Trump usa Twitter per Manipolare i Mercati Finanziari Mondiali

L’indice Volfefe, è il nuovo modo di Wall Street per misurare gli effetti dei tweet di Trump
Il presidente Donald Trump sta usando sempre più twitter e ogni volta che lo fa, i mercati si spostano – in bene o in male –  questo ormai lo ha capito pure chi di finanza non se ne intende, è un suo metodo per manipolare il mercato finanziario per i suoi scopi, che non sono per il profitto personale e delle sue aziende, come molti suoi ingenui avversari politici asseriscono, ma lo fa per trarne vantaggi politici. Questo perchè come Trump ha più volte dichiarato l’andamento del mercato rispecchia il suo successo come Presidente.

I tweet del presidente sono diventati sempre più importanti per alcuni investitori negli ultimi mesi, in particolare per quanto riguarda i tassi di interesse e le obbligazioni. Secondo gli analisti di JPMorgan, che hanno creato e coniato il “Volfefe Index” – una combinazione della parola “volatilità” e il famigerato tweet di Trump “covfefe” (ne parleremo tra poco) – Le missioni di Trump legate al commercio e alla politica monetaria, in particolare, hanno spinto i mercati in giro.

JPMorgan non è l’unico a Wall Street a prendere nota del potere del tweet di Trump negli ultimi tempi. Bank of America ha recentemente dichiarato ai clienti che il mercato azionario tende a calare leggermente nei giorni in cui Trump twitta molto di più.

In altre parole, il presidente americano, quando è molto spesso online, potrebbe far perdere denaro agli investitori, e gli strateghi aziendali stanno cercando di trovare un modo per misurarlo.

Trump usa Twitter per Manipolare i Mercati Finanziari Mondiali
Trump usa un Galaxy S3 non aggiornato per i suoi temibili tweet

Trump usa Twitter per Manipolare i Mercati Finanziari Mondiali

 

L’impatto dell’abitudine di Trump su Twitter è stato a lungo dibattuto in una varietà di discussioni: il modo in cui modella i resoconti dei media, influenza la politica estera, influenza il modo in cui agiscono gli altri politici. Ci sono state anche domande su se e come potrebbe influenzare il mercato, che il presidente ha spesso propagandato come misura del suo successo.

All’inizio del suo mandato, Wall Street sembrava determinato a ignorare alcune delle strane cose che Trump stava facendo online, affermando che i tagli alle tasse e la deregolamentazione avrebbero continuato ad andare bene. Ma di recente, Trump sta diventando sempre più difficile da ignorare per i trader, soprattutto perché sta twittando di più sulle questioni che incidono sul loro quotidiano .

L’indice Volfefe, brevemente spiegato

Il “Volfefe Index” è un riferimento alla grande debacle della gaffe del 2017 , quando il presidente nel bel mezzo della notte è andato su Twitter per lamentarsi dei media. Invece di twittare su “copertura stampa negativa costante”, ha twittato su “covfefe stampa negativa”.

Mentre quello era un semplice errore – e l’indice Volfefe uno strano tentativo di Wall Street di scherzare – ciò che gli analisti di JPMorgan hanno trovato riguardo  ai tweet di Trump, non lo è.

Secondo gli analisti, Trump ha twittato usando le parole “Cina”, “miliardi”, “prodotti”, “democratici” e “grandioso” sono stati i principali promotori del mercato. In particolare, stanno influenzando i titoli del Tesoro a due e cinque anni e la volatilità dei loro tassi di interesse.

“La politica commerciale e monetaria è diventata un obiettivo crescente per il ramo esecutivo e tutto, dai sentimenti casuali a intenzioni politiche apparentemente formali, è stato diffuso, a livello globale e istantaneo, attraverso questa piattaforma di social media attentamente esaminata”, hanno scritto gli analisti. “In risposta, un’ampia gamma di attività, dalle azioni a nome singolo ai prodotti macroeconomici, ha trovato la loro dinamica dei prezzi sempre più legata a una manciata di tweet dal comandante in capo.”

Hanno notato che i tweet del presidente in movimento “aumentano” in frequenza ad agosto, quando la guerra commerciale della Cina e la Federal Reserve erano al centro dell’attenzione del presidente.

Come accennato, Bank of America ha anche recentemente riportato risultati correlati secondo cui i tweet di Trump possono essere dannosi per il mercato azionario. Secondo la sua analisi , dal 2016, in giorni con oltre 35 tweet di Trump, il mercato azionario è leggermente diminuito, mentre in giorni con meno di cinque tweet di Trump, è aumentato.

Trump twitta molto, e quello su cui sta twittando colpisce gli interessi degli investitori

È facile intuire che il presidente ha una forte abitudine all’uso di Twitter, ma quando viene messo in numeri concreti, è ancora più sconvolgente. Secondo il conteggio di JPMorgan, Trump o altri usando il suo account hanno twittato più di 10.000 volte dopo la sua inaugurazione, e twittano quasi ogni giorno. E se sembra che stia twittando di più, lo è: la sua attività su Twitter è ripresa alla fine del 2018 ed è stata particolarmente pesante negli ultimi mesi. E non sta solo twittando molto, sta anche ritwittando molto.

Gli analisti hanno anche esaminato a che ora del giorno Trump sta twittando. Hanno scoperto che mezzogiorno alle 14:00 Eastern Time è “la finestra più probabile entro la quale una nuova osservazione colpirà “, in altre parole, proprio nel bel mezzo della giornata di negoziazione. Hanno anche scoperto che i tweet delle 3 del mattino sono più comuni dei tweet delle 15 e il presidente è piuttosto silenzioso dalle 5 alle 10. Capiscono che è quando dorme.

Il tweet di Trump a ripetizione, stanno causando problemi per molte persone, anche per gli investitori. Nei primi giorni della presidenza di Trump, Wall Street era piuttosto pronto a distogliere lo sguardo, ma questo sta iniziando a cambiare, specialmente quando diventa chiaro che questo “gioco”  di Trump continuerà, così come il suo pubblico pestaggio della Federal Reserve Sedia Jerome Powell.

Col passare del tempo le tattiche commerciali di Trump, in particolare, hanno iniziato ad affondare e parte dell’ottimismo di Wall Street ha iniziato a dissiparsi. Non è che il mercato azionario si sia schiantato sotto Trump; nonostante una svolta al ribasso piuttosto significativa a dicembre , si tratta di dove si trovava questa volta un anno fa. Ma il mercato ha rimbalzato, in parte a causa della messaggistica che esce dalla Casa Bianca.

Non direi necessariamente che sono i tweet stessi, ma è il contenuto dei tweet“, dice Kristina Hooper, stratega dei mercati globali presso la società di gestione degli investimenti Invesco. “Per così tanto tempo i tweet sono stati più opinioni rispetto ad azioni o decreti. Quello che abbiamo visto quest’anno è un movimento in più verso le azioni. ”

da: Vox.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *