Migliori Auto Elettriche Senza Patente 2020

Chiamate comunemente minicar o microcar, le auto senza patente sono comode alternative per muoversi velocemente nel traffico cittadino, specialmente per adolescenti e anziani, che le preferiscono agli scooter o alle automobili comuni per la loro semplicità di guida. Design basilari, piccole dimensioni e cilindrate che non superano i 50 CC.

Per le crescenti esigenze di mobilità, negli ultimi 10 anni le auto elettriche senza patente hanno avuto una diffusione esponenziale in Italia, garantendo numerosi vantaggi anche senza conseguire la tipica licenza di guida, guidandone una occorre però rispettare una serie di regole legate al suo livello di sicurezza. Quali sono le migliori?

 

Cosa sono le auto elettriche senza patente e che origini hanno?

Quando si parla di minicar si intendono automobili fortemente adatte ad adolescenti e anziani, che le favoriscono ai mezzi più tradizionali e ai ciclomotori per la loro comodità e maneggevolezza. Esse presentano le seguenti caratteristiche:

  • Dimensioni contenute
  • Carrozzerie e strutture leggere
  • Facilità di guida
  • Velocità non superiori ai 45 km/h
  • Cilindrate non superiori ai 50 cc
  • Non richiedono la patente B

Secondo l’art. 53 del Codice della Strada, esse sono considerate quadricicli, ma la dicitura senza patente è parzialmente errata: sebbene non necessitino della classica patente di guida, richiedono il conseguimento di una patente AM, ottenibile dai 14 anni in su, o A1, A2 o A3, con età minima 16 anni. Come la B, anche queste si ottengono con esame teorico e poi pratico.

Le origini delle minicar risalgono al secondo dopoguerra, quando per esigenze economiche e di movimento vennero costruiti i primi modelli: tra questi si possono ricordare BMW Isetta e Casalini Sulky, modelli basilari, a 3 ruote e dalle dimensioni particolarmente ridotte, che possono essere considerati i precursori degli attuali modelli. Per assistere alla diffusione delle minicar in tutta Europa occorre però aspettare i primi anni 2000, più precisamente dal 2010.

Come ogni automobile che si rispetti, anche le auto elettriche senza patente sono soggette a immatricolazione e bollo e devono sostenere revisioni.

Migliori Auto Elettriche Senza Patente 2020

Quali sono le migliori auto elettriche senza patente? 5 modelli da tenere in considerazione

Stando ai dati di ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) in Italia circolano oltre 80.000 minicar, per un giro d’affari di circa 50 milioni di euro. Il loro utilizzo è prettamente legato alla circolazione cittadina. Come le loro dimensioni, anche le spese possono essere ridotte, ma possono salire con optional quali gps, bluetooth o schermo di bordo. Rispettando i principali standard di sicurezza, le auto elettriche senza patente sono disponibili anche usate.

1 – Estrima Birò – a partire da 5.900 euro

Proveniente dalla casa Estrima di Pordenone, la prima Birò viene prodotta nel 2014 e negli anni ha sempre mantenuto un aspetto stravagante e futuristico. E’ una delle piccole elettriche più vendute in Italia. Un’auto elettrica senza patente adatta a brevi spostamenti per via della sua ridotta autonomia, ma che mostra elevato comfort grazie all’ampio spazio interno e piacere al volante con 2 modalità di guida e grandi specchietti retrovisori. Un modello usato è disponibile dai 3.450 euro.

  • Potenza: 5 CV
  • Batteria: 4 kWh
  • Autonomia dopo carica completa: fino a 55 km
  • Tempo ricarica: 4 ore
  • Velocità massima: 45 km/h
  • Cambio: automatico
  • Posti a bordo: 2

2 – Citroen Ami One – a partire da 6.000 euro

Dopo la presentazione e le indiscrezioni, Citroen distribuisce finalmente Ami One, minicar elettrica che già dall’estetica ricorda le compatte del passato. Un cruscotto minimale e privo di funzionalità avanzate rende da subito l’idea della sua semplicità, che si rispecchia anche nella facilità di guida, anche per manovre in spazi particolarmente ristretti. Nonostante abbia tempi di ricarica più veloci di altre vetture, rispetto a queste presenta un’autonomia minore. Non è ancora disponibile un modello usato.

  • Potenza: 8 CV
  • Batteria: 5,5 kWh
  • Autonomia dopo carica completa: fino a 70 km
  • Tempo ricarica: 2 ore e 57 minuti
  • Velocità massima: 45 km/h
  • Cambio: automatico
  • Posti a bordo: 2

3 – Renault Twizy – a partire da 11.990 euro

Diversa da tutte e la più carina ( secondo Noi ) La compatta elettrica di casa Renault è già in circolazione dal 2011, ma ha avuto la sua maggiore diffusione dal 2016. E’ un quadriciclo estremamente leggero, che ha come punti di forza larghezza ridotta e elevata manovrabilità, che rende la guida simile a quella di un ciclomotore, offrendo però la sicurezza della scocca, che seppur leggera garantisce protezione contro gli urti. Tuttavia, lo spazio interno è notevolmente stretto. Un modello usato è disponibile dai 6.899 euro.

  • Potenza: 5 CV
  • Batteria: 6,7 kWh
  • Autonomia dopo carica completa: fino a 100 km
  • Tempo ricarica: 3 ore e 30 minuti
  • Velocità massima: 45 km/h
  • Cambio: automatico
  • Posti a bordo: 2

4 – Tazzari Zero Junior – a partire da 13.800 euro

Uno degli ultimi modelli della casa italiana Tazzari, che condivide l’estetica retrò della serie Zero. La versione base presenta funzionalità come 4 modalità di guida, riscaldamento e bluetooth. Nonostante sia particolarmente leggera e adatta solamente al traffico cittadino a velocità moderate, presenta come punto di forza un’elevata autonomia, maggiore con batterie a 9 kWh. Un modello usato è disponibile dagli 8.400 euro.

  • Potenza: 8 CV
  • Batteria: 5 o 9 kWh
  • Autonomia dopo carica completa: fino a 100 km, 140 km con batteria da 9 kWh
  • Tempo ricarica: 5 ore
  • Velocità massima: 45 km/h
  • Cambio: automatico
  • Posti a bordo: 2

5 – Aixam e-City Pack – a partire da 14.990 euro

La minicar più diffusa sulle strade italiane ed europee della casa francese Aixam è disponibile anche in versione elettrica. e-City nella sua forma Pack è un’auto dalle dimensioni particolarmente ridotte e un fornito equipaggiamento di serie, che comprende computer di bordo e sistemi di protezione, che rendono la guida piacevole e sicura. Unico punto debole da segnalare è l’instabilità a velocità maggiori. Un modello usato è disponibile dagli 8.599 euro.

  • Potenza: 8 CV
  • Batteria: 6,5 kWh
  • Autonomia dopo carica completa: fino a 130 km
  • Tempo ricarica: 3 ore e 30 minuti
  • Velocità massima: 45 km/h
  • Cambio: automatico
  • Posti a bordo: 2

Ma alla fine, queste minicar elettriche senza patente, conviene comprarle? 

Chiudendo quest’analisi, si nota come le migliori auto elettriche senza patente provengano principalmente da case italiane e francesi, che rappresentano l’avanguardia del settore. Tuttavia, nonostante le evoluzioni in termini di sicurezza a bordo, guidare una minicar può essere ancora notevolmente pericoloso: secondo ACI, infatti, gli incidenti che coinvolgono quadricicli leggeri sono circa 400 all’anno, di cui il 35% non coinvolgono altri veicoli.

A conti fatti, questi veicoli presentano un vero e proprio problema di sicurezza, che si manifesta in primis nelle strutture eccessivamente leggere, ma talvolta anche nell’irresponsabilità dei conducenti. Proprio per tale ragione, seppur senza patente, le minicar richiedono comunque apposite licenze di guida, al fine di preparare al meglio i futuri guidatori al rispetto del Codice della Strada e al buonsenso al volante.

incentivi auto 2020

Quale mezzo di trasporto inquina di più?

Auto Ibride o a Benzina? 

Prezzi eCar

Tesla Model 3 

Cybertruk Tesla

eCar ad energia solare

Quanto costa un’auto elettrica

Auto elettriche Google ed Apple

Google Car 

Prezzi auto Tesla Motors

Migliori e-car

Auto elettriche più vendute

Auto elettrica o auto ibrida?  

In Norvegia ci sono più auto elettriche che a benzina

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *