativi sulle donne, e nell’ottobre 2016 è emerso un video hot-mic del 2005 in cui raccontava a un reporter di intrattenimento in linguaggio volgare che aveva cercato di sedurre una donna sposata e che “quando tu” sei una stella … puoi fare qualsiasi cosa “, incluso afferrare le donne dai genitali. Sebbene Trump abbia respinto la conversazione come “chiacchiere da spogliatoio”, una serie di 16 donne ha successivamente affermato di essere stata molestata sessualmente o aggredito da Trump in passato. Trump ed i suoi rappresentanti legali hanno negato le accuse e hanno affermato che tutte le donne mentivano; hanno anche notato che Bill Clinton era stato precedentemente accusato di molestie sessuali e aggressione. In parte a causa del video, il sostegno di Trump tra le donne votanti, già basso, ha continuato a calare, e alcuni repubblicani hanno iniziato a ritirare le loro approvazioni.

Circa un’ora dopo l’uscita del video di Trump, WikiLeaks ha pubblicato una raccolta di e-mail che in seguito le indagini accertate erano state rubate dagli hacker russi dall’account di John Podesta , direttore della campagna di Clinton. Lo stesso giorno, la comunità dei servizi segreti degli Stati Uniti ha annunciato pubblicamente la sua valutazione secondo cui il governo russo aveva diretto gli sforzi degli hacker per rubare e rilasciare e-mail sensibili del Partito Democratico e altre informazioni al fine di rafforzare la campagna di Trump e indebolire la fiducia dell’opinione pubblica negli Stati Uniti. istituzioni, compresi i mezzi di informazione. In risposta, Trump ha attaccato la competenza e le motivazioni delle agenzie di intelligence statunitensi e ha insistito sul fatto che nessuno sapeva davvero chi avrebbe potuto essere dietro l’hacking. Un rapporto segreto della CIA al Congresso a dicembre e un rapporto separato ordinato da Obama e rilasciato nel gennaio 2017 ha anche concluso che i russi hanno interferito nelle elezioni, anche attraverso il furto e la pubblicazione di e-mail del Partito Democratico e attraverso una vasta campagna di influenza pubblica che ha usato falsi social media conti per diffondere disinformazione e creare discordia tra gli americani.

Nonostante i suoi continui sforzi per ritrarre Clinton come “storto” e “insider”, Trump l’ha trascinata in quasi tutti i sondaggi. Man mano che il giorno delle elezioni si avvicinava, ripeteva ripetutamente che le elezioni erano “truccate” e che la stampa lo trattava ingiustamente riportando “notizie false”, un termine che usava spesso per denigrare notizie che contenevano informazioni negative su di lui. Non ha ricevuto approvazioni dai maggiori quotidiani. Durante il terzo e ultimo dibattito presidenziale, in ottobre, ha fatto notizia quando ha rifiutato di dire che avrebbe accettato i risultati elettorali.

Otto giorni dopo quel dibattito, la campagna di Trump ha ricevuto una spinta quando il direttore dell’FBI James Comey notificò al Congresso che l’ufficio stava esaminando un sacco di e-mail da un caso non correlato che sembrava pertinente alla sua precedente indagine su Clinton. Trump si è impadronito dell’annuncio come rivendicazione della sua accusa che Clinton era storto. Sei giorni dopo Comey annunciò che le nuove e-mail non contenevano prove di attività criminali. Nonostante il danno che la rivelazione di Comey aveva fatto alla sua campagna elettorale, Clinton mantenne un sottile vantaggio su Trump nei sondaggi degli Stati da battaglia alla vigilia del giorno delle elezioni, e la maggior parte degli esperti e analisti politici rimasero sicuri che avrebbe vinto. Quando il voto è proceduto l’8 novembre 2016, tuttavia, Trump ha battuto Clinton in una catena di stati critici della Rust Belt, ed è stato eletto presidente. Anche se Trump ha vinto il voto collegio elettorale da 304 a 227, e quindi la presidenza, ha perso il voto popolare a livello nazionale di oltre 2,8 milioni. (Dopo le elezioni, Trump ha ripetutamente sostenuto, senza prove, che da tre a cinque milioni di persone avevano votato per Clinton illegalmente.) Trump ha prestato giuramento il 20 gennaio 2017.

La vittoria inaspettata di Trump ha suscitato molte discussioni sulla stampa riguardo l’affidabilità dei sondaggi e gli errori strategici della campagna di Clinton. La maggior parte degli analisti concordava sul fatto che Clinton aveva dato per scontato alcuni dei suoi collegi elettorali (come donne e minoranze) e che Trump aveva sfruttato efficacemente le ansie economiche e il risentimento dei bianchi della classe lavoratrice, in particolare degli uomini.

 

 Donald Trump: chi é il Presidente degli Stati Uniti d'America

Presidenza

Quasi subito dopo essere entrato in carica, Trump ha iniziato a emettere una serie di ordini esecutivi progettati per soddisfare alcune delle sue promesse elettorali e per proiettare un’immagine di azione rapida e decisiva. Il suo primo ordine, firmato il suo primo giorno da presidente, ha diretto che tutti gli “oneri economici e normativi ingiustificati” imposti dall’ACA dovrebbero essere ridotti al minimo in attesa della “pronta abrogazione” di tale legge. Cinque giorni dopo ha diretto il segretario del Dipartimento della Sicurezza Nazionale per iniziare a pianificare la costruzione di un muro lungo il confine meridionale del paese. Un ordine esecutivo sull’etica ha imposto un divieto quinquennale di ” lobbismo ” attività “da ex dipendenti delle succursali, ma hanno indebolito o rimosso alcune restrizioni di lobby imposte dall’amministrazione Obama.

 

Immigrazione

Uno dei più controversi ordini primitivi di Trump, emesso il 27 gennaio, ha implementato il suo promesso “divieto musulmano”, che ha sospeso temporaneamente l’ immigrazione negli Stati Uniti  da sette paesi a maggioranza musulmana nell’interesse della sicurezza nazionale. Il divieto di viaggio, come è venuto per essere conosciuta, è stata immediatamente contestata in tribunale per motivi legali e costituzionali (vale a dire, per la presunta violazione anti- discriminazione e di altre disposizioni della US Immigration and Nationality Act e per essere in contrasto con il giusto processo e clausole sull’istituzione della religione della Costituzione). Ha anche provocato manifestazioni spontanee nei principali aeroporti degli Stati Uniti a sostegno di persone con visti validi a cui era stato impedito di imbarcarsi negli Stati Uniti o che erano stati arrestati all’arrivo e costretti a tornare nei loro paesi di origine. A febbraio un tribunale distrettuale dello stato di Washington ha emesso un ordine restrittivo temporaneo a livello nazionale che impone l’applicazione del divieto di viaggio, che la Corte d’Appello per il Nono Circuito ha rifiutato di rimanere.

Prevedendo un’eventuale sconfitta nei tribunali, Trump a marzo emise un secondo ordine esecutivo, progettato per evitare le insidie ​​costituzionali del primo, che sostituì. Il secondo ordine ha anche fatto cadere l’ Iraq dalla lista dei paesi presi di mira e ha ristretto le categorie di persone il cui viaggio sarebbe stato colpito. Ciononostante, i tribunali distrettuali delle Hawaii e del Maryland hanno emanato ingiunzioni preliminari che bloccano l’applicazione del divieto di viaggio rivisto, che sono stati ampiamente confermati, rispettivamente, a maggio e giugno dalle Corti d’appello del quarto e del nono circuito. Dopo aver accettato a giugno di ascoltare i casi consolidati durante il suo mandato di ottobre 2017, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ridotto significativamente le ingiunzioni, permettendo che il divieto di viaggio fosse applicato nei confronti di “cittadini stranieri che non hanno alcuna relazione in buona fede con una persona o entità negli Stati Uniti”.

A settembre Trump pubblicò una terza versione del divieto, che continuò ad applicarsi agli immigrati provenienti da sei paesi a maggioranza musulmana, ma ora includeva gli immigrati dalla Corea del Nord e alcuni funzionari governativi del Venezuela . La Corte Suprema ha quindi reso vacuo come controverso i casi per i quali era stato previsto di parlare del secondo divieto di viaggio. Il terzo divieto, come i precedenti due, fu immediatamente contestato e ingiunto, ma la Corte Suprema rimase ingiunzioni a dicembre in attesa di revisione da parte del quarto e del nono circuito (che li sostenne). La decisione del Nono Circuito in Trump v. Hawaiiè stato infine annullato dalla Corte Suprema nel giugno 2018. Nella sua sentenza, la Corte ha sostenuto, tra le altre cose, che il divieto non era chiaramente motivato da pregiudizi religiosi incostituzionali, nonostante molte dichiarazioni pubbliche di Trump che avevano indicato diversamente ai tribunali inferiori.

Nell’aprile 2018 l’amministrazione Trump adottò quella che definì una politica di immigrazione “a tolleranza zero” che comportò la separazione forzata e indefinita dei figli minori dai loro genitori in famiglie che avevano attraversato illegalmente il confine tra Stati Uniti e Messico. Almeno dai primi anni del 2010, la maggior parte delle traversate illegali dal Messico erano state intraprese da persone in cerca di asilo dalla violenza e dalle persecuzioni nei loro paesi d’origine, specialmente in America centrale e in Africa . (Secondo la legge sull’immigrazione degli Stati Uniti, le persone straniere che sono fisicamente presenti negli Stati Uniti hanno diritto all’asilo come rifugiati a condizione che possano stabilire un credibile timore di persecuzione nei loro paesi d’origine in base alla loro razza , religione, nazionalità, opinione politica o appartenenza ad alcuni gruppi sociali). In pratica, la politica prevedeva la rimozione dei minori di tutte le età, compresi neonati e bambini piccoli, dalla custodia dei genitori e l’invio a rifugi improvvisati in tutto il paese gestiti dal Dipartimento di salute e servizi umani (DHHS), mentre i loro genitori erano detenuti in carceri o centri di detenzione per attendere l’ingresso illegale. Spesso i genitori non venivano informati sui luoghi in cui si trovavano i loro figli (che in molti casi erano sconosciuti alle autorità perché era stata fatta poca preparazione per tenerne traccia), né venivano solitamente informati quando avrebbero rivisto i loro figli. A metà giugno più di 2.500 bambini erano stati separati da altrettanti genitori e circa 500 genitori erano stati deportati senza i loro figli.

L’amministrazione Trump aveva concepito e inizialmente difeso la politica come un deterrente necessario all’immigrazione economica illegale da parte delle persone che affermavano falsamente la paura della persecuzione. Trump stesso affermava erroneamente che le separazioni erano richieste dalla legge sull’immigrazione esistente e accusavano i Democratici di non cambiarlo, nonostante il controllo del proprio partito su entrambe le Camere del Congresso. Ben presto, tuttavia, le fotografie ampiamente diffuse di bambini visibilmente terrorizzati presi dai genitori e di altri confinati all’interno di recinti recintati che assomigliano a gabbie, hanno portato alla condanna internazionale della politica di separazione, così come le notizie sull’abuso di alcuni bambini nei rifugi. Di fronte alla pressione di agire dai repubblicani del Congresso, a fine giugno Trump ha firmato un ordine esecutivo che termina le separazioni. Una settimana dopo un giudice federale a La California ha ordinato all’amministrazione Trump di riunire tutti i bambini minori con i loro genitori entro 30 giorni.

Come altro aspetto della sua campagna per ridurre l’immigrazione clandestina, l’amministrazione Trump ha anche aumentato notevolmente gli arresti di immigrati privi di documenti da parte dell’Immigration and Customs Enforcement (ICE), un’agenzia del Department of Homeland Securityistituita nel 2003. Durante l’amministrazione Obama l’ICE si era concentrato su immigrati privi di documenti che avevano precedenti penali gravi, ma nel gennaio 2017 Trump ordinò al dipartimento di trovare, arrestare e deportare tutte le persone senza documentazione, indipendentemente da quanto tempo avevano vissuto nel paese o se avessero commesso qualche crimine. In seguito, i funzionari dell’ICE hanno regolarmente condotto incursioni in case private, chiese, scuole, tribune e luoghi di lavoro, in località selezionate in tutto il paese. Sia gli arresti criminali che quelli non penali sono aumentati a livello nazionale rispetto al 2016, ma gli arresti non criminali hanno rappresentato una percentuale molto maggiore del totale. Le incursioni sono state condannate da eminenti democratici e diritti civili organizzazioni draconiane e dispendiose, mentre alcuni gruppi progressisti proclamarono un movimento di “abolizione dell’ICE”. Allo stesso tempo, decine di città e paesi si sono dichiarati “santuari”, promettendo di non collaborare con l’ICE e le altre autorità federali che cercano di rimuovere gli immigrati privi di documenti dalle loro giurisdizioni.

 

Record di Wall Street con il Presidente Trump

Clausola sugli emolumenti

Durante la campagna elettorale presidenziale, alcuni dei critici di Trump avevano avvertito che la sua presidenza poteva creare una crisi costituzionale unica e immediata a causa della sua possibile violazione della clausola sugli emolumenti stranieri della Costituzione degli Stati Uniti, che in generale proibisce agli impiegati federali di accettare doni, pagamenti o altri oggetti di valore da stati o governatori stranieri senza il permesso del Congresso. (Una disposizione costituzionale correlata, nota come clausola sugli emolumenti domestici, proibisce espressamente al presidente di ricevere qualsiasi emolumento dal governo federale o dagli stati al di là del suo compenso ufficiale.) Gli interessi commerciali internazionali vasti, complessi e in gran parte segreti di Trump, è stato sostenuto, potrebbe creare esattamente il tipo di conflitto di interessi che la clausola sugli emolumenti stranieri intendeva prevenire, a meno che Trump non vendesse i suoi beni o li collocasse in una cieca fiducia. Sebbene le leggi federali sul conflitto di interessi non si applichino al presidente e al vicepresidente,

Per affrontare tali preoccupazioni, nel gennaio 2017 Trump annunciò che avrebbe ceduto il controllo – ma non la proprietà – della sua compagnia, la Trump Organization, a due dei suoi figli; che la società non intraprenderebbe nuovi accordi commerciali con Stati esteri o il governo degli Stati Uniti; e che la società avrebbe donato al Tesoro americano qualsiasi profitto derivante dal patrocinio delle proprietà di Trump da parte di governi stranieri – un accordo che non soddisfaceva alcuni specialisti dell’etica governativa. Alla fine di gennaio un gruppo di interesse pubblico , Citizens for Responsibility and Ethics a Washington (CREW), successivamente raggiunto da altri querelanti, ha fatto causa nel tribunale distrettuale federale di Manhattan, sostenendo che Trump era in violazione della clausola sugli emolumenti stranieri. A giugno i procuratori generali del Maryland e del distretto di Columbia denunciato Trump per presunta violazione delle clausole sugli emolumenti esteri e nazionali, e poco dopo quasi 200 membri del Congresso democratico hanno presentato una causa separata sostenendo che, continuando ad accettare emolumenti da stati stranieri senza consultare il Congresso, Trump aveva negato loro l’opportunità di o trattenere il loro “consenso” come richiesto dalla clausola sugli emolumenti stranieri. Dopo che la causa del CREW è stata respinta (per mancanza di posizione) a dicembre, i ricorrenti hanno presentato ricorso alla Corte d’appello per il secondo circuito nel febbraio 2018. A marzo e luglio 2018 un tribunale federale ha respinto le mozioni dell’amministrazione Trump per respingere il vestito dal Maryland e dal Distretto di Columbia, permettendo al caso di procedere al processo.

 

 Economia Stati Uniti Vola + 4,1% Pil nel 2018: la politica di Trump è vincente

Corte Suprema

Nel gennaio 2017 Trump ha fatto bene alla sua promessa di piazzare giudici conservatori sulla Corte Suprema  nominando Neil Gorsuch , un giudice della Corte d’Appello per il Decimo Circuito, per riempire il seggio divenuto vacante con la morte, nel febbraio 2016, di Antonin Scalia . Anche se Obama aveva proposto Merrick Garland , un moderato giudiziario, come sostituto di Scalia, il Senato controllato dai repubblicani rifiutò di programmare un voto o persino di tenere audizioni sulla nomina di Garland, preferendo scommettere sul fatto che un repubblicano avrebbe vinto le elezioni e avrebbe nominato una giustizia più conservatrice. Gorsuch è stato confermato dal Senato ad aprile dopo che i repubblicani del Senato hanno superato un ostruzionismo democratico rimuovendo il tradizionale minimo di 60 voti necessario per porre fine al dibattito e procedere al voto.

Nel luglio 2018 Trump ha nominato un altro giudice di corte d’appello, Brett Kavanaugh del District of Columbia Circuit, in sostituzione del giudice uscente della Corte Suprema Anthony Kennedy . Nelle udienze davanti alla Commissione giudiziaria del Senato a settembre, una conoscenza dell’infanzia di Kavanaugh,Christine Blasey Ford , ha testimoniato di averla molestata sessualmente quando erano minorenni nel Maryland e che durante l’aggressione stava “inciampando ubriaco”. Kavanaugh è stato anche accusato di un atto separato di violenza sessuale da parte di un ex compagno di classe della Yale University , Deborah Ramirez; e una terza accusatrice, Julie Swetnick, dichiarò in una dichiarazione giurata che Kavanaugh aveva partecipato a feste in cui si svolgevano violenze di gruppo. Nella sua testimonianza, Kavanaugh ha negato con rabbia le accuse, insistendo sul fatto che erano il prodotto di una cospirazione dei Democratici per vendicarsi a nome dei “Clinton” per il ruolo di Kavanaugh come membro del team legale del consulente indipendente Kenneth Starr.durante l’indagine di quest’ultimo negli anni ’90 del Pres. USA La relazione di Bill Clinton con la stagista della Casa Bianca Monica Lewinsky . Una successiva indagine supplementare da parte dell’FBI , ordinata da Trump, fu limitata nella durata e nella portata: Kavanaugh, Ford e Swetnick non furono intervistati; dozzine di testimoni raccomandati all’FBI da Ford e Ramirez non furono contattati; e le offerte di prove corroboranti da parte di numerose altre persone non sono state prese in considerazione. Dopo che il presidente repubblicano del comitato giudiziario ha dichiarato che l’FBI era confidenzialeil rapporto aveva trovato “nessuna conferma” delle accuse, Kavanaugh era stato confermato in modo stretto dal Senato in ottobre. La testimonianza emotivamente avvincente di Ford – e la convinzione che molte donne di entrambi i partiti politici erano state trattate ingiustamente – galvanizzò il movimento #MeToo  e rafforzate percezioni del Partito Repubblicano e dell’amministrazione Trump come insensibili alle preoccupazioni delle donne. Nel frattempo, Trump difendeva Kavanaugh come una vittima della persecuzione e sosteneva che il movimento #MeToo aveva creato un clima pericoloso per gli uomini.

Trump ha anche nominato con successo un numero record di giudici della corte d’appello, occupando diversi seggi che erano stati lasciati vacanti dal rifiuto dei repubblicani del Senato di confermare quasi tutti i candidati alla corte d’appello di Obama durante gli ultimi due anni della presidenza di Obama. A luglio del 2018 circa un settimo dei seggi del tribunale d’appello del paese erano occupati dai nominati da Trump.

 

Appuntamenti del governo

Trump impiegò un tempo insolitamente lungo per riunire il suo gabinetto, in parte perché molte delle sue nomine a posizioni che richiedevano la conferma del Senato furono ostruite dai Democratici. Il suo gabinetto era anche insolito in quanto era il meno eterogeneo in decenni e di gran lunga il più ricco nella storia degli Stati Uniti. Alcune delle nomine a livello di governo di Trump erano strettamente associate alle imprese o alle industrie che le loro agenzie erano incaricate di sorvegliare o erano ben note per essersi opposte alle missioni di base delle loro agenzie in passato. Particolarmente controverso sono stati la scelta di Trump per il capo del Environmental Protection Agency (EPA),Scott Pruitt , che come procuratore generale dell’Oklahoma aveva passato gran parte della sua carriera facendo causa all’EPA per conto dell’industria petrolifera e del gas, e alla scelta di Trump per il segretario dell’istruzione, Betsy DeVos , che aveva spesso espresso disprezzo per l’istruzione pubblica promuovendo e sostenendo finanziariamente la legislazione sui voucher scolastici e le scuole charter e private.Steve Bannon , ex capo di Breitbart News, una piattaforma editoriale di estrema destra, è stato nominato capo stratega, ma ha lasciato l’amministrazione dopo sette mesi nell’agosto 2017. Trump ha dato anche suo genero, Jared Kushner e sua figlia Ivanka Trump ha ricoperto ruoli preminenti (anche se non retribuiti) come consigliere senior del presidente e assistente del presidente, rispettivamente.

Durante i primi 18 mesi della sua amministrazione, diversi membri del governo di Trump furono accusati di violazioni di etica, comprese violazioni dei regolamenti di viaggio o leggi anti-lobby e uso inappropriato delle risorse delle loro agenzie. Nel settembre 2017 Tom Price ha rassegnato le dimissioni da segretario per la salute e i servizi umani dopo che le notizie hanno rivelato di aver speso circa $ 400.000 su velivoli di lusso noleggiati per viaggi in Europa e negli Stati Uniti . Anche il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, il segretario dell’interno Ryan Zinke e il segretario agli affari dei veterani David Shulkin sono stati criticati per l’uso inappropriato di aerei charter o militari. All’inizio del 2018 Ben Carson , il segretario per gli alloggi e lo sviluppo urbano, è stato indagato da un comitato di supervisione della Camera per aver speso una somma eccessiva sui mobili per il suo ufficio governativo. Più tardi quell’anno, Pruitt fu costretto a dimettersi in qualità di amministratore dell’EPA dopo una lunga serie di scandali riguardanti spese discutibili, l’uso di dipendenti EPA come assistenti personali, regali inappropriati da parte di lobbisti e l’uso di indirizzi e-mail non divulgati per gli affari EPA.

 

Indagine della Russia

Nel febbraio 2017 il nuovo consulente per la sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn , fu costretto a dimettersi dopo che le notizie della stampa rivelarono che Flynn aveva continuato a prestare servizio nella Casa Bianca nonostante un avvertimento del Dipartimento di Giustizia che era vulnerabile al ricatto russo per aver mentito al Vice Presidente Pence sulla sostanza di una conversazione telefonica tra Flynn e l’ambasciatore russo negli Stati Uniti nel dicembre 2016. I contatti di Flynn con l’ambasciatore, sia prima che dopo le elezioni, erano stati monitorati dall’FBI come parte della sua sorveglianza di routine delle comunicazioni dell’ambasciatore e in connessione con un’indagine allora segreta da luglio 2016 di possibile collusione tra funzionari russi e membri di spicco della campagna di Trump. Quell’indagine era stata avviata da informazioni fornite all’FBI dalle autorità australiane, che a maggio avevano riferito di questo George Papadopoulos , un consigliere di politica estera nella campagna di Trump, aveva informato un diplomatico australiano a Londra che la Russia aveva “sporcizia” su Clinton , un evidente riferimento alle e-mail rubate che erano state finalmente rilasciate da Wikileaks a luglio. La speculazione sulla stampa riguardante l’esistenza dell’indagine era stata ripetutamente respinta da Trump come “finta notizia”, ​​ma è stata confermata da Comey in una testimonianza davanti al Congresso a marzo, durante la quale ha anche contraddetto l’affermazione di Trump che Obama aveva spiato la campagna Trump toccando i telefoni di Trump. I membri del Congresso democratici, nel frattempo, hanno espresso sgomento per il fatto che Comey abbia scelto di segnalare la scoperta di ulteriori e-mail di Clinton in ottobre, ma ha aspettato fino a dopo le elezioni per rivelare l’indagine della Russia.

Dopo che Comey ha testimoniato nuovamente a maggio delle interferenze della Russia nelle elezioni, Trump lo ha bruscamente licenziato, apparentemente su raccomandazione del Dipartimento di Giustizia, che in un promemoria sollecitato da Trump ha criticato Comey per le sue rivelazioni pubbliche riguardanti le e-mail di Clinton. Un giorno dopo Trump ha detto ai funzionari russi in un incontro alla Casa Bianca che il suo licenziamento di Comey aveva sollevato “una grande pressione” su di lui e che Comey era “un vero pazzo”. Trump riconobbe presto che aveva intenzione di licenziare Comey indipendentemente dalle raccomandazioni del Dipartimento di Giustizia e che “questa cosa della Russia” era un fattore nella sua decisione. Più tardi quel mese la stampa ottenne una copia di un memo scritto da Comey che riassumeva una conversazione tra Comey e Trump a una cena alla Casa Bianca a gennaio. La nota affermava che Trump aveva chiesto a Comey di impegnarsi con “lealtà” nei suoi confronti e che Trump aveva chiesto indirettamente che Comey abbandonasse le indagini dell’FBI su Flynn. Il memo ha immediatamente sollevato preoccupazioni, anche tra alcuni repubblicani, sul fatto che le azioni di Trump potrebbero aver costituito un ostacolo alla giustizia. Il Dipartimento di Giustizia ha quindi annunciato la nomina dell’ex direttore dell’FBI Robert Mueller come consigliere speciale per supervisionare le indagini dell’FBI sull’interferenza russa nelle elezioni e la possibile collusione tra i funzionari russi e la campagna di Trump. Mueller è stato inoltre autorizzato a indagare e perseguire eventuali reati federali derivanti direttamente o commessi nel corso delle indagini, tra cui l’ostruzione della giustizia e dello spergiuro .

La testimonianza di Comey in giugno prima della Commissione per l’Intelligence del Senato, che, come il Comitato di Intelligence della Camera, stava conducendo una propria indagine, è stata trasmessa in diretta su televisione , radio e Internet . Molti americani hanno guardato da bar e ristoranti , che hanno aperto presto in alcune parti del paese per fornire luoghi per la visualizzazione del tanto atteso evento. Comey ha accusato Trump e altri funzionari dell’amministrazione di mentire sull’efficacia di Comey come direttore dell’FBI, e ha attribuito il suo essere licenziato al presunto presunto Trumpdesiderio di chiudere l’indagine della Russia. Comey ha anche rivelato che, dopo essere stato licenziato, ha indirettamente trapelato il memo che ha raccontato la sua conversazione a cena con Trump nella speranza di innescare la nomina di un consigliere speciale che avrebbe continuato l’inchiesta russa.

All’inizio di luglio 2017 la stampa ha riferito che a giugno 2016 i membri senior della campagna di Trump, compreso il suo presidente, Paul Manafort , così come Jared Kushner e il figlio di TrumpDonald, Jr., si era incontrato segretamente a Trump Tower con un avvocato associato al governo russo. In risposta, Donald, Jr., emise una dichiarazione in cui affermava che l’incontro aveva riguardato principalmente le adozioni di bambini russi da parte degli americani e che non aveva saputo in anticipo chi sarebbe appartenuto alla parte russa. Tre giorni dopo la stampa riportò l’esistenza di e-mail precedenti l’incontro in cui il pubblicista britannico Rob Goldstone (che aveva aiutato Donald Trump, Sr., a organizzare il concorso Miss Universo del 2013 a Mosc Donald Jr. notificò che il governo russo possedeva “documenti e informazioni” incriminanti su Clinton e si offrì di organizzare un incontro per convogliarli attraverso un “avvocato del governo russo”. La partecipazione a un tale incontro era potenzialmente un crimine sotto la campagna degli Stati Uniti diritto finanziario , che generalmente vieta di accettare o sollecitare l’assistenza straniera in connessione con un’elezione degli Stati Uniti. Anticipando la pubblicazione delle e-mail, Donald, Jr., ha pubblicato la sua corrispondenza con Goldstone su Twitterma sosteneva che non erano state fornite informazioni incriminanti su Clinton. Durante i mesi successivi, i membri dell’amministrazione Trump, gli avvocati di Trump e Trump e suo figlio hanno emesso periodicamente resoconti contrastanti sull’incontro, mentre periodicamente venivano resi noti ulteriori dettagli sulla stampa. Nel mese di settembre 2017 Donald, Jr., ha affermato in una testimonianza davanti alla Commissione giudiziaria del Senato che “non ha colluso con nessun governo straniero”.

Nel mese di gennaio 2018 il team legale del presidente Trump ha riconosciuto in una nota alle indagini Mueller che lo stesso Trump aveva dettato l’iniziale falso resoconto dell’incontro, contraddicendo le precedenti dichiarazioni dei suoi avvocati e dai segretari stampa della Casa Bianca. Nell’agosto 2018 Trump ha ammesso via Twitter che lo scopo dell’incontro era “ottenere informazioni su un avversario”, ma ha insistito sul fatto che l’incontro era perfettamente legale, che nessuna informazione era imminente e che non sapeva della riunione in anticipo. Ripetendo le accuse, le minacce e gli insulti personali che aveva fatto spesso su Twitter e nei discorsi dall’inizio dell’indagine sulla Russia, ha nuovamente insistito sul fatto che non c’era stata collusione tra la sua campagna e la Russia, che l’inchiesta di Mueller era politicamente parziale”Caccia alle streghe” e che funzionari dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia che erano stati coinvolti nelle indagini erano corrotti e disonesti. Inoltre, per la prima volta, pubblicamente (su Twitter) ha invitato il procuratore generale Jeff Sessions per porre fine all’indagine licenziando Mueller – un potere, tuttavia, che Sessions non possedeva, essendosi ricusato nel marzo 2017 dopo le rivelazioni dei suoi precedenti contatti non rivelati con l’ambasciatore russo come membro della campagna Trump di settembre il 2016.

Nell’ottobre 2017 l’inchiesta Mueller ha annunciato un accordo di patteggiamento con Papadopoulos in cui ha ammesso di mentire all’FBI e si è impegnato a collaborare con le indagini in cambio della sua promessa di non processarlo per accuse più gravi. Più tardi quel mese la squadra di Mueller rivelò anche un’accusa di 12 conteggi contro Manafort e il suo socio Rick Gates (che lui stesso era stato un consigliere della campagna di Trump), accusandoli di riciclaggio di denaro, evasione fiscale e frodi bancarie in connessione con le attività di consulenza e lobbying di Manafort per conto di partiti e leader politici ucraini tra il 2006 e il 2015. A novembre Michael Flynn si è dichiarato colpevole di aver mentito all’FBI, e nel febbraio 2018 sono state intentate ulteriori accuse contro Manafort e Gates in un’accusa superseding, portando Gates a raggiungere un accordo di patteggiamento. La testimonianza di Gates al processo di Manafort in luglio-agosto è stata determinante per assicurare la condanna di quest’ultimo a otto capi criminali. Affrontando un secondo processo per ulteriori accuse di crimine in settembre, Manafort ha raggiunto il suo accordo con l’inchiesta Mueller quel mese.

Sempre nel febbraio 2018 l’inchiesta Mueller incriminò 13 cittadini russi e tre organizzazioni russe con l’accusa di cospirazione per frodare gli Stati Uniti interferendo nei suoi processi politici ed elettorali, comprese le elezioni del 2016. L’accusa sosteneva che i singoli imputati, che lavoravano in parte attraverso le strutture fornite dall’Istituto di ricerca Internet (IRA) a San Pietroburgo , creavano centinaia di identità dei social media fittizie e rubate per diffondere “informazioni dispregiative” su Clinton e sostenere Trump. Secondo l’accusa, hanno anche compiuto sforzi per scoraggiare le minoranze dal voto, promosse accuse di frode elettorale da parte del Partito Democratico, acquistò pubblicità politica sui social media e usò false identità statunitensi per organizzare raduni politici sul terreno in diversi stati. Trump ha risposto alle accuse su Twitter, riconoscendo l’interferenza russa nelle elezioni ma affermando falsamente che l’accusa aveva stabilito che non c’era alcuna collusione tra la Russia e la campagna di Trump e che il risultato delle elezioni non era stato influenzato, un’affermazione ripetuta dal suo squadra legale e funzionari della Casa Bianca.

Agendo su un rinvio dall’indagine Mueller, in aprile l’FBI ha fatto irruzione nella casa e nell’ufficio di Michael Cohen, l’avvocato personale di Trump, che ha raccolto record aziendali e registrazioni di conversazioni telefoniche tra Cohen e i suoi clienti, tra cui Trump. Secondo quanto riportato dalla stampa, Cohen era indagato su accuse di evasione fiscale, frodi bancarie e violazioni della legge finanziaria delle campagne in relazione al suo ruolo nel fare o organizzare pagamenti nel 2016 a Stephanie Clifford, un’attrice di film per adulti, e Karen McDougal, un modello, in adempimento degli accordi di non divulgazione riguardanti i loro presunti affari con Trump nel 2006-07. A marzo entrambe le donne hanno intentato cause legali per far dichiarare invalidi i loro accordi. Cohen alla fine si è dichiarato colpevole di otto reati criminali nell’agosto 2018 in un’audizione alla quale ha dichiarato sotto giuramento che Trump gli aveva ordinato di organizzare i pagamenti a Clifford e McDougal.

Nel luglio 2018 Mueller incriminò 12 agenti dei servizi segreti russi per aver cospirato per interferire nelle elezioni del 2016 rubando migliaia di e-mail e altri documenti dai server informatici del Partito Democratico e dalla campagna di Clinton e pubblicandoli pubblicamente attraverso identità fittizie dei social media e Wikileaks. L’accusa ha anche imposto agli ufficiali di irrompere nella rete di computer di almeno un consiglio statale per le elezioni e di rubare dati a circa 500.000 elettori. L’annuncio dell’atto d’accusa spinse Trump a esprimere nuovamente il dubbio che la Russia fosse responsabile dell’interferenza, come aveva fatto in diverse occasioni dall’inizio dell’indagine della Russia, e di affermare nuovamente che l’FBI era corrotta e disonesta per non aver perseguito un criminale indagine di Clinton.

L’annuncio dell’atto di accusa preceduto da soli tre giorni da un incontro al vertice di Helsinki tra Trump e Pres. Russo.Vladimir Putin , che le agenzie di intelligence statunitensi avevano precedentemente identificato come aver ordinato all’operazione russa di interferire nelle elezioni del 2016. Dopo il loro incontro, alla conferenza stampa congiunta Trump è stato chiesto se riteneva che la valutazione delle agenzie di intelligence USA che la Russia avesse interferito nelle elezioni o invece avesse accettato la negazione del coinvolgimento russo da parte di Putin. Nella sua risposta, Trump ha criticato l’FBI per non aver trovato le e-mail presumibilmente cancellate da Clinton, ha dichiarato di non sapere perché la Russia “sarebbe” responsabile per l’interferenza, e ha accreditato a Putin un rifiuto “estremamente forte e potente” . In quelle e altre osservazioni, Trump era ampiamente percepito, anche da molti repubblicani, come capitolare a Putin e acconsentito in un attacco agli Stati Uniti da parte di una potenza straniera ostile. Reagendo alla tempesta delle critiche, il giorno successivo Trump ha dichiarato alla stampa che avrebbe voluto dire di non sapere perché la Russia ” non sarebbe stata” responsabile.

 

Assistenza sanitaria , welfare

Uno dei primi obiettivi dell’amministrazione Trump, come riflesso nel primo ordine esecutivo di Trump , fu l’abrogazione di Obamacare (la Affordable Care Act , o ACA), che Trump aveva da tempo deriso – anche prima di annunciare la sua candidatura presidenziale – come un costoso fallimento. Durante la sua campagna, Trump aveva promesso che avrebbe sostituito l’ACA con un disegno di legge che avrebbe fornito una copertura migliore con premi più bassi, e ha promesso che nessuno avrebbe perso l’assicurazione sanitaria secondo il suo piano. Tuttavia, i dettagli del disegno di legge, chiamato in House of Representatives il American Health Care Act (AHCA), si è dimostrato controverso anche all’interno del proprio partito. Perché Trump non aveva elaborato un piano specifico di suo, è stato costretto a fare affidamento su repubblicani nella Camera di redigere una sostanziale disegno di legge che ridurrebbe il coinvolgimento del governo nel mercato delle assicurazioni sanitarie senza privare milioni di americani della copertura che avevano acquistato sotto l’ACA. I repubblicani non avevano però un’alternativa dettagliata in mano, causando un ritardo nella promessa abrogazione della legge da parte di Trump.

All’inizio di marzo 2017 i repubblicani di House hanno presentato il loro piano, che prevedeva l’eliminazione degli ACA “mandato individuale “(il requisito che la maggior parte degli americani ottenga un’assicurazione sanitaria o paghi una sanzione), una riduzione dei crediti d’imposta individuali per l’acquisto di assicurazioni, tagli ai finanziamenti federali Medicaid e quasi $ 1 trilione di tagli fiscali su un periodo di 10 anni, compresi 274 miliardi di dollari in tagli a persone che guadagnano almeno $ 200.000 all’anno. IlIl Congressional Budget Office (CBO) inizialmente aveva stimato che il piano avrebbe ridotto il deficit federale di $ 337 miliardi in 10 anni rispetto alla legge corrente, ma avrebbe anche aumentato il numero di persone non assicurate di 24 milioni nello stesso periodo. Il disegno di legge ha subito subito obiezioni da parte di repubblicani moderati e conservatori. Il primo temeva che troppe persone avrebbero perso la copertura a prezzi accessibili, mentre quest’ultimo si lamentava che il piano lasciava troppe disposizioni onerose dell’ACA in essere. Le ansie dei moderati in particolare sono state amplificate dal feedback rabbioso che hanno ricevuto negli incontri del municipio in tutto il paese dagli elettori chi temeva la perdita della loro assicurazione sanitaria. Incapaci di superare le divergenze tra le due fazioni, alla fine di marzo la direzione della Camera ritirò il disegno di legge senza un voto: una sconfitta importante per Trump, che aveva fatto dell’abrogazione e della sostituzione dell’ACA un fulcro della sua campagna.

Sei settimane dopo, l’Assemblea approvò di poco una versione riveduta dell’AHCA sull’opposizione unanime dei Democratici. Una successiva analisi CBO prevedeva che la nuova versione ridurrebbe il deficit di $ 119 miliardi in 10 anni rispetto alla legge corrente, ma aumenterebbe il numero di non assicurati di 23 milioni.

Poco dopo che l’AHCA fu approvata, i Repubblicani al Senato, lavorando in gran parte in segreto e senza il contributo dei Democratici, iniziarono a creare il loro stesso sostituto per l’ACA, inizialmente chiamato Better Care Reconciliation Act (BCRA). Come l’AHCA, il BCRA, in numerose versioni sotto vari nomi, avrebbe diminuito il deficit ma aumentato significativamente il numero di non assicurati, e avrebbe aumentato i premi assicurativi nel primo anno dopo il suo passaggio, secondo le analisi rilasciate dal CBO in fine giugno. Il BCRA ha quindi affrontato le stesse critiche che avevano assillato la misura della Camera, rivelando profonde divisioni tra i repubblicani del Senato che desideravano limitare la perdita dell’assicurazione sanitaria nei loro stati e coloro che miravano a smantellare il più possibile l’attuale legge. Alla fine, entro una settimana a fine luglio, il Senato votò tre progetti di legge: l’abrogazione delle principali disposizioni dell’ACA senza sostituzione immediata; un relativamente completo abrogazione e sostituzione dell’ACA; e un’abrogazione e una sostituzione più modeste “magre”. Nonostante le considerevoli pressioni politiche sui repubblicani del Senato dall’amministrazione Trump, tutte e tre le misure fallirono.

Essendo stati infruttuosi nei loro tentativi di abrogare e sostituire l’ACA, i Repubblicani al Congresso e l’amministrazione Trump perseguirono una serie di misure volte a indebolire cumulativamente la legge rendendo l’assicurazione sanitaria meno accessibile, meno accessibile e meno efficace (attraverso riduzioni in copertura e altre misure), una strategia che Trump ha descritto come autorizzata ad “esplodere” Obamacare. Quelle modifiche, alcune delle quali precedettero il fallimento delle alternative repubblicane all’ACA al Senato, includevano il taglio dei fondi per la pubblicità e per assistenza con l’iscrizione a Obamacare; ridurre drasticamente i periodi di iscrizione aperti; cessare le sovvenzioni per la condivisione dei costi che hanno permesso alle compagnie di assicurazione di ridurre le spese vive per gli americani a basso e medio reddito; e abrogando (efficace nel 2019) il ” mandato individuale” dell’ACA, “Che aveva richiesto a tutti gli americani di ottenere un’assicurazione sanitaria o pagare una sanzione. (L’ultima misura faceva parte della legislazione fiscale repubblicana redatta in segreto e approvata senza sostegno democratico nel dicembre 2017. Trump ha firmato la misura a fine mese.Una successiva analisi da parte della CBO ha determinato che la legislazione, che tra l’altro ha ridotto l’aliquota dell’imposta sulle società dal 35 al 21 percento, aumenterebbe il deficit federale di circa $ 1,8 trilioni in un periodo di 10 anni.) Nel novembre 2017 uno studio del CBO aveva stimato che l’abrogazione del mandato individuale e il fatto di non apportare altre modifiche all’ACA avrebbero aumentato il numero di persone non assicurate di 13 milioni dopo 10 anni e aumento dei premi del 10% nella maggior parte degli anni fino al 2027. Altre modifiche hanno incluso il permesso agli Stati di imporre requisiti lavorativi alle persone che ricevono Medicaid; consentire la creazione di “piani sanitari dell’associazione” che offrano meno benefici sanitari essenziali rispetto ai piani previsti dall’ACA e impongono premi più elevati a determinati iscritti in base a fattori quali sesso, occupazione e età; e permettendo la vendita di piani a breve termine che fornirebbero benefici minimi e non coprirebbero i servizi medici per condizioni preesistenti.

 

Politica ambientale

Uno dei settori in cui l’amministrazione Trump era in grado di muoversi rapidamente per attuare le sue politiche era l’ ambiente , in parte perché molti dei cambiamenti che cercava potevano essere raggiunti attraverso l’azione esecutiva di Trump o dei suoi incaricati. Altri cambiamenti sono stati intrapresi attraverso la legislazione adottata dal Congresso, la cui maggioranza repubblicana ha generalmente condiviso le opinioni ambientali di Trump. A gennaio, ad esempio, Trump ha firmato un memorandum per accelerare l’approvazione e il completamento delDakota Access eOleodotti Keystone XL , entrambi bloccati dall’amministrazione Obama per motivi ambientali. A febbraio Trump ha firmato una legge per bloccare una norma del Dipartimento degli Interni che avrebbe limitato lo scarico di rifiuti tossici da estrazione mineraria in corsi d’acqua e altri corsi d’acqua. A marzo Trump ha firmato un ordine esecutivo che ha annullato varie politiche e programmi dell’era di Obama relativi ai cambiamenti climatici , tra cui un blocco del 2016 sulle nuove locazioni di carbone sulle terre federali. Nello stesso mese, l’amministratore dell’EPA Pruitt ha ritirato una richiesta EPA che le compagnie petrolifere e del gas naturale segnalano le emissioni di metano dalle loro strutture e ha respinto un divieto totale del pesticida clorpirifos, contro il parere degli stessi scienziati dell’EPA. Altre decisioni importanti hanno incluso la drastica riduzione delle dimensioni dei monumenti nazionali creati da Obama e da Pres. Bill Clinton; rescindere l’amministrazione Obama Clean Power Plan , un insieme di normative EPA che aveva mandato una riduzione del 32 per cento delle emissioni di carbonio dal settore energetico degli Stati Uniti tra il 2005 e il 2030; la revoca degli standard di efficienza del carburante per auto e camion leggeri sviluppati dall’EPA durante l’amministrazione Obama; e proponendo numerose modifiche alla legge sulle specie in via di estinzione (ESA) che indebolirebbe le protezioni legali per gli animali in via di estinzione e in pericolo e renderemmo più difficile la quotazione delle specie minacciate.

Indubbiamente la decisione ambientale più importante della nuova amministrazione Trump è stata l’annuncio di Trump a giugno che gli Stati Uniti si ritirerebbero dal Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, in base al quale gli Stati Uniti e altri 194 paesi hanno concordato una vasta gamma di misure intese a limitare gli aumenti potenzialmente catastrofici delle temperature medie globali durante il XXI secolo e ad attenuare le conseguenze economiche del riscaldamento globale . Trump ha sostenuto che l’accordo avrebbe danneggiato l’economia americana (attraverso la riduzione del governo su mandato nel paese di gas serra emissioni) ed è stato per altri aspetti ingiusta e persino umiliante per gli Stati Uniti storicamente il più grande emettitore di gas serra e nei primi anni del 21 ° secolo il secondo più grande emettitore dopo la Cina. La decisione di Trump è stato condannato da governo e leader politici, scienziati, dirigenti d’azienda, e gli attivisti di tutto il mondo, ma ha elogiato dai repubblicani al Congresso, che hanno visto come una riaffermazione dell’indipendenza americana negli affari mondiali e il ripudio delle politiche ambientali dell’amministrazione Obama . Come Trump, molti legislatori repubblicani dubitavano che il cambiamento climatico fosse reale, mentre altri dubitavano delle origini umane del riscaldamento globale.

 

Politica estera

Uno dei temi principali della campagna presidenziale di Trump era il suo punto di vista secondo cui gli Stati Uniti erano stati a lungo trattati ingiustamente o sfruttati da altri paesi, inclusi alcuni tradizionali alleati degli Stati Uniti, e che sotto la guida di Obama gli Stati Uniti avevano cessato di essere rispettati negli affari mondiali . In numerosi discorsi, tweet e interviste, ha minacciato di imporre tariffe ai paesi che si sono impegnati in quelle che considera pratiche commerciali scorrette; aspramente criticato ilOrganizzazione mondiale del commercio (OMC); e ha promesso di rinegoziare il NAFTA (il Accordo di libero scambio nordamericano ), che ha definito “il peggior affare commerciale” che gli Stati Uniti abbiano mai firmato. Ha anche criticato la NATO (ilOrganizzazione del Trattato del Nord Atlantico ), respingendo l’alleanza come “obsoleta”, ma anche insistendo sul fatto che altri paesi della NATO destinano più del loro budget alla spesa per la difesa. Nel gennaio 2017 ha ritirato gli Stati Uniti dalTrans-Pacific Partnership , un accordo commerciale regionale tra 12 paesi del Pacifico che è stato un importante risultato della politica estera dell’amministrazione Obama. (L’azione di Trump era in gran parte simbolica, comunque, perché il Congresso non aveva mai ratificato il trattato).

A gennaio e marzo 2018 l’amministrazione Trump annunciò tariffe elevate sulle importazioni di pannelli solari (del valore di $ 8,5 miliardi l’anno) e lavatrici (del valore di $ 1 miliardo), destinate in particolare alla Cina e alla Corea del Sud e alle importazioni di alluminio e acciaio (del valore di $ 48) miliardi) realizzati in diversi paesi, la maggior parte dei quali alleati degli Stati Uniti (le prime esenzioni dai dazi sull’alluminio e sull’acciaio concessi al Canada , all’Unione europea [UE] e al Messico sono stati revocati a giugno). Respingere le avvertenze e le critiche degli economisti e degli imprenditori che le tariffe potrebbero innescare una guerra commerciale , Trump ha insistito in un tweet che “le guerre commerciali sono buone e facili da vincere”. In aprile la Cina ha imposto tariffe di ritorsione su una varietà di beni statunitensi del valore di $ 2,4 miliardi all’anno, circa l’ammontare del dollaro delle importazioni cinesi di alluminio e acciaio colpite da le tariffe Trump. L’UE ha seguito l’esempio a giugno con le tariffe sulle importazioni statunitensi per un valore di $ 3,2 miliardi, così come il Canada a luglio con tariffe per $ 12,8 miliardi di merci statunitensi. In seguito alla sua constatazione ufficiale che i cinesi si erano impegnati in pratiche commerciali sleali, a giugno l’amministrazione Trump annunciò piani tariffari per ulteriori $ 50 miliardi di dollari in prodotti cinesi, inducendo la Cina ad annunciare dazi comparabili. Furono presto seguite minacce e controprove di tariffe addizionali e, a luglio, i due paesi furono impegnati in una vera e propria guerra commerciale.

Le tariffe di Trump e la sua antipatia nei confronti dell’OMC hanno offuscato la riunione dei primi di giugno del Gruppo dei 7 a Quebec , in Canada, caratterizzata da teso disaccordo tra Trump e gli altri leader del G7 sul linguaggio del libero scambio nel comunicato finale della riunione, di solito un blando formalità. Dopo la partenza anticipata di Trump dall’incontro, il primo ministro canadeseJustin Trudeau ha ribadito la riluttante determinazione del suo Paese a rispondere in natura alle tariffe di Trump su alluminio e acciaio. Reagendo alle osservazioni di Trudeau da un volo per Singapore a bordo dell’Air Force One , Trump ha ritirato la sua approvazione del comunicato e ha definito Trudeau “disonesto e debole”. A Singapore Trump ha tenuto uno storico incontro con il leader nordcoreano Kim Jong-Un , il primo incontro faccia a faccia tra i leader seduti dei due paesi. Sebbene Trump abbia dichiarato dopo l’incontro che “non c’è più una minaccia nucleare dalla Corea del Nord”, non è chiaro quali impegni concreti la Corea del Nord abbia fatto al disarmo nucleare. A luglio Trump ha presenziato all’incontro annuale del vertice della NATO a Bruxelles , dove in un discorso ha definito “deliquenti” altri paesi della NATO e ha insistito affinché aumentassero le loro spese per la difesa “immediatamente”. L’incontro si è concluso con un comunicato congiunto in cui i paesi membri hanno continuare i loro sforzi per dedicare il 2% del loro PIL alla spesa per la difesa entro il 2024, un obiettivo che avevano concordato nel 2014.

 

Stile e retorica

Lo stile personale di Trump era insolito, se non unico, tra personaggi politici nazionali nella storia moderna degli Stati Uniti. In parte riflettendo le sue esperienze come una figura di spicco nel settore immobiliare newyorkese, Trump è stato ferocemente competitivo oltre che intensamente interessato a dimostrare il suo successo e le sue conquiste agli altri. Infatti, fin dall’inizio della sua carriera, ha coltivato e amava la sua reputazione di uomo d’affari accorto, un’immagine che spesso lo aiutava nei suoi affari immobiliari e che alla fine ha sfruttato come marchio a partire dagli anni ’90. Tale preoccupazione, tuttavia, era accompagnata da un’insolita sensibilità alle critiche e da una tendenza a vendicarsi duramente contro coloro che riteneva di averlo tradito o che lo trattavano ingiustamente. Il suo mentore, amico e consulente legale Roy Cohn (che aveva assistito le indagini di Joseph McCarthy sulla presunta sovversione comunista nel governo degli Stati Uniti negli anni ’50) lo aveva incoraggiato a quest’ultimo proposito, consigliandolo in numerose occasioni di non scusarsi (perché è un segno di debolezza e sempre a colpire più forte di quanto sei colpito, come Trump ha messo la lezione inL’arte del gioco . Come ha dichiarato in un tweet nel 2012, “Quando qualcuno mi attacca, attacca sempre indietro … tranne 100 volte di più. Questo non ha nulla a che fare con una tirata, ma piuttosto con uno stile di vita! ”

In linea con il suo stile bellicoso e conflittuale, Trump nella sua carriera lavorativa usava tipicamente il linguaggio contundente come un’arma contro i suoi rivali e avversari, insultandoli o ridicolizzandoli in modo esplicito dalla stampa per rappresaglia per i loro pregiudizi reali o percepiti. Sorprendentemente, Trump non ha alterato in modo significativo il suo stile o temperato la sua retorica al momento del suo ingresso in politica, nonostante la visione convenzionale secondo cui il successo in politica è necessariamente una questione di persuasione e di compromesso piuttosto che “colpire di nuovo”. L’avvento di Twitter  nel 2006 alla fine ha dato a Trump (che ha aderito al servizio nel 2009) una piattaforma più ampia per i suoi commenti politici non filtrati, una volta che ha iniziato a twittare regolarmente sulla politica nel 2011. Durante le primarie presidenziali e nella campagna elettorale 2015-16, Trump usava spesso il suo Account Twitter, che contava più di 40 milioni di follower, per attaccare con rabbia i democratici, i suoi rivali e critici repubblicani, i mezzi di informazione, le società di esportazione di lavoro e chiunque altro avesse provocato le sue ire in commenti ampiamente percepiti come aggressivi, vanagloriosi, meschino e volgare. Trump rifiutò allo stesso modo di filtrare se stesso nei discorsi, una volta persino prendendo in giro la disabilità di un giornalista che non gli piaceva. Un’altra caratteristica unica della retorica di Trump era il gran numero di sue dichiarazioni pubbliche che erano state ritenute false o fuorvianti dalla stampa o da organizzazioni indipendenti di controllo dei fatti. Anche se i critici, tra cui alcuni nelPartito repubblicano , occasionalmente lo ammoniva per quello che consideravano un comportamento non dignitoso, la loro condanna lo provocava solo a nuovi attacchi. Nonostante alcune speculazioni dopo la sua elezione che il peso dell’ufficio presidenziale e il suo eventuale bisogno di tangibili successi politici e diplomatici lo portassero ad adottare un contegno più convenzionale, il suo stile e retorica conflittuale è rimasto immutato nel primo anno della sua presidenza, e anzi gli obiettivi dei suoi attacchi si sono espansi, in particolare per includere i suoi nemici percepiti nei giocatori dell’FBI e del Dipartimento della Giustizia e del calcio professionistico ( NFL ) che avevano protestato brutalità della polizia inginocchiata durante l’esecuzione dell’inno nazionale . In ogni caso, Trump si distingue certamente dai precedenti presidenti degli Stati Uniti per il suo uso massiccio dei social media. È stato il primo presidente a fare affidamento su Twitter come mezzo principale di comunicazione con i suoi sostenitori politici e la stampa, utilizzandolo anche come sede per le dichiarazioni presidenziali semi-ufficiali.

Al di là della sua novità e della sua presunta indifferenza, la retorica di Trump ha anche sollevato serie preoccupazioni tra i membri di entrambe le parti circa il suo potenziale danno al rispetto degli americani per le istituzioni democratiche, in particolare la libertà di stampa e lo stato di diritto . Fin dall’inizio della sua campagna presidenziale, Trump ha attaccato notizie stampa sfavorevoli su di lui come “notizie false”, il che implica che le organizzazioni giornalistiche in questione hanno deliberatamente pubblicato falsità. Dopo la sua elezione Trump ha spesso condannato la maggior parte delle principali organizzazioni di notizie come “il nemico del popolo americano”, una frase che ricorda le società totalitarie . L’effetto delle sue accuse è stato quello di suscitare tra i suoi sostenitori una sfiducia e ostilità nei confronti dei principali organi di informazione diversi da Fox News, che generalmente supportava Trump nei suoi rapporti e che controllava regolarmente. Molti politologi e studiosi dei media hanno anche indicato problemi più generali, sostenendo che gli sforzi di Trump per ritrarre la stampa come inaffidabili hanno creato un’ampia confusione e incertezza tra gli elettori su ciò che era vero – o anche un atteggiamento passivo e rassegnato sulla possibilità di scoprire cosa era vero Hanno anche temuto che la retorica di Trump avrebbe ridotto così la fiducia dell’opinione pubblica nella stampa che avrebbe smesso di servire efficacemente come controllo sul potere governativo, il ruolo che i fondatori del paese avevano previsto per esso. Analogo sono state sollevate preoccupazioni circa gli attacchi di Trump ai singoli giudici che avevano emesso sentenze che non gli piacevano e ai funzionari dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia che avevano partecipato alle indagini della Russia. Tale retorica, è stato asserito, ha incoraggiato una distorta percezione del potere giudiziario e delle forze dell’ordine come intrinsecamente di parte. Alcuni osservatori indipendenti, tuttavia, consideravano queste critiche come esagerate, mentre Trump ei suoi sostenitori li respinsero come motivati ​​da pregiudizi politici o dal risentimento dei Democratici per aver perso le elezioni presidenziali.

Gabinetto Del Pres. Donald J. Trump

I funzionari del governo nell’amministrazione di Donald J. Trump sono forniti nel tavolo.

 

Gabinetto del presidente Donald Trump
20 gennaio 2017-
segretario di Stato Rex W. Tillerson
Mike Pompeo (dal 26 aprile 2018)
Segretario del Tesoro Steven Mnuchin
segretario della Difesa James Mattis (fino al 31 dicembre 2018)
Procuratore generale Jeff Sessions
William Barr (dal 14 febbraio 2019)
Segretario degli Interni Ryan Zinke (fino al 2 gennaio 2019)
Segretario dell’Agricoltura Sonny Perdue
Segretario di Commercio Wilbur Ross
Segretario del lavoro R. Alexander Acosta
Segretario della salute e dei servizi umani Tom Price
Alex M. Azar II (dal 29 gennaio 2018)
Segretario per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano Ben Carson
Segretario dei Trasporti Elaine Chao
Segretario dell’Energia Rick Perry
Segretario all’Istruzione Betsy DeVos
Segretario degli affari dei veterani David J. Shulkin
Robert Wilkie (dal 30 luglio 2018)
Segretario della Sicurezza Nazionale John F. Kelly
Kirstjen Nielsen (fino al 7 aprile 2019)

Classifica delle persone più ricche oggi 

I più ricchi nella storia  

Jeff Bezos

Mark Zuckerberg 

Bill Gates

Stalin 

Rockefeller

Uomini con più soldi in Europa

Chris Larsen

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *